Fortuna e amore: IX

1.3KReport
Fortuna e amore: IX

Zoë partì a mezzogiorno per il suo viaggio. Apparentemente aveva già fatto le valigie ed era pronta, ma i suoi genitori erano convinti che volesse passare la notte con un'amica prima di partire. Così avevano felicemente acconsentito. Se ne andò con un lungo abbraccio e un bacio più lungo, scomparendo per la strada nel suo veicolo. Pensò all'accordo che avevano fatto, all'accordo per rendere ufficiali i loro appuntamenti al suo ritorno. Le parole che gli aveva sussurrato prima di andarsene lo fecero scuotere la testa, chiedendosi che fine avesse fatto con lei. Per un momento Mike non pensò ad altro che a lei. Poi pensò alla loro notte e sorrise.

Quel giorno Mike non fece nulla. Ne lesse alcuni, anche se in seguito si rese conto di non ricordare il nome del libro. Nuotava in piscina, la sensazione di una calda primavera sulla pelle. Eppure anche quello si rifiutò di acclamarlo. Quella notte si addormentò pensando solo a Zoë. Ricordando la loro notte è arrivato più velocemente di quanto non avesse mai fatto da solo. Dormiva senza sentire la sensazione del suo corpo accanto al suo.

Domenica Mike si svegliò tardi, trovando che l'orologio segnava le dieci. Sbadigliò, allungandosi e arrampicandosi dal letto. Si è fatto la doccia, si è vestito e si è preparato per uscire per una giornata nei parchi quando è suonato il campanello. Quando Mike aprì la porta sentì la sua espressione diventare acida.

Candy sussultò violentemente quando spalancò la porta. Lo guardò da capo a piedi nervosamente mentre era in piedi sulla soglia, la paura che prendeva vita per qualche ragione. Naturalmente era la paura del suo carattere. La guardò dall'alto in basso, la sua camicia marrone con spalline sottili, jeans attillati e slip-on sottili che suggerivano solo un'uscita casual. La sua macchina era sulla strada, proprio dietro a quella di Zoë la sera prima. Mike la guardò in faccia e sentì il suo cazzo contrarsi, disgustato da se stesso per aver provato attrazione per lei. Ma allora qualsiasi uomo sarebbe stato attratto da lei. I suoi capelli castano chiaro erano raccolti in una coda di cavallo, la camicia che indossava un po' troppo corta. Avrebbe mostrato la sua pancia appena sopra i suoi jeans, se non fosse stato per le sue benedizioni. Le sue tette hanno preso quella che era una maglietta corta e l'hanno resa piccola. Il suo ombelico si mostrava con orgoglio nel mezzo di una serie di addominali attillati e sexy. I suoi seni sembravano grandi nella maglietta, il contorno del reggiseno che si vedeva chiaramente anche attraverso la maglietta bianca. I suoi jeans erano, infatti, jeans attillati, che mettevano in mostra tutta la muscolatura, la curva e la snellezza delle gambe e del culo. Uno sguardo al suo viso e Mike sentì il suo cazzo iniziare a salire. I suoi occhi color nocciola avevano una piccola sfumatura di scintillio sotto di loro insieme a un ombretto scuro. Le sue labbra erano di un rosa luccicante, ma non del rosa sgargiante delle aspiranti ragazze a scuola. Questo era un rosa chiaro, ancora bagnato dall'applicazione. Mike sospirò e si limitò a guardarla con esasperazione. Se l'avesse guardata in un altro modo si sarebbe arrabbiato di nuovo.

"Candy, che cazzo vuoi?" Si guardò i piedi, puntando il gradino di cemento. Sembrava perfettamente nervosa, insicura delle proprie intenzioni o del proprio scopo.

“Posso... posso entrare? Fa un po' caldo qui fuori". Lo guardò solo per un momento. Mike sentì la felicità balzare dentro per vedere quanto l'aveva spaventata. Si fece da parte e le fece cenno di entrare. Lei entrò nervosamente, insicura su chi fosse intorno o se fosse al sicuro.
"Non c'è nessun altro qui." Sembrò grata per un secondo ed entrò, togliendosi le scarpe sulle piastrelle ed entrando nella tana.

"Va bene Candy, che c'è?" Si girò e i suoi occhi erano improvvisamente umidi ai bordi. Li asciugò, riuscendo in qualche modo a non imbrattare l'ombretto o il mascara.

“Michael... volevo scusarmi. Io... quando mi hai urlato contro sono andato a casa e ho pensato a tutto... e ho capito qualcosa. Non mi piacevi semplicemente perché eri un solitario, e sembravi così felice... Non so perché lo odiavo così tanto. Volevo solo che tu sapessi che... che mi dispiaceva...» Ora si avvicinò al pianto. Pieno sulla diga rotta che piange. Mike sentì il suo ferro spezzarsi da qualche parte nel profondo delle sue viscere.

“Va bene, va bene, non piangere... dio! Non piangere Candy. Non vale la pena piangere. Mi sono scaldato. Non avrei dovuto dire quello che ho detto. Non avrei dovuto spingerti. Grazie per le scuse, ora tocca a me. Mi dispiace di averti urlato contro". Annusò e rise un po', sorridendo per la prima volta da quando era arrivata. Mike entrò in cucina, afferrò un bicchiere di cristallo e le portò una tazza d'acqua, insieme ad alcuni fazzoletti. Lo ringraziò e bevve un sorso d'acqua, pulendo gli occhi con i fazzoletti. Alla fine posò il bicchiere sul bancone e lo guardò
.
"C'è... c'è qualcosa che posso... posso fare per rimediare?" Mike scosse la testa.

“Non devi fare niente. Va bene. Ci siamo scusati... Non voglio complicare le cose tenendo qualcosa o chiedendo qualcosa. Sono solo contento che sia finita". Si alzò, lasciando l'acqua sul bancone. Si diresse verso la porta, fermandosi sulla piastrella e girandosi per affrontarlo.
“Grazie Michael... sono felice che abbiamo potuto risolvere questo problema. Mi sono sentito infelice tutto il giorno ieri”. Allungò le braccia nella speranza di un abbraccio. Ha acconsentito un po' nervosamente. Le parole di Zoë echeggiarono nella sua mente, infuriate nella loro coerenza sussurrata. Quando si sono abbracciati e Mike ha respirato il suo profumo, ha sentito la sua mente diventare un po' confusa.
Ciliegia... acqua... cioccolato... Mike sentì le sue braccia circondargli il busto, le sue sulla parte bassa della schiena. Lo strinse forte una volta, tenendolo per un minuto intero prima di lasciarlo andare. Mike in qualche modo, colto in uno stato onirico, scoprì che si stava chinando e la stava baciando. Candy sorrise e gli avvolse le braccia intorno al collo, lasciando che la sua lingua e le sue labbra danzassero con le sue. Le sue mani si spostarono sulla sua vita, attirandola più vicino a sé. Il bacio si intensificò, Candy ansimando mentre la sua erezione premeva contro la sua coscia e la sua lingua esplorava la sua bocca. Mike la fece girare e la spinse contro il muro, sollevandola poco prima in modo che fosse premuta tra il suo corpo e il muro. Candy strillò, tutto il suo corpo formicolando mentre il suo corpo premeva contro il suo. Mike sentì le sue gambe avvolgersi intorno alla sua vita, le sue mani non più sulla sua vita ma tra i suoi capelli. Le sue labbra si spostarono sul suo collo, mordicchiandole e baciandole finché non la sentì chiamare il suo nome. Si tirò leggermente indietro, tenendo il suo inguine premuto contro il suo, e le tirò su le camicie sopra la testa. Gli sorrise mentre le sue mani gli avvolgevano di nuovo il collo per tirarlo di nuovo dentro di sé. Attaccò le sue labbra con le sue, disperato per lei. Più si muovevano, più il suo odore, il dolce profumo di Candy, riempiva la stanza.
Mike si tolse la maglietta, la sensazione della sua carne liscia sulla sua inebriante quasi quanto il suo profumo. Fece scivolare le mani sulla sua schiena, rilasciando la cerniera del suo reggiseno. Ha intravisto in basso e quasi si è cremato, la vista del disegno floreale e delle lettere fluenti di Victoria's Secret scarabocchiate su un grande 38C all'interno. La sensazione delle sue tette contro il suo petto, la carne setosa premuta tra loro li fece gemere entrambi, il bacio ora passione, pura passione e lussuria. Mike la sollevò di nuovo, facendola sdraiare su uno dei divani e succhiando un capezzolo tra le sue labbra, sentendola gemere e fargli scorrere le dita tra i capelli. Gridò mentre lui le mordeva leggermente il capezzolo, le protuberanze rosa chiaro sopra i suoi seni deliziosi dure come diamanti sotto la sua attenzione. Alla fine Mike decise che non poteva più aspettare. La baciò forte, spingendo la lingua nella sua bocca. Lei gemette mentre le sue labbra premevano forte sulle sue e la sua lingua toccava la sua. Poi se ne andò, le sue dita sbottonandole i jeans e tirandoli giù insieme alle sue mutandine di pizzo nero.
Candy sentì che la sua figa cominciava a perdersi, le poche volte che aveva scopato prima mai così. Mike si è abbassato i pantaloncini, uscendo da loro e rivelando la sua enorme virilità. Candy rimase senza fiato quando lo vide, l'enorme lunghezza e circonferenza qualcosa che non aveva mai visto prima. Ha posizionato il suo cazzo all'ingresso di lei ed è scivolato dentro, la sensazione della sua testa che scivolava dentro di lei costringendo a un sussulto dalle labbra sexy di Candy. Spinse dentro e cambiò il sussulto in una lunga espirazione, il piacere e il dolore del suo cazzo nuovi per Candy. Gemeva e piangeva mentre lui iniziava a scoparla, spingendola dentro e fuori di lei sempre più velocemente. Sentì arrivare l'orgasmo e iniziò a contorcersi sotto la sua forza.
"Michael! Michael, sono Oh, cazzo, sborro su tutto il tuo cazzo di cooooooooooock! Il suo grido non era alto come quello di Zoë, un grido che Mike aveva trovato incredibilmente erotico. Tuttavia, il suo orgasmo era potente come una morsa sul suo cazzo. La scopava più forte mentre lei cercava qualsiasi cosa, qualsiasi cosa da afferrare e stringere.
“Cazzo sì... oh cazzo, Candy, vengo! Verrò dentro la tua fottuta FIGA! Candy sentì le sue parole e sentì il suo corpo fremere di nuovo, proprio come quando l'aveva chiamata così prima. Lei gemette, poi tornò quando lui venne e la inondò con il suo sperma. Questa volta lo sentì arrivare, sentì anche il proprio orgasmo e urlò forte e stridulo. Mike le ha spinto con forza nella figa, sentendo la sua cervice e sparandole dentro. Mike si accasciò sopra di lei, la testa tra i suoi seni e il suo sperma fuoriusciva da lei.
"Merda! Michael, non prendo la pillola!"

Storie simili

Legami familiari (2)

Ho sollevato il mio cazzo da Stephanie e mi sono seduto. Stephanie si sedette in ginocchio e mi guardò. L'ho osservata nel bagliore dello schermo del suo computer. Ho guardato in basso il suo corpo nudo fino alla piccola piscina che si stava lentamente svuotando dalla sua figa. Una piccola pozzanghera dei nostri succhi d'amore. Beh... dissi. È meglio che vada a letto. Mi hai sfinito. Sì. Ho quell'effetto sulle persone. Lei disse. Ho allungato la mano e l'ho fatta scorrere lungo il suo braccio. Mi avvicinai e le diedi un bacio. Ci vediamo domattina. Ho detto. Prima cosa. lei rispose...

1.5K I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

1.4K I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

1.2K I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

1.2K I più visti

Likes 0

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

997 I più visti

Likes 0

Legalmente vincolante, cap.4

Ho guardato mentre la sua espressione passava dalla vuota incomprensione allo shock, a una comprensione e accettazione lentamente nascenti, e infine a un profondo senso di liberazione e poi: pura felicità. I suoi occhi traboccarono di nuovo, ma per un motivo diverso. Annuì vigorosamente, incapace di parlare, e mi gettò di nuovo le braccia al collo come se stesse accettando una proposta di matrimonio. E 'questo quello che vuoi? dissi piano nel suo orecchio. Sì. Ohhhh... sì! Mi ha baciato la guancia, la mascella, il collo e mi ha stretto ancora di più. Ho aspettato che il suo primo entusiasmo si...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.