Un giorno con il mio amico

999Report
Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio.

Quando ho raggiunto il bagno mi sono fermato a guardarmi allo specchio. La mia pelliccia marrone ruggine sembrava opaca e crespa, e abbassai le palpebre sugli occhi azzurri, le mie orecchie tremavano leggermente per l'irritazione. Nella mia mente sapevo che mi svegliavo così ogni mattina, ma oggi è stato un giorno speciale e dovevo apparire perfetta. Perché è stato un giorno speciale? Stavo per uscire con il mio migliore amico. Certo, qualcuno potrebbe definirlo troppo zelante, ma mi piaceva davvero impressionarlo.

Nate è stata una delle prime persone che ho incontrato quando mi sono trasferito qui per la prima volta, e la prima in assoluto a farmi sentire a mio agio in questo nuovo ambiente. Era un lupo, proprio come me, ma c'era di più. Era sinceramente gentile e dolce, e aveva fatto così tanto per aiutarmi a iniziare. È stato con questi pensieri che sono entrato nella mia doccia... ed è stato con questi pensieri che mi sono evocato un'erezione.

"Dannazione..." mi dissi, le mie mani che cercavano di scivolare verso il basso prima di fermarle. Non potevo permettergli di annusare questo su di me. Sono arrivato a invecchiare un certo numero di anni fa e ho scoperto dopo un esame fisico che ero quello che veniva chiamato un omega. Qualche tipo di mutazione che si è verificata in alcuni maschi che darebbe loro alcuni tratti simili alle femmine. Anche così, prima di incontrare Nate non avevo mai avuto pensieri del genere.

Fu con grande riluttanza che il mio albero finalmente si ritirò nella sua guaina mentre finivo di ripulirmi per la giornata. Mi asciugai, agitai la coda per far uscire il resto dell'acqua e mi guardai allo specchio. Una volta asciutta, la mia pelliccia avrebbe avuto una piccola lucentezza e sarebbe stata morbida al tatto. Perfetto. Sorrisi a me stessa e mi scaldai un burrito veloce prima di partire per la passeggiata verso casa sua

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Avevo già fatto questa passeggiata così tante volte, eppure mi ha sempre emozionato quando sono venuto a casa sua. Era una cosa modesta, qualcosa di buono per un solo maschio o forse per una piccola famiglia. Sorrisi, dopo essermi assicurato che il mio cibo fosse finito e che la mia faccia fosse pulita, e poi bussai alla porta.

"In arrivo!" giunse la sua voce, e io sorrisi e aspettai che finalmente aprisse la porta. Non riuscivo a trattenermi dall'arrossare un po' mentre lo guardavo. Aveva un mantello color lavanda intenso e splendidi occhi argentati che mi facevano sciogliere quando mi guardavano nel modo in cui si prendeva cura di me. Ho dovuto ammettere che mi sentivo chiaro intorno a lui, ma non sembrava che fosse ancora un problema. “Oh, ciao Luca. Sono contento che tu ce l'abbia fatta". Disse con un sorriso, spostandosi da parte per farmi entrare.

"Ehi Nate... e mi conosci, non oserei perdere un po' di tempo per uscire con te." dissi, entrando mentre la mia coda si agitava dolcemente. Per un momento mi sono sentito come se mi stesse controllando, ma l'ho facilmente cancellato dalla mia mente. Non poteva esserci un modo in cui fosse davvero interessato a me.

"Si lo so. È ancora bello vederti” rise, indicando il suo soggiorno e poi andando in cucina. "Ehi, vai avanti e scegli un gioco, va bene?" lui ha chiamato. Sorrisi e andai nel suo soggiorno, avviando la sua console e andando rapidamente a uno sparatutto tattico.

"Ah, quello?" fece una risatina, porgendomi una lattina di root beer. "Vuoi vedere se riusciamo a battere il deposito dei treni sulle cose più difficili, eh?" mi sorrise e non potei fare a meno di cespuglio. Sembrava davvero conoscermi bene. A volte mi chiedevo perché si prendesse così tanto tempo per me. Ma io annuii e lui sorrise. "Allora veniamo al punto!"

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

La giornata era trascorsa abbastanza velocemente, mi divertivo sempre quando potevo passare la giornata sul divano con Nate, a fare qualche gioco e magari a ordinare una pizza. Anche se, al termine di una vittoria particolarmente dura, il sole era tramontato e ho iniziato a temere di dover partire presto.

"Quello era davvero un po' duro, vero?" gli chiesi, sperando molto tranquillamente nel mio cervello che potessimo essere distratti dalla mia partenza per qualche altro minuto. “Soprattutto alla fine... se non ci fossi stato tu, scommetto che avrei perso-”

Mi smorzai e arrossii, guardando la pressione sulla mia mano. Era suo, sopra il mio. Deglutii e lo guardai. "Te l'ho detto molto tempo fa, vero?" sussurrò, facendomi arrossire e rabbrividire un po'. “Sarò sempre lì per te. Sempre."

Solo un momento dopo che avevo elaborato quelle parole, premette le sue labbra sulle mie. Mi sentii arrossire ancora di più, ma chiusi gli occhi e ricambiai il bacio. La sensazione era così incredibile che speravo potesse durare per sempre. Ahimè, niente lo fa. Si staccò e io lo guardai negli occhi. "Nate?"

"Shhh, Luca." sussurrò, accarezzandomi la guancia. "Fidati di me." Poi mi baciò di nuovo e sentii che ogni resistenza che avrei potuto avere si scioglieva. Ho premuto delicatamente nel bacio e ho sentito il mio culo iniziare a lubrificarsi, qualcosa che è successo come parte della mia eccitazione omega. Gemetti piano mentre lui mi spostava per mettermi a cavalcioni su di lui, e solo allora mi staccavo dal bacio.

"Ti amo, Luca." Disse piano, il mio cuore che batteva più veloce e il respiro che mi si fermava nei polmoni. "Ti amo da un po' ormai e ti voglio." Si sporse in avanti per leccarmi il collo, sembrando conoscere tutti i miei punti deboli mentre strappava un gemito dalle mie labbra.

“A-Nate…” ansimai piano, aprendo il collo al suo affetto. "Ti amo anch'io... ti amo credo da quando ci siamo incontrati-" un guaito quando trovò una chiazza di pelle profondamente sensibile. "E... se mi vuoi... per favore, abbimi." Mi lamento e dopo ho capito che non c'era modo di tornare indietro se avessi voluto. Ho sentito le sue mani salire sulla mia maglietta per giocare con i miei capezzoli finché non ha avuto un altro gemito, a quel punto ha iniziato a giocare con la vita dei nostri pantaloni.

"Ti farò mia, Luke." mi sussurrò al collo. "Ti amo e non permetterò a nessun altro di averti." Il solo pensiero di diventare Nate mi fece scodinzolare e un gemito mi sfuggì dalle labbra. L'attesa è cresciuta solo quando l'ho sentito tirarmi giù i pantaloni e ho annusato la sua asta mentre esponeva la sua.

"Nate... per favore." Gemo bisognosamente, guardandolo negli occhi. "Per favore... ti voglio..." mi sorrise semplicemente e mi calmò con un bacio profondo sulle mie labbra, rivestendo il suo cazzo duro con il mio buco, e poi abbassandomi in modo che si spinga dentro lentamente. Interrompo il bacio per dare un inebriante gemito intrecciato con il leggero dolore di aver perso la mia prima volta, e poi ansimante mentre lo guardo negli occhi. Erano pieni di palpebre e lussuriosi, e hanno appena mandato altri brividi attraverso di me.

“Certo... tu sei mio. Ci sei stato per un po'. Ringhiò, mandandomi un altro brivido attraverso il suo dominio. Poi iniziò a muoversi, il suo cazzo duro come un diamante sfregava su e giù per le mie pareti mentre spingeva, agonizzante lentamente. "Cazzo, Luke... sei così stretto." Gemette. "Sono così felice... devo prendere un maschio così carino come il mio amante prima che qualcun altro abbia te." Ringhia.

A una spinta particolarmente forte ho guaito e mi sono aggrappato a lui. “Nate… Nate…” gemo, chiudendo gli occhi mentre lo sento spingersi dentro di me dolcemente ma insistentemente. Non passò molto tempo prima che andasse più veloce, facendomi rimbalzare in grembo mentre gemevo forte ad ogni colpo dentro di me. Ci siamo avvicinati all'orgasmo, sempre più vicini, finché alla fine mi ha sbattuto un nodo dentro e io ho urlato, sentendo il suo sperma caldo schizzare dentro di me, riempiendomi.

Sussultai e ansimai dopo la mia prima volta, realizzando tardivamente che mi aveva morso il collo per reclamarmi. Mi sono sentito scivolare nel sonno per il piacere, e l'ultima cosa che ho sentito è stato lui in piedi con me sul suo nodo, e le ultime parole che ho sentito "Andiamo nel nostro letto, amore mio..."

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Avevo preso l'abitudine di svegliarmi presto la mattina per potermi voltare e guardare il viso del mio amato compagno per un po' mentre dormiva. E a volte, come stamattina, ho fatto qualcosa di più per lui. Lentamente ho abbassato la testa sotto le nostre coperte per trovare il cazzo che aveva preso la mia verginità tanti mesi fa. Gli ho dato alcune leccate brevi e lunghe per farlo diventare rigido, e poi ho preso il tutto in bocca. I gemiti che emetteva nel sonno erano tutto ciò di cui avevo bisogno per essere spronato, leccandomi la punta e facendola entrare il più in profondità possibile nella mia gola. Ho continuato fino a quando inevitabilmente si è svegliato e ha premuto la mia testa verso il basso mentre veniva, facendomi gemere mentre bevevo il suo dolce sperma.

Alla fine la mia testa si alza e lo guardo con una coda scodinzolante mentre mi lecco le labbra. "Buongiorno, mio ​​perverso amico." Mi ha preso in giro, attirandomi in un profondo bacio, senza curarsi di assaporare se stesso. "Dai, andiamo di sotto." Disse alzandosi per andare a cucinare. Non ho avuto problemi con quello e mi sono alzato per seguirlo, le mie mani appoggiate sul bambino dentro di me che stava appena iniziando a farsi vedere attraverso la mia maglietta...

Storie simili

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

465 I più visti

Likes 0

Prendersi cura dei bisogni

Yana ha 26 anni da Shanghai in Cina, non si è mai sposata seguendo la cultura cinese, le ragazze cinesi non trascorrono del tempo da sole con un uomo. Quando si tratta di sesso, le donne cinesi sono tradizionalmente timide e passive. Yana ha detto John, mi prenderò cura dei tuoi bisogni. Allora perché sei così riluttante quando ti bacio e accarezzo il tuo giovane seno sodo? Lei rispose: John, quando ho detto che mi prenderò cura dei tuoi bisogni, intendevo che mi occuperò dei lavori in casa, in modo che tu possa vivere comodamente. Non i miei bisogni sessuali. Ho...

390 I più visti

Likes 0

Giorni universitari cap. 06

Considerai brevemente di non tornare nella vasca idromassaggio. Mi sentivo un po' stanco anch'io e ho pensato che questa potesse essere l'occasione perfetta per dormire nel mio letto e riposarmi davvero per tutta la notte per la prima volta in quasi una settimana. Ma era il compleanno di Jen, e lei mi aveva chiesto direttamente di tornare fuori dopo aver messo a letto Collette. Alla fine, non potevo semplicemente sparire dopo che lei mi aveva chiesto di tornare, non nel giorno del suo compleanno. Così scesi le scale e mi diressi verso la porta a vetri che dava sul cortile. Il...

309 I più visti

Likes 0

Senza Dio e senza fede 2: capitolo 3

In un bosco oscuro e dimenticato, i goblin si precipitarono attraverso i cancelli distrutti del castello. Vix lasciò che tutti attaccassero davanti a lui. Doveva assicurarsi che nessun goblin codardo rimanesse indietro per lasciare che gli altri facessero il duro lavoro di combattere. Vix però si preoccupava poco. I goblin avevano aspettato un mese per prendere d'assalto l'ultima roccaforte dei signori dei goblin. Finito di pattugliare l'esterno del castello, Vix oltrepassò i cancelli, scavalcando il corpo di un goblin che aveva incontrato un pugnale alla gola. Sebbene i signori dei goblin chiamassero quel posto un castello, in realtà era solo un...

293 I più visti

Likes 0

Un fine settimana da ricordare Parte 3 (Conclusione)

Parte 3: La casa di Brooke. Ho visto Brooke che si rimetteva i vestiti. Si è rimessa il reggiseno, dovendo stringere leggermente le tette insieme per farle entrare. Poi si è girata e si è chinata per raccogliere la maglietta, e ho avuto una visione completa del suo culo. Riuscivo persino a vedere il suo ano e pensavo a quanto sarebbe stato bello infilarci dentro il mio cazzo. Poi ha tirato la sua maglietta attillata sopra la testa, ma non me ne sono accorto, continuando a guardarle il culo. Poi si chinò di nuovo. Questa volta non ho potuto resistere, e...

1.6K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La guerra del 2020 pt. 2_(2)

Cap. 5 Consegnato Jack si mosse lungo il limite del bosco, scavalcando in silenzio rocce e radici dissotterrate. Ha appena passato ore a fare trekking nei boschi, mappando l'ampio Complesso. Aveva una così grande quantità di fitta silvicoltura all'interno dei suoi confini, era quasi una responsabilità. Jack poteva rimanere nascosto abbastanza facilmente mentre si avvicinava abbastanza da ascoltare certe conversazioni. La notte precedente aveva dormito fuori dalla cabina di CG Barberi, aspettando pazientemente che Morgan apparisse. Invece di lei, ha visto quel pazzo che se ne andava con una rabbia esplosiva. Jack poteva sentirlo urlare nel momento in cui uscì dalla...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.