Rimbalzando Bella

535Report
Rimbalzando Bella

Ho scritto questa storia molto tempo fa. Immagino che tu possa chiamarla la mia fottuta fantasia. Se ti piace scriverò altro. Fammi sapere

Questa storia è scritta dal punto di vista sia del padre che delle figlie

Nuovo

BELLA
Fino all’anno scorso la mia vita era abbastanza normale. Papà lavorava. La mamma è rimasta a casa e io e mia sorella siamo andati a scuola. Vivevamo in una bella casa. Tutto è stato davvero fantastico. Poi, quando avevo 14 anni, mia madre morì in un incidente d'auto. mia sorella aveva 6 anni.
Papà era un disastro. Lo eravamo tutti. Ha iniziato a bere ogni sera quando tornava a casa dal lavoro. Cosa che non faceva mai quando la mamma era viva. Non è mai diventato offensivo o arrabbiato, quindi non è mai stato un vero problema. È passato quasi un anno da quando la mamma è morta e anche se lui beve ancora le sue birre dopo il lavoro le cose vanno molto meglio. La vita sembra essere sempre più facile.

Ogni venerdì sera da prima che mamma morisse c'era la nostra serata di film in famiglia, lo facevamo ancora adesso. Mia sorella si era addormentata sul pavimento davanti alla tv. Mio padre ed io eravamo sul divano. Stavamo guardando una commedia familiare e in questa scena la figlia è saltata sulle ginocchia di suo padre e lui la stava facendo saltare.
Papà e io abbiamo riso entrambi. Entrambi ricordano come facevo la stessa cosa così come mia sorella. Farei i capricci se papà ne avesse avuto abbastanza.
"Eri una ragazzina esuberante, Bella", ridacchiò papà.
Ho sorriso e sono andata al frigo a prendere una coca cola.
"prendici un'altra birra, ti piacerà?" mi ha gridato papà.
Presi sia la coca cola che la birra dal frigo mentre tornavo in salotto. Ho passato la sua birra a papà e mi sono chinato per mettere la mia coca cola sul tavolo mentre papà mi ha afferrato sotto le ascelle e mi ha messo sulle sue ginocchia. E ha iniziato a rimbalzarmi.
Stavamo ridendo entrambi.
Mentre rimbalzavo ancora ridendo, la mano di papà si strofinò contro il lato del mio seno. Penso che se ne sia accorto perché ha spostato rapidamente le mani verso il basso e poi ha fatto un rimbalzo davvero forte che quasi mi ha fatto volare dalle sue ginocchia. Le mie braccia si agitavano pensando che stavo per cadere a terra. Poi le mani di papà mi afferrarono i fianchi e mi tirarono di nuovo giù sulle sue ginocchia. Stavamo ridendo entrambi piuttosto forte adesso.
Poi ho notato che papà mi stava ancora muovendo ma invece di farmi saltare sulle ginocchia teneva ancora i miei fianchi e mi faceva muovere avanti e indietro sulle sue ginocchia.
Era una notte piuttosto calda e indossavo i pantaloncini da letto e una canottiera. Attraverso i pantaloncini sentivo qualcosa di duro che mi sfregava tra le gambe.
"um papà. Cosa stai facendo?" chiesi a bassa voce senza capire bene cosa stesse succedendo.
"shhhh tesoro" sussurrò papà in risposta.
Le sue mani iniziarono ad afferrarmi più forte sui fianchi. Mi stava spingendo in grembo e ora mi strofina avanti e indietro su di lui. Il respiro di papà cominciò a diventare più veloce e più difficile. E attraverso i pantaloncini leggeri e la biancheria intima potevo sentirlo duro sotto di me.
"Papà? Fammi salire, per favore." Ho quasi supplicato. Non capivo perché lo stesse facendo. Non era mai successo niente del genere prima.
"ok... aspetta... tesoro... aspetta solo... un minuto... ah... ah... sei così... una... brava ragazza" ansimò.
Ho provato a muovermi su e giù da lui, ma lui è andato sempre più forte spingendomi contro di lui e non mentirò, parte del mio cervello mi diceva che stavo iniziando a sentirmi bene, ma questo era mio padre. Non dovrebbe farlo. Avrei voluto urlargli di fermarsi, ma continuavo a guardare mia sorella sul pavimento. Non volevo svegliarla, non volevo che lo vedesse. Non volevo che le accadesse questo. Rimasi seduto lì in silenzio per quello che mi sembrò un'eternità sentendo il suo cazzo spingere su e contro la mia figa che sapevo stava iniziando a bagnarsi un po'. Speravo che papà non se ne fosse accorto. Non volevo che pensasse che andava bene. un'ultima spinta e lui mi ha tirato indietro su di sé e mi ha semplicemente tenuto stretto muovendomi dolcemente e lentamente avanti e indietro ora. Potevo sentire l'umidità attraversare i suoi pantaloncini e anche i miei. Il respiro di papà iniziò a rallentare e ancora non voleva lasciarsi andare. Pensavo di averlo sentito iniziare a piangere. Poi mi ha spinto via ed è saltato in piedi senza guardarmi negli occhi. E uscì dal salotto. Prima di scomparire dalla vista si voltò indietro
"puoi portare tua sorella a letto, per favore. Penso di aver bevuto un po' troppo. Non mi sento bene. Notte," si riavviò aggiustandosi i pantaloncini mentre andava.
Ero arrabbiato, triste e confuso. Andai a prendere mia sorella e la portai a letto. Mentre la coricavo la sua piccola camicia da notte si sollevò un po'. Non indossava le mutande. Non le piaceva andare a letto, ma ho preso nota mentalmente di dirle che domani avrebbe dovuto ricordarsi di indossarli. Non sapevo cosa stesse succedendo a papà, ma sapevo che dovevo proteggere Christie. Ho preso alcune delle sue mutandine dal cassetto e ho iniziato a infilargliele. Li ho messi proprio sotto il suo sedere e stavo sollevando la parte anteriore quando si è ribaltata. La mia mano le strofinò il centro del sedere. Ho sussultato. Tirati indietro li ripararono rapidamente. Poi andai direttamente in bagno a farmi la doccia. La mia figa era ancora bagnata e potevo ancora sentire la sostanza appiccicosa di papà sui miei pantaloncini.
Mi sono tuffato in una doccia calda, mi sono lavato e poi sono tornato nella mia stanza per andare a letto

CONTO
A letto quella notte. Mi sono sentito male con me stesso. Com'era successo? Mia figlia, per l'amor di Dio. È stato davvero innocente quando ho iniziato a farla saltare. Poi, quando ha iniziato a cadere e l'ho tirata indietro, si è strofinata sul mio cazzo. Avrei dovuto fermarmi allora. Ma dopo averla spostata su di me alcune volte non sono riuscito a fermarmi. È stato fantastico. Tutti i pensieri che lei fosse mia figlia svanirono. Era tutta una questione di quella sensazione. Sorprendente. Beatitudine. Poi mi ha chiesto di smettere. Quanto sono stato stupido a pensare che non si sarebbe accorta di quello che stavo facendo. Ho continuato ad andare sempre più forte finché non ho sentito il mio sperma esplodere nei pantaloncini. Ma la cosa peggiore di tutte anche allora non potevo convincermi a lasciarla andare. Ho continuato ad andare avanti, ho continuato a strofinare finché quella sensazione iniziale non ha iniziato a svanire e ho realizzato pienamente cosa stavo facendo. Poi sono andato fuori di testa. Saltando in piedi così in fretta ho quasi fatto cadere Bella a terra. A metà corridoio metto Christie addormentata sul pavimento. Ho iniziato a tornare indietro per spostarla quando mi sono reso conto che non indossava biancheria intima a letto. Non potevo fidarmi di me stesso in questo momento. Ho detto a Bella di spostarla e sono andata a letto sperando di dimenticare l'accaduto. Ma ora, sdraiato qui, ricordando tutta la faccenda, il mio cazzo era di nuovo duro.
Tirai indietro la coperta e cominciai a strofinarla lentamente. Facendo tutto ciò che è in mio potere per non pensare a Bella. La mia bella Bella. Aveva quasi 15 anni ed era così carina. E ahhhh cosa c'è che non va in me. Mi sono alzato e mi sono fatto una doccia fredda.
Dopo qualche minuto lì dentro mi sono sentito meglio. Dovrei andare a chiedere scusa alle campane. Spiega che non volevo che ciò accadesse. Ma davvero come lo spieghi? Ho dovuto provare
Mi avvolgo in un asciugamano e mi dirigo verso la sua stanza. La sua porta era un po' aperta, come sempre.
Era a faccia in giù sul suo letto. Dormire profondamente. I suoi pantaloncini si erano alzati e potevo vedere il suo monticello. Sentendo il mio cazzo diventare duro di nuovo sapevo che dovevo uscire da lì.

BELLA
Mi sono svegliato la mattina dopo e sono rimasto a letto per quasi un'ora. Non volevo affrontare papà. Finalmente sapevo che non potevo più rimandare. Mi misi la vestaglia e scesi le scale. Papà e Christie erano alzati a tavola. Papà non mi ha guardato ma ha borbottato "Buongiorno, tesoro".
Christie è stata eccessivamente loquace stamattina, il che per me andava bene.
Si è arrampicata sulle ginocchia di papà per leggere con lui i fumetti sul giornale. Cosa che faceva tutti i giorni. Poi quando hanno finito lei gli ha chiesto di farla saltare. La mia testa si alzò di scatto per guardare papà e papà mi fissò direttamente. La fece rimbalzare sulla punta del ginocchio fissandomi lentamente per tutto il tempo.
"papà più veloce. papà più alto." strillò.
"um no tesoro, penso che sia abbastanza. Perché non andate ragazze, andate a giocare." rispose papà mentre la metteva giù e usciva dalla cucina.
"dai tesoro" dissi "andiamo. Ti spingo sull'altalena"
Lei sorrise e corse fuori, io la seguii.
Mentre spingevo Christie sull'altalena lei ha cominciato a farmi domande
"come mai papà non mi ha fatto saltare più in alto?" ha iniziato
"Non lo so principessa. Forse aveva delle cose da fare oggi"
"ma ti ha fatto saltare in aria ieri sera. E per molto tempo," imbronciò lei.
Questo ha attirato la mia attenzione.
"um, come facevi a sapere che papà mi stava facendo saltare la notte scorsa?" ho chiesto, non volendo davvero la risposta.
"Non stavo dormendo. Potevo vederti nel vetro in fondo alla televisione. E dopo papà ti ha anche abbracciato forte." disse quasi timidamente
"poi mi hai portato a letto e mi hai messo le mutandine"
Questo mi ha ricordato "sì, l'ho fatto. D'ora in poi dovrai indossare le mutande, tesoro, stai diventando più grande e le ragazze grandi erano mutande.

CONTO
sedendomi di nuovo nella mia stanza non riuscivo a togliermi dalla testa l'espressione del volto di Bella. Christie mi aveva già detto quella mattina che la sera prima mi aveva visto far saltare Bella sulle ginocchia. Non sapevo cosa dire. Stavamo solo giocando, le ho detto.
Il fatto era che ancora non potevo credere di averlo fatto, ma non riuscivo nemmeno a smettere di pensare a quanto fosse bello.
Ero nella mia stanza da più di un'ora. Christie aveva un appuntamento oggi e avevo sentito Rachel venire a prenderla circa 10 minuti fa. Il che mi ha fatto pensare a come fossimo solo io e Bella in casa. Il che a sua volta mi ha reso il cazzo duro, quindi ho lottato contro ogni impulso di non toccarlo e l'ho portato via. Lei è mia figlia. Non posso mai permettere che ciò accada di nuovo. Poi un'altra parte del mio cervello si è attivata. Non è che io abbia fatto sesso davvero con mia figlia. Tecnicamente non avevo fatto nulla di illegale. In realtà a 14 anni, non importa quanto fosse vicina ai 15, non avrebbe dovuto sapere davvero cosa fosse. Sapevo che ora mi stavo aggrappando agli specchi.
Ma cosa succederebbe se iniziasse a fare domande? Sapevo che queste scuse non sarebbero suonate così buone come nella mia testa se avessi dovuto dirle ad alta voce.
Ho guardato fuori dalla finestra. Bella si stava togliendo il prendisole e sperava nella spa.
In bikini quella ragazza sembrava una donna. Senza pensare, la mia mano è andata al mio cazzo e ho iniziato ad accarezzarlo guardandola mettersi a proprio agio e rilassarsi lì dentro.
Una volta che ho scaricato il mio carico ovunque, potrei aggiungere, ho iniziato a pensare di nuovo. Finché non avessi mai toccato il suo corpo nudo, che male avrei potuto fare? Non lascerò che succeda di nuovo qualcosa, ma per ogni evenienza. Sono tornato giù per le scale. Aprì il frigorifero e bevve velocemente 3 birre, poi ne aprì una quarta e si diresse fuori verso la spa.
Bella aveva le braccia appoggiate sul lato della spa, la testa su di esse e gli occhi chiusi. Mi sono tolto la maglietta e sono scivolato dall'altra parte della spa. Non mi aveva notato. Quindi mi sono seduto lì a guardarla. Dopo circa un minuto mi sono reso conto che le sue ginocchia erano sulla sporgenza dove ti siedi, era rivolta verso l'esterno della spa.
Mi sono mosso facendo attenzione a non farle sapere che ero lì. Finché non sono stato quasi proprio accanto a lei. Poi ho guardato l'acqua cercando di capire perché fosse seduta così. Le sue ginocchia erano divaricate e la sua pancia era quasi contro il muro della spa.
Non può essere vero, ho pensato. Ciò significherebbe che il jet la stava colpendo nel... oh, ora ho capito. Aveva la figa contro il jet. Se osservassi attentamente potrei vederla muoversi su e giù un po'. L'ho guardato per un bel po' prima di notare che la mia mano era di nuovo sul mio cazzo duro come la roccia. Accarezzare dolcemente guardare. Ho finito la mia birra che mi aveva completamente dato alla testa e mi sono alzato facendo attenzione a non disturbarla. Mi sono spostato dietro di lei e ho lasciato che l'estremità del mio cazzo duro che usciva dai pantaloncini spingesse nella parte posteriore del suo bikini. Ma con quello che stava facendo e con la spa non se ne accorgeva. Così ho spinto un po' più forte. Ancora niente. Ho pensato ancora un'altra cosa, ma mentre spingevo deve aver iniziato a venire da sola perché si è allontanata dal getto facendo scivolare il mio cazzo tra le sue gambe spingendosi fino nella sua figa e nella sua mano mentre era ancora sotto lo slip del bikini per il lato dove il jet la stava dando piacere un momento fa. Lei sussultò e iniziò a provare a sistemarlo e a girarsi.
Quella parte del mio cervello che stava causando i problemi ha preso il sopravvento e ho allontanato la sua mano e ho afferrato io stesso gli slip del bikini, ritirandoli e poi di nuovo di lato. Ho messo l'altro mio sopra le sue gambe e ho iniziato a pompare dentro di lei. I getti ormai si erano spenti e potevo vederla guardare nell'acqua il mio cazzo che spingeva attraverso la parte anteriore delle sue gambe ogni volta che spingevo dentro.
Bella strinse le gambe più che poteva per fermarmi, ma questo mi fece solo sentire meglio. Come se stessi scopando una vera figa vergine, non solo colpendo il divario.
Adesso mi stava urlando "PAPÀ NO. PAPÀ STOP".
Non potevo parlare, continuavo ad andare avanti. Sempre più veloce. Ma stava diventando sempre più forte. Ho spinto il fondo verso i getti sperando che attutisse il rumore. Appena cominciarono la sentii irrigidirsi.
Ah, pensavo che il getto puntasse ancora nello stesso punto. Iniziò a sgroppare come una pazza facendola sentire ancora meglio.
"DAAAAAADDDDD STOP oh STOP Oh oh oooooo PER FAVORE. COSÌ SBAGLIATO." Potevo appena sentirla dall'aereo.
Ora in questo momento non so cosa sia successo. Ma mi sono avvicinato molto al suo orecchio e ho spostato la mano sulla sua fessura, strofinandola dal buco al clitoride.
Era così bagnata anche nell'acqua che potevo sentirlo.
"la tua Bella, molto bagnata, tesoro. Non sembra che tu voglia che mi fermi"
dissi massaggiandole velocemente il clitoride. Mi alzai di più tirando indietro le sue gambe verso di me e spingendola ancora più vicino al jet.
Si dimenava come una pazza, non so se stesse cercando di togliersi di dosso o di eccitarsi, ma è stato fantastico
"oh sì, tesoro... continua a farlo per papà. Sono una brava ragazza per papà. Mmmmmmmm" Non ho mollato la presa e ho continuato a pompare quell'apertura e a strofinare cerchi forti e veloci attorno alla sua figa.
Ha emesso il gemito più sexy che abbia mai sentito in vita mia ed è crollata senza più lottare contro di me. Avevo ancora un po' di strada da fare quindi ho spostato le dita dalla sua clip ed entrambe le mani si sono aggrappate a quei fianchi. Mentre pompavo sempre più forte ho sentito che avrebbe iniziato a piangere.
Fu allora che il mio cervello andò a fanculo, COSA HO FATTO ANCORA, ma lo sperma iniziò a fluire e la povera principessa Bella fu costretta a sentire che le facevo di nuovo una cosa del genere. Quando ebbi finito e mi prestai di nuovo. Bella continuava a non muoversi. Dopo qualche minuto alzò i suoi occhi rossi e gonfi per incontrare i miei e chiese tranquillamente se poteva, per favore, andare nella sua stanza adesso.
Ho cercato di sembrare il più possibile un papà vivente, sapendo che se non mi odiava dopo ieri sera, lo farebbe adesso.
"sì tesoro, certo. E Bella" si voltò "mi dispiace"
Scosse leggermente la testa e ricominciò a piangere. Si alzò fuori dalla spa e si aggiustò i pantaloni del bikini, ma ora prima che vedessi la sua figa.

BELLA
Una volta dentro corsi nella mia stanza. Appena la porta si è chiusa ho ricominciato a piangere. Non solo per quello che aveva fatto papà, che era ancora così sbagliato e confuso, ma perché questa volta mi sono divertito davvero e mi sono sentito stupido per averlo fatto nella spa quando sapevo che era da qualche parte in casa. Non avevo intenzione di farlo ma mentre entravo nella spa ho sentito il getto passare sulla mia figa. L'ho spostato indietro. È stato fantastico.
Ma volevo comunque che un ragazzo mi massaggiasse in quel modo, non mio padre. Quindi ero ancora più arrabbiato con lui. Innanzitutto per averlo fatto e in secondo luogo per avermi fatto godere qualcosa che non andava.
Ho sentito la porta sul retro chiudersi. Poi il frigo aperto. Poi ho contato 6 birre che venivano aperte nei minuti successivi. Probabilmente li stava remando.
Il frigorifero si chiuse e lo sentii camminare verso la mia stanza. Sono saltato sotto le coperte, ancora in bikini, ancora bagnato e ho fatto finta di dormire sperando che in realtà continuasse oltre la mia stanza fino alla sua. Ma lui si fermò fuori dalla mia porta e bussò piano. Non ho risposto. Non ho nemmeno aperto gli occhi. Non potevo guardarlo in questo momento e tanto meno parlargli.
"Bella" cominciò ad avvicinarsi al mio letto. Non ho risposto e ho continuato a fare finta di dormire.
Sentii il letto muoversi mentre lui si sedeva sul bordo. Non mi sono mosso affatto. Allungò una mano e mi accarezzò un lato del viso. Avevo paura di respirare.
"Bella, tesoro, mi dispiace tanto. Non so cosa sia successo ieri sera o oggi. Ancora di più oggi. Mi dispiace tanto, tesoro." Avevo voglia di piangere ma non potevo fargli sapere che ero sveglia.
"è solo che mi sento così sola da quando tua mamma e tu sei diventata una giovane donna così bella e quando eri solo in ginocchio mi sono lasciata un po' trasportare. E beh, sai che mi dispiace e oggi sono andata alla spa. Beh, è ​​stato un po' anche colpa tua." Avrei voluto urlargli contro ma continuavo ad ascoltare
"Non hai idea, tesoro, di come fosse. Capisco che le ragazze potrebbero fare quelle cose, ma forse avresti dovuto aspettare finché non fossi stata sola." mi stava massaggiando il braccio mentre parlava adesso. Stavo ancora fingendo di dormire.
"È stato fantastico guardare la principessa. Non fraintendermi, ma vedi come quello che è successo dopo è stata davvero colpa tua. Mi è sembrato che tu lo volessi un po', davvero"
Non potevo credere a quest'uomo. Come poteva dirlo? Pensava che stessi dormendo, perché era ancora qui a parlare?
La sua mano si spostò dal mio braccio e sentii un cambiamento nel letto. Pensavo che se ne sarebbe andato. Ho tenuto gli occhi chiusi. Aspetto di sentire la sua ritirata prima di aprirli. Ma dopo essersi alzato tutto quello che ha fatto è stato tirare indietro le mie coperte appena sotto la mia figa e sedersi di nuovo. Le sue parole adesso erano un po' più farfugliate. Spostando la mano sullo stomaco, mi ha massaggiato finché le sue dita non hanno sfiorato il fondo delle mie tette e poi la parte superiore dello slip del bikini.
"vedi, tesoro. Metti in mostra questo corpo e poi fai cose del genere alla tua figa nella spa. Come ti aspetti che reagisca papà?"
Ha tirato su il top del mio bikini in modo che fosse sotto il mio collo e le mie tette fossero in mostra. Volevo urlare. Ma ora ero congelato. In parte spaventato, in parte emozionato.
Strofinandomi i capezzoli tra le dita continuò.
"wow tesoro, guarda queste tette vivace. Dovevi essere molto stanco."
La sua mano non si mosse dalla mia tetta ma l'altra mano scese lungo la mia pancia verso i miei fianchi dove si allacciavano gli slip del bikini. Ne ha staccato uno, poi l'altro e poi li ha tirati fuori. Li ho sentiti atterrare sul pavimento dall'altra parte della mia stanza.
"oh piccola, guarda che buco del cazzo sexy."
Non avevo mai sentito mio padre dire una cosa simile prima. Mi ha scioccato.
Ho sentito il suo dito scivolare tra le labbra della mia figa.
"e anche il mio bambino è bagnato per papà. Mmmm tesoro, hai un odore così buono.
L'ho sentito respirare vicino alla mia figa. Mi ha emozionato e disgustato allo stesso tempo.
"papà può dare un bacio al suo bambino"
Mi sono teso e poi ho sentito le sue labbra sfiorare le mie labbra.
"e hai un sapore davvero buono."
Adesso ero bagnato. Tuttavia volevo che tutto questo finisse.
Si mise a sedere velocemente e tirò su le coperte. Poi ha iniziato a scuotermi.
"svegliati tesoro. Svegliati"
Non sapevo cosa fare. Io faccio finta di svegliarmi, forse lui semplicemente chiederebbe scusa e se ne andrebbe.
Ho iniziato lentamente ad aprire gli occhi comportandomi come intontito. Come se in effetti stessi dormendo.
"oh papà. Ehm, scusa, mi sono addormentato." ha appena iniziato da molto tempo.

CONTO
Ero ubriaco, potevo ammetterlo. Il mio cervello mi dice di tirare su la coperta e svegliarla per potersi vestire. Non chiedermi perché, ma ho iniziato a provare a scuoterla per svegliarla.
"svegliati tesoro. Svegliati"
I suoi occhi iniziarono ad aprirsi e sembrava intontita e mezza addormentata. All'ultimo minuto mi sono reso conto di averle lasciato la parte superiore intorno al collo e lui ha toccato completamente il fondoschiena.
Merda, ho pensato tra me e me.
"oh papà" iniziò "scusa, mi sono addormentata"
Non sembrava sorpresa dal fatto che i suoi battitori fossero come erano.
Non sapevo dove volevo andare a parare, ma all'improvviso mi sono sentito arrabbiato e non riuscivo a controllare le parole che mi uscivano dalla bocca
"Cosa pensi esattamente che stessi facendo nella spa, signorina?"
Ora sembrava scioccata, ma penso che dovevo farlo. Non capivo la rabbia che provavo e nel profondo sapevo che ero io ad aver fatto la cosa sbagliata nella spa.
"Uhm io ehm non lo so papà, solo... ma tu ehm beh tu" stava inciampando nelle sue parole ora non sapendo cosa dire.
Ho strappato la coperta e ho infilato le dita nella sua figa e l'ho afferrata
"Sei tutta bagnata come una piccola troia Bella. Troia Bella. È questo quello che sei?" Le ho quasi urlato mentre le afferravo la figa in modo piuttosto aggressivo.
"no papà io... papà fermati... papà che fa male"
Lei stava piangendo. Ma non me ne potrebbe importare in questo momento. Non riuscivo proprio a trattenermi
"pensi di poterlo fare meglio, vero? Beh, vero troia?"
Le ho afferrato la mano e gliel'ho infilata nella figa dove prima c'era la mente. "beh, andiamo troia, mostra a tuo papà come si fa"
Ha provato a tirarlo via ma le ho infilato un dito tra le labbra e gliel'ho strofinato con forza contro. Più cercava di allontanarsi, più io la spingevo dentro.
"papà, perché stai facendo questo, smettila, per favore, papà, smettila"
Non mi chiamava papà da anni. Questo avrebbe dovuto essere il punto in cui me ne sono andato. Svegliarmi con me stesso invece ha avuto la reazione opposta. La volevo di più. Sentirla dire che papà mi ha fatto venire voglia di sbatterle quella figa. Spinsi il ginocchio tra le sue gambe costringendole ad aprirsi maggiormente. Ha combattuto, ma io ero più grande e più forte di lei. Avevo ancora la sua mano che si scatenava sulla figa, quindi ho spostato il pollice sul suo coagulo e l'ho massaggiato. Non ha mai smesso di piangere o di chiedermi di smettere, ma ho sentito anche un gemito o due lì dentro. La sua figa adesso era bagnata e ho deciso di provare a metterle un dito su. Non appena l'ho spinto dentro, lei ha urlato
"oh, quindi la mia piccola troia è vergine, dopo tutto, vero?" Ho riso e ho spinto più forte dentro di lei. Ho continuato ad entrare, uscire, entrare e uscire finché non mi sono reso conto che lei ora ci stava spingendo dentro. I suoi occhi erano chiusi e non avevo più bisogno di forzarle la mano. Si stava massaggiando la figa da sola

Storie simili

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

930 I più visti

Likes 1

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

614 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

1.8K I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.7K I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.