La vecchia, il ragazzo e la ragazza_(2)

781Report
La vecchia, il ragazzo e la ragazza_(2)

La vecchia, il ragazzo e la ragazza

Sapeva che stava arrivando di nuovo. La voglia. L'irresistibile impulso che ha sempre vinto sulla sua debolezza. Decise di fare una doccia fredda nel tentativo di smorzare il crescente desiderio. Non ha funzionato. Ma poi, non ha mai funzionato.

In effetti, la doccia è stata in realtà l'inizio, il catalizzatore. Invece di smorzare il suo bisogno selvaggio, finì per accarezzarsi, stuzzicandosi la clitoride sotto l'acqua fredda. Presto ha alzato l'acqua calda.

Sospettava di sapere inconsciamente che la doccia le avrebbe fatto più male che bene, che invece di alleviare l'impulso, l'avrebbe solo intensificato. Lo faceva sempre, e sapeva che era quello che voleva davvero. Dirsi che la doccia fredda avrebbe aiutato a combattere l'impulso era solo mentire a se stessa, illudendosi di non essere una giovane donna completamente depravata. Questo era quello che voleva. Afferrò il suo rasoio.

Non c'era molto da radere. Erano passati solo pochi giorni, sicuramente meno di una settimana dall'ultima volta che era uscita, quindi non aveva più che stoppie laggiù e presto anche quella era sparita, scomparendo nello scarico.

Accarezzando il suo pube ormai liscio, controllò la presenza di eventuali residui di barba. La Vecchia Donna non avrebbe permesso niente di meno che una vulva perfettamente nuda come aveva imparato molto tempo prima, nel modo più duro, attraverso il dolore. Ha permesso alle sue dita di stuzzicare brevemente la sua clitoride, ma è stata attenta a non lasciarsi andare troppo lontano. Non poteva permettersi di scivolare oltre il limite. Venire. Non ancora. Se l'avesse fatto, forse non sarebbe stata in grado di andare avanti, di fare quello che doveva fare, e aveva bisogno di farlo.

Uscendo dalla doccia si asciugò in fretta, poi andò in camera da letto e aprì l'apposito cassetto del comò, quello che conteneva le sue cose. Era principalmente pieno di sospensori. Cosa penserebbe qualcuno se guardasse nel cassetto di una giovane donna single e lo trovasse pieno di sospensori?

Le prime le aveva comprate lei stessa, ritirandole nervosamente nel negozio di articoli sportivi ben prima che la Vecchia l'avesse trovata per la prima volta. Aveva borbottato qualcosa all'impiegato su "Mio nipote". Ora la Vecchia si fece comprare dal Ragazzo per lei, il che fu un bene, perché finì per perderne molti.

La maggior parte erano nuove di zecca, alcune ancora nella confezione, ma ne scelse una già aperta. Fece scivolare la tazza nella borsa, chiedendosi se gli uomini mettessero la tazza dopo aver indossato l'indumento o prima, come faceva lei. Supponeva di poterlo chiedere al Ragazzo, se mai gli avesse parlato.

Si infilò il sospensorio, se lo strinse contro la figa e colpì leggermente la tazza con le nocche, poi si allungò con entrambe le mani e si schiaffeggiò le natiche, poi le afferrò e le strinse.

Si sedette sul letto e indossò le scarpe da ginnastica senza preoccuparsi dei calzini. Le scarpe costavano poco, perché ne perse parecchie anche lei, anche se non tante quanto i sospensori. Poi andò nel suo armadio e scelse uno dei tre impermeabili rimasti. Di solito riusciva ad aggrapparsi a questi, oa volte era in grado di recuperarli in seguito. Se rimaneva a corto, era facile prenderne un altro paio dal negozio dell'usato.

Poi, con indosso solo orologio da polso, scarpe da ginnastica, sospensorio e trench, lasciò il suo appartamento, chiudendo a chiave la porta. Non ha portato con sé una chiave perché ne aveva diverse accuratamente nascoste intorno all'edificio sia all'interno che all'esterno. Erano quasi esattamente le dieci di sera.

Viveva al terzo piano ma evitava l'ascensore, scendendo invece le scale sul retro. La scala scendeva vicino all'ingresso della cucina della tavola calda in cui viveva sopra. A quell'ora il piccolo vicolo era deserto e lei iniziò la sua passeggiata.

Era l'inizio dell'autunno e, sebbene facesse freddo, era comoda sotto il suo lungo cappotto. Si fermò in fondo al vicolo. Nonostante il numero di volte che l'aveva fatto, all'inizio era sempre nervosa. Anche spaventato. Iper-allerta. Si voltò verso il parco.

Non stava cercando la Vecchia. Non l'ha mai fatto. Non sapeva come i tre la trovassero quasi sempre, ma lo facevano. Quasi sempre. Di tanto in tanto non lo facevano e lei completava la sua passeggiata da sola.

La brezza scuoteva i rami spogli e faceva scivolare sul marciapiede alcune foglie secche mentre raggiungeva l'ingresso del parco. Non aveva visto nessuno.

Ancora ipervigile, si incamminò lungo il sentiero che si addentrava nel parco. Sapeva che era rischioso, pericoloso, ma non era mai riuscita a superare The Urge nonostante le sue paure. Il bisogno era più forte.

Alla fine arrivò al "suo" albero. Proprio come tutti gli altri alberi lungo il sentiero, anche questo era circondato da una ringhiera di ferro, ma a differenza di tutti gli altri, questa ringhiera aveva una delle sbarre piegata verso l'esterno, abbastanza lontano da poterla usare. Si guardò intorno e aprì il cappotto, poi si accovacciò, le ginocchia spalancate, e premette la tazza contro le sbarre di ferro che si aggrappavano alla ringhiera circostante per tirarsi forte contro la "sua" sbarra.

Spinse e strofinò l'inguine contro le sbarre, ma non era abbastanza, la coppetta impediva il contatto con la sua clitoride come sapeva che sarebbe successo, ma doveva indossarla. Si abbassò e spinse la coppa di lato, attorcigliando la cintura del sospensorio di lato per esporre la sua vulva, ansimando un po' mentre la brezza fresca colpiva la sua fessura ora bagnata. Si spinse di nuovo contro le sbarre, sentendo il metallo freddo tra le labbra della sua figa, muovendosi su e giù contro di esso. Non sarebbe stato ancora abbastanza.

Si alzò e spinse il sospensorio lungo le gambe, chinandosi per cercare di uscirne. Le cinghie elastiche si sono impigliate nelle sue scarpe da ginnastica e una di esse si è staccata, quindi ha dato un calcio anche all'altra ed è uscita dall'atleta. Si accovacciò di nuovo e riprese a strofinare sulle sbarre di metallo. Era meglio adesso. Stava ottenendo attrito sul suo clitoride. Forse potrebbe venire. Solo un'altro po...

Poi, un passo. Il rumore di una scarpa contro il marciapiede. Saltò in piedi e corse fuori dal sentiero e tra i cespugli. Una volta nell'ombra si voltò e guardò indietro. Nessuno. Fece per tornare verso il suo albero, ma poi c'era qualcuno. Nessun errore questa volta, c'erano persone nel parco e lei si allontanò da loro.

Se solo avesse potuto venire. Allora sarebbe potuta tornare a casa, e forse quella sarebbe stata una delle notti in cui i tre non l'avrebbero trovata. Si fermò accanto a un albero, appoggiando il palmo contro la ruvida corteccia. Corteccia ruvida. Il suo cappotto era ancora aperto e premette la fronte contro l'albero, strofinando i seni contro di esso, spingendo il cavallo contro la corteccia.

È lì che l'hanno trovata, i tre, la vecchia, il ragazzo e la ragazza. A quel punto aveva perso il cappotto e l'hanno trovata completamente nuda, che si masturbava senza pensare contro qualsiasi cosa potesse trovare.

La Vecchia Donna la tirò via da una staccionata e la schiaffeggiò leggermente, poi un po' più forte, abbastanza forte da svegliarla dalla sua trance. La Vecchia indicò il Ragazzo, anche lui nudo. Non sono state pronunciate parole. Non sono mai state pronunciate parole. Sapeva cosa fare. Non c'erano nemmeno nomi. Sospettava che la Vecchia sapesse il suo nome, ma non aveva idea se lo sapessero gli altri, e non le importava.

Si avvicinò al ragazzo e si inginocchiò. Poteva vedere La Ragazza, ovviamente anche lei nuda, in piedi in silenzio dietro al Ragazzo. Non conosceva i loro nomi e non ne aveva bisogno. Non conosceva nemmeno la loro età, ma pensava che il ragazzo avesse almeno ventuno o ventidue anni ormai e la ragazza forse un po' più giovane, diciotto o diciannove anni. Non ricordava nemmeno quando li aveva visti per la prima volta. Sembrava che le cose fossero sempre andate così per lei.

Il ragazzo era già duro, il suo pene sottile ma lungo, leggermente ricurvo, pronto. Era sempre duro. Si chiedeva se The Old Woman lo drogasse, ora no. Non sapeva quale fosse veramente il suo lavoro, dato che era già duro, ma sapeva che doveva prenderlo in bocca. Forse per lubrificarlo, anche se la Ragazza sembrava sempre pronta. Ma non doveva sapere i chi o i perché, dal momento che era The Old Woman a orchestrare tutto.

Presto The Boy iniziò a ficcarle in bocca e lei voleva tenerlo lì, voleva assaggiare il suo sperma, ma The Old Woman non lo permetteva. A conferma di ciò, lo sentì sobbalzare e tirarsi fuori dalla bocca proprio mentre sentiva lo schiaffo della mano della Vecchia sul suo sedere.

Anche la Ragazza non aveva bisogno di sentirsi dire nulla, cadendo istantaneamente a quattro zampe, non sulle mani e sulle ginocchia, ma sulle mani e sui piedi, le gambe divaricate. Il ragazzo si mosse dietro la ragazza. La stavano aspettando.

Si sdraiò sulla schiena sul terreno freddo sotto la ragazza, guardando i riccioli castano scuro che coprivano la figa della ragazza. Non si chiedeva nemmeno perché a The Girl fossero concessi i peli pubici e lei no. Era oltre ogni dubbio su queste cose.

Non appena fu in posizione, il ragazzo avanzò, afferrando la ragazza per i fianchi. La Vecchia ha battuto le mani, il segnale. Il ragazzo tastò attentamente con la punta del suo cazzo per un po', poi si spinse in avanti velocemente e con forza. Era in lei! OH! Il ragazzo era in La ragazza!

Il ragazzo ha tenuto una presa salda sui fianchi della ragazza, non tanto spingendosi dentro la ragazza, non fottendola ora, ma semplicemente usandole la sua figa per masturbarsi, tirandola avanti e indietro sul suo cazzo ancora e ancora come una di quelle vagine artificiali. .

Non gli ci è voluto molto. Non è mai successo. Con un ultimo violento strattone, tirò la ragazza indietro sul suo cazzo, i suoi fianchi si spingevano in avanti contro di lei, premendosi profondamente e tenendosi lì.

La Ragazza emise uno dei pochi suoni del loro incontro altrimenti silenzioso, un piccolo grugnito, seguito da un piccolo gemito piagnucoloso. Dopo un altro momento, il ragazzo sembrò allentare la presa sui suoi fianchi e la ragazza si spostò leggermente in avanti sebbene il pene del ragazzo rimanesse dentro di lei.

Da sdraiata sulla schiena, sotto l'unione di The Girl e The Boy, poteva vedere, riflessa nel bagliore dei lampioni lontani, una sottile linea di fluido che colava giù, formando una striscia argentea lungo l'interno della coscia di The Girl.

Ci fu un rapido battito di mani della Vecchia e il Ragazzo e la Ragazza scomparvero, tornarono lungo il sentiero e scomparvero. La Vecchia rimase a guardarla, scuotendo lentamente la testa, poi anche lei se ne andò.

Ora sola, e nuda, si alzò in ginocchio, le gambe divaricate e finalmente riuscì a trovare sfogo. Stava diventando sempre più difficile venire.

Storie simili

Visitatore inatteso Parte quinta

VISITATORE INASPETTATO PARTE QUINTA Questo, il primo giorno di lavoro fuori casa, è stato sia movimentato che faticoso. Era stata una lunga giornata e sebbene io e Brett non vedessimo l'ora di metterci a letto insieme, eravamo entrambi così stanchi che ci siamo praticamente addormentati non appena le nostre teste hanno toccato i cuscini. Tuttavia, quello che deve essere stato un paio d'ore dopo, mi sono svegliato mentre andavo a girarmi sul lato sinistro, perché sono rotolato nel corpo nudo del mio compagno di letto. Era rivolto lontano da me e giaceva in una sorta di posizione semifetale con il suo...

916 I più visti

Likes 0

Il migliore amico di un fratello

Il migliore amico di un fratello Di DRMillennium: Dichiarazione di non responsabilità su taglio/incesto NC-17: Non ho creato e non possiedo alcun personaggio multimediale facilmente riconoscibile. Non ho alcun accordo, legale o di altro tipo, con i creatori o i proprietari. Questo è puramente per divertimento: non ho fatto, non cerco e non accetterò alcun profitto per questo. Questa storia non intende in alcun modo riflettere sulle vite o sugli stili di vita degli attori/attrici che originariamente interpretavano i personaggi. Non ho altro che affetto affettuoso e rispetto per loro, per avermi dato così tanto divertimento, e nessuna mancanza di rispetto...

654 I più visti

Likes 0

Ricatto scolastico 01

Giovedì: Grazie allo staff e agli studenti per esservi riuniti con un preavviso così breve. Ha detto il preside della mia scuola, il signor Jones. So che questa assemblea inaspettata ti sta facendo perdere tempo, quindi farò in fretta.. Il signor Jones ha convocato un'assemblea proprio un minuto fa. Nessuno nella mia classe, nemmeno io, sa di cosa si tratta. Non era previsto, è tutto quello che sappiamo. Chi sono? Mi chiamo Ian e frequento l'ultimo anno della Stanapolis High School. Sono di altezza media, capelli biondi, occhi verdi e non pratico nessuno sport, semplicemente non mi interessano mai. Invece investo...

676 I più visti

Likes 0

È successo in vacanza

È successo in vacanza. Mentre ero in macchina verso le montagne per le nostre vacanze in famiglia, i miei pensieri andavano a ciò che mi sarebbe mancato per la prossima settimana, vale a dire la mia ragazza o in altre parole a fare a meno del sesso per i prossimi 9 giorni. Quando sei adolescente (ho 16 anni) sai come vuol dire affrontare gli impulsi, quindi ti alleni molto e quando finalmente fai sesso, tutto ciò a cui pensi e non vedi l'ora è la prossima volta e nel mezzo Capendolo masterbate, diavolo devi farlo o senti che esploderai. Ecco il...

590 I più visti

Likes 0

Senza Dio e senza fede 2: capitolo 3

In un bosco oscuro e dimenticato, i goblin si precipitarono attraverso i cancelli distrutti del castello. Vix lasciò che tutti attaccassero davanti a lui. Doveva assicurarsi che nessun goblin codardo rimanesse indietro per lasciare che gli altri facessero il duro lavoro di combattere. Vix però si preoccupava poco. I goblin avevano aspettato un mese per prendere d'assalto l'ultima roccaforte dei signori dei goblin. Finito di pattugliare l'esterno del castello, Vix oltrepassò i cancelli, scavalcando il corpo di un goblin che aveva incontrato un pugnale alla gola. Sebbene i signori dei goblin chiamassero quel posto un castello, in realtà era solo un...

367 I più visti

Likes 0

CALCUTTA 1888

CALCUTTA. L'India è un paese bellissimo. Lo era di più quando la Compagnia delle Indie Orientali governava la sua costa su tutti e tre i lati. Allora ero un ragazzino, forse dieci o giù di lì. Calcutta era una città vivace ed era importante per il commercio. ora Calcutta è famigerata per i potenti monsoni. piove quasi ogni giorno a mezzogiorno. è stato un piovoso pomeriggio umido a Calcutta dove inizia la nostra storia. a causa delle piogge stavo dedicando gran parte del mio tempo a guardare fuori dalla finestra. piccole gocce di pioggia suonavano una musica insolita sul pendio di...

846 I più visti

Likes 0

Foto di squadra 6: Alex

Team Foto 6 – Alex si vendica Ehi sorellina, cosa stai facendo? chiesi mentre camminavo davanti a lei. Mi sono accovacciato, inclinando il mio cazzo palpitante in modo che fosse proprio davanti ai suoi occhi, poi con pochi brevi colpi sono esploso. Lunghe e spesse corde del mio sperma schizzarono sul suo grazioso visino, continuai a pompare me stesso, mirando ai suoi occhi, naso, bocca e infine sui suoi capelli, cercando di ricoprirle tutto il viso. Che ne dici di un regalo, puttanella? Avevo lasciato la scuola presto per assicurarmi di tornare a casa prima di Lauren, dandomi il tempo di...

722 I più visti

Likes 0

Nascita del Ringtaker n. 1

Non chiedermi da dove viene tutto questo. Non lo so. Te lo direi se lo sapessi, ma non lo faccio. Forse ho incrociato un filo. Forse vengono secreti troppi o troppo pochi ormoni del tipo giusto. Forse è solo che c'è un buco nel mio carattere. Qualunque cosa sia, l'ho accettato molto tempo fa. Quando è iniziato, chiedi? Cavolo, dovrebbe essere circa un anno o due dopo la pubertà. L'ho colpito subito dopo il mio undicesimo compleanno. All’inizio è stato un processo lento e graduale. Quando arrivò il dodicesimo anno, tutto mi colpì come una tonnellata di mattoni e non ero...

637 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

529 I più visti

Likes 0

Un tutto esaurito di avventure sessuali (parte 1)

(È ambientato durante l'ultima stagione di Full House) Questa è una foto di Viper: http://dyscalculiaforum.com/billeder/roderi/fullhouse/viper1.jpg Questa è una foto di Stephanie (è quella con la maglietta blu): http://www.flickr.com/photos/84531937@N00/1262543377/ DJ era seduto in cucina a mangiare uno spuntino doposcuola, quando Stephanie entrò eccitata attraverso la porta con un grande sorriso sul viso. Cos'hai che non va? chiese D.J. “Perché ti comporti in modo così sciocco? Non crederai mai a quello che mi è successo oggi dopo la scuola. Sei stato rapito dagli alieni e poi indagato in gruppo? DJ disse con un sorriso malvagio. Che cosa? Cos'hai che non va? No, Bobby...

537 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.