Discussioni: L'Isola Capitolo 4

428Report
Discussioni: L'Isola Capitolo 4

Con il più leggero dei tocchi, le sue mani gli allargarono le ginocchia, e la sua testa saettò tra le sue gambe, in basso, quasi sotto le sue palle, e lui sentì il suo naso toccare la stoffa dei suoi pantaloni.

"Porca miseria," ringhiò, respirando profondamente, il cazzo teso contro l'interno della gamba dei pantaloni mentre lei muoveva la testa attorno al suo inguine.

La lingua di Sahara guizzò fuori un attimo dopo, proprio nella parte inferiore dei suoi bottoni, premendo attraverso il denim alla base della sua asta, poi sondando lentamente lungo la lunghezza del suo cazzo, il suo rigonfiamento era facilmente visibile. Continuò, a volte sopra, a volte sotto, ma sempre in contatto finché la sua lingua non incontrò la punta della sua erezione intrappolata.

I suoi occhi si alzarono per incontrare i suoi. "Adesso questo non va bene, vero?" fece le fusa, appena percettibili sopra la musica pulsante. Le sue mani scivolarono lungo l'interno delle sue cosce, la destra accarezzò la parte inferiore delle sue palle, la sinistra si posò sotto il suo cazzo, e mentre Kyle sussultava, manovrò la sua erezione finché non fu dritta nei suoi pantaloni.

La lingua di Sahara si trascinò lungo i bottoni della patta, sporgendo dall'erezione contenuta, dal basso verso la punta e per un paio di secondi la sua testa dondolò su e giù, come se lo stesse succhiando. Kyle sentì il bisogno disperato di avvolgerle i capelli con le dita e tenerla ferma, ma prima che potesse perdere il controllo e afferrarla lei si mosse di nuovo.

Questa volta lei si alzò a metà e si voltò, dandogli le spalle, con le sue splendide, succulente natiche davanti a lui. Di nuovo si leccò le labbra mentre queste si abbassavano lentamente sulla sua vita, spingendole leggermente da un lato all'altro finché non riuscì a sentire la sua erezione annidata tra le guance del suo culo.

Questa era già una classe di lapdance completamente diversa da quella che aveva sperimentato con Piper poco tempo prima.

Sahara trascinò lentamente il culo lungo il suo cazzo, e mentre la testa di Kyle premeva contro la sedia in beata agonia, lei lentamente lo cavalcò sopra. Le sue mani si alzarono ai lati della testa, allacciandosi tra i suoi capelli mentre le sue natiche iniziarono a cavalcare lentamente il suo cazzo, tirando il suo prepuzio su e giù ad ogni movimento.

Kyle era in paradiso. Se era possibile scopare qualcuno senza penetrarlo, allora era proprio così, e Sahara se l'era presa davvero con lui. Mentre il suo sedere si trascinava su e giù su entrambi i lati del suo cazzo, si appoggiò lentamente all'indietro finché la sua testa non poggiò sulla sua spalla destra. Poteva sentire il suo respiro sul collo mentre guardava i suoi seni, i suoi capezzoli tesi, duri e angosciosamente vicini, eppure ancora fuori portata.

Tremò quando la sua lingua guizzò fuori, accarezzandogli la pelle del collo, tracciando lentamente un disegno invisibile sempre più in alto finché il suo orecchio non fu risucchiato nella sua bocca. Gli occhi di Kyle si chiusero, le sensazioni su tutto il corpo diventavano sempre più intense di secondo in secondo mentre Sahara manipolava i suoi sensi.

I suoi occhi si aprirono di nuovo quando lei gli tolse l'orecchio dalla bocca e guardò mentre le punte delle sue dita prendevano leggermente il capezzolo, girandolo leggermente, tirandolo un po', rendendolo sempre più rigido mentre le sue natiche premevano sul suo cazzo.

"Cazzo," disse, con la voce carica di desiderio.

Sahara si sedette lentamente in posizione eretta, sollevando il sedere dal cazzo mentre si alzava e si piegava, ma la sua mano sfrecciava verso il basso, accarezzando la sua erezione come per rassicurarla. Kyle poteva vedere proprio tra le sue gambe e il contorno della sua figa attraverso le mutandine nere. Il suo cuore batteva forte nella speranza che lei stesse per toglierseli.

Le sue ginocchia si piegarono di nuovo, facendo rimbalzare il sedere sul suo cazzo un paio di volte come se lo stesse cavalcando, ma le sue gambe si raddrizzarono di nuovo un attimo dopo e una delle sue mani si mosse tra le gambe, un dito che tracciava le labbra della sua figa e continuando tra le guance del suo culo.

Kyle si leccò di nuovo le labbra mentre il dito continuava a salire oltre il suo culo, fermandosi sulla cintura delle sue mutandine e agganciandosi all'interno.

"Per favore," sussurrò silenziosamente, sorridendo mentre il dito cominciava ad abbassarle le mutandine, centimetro dopo centimetro, proprio davanti a lui. Si staccarono lentamente dalla sua pelle, Sahara si chinò proprio davanti a lui, offrendogli la migliore visione possibile, da vicino.

Kyle fece un respiro profondo, il cuore che batteva all'impazzata mentre i suoi occhi si concentravano sul suo buco del culo immediatamente visibile, ma Sahara girò il suo corpo di mezzo giro a destra, stuzzicandolo ulteriormente. Poteva vedere il sorriso malvagio sul suo viso mentre osservava la sua reazione, dondolando il sedere da un lato all'altro mentre faceva scivolare la biancheria intima lungo le natiche, poi lentamente lungo le cosce, lasciandole cadere sul pavimento.

Kyle desiderava disperatamente che lei riprendesse la posizione precedente, eppure lei continuava a dondolare i fianchi davanti a lui, di lato in modo che lui non potesse intravedere ciò che desiderava vedere. Il suo cazzo aveva bisogno di attenzione e spostò leggermente i fianchi per cercare di allentare la pressione.

Sahara fece una pausa, fermò l'oscillazione dei fianchi e gli rimise una mano sulla fronte. La vista del suo corpo di profilo non faceva altro che intensificare la lussuria di Kyle ed era sicuro di poter sentire il proprio cuore battere sopra i battiti della musica pulsante nella piccola stanza.

Ansimò mentre Sahara si muoveva velocemente, un movimento fluido e aggraziato che improvvisamente fece avere i suoi piedi su entrambi i lati dei suoi fianchi con i fianchi sopra la sua testa, la sua splendida figa proprio davanti al suo viso. Kyle deglutì, una reazione inconscia alla vista davanti a lui.

Mentre guardava, Sahara teneva la testa ferma, a malapena un piede di distanza dal suo bacino nudo e faceva scivolare lentamente la mano libera sullo stomaco, sul fianco e poi sul monte rasato. Le sue unghie tracciavano cerchi sulla pelle sensibile e Kyle era sicuro che ci fosse la pelle d'oca, tanto era delicato il suo tocco.

Le sue dita scivolarono più in basso, accarezzando le labbra della sua figa, scivolando avanti e indietro lungo entrambi i lati e la bocca di Kyle si spalancò mentre lei faceva scivolare l'indice dentro di sé, un tuffo veloce che accettava tutto il dito senza esitazione. Il suo dito iniziò lentamente a scivolare indietro, ma tornò indietro il più profondamente possibile. Sahara inarcò la schiena mentre si toccava, e Kyle si leccò le labbra, sentendosi come se il suo cazzo fosse diventato ancora più duro fino a scoppiare.

Mentre la guardava, lei fece scivolare il dito dalle profondità della sua figa, e mentre lo portava verso la bocca di Kyle lui si spalancò, spingendosi in avanti per incontrarlo, non volendo altro in quell'istante che succhiarle il dito e assaporare la sua umidità.

La mano di Sahara premette fermamente sulla sua fronte tenendolo fermo e i suoi occhi guizzarono verso i suoi, vedendo il delizioso sorriso di un nato stuzzicare i suoi bellissimi lineamenti. Prima che potesse fare un'altra mossa, il suo dito bagnato gli passò proprio sotto il naso, da sinistra a destra, lasciando una scia umida del suo profumo tra le labbra e il naso.

"Sì," sbottò Kyle, chiudendo immediatamente la bocca e inspirando dal naso per cercare di sentirne l'odore. La sua lingua guizzò fuori e si asciugò il labbro superiore, cogliendo un leggero accenno di figa sulla punta della lingua, ma non abbastanza da soddisfarlo.

Le mani di Sahara si spostarono ai lati della sua testa e il suo bacino cominciò a oscillare verso di lui. Sentì la testa tirata indietro un po' e aprì la bocca e tirò fuori la lingua, sperando disperatamente di assaporarla, di darle piacere e di sentirla contorcersi su di lui. Sapeva che stava respirando velocemente, era eccitato oltre ogni immaginazione e voleva quella ragazza, anche se non era Julietta. Era troppo tonica, troppo decisa per essere la ragazza con cui aveva chiacchierato quel giorno. Sahara era come la versione gemella cattiva di Julietta. Beh, il suo alter ego erotico.

La sua lingua sondava la sua figa che si avvicinava, desiderando ardentemente entrare in contatto con quel bellissimo paradiso umido, ma lei rimaneva appena fuori portata. I suoi fianchi dondolavano avanti e indietro davanti a lui, e lui poteva annusarla, sentire che anche lei era eccitata. Era troppo vicina perché lui la vedesse, ma era tutto istinto.

Ogni volta che cercava di sollevare la testa e immergersi in lei con la lingua, lei gli spingeva la testa indietro sul sedile oppure i suoi fianchi oscillavano appena fuori portata. Era una provocazione incredibile e lo interpretava come un'esperta. Era sopraffatto dal desiderio, dalla voglia di assaporarla, toccarla o possederla, intrappolato dalla consapevolezza che se avesse sfidato la fortuna e usato le mani o la forza per assaporarla, i suoi piedi non avrebbero toccato il pavimento finché non fosse stato sulla sua faccia per strada.

I suoi occhi guizzarono verso i suoi, e lei si fermò, paralizzata da quello stesso sguardo curioso e interrogativo sul viso che aveva prima dell'inizio del ballo. Lo stava guardando come se qualcosa non andasse bene.

Mentre lei stava lì sopra di lui, con la figa a pochi centimetri dalla sua bocca, lui colse l'occasione e spinse la lingua in avanti, poi tirò indietro la testa dal sedile.

Kyle era in paradiso nell'istante in cui la punta della lingua scivolò tra le sue labbra, assaporando immediatamente il suo profumo, la sua eccitazione. Sollevò la lingua, cercando e trovando quel delizioso piccolo bocciolo che massimizzava il piacere e vi trascinò saldamente la lingua, muovendo verso l'alto con la punta della lingua.

Era passato solo un secondo, probabilmente nemmeno quello, eppure aveva visto l'espressione di piacere attraversarle il viso nello stesso momento in cui la sua schiena si inarcava e la sua figa si sollevava fuori portata. Le mani sulla sua testa lo spingevano indietro, eppure Kyle era esultante. L'aveva assaggiata, era bagnata ed era tutto ciò a cui riusciva a pensare.

Sahara iniziò a oscillare al ritmo della musica pulsante, ora più lontana da lui, ma mentre i suoi occhi scivolavano lentamente lungo il suo corpo, Kyle pensò che non era mai stata così sexy. I suoi occhi incontrarono quelli di lei e poté vedere l'intensità dei suoi occhi, che lo fissavano come se cercassero di decidere qualcosa che solo lei conosceva. Sperava che lei decidesse di dargli un altro assaggio.

Kyle la osservò piegarsi alle ginocchia, i piedi fermi ai lati dei suoi fianchi e le mani scivolare dietro il suo collo mentre si accovacciava lentamente sui suoi fianchi, portandola in una posizione simile a quando aveva iniziato la danza per lui. , anche se ora era nuda, lui era duro e sapeva che era bagnata.

Sentì la sua figa appoggiata sulla sua erezione, solo il denim dei suoi pantaloni a separarli e poi lei si sollevò da lui, i suoi fianchi si alzarono e si abbassarono un attimo dopo più in basso sul suo cazzo. Un lento movimento inarcato trascinò la figa di lei lungo tutta la sua erezione e Kyle ringhiò nell'intensità del piacere e del desiderio che lo attraversavano.

Lei ripeté il movimento ancora una volta, poi una terza volta, e poi mentre lui si spingeva verso di lei si fermò, lasciandolo lì a infilarsi i jeans. Lei sorrise, e anche Kyle sorrise, sapendo di essere manipolato da un maestro e di non preoccuparsene. Ne amava ogni secondo.

Sahara scivolò indietro e abbassò i piedi sul pavimento. Il suo corpo ondeggiava, si contorceva e danzava per lui tra le sue cosce, ombre e luci tremolavano sulla sua pelle ad ogni movimento. Mentre lei ruotava lentamente, Kyle abbassò lo sguardo sul suo sedere, sodo e muscoloso ma abbastanza formoso da voler seppellirci la faccia.

Lei indietreggiò verso di lui, colpendo con la parte posteriore delle ginocchia l'interno delle sue cosce e poi si abbassò lentamente, riprendendo la posizione che aveva tenuto prima, con le natiche che avvolgevano la sua erezione attraverso i pantaloni e cominciò a dondolare i fianchi.

Sahara si appoggiò allo schienale, questa volta alla sua sinistra. La testa di lei si abbassò sulla sua spalla mentre le sue natiche continuavano a dondolarsi su e giù per il suo bacino, masturbandolo e facendolo sussultare. Gli succhiò di nuovo l'orecchio in bocca, intensificando ulteriormente le cose per Kyle, più di quanto lui potesse sopportare.

"Ti è piaciuto il tuo piccolo gusto malvagio?" gli sussurrò all'orecchio, con la voce profonda e roca.

Kyle annuì, con gli occhi chiusi. Avrebbe voluto alzare le mani e afferrarle i fianchi, il seno, qualsiasi cosa pur di tenerla a posto. Il movimento costante del suo cazzo lo avrebbe fatto venire, lo sapeva, ma non gli importava, era ancora vestito, non aveva pensieri oltre al piacere di quel momento.

"Infilare la lingua nella mia piccola figa bagnata come un ragazzaccio?" continuò, strappando un gemito a Kyle mentre il suo culo gli muoveva il cazzo. Poteva sentire il suo respiro farsi più profondo. Le sue palle cominciarono a stringersi e sapeva che non ci sarebbe voluto molto.

"E adesso vuoi venire, vero?" lei sussurrò.

"Sì," ansimò Kyle. La sentì succhiargli ancora una volta il lobo dell'orecchio, rilasciandolo velocemente. I suoi fianchi fecero un giro più lungo e lento lungo il suo cazzo.

"Scommetto che vuoi toccarmi, vero?" sussurrò Sahara. "Per afferrarmi, prendermi, scoparmi."

Il cazzo di Kyle stava per esplodere e lui lo sapeva. Il suo respiro adesso era affannoso, forte e veloce mentre Sahara giaceva sopra di lui, facendogli lavorare il cazzo con le natiche, facendogli lavorare la mente con le sue parole.

Sentì le sue mani stringergli i polsi, sollevandoli entrambi. Lei li tirò su per incontrare i suoi fianchi dondolanti e lui li afferrò, tenendoli in posizione per spingere contro il suo cazzo, ma Sahara continuò ad inarcare la schiena, cavalcando la sua lunghezza su e giù, manipolando il suo cazzo. Poteva sentire che stava cominciando ad accadere e tutto il suo corpo si irrigidiva.

"Il mio culo ti farà venire, Kyle," gli sussurrò all'orecchio.

Prima che Kyle potesse rispondere, le natiche di Sahara si tesero, afferrandolo e i suoi fianchi dondolarono velocemente, molto più velocemente di prima, cavalcandolo forte e deciso attraverso i pantaloni. Lo ha mandato oltre il limite.

Il suo respiro cambiò, respiri profondi e veloci mescolati a gemiti, proprio nel suo orecchio. Il suo cazzo pompava uno spruzzo dopo l'altro di sperma all'interno dei suoi boxer. Il suo corpo esplose in ondate di piacere, forti ondate di beatitudine mentre la ballerina sulle sue ginocchia lo manipolava dentro e attraverso il suo orgasmo.

"Bravo ragazzo," mormorò lei, segandolo con le natiche.

Qualche istante dopo le mani di Kyle si staccarono dai suoi fianchi, esausto e sazio mentre l'ultimo orgasmo lo travolgeva. Sahara giaceva immobile sul suo corpo adesso, rilassato e immobile. La sua lingua guizzò fuori e tracciò un cerchio sul suo collo.

"Ti è piaciuto il ballo, Kyle?" disse piano mentre lui giaceva lì ansimante.

Lui annuì, non proprio capace di parole o frasi coerenti.

"Ed è un ballo che ricorderai per il resto della tua vita, non è vero?" lei disse. Poteva sentire la cattiveria nella sua voce con una punta di autocompiacimento per un lavoro ben fatto.

Annuì. "Cazzo, sì," balbettò un attimo dopo. "Incredibile."

Lo baciò sulla guancia, un bacio sorprendentemente tenero e gentile, la sua mano destra si alzò per tenerlo fermo. «Piacere mio», mormorò.

Kyle la sentì spostare il peso come se stesse per alzarsi, e le sue mani le afferrarono i fianchi. "Non andare."

"Devo vestirmi, Kyle," disse, sorridendogli. Lei mosse i fianchi da una parte all'altra.. "Inoltre, penso che potresti aver bisogno di andare a pulire."

Gli baciò ancora una volta la guancia, un gesto disarmante che gli dava affetto e allo stesso tempo ricordava a Kyle che il ballo era finito. Questa volta, mentre lei spostava il peso per sedersi, lui la lasciò andare, sentendola seduta dritta sulle sue ginocchia, con la schiena rivolta a lui.

Kyle si rese conto di come l'interno dei suoi pantaloni fosse ricoperto di sperma, e ora si stava rapidamente raffreddando. Aveva ragione, lo sapeva. Doveva andare a pulire e con un sospiro di rammarico accettò che il ballo fosse finito.

"Sei una ballerina davvero brava, Sahara," disse, osservandola mentre si chinava per raccogliere le mutandine e il reggiseno.

Lei mosse i fianchi verso di lui, dandogli una risposta fisica piuttosto che verbale che probabilmente non avrebbe comunque sentito. Lo prese come un segno che lei era contenta del suo complimento e mentre si infilava le mutandine intorno alle caviglie, ne tirò fuori altri venti dalla tasca.

Sahara si alzò, si chinò in vita e si fece scivolare le mutandine sulle gambe. Fu la prima volta che Kyle vide il suo culo e la sua figa da dietro e lo fece leccarsi le labbra. Si raddrizzò mentre si infilava le mutandine nere con il pizzo argentato, aggiustandole sui fianchi e poi si girò a metà e si sedette sulla sua coscia destra.

"Ecco", disse Kyle, sollevando i venti dollari e porgendoglieli. "Il miglior ballo che abbia mai fatto. Se potessi darti cento dollari lo farei, e meriteresti comunque una mancia."

"Non sei dolce?" disse, e gli diede un breve bacio sulle labbra. "Grazie, Kyle."

Sahara si rimise il reggiseno con un movimento rapido ed esperto, allacciandolo e poi facendo scorrere rapidamente le dita tra i capelli, rimettendoli a posto.

"Lo facciamo?" disse, alzandosi e tendendo una mano a Kyle per aiutarlo ad alzarsi.

Lui sorrise, le prese la mano e si alzò, sentendosi un po' traballante per un momento, facendola ridacchiare.

"Tremore al ginocchio?"

Kyle annuì. "Te l'avevo detto che eri bravo."

"Oh, lo so, sto bene," disse sorridendo. "Onestamente, però, di solito non mi eccito quando faccio una lapdance, ma c'è qualcosa in te, Kyle."

Kyle sorrise, ma sapeva che era una battuta. Non disse altro, ma lasciò che lei lo conducesse fuori dal séparé e attraverso le tende di perline fino alla stanza principale.

Si fermò e gli diede un bacio sulla guancia, e con un sussurro: "Grazie per il ballo", se ne andò. Kyle guardò i suoi amici, osservando una ballerina sul palco principale fare acrobazie nuda con le cosce strette attorno a un palo d'acciaio, e sorridendo si diresse verso il bagno.

Kyle, Ed e Casey sono arrivati ​​al Club Boca ma hanno dovuto aspettare in coda. Il tempo passò velocemente con Casey che ricordava ripetutamente a Ed di non essere un totale stronzo e Ed interrogava ripetutamente Kyle sulla lapdance. Da quando si era ripulito nel bagno del club, Kyle non aveva detto una parola ai suoi amici. Aveva anche gettato i suoi boxer nel cestino della carta straccia del bagno e aveva finito per diventare un commando. Non c'era alcuna possibilità che raccontasse a Ed quella storia.

Poco dopo mezzanotte furono ammessi al Club Boca, un grande locale incentrato sul ballo e sul bere, con i DJ che suonavano un misto di dance mainstream e musica latin house, e Kyle colse immediatamente l'atmosfera fresca e rilassata del posto. Ed e Casey sono andati al bar mentre Kyle andava a cercare le ragazze. I ragazzi lo avevano raggiunto di nuovo quando li vide, quindi tutti e tre si avvicinarono per unirsi a loro.

"Ehi," Kyle sorrise mentre si avvicinava a Julietta.

"Ciao Kyle," disse, ricambiando il sorriso. "Quindi voi ragazzi ce l'avete fatta? Pensavamo che non sareste venuti."

Kyle sorrise, sapendo senza ombra di dubbio che Sahara non era Julietta, ma la somiglianza con lei era spaventosa. Rendendosi conto che non le aveva risposto, sorrise. "Sì, siamo rimasti bloccati nella fila fuori. Adesso però eccoci qui."

"Mi fa piacere saperlo," rispose Julietta dandogli una gomitata.

"Ehi, vuoi ballare?"

"Sicuro."

Kyle la seguì sulla pista da ballo e colse l'occasione per guardarla. Gli piacevano davvero la gonna corta nera e gli stivali e il top tagliato bianco e nero che indossava la metteva davvero in mostra. Una volta sulla pista da ballo, Kyle si lasciò andare. Gli era sempre piaciuto ballare, soprattutto nei club e quando molti dei suoi amici attraversavano quella fase in cui pensavano che ballare fosse "gay", Kyle era in grado di ballare con la maggior parte delle belle ragazze della sua scuola. Adesso che aveva vent'anni si sentiva a suo agio sulla pista da ballo.

Mentre si godevano la musica, Kyle notò lo strano ragazzo che controllava Julietta di tanto in tanto. Sembrava davvero attraente, notò, e gli piaceva il modo in cui continuava a guardarlo. Nonostante il suo precedente orgasmo allo strip club, poteva sentire un formicolio di eccitazione alla bocca dello stomaco.

Dopo circa quindici minuti sulla pista, dove furono brevemente raggiunti da Casey e Margarita, si fermarono a bere qualcosa. Kyle prese loro un paio di sgabelli guardando la pista da ballo e si sedettero.

"Allora, cosa hai fatto stasera?" chiese Kyle.

"Oh, lo sai. Questo e quello," sorrise. "Quattro ragazze in città."

"Posso immaginarlo," rise. "Molte prese in giro e flirt?"

"Un po'" rispose ridendo. "Un po' di bere, un po' anche di ballare."

"Roba buona." Prese un sorso di birra e dopo aver offerto a Julietta un altro drink, fece un salto al bar e offrì un giro di drink per tutti. Quando tornò, Ed stava raccontando loro tutto dello strip club in cui erano stati prima.

Kyle gemette, dato che non aveva intenzione di raccontare a nessuna delle ragazze del Derriere's Gentleman's Club, ma avrebbe dovuto sapere che Ed era incapace di qualsiasi tipo di tatto o diplomazia. Posò i drink sul tavolo e prese quello suo e di Julietta, porgendoglielo.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

612 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Piccolo Jazz

Mi chiamo Patrick, ho 21 anni e lavoro in un negozio al dettaglio di materiale elettrico, nel magazzino. Di solito consiste in lunghe giornate difficili in cui si devono ricevere molte scorte pesanti, come frigoriferi e lavatrici, dovendo anche dare ai clienti le loro scorte. Diventa piuttosto stancante, specialmente durante i mesi estivi quando fa caldo. Il magazzino ha un secondo livello, dove solitamente teniamo le unità esterne per i condizionatori. Essendo fuori dalla visuale della telecamera e accessibile solo a coloro che possono guidare il commissionatore (un tipo di carrello elevatore), quello che io e i miei compagni di lavoro...

891 I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

930 I più visti

Likes 1

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

1.8K I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.