L'Incubo_(0)

208Report
L'Incubo_(0)

L'Incubo

Un vampiro ad Halloween incontra il suo partner.


AVVERTIMENTO! Questo non è per i bambini. Tutti i personaggi hanno più di 18 anni. Nessun animale è stato ferito nella produzione di questa storia.

Nota dell'autore: ogni personaggio in o citato in questa storia ha 16 anni o più. A volte nella vita reale le persone mentono sulla loro età. Allo stesso modo, questi personaggi della storia possono mentire sulla loro età, affermando che hanno meno di 16 anni. Ma sto affermando qui e ora, come autore di questa storia, che ogni singolo personaggio ha almeno 16 anni. Qualsiasi riferimento a un'età inferiore ai 16 anni è una bugia, dichiarata dal personaggio o dal narratore della storia nel tentativo di scioccare il lettore. Ma non crederci. Non è vero. Hanno davvero 16 anni o più. Mi creda. Lo so. Ho scritto la storia.


Finalmente ho trovato l'indirizzo. C'erano così tante macchine che sono stato costretto a parcheggiare a due isolati di distanza. Camminando verso questa casa dell'alta borghesia potevo sentire la musica, chiaramente pensata per ballare e non per spaventare nessuno, come tante altre case questa notte di Halloween. Ho esitato alla porta, chiedendomi se qualcuno mi avrebbe sentito bussare, poi ho deciso di entrare.

L'ingresso era vuoto ma potevo vedere nella camera familiare. Diverse coppie stavano ballando. La mia visione del soggiorno mi diceva che mi sarei mimetizzato bene. Tutti erano vestiti per Halloween. Il mio abbigliamento da vampiro era in linea con molti altri come il Tristo Mietitore, Frankenstein e il Lupo Mannaro. L'ironia era che non avevo bisogno di zanne finte. Pochi sapevano che con me stavano ottenendo la cosa reale. Nemmeno dopo che avevo finito con loro lo sapevano. Due secoli di pratica avevano sviluppato le mie capacità al punto che potevo perforare il collo senza quasi lasciare traccia. Attraverso le voci ad ago potevo succhiare un boccone di sangue, abbastanza per sostenermi per un giorno, ma non abbastanza perché la mia vittima avesse effetti negativi.

Non ricordano mai il mio morso perché li faccio dimenticare. No, non sono un sensitivo e non li ipnotizzo. Sono solo molto persuasivo nel convincerli che quello che è appena successo non è realmente accaduto. È un potere che deriva dall'essere un Incubus. Questo è molto utile quando mi prendo le libertà oltre il semplice sangue. Sebbene il mio seme possa essere morto, la mia produzione di fluidi non lo è, né lo è il mio piacere nel condividere. La mia maledizione non è solo il bisogno di sangue, ma un insaziabile bisogno di consumazione con la mia vittima. Mi rafforza ad ogni adesione. Può effettivamente aiutarmi a sostenermi quando non mi sono nutrito di recente. Anche se c'è raramente il momento in cui non faccio entrambe le cose, scopare e dare da mangiare. Ma sto sempre attenta alla mia alimentazione, a non prenderne troppo ed evitare il cattivo sangue, come quello di un tossicodipendente. Non mi sostiene come il sangue puro di un innocente.

Quando si tratta di sesso non devo preoccuparmi delle malattie. Non posso ammalarmi e del resto nessuno può ammalarsi da me, o essere incinta. Dal momento che posso cancellare la loro memoria, il mio unico rischio è lasciare troppe prove, lasciandoli troppo doloranti o troppo pieni del mio seme morto da farli dubitare di cosa potrebbe essere successo. Se ricordano qualcosa, e alcuni fanno come se non fossi perfetto in questa cancellazione della memoria, si spera che pensino che sia la loro stessa vivida immaginazione.

A parte il comune bisogno di sangue, i vampiri assumono vari talenti e bisogni. Alcuni non hanno alcun desiderio per il sesso. Altri hanno sviluppato il loro bisogno di sesso in un talento in cui possono controllare il corpo della loro vittima. A pensarci bene, immagino che non sia molto diverso da quello che gli umani si fanno l'un l'altro.

Guardando oltre la folla ho visto una bellissima vampira in piedi in un angolo. Era concentrata su una particolare coppia che ballava e non si accorse che la fissavo. I suoi occhi erano insolitamente scuri, le labbra nere come i suoi lunghi capelli lisci di mezzanotte. Mi chiedevo se fosse una parrucca. Era alta circa 5 piedi e mezzo, magra ma ben sagomata, secondo me sarebbe 32 x 22 x 30. Chiunque fosse questa donna, il suo costume era convincente. Sapevo di volerla e non solo per il suo sangue.

Avvicinandomi direttamente a lei, ho interrotto la sua concentrazione sulla coppia. "Puoi fare meglio di entrambi."

Mi guardò per un lungo momento, poi rispose: "E pensi di essere quello?"

"Con chi altro potresti condividere storie dell'orrore e aspettarti che capiscano?" Le ho detto.

"Oh, mi aspetterei di condividere più di semplici storie", ha scherzato.

"Allora ho trovato la persona giusta per stasera", le dissi mentre mi allungavo e le prendevo la mano. «Seguimi se non hai troppa paura», dissi, sapendo benissimo che avrebbe fatto esattamente quello che avevo detto.

L'ho condotta lungo un corridoio fino alla stanza più lontana che potevo trovare. Dopo averla condotta nella stanza, ho chiuso la porta, lasciando spente le luci. Non avevo davvero bisogno di loro di notte perché potevo vedere di notte così bene come un essere umano potrebbe durante il giorno. Eravamo entrati nella stanza di una bambina. Deve essere fuori con la famiglia oa casa di un amico perché la stanza era vuota ad eccezione di noi due. Questa ragazza era in quell'età di transizione, da bambina di papà a giovane adolescente, presa in entrambi i mondi, che lottava per crescere e non voleva lasciare il mondo dei bambini che le piaceva così tanto.

"Di fronte al comò," le ho detto. "Appoggiati in avanti sulle braccia e allarga i piedi." Mi stavo preparando a prendere il mio piacere per primo e a nutrirmi per ultimo.

Ha seguito tutti i miei comandi. Lo hanno sempre fatto. Queste donne volevano obbedire, volevano che le toccassi, le contaminassi, che dessi loro un'esperienza diversa da quelle che avevano mai avuto.

Facendo un passo dietro di lei, mi sono chinato e ho afferrato la sua gonna. Gettandoglielo sopra la vita, ho esposto le sue mutandine rosso vivo che coprivano il culo più perfettamente sagomato che avessi mai visto. La sua pelle era di un bianco crema, le gambe lunghe e strette, la vita della giusta misura. Lei era da morire. Dovevo averla subito.

È qui che ho commesso il mio primo errore. Di solito sono così attento ma nella mia improvvisa eccitazione per una tale perfezione davanti a me, non mi sono fermato a pensare a come questo umano potesse essere così perfetto. Le ho strappato le mutandine da una gamba, lasciandole scivolare lungo l'altra gamba fino al pavimento. Quando hanno toccato il tappeto, avevo i miei pantaloni abbassati. Ero duro e pronto, tutti e otto pollici di me. Avvicinandomi mi posizionai alla sua apertura. Sorpreso ma contento di trovarla già bagnata, l'ho afferrata per i fianchi e mi sono infilato dentro.

La sua umidità sfidava la sua prontezza. Era così stretta che ce l'ho fatta solo a metà. Tirando indietro dove solo la testa del mio albero era ancora dentro la sua figa, ho guidato di nuovo, più forte di prima. Questa volta sono riuscito a farle entrare la maggior parte del mio albero. Aveva la figa più stretta che avessi mai scopato. La sentivo stringermi e mi chiedevo quanto tempo avrei potuto resistere con lei. Normalmente non è mai un problema, ma questa donna era in qualche modo diversa da tutte le altre. Ho cominciato a chiedermi chi avesse davvero il controllo di questa situazione.

Tirandomi indietro ancora una volta le strinsi forte i fianchi e entrai con tutta la mia forza. Questa volta sono arrivato fino in fondo. Ciò che mi ha sorpreso è che mi ha ringhiato con un suono gutturale basso. Ma ero in paradiso, quando ho iniziato a scoparla. Ad ogni colpo la speronavo sempre più forte. E anche se da un lato sembrava più facile mentre si bagnava, sembrava anche stringere il mio cazzo sempre più forte.

Diversi minuti di questo erano tutto ciò che potevo prendere. La mia vampira si rivelò essere una donna selvaggia che si spingeva indietro tanto quanto me ad ogni mio colpo. Ho sentito il mio corpo avvicinarsi a quel meraviglioso punto di non ritorno. La tensione in tutto il mio corpo stava crescendo velocemente. Improvvisamente ero lì, quel familiare momento di estasi in cui sai che non potevi più trattenerti e lasci che la scarica fluisca su tutto il tuo corpo. Un'ultima spinta e mi sono trattenuto dentro di lei mentre un'ondata dopo l'altra dei miei fluidi la riempiva. La sua presa sul mio cazzo era squisita. Mi ha munto con i muscoli della fica. Poi ha raggiunto l'orgasmo.

Ho pensato che mi avrebbe spremuto il cazzo, la presa della sua figa era così stretta. Ho provato a tirarmi indietro ma non ci sono riuscito. Alzò lo sguardo al soffitto, con l'aria di essere sul punto di ululare come un lupo. Poi girò la testa all'indietro per guardarmi. I suoi occhi non erano più l'oscurità di prima, ma erano rosso fuoco e i suoi denti... mio Dio. Era una vampira, davvero.

In quel momento di shock mi ha rilasciato. Le pareti della sua figa si rilassarono e io caddi all'indietro verso il pavimento. Prima ancora che colpissi, si è girata e si è lanciata verso di me. Quando sono atterrato sulla schiena, lei era già sopra di me, mi ha afferrato i polsi e ha costretto le mie mani sul tappeto. Era in ginocchio, a cavallo dei miei fianchi. Con perfetta precisione si è abbassata su di me e in qualche modo ha fatto avvolgere il mio albero semirigido dalle pareti calde della sua figa. Sembrava strano, il suo vestito nascondeva completamente ciò che stava accadendo sotto. Ma il suo corpo era tutt'altro che immobile mentre cavalcava il mio albero su e giù, avanti e indietro, come una pazza. In un minuto ero duro come quando l'ho presa per la prima volta. Un paio di minuti dopo le stavo alimentando di nuovo i miei liquidi. Come, non lo so. Ma lei non si è fermata. È come se il mio climax fosse energia per lei. Non riuscivo a crederci, ma due minuti dopo stavo di nuovo venendo. Ancora una volta un minuto dopo. In qualche modo mistico controllava il mio corpo, costringeva il mio sistema a continuare a produrre i fluidi che desiderava tanto.

Era spaventoso e meraviglioso tutto in una volta. La sensazione è stata fantastica. I miei momenti culminanti si stavano avvicinando al punto in cui non c'era praticamente tempo tra di loro. Immagina solo quei pochi secondi di beatitudine estrema che provi con un climax normale, quindi continua senza fine in vista. Eppure mi chiedevo a quale prezzo per me quando tutto era finito. In realtà mi sentivo un po' più debole, un po' debole, come quando non mi nutro da un po'. Questo era insolito per me, dato che normalmente diventavo più forte con il sesso.

Continuo a scoparmi. Ora ero in un climax continuo, alimentandole costantemente i miei liquidi. Il fatto è che è stato così fantastico che non volevo che si fermasse mai, non importa come mi sentissi altrimenti. Il suo corpo doveva aver assorbito i miei fluidi alla stessa velocità con cui glieli stavo somministrando, motivo per cui probabilmente non sono stato in grado di trarre forza dal nostro accoppiamento. La mia forza viene dal climax del mio partner, non dal mio.

Improvvisamente si inarcò all'indietro e questa volta emise un basso ruggito gutturale. Le pareti della sua figa hanno afferrato il mio albero così forte che non avrei potuto tirarlo fuori anche se avessi voluto, e di certo non l'ho fatto. Stava finalmente raggiungendo l'orgasmo. Il momento dopo era al mio collo. Ho sentito il piercing delle sue zanne, il risucchio della sua bocca, il flusso del mio stesso sangue nella sua bocca. Stava prendendo troppo. Ho dovuto fermarla. Ma tutto ciò che ho fatto è stato svenire.

Mi sono svegliato sul pavimento, intontito ma sorprendentemente non mi sentivo debole come lo ero stato. Deve essere stato il suo climax finale a contrastare la debolezza. I miei pantaloni erano alle caviglie. Ero solo. Vestendomi come meglio potevo, trovai uno specchio ed esaminai la mia ferita. Non è stata attenta come lo sarei stata io. Il sesso però è stato incredibile, e il suo orgasmo finale in realtà mi ha fornito abbastanza energia per non dovermi preoccupare di trovare un'altra vittima stasera. Immagino che questa notte fossi la vittima, la mia prima volta con una vera Succube.

La fine

Storie simili

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

474 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

354 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

595 I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

349 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

322 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

220 I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

191 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

577 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

524 I più visti

Likes 2

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

504 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.