Regina Yavara: Capitolo 8

641Report
Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto

YAVARA

Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo le cui curve superavano le sue, ma non di molto, e quello che io superavo Elena in voluttà, lei guadagnava in eleganza atletica. Oh, due anni da ranger avevano fatto miracoli per lei; la sua schiena era uno splendore di muscoli magri, il suo addome era una morbida tavola da lavaggio e le sue cosce erano tronchi tonali che si increspavano perfettamente sotto i suoi globi flessibili. Ora la sua carne era ricca e bronzea, in netto contrasto con il quasi candore dei suoi capelli e l'azzurro penetrante dei suoi occhi. Aveva un'infarinatura di lentiggini sul naso e sulla guancia, e servivano solo ad elevare la sua esotismo. Esotico. Sì, Elena era certamente unica nel suo genere, e io fissavo sfacciatamente l'unicità penzolante tra le sue gambe.

“Quindi, ricordi di essere stato sia Alkandi che te stesso? Ma non sei la stessa persona?" chiese Elena mentre metteva le sue cose nelle borse.

"Non esattamente." Ho detto: “Alkandi è sempre stata una parte di me, ma non era me. Siamo stati insieme tutta la vita, ma ci siamo lasciati quando Zander mi ha portato sul piano astrale. Quando siamo tornati, eravamo due persone diverse, ma nessuno di noi due era...” Feci un cenno a me stesso, “…io, se ha senso. Una metà era un'idea della principessa Tiadoa e l'altra era Alkandi. Nessuno dei due poteva esistere senza l'altro, ma la principessa Tiadoa non voleva più essere Yavara. Alkandi ha dovuto forzare la questione”.

“E dopo ti sei trasformato? Il tuo io del passato si è impadronito del corpo di Zander e ti ha violentata?» Elena mi ha inarcato le sopracciglia perplesse: “Tutto questo stupro, Yavara; non c'è da stupirsi che tu abbia un complesso.

«Attenta, Elena.» Ho sorriso, "Ho condiviso quella tua testa, e ci sono alcuni pensieri cattivi lì dentro."

"Come…?" Elena ricambiò il sorriso, gli occhi azzurri scintillanti.

"Beh, quella fantasia che hai sulla mia carissima sorella maggiore per esempio." Sorrisi: “Quello in cui è stata recentemente incoronata regina e decide di ispezionare le baracche di Castle Thorum. Quello in cui ti sorprende a masturbarti in bagno?"

“E poi cosa succede?” Elena sorrise di rimando, completamente senza vergogna. Non aveva più vergogna; L'avevo succhiato via da lei.

"E poi..." ridacchiai, chiudendo il mio baule, "... lei ti ricatta per farti leccare la figa."

"Tua sorella è una tale fica nella vita reale, non potrei avere il suo carattere spezzato." Il sorriso di Elena adesso era storto: “Ma andiamo, Yavara, non è neanche lontanamente la cosa peggiore. Vai avanti."

"E dopo aver fatto venire la mia stronza sorella maggiore." Dissi, pavoneggiandomi lascivamente verso Elena: «Sono sfondato dalla finestra della torre per salvarti da lei».

"Ma ha delle guardie di palazzo che aspettano nell'ala, e sentono il trambusto." disse Elena prendendomi tra le braccia.

"Sono tutte donne, ovviamente, e tutte così belle." Rimasi senza fiato, sentendo il cazzo di Elena crescere tra le mie gambe: “Mi tengono giù, e Leveria ti fa leccare anche la mia figa. Cado preda dell'abilità della tua lingua e ti confesso il mio amore eterno.

"Non finirla qui, Yavara." sussurrò Elena sulle mie labbra, una delle sue mani che serpeggiava tra le mie cosce.

“Leveria richiama le sue guardie e mi guarda con questa... espressione dominante. Lo fate entrambi. Sei stato in combutta con lei per tutto il tempo; è una trappola! C'è un'increspatura dietro le tende della finestra e mia madre viene scoperta, legata e imbavagliata! La mia voce tremava di desiderio: “E tu, Elena Straltaira, amore della mia vita; tu e mia sorella mi costringete a cavalcare la faccia di mia madre. E quando verrò, e io e mia madre confesseremo in lacrime che siamo puttane depravate che amano l'incesto, allora tu e Leveria farete a modo vostro con noi.»

"Ero in un posto buio quando ho evocato quella fantasia." Elena sussurrò, la punta delle sue dita trovò i miei petali, i suoi occhi mi fissarono ardenti: “Era la mia prima notte a Castle Thorum, e la mia mente era ancora fresca per la festa che mi avevi organizzato il giorno prima. Tua madre era lì per mandarmi via, e Leveria era lì per ridere di me.»

"Mi ricordo." Sibilai sulle labbra di Elena, persa nelle sue profondità color zaffiro: “Ma perché loro? Perché l'incesto?

"Immagino di avere solo un appetito per le donne Tiadoa." Il respiro di Elena era roco, le sue dita si stavano spingendo verso l'interno, "Credo che volessi solo vedervi provare una frazione della mia vergogna, la vergogna che provavo per chi amavo."

«Vergognami, Elena!» Stavo andando alla deriva in una foschia rosa di desiderio, "Ti chiamerò anche 'Leveria' se vuoi."

"Ma cosa vuoi, Yavara?" Gli occhi di Elena brillavano, il suo cazzo pulsava tra le nostre pance pressanti, "Cosa risveglia in te la mia piccola fantasia su tua sorella e tua madre?"

"Pensi che io sia così depravato?" chiesi con un sussulto ridente.

"Oh, lo so." Elena ringhiò nel mio orecchio, e quasi venni solo dalle sue parole. Ero attratto da mia sorella e mia madre? Riconoscevo certamente la loro bellezza, ma non potevo dire se il mio nuovo io sarebbe sceso così in basso; Dovrei vederli di persona per saperlo, ed è improbabile che accada mai più. Quello che potevo dire era che l'idea che Elena Straltaira avesse un feticcio così depravato mi eccitava fino alla tortura.

“Oh, mi scoperei mia sorella; è questo che vuoi sentire?" Ho morso il labbro di Elena, spingendolo verso l'esterno, "Leccherei il buco del culo di quella cagna tesa finché non ci potessi vedere il mio riflesso, poi prenderei questo cazzo", ho afferrato la virilità di Elena, "e ti guarderei scoparla finché non ha avuto il prolasso.

Elena sibilò un respiro tremante. "Cambio di programma". Disse con voce rauca: "Ora sarai 'Leveria'". E in un unico movimento, mi ha fatto girare, mi ha gettato sul letto e si è premuta contro la mia schiena, il suo cazzo mi ha aperto le guance. Mordo le lenzuola, dimenandomi in attesa, sentendo il suo calore palpitante bagnarsi con la mia secrezione, attraversare la lunghezza della mia macchia e premere contro il mio ano desideroso. Finalmente.

«Guardiano Straltaira!» Ho pianto, alterando la voce di mia sorella maggiore: “Cosa stai facendo?! Ti prenderò la testa per questo!

"Oh, lo avrai, Vostra Altezza." sussurrò Elena, la punta che premeva contro il mio sudicio centro. Inspirai dal naso e chiusi gli occhi, assaporando ogni centimetro di lei- "Yavara, non possiamo farlo ora." Elena sospirò e si ritirò.

Rimasi lì incredulo. "Cosa vuoi dire con 'NON POSSIAMO FARLO ADESSO?!'"

"Dobbiamo prepararci per partire". disse Elena, staccandosi da me.

Mi sono girato come un gatto infuriato. "Vieni qui e scopami subito, o io..."

"Cosa, prendi il controllo della mia mente?" Elena sorrise: “Sapete di cosa avete bisogno, Vostra Altezza? Devi imparare la disciplina e, come ranger, sono la persona migliore per insegnartela. Prestira può impartire tutta la magia del mondo, ma non significherà niente se non riesci a controllarti.

"Che cazzo è questo?!" Ho urlato: "Una fottuta lezione ?!"

"Tu, mio ​​carissimo amore, sei un moccioso viziato." Elena sogghignò, alzando i pantaloni per coprire il regalo che le avevo fatto, "Hai passato tutta la tua vita a essere coccolata e adorata, e anche dopo che ti sei trasformata, sei ancora la stessa ragazzina marcia che ha fatto irruzione nella pasticceria quando il tuo la mamma ti ha negato i dolci. Sei impulsivo, ambizioso, avido e incline a scoppi violenti quando non ottieni quello che vuoi. Elena mi lanciò uno sguardo franco: "Quelle non sono qualità adatte a una regina, tanto meno al sovrano di una nazione che è il nemico giurato della nostra patria".

Se avessi imparato la telecinesi, avrei potuto buttare Elena fuori dalla finestra. Quell'impulso mi ha fatto riflettere e ho capito che aveva ragione. Sospirai, sentendo la passione svanire da me e la delusione insorgere. "Hai ragione, ovviamente." Borbottai: “Non sono quasi pronto per essere il sovrano di un regno. Non ti biasimo per non esserti fidato di me.

«Ehi», disse Elena, sedendosi in topless accanto a me sul letto, «mi fido della donna che potresti diventare per fare cose incredibili. Sì, sei tutte queste cose, ma sei anche compassionevole, forte e dotato di una grande visione. Se c'è qualcuno che può resuscitare Alkandra senza spargere sangue elfico, sei tu. Sarai il ponte di pace tra la nostra vecchia casa e la nostra nuova”.

"La nostra nuova casa". borbottai, unendo le dita con Elena.

"SÌ." Elena sorrise: "Io e te", fece l'occhiolino, "e forse qualcun altro".

“Molti, molti altri, ma sempre tu.” Le mie dita si sciolsero con le sue e risalirono la sua coscia.

Elena strinse la mano sulle mie due dita e se le portò alle labbra. Ne ha succhiato uno, poi l'altro, poi li ha guidati tra le mie gambe. «Quando torniamo alla Grande Foresta», sussurrò Elena, facendo scorrere il dito sulla mia figa e premendoli contro il mio buco preferito, «mi fotterò questo culetto da troia finché non mi pregherai di smetterla».

Rabbrividii all'idea, guardandola con gli occhi socchiusi. "Non puoi darmi qualcosa per trattenermi finché non arriviamo?"

«No, Javara.» Elena sorrise: “Disciplina, capisci? Mi piace l'idea di te che implori. Ti voglio in ginocchio e imploralo una volta arrivati ​​lì. Elena ha spinto le mie stesse dita nel mio culo. Rimasi senza fiato per il piacere mentre lei li lavorava più a fondo, torcendoli finché non sentii le mie nocche premere contro il mio bordo dilatato. Era eretta, Elena, curva all'indietro con il desiderio nei pantaloni, ma non avrebbe ceduto ai propri desideri. Si è alzata e mi ha lasciato lì a violentarmi come uno sciocco.

"È ora di vestirsi Yavara." Disse, sorridendo alla mia faccia delusa.

"Puttana." ringhiai, ritirando le dita. Li ho istintivamente risucchiati, poi ho capito con un sospiro che avrei dovuto lavarmi di nuovo i denti.

Mi sono infilata il vestito nero mentre Elena indossava uno dei mantelli troppo larghi di Zander. Con il cappuccio alzato, le avrebbe nascosto abbastanza bene il viso, le orecchie ei capelli, anche se la sua statura era ancora inconfondibilmente elfica. Scendemmo le scale mentre Prestira, Brock e Zander stavano finendo di fare colazione. Brock guardò Elena con diffidenza.

"Sembri diverso."

"Sei un orco molto perspicace." Elena ha risposto.

“Oh fantastico,” disse Brock mentre strappava un pezzo di pancetta con i denti, “un altro furbo del gruppo. Tu e Zander dovreste andare d'accordo, cazzo.»

Abbiamo finito la colazione e siamo usciti dalla porta. Direi che formavamo un gruppo strano, ma ad Ardeni Dreus nessuno se n'è accorto. Brock aveva un passo più elastico mentre camminavamo e riempiva l'aria di storie sulla sua tribù.

“Sherok è mia moglie; ti piacerà, mia regina, è molto simile a te. Trenok, è il mio figlio maggiore. Mi resiste fino a qui ", Brock si indicò la fronte," È ancora fondamentalmente un ragazzo, quindi quando sarà completamente cresciuto sarà almeno mezzo piede più alto di me. L'ho messo a capo della tribù mentre eravamo qui.» Ridacchiò affettuosamente tra sé: "Potrei doverlo combattere per riaverlo".

"Ti sfiderebbe a capo della tribù?" Ho chiesto.

“Oh sì, piccolo bastardo ambizioso. Ho ancora forza su di lui, ma non per molto. Sarà il giorno più orgoglioso della mia vita quando finalmente mi prenderà a calci a morte.

"È un momento accattivante padre-figlio." Zander sbuffò.

“La tribù è forte quanto il suo capo, Zander. Se operassimo come dei re e passassimo tutto il potere a qualche piccola fica debole, gli orchi sarebbero ormai estinti.

“Se sei avanzato dal tribalismo e hai eliminato i metodi arcaici di mediazione del potere, gli orchi potrebbero effettivamente avere la loro nazione. Invece combatti tra loro per quale tribù ottiene quale superficie di foresta. Prestira rispose freddamente.

"Ecco a cosa serve." Brock disse, indicandomi con affetto: “La Regina Oscura può unire tutte le tribù di tutte le razze in un'unica nazione. Non dovremo lavorare per gli avanzi ad Ardeni Dreus, o uccidere per la terra nella Grande Foresta quando avremo un potente impero che ci unirà.»

“Quel messaggio che hai inviato alla tua tribù”, Elena interruppe la conversazione, “ho sparato a quell'aquila giù negli abeti rossi; non l'hanno mai avuto.

Il comportamento di Brock divenne grave. "Allora dobbiamo muoverci in fretta." Abbiamo girato l'angolo in un lotto vuoto. Una delle antiche mura interne della città fiancheggiava il retro del lotto, e mi sono reso conto che era lo stesso muro che avevamo attraversato per entrare in città due giorni fa. Zander rivelò la porta incantata nascosta tra i suoi mattoni e tirò la maniglia. Non si è mosso. Tirò di nuovo. Niente.

"Maghi delle Highlands!" sibilò Prestira. Mi girai di scatto, il cuore che mi balzava in gola.

«Zander Fredeon!» ruggì uno degli uomini. Erano in cinque, indossavano tutti mantelli bianchi e oro con l'emblema delle Highland ricamato sul petto. Dieci ranger li seguirono, gli archi tesi e puntati contro di noi.

"Pensavo avessi detto che avevamo tempo fino al calar della notte!" sibilò Zander a Elena.

“Devono aver usato un portale per arrivare qui; Non pensavo che avrebbero portato i maghi! Elena rispose mentre infilava la mano nel suo mantello.

"Sta mentendo!" Brock ringhiò: “Ci ha venduto, cazzo! Cagna ranger, te l'avevo detto che avrebbe...

"Non sta mentendo!" Prestira sibilò, perché sia ​​lei che io avevamo scansionato i pensieri aperti di Elena nel momento in cui abbiamo visto i ranger.

“Prestira, apri questa porta e fai passare tutti. Li bloccherò. disse Zander mentre si avvicinava agli uomini. "Cosa posso fare per lei?" Lui ha chiamato.

"Mettete giù il vostro bastone e le armi, e fatevi avanti, tutti quanti!" ruggì il mago.

«Non hai giurisdizione qui. Questa azione è approvata dal re Dreus? Sa che i maghi delle Highland stanno arrestando i cittadini Ardeni entro i confini delle sue mura?

"Metti giù il tuo bastone, Fredeon!"

«Non farò niente finché non avrai un mandato firmato da un giudice Ardeni.»

«Ultimo avvertimento, Fredeon!»

"Se non hai un mandato, allora puoi andare a farti fottere..."

Un fulmine esplose dalle mani del mago. Zander raccolse i fulmini sul suo bastone, poi li lanciò contro il suo assalitore. Il mago esplose in una nebbia rosa. C'è stato un momento in cui tutti si sono semplicemente fissati l'un l'altro, la foschia del sangue si è dissipata nel sole del mattino. Poi è andato tutto a puttane. I ranger scagliarono le loro frecce mentre i quattro maghi rimanenti lanciavano i loro attacchi arcani. Zander fermò le frecce a metà del volo e diresse gli attacchi arcani verso il cielo, lanciando tre getti di fuoco in alto nell'aria. Il quarto fece breccia nelle sue difese, lo colpì in pieno petto e lo mandò disteso contro il muro. La sua testa colpì i mattoni con uno schiocco nauseabondo, e rimase immobile.

Mi precipitai al suo fianco, una freccia mi mancò di poco la testa. Elena gridò e lanciò due raffiche in rapida successione. Uno ha incontrato il collo di un ranger e ho sentito Elena emettere un gemito di disperazione, ma non ha ceduto. Premette il suo attacco, scoccando freccia dopo freccia, costringendo i maghi a concentrarsi nel bloccare il loro volo. Brock ruggì il suo grido di guerra e caricò gli elfi, incurante delle frecce che si conficcarono nella sua carne. Uno due tre quattro; i manici si alzavano dagli avambracci e dalle gambe, ma non gli rallentavano un passo. Prestira lanciava freneticamente incantesimi nella serratura senza alcun risultato, fiumi di oscenità scorrevano dalle sue labbra a ogni fallimento. Zander riprese conoscenza giusto in tempo per lanciare uno scudo arcano attorno a Brock. Quattro esplosioni di fuoco inghiottirono l'orco, formando un globo infernale attorno allo scudo. Ho visto il terrore negli occhi dei maghi e ho simpatizzato; Sapevo come ci si sentiva ad essere dalla parte letale di Brock Terdini. Prese uno dei maghi nelle sue mani massicce e staccò la testa dell'elfo, strappandogli la spina dorsale. I maghi si ritirarono inorriditi, ma i ranger si limitarono a fissare le loro espressioni con cupa determinazione. Elena scagliò una freccia in uno dei loro occhi, la testa di lui che si girava all'indietro per rivelare la lunghezza dell'asta. Aveva le lacrime agli occhi mentre estraeva un'altra freccia e la incoccava sulla corda. Mirò verso il basso, poi cadde a terra urlando, con una freccia che le sporgeva dalla spalla. Elena. [bELENA![/b]

La rabbia ardente mi trafisse, elettrizzando i miei muscoli, alimentando il potere dentro di me. Sono entrato nella mente del ranger che aveva sparato a Elena e gli ho fatto pugnalare alla schiena uno dei suoi fratelli. I ranger hanno reagito rapidamente al nuovo sviluppo, ma uno di loro non è stato abbastanza veloce. Il mio surrogato condannato ha lanciato un'accusa suicida contro i suoi fratelli più stretti, sventrandosi sulla spada del ragazzo, ma anche conficcando la sua lama nella gola del ranger. Un mago vicino ha dato fuoco a entrambi e ho rilasciato il controllo del ranger quando il suo dolore è diventato insopportabile per me. Scesero in una fulminante danza di fuoco, le loro urla echeggiarono per la strada.

Zander era impegnato in un combattimento con i restanti tre maghi, contrastando i loro incantesimi mentre scagliava i propri attacchi dalla mano e dal bastone. Ha preso il sopravvento, uccidendo due maghi con un incantesimo di disintegrazione e costringendo l'ultimo a terra. Poi ci fu una freccia nella sua coscia, e cadde in ginocchio, aggrappandosi all'asta conficcata. Brock lanciò la sua lancia contro il ranger e il missile trasportò la sua vittima per tre metri prima di inchiodarla al muro. I restanti ranger assalirono l'orco con una raffica dopo l'altra, e lui raccolse il più vicino per usarlo come uno scudo di carne urlante mentre tornava di corsa verso di noi. Ho cercato di coprire la sua ritirata collegando le menti con uno dei ranger, ma la mia attenzione era troppo divisa. Elena giaceva debolmente contro il muro, tentando di estrarre la freccia dalla sua spalla.

«Una freccia Nadi.» Lei grugnì, guardando la ferita esangue, "Chi..."

Non ho avuto il tempo di meditare sul mistero, perché proprio in quel momento Brock è crollato a terra, portato avanti da un incantesimo di propulsione lanciato dall'ultimo mago. Atterrò sul povero ranger che stava trasportando, e l'uomo schizzò come un'anguria sull'acciottolato. Prestira finalmente aprì la porta e mi spinse dentro. Corsi fuori e lanciai Elena attraverso la porta mentre Brock la attraversava a tutta velocità.

"Entra!" Prestira urlò.

«Zander!» Ho urlato di rimando. Mi sono precipitato dal mago e il mondo è esploso. Le mie orecchie risuonavano, vedevo le stelle, la mia testa incontrava i ciottoli. I detriti mi piovvero addosso, frammenti di mattoni troppo piccoli per essere chiamati sassi. Ho visto stivali da elfo camminare davanti a noi. Il mago sollevò l'incosciente Zander da terra mentre i ranger legavano insieme le mani di Prestira dietro la schiena, costringendole le dita a congiungersi in modo che non potesse lanciare un incantesimo. Un volto familiare riempì la mia vista. Dove avevo già visto quella faccia? Era avvolto da un cappuccio da ranger, ma i lineamenti erano distinguibili. Avevano dei lineamenti così austeri, la bellezza elfica erosa da anni di stenti.

"La principessa Yavara Tiadoa?" chiese il capo ranger Adarian, inginocchiandosi al mio livello.

Scossi debolmente la testa.

Adarian mi strinse le guance e mi costrinse ad aprire la bocca. Anche nel mio stato compromesso, ho sentito un battito nelle mie viscere. Corri, combatti, uccidi, scopa; quei vecchi istinti primordiali tornano ancora una volta. Allungò una mano alla cintura e tirò fuori una cartella, la cipria appiccicata al tessuto. Ho sparato nella sua mente e ho preso il controllo di lui. Ho sentito il suo shock, e poi ho sentito il suo orrore quando ho allungato la mano e afferrato la sua lama. Gliel'ho fatto portare alla gola. Mi dispiace Elena.

"Tutti voi, mettetevi a terra!" Una voce imperiosa tagliò l'aria.

Quaranta uomini armati circondarono noi otto. I ranger abbassarono le braccia e alzarono le mani, cadendo in ginocchio. Lasciai andare la mente di Adarian e abbassai la testa in una resa senza forza. Il corpo di Adarian vacillò prima di essere affrontato violentemente da una guardia. Per un momento, i nostri occhi si sono collegati sopra i ciottoli e ho visto l'ira incisa in loro. Poi è stato trascinato via. Ho sentito le mie mani e le mie gambe legate insieme, poi gli umani mi hanno preso in braccio con violenza e mi hanno gettato sul retro di una carrozza ingabbiata. Zander e Prestira furono gettati accanto a me prima che la porta della gabbia si chiudesse alle nostre spalle.

Zander era ancora privo di sensi e sanguinava pesantemente dalla ferita. Nessuna freccia Nadi per pietrificare la carne qui; questa era un'arteria colpita da una punta di freccia frastagliata. Prestira urlò freneticamente alle guardie di aiutarlo, ma loro la ignorarono. Mi sono sparato nel cervello del mago e l'ho svegliato con un sussulto. Zander, ritenuto vicino alla morte, era stato lasciato libero. Strinse i denti, strappò la freccia, poi rimarginò il buco che aveva lasciato. Un pugno attraversò le sbarre e colpì la mascella di Zander. Cadde in avanti, la porta della gabbia si aprì e fu trascinato fuori senza tante cerimonie. Lo picchiarono con le mazze mentre gli sottomettevano le braccia, ma Zander non reagì. Attraverso una pioggia di pugni, urlò: "Sono Zander Fredeon della Grande Foresta, console onorato delle Highlands, e chiedo di vedere il tuo ufficiale superiore!"

Il capitano delle guardie girò la testa. "Fermare!" ruggì. Gli uomini si allontanarono da Zander quando il capitano gli si avvicinò. "Sei Zander Fredeon?"

"SÌ." disse Zander, sputando sangue.

Il capitano si chinò e tese una mano al mago battuto. Zander lo prese e il capitano lo tirò su. "Perché gli Highlander dovrebbero attaccare uno dei loro più stretti alleati?"

"Non ne ho idea."

“Sei accusato del rapimento della principessa Yavara Tiadoa, Fredeon! Sai perché siamo qui! Il mago rimasto ruggì dalla sua carrozza ingabbiata.

La mano del capitano si avventurò verso la sua spada. "È vero, Fredeon?"

«Credo che avresti sentito qualcosa dalle Highlands se fosse vero, capitano. Immagino che tu non sia stato informato di questa... missione?"

"Io non ero."

“Bene, allora, sembra che questo contingente abbia agito contro la volontà di Re Tiadoa, perché non riesco a immaginare che firmerebbe un'operazione segreta per attaccarmi, tanto meno infangare la sua lucrosa relazione con Re Dreus. Questi sono traditori, forse ribelli, qui per seminare discordia tra gli alleati di Bentius.

Il capitano si accigliò. «Forse, Fredeon. Spetterà a un giudice deciderlo".

Mentre Zander cercava di negoziare il nostro rilascio, osai dare un'occhiata all'altro allenatore. Adarian e il mago mi stavano fissando. Adarian sussurrò qualcosa al mago, i cui occhi si ridussero a fessure.

"Capitano!" Il mago urlò: “Capitano, quella donna umana lì, è sotto un incantesimo! Fai in modo che Zander lo rimuova!

Il capitano si voltò verso Zander. "È vero?"

«Un incantesimo di percezione, sì. È insicura riguardo al suo aspetto.

“Dovrai rimuoverlo. Le faremo ingoiare la polvere se non lo fai.

"Capitano, è davvero necessario?"

"Scusa Zander, non possiamo lasciarti andare finché non sapremo tutta la storia." La mano del capitano si avvicinò ancora una volta alla sua spada.

Dovrei prendere il controllo della sua mente? chiesi telepaticamente a Zander.

Zander osservò il gruppo di guardie e la folla di curiosi che si era formata lungo il perimetro. Ce n'erano centinaia, e altri ne stanno arrivando ancora. No Yavara, ho un'idea migliore. Possiamo usare questa situazione a nostro vantaggio, ma dovrai fidarti di me.

Che cosa hai intenzione di fare?

Zander fece un cenno al capitano, poi alzò la mano verso di me. È tempo di rivelarti al mondo.

Ho sentito l'incantesimo di percezione lasciare la mia faccia. Mi abbassai rapidamente, cercando di rimanere nascosto dagli elfi nell'altro vagone.

Non ci si può più nascondere, Yavara. È ora di uscire. La voce gentile di Prestira riecheggiò nella mia testa mentre mi sorrideva. Zander ha lanciato un incantesimo che ha tagliato i miei legami. I miei polsi erano irritati e ho accolto con favore la carezza dell'aria fresca, ma è stato un sollievo simbolico sulla scia della mia crescente ansia. Il cuore mi rimbombava nel petto, le mie gambe sembravano gelatina, ma ero ancora in piedi. Scesi dalla carrozza e la luce del sole di metà mattina illuminò il mio viso nudo. Un silenzio calò sulla folla. Potevo sentire tutti gli occhi su di me, ma non li vedevo, perché fissai il mio sguardo sul capitano. La sua espressione era contorta dalla confusione, che si stava lentamente allentando fino alla realizzazione.

“Sono Yavara Tiadoa, principessa delle Highlands. Sono anche Yavara Alkandi, sovrano nato di Alkandra ed erede del Trono Nero. La voce che proveniva da me non sembrava quasi la mia. Era imponente e incrollabile, non cedendo un'oncia della paura che mi attanagliava. Il capitano mosse silenziosamente la bocca, fissando prima me, Zander e poi gli spettatori. Ho seguito il suo sguardo. Lungo tutto il perimetro delle guardie, le bestie di Ardeni Dreus erano inginocchiate. Orchi, goblin, orchi e troll; tutti prostrati con gli occhi rivolti verso l'alto, la riverenza che brillava dalle loro lenti. Ho visto le lacrime in alcuni dei loro occhi. La cittadinanza umana di Ardeni mi guardò con qualcosa di simile alla paura e al timore reverenziale, e persino alcuni di loro si inginocchiarono. Energia. Tale potere che esercitavo semplicemente per essere quello che ero. La paura è filtrata da me, il mio petto si è gonfiato, ho rivolto di nuovo la mia attenzione al capitano e ho visto il suo sguardo vacillare. Mi ha fatto un inchino.

"Vostra altezza." Disse, e con due parole e un gesto, diede credito alla mia affermazione. Ho visto i corridori staccarsi dalla folla, correre di porta in porta lungo le strade infinite, urlando la notizia affinché tutti potessero sentirla. La Regina Oscura era tornata.

Ho attirato la mia attenzione sugli elfi nella loro carrozza e ho visto l'incredulità sui loro volti. Solo il capo ranger Adarian mantenne la sua espressione impassibile. Era un uomo d'onore, e le sue intenzioni erano ancora più onorevoli. Mi odiavo per quello che stavo per fare, ma l'opportunità era troppo grande. Potrei mettere al sicuro la pietra angolare del mio regno con una bugia mortale. «Capitano», dissi imperiosamente, «questi uomini sono stati mandati da mio padre per uccidermi. Sono un rifugiato politico in cerca di asilo. Rivendico asilo e la protezione del re Dreus.

"Vostra Altezza, Regina Yavara Alkandi." Il capitano disse, ritrovando la calma: «Hai diritto alle tutele diplomatiche. Invierò venti guardie per scortarti direttamente al palazzo.»

“Vi ringrazio per la vostra considerazione, Capitano, ma i miei amici sono feriti e bisognosi. Il portale da cui sono fuggiti è stato distrutto e devo affrettarmi verso la Grande Foresta per venire in loro aiuto.

"Non posso permetterlo." Il capitano disse risolutamente: «Lei è un diplomatico sotto la mia protezione. Questi uomini sono stati inviati per assassinarti e senza dubbio ce ne saranno altri. Devo scortarti immediatamente a palazzo.

“Non siamo assassini; siamo soccorritori! Il mago rimasto urlò. Odiavo vedere il terrore nei suoi occhi, ma non fui mosso a pietà. L'espressione di Adarian si era trasformata in una di solenne rassegnazione, e ho ringraziato Dio che Elena non fosse qui per assistere a questo.

"Soccorritori?" Zander sbuffò: “È stata proprio una missione di salvataggio, signori. Avevi intenzione di far rivivere la regina Yavara dopo averla ridotta in cenere?"

"Capitano", continuai, "devo davvero andare..."

La voce di Zander mi entrò nella mente prima che potessi obiettare. Tornerò per Elena e Brock; tu e Prestira andate a palazzo. Hai un'occasione d'oro per stringere un patto con il re; non sarai mai un personaggio più comprensivo di quanto lo sei ora. Non sprecare quello che hai fatto qui. «Capitano», disse Zander ad alta voce, «avrò bisogno di accedere ai portali del tuo tempio. Andrò ad aiutare i nostri amici feriti mentre la regina è sotto la tua protezione.

«Certo, Zander.»

“Mia regina”, la voce tonante del troll mi fece trasalire, “sarei onorato di portarti in processione fino al palazzo. Le bestie di questa città devono vedere la tua faccia.

Guardai il capitano delle guardie, che si strinse nelle spalle. "Sarebbe più sicuro che guidare a livello della strada."

PRESTIRO

Yavara e io siamo saliti sulla piattaforma che era legata alla schiena del troll. Mi aggrappai al manubrio mentre la grande bestia pelosa si alzava in piedi, sollevandoci in aria per sei metri. La nostra scorta di venti uomini formava due file lungo la strada e cavalcava i cavalli a un ritmo costante. Nonostante l'andatura goffa del troll, la corsa fu incredibilmente fluida e Yavara abbandonò la presa sulle sbarre, rimanendo in piedi con la schiena dritta e orgogliosa davanti alla folla che si era formata lungo la strada. I banditori avevano diffuso la notizia a macchia d'olio, e ora ogni cittadino a portata d'orecchio si precipitava lungo il vasto viale per intravedere la nuova regina. Le bestie si prostrarono, i cittadini applaudirono e Yavara li guardò con meraviglia.

"Mi amano." Sussurrò, con gli occhi che brillavano.

Le ho messo un braccio intorno alla vita. «Le Terre Basse non condividono l'odio delle Highlands per Alkandra. Queste bestie che vedi sono discendenti di quei profughi di Alkandran di mille anni fa, e la leggenda della Regina Oscura è cresciuta solo con il tempo. Vai su Yavara; alza la mano verso il tuo popolo”.

Yavara ha alzato la mano e ha salutato gli spettatori. Ho ridacchiato e l'ho abbassato. "Non come una principessa." Le ho chiuso la mano a pugno, "Come un righello".

Yavara sorrise e sparò il pugno in aria. La folla esplose, il suono rimbombò lungo il viale, levandosi dalle masse informi in lontananza. Non avrei potuto sognare un'ottica migliore. La Regina Oscura cavalca un troll, passeggiando trionfante attraverso Ardeni Dreus con il pugno alzato in aria con aria di sfida, essendo appena sopravvissuta a un tentativo di "assassinio"? A volte il destino ha la meglio sui piani migliori. Anche io sono stato catturato dalla grandiosità di tutto ciò. Yavara mi guardò, i suoi occhi arancioni impazziti, il suo petto gonfio per il potere della popolazione. Ho visto in quel volto megalomane le prime tracce di chi sarebbe potuta diventare. Mi ha spaventato e ispirato in parti uguali.

“Ya-va-ra! Ya-va-ra! Il suo nome veniva cantato in cadenza da ogni bocca che passavamo. Petali di rosa venivano lanciati dalle finestre, suonavano le trombe, la folla immensa era una massa di braccia che si contorcevano, tutte protese verso di lei. La sua espressione si addolcì e la maschera del conquistatore che aveva indossato fu abbandonata per quella della regina compassionevole. Ora allargò le braccia verso l'esterno come per abbracciare tutta Ardeni Dreus.

Il troll si inginocchiò sui gradini del palazzo, che erano fiancheggiati dalla guardia del re pesantemente corazzata. Lasciarono il passo a Yavara mentre saliva, e io la seguii a una buona distanza dietro di lei, com'era appropriato per un console. Ora che Yavara si definiva "Regina", c'era una rigida gerarchia a cui aderire e, sebbene prima potesse considerarmi un'amica e pari, non potevo più mantenere quello status. Era la mia regina, e per questo l'ho seguita. Raggiunse la cima dei gradini da sola e guardò le masse da sola. Vidi i suoi occhi scrutare i suoi fianchi, solo per posarsi su di me mentre mi trovavo alla base dei gradini.

Vieni? Lei chiese.

Sono co-regina di Alkandra? Le ho sorriso. Mi guardò accigliata. Non sono venuti a trovarmi, Yavara. Dai loro quello per cui sono venuti.

Yavara osservò le migliaia di persone che si erano radunate davanti ai gradini del palazzo. Altre decine di migliaia fiancheggiavano i viali che si estendevano come raggi dal padiglione, estendendosi in lontananza. Yavara fece un respiro d'acciaio, poi alzò una mano per imporre il silenzio. La folla tacque. Per un momento rimase lì, i suoi lineamenti rivolti verso l'alto verso la folla, risplendenti e calmi nel sole del mattino.

Cosa dico? Chiese, una punta di nervosismo nella sua voce telepatica.

Assecondali.

“Brava gente di Ardeni Dreus, vi ringrazio per la vostra ospitalità. This is truly the greatest city on earth!” Yavara exclaimed, and the crowd roared. Ho sorriso. The words were so easy to say, but only a few could say them to such effect. Emboldened by her reception, Yavara pressed on. “I will always consider the Lowlands to be a great friend and ally. It is by your grace that I have rekindled the dream of Alkandra, and it is by your faithfulness that the flame will carry on, a light of hope to be tended for generations to come! Together, Ardeni Dreus and Alkandra will forge an union more powerful than the world has ever seen!”

The crowd erupted once more, and Yavara looked down the steps at me, a satisfied smirk on her lips. Do you think that might force King Dreus’s hand in supporting me?

Not if there is the threat of war. The Lowlands want peace, Yavara; sell them peace.

She raised her hand and quieted the crowd again. “Many of you may have heard about the attempt on my life. The rumors are true: assassins of the Highlands tried to take my life today. Though I am saddened that my own father has deemed me a mortal threat, I bear no ill will to my former people. I offer peace to the Highlands, in the hope that we may plant the seeds of fruits to come...”

What the fuck does that even mean?

I don’t know, but it sounds nice. Shut up, Prestira.

“…I believe that in time, our two peoples may prosper together.” Yavara held out her hands to the side, palms open to the sky, eyes cast downward. It was a posture full of solemnity, and she kept it, letting the sentiment wash over the crowd.

Now appeal to your future citizens. Give the beasts what they want.

Yavara closed her hands to fists, her face shot skyward, a hot wrath in her expression. “But I will not stand by while rangers raid our homes and kill our children! I will not stand by while the lords of the Highlands seek to divide us! I will not stand by while King Tiadoa rains terror upon my people! I offer peace, but I will not hesitate to defend my people until my dying breath!”

And with that, the simmering crowd boiled, fists pumping into the air, a myriad of war chants from a hundred different clans splitting the morning. They were songs passed through the ages, the last vestiges of a glorious era, now sung with a new life and hope. Yavara basked in it, raising her fists high. “May god shine her light upon Ardeni Dreus and Alkandra for a thousand, thousand lifetimes!”

I ascended the steps before the wave of noise, faltering for only a moment to gaze upon the Dark Queen. For I saw her in that light as I’d seen her before; terrible and beautiful, powerful and merciless. Then her orange eyes rested on me, and they were filled with the girlish excitement I loved her for.

Com'è stato?

A touch dramatic, and a little authoritarian for my tastes. ho sorriso.

Bow to me, peasant!

“So that we can be at eye-level?” I sneered down at the elf as I ascended the last step, “Such an imposing figure you strike, my queen; all five feet of you.”

“Five-four, Prestira; don’t short me.” Yavara grinned back, “And you don’t seem so tall when you’re on your knees.”

“And that’s where you’ll have me tonight, my queen.” I whispered into her pointed ear, “Because after watching that display, I’m dying to serve you.” I licked her ear, “In any way you want.”

Yavara’s eyes glinted up at me. I winked back, tucked my hands into my robes, and followed her as she strode into the palace. The room was incredibly extravagant, adorned with statues and chandeliers all the way down it’s immense length. I knew the room well, having served the late King Rondar Dreus for half a century as Arcane Master. The current King Dreus, King Alfred Dreus, sat atop a throne at the very end. He was guarded by at least twenty mages and a hundred soldiers, all standing at attention as we walked by them. I stopped fifty paces away, and Yavara stopped a mere ten. I bowed deeply, and she barely inclined her head.

“So, it seems the Dark Queen has returned!” King Dreus exclaimed, “You can cease your extravagant prostration, Your Highness; it’s unbefitting for someone of your stature.” The king chuckled at his own joke as descended the steps, and Yavara beamed up at him. He was a man in his early forties, a large blonde beard wrapping his cheeks, his body slim and tall. He looked very-much like his father, sans the rotund belly. He was handsome and confident, and I could tell Yavara was assessing the contents of his trousers, though she did that with everybody.

“Queen Alkandi Tiadoa, or whatever the great shit your name is,” King Dreus laughed boisterously, “what an entrance that was! I thought I’d been invaded when I saw your procession, and was just about to apply my ass-kissing lipstick for whatever posterior had so easily infiltrated my walls.”

“A shame you didn’t, Your Highness.” Yavara grinned, extending her hand, “Alas, the rear of my hand will have to suffice… for now.”

“I’ve heard you were trouble.” King Dreus grinned back, kissing Yavara’s hand, “Clartias always said you were the wild child. Leveria described you with different adjectives.”

“I’m sure I’ve heard them already from her lips.” Yavara said, taking King Dreus’s arm, “But if it pleases you, Your Highness, I’d rather not talk about my family.”

“Ah, Clartias sheltered you from politics.” King Dreus chuckled, “If I were to die from suspicious causes, the first place the investigator should look is my family tree. Your Noble Court is a pit of snakes, and those vipers eat their young. Still, it’s not like Clartias to make such a bold move. Someone wanted to make sure you were caught on Lowland soil, and without my knowledge of it. Someone was trying to catch me with my pants down. I wonder who that someone was?”

“Leveria.” Yavara sighed, then affected her sister’s voice, “Harboring an enemy of the state within your borders, Your Highness? What did you plan to do with her, Your Highness?! Oh, I can keep this quiet, but only if we revisit the last trade deal. Gold at fifteen percent doesn’t suffice; how about, say… zero? Does zero sound good to you, Your Highness?”

“It seems she’s not the only Tiadoa daughter who likes to play games.” King Dreus stopped, his expression growing sour, “I don’t like impromptu parades for unrecognized sovereigns, Your Highness.”

“You don’t have to recognize my sovereignty.” Yavara kept her smile, “Just know that twenty-percent of your population, and thirty-percent of your workforce is made up of beasts.”

“Was that a threat?”

“It’s a statistic.” Yavara smiled innocently.

King Dreus regarded her with disdain. “You have all the tact of a lobotomized bull.”

“I may not have the variety of tools my sister does, but I use the hammer quite effectively.” Yavara inclined her head toward the end of the hall, where the roar of the crowd filtered through the doorway. I could see King Dreus weighing the options in his mind, checking all angles and plotting probable courses. He looked at Yavara, a glint in his eyes.

“I want unrestricted access to the Tundra silver mines.”

Yavara couldn’t mask her joy, and I cut in before she handed him her entire kingdom. “I’ll be negotiating the terms of trade, Your Highness.”

King Dreus looked sourly at me. “Prestira Rasloraca, I was just pretending you weren’t here.”

“Alfred.” I sneered, “Last time I saw you, you were but a boy running naked through the courtyard.”

“At least I outgrew exposing myself when I was seven.” King Dreus smirked back at me, “I heard you and…” he gave Yavara a furtive look, “…Trisha put on quite a show the other day.” Yavara didn’t so much as blush, but grinned with absolute deviancy. For my part, I turned red near to the roots of my hair.

“You’re quite well-informed.” borbottai.

“It’s my business to be.” King Dreus leered at me, “Queen Alkandi, you may know Prestira Rasloraca as the greatest sorceress this side of the Knife River, but her greatest magic trick is her ability to scrape a penny out of any situation.”

"Lo so." Yavara giggled at me, “I’ve taken recent advantage of her… entrepreneurship.”

King Dreus kept his glare on me. “I won’t trade words with someone who has a snake for a tongue, so here are my terms: I want exclusive rights to silver trade, and I want them at ten-percent for five years. After that, we can renegotiate.”

Ho annuito; it was fair. “We need capital.”

"Ovviamente." King Dreus smiled slyly, “And I need reassurances that you can pay that loan. You have no army to protect your assets, and you need assets to create an army. It’s quite a predicament you’re in, Queen Alkandi, being ruler of a country that does not yet exist.”

“I’m willing to offer some collateral.” Yavara smiled, subtly pressing herself to the king. She glanced at me, and I heard her whisper into Dreus’s receptive ear, “And Prestira is as well. Maybe the three of us could…” her hand moved beneath his robe, “…come to more favorable terms?”

“Oh, you truly are the Dark Queen.” King Dreus chuckled, and took Yavara’s searching hand into his own, “But I’m a faithful husband, and not so weak as to trade favors for flesh. That is, unless,” King Dreus ran a hand up Yavara’s belly, “you’re offering me a different kind of deal.” Yavara connected eyes with me.

No. I said mentally, The moment the child is born, King Dreus has a claim to your throne. How many assassins do you really want to worry about?

"NO." Yavara sighed, withdrawing from him.

“There’s always a price too great, even for whores.” King Dreus sighed.

“Your Highness!” Yavara said indignantly, though she smiled as she slapped him.

King Dreus smirked at her, then turned to me. His smile fell. “This failed attempt on the queen’s life has given me enough leverage to recognize your claim of sovereignty, but I cannot risk my relationship with the Highlands by creating an alliance. My protection extends to my borders, and no further.”

“You sound like you have something in mind.” Ho detto.

“There’s a mercenary force that operates within the city, run by a man named Drake Titus.”

sbuffai. “Titus? You want the queen to parlay with vampires?”

“They’re beasts.” King Dreus shrugged, “They may answer the call of Alkandra, who can say?”

“They’re man-eaters.” I spat, “You can’t trust a thing that views you as lunch!”

“What they are, is the largest private army in Tenvalia.” King Dreus said, “And the only way I’m going to give you a loan, is if I know it will be protected. Not by a rabble you’ve raised in the streets, but by a professional force.”

“I’ll do it.” Yavara said before I could object.

He’s covering his bets, Yavara! I hissed in her mind, Your death at the hands of vampires would be very convenient for him!

Sometimes you have to gamble, Prestira. Yavara smiled ruefully over the king’s shoulder.

“Splendid.” King Dreus grinned at Yavara. He took her arm once more, and guided her to the end of the hall, “Would you like some advice, one ruler to another?”

"Ovviamente." Yavara replied at they made their way to the steps.

“Never let a crowd go to waste. If the cattle have herded at your doorstep, milk the morons for all they’re worth.” And with that, Yavara Alkandi Tiadoa and Alfred Dreus stepped through the threshold, linked their fingers, and raised their joined hands in unison. The city erupted, banners flew, and I stood silently in the hall, frowning to myself. We’d turned the world upside down today, but there would be a correction. There would be blood soon.

Storie simili

Legami familiari (2)

Ho sollevato il mio cazzo da Stephanie e mi sono seduto. Stephanie si sedette in ginocchio e mi guardò. L'ho osservata nel bagliore dello schermo del suo computer. Ho guardato in basso il suo corpo nudo fino alla piccola piscina che si stava lentamente svuotando dalla sua figa. Una piccola pozzanghera dei nostri succhi d'amore. Beh... dissi. È meglio che vada a letto. Mi hai sfinito. Sì. Ho quell'effetto sulle persone. Lei disse. Ho allungato la mano e l'ho fatta scorrere lungo il suo braccio. Mi avvicinai e le diedi un bacio. Ci vediamo domattina. Ho detto. Prima cosa. lei rispose...

1.5K I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

1.4K I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

1.2K I più visti

Likes 0

Babysitter con Tara pt.1

Se mi avessi detto 3 mesi fa che sarei stato a casa della mia migliore amica, sdraiato nudo a letto con lei dopo una notte intera di sesso, probabilmente ti avrei preso a pugni in faccia e mi sarei assicurato che non avessi mai il naso dritto ancora. Eppure, è lì che mi sono ritrovato circa una settimana fa, tenendo il suo corpo caldo tra le mie braccia mentre si addormentava lentamente, i nostri corpi intrecciati. Ma sto andando avanti a me stesso. Tutto è iniziato circa 2 settimane fa. La mia amica Tara e io facevamo da babysitter, un'attività normale...

1.4K I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

1.2K I più visti

Likes 0

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

997 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.