Mutandine [Capitolo 1]

709Report
Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui.

--------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ----------------

le mutandine

Capitolo 1: Delimma di Nick
(Nick si avventura nella stanza di Jaclyn)

Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo.

Certo, non era ancora pronta, doveva "rinfrescarsi".

Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da ragazzo non riusciva a capire bene la necessità di tutti i colori pastello luminosi, le decorazioni arricciate e i soprammobili femminili.

Si alzò e fece il giro del letto, lasciando che le sue mani toccassero ed esplorassero i vestiti sparsi qua e là.

Uscì nel corridoio e guardò in basso verso il bagno, ascoltando i rumori della doccia; si rese conto che avrebbe aspettato ancora per un po', di nuovo. Sospirò e decise di andare in cucina a bere qualcosa, facendosi strada lungo il corridoio.

Mentre passava davanti al bagno, bussò alla porta e chiese a Monica: "Allora, quanto tempo starai ancora?"

"Non ancora per molto", ha risposto, "Ho quasi finito".

Sorrise e annuì tra sé, dirigendosi verso il corridoio, superando una porta semiaperta e dando un'occhiata all'interno per un momento, "La stanza di Jaclyn", pensò tra sé e sé.

Spinse ulteriormente la porta e fece un passo all'interno, lasciando che la sua curiosità prendesse il sopravvento su di lui. Non conosceva molto bene la sorella di Monica, ma pensava che stesse decisamente diventando una splendida giovane donna. "Se solo fosse un po' più grande", pensò tra sé, entrando completamente nella stanza della ragazza più giovane e guardandosi intorno.

Ovviamente la stanza di una ragazza; piumino bianco, animali imbalsamati sparsi sul letto, profumo di profumo, spray per il corpo e lozione che aleggia nell'aria.

Notò uno specchio molto grande sulla parete di fondo e vi si avvicinò, rendendosi conto che in realtà erano le sue ante scorrevoli dell'armadio. Si guardò allo specchio e piegò un po' le braccia, ridendo tra sé.

Si voltò e scrutò la stanza. Non sapendo da dove venisse il pensiero, iniziò a immaginarla in mutande. Mentre era in piedi con lo specchio ora dietro di lui, pensò che forse era quello che faceva Jaclyn la sera prima di mettersi a letto. Forse sta davanti al suo specchio ammirando la sua figura abbronzata e in forma mentre fa scorrere le mani sulla sua pelle morbida.

Nick si avvicinò alla cassettiera accanto al letto e tirò fuori il primo cassetto, sbirciando curiosamente all'interno. Notò che si trattava del suo cassetto delle mutandine, che erano ordinatamente piegati e ordinati per tipo. Fece scivolare la mano all'interno del cassetto, spostandola intorno alle varie paia di biancheria nel cassetto, tastando tra le dita tutti i diversi tessuti. Quando le sue mani raggiunsero un paio morbido e scivoloso, strofinò il tessuto tra il pollice e l'indice, assaporando la sensazione setosa delle sue mutandine.

Prese quel paio dal cassetto e d'impulso si portò il tessuto morbido al viso e se lo premette contro il naso, inalando il dolce profumo delle mutandine pulite di una giovane donna. Sentì un movimento nei pantaloni e un'immediata pressione sul davanti dei jeans; causato dalle sue azioni con le mutandine della ragazza.

Lasciò cadere le mutandine del bikini di raso rosa che aveva tirato fuori dal suo cassetto sul letto di Jaclyn e si diresse rapidamente alla porta della camera da letto. Tirò fuori la testa e ascoltò attentamente; Monica era ancora impegnata nella doccia.

Furtivamente tornò di corsa al letto; sbottonandosi poi aprendo la zip dei jeans, facendoli scivolare fino alle ginocchia insieme ai pantaloncini sottostanti. Sentendo il suo cazzo uscire allo scoperto, gemette dolcemente e si sedette sul letto della sorellina di Monica.

Lanciò un'occhiata al suo comò, osservando da vicino le foto incorniciate di Jaclyn, fissandola brevemente ammirando ciò che poteva vedere di lei nelle foto. Notò Monica in alcuni di loro e immaginò rapidamente il suo fantastico corpo minuto nudo nella sua mente. Mentre la sua immaginazione si avventurava oltre ciò che sapeva dalla memoria, allungò la mano e afferrò il paio di mutandine di Jaclyn sul letto vicino a lui e le mise sul suo cazzo; che ora stava alla massima attenzione.

"Questo è così sbagliato", pensò tra sé mentre iniziava lentamente a far scivolare il tessuto setoso delle mutandine dell'adolescente sul suo pene palpitante. Mentre il tessuto gli accarezzava il cazzo, prese un respiro profondo e si appoggiò all'indietro per assorbire tutti i sentimenti intensi che lo attraversavano in quel momento.

Stava cercando di controllarsi, ma a quel punto trovava praticamente impossibile farlo. Il suo respiro cominciò ad aumentare di ritmo e la sua mente scorreva con le immagini delle due splendide sorelle in tutta la loro bellezza; se li immaginò in piedi su entrambi i lati del letto completamente nudi e sorridenti.

Non riusciva più a controllare le immagini che inondavano la sua immaginazione. Ricordi di Monica sulle mani e sulle ginocchia che lo aspettano, cambiando quell'immagine mettendo Jaclyn al posto di Monica, immaginando Jaclyn che lo aspetta sulle sue mani e ginocchia completamente nuda.

Nick stava accarezzando delicatamente il tessuto rosa su e giù per il suo cazzo duro mentre le immagini delle due belle donne danzavano nella sua immaginazione. Smise di accarezzare e si limitò a spremere la testa del suo membro in una sensazione pulsante attraverso le mutandine rosa lucide.

Era troppo per lui in quel momento e prese un respiro profondo, sentendo che tutto scorreva dentro di lui e strinse il tassello foderato di cotone delle mutandine sopra la testa del suo cazzo mentre il suo orgasmo prendeva il controllo. Poteva sentire la sua asta pulsare e pompare il suo sperma nelle sue mutandine morbide mentre teneva il tessuto saldamente in posizione sopra la parte superiore del suo cazzo, permettendogli di ricevere tutto il suo carico.

Dopo essersi svuotato nelle sue mutandine, si appoggiò ai suoi cuscini, rilassandosi e cercando di riprendere i sensi, respirando affannosamente.

Quando Nick iniziò a ricomporre se stesso, si rese conto di cosa aveva fatto. Si alzò di scatto e si sedette in piedi sul letto, tirando fuori le mutandine dal suo cazzo ammorbidito e mettendole sul letto per un secondo. Afferrò rapidamente la cintura dei suoi jeans e gli shorts sotto e li tirò su, abbottonandoli e chiudendoli con la cerniera.

All'improvviso avvertì il rumore della doccia che veniva chiusa, fu preso dal panico. Afferrando le mutandine di Jac e ripiegandole, non riusciva a capire cosa farne. Se li gettasse nella cesta, "No, potrebbe notare che sono stati manomessi", se li infila in tasca e li tiene, "no, Monica noterebbe sicuramente la macchia bagnata che si sarebbe sviluppata all'esterno, se li rimettesse a posto, "sì, questa è l'opzione migliore", pensò tra sé e sé.

Si fermò sopra il comò e rapidamente infilò le mutandine sborrate sotto una pila nel cassetto. Sfortunatamente per Nick non si è reso conto di quanto ordinatamente avesse tenuto le sue mutande e le avesse nascoste nel posto sbagliato.

Non appena ebbe chiuso il cassetto del comò, la porta della stanza di Jaclyn si aprì lentamente e Monica si fermò sulla soglia; il suo corpo sexy nascosto solo da un singolo asciugamano.

Trafitto dalla bellezza del suo migliore amico e dal corpo quasi nudo, Nick non è riuscito a rendersi conto delle conseguenze del fatto che lei lo avesse trovato da solo nella stanza della sua sorellina. Sentì i suoi pantaloni agitarsi momentaneamente finché la voce di Monica non lo riportò alla realtà. "Nick, che ci fai qui?" L'ha interrogato.

Lottando per trovare una spiegazione adeguata su come e perché sia ​​finito nella stanza di Jaclyn. Inciampò leggermente sulla propria lingua, pensando al cagnolino di Monica, "Ho visto Riley correre qui e volevo salutarla", riuscì a sputare fuori.

"Beh, puoi vederla più tardi, vieni ad aiutarmi a capire cosa indossare", ha detto Monica mentre afferrava Nick per il polso e lo tirava fuori dalla stanza di sua sorella.

Nick non poteva fare a meno di pensare a quello che aveva appena fatto. Ha iniziato a sentirsi in colpa per aver invaso la privacy di Jaclyn in quel modo; facendo qualcosa di così perverso con le sue mutandine nientemeno. Il pensiero riprese a risvegliarlo quando sentì la piccola mano di Monica intorno al suo polso. Si voltò di nuovo davanti a sé e pensò che se l'asciugamano di Monica fosse stato più corto, le sue grosse chiappe sarebbero state scoperte.

Pensò a cosa sarebbe successo se Jaclyn lo avesse scoperto; come reagirebbe Monica se sapesse che ha contaminato gli indumenti intimi della sua sorellina? "Me ne occuperò se succede", pensò tra sé mentre ammirava la vista di Monica che lasciava cadere l'asciugamano.

Storie simili

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

717 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

140 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

173 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

720 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

683 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

705 I più visti

Likes 0

Il mio viaggio in California

Ero su un aereo, viaggiavo lentamente sopra il mondo e tutto ciò a cui riuscivo a pensare era la ragazza che dovevo incontrare dall'altra parte Mentre pensavo a tutti i messaggi e le chiamate che avevamo, ho sentito il mio cazzo diventare duro Mentre sistemavo lentamente il mio uccello in modo da essere meno visibile nei miei pantaloni, il capitano è salito sull'altoparlante annunciando la nostra discesa Quando siamo atterrati, ho visto quanto fosse bella la California. Quando finalmente sono sceso dall'aereo, sono andato svelto al ritiro bagagli Mentre aspettavo che i miei bagagli scendessero dallo scivolo, pensai di sentire dei...

516 I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

202 I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

741 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.