Legalmente vincolante, cap.4

1.2KReport
Legalmente vincolante, cap.4

Ho guardato mentre la sua espressione passava dalla vuota incomprensione allo shock, a una comprensione e accettazione lentamente nascenti, e infine a un profondo senso di liberazione e poi: pura felicità. I suoi occhi traboccarono di nuovo, ma per un motivo diverso. Annuì vigorosamente, incapace di parlare, e mi gettò di nuovo le braccia al collo come se stesse accettando una proposta di matrimonio.

"E 'questo quello che vuoi?" dissi piano nel suo orecchio.

"Sì. Ohhhh... sì! Mi ha baciato la guancia, la mascella, il collo e mi ha stretto ancora di più.

Ho aspettato che il suo primo entusiasmo si fosse espresso, poi mi sono gentilmente disimpegnato. Le diedi un lungo bacio caldo, le asciugai dolcemente le lacrime con leggeri colpi dei pollici, poi la presi per mano e la condussi verso la sedia del cliente, che spinsi indietro finché non fu quasi alla finestra, e la misi in piedi davanti ad esso. Tornai a prendere la lampada da scrivania, che ormai era l'unica fonte di luce nell'ufficio buio, e la posai sul pavimento accanto alla sedia, regolandola in modo che Nadine fosse illuminata dolcemente dalla testa ai piedi.

Poi mi sono seduto sulla sedia di fronte a Nadine, che stava a disagio nella luce, cercando di non agitarsi. Non essere in grado di vedere la mia faccia a causa del modo in cui era posizionata la luce deve aver aggiunto al suo nervosismo.

«Va bene, Nadine», cominciai. "Sai chi e cosa sei adesso, vero?"

Lei annuì e parlò in un quasi sussurro: “Sì. Il vostro."

Ho annuito di rimando, anche se lei probabilmente non poteva vederlo. "Bene. Non sei più la ragazzina spaventata che ha cercato di nascondersi dentro quei vestiti ridicoli. L'ho detto come una dichiarazione.

Abbassò lo sguardo sul suo abito sgualcito come sorpresa di trovarsi ancora ad indossarlo, come se l'avesse indossato giorni prima e in qualche modo si fosse dimenticata di cambiarsi. Ha alzato lo sguardo su di me - o almeno su dove ero seduto e ha detto: "N-no ..." Si è fermata quando ha notato il tremito nella sua voce e ha ricominciato, con più fermezza. "No. Non sono." Lei serrò la bocca e fissò nella mia direzione come se mi sfidasse a contraddirla, ma poi si passò nervosamente una mano tra i capelli prima di riprendersi.

"Bene. Allora non avrai bisogno di loro. Rimuovili."

La sua sottile facciata di fiducia si sgretolò quasi immediatamente. "C-qui?" I suoi occhi saettarono alla finestra dietro di me e alle luci della piazza sottostante. "Ma…"

«Nadine», lo interruppi. “Capisco che questo è nuovo per te. Ma ora mi appartieni. Quindi faresti meglio ad abituarti a fare quello che ti dico - quando... io... te lo dico. Ora, STRISCIA!

L'ultima parola fu pronunciata, non ad alta voce, ma con un tono più aspro di quanto avessi mai usato prima con Nadine, e per un momento lei rabbrividì. Poi si raddrizzò lentamente e mi fece un tremante cenno di assenso prima di iniziare a slacciare i bottoni dorati della giacca. Uno di loro deve essersi allentato trascinandolo sopra la scrivania, perché le si è staccato tra le dita ed è caduto a terra. Nadine lo seguì con lo sguardo come se avesse intenzione di andare a prenderlo.

«Occhi qui, Nadine», dissi dalla mia sedia, e lei ricambiò il suo sguardo su di me. Finì di sbottonarsi la giacca e se ne sfilò con cautela, una spalla alla volta, come se fosse fragile e potesse strapparsi. Lo tenne penzolante dalla sua mano per un lungo momento, senza sapere se avrebbe dovuto semplicemente lasciarlo cadere sul pavimento. Alla fine ha allungato il braccio e me l'ha offerto.

«Brava ragazza», dissi, sporgendomi in avanti per prenderglielo e piegarmelo in grembo. Sorrise, incerta, come se le avessi appena regalato una stella d'oro. Poi iniziò dai bottoni della camicetta. Era molto metodica, si faceva strada dall'alto verso il basso senza esitazione, il suo sguardo guizzò solo per un istante verso la finestra mentre si liberava la camicetta dalla gonna e se la sfilava dalle spalle. Si fermò solo il tempo necessario per slacciare i bottoni dei polsini prima di sfilare le braccia, una alla volta, e porgermi la camicetta.

Quando l'ebbi fatto, istintivamente lasciò cadere le mani lungo i fianchi per un momento per permettermi di guardarla. Il suo reggiseno era bianco, come c'era da aspettarselo, ma aveva anche dei ricami sulle coppe e un po' di pizzo. "Molto bello", commentai. "Continua."

Si allungò rapidamente dietro di sé per slacciarsi e aprire la cerniera della gonna. Infilò i pollici nella cintura, preparandosi a farla scivolare giù sui fianchi, ma poi non riuscì a trattenersi: si bloccò, incapace di distogliere lo sguardo dalla finestra, il suo respiro affannoso.

«Dubito che qualcuno dei tuoi clienti sia là fuori in questo momento», dissi, per farla desistere. «La gonna, Nadine.»

Il suo sguardo saettò di nuovo verso di me, e potevo vedere che voleva supplicarmi di permetterle di fermarsi. Ma dopo solo un altro momento di esitazione lei emise un leggero miagolio, abbassò la gonna e ne uscì. Lo porse, lasciandolo andare con una riluttanza appena percettibile. Abbassò lo sguardo e notò, con suo dispiacere, che indossava ancora la cintura sfilacciata dei collant che avevo strappato via prima. Ha rapidamente perso anche quello e me l'ha dato. L'ho buttato a terra.

Ora era in piedi davanti a me con indosso solo reggiseno e mutandine. Respirava più pesantemente attraverso il naso e vidi che i suoi occhi erano luminosi, quasi febbricitanti.

"Ti stai divertendo, vero, Nadine?"

Sorpresa, iniziò a scuotere la testa in veemente diniego... poi si fermò. L'ho osservata fare il punto su se stessa: uno sguardo interrogativo, interiore, seguito lentamente da uno sguardo di riluttante riconoscimento... e infine uno sguardo di vergogna. "Ohhhhh..." sussurrò e rimase in silenzio, a testa bassa.

«Occhi qui, Nadine.» Con riluttanza, alzò il viso verso il mio. «Non te l'ho chiesto per farti star male, Nadine. Ho chiesto per aiutarti a capire. Se non impari nient'altro da me, ti insegnerò non solo ad accettare ciò che sei, ma anche ad esserne orgoglioso. Dopo un momento vidi qualcosa di addolcirsi nella sua espressione e si alzò un po' di più.

"È molto meglio. Ora smettila di pensare così tanto e concentrati, Nadine. Cosa stai facendo in questo momento?"

"Sto... mi sto... spogliando."

"Bene. E perché ti spogli?"

"Perché... perché... me l'hai detto tu?"

"Destra. E ti piace fare quello che ti dico, vero, Nadine?

“Io... S-sì. Io faccio." Esitò, poi disse con più fermezza: "Mi piace fare quello che mi dici". Mi rivolse un altro sorriso tremulo, uno studente che spera nell'approvazione dell'insegnante.

“Stai andando molto bene, Nadine. Brava ragazza. Continuare."

Il suo sorriso si allargò alla mia lode e non ci fu alcuna esitazione mentre allungava la mano dietro la schiena per slacciarsi il reggiseno. Se lo fece scivolare rapidamente lungo le braccia, poi lo prese con entrambe le mani e me lo porse come un premio. I suoi capezzoli erano visibilmente eretti ed era evidente che si stava eccitando sempre di più. Non appena ho preso il reggiseno, le sue mani sono volate sulla cintura delle mutandine come se non vedesse l'ora di togliersele.

"Fermare."

Sorpresa, mi guardò con i pollici ancora agganciati all'elastico delle mutandine. Dopo un momento li tirò lentamente fuori e lasciò che le sue mani ricadessero lungo i fianchi.

"Vieni qui."

Si avvicinò rapidamente davanti a me, le sue ginocchia quasi toccarono le mie. Ho allungato la mano e ho tracciato ciascuno dei suoi capezzoli con la punta del dito, facendola rabbrividire e trattenere il respiro.

"Sono contento che ti stia divertendo, Nadine," dissi, pizzicando leggermente ogni capezzolo a turno, "ma abbiamo un piccolo lavoro in sospeso, io e te."

Nadine è stata più a lungo sotto i miei riflettori improvvisati, ma ho potuto vedere che era perplessa. Continuai a pizzicarle i capezzoli mentre prendevo la mia mano libera e tiravo verso l'alto l'elastico in vita delle sue mutandine, tirandole lentamente sempre più strette tra le sue gambe, mentre continuavo. «Ti ho dato una serie di istruzioni ieri, vero, Nadine? Ricordi cosa erano?

Nadine si stava mordendo il labbro inferiore e praticamente danzava sul posto per l'eccitazione mentre la pressione sui suoi capezzoli e tra le sue gambe aumentava. “Mmph!...Oh!...Oh dio! Sì, hai detto...»

"Penso che sia ora che inizi a chiamarmi 'Signore', vero?" la interruppi, stringendo la parte anteriore delle sue mutandine nel mio pugno e iniziando a tirarle avanti e indietro, le sue labbra della figa ora chiaramente visibili mentre il tessuto era tirato tra di loro. Ho afferrato un capezzolo e gli ho dato un pizzico molto più forte.

“AH! AH! Oh merda, oh dio! strillò. Le sue mani stavano svolazzando lungo i fianchi come se volesse disperatamente fermarmi ma sapeva di non osarla, e si stava alzando in punta di piedi, cercando di diminuire la pressione sulla sua figa. “Sì, sì, va bene, sì, signore! Oh, per favore... oh dio... "

Ho smesso di masturbarle le mutandine e ho rilasciato parte della pressione sul suo capezzolo e sulla sua figa. Si rimise lentamente in piedi, ansimando per respirare dalla bocca, le lacrime le rigavano il viso, gli occhi ben chiusi mentre cercava di riprendersi.

«Occhi qui, Nadine.» Riaprì rapidamente gli occhi e si concentrò su di me. «Vai avanti», dissi, dandole il minimo strattone alle mutandine come incoraggiamento.

"Sì-sì, S-s-signore", balbettò. “M-mi hai detto di chiamarti e chiedere indietro le mie mutandine. Mi hai detto di non... toccarmi. Mi hai detto, mi hai detto di non indossare collant o, o p-...AHH! MERDA, OH DIO!”

Ha ballato di nuovo in punta di piedi mentre le tiravo su le mutandine. "Qualche collant o... cosa, Nadine?" Ho lasciato il suo capezzolo abbastanza a lungo da sfiorare con la punta di un dito il suo clitoride, facendola gridare, poi ho afferrato l'altro capezzolo. "Non ho sentito bene l'ultima parte."

“P-MUTANDINE! MUTANDINE, SIGNORE! AH! strillò. "Mi hai detto di non indossare le MUTANDINE, SIGNORE!" Ha continuato a ballare per il suo dolore e l'eccitazione.

"Eppure", dissi, con la mia voce più ragionevole, "... sembra che tu indossi le mutandine in questo preciso momento... vero, Nadine?" Le ho dato un'altra torsione al capezzolo.

"MERDA! Oh, merda - sì, signore! Io sono... Oh, dio, sì, signore, indosso le mutandine, signore! Mi dispiace tanto, signore. AHH!

"Sono sicuro che lo sei, Nadine, soprattutto in questo momento." Un altro scatto avanti e indietro delle sue mutandine, suscitando un altro guaito. "Ma resta il fatto che non hai fatto come ti era stato detto." Ho rilasciato il suo capezzolo e ho schiaffeggiato leggermente ciascuno dei suoi seni con la mia mano aperta mentre la tenevo in punta di piedi.

Grugnì quando il dolore la punse. “OW! OW! Ohhhh... Sì, signore», gemette.

Ho continuato: "In effetti, non sei riuscita a seguire ogni... singola... una delle mie istruzioni, vero, Nadine?" sottolineando ciascuna delle parole chiave con ulteriori schiaffi sul seno, facendola sibilare tra i denti.

“AH! GESÙ CAZZO! SI SIGNORE! Dio, mi dispiace tanto, signore! Per favore…!"

Ho diretto uno schiaffo a una delle sue cosce, facendola gridare di nuovo. “Apri le gambe! Adesso!" Si affrettò ad obbedire, mordendosi il labbro e piangendo apertamente. L'ho trascinata di nuovo in punta di piedi per le mutandine e ho iniziato a schiacciarle la figa. “Non sei altro che una DISOBBEDIENTE (schiaffo!) PICCOLA (schiaffo!) TROIA! (Schiaffo!) – Non è vero?”

"SÌ! SÌ! Oh, dio, SÌ SIGNORE! Io sono... io sono un... non sono niente altro che un dis... dis..." Improvvisamente rimase senza fiato. “OHHHhhhhh... DIO!!! Sto per...” I suoi occhi iniziarono a rotolare all'indietro, la sua bocca si aprì e le sue ginocchia iniziarono a cedere.

Mi alzai in piedi in un istante, afferrandole il mento con una mano e tirandole i capelli con l'altra. I suoi occhi si spalancarono quando la costrinsi ad alzarsi di nuovo.

"GUARDAMI, Nadine!" Era in iperventilazione, riusciva a malapena a concentrarsi, nonostante il dolore. “NON verrai, Nadine! Mi senti?"

Il suo bacino si contraeva contro di me e i suoi occhi iniziarono a chiudersi. Le ho lasciato il mento in modo da tenerla sollevata per i capelli, poi le ho schiaffeggiato leggermente il viso. "SMETTILA! Proprio adesso!"

“OWWW! SSSSSsssss…”

Fece una smorfia di dolore e si costrinse a stare in piedi per alleviare la pressione sul cuoio capelluto. Era appena sufficiente come distrazione: vedevo che l'onda si stava ritirando. Ho messo la mia faccia contro la sua, l'ho fissata direttamente negli occhi e ho detto: “NON vieni senza il mio permesso, Nadine. D'ora in poi i tuoi orgasmi, il tuo piacere – e il tuo dolore – appartengono a me. È chiaro?"

I suoi occhi erano spalancati e in preda al panico e le sue labbra tremavano mentre rispondeva: "M-ma non volevo dire... non ero... non potevo farci niente, io..." Ha letto correttamente la mia espressione e si è fermata. Abbassò lo sguardo, si riprese e si costrinse a incontrare il mio sguardo. “S-sì, signore. Io... io capisco, signore.

Ho lasciato la mia presa sui suoi capelli e lei è caduta in ginocchio con un basso gemito. Poi, incapace di trattenersi, mi gettò di nuovo le braccia intorno alle gambe e si strinse a me, le gambe arricciate sotto di lei come prima. «G-grazie, signore», sussurrò. Ha strofinato il viso contro la mia coscia come un gattino. Un attimo dopo parlò di nuovo – un mormorio appena udibile, più a se stessa che a me: “È così meraviglioso…”

Mi chinai e le accarezzai delicatamente i capelli per farle sapere che avevo sentito. Rimanemmo così per un lungo momento, godendoci il silenzio e la rasserenante oscurità dell'ufficio.

"Mi dispiace di aver creato così tanti problemi per lei, signore" - un sussurro sommesso. Poi si voltò verso di me. "Immagino di essere davvero solo una piccola s-s disobbediente..." Cercò di farcela ma si fermò sull'ultima parola.

Le ho arruffato i capelli. "Piccolo disobbediente...?"

Deve aver colto il tono giocoso della mia voce perché si è alzata in ginocchio e si è seduta sui talloni, la schiena dritta. Ha riprovato. "S-puttana, signore." Vidi il suo sorrisetto per l'esitazione e la osservai mentre si metteva a sedere ancora più dritta. "Sono una... piccola... puttanella disobbediente, signore." E con sua stessa sorpresa ridacchiò, allungandosi per coprirsi la bocca con la mano mentre lo faceva. "Mi dispiace, signore", disse, ora sorridendo apertamente. “Non sono mai stata una troia prima d'ora. Dovrò abituarmici, immagino.»

Si alzò dai talloni alle ginocchia e si sporse in avanti, mettendo le mani sui miei fianchi per sostenermi. "È questo che fanno le troie?" fece le fusa, tirando fuori la lingua e leccandomi la parte anteriore dei pantaloni. "O questo…?" - allungando una mano e iniziando ad aprirmi la cerniera.

L'ho afferrata per i polsi e l'ho tirata in piedi, continuando ad alzare le braccia finché non sono state completamente distese sopra la sua testa e il suo corpo è stato premuto contro il mio. "Questo è quello che fa la mia troia... quando glielo dico."

Il suo sorriso era solo leggermente imbarazzato: "Mi dispiace, signore".

Le afferrai i polsi con una mano e la baciai forte, infilando la mia lingua nella sua bocca e usando la mia mano libera per stringere e accarezzare la sua figa attraverso le sue mutandine. Lei gemette contro la mia bocca ei suoi fianchi sussultarono contro la mia mano. Mi sono rifiutato di fermarla o rilasciarla fino a quando non ha emesso piccoli suoni piagnucolosi ed ero sicuro che fosse di nuovo sull'orlo dell'orgasmo.

Quando all'improvviso le lasciai cadere i polsi e feci un passo indietro, quasi cadde di nuovo in ginocchio, il respiro che le sfuggiva in un enorme "UH!" i suoi occhi spalancati per lo shock.

"In piedi dritto. Tieni le braccia sopra la testa.

Stava ancora ansimando. "Oh... oh... sì, signore", riuscì a dire, e seguì le mie istruzioni.

"... E la mia troia non lo fa", dissi, come se continuassi la mia precedente affermazione, ... quando è nel bel mezzo di essere punita.

Mi aspettavo uno sguardo di sgomento. Ero deluso. Rimase lì come le era stato ordinato, le braccia tese sopra la testa, una mano che afferrava il polso opposto, ma era come se assumendo quella posizione fosse entrata in uno stato Zen di perfetta e perpetua eccitazione, dove il rilascio era irrilevante. I suoi capezzoli erano eretti, il suo respiro era ancora corto e le sue mutandine erano ora inzuppate, ma la sua espressione era sognante quando rispose: "Mmmm... sì, signore".

L'ho lasciata in piedi così, sono andata dietro la sua scrivania e ho frugato nei cassetti finché non ho trovato quello che cercavo. Tornai e mi sedetti sulla mia sedia, facendole cenno di mettersi di fronte a me.

“Voltati”, le dissi, e lei lo fece mormorando “Sì, signore”.

"Piegati in avanti - mani sulle ginocchia." Ancora una volta, con un pacato "Sì, signore", fece come le era stato detto, presentandomi con il suo sedere molto ben modellato in mutandine di cotone umido. Staccai il pennarello che avevo preso dalla sua scrivania e scrissi Piccola troia disobbediente sul tessuto bianco. Nadine ha ridacchiato mentre scrivevo – deve averle fatto un po' il solletico.

“Alzati di nuovo. Girati verso di me. Mani sopra la testa.

"Si signore."

Ho usato una mano per tirarle su comodamente le mutandine e tenerle lì mentre scrivevo anche Piccola troietta disobbediente sul davanti. Nella sua posizione Nadine non poteva davvero piegare il collo abbastanza da vedere cosa stavo scrivendo, ma potevo vederla guardare. Ho finito e ho rimesso il cappuccio sul pennarello.

“Sai leggere al contrario, Nadine? Guarda giù.»

Tenendo le braccia ferme, Nadine si sporse in avanti per guardare. «Sì, signore», sussurrò. Si raddrizzò di nuovo e mi guardò. "Dice: 'Piccola troia disobbediente', signore."

“Esatto, Nadine. Lo dice anche sul retro. Ho iniziato ad accarezzarle pigramente la figa attraverso l'inguine delle mutandine con la punta del pennarello mentre continuavo. "E dato che sembra che tu abbia difficoltà a ricordare chi e cosa sei, indosserai queste mutandine ogni giorno finché non dirò diversamente."

"Si signore."

Ho premuto leggermente il cappuccio del pennarello contro il suo clitoride, facendola ansimare. "E dal momento che sembri preferire vestirti per il lavoro come un bibliotecario asessuato, da domani continuerai a farlo: abiti e camicette tradizionali, capelli raccolti, scarpe comode, occhiali a posto - e queste mutandine sotto."

"Si signore." Sorrise leggermente a questo, e potevo dire che si stava immaginando di affrontare la giornata come le avevo descritto. Il suo sorriso è scomparso e la sua bocca si è aperta mentre premo più forte la punta del pennarello contro il suo clitoride e comincio a ruotarlo mentre continuo a rivolgermi a lei.

“E... ora ascolta attentamente, Nadine. Ogni volta che incontri un cliente in questo ufficio, non importa chi sia, non importa quanti incontri hai in un giorno, almeno una volta durante ogni singolo incontro ti scuserai e visiterai il bagno che hai qui.

Ho scostato l'inguine delle sue mutandine e ho iniziato a usare il pennarello – era uno di quelli grandi, grandi quasi come un cazzo – per stuzzicarle le labbra della fica. Potevo vedere la sua bocca tremare mentre continuavo. “Nel bagno ti spoglierai con queste mutandine. Ti inginocchierai sul pavimento con le gambe divaricate. Mi chiamerai sul tuo cellulare e quando risponderò dirai: "Mi scuso per essere una piccola troietta disobbediente, signore".

Il viso di Nadine cadde. "M-ma se io... AHHH!" Ha urlato mentre spingevo il pennarello quasi completamente nella sua figa. “AH! Ohhh, MERDA-OMIGOD!

«Zitta, Nadine. Ti sto dicendo cosa hai intenzione di fare.

Stava rimbalzando su e giù sulle punte dei piedi, mordendosi il labbro e grugnendo, le lacrime le rigavano le guance, cercando disperatamente di controllare la sua eccitazione. “EE! EE-ssssss…ssssiir!” finalmente ci riuscì, costringendosi a restare ferma.

Ho infilato il cavallo delle sue mutandine sopra il pennarello ancora sporgente per tenerlo dentro, e ho continuato: “Dopo che avrai finito di parlare con me, ti masturberai attraverso le mutandine finché loro – e la tua mano – non saranno belle e bagnate. Fai attenzione, Nadine!

I suoi occhi avevano cominciato a chiudersi, ma si riaprirono. "Oh! Ohhh... sì, signore.

«Allora, e solo allora, ti vestirai e tornerai dal tuo cliente. Non ti laverai le mani. È chiaro?"

I suoi occhi erano praticamente incrociati per l'eccitazione, a questo punto riuscì a annuire ea dire senza fiato: “S-sì, signore. Io... Ohhh, dio. Capisco... EEE! Ha strillato quando ho dato un colpetto leggero alla parte inferiore del pennarello attraverso le sue mutandine.

"Bene." Mi alzai, di fronte a lei. "Ma non abbiamo ancora finito con la tua punizione."

Schioccai le dita e indicai il pavimento di fronte a me. Nadine cadde in ginocchio, lasciando uscire il respiro con un sibilo di sollievo. Ho raggiunto i suoi polsi - ancora obbedientemente tenuti sopra la sua testa - e ho messo le sue mani sui miei fianchi in modo che fosse rivolta verso la parte anteriore dei miei pantaloni.

«Cintura» dissi.

Storie simili

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

712 I più visti

Likes 0

Storia secondaria del patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano

Il patto del diavolo da miopenname3000 a cura del Maestro Ken Diritto d'autore 2014 Side Story Il patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano Nota: questo avviene tra i capitoli 32 e 33. Venerdì 12 luglio 2013 – Alison Hertz – Il matrimonio Il giorno del mio matrimonio con la mia bellezza latina, Desiree, era finalmente arrivato. Dopo oggi, sarei Alison de la Fuente. Dopo aver annullato il suo matrimonio con Brandon, Desiree è tornata al suo nome da nubile. Era un nome molto più carino di Fitzsimmons. Desiree e io abbiamo passato diverse notti a letto a parlare del...

1.1K I più visti

Likes 0

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

767 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

690 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

2K I più visti

Likes 0

SOVRANITÀ 19

Merlin aveva un piano, un piano che gli aveva dato il suo Barlume. Guardando Hopix sapeva che era pericoloso, il temperamento di Hopix era quasi leggendario. Merlin sorrise quando ricordò la prima volta che Glimmer aveva perso la pazienza con lui, dannazione, ma quella non era stata una bella giornata questo era sicuro. Sospirando, prima Alan ha dovuto sconfiggere gli ultimi tre. Merlino sapeva che gli ultimi due semplici maghi non sarebbero stati un problema, ma questo campione era un'altra questione tutti insieme. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per aiutare Alan. Schioccando le dita Merlino si concentrò e creò una...

784 I più visti

Likes 0

La data del matrimonio di Jennifer

Non era proprio dell'umore giusto per un matrimonio. Ma Katie era sua amica dai tempi del college, quindi Jennifer sentiva di doversene andare. Inoltre Joe era un bravo ragazzo. Quindi ha frugato nel suo armadio per trovare il vestito giusto. Di recente aveva perso una trentina di chili, quindi era un po' eccitata all'idea di provare uno dei suoi vestiti sexy più vecchi. Ha trovato quello giusto. Era lucido e nero. Non troppo corto ma nemmeno molto lungo. Non molta scollatura ma abbastanza per ottenere una seconda occhiata. Niente calze di nylon, dopotutto era estate. E le sue gambe lisce sembravano...

719 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto YAVARA Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo...

767 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.