Lussuria in abbondanza

647Report
Lussuria in abbondanza

Una ragazza stava guardando fuori dalla finestra del suo appartamento, una mano su un fianco, l'altra appoggiata alla finestra, appannata dalla condensa. Aveva la pelle morbida di un colore che ricorda il caramello, liscia e deliziosa. I suoi occhi erano di un marrone scuro, sormontati da sottili sopracciglia che correvano lungo le linee della sua fronte alta. Sulla sua schiena scendevano capelli corvini, lisci e lucenti ovunque la luce li colpisse. Aveva un viso piccolo, dai lineamenti morbidi, con labbra carnose leggermente increspate, come se fosse costantemente pronta a baciare qualcuno, e trafitte da un unico anello. Guance alte e una mascella forte e orgogliosa accentuavano il tutto piacevolmente e conducevano a un collo leggermente curvato.
Dita sottili aperte sul finestrino, lunghe e affusolate, sottili come il corpo che apparteneva a loro. Indossava una canotta sottile che si adattava al suo corpo come un guanto, le curve morbide ed elastiche del suo seno si delineavano bene, e lasciava il suo stomaco parzialmente nudo per rivelare un paio di addominali duri. Aveva braccia sottili e muscolose e un paio di spalle leggermente curve molto femminili con una figura a clessidra. Era in forma ed elegante, con gambe lunghe e micidiali e un sedere sodo per far capire il punto. Rayne era il suo nome.
Mentre Rayne era lì, pensava a tutte le donne speciali che avevano attraversato la sua vita e ad alcune delle sue amiche. Uno in particolare le era sempre stato accanto. Dan sarebbe passato a prenderla stasera come regalo speciale. L'avrebbe portata al bar e le avrebbe offerto da bere, l'avrebbe fatta rilassare e poi l'avrebbe lasciata ballare tutta la notte. Era un buon amico, pensò Rayne. Un sorriso sfiorò a malapena quelle labbra morbide mentre pensava a lui.
Dolce per natura e un vero gentiluomo, si sentiva più attratta da lui della maggior parte degli uomini che aveva incontrato. Ma per lei era ancora solo un amico. Più come un fratello, in realtà, anche se poteva dire che lui sperava sempre in qualcosa di più. Un suono risuonò alle spalle di Rayne e lei si avvicinò al telefono e lo prese.
"Ehi", disse, con la sua voce morbida che sembrava il sussurro del vento tra gli alberi.
"Ehi!" sentì dall'altra parte con una profonda voce maschile.
Non poté fare a meno della risata che le sfuggì dalle labbra, il suono leggero e spensierato; la prima volta per un po'. "Ehi Dan, come va?"
Poteva sentire una piccola, profonda risatina nel suo orecchio. “Ti chiamo solo per dirti che sto venendo da me. Arrivederci tra dieci, amore!"
Lei sorrise, sapendo che lui non poteva vederlo, ma lo fece comunque. "Va bene, ti aspetto."
"Ci vediamo... e porto la Mazda", disse e riattaccò.
Rimise lentamente il telefono sulla base, mentre gli occhi vagavano per la stanza alla ricerca della sua borsa. Lo vide seduto sulla poltrona reclinabile di pelle nera che occupava spesso e lo afferrò, tirandosi su la cinghia sulla spalla con la facilità nata dal aver fatto lo stesso movimento millemila volte. Dentro c'era il suo portafoglio, un piccolo coltello da combattimento che Dan le aveva regalato e una grande bomboletta di spray al peperoncino (lo spray al peperoncino e il coltello erano per quelle emergenze per ogni evenienza). Abbassò lo sguardo sulle sue lunghe gambe, vestite con un paio di pantaloncini di jeans aderenti alla coscia.
Andò in bagno e aggiunse qualche piccolo tocco di trucco, un po' di fard e una piccola quantità di mascara. Dopo averlo fatto, scese le scale, uscendo dalla porta mentre Dan arrivava con la sua Mazda RX-8 blu scuro. Era un'auto un po' femminile, ma doveva ammettere che lui la faceva funzionare.
Cinque piedi e otto pollici di muscoli duri e magri, si ergeva con una grazia disinvolta che mal si adattava alle sue dimensioni. Un lottatore di quattro anni al liceo e vincitore di tornei fino in fondo, non era uscito dal sollevamento pesi e continuava ad allenarsi. Spalle dure e larghe con un petto e addominali più simili a rocce che umani lo facevano sembrare imponente. Le gambe corte e robuste lo spinsero intorno all'auto e corse verso Rayne, abbracciandola forte. Lei ricambiò l'abbraccio volentieri, chiudendo gli occhi mentre il suo corpo caldo la circondava. La familiarità di quell'uomo forte la fece quasi piangere. Quasi.
"Ehi, bellissima," disse lasciandola scendere, i capelli ricci castano scuro che cadevano dolcemente in un paio di profondi e morbidi occhi verdi. Aveva degli occhiali piccoli che stavano bene sul suo viso e un sorriso caldo che incurvava una serie di labbra dall'aspetto morbido. Le sue ciglia erano di quelle che facevano ingelosire le ragazze, e aveva mani forti che erano più che capaci di lavorare su qualsiasi cosa. «Sei particolarmente stupenda stasera. Era tutto solo per me?"
Rayne rise e colpì leggermente il potente petto di Dan. “No, sciocco; sai che mi vesto sempre così quando vado in discoteca.
"Sì, hai ragione," le rivolse un sorrisetto malizioso, una luce soffusa che si diffondeva nei suoi occhi verdi per aggiungerlo. Poteva dire che Dan era davvero felice per qualche oscura ragione.
“Ok, la tua felicità è inquietante. Cosa succede?"
Dan rise e la lasciò andare, correndo verso l'RX-8 e aprendo la portiera del passeggero. All'interno c'erano un paio di sedili personalizzati bassi con sottotitoli nel poggiatesta e nella console centrale. Rayne salì in macchina con un sorriso alla sua amica. Annuì, strizzò l'occhio e chiuse la portiera con un piccolo clic e si mise al posto del conducente, girando la chiave nell'accensione e avviando il motore V8 con un basso ringhio da sotto il cofano.
Rayne allacciò l'imbracatura a 4 punti e guardò Dan, che stava afferrando la leva del cambio ed era entrato in quella che lei chiamava "modalità di gioco". Le sue mani sfregarono l'impugnatura di gomma incrostata di fiamme del volante e guardò Rayne con quel sorriso selvaggio e promettente. «Aspetta, ragazzina. Sta per diventare pazzo.
Rayne ebbe a malapena il tempo di afferrare la maniglia sul tetto prima che Dan schiacciasse il piede sul pedale e partisse a pieno ritmo, con le gomme che stridevano mentre controsterzava rapidamente e prendeva il controllo, decollando e accelerando a una velocità allarmante. Lui gridò e cambiò marcia senza pensarci, facendo la doppia frizione prima di premere nuovamente l'acceleratore. Ogni cambio li rallentava quel tanto che bastava perché, quando premeva di nuovo il pedale, sentiva la forza di gravità spingerla indietro sul sedile.
Dan rideva mentre rallentava fino al limite di velocità. "Oh cavolo, è stata una corsa!"
Rayne era ancora seduto lì; immobile mentre il suo cuore batteva così forte che giurò che Dan potesse sentirlo. Quando riprese fiato e seppe di essere ancora viva, colpì la spalla di Dan con uno schiocco sonoro. “Non farlo! Giuro che ho quasi avuto un infarto!”
Lui rise più forte e si fermò in un parcheggio. La sua corsa ad alta velocità gli aveva portato più di otto miglia in pochi minuti e parcheggiò in un posto vicino all'ingresso. Il neon diceva in minuscolo “Per quelli con LGBTP” e in lettere più grandi e in grassetto dichiarava il nome del luogo.
Rayne guardò Dan con uno sguardo curioso: "LGBP?"
"Lesbian-Gay-Bi Pride", ha risposto, con un sorriso ancora sulle labbra. "Ho pensato che questo posto ti sarebbe piaciuto e ho deciso che avrei potuto dargli un'occhiata anch'io."
Rayne diede alla sua migliore amica un bacio sulla guancia. Sembrava che pensasse sempre a persone diverse da se stesso. Andò a scendere dall'auto, ma la trovò già aperta. In qualche modo, Dan era uscito dalla porta e aveva oltrepassato il cofano prima che lei smettesse di pensare. Gli offrì la mano, da gentiluomo, e Rayne la prese, uscendo dal veicolo basso con grazia sexy. Stava entrando nel suo umore.
Dan, ovviamente, lo sapeva e poté solo sorridere quando Rayne fece scivolare il braccio nel suo, sfregando di proposito il seno contro il suo avambraccio. L'aveva sperimentato abbastanza per sapere che era lei che si preparava per alcuni importanti movimenti di esibizione del corpo e civettuola. Sapeva che non sarebbe mai stato il destinatario, quindi si accontentò di questo; lei lo teneva come un bene. Non sarebbe durato a lungo una volta che avesse toccato la pista da ballo.
Lui voltò la testa e le baciò dolcemente i capelli, lasciandovi cadere una lacrima prima di raddrizzarsi e fare un cenno ai buttafuori sulla soglia. Mostrò la sua carta d'identità e Rayne, il suo corpo praticamente parte di quello di Dan, le fece scivolare la mano nella borsa e gli mostrò la patente di guida. Se lo avvicinò al viso e ammiccò maliziosamente, con un sorriso timido sulle labbra.
I buttafuori deglutirono e li fecero segno di entrare. Dan sentì i loro occhi mentre i due entravano e sapeva che i buttafuori erano bisessuali quasi quanto alcuni clienti. Le sue guance divennero un po' rosse e camminò un po' più velocemente, Rayne che faceva le fusa contro il suo fianco. Dan è andato al bar in quel modo, ed è stato allora che Rayne l'ha vista.
Seduta in un separé vicino al muro c'era una ragazza piccola e pallida con i capelli rossi, ma alle radici si vedevano segni rivelatori di un bellissimo colore dorato. Si sedette, guardando i fondi della tequila. Rayne, dispiaciuta per la ragazza, disse qualcosa all'orecchio di Dan, sfiorandogli il lobo con le labbra e sentendolo rabbrividire. Annuì una volta e ordinò da bere; una Corona in Coca-Cola per lui e una bibita fruttata per lei.
Rayne si avvicinò alla ragazza nella cabina, i suoi fianchi che ondeggiavano sensualmente, i suoi addominali duri che si contraevano e la piccola quantità di gel che aveva messo lungo i contorni che brillavano nelle luci al neon. Come se percepisse Rayne, la ragazza alzò lo sguardo e Rayne si fermò per quasi un intero secondo.
A guardarla c'erano occhi di un bellissimo colore nocciola, profondamente incastonati in un viso a forma di cuore che sembrava... triste. Il suo labbro inferiore era meravigliosamente pieno, al punto che avresti voluto baciarlo e leccarlo lentamente. I suoi capelli color ramato ricadevano appena oltre le sue spalle e coprivano gran parte di quegli splendidi occhi nocciola che sembravano quasi dorati. La sua pelle era pallida e le dita attorno al vetro erano dita simili a un pianoforte; sottile e lungo. Le sue braccia erano lunghe e brillavano nella luce lampeggiante, sfumature diverse ad ogni esplosione di colore.
Indossava una canottiera nera che non rivelava nulla ed era un po' ampia, ma Rayne poteva dire che la sua figura era snella, le curve del suo corpo sottilmente delineate dal tessuto scuro. I seni piccoli e sodi erano quasi visibili e guardò Rayne con una sorta di sorpresa.
Rayne si riprese dopo l'inciampo e sorrise: "Ehi, sono Vanessa, ma la maggior parte delle persone mi chiama Rayne o Nessa".
"Megan", disse la ragazza, i suoi occhi passarono dalla sorpresa al distrazione quasi istantaneamente. "Meg, se lo desideri."
Rayne sorrise ancora di più e indicò il posto di fronte a Meg. "Ti dispiace se mi siedo con il mio amico?"
"Uhm... quale amico?" chiese Meg guardandosi intorno.
Dan si avvicinò a Rayne e guardò da lei a Meg. Rayne mormorò: “Bene, parla del diavolo! Dan, lei è Meg. Meg, questo è il mio migliore amico Dan."
Dan annuì e le rivolse un sorriso caldo e affascinante. "Piacere di conoscerti. Ti stringerei la mano ma, beh, entrambi i miei hanno da bere."
Megan accennò un lieve sorriso, le sue labbra rosa si sollevarono leggermente agli angoli. "Il piacere è mio."
Dan sorrise e scivolò nel separé, prendendo il posto più vicino al muro e non direttamente di fronte a Meg, intuendo che a Rayne sarebbe piaciuto quel posto. Rayne vi si infilò con disinvolta grazia e sorrise a Meg. Il suo piede si allungò lentamente e sfiorò quello di Meg. Meg arrossì leggermente sulle guance, ma non disse una parola per protestare.
Dan vide che questa Meg era davvero bella; la morbida curva del suo collo aveva perfino un piccolo colletto. Si alzò e uscì dal séparé senza disturbare Rayne, scomparendo tra la folla. Rayne non gli degnò una seconda occhiata.
Rayne guardò la piccola e fragile ragazza di fronte a lei e allungò timidamente una mano. Megan lo guardò, poi Rayne e poi di nuovo prima di allungare lentamente la mano e stringere la mano di Rayne con la propria. La sua presa era gentile ma ferma e leggermente timida. Rivolse a Rayne un sorriso incerto, mostrando finalmente un po' di emozione.
Rayne ricambiò il sorriso e la strinse rassicurante, poi appoggiò una mano su entrambi i lati del suo piccolo cocktail, fissandolo per un momento. Quando guardò Meg vide un po' di desiderio negli occhi della ragazza. Rayne fece il giro del séparé e si sedette accanto a Meg, le cui gambe sensuali erano vestite di jeans super attillati. Invece di portare a termine le formalità, Rayne le prese la mano e la mise sui pantaloni di Meg e sulle mutandine sottostanti.
Meg sussultò e arrossì, gemendo piano. Anche Rayne si ritrovò a gemere per l'umidità pronta e viscida che accolse le sue dita indagatrici. Stringendo la mano sulla parte anteriore degli attillati jeans, Rayne piegò le dita e fece scorrere lentamente la punta lungo le morbide pieghe di Meg, entrambe le ragazze gemettero dolcemente finché non si zittirono a vicenda con un bacio. Il bacio fu lungo, appassionato, le loro lingue si intrecciarono lentamente l'una attorno all'altra con Meg che scivolava per prima nella bocca di Rayne, esplorando la nuova area con un bisogno affamato.
Rayne sentì il suo respiro accelerare e girò Meg di lato, spingendola con la schiena contro il muro, muovendo la punta delle dita un po' più velocemente mentre usava la mano libera per sfiorare gli addominali di Meg fino a un seno piccolo e tenero e afferrarlo. Meg lasciò ricadere la testa all'indietro ed emise un gemito un po' più forte e Rayne colse l'occasione per baciarle la parte anteriore della gola, mordicchiandole delicatamente la pelle. Ciò suscitò un altro gemito e Rayne chiuse gli occhi sentendo il sapore della pelle di Meg, incapace di trattenere un lieve gemito.
Sebbene il suo avambraccio fosse forte, non poteva reggere per sempre, e le sue dita furono spinte lentamente nel calore viscido di Meg, suscitando un gemito irregolare mentre afferrava le spalle di Rayne, tenendole saldamente. “Per favore, Rayne, per favore... prendimi adesso! Ho bisogno di sentire le tue dita nel profondo di me!”
Rayne stava perdendo il controllo e infilò la mano nella parte anteriore della canottiera di Meg, sentendo il calore del suo seno e fece scorrere il pollice sul capezzolo indurito. Rispose e Meg sentì un lampo di piacere attraversarle il corpo, suscitando un forte gemito in entrambi. Rayne si limitò a rilassare l'avambraccio e spinse le sue lunghe dita più in profondità che poteva nella calda fessura di Meg, sentendola restringersi attorno alle dita.
"Mmm... tesoro, così bello," il sospiro di Meg si spense in un lungo gemito a bassa voce che scatenò calore nel corpo di Rayne, sentendo l'umidità accumularsi tra le sue cosce.
Si udì il suono di uno schiarimento di gola all'estremità del loro stand ed entrambe le donne guardarono contemporaneamente per vedere uno dei dipendenti che le guardava con occhi spietati, anche se eccitati. "Voi due non potete cominciare a scopare qui, signore."
Le guance di Meg si infiammarono, passando da un leggero rossore di piacere al completo imbarazzo. Le sue guance divennero rosse e anche il suo viso prese una leggera sfumatura rossa mentre si nascondeva dietro i capelli. Balbettò frettolose scuse mentre Rayne si alzava, infilandosi le dita in bocca e leccandole per liberarle dalla crema di Meg. Mentre lo faceva, le venne un'idea e si scusò con il dipendente mentre gli girava intorno. I suoi occhi scrutarono la folla alla ricerca di Dan e lo vide, avvicinarsi e trovarlo ballare con una ragazza carina e minuta, che non poteva essere alta più di un metro e mezzo.
Lo prese da parte e lui la fissò per un secondo prima di notare l'intensità del suo sguardo. “Sì, Rayne? Che cos'è?"
“Ho bisogno che tu porti me e Meg a casa mia. Adesso", disse Rayne con un tono che diceva che non ci sarebbe stato alcun compromesso.
Dan emise un gemito sommesso, ma tirò fuori le chiavi: “Vai a prenderla, allora, e ti porterò lì. Dovrai sederti con lei sulle tue ginocchia, però."
Rayne annuì e fece un balzo per fare ciò che le era stato detto che doveva essere fatto, tornando di corsa da Meg e afferrandole la mano. "Dai, ho trovato un passaggio."
Meg lo seguì, incapace di resistere. Uscirono dalle portiere e trovarono l'RX-8 blu scuro sul marciapiede con Dan che aspettava di aprire la portiera del passeggero. Salirono le due ragazze, prima Rayne e poi Meg, il cui viso era tornato normale, poi arrossì di nuovo. Tirarono la cintura di sicurezza e quando Dan salì dall'altra parte, Rayne disse a Meg di afferrare la maniglia sopra la portiera del passeggero. Guardò Rayne come se fosse pazza, ma lo fece, e Dan fece un altro peeling, questa volta senza preoccuparsi di rallentare finché non frenò appena fuori dal complesso di appartamenti in cui viveva Rayne.
"Grazie, Dan", ha detto. "Mi dispiace di aver abbreviato la nostra serata."
Dan alzò le spalle e le fece un piccolo sorriso quasi triste: "Ci saranno altri venerdì".
Lei annuì e si allontanò dall'auto se era partita di nuovo dallo stesso punto, guardando l'uomo tornare al club come un proiettile sparato da una pistola. Quella piccola rossa deve essere stata qualcosa di speciale, se lui voleva rischiare una multa scandalosa per lei. Lei sorrise, pensando che forse avrebbe trovato qualcuno che la distraesse. Ma fu allora che Meg arrivò dietro di lei e le afferrò i seni, con le braccia incrociate sul corpo e tirando Rayne saldamente al suo corpo, sussurrandole qualcosa all'orecchio che si perse in una foschia di piacere mentre Meg faceva scorrere i pollici sui capezzoli di Rayne. .
"Oh, sei così cattiva..." Rayne riuscì a uscire prima che Meg lo facesse di nuovo, suscitando un altro gemito mentre i suoi capezzoli diventavano duri come piccole rocce.
Meg ridacchiò: "Allora dovresti punirmi per questo."
Rayne sussultò e si voltò, afferrando Meg e appoggiandola contro i freddi mattoni del muro. Meg si inarcò tra le mani di Rayne e chiuse gli occhi in anticipazione; La mano di Rayne si abbassa lentamente mentre si sporge in avanti e sussurra all'orecchio di Meg: "Non ancora, Meg. Aspetta finché non entriamo."
Rayne si allontanò lentamente, poi si avvicinò alla porta e infilò la chiave nella serratura, aprendo la porta e girandosi, appoggiandosi al lato e facendo segno con un dito a Meg di seguirla. Meg lo seguì, incapace di resistere. Rayne fece l'occhiolino e oltrepassò la porta, facendo i passi lentamente, con un ulteriore movimento dei fianchi per stuzzicare la ragazza che la seguiva proprio sotto di lei.
Meg guardò Rayne e Rayne poté sentire gli occhi della ragazza su di lei. Arrivò alla porta e l'aprì, facendo cenno a Meg di entrare prima di entrare lei stessa. Rayne guardò Meg e la spinse nella morbida poltrona reclinabile di pelle nera su cui prima si trovava la sua borsa.
Le labbra di Rayne si schiacciarono su quelle di Meg in un bacio caldo e appassionato, entrambe le donne rabbrividirono mentre lottavano per raccogliere il controllo per continuare a fare l'amore. Rayne si allungò tra le gambe di Meg e la strofinò attraverso il cavallo dei suoi jeans attillati, sentendo un accenno di umidità attraverso il tessuto. Meg afferrò i braccioli della sedia e gemette, mentre la punta della lingua scivolava nel foro dell'anello per labbra di Rayne e tirava leggermente. Rayne gemette piano proprio mentre Meg faceva lo stesso, un'ondata di umidità salutava le dita di Rayne proprio mentre sentiva Meg timidamente fare lo stesso.
Rayne si morse il labbro e la sua mano si insinuò nei pantaloni di Meg per la seconda volta quella notte, trovando senza problemi il suo clitoride dolorante e tremante. Meg gemette e allungò la mano verso il polso di Rayne, afferrandolo e spingendo la mano più in profondità. Rayne si appoggiò allo schienale e guardò Meg con i suoi morbidi occhi castani velati da un sottile velo di lussuria. Gli occhi di Meg, nocciola che in qualche modo sembrava oro, irradiavano piacere, si restrinsero a fessure e la testa ricadeva all'indietro, rivelando la colonna liscia della sua gola.
Rayne gemette mentre faceva scivolare due dita nelle morbide pieghe di Meg, chiudendo gli occhi mentre le mani di Meg le afferravano il seno; delicatamente ma con sicurezza, e i suoi pollici sfiorarono i capezzoli. Ancora una volta i pollici di Meg corsero sui boccioli che si stringevano e Rayne mosse lentamente il braccio, tirando fuori le dita e spingendole di nuovo nel calore umido di Meg. Meg e Rayne gemettero all'unisono, brividi di passione percorsero entrambi.
Rayne tirò fuori la mano e si inginocchiò tra le gambe di Meg, slacciando il bottone dei suoi jeans e abbassando la cerniera con i denti. Meg gemette e fece scorrere lentamente le dita tra i capelli di Rayne. Rayne guardò Meg con innocenti occhi castani e la leccò attraverso le mutandine, gemendo mentre il sapore le esplodeva in bocca.
Rayne si appoggiò allo schienale e incrociò le braccia sul corpo, con la punta delle dita sotto il bordo della maglietta e la sollevò lentamente, togliendola. Dopo averlo fatto, Rayne allungò la mano dietro di sé e slacciò i fermagli del reggiseno, abbassando le spalline lungo le braccia prima di gettarlo via. I suoi seni morbidi erano vivaci e i capezzoli erano di un marrone leggermente più scuro rispetto al resto della sua pelle, come dal caramello al cioccolato, e i boccioli duri erano più grandi attorno alla gomma all'estremità di una matita.
Rayne infilò le dita in due passanti della cintura dei jeans di Meg e tirò giù, le mutandine di Meg arrivarono con i jeans scuri e Rayne si trovò di fronte a pieghe rosa acceso che luccicavano per l'eccitazione bagnata. Rayne mise le mani sull'interno delle cosce di Meg e le allontanò lentamente mentre lei si sporgeva in avanti e faceva scivolare lentamente la lingua sul calore scivoloso di Meg. Meg sussultò e le sue mani strinsero i capelli di Rayne mentre un basso gemito sfuggiva alle labbra di Rayne.
La testa di Meg ricadde di nuovo all'indietro e chiuse gli occhi, gemendo mentre Rayne appoggiava il suo anello per il labbro contro la protuberanza sensibile in cima al calore viscido di Meg e muoveva la testa da un lato all'altro, sfregando il metallo freddo contro la pelle calda. Meg sussultò e gemette di nuovo, tendendosi prima di rilassarsi e far scorrere le mani tra i setosi capelli corvini di Rayne. Rayne gemette e le vibrazioni attraversarono tutta la morbidezza di Meg, scatenando piacere e una piccola ondata di calore umido sulla lingua di Rayne.
Rayne tirò leggermente indietro la testa e irrigidì la lingua, spingendola lentamente nella morbidezza di Meg senza quasi alcuna resistenza. Meg gemette e tirò la testa di Rayne, spingendo i fianchi contro le labbra di Rayne. Rayne gemette compiacendo Meg, tirando indietro la testa e spingendola di nuovo in avanti con la lingua forte e rigida. Meg adesso ansimava, il suo respiro si faceva a brevi rantoli, ciascuno un gemito lieve, appena udibile, con le sue sottili dita da pianoforte che affondavano nei braccioli della sedia e i suoi fianchi che minacciavano di chiudersi.
"Mmm, tesoro, sei così buono", disse Meg, prolungando l'ultima parte con un lungo gemito.
Rayne sollevò la testa, scambiando la lingua con un paio di dita e agitando la mano, dapprima lentamente, poi più velocemente dopo che Meg la pregò di smettere di stuzzicare, leccando sopra il punto in cui le sue dita penetravano rapidamente. I suoni di Meg andavano da sussulti a gemiti forti, mescolati a un grido occasionale di puro piacere quando Rayne raggiunse il punto perfetto, i suoi fianchi che sbattevano contro il viso e la mano di Rayne. L'anello sul labbro di Rayne strimpellava la delicata protuberanza del clitoride di Meg, accumulando un'altra sensazione su tutte le furie.
"Sì, tesoro, sì, vaffanculo!" urlò Meg, gettando indietro la testa e praticamente urlando di piacere.
Incapace di sopportarlo, Meg urlò ad alta voce mentre l'orgasmo la travolgeva, il mondo si frantumava come l'immagine residua di un vetro rosso mentre il suo succo caldo scorreva sulla mano di Rayne. Rayne gemette in risposta e leccò con gusto il liquido del rilascio di Meg. Meg rimase semplicemente seduta lì, il suo corpo tremante per uno spasmo dopo l'altro che sconvolgeva il suo corpo snello.
Rayne tremò, sentendo l'umidità gocciolarle lentamente lungo la coscia, in preparazione mentre si sdraiava lentamente sul pavimento, infilandosi una mano tra le gambe e strofinandosi sotto i pantaloncini di jeans con una mano, mentre l'altra lavorava per slacciarli. Meg abbassò lo sguardo e sentì il respiro bloccarsi in gola mentre la squisita ragazza dalla pelle color caramello era finalmente nuda sotto il suo sguardo e poteva tracciare con lo sguardo ogni curva morbida, delineata tra ombre e luce.
Meg era attratta come affascinata, incapace di distogliere lo sguardo dal corpo magro e caldo di Rayne. Scivolò giù dalla sedia e cadde sulle mani e sulle ginocchia, poi si appoggiò sui talloni e si tolse la maglietta, senza reggiseno sotto, rivelando seni piccoli e vivaci con capezzoli gonfi rosa chiaro che stavano iniziando a germogliare nel relativo freddo dopo essere stati scoperti. . Meg rabbrividì una volta, poi si rimise a carponi e ginocchia, risalendo il corpo di Rayne.
Rayne guardò Meg con occhi invitanti mentre si abbassava, con le dita che guidavano e le faceva scivolare nelle pieghe calde e morbide di Rayne che erano lucide e bagnate per l'anticipazione. La mano di Meg era tra le gambe di Rayne mentre dava a Rayne un lungo e caldo bacio che iniziò dolcemente, ma finì caldo e duro quando Meg iniziò a muovere la mano, dapprima lentamente, poi più velocemente, spingendo due dita in profondità e velocemente.
Rayne divenne lentamente più forte mentre Meg la toccava più velocemente; e ancora più forte quando Meg abbassò la testa e fece scorrere la lingua sul capezzolo di Rayne. Meg ridacchiò e lo fece di nuovo, poi avvolse le labbra attorno alla punta dura e succhiò delicatamente, la sua lunga lingua scivolava lentamente attorno alla punta dura mentre le sue lunghe dita penetravano in profondità nel calore di Rayne.
"Oh Dio... è bello," disse Rayne tra gemiti furtivi. "Oh, tesoro, sei così brava... non fermarti, oh, PER FAVORE, non fermarti!"
Meg obbedì, agitando il braccio più velocemente, piccoli suoni stridenti provenivano dalle sue dita. I gemiti di Rayne diventarono sempre più forti e lei si morse il labbro, cercando di calmarsi. Fu tutto inutile, perché in quel momento lei quasi urlò e venne con forza esplosiva, ricoprendo la mano e l'avambraccio di Meg con il suo fluido caldo. Rayne rimase lì per qualche istante, con il corpo tremante, mentre Meg toglieva le dita dalle pieghe tremanti di Rayne e leccava le sue dita lunghe e sottili.
Dopo qualche istante, quando Rayne aprì gli occhi e guardò Meg, seduta accanto a lei con un sorriso pigro e felino sulle labbra, pensò di aver finalmente trovato la sua altra metà e afferrò Meg per la nuca, tirandola giù per un bacio lungo e appassionato.
"Mmm... Meg?" disse Rayne dopo che le due donne si furono rivestite.
"Sì?" chiese, voltandosi per guardare Rayne con quegli occhi teneri, leggermente dorati.
"Vuoi passare la notte?" chiese Rayne, e Meg si sedette lì, come sorpresa.
"Sì... sì, lo farei", alla fine uscì e si sorrisero.
Il resto della notte trascorse senza incidenti, ma fu l'inizio del resto della loro vita.

Storie simili

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

712 I più visti

Likes 0

Storia secondaria del patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano

Il patto del diavolo da miopenname3000 a cura del Maestro Ken Diritto d'autore 2014 Side Story Il patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano Nota: questo avviene tra i capitoli 32 e 33. Venerdì 12 luglio 2013 – Alison Hertz – Il matrimonio Il giorno del mio matrimonio con la mia bellezza latina, Desiree, era finalmente arrivato. Dopo oggi, sarei Alison de la Fuente. Dopo aver annullato il suo matrimonio con Brandon, Desiree è tornata al suo nome da nubile. Era un nome molto più carino di Fitzsimmons. Desiree e io abbiamo passato diverse notti a letto a parlare del...

1.1K I più visti

Likes 0

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

767 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

690 I più visti

Likes 0

La data del matrimonio di Jennifer

Non era proprio dell'umore giusto per un matrimonio. Ma Katie era sua amica dai tempi del college, quindi Jennifer sentiva di doversene andare. Inoltre Joe era un bravo ragazzo. Quindi ha frugato nel suo armadio per trovare il vestito giusto. Di recente aveva perso una trentina di chili, quindi era un po' eccitata all'idea di provare uno dei suoi vestiti sexy più vecchi. Ha trovato quello giusto. Era lucido e nero. Non troppo corto ma nemmeno molto lungo. Non molta scollatura ma abbastanza per ottenere una seconda occhiata. Niente calze di nylon, dopotutto era estate. E le sue gambe lisce sembravano...

719 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto YAVARA Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo...

767 I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

696 I più visti

Likes 0

La fantasia del cavallo di Tanya

Io e la mia ragazza siamo seriamente presi da alcune fantasie tabù! Fantasie che purtroppo al momento rimangono tali ma che presto diventeranno realtà! Io ho 29 anni, lei 26! Ha una taglia 6-8 ed è assolutamente stupenda! Il giorno in cui l'ho incontrata sono davvero caduto in piedi! Per diversi anni ho fantasticato su ragazze con animali ma non avrei mai pensato di incontrare qualcuno che provasse la stessa cosa! Quando ci siamo incontrati per la prima volta abbiamo entrambi testato il terreno come fai tu e ci sono voluti quasi 8 mesi per affrontare effettivamente l'argomento del porno animale!...

412 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.