"La Routine" - Capitolo IV

83Report

Capitolo IV

Non era stato facile alzarsi alle sette del mattino dopo le avventure della notte precedente. Avevano continuato fino alle due del mattino prima che il suo capo se ne andasse con la sua segretaria e l'asiatica minuta, ea quel punto erano tutti soddisfatti. Eppure, eccolo qui, sveglio e pronto a fare colazione con sua figlia Chrissy mentre sua moglie Joanna era sotto il tavolo a fargli un altro pompino.

Anche se nelle ultime dodici ore aveva fatto più sesso di quanto ne avesse mai fatto in una notte prima, Robert era più arrapato che mai. Avere questo tipo di potere, il potere di far fare a qualsiasi donna quello che voleva, sembrava stimolare le sue fantasie verso nuove dimensioni. Gli faceva desiderare di più. Gli faceva venire voglia di scopare ogni donna in questa città prima di passare a quella successiva, e quella dopo ancora. Ma Robert era un uomo che poteva controllare i suoi impulsi. E non aveva dimenticato la cosa più importante; "Riservatezza".

Così ora era seduto al tavolo della colazione in vestaglia, osservando sua figlia e il suo corpo snello, i suoi piccoli tumuli che sporgevano sotto la canotta, pensando a pensieri su di lei che non aveva mai pensato prima. Il pensiero di "È tua figlia per l'amor di Dio", combatteva con il pensiero "Nessuno lo saprà mai", e mentre sua moglie lasciava che le sue labbra lisce come la seta e la sua bocca vellutata scivolassero su e giù per la sua asta, sentì che quest'ultima stava vincendo . Nemmeno il fatto che sua figlia lanciasse sguardi furtivi sotto il tavolo e osservasse l'azione orale con molto più interesse di quanto avesse mai sperato non aiutò molto.

Il pensiero che fosse sua figlia, non sua moglie sotto il tavolo, gli balzavano in testa come immagini incestuose, e il modo in cui ora si puliva la marmellata di fragole dalle dita, infilandole una dopo l'altra in bocca e succhiandole, era come versare benzina sulle fiamme. Pensò che stava per venire quando Chrissy improvvisamente si chinò per guardare di nuovo sotto il tavolo.

"Mamma?"

"Sì, tesoro?" Joanna si tolse il cazzo dalla bocca mentre rispondeva.

"Hai preparato la mia borsa del pranzo?"

"Si dolcezza. È in frigo. Te ne vai a scuola?"

Joanna gli passò la lingua lungo l'asta, giocherellando un po' con la testa, facendolo gemere silenziosamente mentre Chrissy andava al frigorifero e tirava fuori il sacchetto.

"Non dimenticare di salutare me e tuo padre, allora."

Ora questo diventerà interessante, pensò Robert mentre sua figlia si avvicinava per baciarlo sulla guancia. «No, baciami profondamente» sussurrò. "Come se baciassi un ragazzo."

Non c'erano domande nei suoi occhi mentre Chrissy premeva le sue labbra sulle sue e permetteva alla sua lingua di vagare nella sua bocca. Gli passò una mano tra i capelli, spingendo il suo corpo snello contro di lui e lui le mise una mano sul sedere, stringendolo leggermente mentre si baciavano. Gemette piano, e quello era più di quanto il corpo arrapato di Robert potesse sopportare in quel momento. Con un grugnito ha depositato il suo seme nella bocca e nel viso della moglie, coprendole le guance e scendendole lungo il mento. Poi le cose hanno preso davvero una piega strana quando Chrissy si è chinata e ha baciato sua madre su entrambe le guance. Quando si è alzata, Robert si è meravigliato alla vista dello sperma spalmato intorno alla bocca della sua piccola figlia e ha sparato un altro grosso carico nella scollatura delle tette di sua madre.

"Ora sbrigati e non fare tardi", disse Joanna e tornò a pulire il cazzo di Robert.

"E asciugati la faccia prima di uscire", riuscì a gridare Robert prima che sua figlia fosse fuori portata, il cuore che gli batteva forte nel petto.

"Lei è davvero un angelo, non credi?" disse Joanna e si alzò per finire i suoi cereali.

Robert aveva concordato con il suo capo di prendersi un altro giorno libero dopo la notte precedente, ma sua moglie doveva ancora andare a lavorare nello studio legale dove lavorava. Per assicurarsi che nessuno pensasse che le stesse succedendo qualcosa di strano, le disse di comportarsi in modo naturale, vestirsi normalmente e non pensare al sesso che si stavano godendo ultimamente. Dovrebbe comunque uscire dopo il lavoro e comprare dei vestiti davvero sexy.

Le spiegò anche durante la colazione che d'ora in poi avrebbe fatto sesso con molte altre donne e che per lei sarebbe andato bene. In effetti, se si fosse imbattuta in lui mentre faceva sesso, avrebbe iniziato a masturbarsi mentre lo guardava, a meno che lui non le dicesse diversamente.

"Certo tesoro. Ci sarà qualcos'altro?"

Dopo che sua moglie se ne fu andata, Robert scese di nuovo nel suo ufficio nel seminterrato. Era un uomo scrupoloso e pensava che più pratica al computer non avrebbe fatto male. Così ha aperto il programma che lo aveva aiutato a imparare e mettere in pratica “The Routine”, ha regolato la webcam e ha acceso il microfono. Si è esercitato per un'ora.

E adesso? Dovrebbe uscire, rimorchiare una ragazza a caso e fotterla a morte? Forse fare qualcosa per la sua fantasia di fare una cosa a tre con due donne sexy? O forse tre? Non riusciva a decidere, così invece è andato a fare un giro e ha deciso di agire secondo i suoi impulsi.

Per prima cosa è andato al negozio a prendere delle provviste. Quando pagò, la ragazza alla cassa lo sorprese pronunciando la stessa frase che ormai aveva imparato a sentire da sua moglie; “Ci sarà altro, signore?”. All'inizio era un po' confuso, non avendole fatto "The Routine", ma poi si è reso conto che era quello che dicevano tutti i cassieri. Il suo cazzo si agitava ancora nei pantaloni e si chiese se avrebbe dovuto provare a farsi scopare da questa donna carina.

Invece è andato a fare una passeggiata nel parco. Era una bella giornata e poteva vedere belle ragazze ovunque. Fare jogging, sdraiarsi sull'erba a leggere, portare a spasso il proprio cane o semplicemente rilassarsi al sole. Fu allora che Robert ebbe la sua idea.

* * *

Roseanna Wilkinson si sentì battere il cuore mentre si avvicinava al parco. Quello che stava per fare era qualcosa che pensava non si sarebbe mai sognata di fare in vita sua, ma comunque la eccitava tremendamente. Guardò l'orologio da polso mentre attraversava i cancelli. Mancano ancora cinque minuti, quindi ha avuto il tempo di scegliere un bel posto. Il prato che trovò era occupato da più donne, ma c'era ancora spazio per lei vicino a una piccola aiuola quasi nel mezzo, così si sedette e aspettò che passassero i minuti.

Era nervosa da quando quell'uomo l'aveva fermata per strada un'ora prima. Era strano come le avesse toccato il braccio e mormorato alcune parole che lei non capiva bene, ma quando le aveva chiesto se conosceva la strada per questo parco, lei aveva sentito che era importante che glielo dicesse. Era carino quando le sorrideva e lei voleva davvero sapere se c'era qualcos'altro che poteva fare per lui per farlo sorridere ancora un po'.

"Sì, c'è", aveva risposto.

Quindi ora lei era qui ed era ora. Da lontano sentì suonare un campanile e con mani tremanti cominciò a slacciarsi i bottoni dei pantaloni. Con la coda dell'occhio poteva vedere che anche le altre donne cominciavano a spogliarsi, e in un certo senso era sollevata dal fatto che non avrebbe dovuto farlo da sola. Finalmente nuda lasciò che la sua mano si facesse strada fino al suo inguine dai capelli rossi e rifinito, già bagnato solo per aver pensato a questo nell'ultima ora. E ha iniziato a masturbarsi.

Robert aveva una visuale perfetta da dove era seduto sulla sua panchina. La vista di venticinque donne che si masturbavano in pubblico proprio davanti a lui era esilarante, e poteva sentire il suo cazzo iniziare a crescere. Anche alcuni altri uomini si erano fermati a guardare lo spettacolo, e si chiese se qualcuno degli uomini conoscesse qualcuna delle donne sdraiate nude sull'erba, che torcevano i loro corpi per il piacere e si massaggiavano le fighe, stringevano le loro tette e - alcuni addirittura - si toccavano le dita i loro culi.

Guardò la rossa bianco lattea che aveva fermato per prima, e sembrava che lei lo avesse notato, perché gli stava sorridendo, mordendosi il capezzolo su uno dei suoi bei seni e lanciando sguardi seducenti mentre spingeva due dita verso l'alto la sua fica.

Ora un coro di gemiti cominciò a levarsi dal prato, e Robert desiderò potersi tirare fuori il cazzo e accarezzarlo. Ma sapeva che ci sarebbe stato tutto il tempo per soddisfare i suoi impulsi in seguito, e sapeva chi lo avrebbe aiutato. I suoi occhi caddero di nuovo sulla rossa e sorrise mentre il suo cazzo gli faceva un'altra contrazione nei pantaloni.

La prima delle donne ha raggiunto l'orgasmo. Il suo viso si contorse mentre le sue gambe si sollevavano da terra, rigide e divaricate per un momento prima che se le stringesse intorno alla mano e ricadde. E ora più donne hanno iniziato a dimenarsi e urlare. Era come una valanga. Alcuni si irrigidirono silenziosamente, altri quasi si alzarono da terra, inarcando la schiena o torcendo il corpo in angoli impossibili. Alcuni di loro hanno persino spruzzato i loro succhi in belle fontane sull'erba. La rossa era la più selvaggia di tutte. Quasi spingendosi il pugno su per la figa, si alzò in ginocchio, urlando selvaggiamente in aria mentre l'altra mano le stringeva forte le tette. Poi tacque, si dimenò un paio di volte e cadde all'indietro.

Robert sapeva che doveva averla.

Storie simili

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

799 I più visti

Likes 0

Capitolo 2 Rivelazioni

Capitolo 2 Rivelazioni Squall attraversò stancamente il Garden, diretto al Training Center per allenarsi. Sperava che lo avrebbe aiutato a svegliarlo, inoltre aveva solo bisogno di uscire dal suo ufficio. Si era quasi addormentato alla sua scrivania, non qualcosa che un comandante dovrebbe fare. Sono solo sogni, alla fine se ne andranno. si rassicurò mentre passava davanti ad alcuni cadetti che lo salutavano mentre passava. Salutò a malincuore a sua volta, desiderando che potessero dimenticare che era il loro Comandante per una volta. Comandante Leonhart, per favore venga subito nel mio ufficio, sentì la voce di Cid echeggiare in tutto l'edificio...

820 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

806 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

782 I più visti

Likes 0

La moglie di Harvey e i suoi amici

Harvey stava filmando sua moglie, che aveva appena avuto il viso ricoperto di sperma dal cazzo di 11 pollici del suo Master Max. Per ripulirlo, ora Max stava pisciando su tutta la faccia di Ginger. La rossa di 58 anni ha trovato questo rilassante e non fuori dalla norma. Max era un uomo di 20 anni che era la sua costante Maledom, si erano incontrati 1 anno prima in un club di scambisti e ora Max viveva nella Master Suite a casa loro. Ginger avrebbe fatto soldi per il suo padrone andando in webcam, lui si era sistemato nella tana. La...

771 I più visti

Likes 0

Anya combatte il martello

Parte 4 Anya combatte il martello Intorpidita ed esausta, Anya sentì qualcosa di morbido sfiorarle il naso, alzando la mano e lo allontanò, solo per vederlo tornare pochi secondi dopo. Borbottando incoerentemente, rotolò via e colpì un muro, alzando una mano e sentì il muro. Beh, era difficile, ma c'era una strana consistenza morbida su di esso, come se stesse spingendo in un corpo. Sorridendo ai suoi stupidi pensieri Anya vi appoggiò la mano e si rannicchiò più vicino, solo per sentire una risata estremamente umana provenire dal muro. whaa mormorò Anya mentre costringeva i suoi occhi ad aprirsi su un...

731 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

743 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

698 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

676 I più visti

Likes 0

Allenare mia figlia 1

Tutto è iniziato un giorno in cui ero ubriaco e incapace di fare nulla da solo. Prima di iniziare, ti fornirò alcune informazioni di base su di me e mia figlia. Avevo 37 anni in ottima forma e un uomo molto bello. Capelli castani e occhi color nocciola. Mi sono rasato regolarmente in modo che il mio corpo fosse sempre liscio. Mia figlia quando è iniziata questa era una giovane e vivace bambina di otto anni che era molto carina e si stava sviluppando prima di tutte le altre ragazze della sua età. Adora e ama totalmente suo padre con ogni...

747 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.