Succhiare la vita parte 2

61Report
Succhiare la vita parte 2

2. St. Louis e oltre

Viaggiavamo lentamente, fermandoci ogni tre o quattro giorni in piccole città per riposarsi e rifornirsi. Alla prima occasione ho comprato un vecchio ma funzionale carro a scacchi e un'imbracatura per i due cavalli da soma, il che ha fatto risparmiare molto tempo a scaricare e caricare i cavalli. Ci siamo accoppiati quasi ogni notte mentre le abilità di Ellen sotto le coperte miglioravano. Le comprai scarpe e vestiti più adatti e le tenni costantemente conferenze sul comportamento corretto per le giovani donne poiché ancora, occasionalmente, si lamentava come una bambina quando è frustrata.

Ci fermammo in una piccola città, forse a un giorno di viaggio da St. Louis, nel tardo pomeriggio. Ho preso accordi nella stalla della livrea per i nostri cavalli e il carro e stavo rimuovendo i nostri bagagli quando quello strano odore di sudore ha permeato la stalla altrimenti vuota. Ellen lasciò cadere la borsa che teneva in mano mentre il suo viso diventava flaccido e vuoto. Potevo sentire la strana compulsione leggera che tentava di prendermi il sopravvento. Riuscii a rifiutarlo, ma assunsi la postura e l'espressione di un balzo da quando un giovane di circa quindici anni uscì dall'ombra. Mi guardò per un momento, poi guardò Ellen. Con un sorrisetto si avvicinò a lei e le strinse rudemente il seno. La rabbia è divampata in me! Afferrai il giovane con una forte compulsione facendolo irrigidire e cadere all'indietro sulla paglia. Ellen, rilasciata, si portò una mano al seno per massaggiare via il dolore. Ho disegnato il revolver.

“Sam! No!" Ellen gridò: "È solo un ragazzo!"

Le sue parole in qualche modo hanno superato la mia rabbia, calmandomi leggermente. Ero ancora in preda alla rabbia ma ho iniziato a pensare. Spari e un cadavere in una piccola città dove eravamo estranei porterebbero solo a una serie di problemi. Se lo stupro fosse stato il suo intento, non c'erano prove. Alzai la pistola ed entrai nella mente del ragazzo. Aveva usato i suoi poteri parzialmente compresi per oltre un anno, prendendo occasionalmente ragazze di appena dieci anni, per il suo piacere. Si crogiolava nella vergogna delle famiglie con figlie improvvisamente incinte. Nessuna donna in questa città era al sicuro dalla sua lussuria. Non potevo ucciderlo, non sapevo come togliere i suoi poteri, o anche se fosse possibile, e non potevo certo lasciarlo libero di continuare. Ricordo che Richard mi disse che la maggior parte di noi si svegliava solo dopo l'inizio della virilità, alcuni, come me, molto più tardi. Mi è venuta un'idea. Nella sua mente sono stato in grado di determinare che era cresciuto in un piccolo orfanotrofio locale. Ho mandato Ellen a sporcare un vecchio asciugamano nel vicolo dietro la stalla. Mentre lei era via gli succhiai via gli anni finché non fu un lattante di non più di un mese. La sua mente era ormai una tabula rasa. Le feci avvolgere il minuscolo corpo nell'asciugamano sudicio e le impose un leggero impulso a rimanere in silenzio e seguirmi. Siamo sgattaiolati fuori dalla porta sul retro e ci siamo diretti verso l'orfanotrofio, poiché ho spinto i passanti di qualche mese di età e ho rimosso la nostra presenza dai loro ricordi. Lo abbiamo lasciato sul gradino e siamo partiti, usando la stessa tecnica per tornare alla stalla. Abbiamo ritirato le nostre valigie e, sulla strada per l'hotel, ho rimosso i ricordi di Ellen dell'intero incidente.

Al mattino, la città era in fiamme per la notizia del bambino trovatello. Nessuno sapeva di nessuno con un figlio di quell'età. Al mattino abbiamo proseguito per St. Louis

St Louis era una città vivace in uno stato di rapida crescita. Abbiamo preso stanze in un albergo modesto. Ellen trascorreva del tempo in biblioteca e frequentava lezioni destinate a persone che avevano poca o nessuna istruzione formale. Ho trascorso le mie giornate nel quartiere degli affari, imparando a conoscere gli affari guardando nelle menti delle persone che gestivano le cose, imparando presto come investire i miei soldi e dove. Mi stavo guadagnando la reputazione di essere un giovane in ascesa. Sono stato spesso in grado di acquistare porzioni di un carico prima che la maggior parte sapesse che era disponibile e venderlo con grandi profitti a persone alla disperata ricerca di qualunque cosa potesse essere l'oggetto

Affittavamo una casetta e, per la maggior parte, vivevamo tranquilli, rifuggendo dalle feste frequentate dai benestanti. Nel giro di un anno avevamo comprato quella prima casa e quasi subito potemmo venderla con profitto. Ho scritto alla mia banca ritirando circa la metà dell'aumento annuale in un anno per promuovere i miei investimenti. Cinque anni trascorsero in questo modo quando voci e brontolii di guerra mi fecero pensare a posti migliori dove stare. Ho venduto le nostre partecipazioni e abbiamo fatto il lungo viaggio in treno fino a San Francisco, poi fino alla cittadina in crescita di Sacramento. Mentre la corsa all'oro era ufficialmente finita, c'erano soldi da fare. Presto ci stabilimmo in una grande casa su vasti terreni.

Mentre era lì, Ellen divenne insoddisfatta della nostra vita insieme. Voleva dei figli e il riconoscimento del suo status, mentre io preferivo la quiete di un relativo anonimato. Ci siamo lasciati in buoni rapporti e lei è rientrata nella società come una vedova di guerra ventunenne con mezzi indipendenti. Sono diventato un po' amareggiato per il risultato e mentre le desideravo ogni bene e non ho mai cercato di ferirla, volevo scagliarmi contro qualcuno.

Cominciai a frequentare i saloon di classe inferiore, spesso prendendo una puttana per la notte, ma in qualche modo insoddisfatto della loro compagnia un po' predatrice.

Una sera fui avvicinato da una giovane donna di forse sedici anni, che essenzialmente chiedeva l'elemosina, ma prometteva qualsiasi cosa in cambio di un dollaro o due.

Era una cosa carina, snella con capelli color miele e occhi azzurri luminosi

L'ho riportata nella mia casa vuota. Una volta dentro, ho preso il suo cappotto sottile e l'ho appeso all'ingresso insieme al mio. Mentre andavo a prenderla tra le mie braccia, si voltò, chiedendo che prima la pagassi.

La mia rabbia fumante è esplosa! Le ho dato un rovescio in faccia, facendola cadere a terra. Rimase in piedi, lentamente, una mano sulla guancia arrossata, paura e lacrime che le scorrevano negli occhi. Si girò per correre, ma io le feci girare la schiena e afferrando il colletto del suo vestito glielo strappai quasi fino all'inguine. Rimase scioccata quando le afferrai brutalmente il seno e la costrinsi a baciarmi. Ha cercato di mordermi la lingua. L'ho schiaffeggiata di nuovo a terra, poi l'ho sollevata in ginocchio per i capelli. Le ho comandato di aprire i miei pantaloni. Quando ha esitato, l'ho schiaffeggiata di nuovo e le ho girato la testa all'indietro in modo che fosse costretta a guardarmi negli occhi.

"Userai la tua bocca su di me", ringhiai, "e se c'è anche solo un accenno che potresti mordere, te ne pentirai per il breve resto della tua vita."

Con le lacrime che le rigavano il viso, aprì i miei pantaloni e mi prese in bocca. Le presi la testa e mi conficcai nella sua gola. Soffocava e si imbavagliava, lottando per allontanarsi. Le ho tirato indietro la testa e le ho ricacciato la carne in gola e l'ho tenuta lì finché i suoi occhi non hanno cominciato a roteare all'indietro. L'ho tirata indietro di nuovo e lei ha vomitato sui miei pantaloni. Le ho tenuto la testa con una mano piena dei suoi capelli e l'ho schiaffeggiata due volte, diritto e rovescio e afferrandola di nuovo con entrambe le mani mi sono costretto a tornare giù per la sua gola.

“Sappi questo, puttana,” ringhiai, “sei mia ora e sempre! Se mi fai piacere soffrirai meno, se mi dispiacerai scoprirai il senso del dolore”.

L'ho tirata via da me, facendola guardare nei miei occhi.

"Capisci, puttana?" ho chiesto.

"Sì." riuscì a dire con un filo di voce spaventata

Mi spinsi di nuovo in gola, trattenendola mentre il mio calore aumentava. I suoi occhi si stavano alzando mentre le spruzzavo il mio seme in gola. Ho tirato indietro la sua testa spruzzandole sul viso mentre si soffocava e si imbavagliava cercando disperatamente di riprendere fiato.

L'ho trascinata a metà nel seminterrato. Gettandola a terra, ho trovato una corda, le ho legato le mani strettamente e, gettando l'estremità su una trave, l'ho sollevata finché non era in punta di piedi e l'ho legata. Le strappai via i vestiti, lasciandola contorcersi e lottare sulla corda. Le ho fatto un rovescio sui suoi seni, con solo la punta delle mie unghie, facendola saltare e guaire per il dolore, poi ho forzato brutalmente le dita nel suo tunnel. L'ho vista attorcigliarsi sulla corda per alcuni istanti, poi ho trovato un vecchio straccio per imbavagliarla. Ero stanco e andai a letto.

La mattina sono tornato in cantina con una tazza di latta con un sorso d'acqua e una piccola crosta di pane. Le strappai il bavaglio dalla bocca e le misi un pezzetto di pane in bocca e tenni la tazza per far gocciolare qualche goccia d'acqua oltre le sue labbra. O la corda si era allungata o il suo corpo si era allungato, le sue cure erano solo a circa un pollice dal pavimento. Mi guardò ottuso. Le ho pizzicato e attorcigliato i capezzoli e ho forzato le dita nel suo sesso. Lei sobbalzò e piagnucolò. Quando ho iniziato a sostituire il bavaglio, ha sussurrato qualcosa che non riuscivo a sentire. Ho afferrato una manciata di capelli e ho alzato la testa di scatto.

"Dillo di nuovo", ho detto, più forte!"

"Le mie sorelle . . .” è uscita.

Ho recuperato la tazza e le ho lasciato che acqua c'era.

"Dove!" Le ho abbaiato: "Nomi!"

Mi ha detto un indirizzo e un numero di stanza nella parte più squallida della città e mi ha detto due nomi, Susan e Sally. Le ho ripetuto l'indirizzo e lei ha annuito. Di sopra, chiamai il giardiniere e gli dissi di portare il carro in città e riportare indietro le ragazze. Gli ho fatto portare una pagnotta e una piccola brocca di sidro perché potrebbero essere affamati. Doveva dire loro che la loro sorella li aveva mandati a vivere con lei in una bella casa grande, così avrebbero dovuto portare tutto ciò che non volevano perdere.

Sono andato nel mio studio per considerare cosa fare dopo. All'inizio ero stato una rabbia imponente, ma era passato. La paura e la disperazione che ho visto nei suoi occhi mi hanno eccitato e volevo di più.

Trovai la governante e le feci preparare una delle stanze al piano di sopra per le ragazze.

Ho lavorato ai preparativi per la maggior parte della giornata, ho abbattuto un lavabo, un tavolo e una sedia pesanti e due gabbie che erano state conservate in uno dei fienili. Queste gabbie erano grosso modo cubiche, circa tre piedi per lato. Slegai la corda, lasciando cadere la ragazza. È crollata a terra. Sforzarsi per tenere il suo peso lontano dalle corde aveva indebolito la sua forza. Le slegai le mani e gli allacciai un collare di pelle intorno al collo e legai la corda al collare. Con abbastanza gioco da permetterle di sedersi sulla sedia e raggiungere il lavabo. Ho gettato una coperta sottile sul pavimento dove era sdraiata.

"Regole!" Ho schioccato le dita.

Ha alzato lo sguardo verso di me

"Regola uno: mi obbedirai in ogni cosa senza fare domande o commenti" dissi, "dimmi regola uno".

"Ti obbedirò in ogni cosa senza fare domande o commenti." ha recitato con un tono monotono

"Regola due: non farai alcuno sforzo per scappare." Ho detto: "Dimmi la regola due".

"Non farò alcuno sforzo per scappare." lei ha recitato

"Regola tre: non farai alcuno sforzo per attirare l'attenzione su di te." Ho detto, dimmi regola tre.

"Non farò alcuno sforzo per attirare l'attenzione su di me". ha recitato senza speranza

"Ora per le punizioni". Ho detto: "vedi quelle gabbie?"

"Sì."

"Se infrangi una regola", ho detto, una delle tue sorelle verrà messa in una gabbia".

I suoi occhi si spalancarono per l'orrore. "No, per favore, non quello, per favore." chinò la testa e pianse.

"Questo dipende interamente da te." Ho detto: "se una delle tue sorelle appare lì, sarà colpa tua".

"Per favore, non quello." sussurrò tra le lacrime.

"In effetti, dovrebbero essere in casa ormai." le dissi mentre salivo le scale. "a proposito", ho chiamato, "come ti chiami".

"Vigilia." ha detto, il mio nome è Eva.

Sono andato su e ho chiuso la porta.

Le ragazze erano davvero qui. Li ho trovati in cucina dove la governante stava alimentando le fette di pane spesse, molto imburrate e le scodelle di zuppa di manzo con l'orzo. Mi sono seduto al tavolo.

"Ciao ragazze", ho detto con un grande sorriso, "sono Sam, come vi chiamate?"

"Sono Susan". disse uno: "Io sono Sally". disse l'altro.

Erano gemelli, di circa sei anni e dolorosamente magri. Hanno condiviso i capelli biondi e gli occhi azzurri della sorella. Mi guardavano con gli occhi solenni degli innocenti. Seduti lì nei loro vestiti logori, erano adorabili.

“Vostra sorella, Eve, ha dovuto fare un piccolo viaggio, ma dovrebbe tornare tra qualche giorno”, dissi loro.

Annuirono, accettando quello che ho detto senza fare domande.

"Ora, ci sono alcune regole in casa mia." Ho detto: "primo, non devi mai entrare nel mio studio e, secondo, non devi mai entrare nel seminterrato".

"Perché?" chiese Susan.

«Be', il mio studio è il mio luogo privato, e il seminterrato? Ci sono dei topi laggiù. Ho detto loro.

Ho preso una brocca di acqua di lavaggio e un asciugamano e metà di una piccola pagnotta la mia prossima visita. Eve dormiva rannicchiata sulla sottile coperta. La svegliai dolcemente e le dissi di sedersi a tavola. Ho versato la tazza di latta piena e ho messo il pane in tavola. Ho riempito il lavabo del lavabo e sono risalito le scale. Presto tornai portando un secchio con un coperchio aderente. Eve stava soffocando l'ultimo pane. La tazza era vuota. Ho riempito la tazza. Le ho detto che il secchio era il suo gabinetto e che doveva tenerci il coperchio quando non lo usava. Lei annuì la sua comprensione. Le ho detto che era sporca e che avrebbe dovuto usare il lavabo. Le ho anche detto che avrebbe fatto ogni sforzo per mantenersi pulita. Lei annuì di nuovo.

Quella sera, dopo che i gemelli si furono rimboccati, tornai da Eve. L'ho trovata al tavolo con la sottile coperta sulle spalle, con un aspetto un po' più pulito. L'acqua del bacino era scura. Feci un cenno tra me e me e portai la bacinella al piano di sopra per svuotarla, la riportai giù insieme a una brocca piena, altro pane e due bocconcini di manzo della cena. L'ho fatta inginocchiare sul pavimento di fronte a me mentre mi sedevo sulla sedia. Spezzai un pezzetto di pane e le feci aprire la bocca. Gli ho messo il pane in bocca. Ho spruzzato dell'acqua nella tazza di latta, lasciandole solo un piccolo sorso. Aprì la bocca per altro pane. Quando circa un terzo del pane era finito, ho dato uno dei pezzi di manzo. I suoi occhi si spalancarono per la sorpresa mentre masticava e deglutiva. Le ho dato da mangiare il resto nello stesso modo lento e deliberato. Quando ebbe finito, le feci recitare le regole poi mi alzo sul tavolo sdraiato sulla schiena tenendo le gambe divaricate. Ho fatto scorrere un dito lungo le sue pieghe e l'ho annusato. Scuotendo la mia testa. Mi sono avvicinato al punto in cui la sua testa pendeva dal bordo del tavolo. Ho aperto i miei pantaloni e ho tirato fuori il mio bastone, premendolo contro le sue labbra. Aprì la bocca per avvolgere il mio albero nel calore umido. Ho usato colpi brevi mentre la sua lingua era impegnata sul mio albero. Ho sentito il mio calore aumentare e presto ho versato il mio seme nella sua bocca.

"Il mio seme è prezioso, Eva", dissi, "ingoialo tutto, non versare una sola goccia".

Ha lavorato con la sua lingua per pulirmi da ogni traccia del mio seme prima che mi chiudessi i pantaloni. Ha finito asciugandosi una gocciolina di tinta dall'angolo della bocca e succhiando anche quel dito. Mi avvicinai alle gabbie.

«Devi pulirti meglio, Eve», dissi, «non ti aspetti che metta il mio membro in un pozzo nero, vero? Se non ti pulisci bene, potrei dover considerare che una regola infranta".

Ho scosso una delle gabbie. Ho visto l'orrore nei suoi occhi mentre pensava a una delle sue sorelle nella gabbia.

Andai a letto, fermandomi a guardare i gemelli. Dormivano profondamente accoccolati insieme in uno dei letti. Chiusi tranquillamente la porta e andai a letto.

Storie simili

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

717 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

140 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

173 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

720 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

683 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

705 I più visti

Likes 0

Il mio viaggio in California

Ero su un aereo, viaggiavo lentamente sopra il mondo e tutto ciò a cui riuscivo a pensare era la ragazza che dovevo incontrare dall'altra parte Mentre pensavo a tutti i messaggi e le chiamate che avevamo, ho sentito il mio cazzo diventare duro Mentre sistemavo lentamente il mio uccello in modo da essere meno visibile nei miei pantaloni, il capitano è salito sull'altoparlante annunciando la nostra discesa Quando siamo atterrati, ho visto quanto fosse bella la California. Quando finalmente sono sceso dall'aereo, sono andato svelto al ritiro bagagli Mentre aspettavo che i miei bagagli scendessero dallo scivolo, pensai di sentire dei...

516 I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

202 I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

741 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.