Un giorno con il mio amico

87Report
Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio.

Quando ho raggiunto il bagno mi sono fermato a guardarmi allo specchio. La mia pelliccia marrone ruggine sembrava opaca e crespa, e abbassai le palpebre sugli occhi azzurri, le mie orecchie tremavano leggermente per l'irritazione. Nella mia mente sapevo che mi svegliavo così ogni mattina, ma oggi è stato un giorno speciale e dovevo apparire perfetta. Perché è stato un giorno speciale? Stavo per uscire con il mio migliore amico. Certo, qualcuno potrebbe definirlo troppo zelante, ma mi piaceva davvero impressionarlo.

Nate è stata una delle prime persone che ho incontrato quando mi sono trasferito qui per la prima volta, e la prima in assoluto a farmi sentire a mio agio in questo nuovo ambiente. Era un lupo, proprio come me, ma c'era di più. Era sinceramente gentile e dolce, e aveva fatto così tanto per aiutarmi a iniziare. È stato con questi pensieri che sono entrato nella mia doccia... ed è stato con questi pensieri che mi sono evocato un'erezione.

"Dannazione..." mi dissi, le mie mani che cercavano di scivolare verso il basso prima di fermarle. Non potevo permettergli di annusare questo su di me. Sono arrivato a invecchiare un certo numero di anni fa e ho scoperto dopo un esame fisico che ero quello che veniva chiamato un omega. Qualche tipo di mutazione che si è verificata in alcuni maschi che darebbe loro alcuni tratti simili alle femmine. Anche così, prima di incontrare Nate non avevo mai avuto pensieri del genere.

Fu con grande riluttanza che il mio albero finalmente si ritirò nella sua guaina mentre finivo di ripulirmi per la giornata. Mi asciugai, agitai la coda per far uscire il resto dell'acqua e mi guardai allo specchio. Una volta asciutta, la mia pelliccia avrebbe avuto una piccola lucentezza e sarebbe stata morbida al tatto. Perfetto. Sorrisi a me stessa e mi scaldai un burrito veloce prima di partire per la passeggiata verso casa sua

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Avevo già fatto questa passeggiata così tante volte, eppure mi ha sempre emozionato quando sono venuto a casa sua. Era una cosa modesta, qualcosa di buono per un solo maschio o forse per una piccola famiglia. Sorrisi, dopo essermi assicurato che il mio cibo fosse finito e che la mia faccia fosse pulita, e poi bussai alla porta.

"In arrivo!" giunse la sua voce, e io sorrisi e aspettai che finalmente aprisse la porta. Non riuscivo a trattenermi dall'arrossare un po' mentre lo guardavo. Aveva un mantello color lavanda intenso e splendidi occhi argentati che mi facevano sciogliere quando mi guardavano nel modo in cui si prendeva cura di me. Ho dovuto ammettere che mi sentivo chiaro intorno a lui, ma non sembrava che fosse ancora un problema. “Oh, ciao Luca. Sono contento che tu ce l'abbia fatta". Disse con un sorriso, spostandosi da parte per farmi entrare.

"Ehi Nate... e mi conosci, non oserei perdere un po' di tempo per uscire con te." dissi, entrando mentre la mia coda si agitava dolcemente. Per un momento mi sono sentito come se mi stesse controllando, ma l'ho facilmente cancellato dalla mia mente. Non poteva esserci un modo in cui fosse davvero interessato a me.

"Si lo so. È ancora bello vederti” rise, indicando il suo soggiorno e poi andando in cucina. "Ehi, vai avanti e scegli un gioco, va bene?" lui ha chiamato. Sorrisi e andai nel suo soggiorno, avviando la sua console e andando rapidamente a uno sparatutto tattico.

"Ah, quello?" fece una risatina, porgendomi una lattina di root beer. "Vuoi vedere se riusciamo a battere il deposito dei treni sulle cose più difficili, eh?" mi sorrise e non potei fare a meno di cespuglio. Sembrava davvero conoscermi bene. A volte mi chiedevo perché si prendesse così tanto tempo per me. Ma io annuii e lui sorrise. "Allora veniamo al punto!"

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

La giornata era trascorsa abbastanza velocemente, mi divertivo sempre quando potevo passare la giornata sul divano con Nate, a fare qualche gioco e magari a ordinare una pizza. Anche se, al termine di una vittoria particolarmente dura, il sole era tramontato e ho iniziato a temere di dover partire presto.

"Quello era davvero un po' duro, vero?" gli chiesi, sperando molto tranquillamente nel mio cervello che potessimo essere distratti dalla mia partenza per qualche altro minuto. “Soprattutto alla fine... se non ci fossi stato tu, scommetto che avrei perso-”

Mi smorzai e arrossii, guardando la pressione sulla mia mano. Era suo, sopra il mio. Deglutii e lo guardai. "Te l'ho detto molto tempo fa, vero?" sussurrò, facendomi arrossire e rabbrividire un po'. “Sarò sempre lì per te. Sempre."

Solo un momento dopo che avevo elaborato quelle parole, premette le sue labbra sulle mie. Mi sentii arrossire ancora di più, ma chiusi gli occhi e ricambiai il bacio. La sensazione era così incredibile che speravo potesse durare per sempre. Ahimè, niente lo fa. Si staccò e io lo guardai negli occhi. "Nate?"

"Shhh, Luca." sussurrò, accarezzandomi la guancia. "Fidati di me." Poi mi baciò di nuovo e sentii che ogni resistenza che avrei potuto avere si scioglieva. Ho premuto delicatamente nel bacio e ho sentito il mio culo iniziare a lubrificarsi, qualcosa che è successo come parte della mia eccitazione omega. Gemetti piano mentre lui mi spostava per mettermi a cavalcioni su di lui, e solo allora mi staccavo dal bacio.

"Ti amo, Luca." Disse piano, il mio cuore che batteva più veloce e il respiro che mi si fermava nei polmoni. "Ti amo da un po' ormai e ti voglio." Si sporse in avanti per leccarmi il collo, sembrando conoscere tutti i miei punti deboli mentre strappava un gemito dalle mie labbra.

“A-Nate…” ansimai piano, aprendo il collo al suo affetto. "Ti amo anch'io... ti amo credo da quando ci siamo incontrati-" un guaito quando trovò una chiazza di pelle profondamente sensibile. "E... se mi vuoi... per favore, abbimi." Mi lamento e dopo ho capito che non c'era modo di tornare indietro se avessi voluto. Ho sentito le sue mani salire sulla mia maglietta per giocare con i miei capezzoli finché non ha avuto un altro gemito, a quel punto ha iniziato a giocare con la vita dei nostri pantaloni.

"Ti farò mia, Luke." mi sussurrò al collo. "Ti amo e non permetterò a nessun altro di averti." Il solo pensiero di diventare Nate mi fece scodinzolare e un gemito mi sfuggì dalle labbra. L'attesa è cresciuta solo quando l'ho sentito tirarmi giù i pantaloni e ho annusato la sua asta mentre esponeva la sua.

"Nate... per favore." Gemo bisognosamente, guardandolo negli occhi. "Per favore... ti voglio..." mi sorrise semplicemente e mi calmò con un bacio profondo sulle mie labbra, rivestendo il suo cazzo duro con il mio buco, e poi abbassandomi in modo che si spinga dentro lentamente. Interrompo il bacio per dare un inebriante gemito intrecciato con il leggero dolore di aver perso la mia prima volta, e poi ansimante mentre lo guardo negli occhi. Erano pieni di palpebre e lussuriosi, e hanno appena mandato altri brividi attraverso di me.

“Certo... tu sei mio. Ci sei stato per un po'. Ringhiò, mandandomi un altro brivido attraverso il suo dominio. Poi iniziò a muoversi, il suo cazzo duro come un diamante sfregava su e giù per le mie pareti mentre spingeva, agonizzante lentamente. "Cazzo, Luke... sei così stretto." Gemette. "Sono così felice... devo prendere un maschio così carino come il mio amante prima che qualcun altro abbia te." Ringhia.

A una spinta particolarmente forte ho guaito e mi sono aggrappato a lui. “Nate… Nate…” gemo, chiudendo gli occhi mentre lo sento spingersi dentro di me dolcemente ma insistentemente. Non passò molto tempo prima che andasse più veloce, facendomi rimbalzare in grembo mentre gemevo forte ad ogni colpo dentro di me. Ci siamo avvicinati all'orgasmo, sempre più vicini, finché alla fine mi ha sbattuto un nodo dentro e io ho urlato, sentendo il suo sperma caldo schizzare dentro di me, riempiendomi.

Sussultai e ansimai dopo la mia prima volta, realizzando tardivamente che mi aveva morso il collo per reclamarmi. Mi sono sentito scivolare nel sonno per il piacere, e l'ultima cosa che ho sentito è stato lui in piedi con me sul suo nodo, e le ultime parole che ho sentito "Andiamo nel nostro letto, amore mio..."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Avevo preso l'abitudine di svegliarmi presto la mattina per potermi voltare e guardare il viso del mio amato compagno per un po' mentre dormiva. E a volte, come stamattina, ho fatto qualcosa di più per lui. Lentamente ho abbassato la testa sotto le nostre coperte per trovare il cazzo che aveva preso la mia verginità tanti mesi fa. Gli ho dato alcune leccate brevi e lunghe per farlo diventare rigido, e poi ho preso il tutto in bocca. I gemiti che emetteva nel sonno erano tutto ciò di cui avevo bisogno per essere spronato, leccandomi la punta e facendola entrare il più in profondità possibile nella mia gola. Ho continuato fino a quando inevitabilmente si è svegliato e ha premuto la mia testa verso il basso mentre veniva, facendomi gemere mentre bevevo il suo dolce sperma.

Alla fine la mia testa si alza e lo guardo con una coda scodinzolante mentre mi lecco le labbra. "Buongiorno, mio ​​perverso amico." Mi ha preso in giro, attirandomi in un profondo bacio, senza curarsi di assaporare se stesso. "Dai, andiamo di sotto." Disse alzandosi per andare a cucinare. Non ho avuto problemi con quello e mi sono alzato per seguirlo, le mie mani appoggiate sul bambino dentro di me che stava appena iniziando a farsi vedere attraverso la mia maglietta...

Storie simili

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

717 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

140 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

173 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

720 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

683 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

705 I più visti

Likes 0

Il mio viaggio in California

Ero su un aereo, viaggiavo lentamente sopra il mondo e tutto ciò a cui riuscivo a pensare era la ragazza che dovevo incontrare dall'altra parte Mentre pensavo a tutti i messaggi e le chiamate che avevamo, ho sentito il mio cazzo diventare duro Mentre sistemavo lentamente il mio uccello in modo da essere meno visibile nei miei pantaloni, il capitano è salito sull'altoparlante annunciando la nostra discesa Quando siamo atterrati, ho visto quanto fosse bella la California. Quando finalmente sono sceso dall'aereo, sono andato svelto al ritiro bagagli Mentre aspettavo che i miei bagagli scendessero dallo scivolo, pensai di sentire dei...

516 I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

202 I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

741 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.