Studente schiavo_(0)

609Report
Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni.

Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta.

"Sig. Smith, ho bisogno di parlarti del mio esame di matematica.» Lei disse.

"Grande" ho pensato sarcasticamente. Ero stanco e volevo tornare a casa e riposarmi. Ho dovuto correggere questi compiti per tutto il fine settimana. Dopo pochi secondi ho finalmente detto "Cosa c'è?"

"Beh... non ho avuto il tempo di studiare adeguatamente e penso che potrei prendere un brutto voto."

"E…?" dissi stancamente.

"Beh, se prendo qualcosa sotto la B, mia madre mi ucciderà, e davvero non capisco questa roba-"

"Allora" la interruppi "non pensi che avresti dovuto pensare a quando hai deciso di non studiare?"

Una lunga pausa, e alla fine ha detto "beh, volevo farlo, ma il mio ragazzo continuava a infastidirmi".

"Ti infastidisco?" Ho chiesto.

"Beh, continuava a volere che facessi cose con lui... comunque mi stavo solo chiedendo se fosse possibile che tu potessi aiutarmi una volta e darmi un buon voto."

Ho ignorato la seconda parte. "Roba?" Chiedo.

"Beh... non voglio davvero entrare in questo." Lei disse.

"Beh, sei stato tu a decidere di tirarlo fuori come scusa."

“Sì, ma tu sei il mio insegnante. Solo... roba di sesso. Possiamo parlare del mio voto?" disse nervosamente.

Ancora una volta ho ignorato la seconda parte. "Roba di sesso?" Ho chiesto. Non avevo deciso se stavo solo scopando con lei o se ero davvero interessato.

“Umm…” È diventata un po' rossa, il che mi ha sorpreso considerando il modo in cui si veste sempre. "Sai." Era ovvio che non ne voleva parlare.

"Andiamo, stai parlando di rapporti, orali, cosa?" Ho detto. È diventata ancora più rossa.

“Err, mi sto risparmiando per il matrimonio. Sono cristiano". Disse imbarazzata.

"E orale?"

“Beh... a volte. Possiamo tornare all'esame?"

"Va bene" dissi alla fine. “Allora cosa vuoi che ci faccia? Non posso fare un'eccezione per te. Non sarebbe giusto per tutti gli altri ora, vero?"

"No." disse mentre guardava verso il pavimento. Dopo una breve pausa, la sua testa si alzò di scatto "ma non c'è niente che posso fare?" disse disperata.

"Tipo cosa? Sarebbe barare. Avresti dovuto pensarci prima di fare "roba" con il tuo ragazzo invece di studiare come tutti gli altri". Guardò di nuovo verso il pavimento. Era ovviamente molto imbarazzata. Sembrava sul punto di piangere. “Non piangere. Forse possiamo inventarci qualcosa". dissi esitante. Il suo viso si alzò immediatamente e aveva un grande sorriso sul viso.

"Grazie!" urlò, e avvolse le sue mani intorno a me, abbracciandomi. Lo tenne per circa 5 secondi interi. Ho annusato i suoi capelli. Aveva un buon profumo. Dopo aver finalmente rilasciato, ha detto "quindi cosa dovrei fare?" Ho pensato per un momento. Non lo sapevo davvero. L'ho detto solo per farla smettere di piangere. Potrei essere licenziato se non avessi segnato correttamente la sua carta.

"Non ne sono sicuro." Ho detto. "Cosa ne pensi?" Dopo una lunga pausa, disse finalmente.

"Non lo so. Farò quello che vuoi. sarò il tuo schiavo». Lei ridacchiò.

"Uno schiavo? Non ne sono a conoscenza". Sembrava leggermente delusa.

"Per favore!" ha implorato. “Mia madre non riesce a vedere un brutto voto. Ho davvero bisogno di questo!” Si inginocchiò e unì le mani. "Per favore." disse di nuovo. Troppo drammatico?

"Ok, sta diventando una specie di-"

"Per favore, per favore, per favore!" lei interruppe. Si chinò e iniziò a baciarmi le scarpe. Quando si è chinata ho notato che non indossava il reggiseno. Ho visto la sua intera scollatura. Si alzò e mi fissò, speranzosa.

"Beh, cosa comporta esattamente uno schiavo?"

“Farò quello che vuoi. Lava la tua macchina. Lucida le tue scarpe. Qualunque cosa ti serva." Non stavo davvero prestando attenzione. Non riuscivo a smettere di fissarle il petto. Pensando alla scollatura che ho appena visto. "Ciao?" disse dopo pochi secondi. Sono uscito dal mio sogno ad occhi aperti.

"Scusa" ho detto. "Quindi niente, eh?"

"Nulla." Non riuscivo a togliermi il sesso dalla mente.

"Umm..." Stavo lottando per le idee. "Pulisci il pavimento in classe."

"Sicuro!" Non pensavo che l'avrebbe fatto. Stavo per tornare a casa, ma suppongo che potrei restare qui a correggere i compiti per un po'. "Dov'è la scopa?"

"Ce n'è uno nell'armadio." Indico la porta in fondo all'aula. Si avvicina velocemente e apre la porta. "Sto solo valutando i compiti."

"Va bene" dice lei. Prende una scopa e un secchio. Esce dall'aula per riempirla d'acqua. Torno alla mia scrivania e inizio a correggere i compiti. 2 minuti dopo torna e si mette al lavoro. Passano 5 minuti. Torna nell'armadio.

"Già fatto?" Dico.

“No, c'è solo una macchia sul pavimento, prendo una spugna”. Annuisco. Torna indietro e immerge la spugna nell'acqua e si mette sulle mani e sulle ginocchia, senza guardarmi. Mi accorgo subito, visto che indossa una minigonna, che le sue mutandine rosa sporgono. Sono immediatamente ipnotizzato mentre strofina il pavimento, scuotendo il culo avanti e indietro. Ero estremamente eccitato. Devono essere passati altri 2 minuti prima che avesse finito, si è alzata in piedi, ha ripreso in mano il mocio e ha ricominciato a lavare.

"Così." Dico. "Sei cristiano?"

"Sì, lo è anche tutta la mia famiglia".

"Quindi non c'è niente nella Bibbia sull'orale prima del matrimonio?" Scherzo. Smette di lavarsi per un secondo e poi ricomincia.

"Beh, non dice nulla sul non farlo." Lei dice.

"Quindi puoi farlo a chiunque e non è un peccato?"

"Credo di sì."

"Anche io?" dico scherzosamente. Adesso smette di lavarsi completamente, dandomi le spalle.

"Non lo sto facendo." Lei dice.

"Beh, sei il mio 'schiavo', giusto?" Una lunga pausa.

"Beh, immagino che tu abbia ragione." Lei si gira.

"Sto solo scherzando." Dico.

“No, avevi ragione. Voglio un buon voto e se lo vuoi davvero.” non dico niente. Lascia cadere la scopa e si avvicina a me. Va dietro la mia scrivania, mi gira la sedia e mi mette le mani sulle ginocchia. "È questo che vuoi?" lei chiede. non dico niente. Penso che prenda la mia mancanza di parole come un "sì" perché cerca la mia cerniera. Lo chiude con la zip e sento che il mio cazzo inizia a diventare duro. Mi tira giù i jeans, poi i boxer. La sua faccia diventa bianca quando vede il mio cazzo di 15 pollici, che era solo di circa 9 pollici e mezzo morbido quando l'ha visto. Ci ha messo una mano sopra e ha detto "Wow. Questo è…"

"Lo so. Scusate." Non so se avrei dovuto scusarmi o no. Voglio dire, non è colpa mia. Stava solo crescendo. Solo la sua mano era sufficiente, e 10 secondi dopo ero completamente duro. “Allora…” dico.

"Destra". Lei dice. Ci mette sopra l'altra mano e inizia a muoverli entrambi su e giù. Entrambe le sue mani ne coprono a malapena la metà. È così bello. Fisso solo il suo corpo, posso vedere di nuovo il suo décolleté mentre lavora con il mio cazzo. Dopo un minuto o due, ci sputa sopra per il lubrificante. Sputa ancora un paio di volte prima di abbassare la testa. Lecca la parte anteriore dell'asta un paio di volte mentre le sue mani si fanno strada verso le mie palle. Sto per esplodere il mio carico, ma poi si ferma per un secondo e sposta le labbra sulla mia testa. Cerca di avvolgerci le labbra intorno, ma non si adattano perfettamente. Non importa però perché proprio lì posso sentire lo sperma arrivare. Succhia un po' la punta e riporta le mani sulla mia asta e inizia ad accarezzarmi.

“Ahh” gemo. "Aspetta-" proprio lì lo sperma inizia a sparare. Il mio primo colpo è andato dritto nella sua bocca. Non se l'aspettava. I suoi occhi si spalancarono e tolse la bocca dal mio cazzo, ma le sue mani rimasero, ancora accarezzando. Il secondo colpo è andato su tutta la sua canotta. Così hanno fatto il terzo e il quarto. Dato che il mio cazzo è così grande, di solito c'è un grosso carico per accompagnarlo. Era ovunque. La sua canotta era rovinata. Non mi importava però, mi sono semplicemente seduto sulla mia sedia in estasi. Dopo un minuto di convulsioni, finalmente rilascia il mio cazzo. Alzo lo sguardo e noto che la sua canotta bianca è un po' trasparente e i suoi capezzoli sono duri e visibili perché non indossa un reggiseno. Fisso per qualche secondo prima che se ne rendesse conto. Emette un rapido grido e si copre con le mani. "Timido?" Dico.

"Anche il mio ragazzo non ha visto il mio nudo." Esclama.

“Gli succhi il cazzo, ma lui non può vederti nudo? Sono regole piuttosto strane". Non dice nulla per qualche minuto, si guarda solo intorno. Sta diventando un po' imbarazzante. Lei rompe il silenzio.

"Allora come faccio a tornare a casa in questo modo?"

"Possiamo trovarti qualcosa negli oggetti smarriti". Dico. Mi rimetto il cazzo nei boxer, chiudo la cerniera dei jeans e esco dall'aula. Torno un minuto dopo con una scatola piena di vestiti e altre cose varie. “Vai avanti e togliti la maglietta”. Lei arrossisce.

"Ma-"

“Lo so, lo so, ma sono il tuo insegnante. Fidati di me, va bene". Si toglie con riluttanza la maglietta. "Senza reggiseno?" Dico. Lei arrossisce ancora di più. Ho notato che parte dello sperma era gocciolato sulla sua gonna. "E la gonna?" Abbassa lo sguardo e nota lo sperma. Lei si limita a fissare. "Qual è il problema, hai le mutandine addosso?"

"Sì!" dice lei leggermente seccata. Si china e si slaccia le scarpe per potersi togliere la gonna. Si toglie le scarpe. Calzini bianchi. Si tira giù la gonna, rivelando il perizoma rosa. Stava lì in piedi, con indosso solo calzini e mutandine. Con mia grande sorpresa le sue mutandine erano completamente bagnate, con una leggera punta di cammello. Anche se erano passati solo non più di 10 minuti, ho sentito che stavo ricominciando a diventare duro.

"Che cos'è?" Dico.

"Niente. Succede a volte anche quando do l'orale al mio ragazzo".

"Beh, è ​​meglio che cambi anche quelli, giusto?" Lei mi fissa.

"No, va bene." Lei dice.

“No dai” dico. "Non è un grosso problema, ci sono molti vestiti qui dentro." Indico la scatola. “Puoi tenerli anche tu, comunque nessuno reclama mai le loro cose.” Annuisce e si abbassa lentamente le mutandine. È completamente rasata tranne una piccola toppa. "Fantasia." dico scherzosamente. “Quella è una bella figa. È uno schifo che non lo utilizzerai presto. A questo punto sono di nuovo completamente duro. "Sei ancora il mio schiavo vero?"

"Sì." Dice lentamente.

"E il rapporto è fuori discussione, giusto?"

"Sì." Dice con fermezza.

"Beh, che ne dici solo, sai, di farmi vedere un po' più da vicino?"

"Cosa intendi?" dice nervosamente.

"Alzati qui e allarga le gambe". Indico la mia scrivania.

"Devo-"

"Sì! Sei il mio schiavo". dico ad alta voce. Sembra un po' scioccata dal mio tono. Sto entrando in questa faccenda dello schiavo. Salta sulla mia scrivania e inizia ad allargare le gambe. Posso dire che è stretta. Mi avvicino e le tocco il clitoride. Lei geme un po'. "E le dita?"

"Non lo so." Procedo comunque. Prendo un dito e inizio a metterlo nella sua stretta figa rosa. All'improvviso lo spingo fino in fondo. Lei geme forte. "Ah." Lei dice. Lo ignoro, prendo un secondo dito e lo metto anche lui. Inizio a toccarla velocemente con due dita per circa 30 secondi e lei continua a gemere. Comincio a vedere il sangue. Se ne accorge, mi prende la mano e mi tira fuori le dita. "Che cosa-"

"Penso di averti rotto l'imene."

"Dio mio." Lei dice.

"Beh, ecco la tua 'verginità'." Dico.

"Non devi essere un idiota al riguardo!"

"Questo è 'padrone' per te." dico mentre tiro fuori il mio cazzo duro. Procedo a provare a infilare il mio cazzo nella sua figa. Non si adatta perfettamente e lei inizia a urlare. Non importa però, venerdì tutti tornano a casa presto. Probabilmente eravamo le uniche due persone nell'edificio.

"Smettila cosa stai facendo?!" lei urla. non presto attenzione. Cerco di forzare la testa. È così stretto che mi fa persino male, ma non posso davvero dirlo perché sono troppo eccitato. Comincia a dimenarsi in modo incontrollabile. Le do un pugno in faccia e lei si ferma. "Stai fermo. Fai quello che dice il tuo padrone». Dico.

"Per favore, non farlo" dice mentre spingo ulteriormente il mio uccello. Alla fine non ce la faccio più e con una spinta metto tutti i miei 15 pollici dentro di lei. Lei urla forte. Il sangue si sta esaurendo. Funziona benissimo come lubrificante. Comincio a spingere avanti e indietro, e il sangue lo rende più facile. I bordi della sua figa sono tagliati dal mio enorme cazzo. Ogni spinta richiede troppo sforzo a causa di quanto è stretta, quindi alla fine tiro fuori il mio cazzo. Le afferro la testa. "Lasciami andare!" lei urla, mentre spingo la sua bocca sul mio cazzo. Purtroppo anche lì non si adatta, quindi spingo giù con la mano sulla sua mascella per alcuni secondi più forte che posso. Affrettato! La sua mascella si è sciolta. Posso finalmente inserire il mio cazzo dentro! Quasi sviene per il dolore e io non perdo tempo. Spingo indietro il suo collo e spingo il mio intero cazzo nella sua gola. Ansima per respirare, cercando di colpirmi con le braccia. Dimenando ancora. Ogni respiro che cerca di fare lo fa sentire molto meglio sul mio cazzo. Il suo dimenarsi rallenta. Mentre cerca di respirare un'ultima volta, le vengo nei polmoni. Lo tengo lì per 30 secondi interi e finalmente tiro fuori il mio cazzo. La lascio andare, cade a terra. Rimango lì, a fissare il suo corpo senza vita per un paio di minuti.

"Cosa ho fatto?" Penso a me stesso. Il sangue fuoriesce dalla sua figa. Vado alla mia scrivania, apro il cassetto anteriore e prendo la mia pistola. Lo metto alla tempia destra e premo il grilletto.

La fine.

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

594 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

522 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

509 I più visti

Likes 0

Festa del 4 luglio

NOTA: per coloro che non vivono in America ho aggiunto un grafico di conversione della storia alla fine. +++++ Festa del 4 luglio Mia moglie ed io abbiamo deciso di organizzare una festa in famiglia Il 4 luglio nella nostra fattoria. Abbiamo diverse centinaia di acri di terra e possiamo fare qualsiasi cosa vogliamo. Era stato pianificato con diversi mesi di anticipo in modo da avere tutto il tempo per preparare un campo negli ultimi quaranta per tenere la festa. Poiché il quarto era di mercoledì quest'anno, abbiamo invitato tutti quelli che conoscevamo a trascorrere l'intera settimana e anche entrambi i...

483 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

321 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

354 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

219 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

576 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.