Capitolo 2 Rivelazioni

608Report
Capitolo 2 Rivelazioni

Capitolo 2
Rivelazioni



Squall attraversò stancamente il Garden, diretto al Training Center per allenarsi. Sperava che lo avrebbe aiutato a svegliarlo, inoltre aveva solo bisogno di uscire dal suo ufficio. Si era quasi addormentato alla sua scrivania, non qualcosa che un comandante dovrebbe fare. "Sono solo sogni, alla fine se ne andranno." si rassicurò mentre passava davanti ad alcuni cadetti che lo salutavano mentre passava. Salutò a malincuore a sua volta, desiderando che potessero dimenticare che era il loro Comandante per una volta.

"Comandante Leonhart, per favore venga subito nel mio ufficio," sentì la voce di Cid echeggiare in tutto l'edificio quando era a pochi passi dalla sua destinazione.

"Fantastico, e adesso?" mormorò, e cambiò direzione per vedere cosa voleva il Preside. Soffocò uno sbadiglio mentre si dirigeva verso l'ascensore, imprecando mentalmente per la sua mancanza di sonno. Non poteva funzionare in questo modo. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per fermare l'incubo ripetuto. 'Forse ho bisogno di una vacanza', pensò, poi lo spinse via. "Non succederà." Era perfettamente felice di essere ridicolmente occupato, con grande fastidio di Rinoa a volte.

Salì sull'ascensore, premendo il pulsante per il piano di Cid con un profondo sospiro, rilassando la schiena contro il muro mentre i suoi occhi si chiudevano. "Accidenti, sono così stanco." Solo in ascensore, si lasciò rilassare senza preoccuparsi che nessun cadetto lo vedesse in quello stato.Non poteva permettersi di apparire esausto e debole, anche se era così che si sentiva in quel momento.Il movimento della salita era non aiuta, e inciampò leggermente quando iniziò ad addormentarsi. "Merda," sibilò, raddrizzandosi e strofinandosi gli occhi con i palmi delle mani. "Devo dormire un po'", mormorò mentre raggiungeva il suo pavimento, la porta scorrevole che si apre per rivelare l'ufficio esterno di Cid e la sua anziana segretaria seduta alla sua scrivania con il telefono all'orecchio.

"Ti sta aspettando", disse, coprendo il microfono del telefono mentre parlava. "Entra, Comandante," disse lei in modo materno, e lui le fece un cenno di ringraziamento prima di andare alla porta ed entrare.

"Squall, vieni a sederti," offrì Cid quando chiuse la porta dietro di sé. Prese la poltroncina davanti alla scrivania del Preside, ignorando il desiderio del suo corpo di sedersi e rilassarsi sul comodo sedile. "Ho un incarico speciale per te. Tra due settimane partirai per Deling City," disse Cid, porgendo a Squall una cartella con le informazioni di cui aveva bisogno.

Squall non parlò, ma aprì invece la cartella, dando un'occhiata al contenuto della prima pagina, sentendo una traccia di deluso fastidio. 'Servizio di guardia del corpo? Starà scherzando con me.' Da quando era diventato comandante, aveva guidato molti cadetti in missioni importanti, ed era sempre qualcosa di grosso calibro, niente di così mediocre come essere una semplice guardia del corpo. Apparentemente il cliente era una giovane e ricca donna dell'alta società che aveva recentemente ereditato la società di successo e la ricchezza dei suoi genitori. La ragione per cui lei aveva bisogno di protezione era probabilmente sepolta ulteriormente nel rapporto, ma non si preoccupò di guardare, riportando la sua attenzione su Cid.

"Perché non inviare un SeeD capace in questo incarico. Sono un comandante, non una babysitter di ragazze ricche e viziate", disse con freddo disprezzo. Cid sussultò leggermente con i suoi modi audaci e a bruciapelo, ma si riprese altrettanto rapidamente.

"Squall, non hai mai messo in dubbio una missione prima. Avremo problemi con questo?"

"No, signore, ma credo di meritare una spiegazione sul motivo per cui mi hanno mandato a fare questo frivolo lavoro."

"In tutta onestà, manderei qualcun altro, ma sei stato richiesto in modo specifico. Una donna della sua posizione merita la migliore protezione che può ottenere, e capisco perché vorrebbe che fossi tu a fornirgliela.

"Comunque," sospirò Squall, chiudendo la cartella con uno schiocco.

Il preside ridacchiò. "Squall, che ti piaccia o no, sei molto conosciuto e continuerai ad attirare l'attenzione per il servizio che hai reso al mondo. Se non fosse stato per te, Artemisia sarebbe riuscita nei suoi piani perversi per tutti noi."

"Non l'ho fatto da solo, e no, non mi piace l'attenzione." Uno sbadiglio lo assalì dopo aver parlato, e questa volta non riuscì a trattenerlo.

"Squall, stai bene? Non sembri molto riposato." Per quanto Squall avesse cercato di coprire il suo problema, le occhiaie sotto i suoi occhi stavano diventando più evidenti ogni giorno che passava, per non parlare del fatto che non riusciva a smettere di sbadigliare.

"Sto bene," mentì, spazzando via come niente. Cid non sembrava convinto e scosse la testa con un dolce sorriso.

"Devi dare il meglio di te per questo incarico, Squall. A partire da questo momento, sarai in vacanza finché non partirai per Deling."

"Ma, signore.."

"Nessun ma. Questo è un ordine Squall, e mi aspetto che tu lo segua. Negli ultimi due anni non penso che tu ti sia preso del tempo per te stesso, e penso che sia ora che tu lo faccia."

"Bene," scattò la bruna, poi guardò Cid con solo un barlume di vergogna. "Mi scusi, signore. Ultimamente mi sembra che stia sboccando con tutti." Squall si coprì la bocca quando un altro sbadiglio lo prese, e non voleva altro che arrampicarsi nel suo letto e dormire per giorni, se possibile. Eppure sapeva che non appena la sua mente stanca si fosse allontanata, sarebbe tornato nell'oscurità, cercando solo di svegliarsi di nuovo.

"Non sono necessarie scuse. Riposati solo un po'. Per ora sei licenziato," disse Cid, alzandosi dalla scrivania. Anche Squall si alzò, ricambiando il saluto frizzante che Cid gli aveva rivolto, e con gratitudine lasciò l'ufficio per andare nell'appartamento che condivideva con Rinoa.

Mentre tornava giù con l'ascensore, si chiese come Rinoa avrebbe preso la notizia del suo nuovo incarico. Si arrabbiava quando doveva lasciare il Garden per un lungo periodo di tempo. Gli nascondeva la sua preoccupazione, era forte in quel modo, ma lui lo vedeva comunque. Sembrava che facessero sempre l'amore soprattutto la sera prima di una missione, forse nel timore che fosse l'ultima volta. Divertente, doveva andare a fare la guardia del corpo di una donna che non conosceva nemmeno, quando Rinoa era l'unica che voleva proteggere. La sua bellissima maga dai capelli corvini. In quel momento non sentiva di poter proteggere nessuno. "Forse dovrei vedere il dottor Kadowaki."

Svoltò nel corridoio che portava al suo appartamento quando si scontrò con Selphie che stava correndo a tutta velocità. "Dannazione, Selphie!" sparò, afferrandola per stabilizzarli entrambi prima che potessero cadere a terra.

"Mi dispiace, Squall," ansimò eccitata. "Stavo solo venendo a cercarti. Ho una sorpresa," rimbalzò sui talloni con un grande sorriso stampato sul viso.

"Non mi piacciono le sorprese. Quante volte te lo devo dire?" disse, cercando di reprimere l'impulso di spingere oltre la sua amica per allontanarsi da lei. Quando ha detto a Cid del suo umore, non stava scherzando. Stava attaccando tutti, anche quelli che gli erano più vicini. Tutti nella sua ristretta cerchia di amici avevano sicuramente notato che si stava comportando in modo più freddo, anche più di prima che Rinoa entrasse nella sua vita.

"Ti piacerà questo. Dai," disse, afferrandogli la mano che non stava afferrando la cartella dei file per trascinarlo lungo il corridoio. Ignorò il suo pessimo umore mentre il suo piccolo corpo trascinava quello più grande, ridacchiando quando lui grugniva di fastidio. Si lasciò guidare da lei, troppo stanca per fare qualcos'altro.

I suoi amici erano riuniti nel suo appartamento insieme a qualcuno che non si aspettava di vedere. Suo padre si alzò dal divano, rivolgendogli un sorriso esitante. La tensione nella stanza era abbastanza forte perché lui potesse notarlo, e guardò tutti a turno per vedere la preoccupazione su tutti i loro volti.

"È bello vederti, figliolo," disse Laguna, rompendo il silenzio.

"Anche tu," rispose, non proprio sicuro se lo intendesse davvero. Non provava odio per quell'uomo, ma era confuso sul motivo per cui fosse lì e sul perché tutti si comportassero in modo così strano. Laguna sembrava più pallido del solito, e l'espressione esausta sul suo viso corrispondeva alla sua. "Sembri stanco," disse, attraversando la stanza per mettere via il fascicolo sullo scaffale finché non avrebbe potuto guardarlo più tardi.

"Potrei dire lo stesso di te," rispose Laguna.

"Cosa c'è che non va in tutti? Di solito non riesco a far tacere nessuno di voi," scattò Squall, guardando il piccolo gruppo di persone che erano nella stanza.

"Squall, stai bene?" chiese Laguna.

"Certo che sto bene! Perché non dovrei esserlo?!" Sentiva i suoi nervi logorarsi e non desiderava altro che essere lasciato solo. "Cosa c'è che non va in tutti?" Rinoa sembrava sull'orlo delle lacrime, e lui si sentiva in colpa per essere stato così duro. Le tese le braccia e lei si avvicinò per essere abbracciata. Non voleva ferire nessuno di loro, specialmente il suo amore.

"Gliel'ho detto," sussurrò, le lacrime che le sgorgavano dagli occhi, e lui non dovette chiedere cosa volesse dire. "Sei arrabbiato con me?"

"No, non sono arrabbiato con te." La tenne stretta, cercando di calmarla mentre singhiozzava piano contro il suo petto.

"Per favore, Squall. Dicci cosa stavi sognando. Vogliamo aiutarti," lo esortò Rinoa una volta che ebbe il controllo su se stessa. Sospirò rassegnato, accettando ciò che doveva fare. Non poteva più tenersi questo problema per sé. Semplicemente non glielo avrebbero permesso.

Ha parlato senza alcuna emozione, raccontando ai suoi amici e al padre il suo fastidioso problema. Ha iniziato da quando sono iniziati i sogni, raccontando loro ogni parte di ciò che riusciva a ricordare, ed era tutto. Per quanto si sforzasse, non riusciva a far svanire i ricordi degli incubi. Era come se fossero permanentemente impressi nella sua coscienza, quella fredda oscurità sempre in fondo alla sua mente.

"I sogni non possono ferire le persone!" disse con irritazione quando ebbe finito, vedendo la preoccupazione sui volti di tutti. Suo padre stava tremando fisicamente, seduto sul divano con un sospiro tremante. "Cosa c'è che non va?"

"Anch'io ho sognato. Ecco perché sono qui, Squall," rispose. "Penso che abbiamo un problema serio e dobbiamo occuparcene il prima possibile".

"La puttana è morta! L'abbiamo uccisa!" urlò Squall all'improvviso, facendo sobbalzare tutti nella stanza con la sua ferocia. Le braccia di Rinoa lo tenevano più stretto, e lui si calmò con il suo calore, chiudendo gli occhi in modo da non dover guardare i suoi amici che sembrava continuare a far male ultimamente. "L'abbiamo uccisa," disse dolcemente questa volta, suonando meno sicuro del fatto.

"Comincio a chiedermi se è così," disse Laguna, rischiando un altro sfogo da parte di suo figlio. Squall non urlò questa volta, ma lo fissò con uno sguardo di totale sconfitta e cupa accettazione.

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

320 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

353 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

218 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

607 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

594 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

572 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

594 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

574 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.