"La Routine" - Capitolo IV

924Report

Capitolo IV

Non era stato facile alzarsi alle sette del mattino dopo le avventure della notte precedente. Avevano continuato fino alle due del mattino prima che il suo capo se ne andasse con la sua segretaria e l'asiatica minuta, ea quel punto erano tutti soddisfatti. Eppure, eccolo qui, sveglio e pronto a fare colazione con sua figlia Chrissy mentre sua moglie Joanna era sotto il tavolo a fargli un altro pompino.

Anche se nelle ultime dodici ore aveva fatto più sesso di quanto ne avesse mai fatto in una notte prima, Robert era più arrapato che mai. Avere questo tipo di potere, il potere di far fare a qualsiasi donna quello che voleva, sembrava stimolare le sue fantasie verso nuove dimensioni. Gli faceva desiderare di più. Gli faceva venire voglia di scopare ogni donna in questa città prima di passare a quella successiva, e quella dopo ancora. Ma Robert era un uomo che poteva controllare i suoi impulsi. E non aveva dimenticato la cosa più importante; "Riservatezza".

Così ora era seduto al tavolo della colazione in vestaglia, osservando sua figlia e il suo corpo snello, i suoi piccoli tumuli che sporgevano sotto la canotta, pensando a pensieri su di lei che non aveva mai pensato prima. Il pensiero di "È tua figlia per l'amor di Dio", combatteva con il pensiero "Nessuno lo saprà mai", e mentre sua moglie lasciava che le sue labbra lisce come la seta e la sua bocca vellutata scivolassero su e giù per la sua asta, sentì che quest'ultima stava vincendo . Nemmeno il fatto che sua figlia lanciasse sguardi furtivi sotto il tavolo e osservasse l'azione orale con molto più interesse di quanto avesse mai sperato non aiutò molto.

Il pensiero che fosse sua figlia, non sua moglie sotto il tavolo, gli balzavano in testa come immagini incestuose, e il modo in cui ora si puliva la marmellata di fragole dalle dita, infilandole una dopo l'altra in bocca e succhiandole, era come versare benzina sulle fiamme. Pensò che stava per venire quando Chrissy improvvisamente si chinò per guardare di nuovo sotto il tavolo.

"Mamma?"

"Sì, tesoro?" Joanna si tolse il cazzo dalla bocca mentre rispondeva.

"Hai preparato la mia borsa del pranzo?"

"Si dolcezza. È in frigo. Te ne vai a scuola?"

Joanna gli passò la lingua lungo l'asta, giocherellando un po' con la testa, facendolo gemere silenziosamente mentre Chrissy andava al frigorifero e tirava fuori il sacchetto.

"Non dimenticare di salutare me e tuo padre, allora."

Ora questo diventerà interessante, pensò Robert mentre sua figlia si avvicinava per baciarlo sulla guancia. «No, baciami profondamente» sussurrò. "Come se baciassi un ragazzo."

Non c'erano domande nei suoi occhi mentre Chrissy premeva le sue labbra sulle sue e permetteva alla sua lingua di vagare nella sua bocca. Gli passò una mano tra i capelli, spingendo il suo corpo snello contro di lui e lui le mise una mano sul sedere, stringendolo leggermente mentre si baciavano. Gemette piano, e quello era più di quanto il corpo arrapato di Robert potesse sopportare in quel momento. Con un grugnito ha depositato il suo seme nella bocca e nel viso della moglie, coprendole le guance e scendendole lungo il mento. Poi le cose hanno preso davvero una piega strana quando Chrissy si è chinata e ha baciato sua madre su entrambe le guance. Quando si è alzata, Robert si è meravigliato alla vista dello sperma spalmato intorno alla bocca della sua piccola figlia e ha sparato un altro grosso carico nella scollatura delle tette di sua madre.

"Ora sbrigati e non fare tardi", disse Joanna e tornò a pulire il cazzo di Robert.

"E asciugati la faccia prima di uscire", riuscì a gridare Robert prima che sua figlia fosse fuori portata, il cuore che gli batteva forte nel petto.

"Lei è davvero un angelo, non credi?" disse Joanna e si alzò per finire i suoi cereali.

Robert aveva concordato con il suo capo di prendersi un altro giorno libero dopo la notte precedente, ma sua moglie doveva ancora andare a lavorare nello studio legale dove lavorava. Per assicurarsi che nessuno pensasse che le stesse succedendo qualcosa di strano, le disse di comportarsi in modo naturale, vestirsi normalmente e non pensare al sesso che si stavano godendo ultimamente. Dovrebbe comunque uscire dopo il lavoro e comprare dei vestiti davvero sexy.

Le spiegò anche durante la colazione che d'ora in poi avrebbe fatto sesso con molte altre donne e che per lei sarebbe andato bene. In effetti, se si fosse imbattuta in lui mentre faceva sesso, avrebbe iniziato a masturbarsi mentre lo guardava, a meno che lui non le dicesse diversamente.

"Certo tesoro. Ci sarà qualcos'altro?"

Dopo che sua moglie se ne fu andata, Robert scese di nuovo nel suo ufficio nel seminterrato. Era un uomo scrupoloso e pensava che più pratica al computer non avrebbe fatto male. Così ha aperto il programma che lo aveva aiutato a imparare e mettere in pratica “The Routine”, ha regolato la webcam e ha acceso il microfono. Si è esercitato per un'ora.

E adesso? Dovrebbe uscire, rimorchiare una ragazza a caso e fotterla a morte? Forse fare qualcosa per la sua fantasia di fare una cosa a tre con due donne sexy? O forse tre? Non riusciva a decidere, così invece è andato a fare un giro e ha deciso di agire secondo i suoi impulsi.

Per prima cosa è andato al negozio a prendere delle provviste. Quando pagò, la ragazza alla cassa lo sorprese pronunciando la stessa frase che ormai aveva imparato a sentire da sua moglie; “Ci sarà altro, signore?”. All'inizio era un po' confuso, non avendole fatto "The Routine", ma poi si è reso conto che era quello che dicevano tutti i cassieri. Il suo cazzo si agitava ancora nei pantaloni e si chiese se avrebbe dovuto provare a farsi scopare da questa donna carina.

Invece è andato a fare una passeggiata nel parco. Era una bella giornata e poteva vedere belle ragazze ovunque. Fare jogging, sdraiarsi sull'erba a leggere, portare a spasso il proprio cane o semplicemente rilassarsi al sole. Fu allora che Robert ebbe la sua idea.

* * *

Roseanna Wilkinson si sentì battere il cuore mentre si avvicinava al parco. Quello che stava per fare era qualcosa che pensava non si sarebbe mai sognata di fare in vita sua, ma comunque la eccitava tremendamente. Guardò l'orologio da polso mentre attraversava i cancelli. Mancano ancora cinque minuti, quindi ha avuto il tempo di scegliere un bel posto. Il prato che trovò era occupato da più donne, ma c'era ancora spazio per lei vicino a una piccola aiuola quasi nel mezzo, così si sedette e aspettò che passassero i minuti.

Era nervosa da quando quell'uomo l'aveva fermata per strada un'ora prima. Era strano come le avesse toccato il braccio e mormorato alcune parole che lei non capiva bene, ma quando le aveva chiesto se conosceva la strada per questo parco, lei aveva sentito che era importante che glielo dicesse. Era carino quando le sorrideva e lei voleva davvero sapere se c'era qualcos'altro che poteva fare per lui per farlo sorridere ancora un po'.

"Sì, c'è", aveva risposto.

Quindi ora lei era qui ed era ora. Da lontano sentì suonare un campanile e con mani tremanti cominciò a slacciarsi i bottoni dei pantaloni. Con la coda dell'occhio poteva vedere che anche le altre donne cominciavano a spogliarsi, e in un certo senso era sollevata dal fatto che non avrebbe dovuto farlo da sola. Finalmente nuda lasciò che la sua mano si facesse strada fino al suo inguine dai capelli rossi e rifinito, già bagnato solo per aver pensato a questo nell'ultima ora. E ha iniziato a masturbarsi.

Robert aveva una visuale perfetta da dove era seduto sulla sua panchina. La vista di venticinque donne che si masturbavano in pubblico proprio davanti a lui era esilarante, e poteva sentire il suo cazzo iniziare a crescere. Anche alcuni altri uomini si erano fermati a guardare lo spettacolo, e si chiese se qualcuno degli uomini conoscesse qualcuna delle donne sdraiate nude sull'erba, che torcevano i loro corpi per il piacere e si massaggiavano le fighe, stringevano le loro tette e - alcuni addirittura - si toccavano le dita i loro culi.

Guardò la rossa bianco lattea che aveva fermato per prima, e sembrava che lei lo avesse notato, perché gli stava sorridendo, mordendosi il capezzolo su uno dei suoi bei seni e lanciando sguardi seducenti mentre spingeva due dita verso l'alto la sua fica.

Ora un coro di gemiti cominciò a levarsi dal prato, e Robert desiderò potersi tirare fuori il cazzo e accarezzarlo. Ma sapeva che ci sarebbe stato tutto il tempo per soddisfare i suoi impulsi in seguito, e sapeva chi lo avrebbe aiutato. I suoi occhi caddero di nuovo sulla rossa e sorrise mentre il suo cazzo gli faceva un'altra contrazione nei pantaloni.

La prima delle donne ha raggiunto l'orgasmo. Il suo viso si contorse mentre le sue gambe si sollevavano da terra, rigide e divaricate per un momento prima che se le stringesse intorno alla mano e ricadde. E ora più donne hanno iniziato a dimenarsi e urlare. Era come una valanga. Alcuni si irrigidirono silenziosamente, altri quasi si alzarono da terra, inarcando la schiena o torcendo il corpo in angoli impossibili. Alcuni di loro hanno persino spruzzato i loro succhi in belle fontane sull'erba. La rossa era la più selvaggia di tutte. Quasi spingendosi il pugno su per la figa, si alzò in ginocchio, urlando selvaggiamente in aria mentre l'altra mano le stringeva forte le tette. Poi tacque, si dimenò un paio di volte e cadde all'indietro.

Robert sapeva che doveva averla.

Storie simili

Legami familiari (2)

Ho sollevato il mio cazzo da Stephanie e mi sono seduto. Stephanie si sedette in ginocchio e mi guardò. L'ho osservata nel bagliore dello schermo del suo computer. Ho guardato in basso il suo corpo nudo fino alla piccola piscina che si stava lentamente svuotando dalla sua figa. Una piccola pozzanghera dei nostri succhi d'amore. Beh... dissi. È meglio che vada a letto. Mi hai sfinito. Sì. Ho quell'effetto sulle persone. Lei disse. Ho allungato la mano e l'ho fatta scorrere lungo il suo braccio. Mi avvicinai e le diedi un bacio. Ci vediamo domattina. Ho detto. Prima cosa. lei rispose...

1.5K I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

1.4K I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

1.2K I più visti

Likes 0

Babysitter con Tara pt.1

Se mi avessi detto 3 mesi fa che sarei stato a casa della mia migliore amica, sdraiato nudo a letto con lei dopo una notte intera di sesso, probabilmente ti avrei preso a pugni in faccia e mi sarei assicurato che non avessi mai il naso dritto ancora. Eppure, è lì che mi sono ritrovato circa una settimana fa, tenendo il suo corpo caldo tra le mie braccia mentre si addormentava lentamente, i nostri corpi intrecciati. Ma sto andando avanti a me stesso. Tutto è iniziato circa 2 settimane fa. La mia amica Tara e io facevamo da babysitter, un'attività normale...

1.4K I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

1.2K I più visti

Likes 0

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

997 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.