Tocco di bisogno

681Report
Tocco di bisogno

Un tocco di bisogno

La ragazza era sdraiata sul letto di fronte al muro. Guardando le ombre che giocano attraverso il muro. Stava pensando di nuovo a lui. Era lui che la rendeva sempre così calda nel cuore della notte svegliandola con dolci baci sulla gola. Ma era tutto un sogno. Voleva quel tocco. Voleva il tocco dell'uomo che ama. Ogni volta che si svegliava con i morbidi baci alla gola, sentiva il calore che le si arricciava nello stomaco. Non sapeva cosa fare. Sentiva sempre l'umidità tra le sue gambe accumularsi lì desiderando il rilascio che sapeva che lui sarebbe stato in grado di darle. Ma non era qui. Mosse lentamente la mano all'interno delle gambe per strofinare leggermente contro la sua umidità. Poteva usare le sue dita dentro di lei. Farebbe troppo male. Era ancora vergine. Quindi non ha mai davvero ottenuto il rilascio che voleva.

"Ho troppo bisogno di lui," sussurrò a se stessa girandosi sullo stomaco e chiudendo gli occhi, "forse, mi noterà domani."

Il giorno dopo, la ragazza stava guardando attraverso i corridoi mentre prendeva le sue cose per la sua prossima lezione. Quello che non notò era l'uomo in piedi dietro di lei che aspettava che chiudesse la porta dell'armadietto. Mentre lo faceva, l'uomo si mosse dietro di lei costringendola contro l'armadietto, il suo viso premette contro il suo collo.

"Ciao, Tabby Jones," Sentì il singhiozzo nel suo respiro mentre diceva questo contro il suo collo baciandolo dolcemente facendole cedere le ginocchia, "stai bene?"

"Nathan," il tocco delle sue labbra sul suo collo era come quelle che aveva sognato, ma era reale come se quegli altri lo fossero stati, "sì", riusciva a malapena a tenersi in piedi mentre lui l'afferrava per la vita baciandola di nuovo il suo collo.

Il modo in cui le teneva la vita stava facendo ricomparire il calore nel suo stomaco e l'umidità che le scivolava lungo le gambe sapeva che sarebbe successo. Dal modo in cui la teneva lei sapeva che avrebbe fatto qualcosa proprio lì nel mezzo del corridoio.

Si mosse contro la sua schiena muovendo i fianchi contro il suo sedere. "Tabby ti piace questo. Io che ti premo contro, ti bacio il collo," le baciò il collo e ricevette in risposta un brivido in risposta, "cos'altro vuoi che faccia?"

"Nathan," rabbrividì contro i suoi fianchi il bisogno di crescere più forte. Rabbrividì di nuovo quando le sue labbra le toccarono il collo rendendola debole, ma sapeva che lui l'aveva. Non l'avrebbe lasciata cadere, "c'è così tanto che voglio che tu faccia".

Mosse il ginocchio tra le sue già deboli ginocchia per strofinare contro la sua biancheria intima facendola gemere dolcemente, rendendo l'umidità molto più intensa. Ha dimenticato di indossare una gonna oggi. "Tabby sei già così bagnato. È così che ti faccio ogni notte quando mi sogni che gioco con te?"

Si irrigidì. Come faceva a saperlo? Continuò a muovere il ginocchio contro la sua biancheria intima facendola gemere dolcemente. L'umidità stava già inzuppando la sua biancheria intima facendola scorrere lungo le sue gambe. Sapeva come farla desiderare. Il modo in cui muoveva la gamba contro la sua biancheria intima era erotico. Non sapeva per quanto tempo le avrebbe fatto questo.

"Ehm," ci fu un colpo di tosse dietro di loro, "meglio che voi due andiate in classe."

"Sì signora Johnson," Nathan raddrizzò la gonna di Tabby e indietreggiò tenendole la mano, "dai Tabby siamo già in ritardo," iniziò a trascinarla dietro di sé quasi facendola cadere.

"Nathan, cosa volevi dire quando hai detto tutto questo?" gli chiese. Stare al passo con lui era difficile perché stava ancora gocciolando. Lei guardò il suo ginocchio. Era bagnato come se fosse caduto in una pozzanghera era il davanti dei suoi pantaloni, lei arrossì.

"Stavo solo chiedendo, non so cosa intendessi con questo", si fermò e la attirò a sé baciandola proprio nel mezzo del corridoio vuoto e sussurrò contro le sue labbra, "Non hai idea per quanto tempo ho ho aspettato per farlo."

Il respiro di Tabby si fermò in gola e lei sospirò contro le sue labbra. Il tocco delle sue labbra contro le sue le rese le ginocchia di nuovo deboli, facendole arrivare dove doveva sostenerla, "Nathan, sei tutto ciò che voglio."

Nathan si staccò da lei e continuò a trascinarsi lungo il corridoio fino alla classe successiva che stava entrando, "Ci scusi signor Davidson, sono io quello che ha fatto tardi Tabby e me stesso oggi, mi prenderò la punizione."

Tutti in classe fissavano Nathan come se avesse appena fatto qualcosa di sbagliato. E cominciò a sussurrare tra loro: "È pazzo?" "Chi si crede di essere?"

"Signor Edwards, vedo che è onesto come sempre. Mi aspetto che questa classe venga pulita dopo la scuola."

"Sì signore," Nathan lasciò andare la mano di Tabby non appena furono alle loro scrivanie, "Va bene se vengo stasera?"

"Naturalmente," il suo viso era rosso e lo sapeva. Non riusciva a credere alle cose che erano successe tutto il giorno. Prima quasi la fa venire in corridoio, poi la bacia e dice che voleva farlo da molto tempo e ora questo. Si chiese cos'altro sarebbe successo, "Non mi dispiace che tu venga. Ci sono solo io stasera. Mamma e papà usciranno stasera".

"Bene," sembrava felice, "quindi ho una domanda per te."

Distolse lo sguardo sapendo cosa stava per chiedere. Il suo viso diventa sempre più rosso per il momento, "cosa sarebbe?"

"Vuoi uscire con me", le chiese vicino all'orecchio e lei si voltò e per poco non cadde dalla sedia quando notò che era sulle sue ginocchia e che la sua mano teneva la sua, "Immagino che sia un no."

"No, voglio dire che è un sì. È solo che mi hai colto alla sprovvista con te che eri lì in ginocchio," stava guardando in imbarazzo. Non riesce a credere che le stesse chiedendo di uscire. Sembrava che due settimane fa la stesse ignorando.

"Mi dispiace," si alzò e si sedette sulla sua sedia.

"Va tutto bene," stava guardando la lavagna mentre scriveva gli appunti per il compito di oggi.

C'era un pezzo di carta sulla sua mano e lo guardò. Nella sua grafia minuscola e perfetta c'erano tre parole.

Sì, lo farò.

Fissò il pezzo di carta per il resto dell'isolato e non riusciva a credere che stesse dicendo di sì dopo il modo in cui l'ha trattata nelle ultime due settimane, ignorandola e tutto il resto. L'amava e ha ottenuto ciò che voleva.

La campanella suonò significando che la scuola era finita e Nathan dovette rimanere dopo per pulire la stanza, il che era facile da fare. Tutto ciò che serviva era che le sedie fossero impilate. Li impilò velocemente e se ne andò al parcheggio degli studenti per notare che Tabby era alla sua macchina ad aspettarlo, "Perché non sei sull'autobus?"

"Pensavo che volessi darmi un passaggio a casa," stava sorridendo e si avvicinò a lui e gli avvolse le braccia intorno al collo abbassandogli il viso per un bacio.

Lui obbedì e la inchiodò al lato delle macchine e la baciò più forte. Si avvicinò a lei stringendo i fianchi contro i suoi, gemette dolcemente mentre Tabby sospirava contro le sue labbra.

Tabby sapeva che stava diventando duro contro di lei e gli mordicchiò il labbro inferiore sfregandosi contro di lui. Sentì il debole gemito nella parte posteriore della sua gola, staccò le sue labbra dalle sue e baciò la sua guancia fino al suo collo e lo mordicchiò leggermente lì e lo sentì diventare più duro contro il suo stomaco.

"Tabby, sai cosa mi stai facendo?" chiese tra i suoi gemiti mentre lei continuava a mordicchiargli il collo.

"Ripaga una cagna, vero?" chiese mentre si strofinava di nuovo contro di lui succhiandogli il collo.

Si staccò e le aprì la porta, "ma posso controllare per quanto tempo avrai la tua vendetta ora, no?"

È salita e ha iniziato a fare il broncio, "Nathan non è divertente!"

Ridacchiò e andò al lato del guidatore, "Nessuno ha detto che ero gentile."

Stava pensando a se stessa, ha ragione. Nelle ultime due settimane mi ha ignorato e poi ha distrutto il mio giardino, "beh, mi hai chiesto di uscire, vero?"

"Ho sempre voluto uscire con te ma non sapevo come chiederti... cosa stai facendo?"

Mentre stava parlando lei si allungò e iniziò a slacciargli i pantaloni, "che aspetto ha?" chiese mentre si chinava sul bracciolo e gli tirava fuori l'asta e leccava leggermente la testa facendoci scivolare sopra la lingua, "wow you ha un sapore davvero buono," gli tirò la testa in bocca e lo sentì diventare duro all'istante mentre muoveva la bocca su e giù portandolo più a fondo nella sua bocca.

Si lamentò mentre lei continuava a succhiarlo, "Tabby come fai a sapere come succhiare così?"

Continuò a succhiarlo mentre raggiungeva i suoi pantaloni e strizzava leggermente le sue palle e le massaggiava, "Ho appena visto un sacco di porno. Tutte le scene di pompini intensamente", ha forzato la sua bocca fino in fondo alla sua asta prendendolo in fondo alla sua gola e lei imbavagliava leccandogli di nuovo la testa sentì il suo sacco stringersi.

"Tabby sto per venire", ha detto tra i pantaloni, "ti amo così tanto".

"Poi vienimi in bocca," continuò a leccargli la testa e poi lo tirò in bocca in modo da poterlo succhiare sempre più forte mentre faceva scivolare la mano su e giù per la sua asta.

"Tabby sto venendo," gemette ad alta voce mentre entrava nella sua bocca e le usciva su tutto il viso.

Lo succhiò e bevve ogni grammo che usciva dal suo pene e lo guardò mentre si asciugava la faccia sul suo stomaco e glielo leccava di dosso, "mmm, è stato così bello".

Lui la guardò e sorrise, "sai che mi hai appena fatto il mio primo pompino."

Tabby guardò di nuovo il suo uccello e iniziò a masturbarlo mentre guidava. Osservò il piacere scorrere sul suo viso mentre muoveva la mano un po' più velocemente e più forte su e giù.

"Tabby, sai che se lo fai ancora per molto dovrò accostare e portarti qui in macchina", disse attraverso i pantaloni. Gemette quando lei gli fece passare la lingua sopra la parte inferiore della testa.

Più lo faceva, più si bagnava. Non poteva masturbarsi davanti a lui. Non con lei che è vergine. Quindi ha continuato a masturbarlo e a giocare con il suo sacco. Stava per venire di nuovo e così lei rallentò per far durare il momento.

"È così dannatamente bello", non riusciva a credere che si stesse facendo una sega dalla ragazza più bella della scuola. Beh, per lui lo era. Si sentiva come se stesse per esplodere di nuovo, "Tabby..."

Non riuscì a finire quando la sua bocca si avvolse intorno al suo membro e lei lo succhiò leggermente e lo stuzzicò finché lui non venne a riempirle la bocca e lei ne ingoiò fino all'ultima goccia.

Non riesce a credere di aver appena ottenuto il miglior lavoro manuale/pompino della sua vita. Dove ha imparato a farlo? L'ha fatto venire. La stava guardando e le sorrise dolcemente, "Tabby siamo quasi a casa tua. C'è una maglietta sul sedile posteriore se vuoi pulirti la faccia," le porse una coca.

Lo prese e lo bevve per sciacquarsi la bocca così sua madre e suo padre non avrebbero chiesto perché la sua lingua era tutta pastosa, "grazie piccola", ha raggiunto il sedile posteriore per afferrare la sua maglietta per asciugarsi il viso.

Si fermarono a casa sua e non c'erano auto nel vialetto o nel garage. Questa era la prima volta che Nathan era effettivamente a casa di Tabby. Lui la guardò e si chinò per baciarla e lei gli avvicinò il viso al suo e gli avvolse le braccia intorno al collo baciandolo. Le leccò le labbra per entrare e lei aprì un po' la bocca e lui fece scivolare la sua lingua nella sua bocca esplorando ogni angolo della sua bocca.

Tabby si staccò e lo guardò, "ti piacerebbe vedere la mia stanza?"

Nathan la guardò e sorrise, "Mi piacerebbe", scese e andò ad aprirle la porta, "sei bella, più bella di una rosa".

Il rossore che le macchiava le guance era di un cremisi scuro, "Devi farlo?"

Nathan ridacchiò e la baciò di nuovo inchiodandola contro la macchina.

"Andiamo nella mia stanza o no," gli chiese tra un respiro e l'altro, gli afferrò le spalle per sostenersi.

"Sì, volevo solo baciarti di nuovo." L'afferrò per i fianchi e la tirò a sé.

Si staccò afferrandogli la mano e lo tirò attraverso la porta d'ingresso e su per le scale fino a una porta, si voltò guardandolo, "Non puoi ridere."

La guardò e le sussurrò all'orecchio: "Perché dovrei ridere?"

"Perché sono una ragazza femminile quando si tratta della mia stanza", ha osservato la sua reazione, ma non ha visto un accenno di risata nei suoi occhi, "ok andiamo piccola."

La seguì nella sua stanza e rimase a bocca aperta, "Wow, è fantastico", c'erano molti poster sulle sue pareti e un mucchio di foto quando erano piccoli, "Tabby, hai anche tenuto quella collana che ti ho regalato per Natale un paio di anni fa".

Lei arrossì, "Certo che l'ho fatto. Me l'hai data. Era la prima volta che mi hai baciato. Proprio sotto la punta del missile. Mi hai dato la collana e così è successo che eravamo sotto di essa."

Nathan era felice che lo tenesse. L'ha impostato in quel modo ma lei non lo sapeva, "beh, sono contento che ti piaccia. Non pensavo che l'avresti tenuto dopo il modo in cui ti ho trattato."

"Non importa cosa penso che sia stato così dolce da parte tua. E tu sei il primo ragazzo che abbia mai baciato", stava guardando la collana appesa al muro.

Nathan la tirò a sé e le morse dolcemente il collo, "Beh, sono il tuo primo per molte cose, no?"

Lei annuì quando uscì un leggero gemito e le sue mani si avvolsero intorno al suo collo mentre lui mordeva di nuovo e lei gemeva di nuovo. Stava facendo arricciare il calore nel suo stomaco, il modo in cui le sue labbra si muovevano sulla sua pelle era così erotico che non riusciva a fermare il modo in cui la faceva sentire. Si stava bagnando solo perché lui le mordeva il collo e lo baciava. Gli teneva la testa lì gemendo ogni volta che i suoi denti le graffiavano il collo. Era così erotico il modo in cui la faceva sentire. Il suo corpo si mosse da solo contro il suo, la sua mano intrecciata nella sua chioma scura di capelli.

* Ti piace questo Tabby, il modo in cui il mio ti sto facendo sentire," rabbrividì mentre il suo corpo si muoveva contro il suo. Lo stava facendo impazzire, le sue mani scivolarono lungo il suo fianco e leggermente sul suo seno. Non aveva la linea del reggiseno , "stai indossando un reggiseno?"

"N-no," ansimò lei mentre il dito di lui iniziava a strofinarle il capezzolo attraverso la maglietta spingendo il cotone morbido contro di essa, "N-Nathan..io ti voglio così tanto," stava gemendo lui le infilò la mano sotto la maglietta strofinarle il capezzolo nudo e la sua schiena inarcata spingendogli il petto nella mano.

La spostò contro la sua parete dove lentamente fece scivolare il ginocchio tra le sue gambe e lentamente lo strofinò contro la sua biancheria intima mentre continuava a strofinarle il capezzolo, "Wow, il tuo capezzolo è così duro", abbassò la testa e lo succhiò attraverso di lei camicia e lei gemette forte.

Non ce l'avrebbe fatta a resistere ancora per molto se lui avesse continuato, sarebbe venuta senza che lui facesse qualcosa. Lo spinse un po' indietro in modo da potersi togliere la maglietta per dargli un migliore accesso al suo seno. Si slacciò la gonna e la lasciò cadere a terra in modo che potesse strofinarla con il ginocchio. Si avvicinò di nuovo a lei e continuò quello che stava facendo ma invece di usare la mano strofinandole le mutande lentamente spingendo il dito dentro di lei facendola piangere di piacere. Sapeva che era vergine, quindi non l'ha fatto troppo duramente. La sua biancheria intima era bagnata fradicia e lui le fece scivolare lungo le sue gambe lisce e bianche come il latte e si accucciò in modo da poter guardare il suo nucleo rasato. Lui la guardò mentre lei arrossiva e le leccò la figa facendole cedere le ginocchia e lei gli afferrò le spalle.

Abbassò lo sguardo mentre lo faceva di nuovo e un gemito le sfuggì dalle labbra e fu forte. Non riusciva a credere a quanto la stesse facendo sentire solo leccandola. Le leccò il clitoride e lei gemette forte. Come mi sta facendo questo, stava pensando, non avrei permesso a un altro ragazzo di toccarsi in questo modo. No, ma questa era la prima volta che provavo la sensazione che mi stava dando. Lo so solo dal modo in cui i miei amici lo hanno descritto.

Si sta divertendo. Il modo in cui i suoi muscoli si ritraevano intorno alla mia lingua era incredibile. Più lo faccio, più lei si bagna, ha continuato a leccarla e succhiarle il clitoride che stava bagnando e aveva un sapore così buono. Si alzò togliendosi i vestiti e la sollevò lentamente.

Le sue gambe avvolsero il suo stomaco e lui la portò sul letto, "Tabby... vuoi usare un preservativo?"

Lei lo guardò con gli occhi spalancati, "me lo stai chiedendo", gli chiese e lui annuì, "ma se rimanessi incinta?"

"Avevo intenzione di chiedere ai tuoi genitori il permesso di sposarti. È una tua scelta se vuoi usare la protezione," la stese di nuovo sul letto guardando il suo cazzo e la sua figa. Sembrava che fossero fatti per essere uniti. Lei era bagnata fradicia e lui era solido come una roccia.

Ha spostato lentamente il suo cazzo sul suo clitoride e ha guardato mentre il suo viso diventava una maschera di piacere e lei gemeva leggermente e lui divideva leggermente le labbra della sua figa e spingeva leggermente abbastanza da non farla scoppiare quel tanto che bastava per farla abituare alla sua taglia. Si tirò fuori e iniziò a strofinare la testa del suo uccello contro il suo clitoride e facendola gemere rumorosamente.

"Sei pronta..." le chiese e lei annuì, "farà male."

"So che farà male, ma voglio che tu sia l'unico a farlo... non voglio usare il preservativo. Voglio che tu mi riempia con il tuo sperma come hai fatto con la mia bocca", lei lo guardava negli occhi con una fiducia evidente in loro, "So che se dico che non sono pronto ora ti fermerai e se dico che lo sono, so che sarai gentile."

Lui annuì e mise la testa del suo cazzo all'ingresso di lei e la guardò. Quando lei annuì, lui lentamente si spinse dentro di lei guardandola mentre chiudeva gli occhi e le afferrava le mani. Aprì gli occhi e gli sorrise, "non si è rotto. Puoi per favore farlo di nuovo bambino?"

Nathan la guardò e sorrise mentre la baciava e si tirava indietro lentamente e spingeva forte e veloce. Sentì il muro che gli impediva di entrare in lei, "Tabby, si romperà", gridò lei mentre sfondava la barriera e lui si fermò per lasciare che il suo corpo si adattasse alla sua taglia.

"È così bello avere qualcosa di così caldo dentro di me..." disse tra un respiro e l'altro, lo baciò e mosse i fianchi contro i suoi in un movimento suggestivo.

Lui annuì e lentamente si spinse dentro di lui andando un po' più a fondo e lei gridò. Si fermò e lei disse di andare avanti così fece e presto le sue grida divennero gemiti mentre le sue spinte diventavano un po' più veloci. Lei gemette mentre lui continuava il suo passo e presto iniziò a sollevarle i fianchi.

"N-Nathan sto per sborrare", il calore iniziò nel suo stomaco e viaggiò basso e veloce e lui continuò a spingere non appena lei venne lei schizzò su di lui e stava tremando. E si fermò per lasciare che il suo corpo si calmasse. Non appena ha iniziato a muovere il suo corpo contro di lui, lui si è ribaltato in modo che fosse sopra e lei sussultava mentre lui la allungava di più, "Nathan fa male... fa male!"

"Rilassa il mio amore, siamo fatti l'uno per l'altra", disse mentre iniziava a muovere lentamente l'anca verso l'alto spingendola lentamente dentro di lei mentre la tirava giù. Lei gemette forte mentre lo faceva, "Accidenti, sei così stretto".

Iniziò ad abbassarsi usando le sue spalle come equilibrio in modo da non cadere in avanti contro di lui. Aveva ancora i suoi fianchi e lei continuava a spingersi su di lui andando più veloce e lui gemeva mentre lei si stringeva intorno a lui e lui cresceva al suo fianco facendola gemere mentre la allungava di più. Ha iniziato a tirarla giù più velocemente e spingersi dentro di lei e lei gemeva più forte ad ogni spinta, "NATHAN HARDER", così ha spinto dentro di lei più forte e più veloce andando sempre più in profondità con ogni spinta e sapeva che stava raggiungendo il suo picco presto ma lei si stava stringendo sempre di più intorno a lui e ha urlato: "STO ANDANDO A VENIRE!"

Lei è venuta sollevando i fianchi da lui mentre spruzzava su tutto il suo stomaco e il suo cazzo e lui l'ha tirata indietro su di lui e ha continuato a spingere dentro di lei, "Tabby ho intenzione di venire presto".

Lei sorrise e iniziò a spingerlo più forte e più veloce. Guardò mentre afferrava il letto con le mani mentre continuava a sollevare i fianchi. Si chinò dietro di lei e iniziò a massaggiargli le palle mentre si spingeva su di lui più forte e più veloce. Sentì il suo sacco stringersi e sapeva che stava per sborrare così ha solo preso il ritmo.

"TABBY STO PER VENIRE!"

L'ha afferrata per i fianchi e l'ha tirata giù su di sé un altro paio di volte ed è venuto dentro di lei riempiendola fino all'orlo in cui non poteva più entrare in lei. E lui la sollevò di dosso e guardò il suo sperma uscire dalla sua figa sul suo stomaco e guardare mentre la sua figa si contorceva. Si chinò e gli leccò lo stomaco pulendolo da ogni goccia di sperma che c'era sopra.

Due ore dopo….

Erano sdraiati uno accanto all'altro sul letto di Tabby con la schiena contro lo stomaco di Nathan. Hanno appena fatto sesso circa quattro volte ed erano entrambi stanchi. Tabby si voltò a guardare Nathan ma lui era profondamente addormentato con un sorriso sul viso e lei si rannicchiò più vicino a lui con il suo uccello premuto contro il suo sedere. Sorrise, chiuse gli occhi e sussurrò: "Ti amo così tanto Nathan Edwards".

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

522 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

509 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

321 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

354 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

576 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

573 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

595 I più visti

Likes 0

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

503 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.