Prendersi cura dei bisogni

457Report
Prendersi cura dei bisogni

Yana ha 26 anni da Shanghai in Cina, non si è mai sposata seguendo la cultura cinese, le ragazze cinesi non trascorrono del tempo da sole con un uomo. Quando si tratta di sesso, le donne cinesi sono tradizionalmente timide e passive. Yana ha detto "John, mi prenderò cura dei tuoi bisogni". "Allora perché sei così riluttante quando ti bacio e accarezzo il tuo giovane seno sodo?" Lei rispose: "John, quando ho detto che mi prenderò cura dei tuoi bisogni, intendevo che mi occuperò dei lavori in casa, in modo che tu possa vivere comodamente." "Non i miei bisogni sessuali." Ho detto. " Yana, non farmi ridere. Ho dei servi che si occupano delle faccende domestiche. Essendo un uomo, ho altri bisogni. Il bisogno del mio cazzo. Il bisogno di baciare le tue tenere labbra. Il bisogno di accarezzare, baciare e succhiare i tuoi giovani seni e capezzoli succulenti. Il bisogno di toccare e giocare con la tua fica vergine, che non ha mai avuto un cazzo. Ho bisogno di ficcare il mio cazzo palpitante dentro di te!" Lei cominciò a piangere e disse: "No, John... per favore, non dire cose così volgari". Mi sono irritato e ho detto: "Guarda, Yana... lasciami essere schietto. Ti ho portato qui dalla Cina... non per il matrimonio... ma per vivere con me e prendermi cura dei miei bisogni sessuali. Foto della tua adorabile E il tuo corpo delicato mi eccitava rendendomi duro il cazzo. Sapevo che dovevo averti... così potevo accarezzare, baciare e succhiare ogni parte del tuo corpo. Fantasticavo su come avrei potuto godermi il tuo corpo." Ho continuato in modo crudo e scioccante: "In realtà, volevo avere il piacere di squarciare brutalmente la tua verginità e vederti sanguinare e urlare di dolore, quando il mio cazzo era sul punto di farlo." "Ora che sei qui, mettiamoci d'accordo."

"Riceverai un mio messaggio mentre torno a casa... Ti dirà di essere pronto... Ciò significa che mi aspetto che tu sia nudo e mi aspetti." Sono uscito per le riunioni in ufficio, ho guardato il cellulare, erano le ore del pomeriggio e la mia ultima riunione stava finendo. Ho mandato il messaggio a Yana e mi aspettava tra quaranta minuti. Arrivo a casa salendo le scale, come ho fatto io
passo davanti al bagno e vedo Yana in piedi davanti al lavandino nuda. Faccio un passo verso di lei, Yana sente il suo stomaco sobbalzare. Sa che farà questa cosa, ma è alle prese con il modo in cui si sta svolgendo. Per la prima volta dal suo arrivo e dalla nostra conversazione, si chiede se non sia andata troppo oltre. Le metto la mano sul fianco, appena sotto l'ascella. Le mie mani sono grandi e forti. Le afferro facilmente il busto, usando il pollice per sfiorarle il lato del seno.
" Come questo?" Chiedo. Il mio pollice le accarezza il capezzolo, lei gode della sensazione improvvisa del mio tocco. È bello essere accarezzati, toccati. Man mano che i suoi capezzoli si induriscono, la sua riluttanza si scioglie. Lei inspira, poi espira.
Lei incontra esitante i miei occhi allo specchio. Sorrido, lei si morde il labbro. Non mi aspetto una risposta, ma lei annuisce. Potrebbe andare troppo lontano, ma non tornerà indietro adesso. Mi avvicino. Profumo di colonia costosa. All'improvviso la mia mano è tra le sue gambe, accarezzandole il monticello. Le mie grandi dita sondano il suo morbido monticello pubico. La bocca di Yana si apre. Non si aspettava che andassi lì così in fretta. Ha un'obiezione sulla punta della lingua. Si obbliga a parlare. Ma invece di protestare esce solo un lieve gemito. Le sue cosce cominciano a tremare, si allunga verso di me per stabilizzarsi, sente il tessuto della mia maglietta, il mio grande corpo sotto.

Yana inizia a dondolare dolcemente i fianchi, cavalcando la mia mano. Sente la sua figa bagnata dalle sue stesse secrezioni, che si sfrega contro le sue labbra gonfie. Il bagno è stranamente silenzioso, sto fissando lo specchio a muro, osservando attentamente il suo riflesso. Yana si chiede cosa sto pensando. Yana pensa a "come sarebbe essere intimo con un uomo grosso e molto più anziano,"
La vedo che mi guarda e sorride. Yana si sente stranamente compiaciuta dalla mia disponibilità a guardarla negli occhi, riconoscendola. Smetto di accarezzarla, lei sorride nervosamente. Stringe insieme le cosce. Muove i fianchi in avanti. Non sicura di cosa fare con le mani, le mette dietro la schiena. La guardo a lungo. Le afferra il gomito. Aspetta.
"Bello," dico. La guardo negli occhi, il mio sguardo aspro la coglie di nuovo alla sprovvista. Sente il suo corpo avvampare di calore, ma non riesce a capire se si tratta di umiliazione o desiderio sessuale. "Ti scoperò." ringhio. Questo è ciò che ha sognato, ma immaginava di sposarsi. Si sente nervosa. "Va tutto bene," dico. La sto guardando di nuovo. Misurandola. "Siamo tutti soli", sussurro. Vuole rendermi felice. Il suo cuore batte forte e non vuole cadere. Le sue scarpe di pelle nera brillano nella luce ambientale. Sente una calda luce. "Piegati," dico. "Tieniti al bancone." Yana rimane sbalordita per un secondo, anche se si sente disposta a obbedire. Il suo stomaco si rivolta. Afferra diligentemente il bancone e si china, presentando il sedere. Infilo la mano tra le sue cosce da dietro. Faccio scorrere leggermente le dita sulla sua figa. Il suo monticello pubico è fradicio.

Espira rumorosamente quando le tocco la figa. Geme, abbassando la testa tra le spalle, le braccia appoggiate sul bancone. È pronta per questo, più che pronta. La mia mano le accarezza la nuca. La tubo dolcemente, la conforto. Leccandomi la punta delle dita, metto di nuovo la mano sotto tra le sue cosce. Le mie dita le accarezzano la figa, faccio scivolare il pollice tra i caldi globi del suo sedere. Yana si perde mentre le mie dita sondano la sua figa scivolosa. Alzando il sedere, si aggrappa al bancone. Le dico che sarò gentile a presentarla al rapporto. Dopo questa gentile introduzione poi sarà difficile quando, dove e quante volte voglio. Il mio linguaggio diventa più grossolano. Non ha mai sentito un uomo parlare così. Lo trova stranamente avvincente. Le relazioni possono essere dei giochi mentali, ma non è niente del genere. Comincia ad ondulare dolcemente i fianchi, gemendo di nuovo dolcemente. Sono al suo fianco, una mano sul suo seno, l'altra tra le sue gambe. La sto suonando come una tastiera, con il mio cazzo duro e mostruoso ancora nei pantaloni. Le dico che il mio cazzo mostruoso sarà doloroso mentre le allarga la fessura calda e stretta, riempiendole la fica per la prima volta nella sua vita. Lei piagnucola mentre mi lascia fare a modo mio. Parla come mi pare. Mi muovo dietro di lei e le allargo le gambe. I miei pantaloni sono aperti e la mia maglietta è alzata. Il mio petto e il mio addome sono ricoperti di folti peli neri,
sussulta mentre si guarda alle spalle vedendo il mio cazzo lungo e grosso. Mi sto accarezzando. Poi strofino la testa del cazzo sulle labbra della sua figa. Sto per farlo, per farla. Yana sente un formicolio al centro del petto. Vuole parlare della sua gentilezza. Ma sembra così casuale e difficile da spiegare. Prima che possa trasformare i suoi pensieri e sentimenti in parole, spingo il mio cazzo tra le sue gambe, trafiggendole la carne umida. Lei geme, dimenticando la gentilezza.

Fa male mentre provo a spingere ulteriormente la testa del cazzo dentro di lei. "Oh Dio... John... è troppo grande... per favore fermati... tiralo fuori."
Segue una forte spinta, che forza una parte maggiore del mio cazzo dentro di lei.
“Aieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee…………ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhh…………argggggggggggggg!” Lei strillò mentre il mio corpo pesante si appoggiava pesantemente su di lei, conficcandola con forza nella mia punta. I lunghi capelli neri e setosi svolazzavano selvaggiamente da una parte all'altra increduli di ciò che stava accadendo. “Oh, per favore….per favoreeeeee.…….oh, fa malessssssss………fa male così maledddddd!” gemeva in agonia, singhiozzando per questa orribile scopata. “Oddio, ohhhhhh……… aiutamieeee…..ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh...…noooooooooo!” lei piagnucola mentre il cazzo le spinge attraverso l'imene. Sono eccitato dai canti della bellezza angosciata "Oh….oh….oh……oh….oh…!” Tutto in sincronia con ciascuna delle mie potenti spinte. Alla fine, mancano solo 3 pollici. In qualche modo è riuscita a prendere 9 pollici del mio grosso serpente dentro di sé. Mi sono indietreggiato lentamente finché non è stata avvolta solo la testa del cazzo. Poi, ho sbattuto contro il piccolo corpo con tutto il mio peso, il mio cazzo si è tuffato senza pietà e ha lanciato un forte urlo penetrante. “Aieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!” Yana urlò in agonia mentre il dolore intenso la attraversava.
Lei gemette, ansimando per riprendere fiato, con il dolore che emanava dalla sua figa violentata e brutalizzata. Brividi attraversarono il suo corpo tormentato dal dolore mentre inizio a spingere lentamente, ritirando lentamente il mio cazzo e poi facendolo scivolare di nuovo dentro. Piegato in due sul bancone, mi chino ulteriormente in avanti e questo provocò onde d'urto in tutto il suo corpo devastato dal dolore, ma questi sono ora onde d'urto di piacere. Qualcosa che non avrebbe mai immaginato di provare, dopo tutti questi anni passati a sognare di avere un uomo dentro di sé. Le mie spinte in questa nuova posizione hanno fatto sì che il mio cazzo si sfregasse continuamente contro il suo clitoride, facendo continuare questa sensazione mai provata prima.

All'improvviso la sua bocca si aprì, il suo corpo si tese, inarcandosi per mantenere il lungo serpente di gallo sepolto in profondità nel suo grembo fertile. “Ohhhhhhhh...…ohhhhhhhhhh.....……ohhhhhhhhhhhhh.…….ahhhhhhhhhh......…ahhhhhhhhhh.……..oh, sìssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss!” urla mentre le contrazioni scuotono tutto il suo piccolo corpo. Non avrebbe mai immaginato di provare un orgasmo di tale portata. Questo orgasmo fece sembrare distanti i suoi sogni nel corso degli anni. Il suo corpo tremava per le conseguenze delle sensazioni esotiche di un orgasmo sconvolgente. Ritornando lentamente sulla terra, la realtà inizia a prendere piede mentre il serpente pulsante pulsa all'impazzata dentro di lei, minacciando di colpire e sputare il suo veleno. La paura iniziò mentre contemplava le conseguenze disastrose se avessi liberato il mio seme nel profondo del suo grembo fertile. Guardandosi alle spalle, implorò: “Per favore...…per favore... John……….per favore, tiralo fuori…….per favore, oh per favore……rimarrò incinta! " Poi sussultò e si inarcò di nuovo in un altro orgasmo sconvolgente provocato dal getto caldo del veleno caldo e appiccicoso. Yana è stordita e non era consapevole di ciò che stava accadendo intorno a lei. Quando i suoi fianchi furono rilasciati, il suo corpo cadde inerte sul bancone. Quando il mio cazzo mostruoso veniva ritirato, lei ha tentato di spingersi contro di me, cercando disperatamente di mantenere l'asta che dà piacere dentro di lei. Lei non è a conoscenza delle sue suppliche "Oh, no…..noooooo……….ohhhhh non...…per favore, lascialo dentro!" Pochi minuti dopo, con la pancia ormai vuota del cazzo mostruoso, è a terra e posizionata a quattro zampe. È davvero uno spettacolo con il suo culo liscio e cremoso che mi fa una bellissima presentazione. Le sue cosce si allargavano, sangue denso e viscido che colava da lei, sbavando lungo ciascuna coscia sul pavimento sottostante. Le grandi mani sui fianchi, che la tenevano ferma, Yana non era del tutto consapevole del pericolo della sua posizione. Poi sente un grosso braccio caldo appoggiato sopra le sue natiche. Poi è arrivato a lei, avevo di nuovo una mano su ciascuno dei suoi fianchi, quella barra calda e carnosa sulle sue natiche era in realtà il mio cazzo caldo. Rendendosi conto di ciò che intendevo fare, inizia a dimenarsi e cerca disperatamente di sfuggire alle mani che la afferrano.

Tenendomi stretto ai piccoli fianchi, ho sorriso sapendo che l'adorabile giovane donna aveva capito esattamente cosa intendevo fare. Non c'è niente di meglio che avere una giovane donna innocente che conosce le mie vili intenzioni e la fa dimenare per salvare il saccheggio del suo culo stretto. Mi sarebbe piaciuto infilarle il mio lungo cazzo nel culetto stretto. Lasciando che il mio cazzo scivolasse in posizione, ho ottenuto la risposta esatta che speravo. Sorridendo, l'ho ascoltata balbettare "Per favore.…..per favore....….no, John.....…per favore...…nessuno mi ha mai toccato lì.……..per favore!” Con un ampio sorriso, non potevo credere alla mia fortuna mentre mi preparavo a reclamare il suo culetto color ciliegia e mi sarebbe piaciuto sentire la bellissima giovane donna urlare quando gliel'ho spinto. “Arggggggghhhhhhhhhhhhh………..owwwwwwwwwwwwwwww!” Yana singhiozzava, il culo le faceva così male, anche più doloroso della sua figa. Lacrime le rigavano il viso mentre abbassava la testa per la vergogna mentre io le infilavo il mio lungo cazzo nel suo culo un tempo vergine. Ciò che Yana non si aspettava era che io le raggiungessi la coscia per toccarle il clitoride sensibile mentre la scopavo. Lei gemette mentre la combinazione di strofinamento del clitoride e scopata nel culo le procurava un piacere inaspettato e un climax selvaggio.

Gli atti sessuali umilianti e degradanti la fecero svenire. Giaceva priva di sensi sul pavimento ormai inzuppato di sperma.
Due ore dopo, gli occhi di Yana strizzarono gli occhi mentre cercava di concentrarsi attraverso la luce brillante che la illuminava. Dov'era? Che incubo aveva appena avuto. Cercando di alzarsi, gemette per il dolore acuto che emanava dalle cosce e dalle natiche. Poi si rese conto che non era stato un incubo. Era stata brutalmente scopata da me. Riuscì a girarsi su un fianco, poi guardò il suo corpo, gemendo per la sua condizione degradante. Raggiungendo la sua vagina dolorante, gemette disperata quando il primo tocco dei suoi capelli arruffati diede un'indicazione di quanto sporco grasso si fosse depositato in lei. Lei gemette mentre si toccava le tenere labbra della fica, inserendo un dito nelle sue labbra gonfie. Deglutendo a fatica, guardò il dito ritirato, coperto da uno spesso strato di sporcizia grigiastra.

Fortunatamente per lei, sul pavimento era stato steso un grande telo da mare. Usò l'asciugamano per asciugarsi il corpo, cercando disperatamente di asciugarsi. “Come può un uomo generare così tanta sporcizia?” rifletté. Strisciare sul pavimento per raggiungere la sua camera da letto. Sapeva di non potermi fermare, in nessun modo. Deve sopportare le mie perversioni e la mia lussuria. Dato che non uso mai il preservativo, con ogni probabilità la metterò sicuramente incinta. La sua vita continua. Solo che, dato che sono così grande, il suo corpo mi risponde bene e come donna è estremamente soddisfatta.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.