Dominazione del papà nero

190Report
Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle scuse per la sua altezza e lui lo compensava cantando "Woe is me", ogni volta che ne aveva la possibilità: la versione estesa, remix, di musica house da 12". Mentire era la sua prima natura, poteva costruire una storia di inganni senza un battito di ciglia, tutto per farsi sembrare più importante o per perpetuare un'immagine del suo falso senso di superiorità. Trattava le persone come oggetti da usare e non gliene fregava niente di chi fosse ferito, usato o infastidito nel processo. Si sentiva il sole, il figlio prescelto, attorno al quale tutto il mondo aveva l'obbligo di ruotare.

Ha iniziato a sentirsi a disagio con la sua identità, con la sua bianchezza, con l'avvento del porno interrazziale. Inizialmente, era indignato e irritato dagli uomini neri e dai loro enormi cazzi che scopavano donne bianche. Guardava con disgusto i video di uomini dotati di attrezzature che facevano sembrare infantile il suo pene minuscolo in confronto e ribollire di rabbia, proclamando come odiava i neri perché erano pigri, ignoranti, criminali e nient'altro che selvaggi. Ovviamente, tutto quel dialogo interno è stato soffocato mentre si masturbava furiosamente per ore e ore, immagine dopo immagine di donne bianche che urlavano di piacere e dolore mentre facevano il sesso della loro vita con uomini neri. Andava su blog e forum neri e protestava sul fatto che le dimensioni non contavano e gli uomini neri, in effetti, non avevano cazzi più grandi, che era tutto solo un mito. Si compiaceva delle sue invettive anonime di uomini neri degradanti per essere cattivi padri, per essere tutti rapper analfabeti, e sembrava sempre trovare un modo per sposare convinzioni razziste e odiose che facevano sembrare gli uomini bianchi intrinsecamente e naturalmente superiori. Immediatamente dopo aver deriso chiunque e tutti quelli che esprimessero anche il minimo indignazione, incredulità o rabbia per i suoi sproloqui psicotici, si collegava a uno dei numerosi siti a pagamento a cui si era iscritto e scaricava video di donne bianche scopate da uomini neri in ogni orifizio così poteva masturbarsi.

Nella fase due del suo risveglio, ha avuto una grande epifania per cui ha deciso di essere sensibile alla razza nera. Divenne un autoproclamato razzista liberale e riformato che insisteva sul fatto che stava espiando i peccati di tutti gli uomini bianchi, passati e presenti, e correggendo i torti della schiavitù essendo sottomesso alle donne nere. Le sue motivazioni avrebbero potuto essere pure, tranne per il fatto che non era nemmeno in grado di vedere le donne nere come esseri umani ma semplicemente cose per soddisfare le sue perversioni. Ha guardato BET, ha ascoltato Black talk radio e ha noleggiato tutti i film di Black mai realizzati in modo da poter rivendicare la propria esperienza su Blackness. Nella sua sottomissione, si sarebbe eccitato all'idea che le donne di colore lo usassero, prendendo in giro la sua piccola appendice, schiaffeggiandolo in giro, forse anche scopandolo con uno strapon e tornando a casa nel suo mondo bianco dove non ha mai interagito con un altro nero . La sua sessualità era compartimentata. Per poche ore al mese, se era fortunato, poche ore alla settimana, poteva togliersi il suo privilegio bianco, lasciarlo alla porta e recitare a suo piacimento di essere schiavo di una donna nera. Quando tutto fosse finito, avrebbe potuto tornare a casa e sentirsi assolto dalla sua colpa bianca e assicurato di essere libero da ogni accenno di supremazia bianca e convinzioni razziste.

In realtà, usava le donne nere come giocattoli realistici. Ha usato la minaccia di dare loro dei soldi per scopare con loro. Avrebbe promesso loro ingenti somme di denaro e poi, senza alcun motivo, avrebbe annullato l'offerta con la speranza che le donne si arrabbiassero e che a loro volta avrebbero implorato e implorato il denaro affinché si sentisse potente e nel controllo delle loro vite. Avrebbe preteso che realizzassero le sue fantasie, esattamente nel modo che riteneva opportuno; non pensava a chiamarli in ore oscene del giorno o della notte ogni volta che voleva vivere le sue fantasie di sottomissione, perseguitandoli, mancando completamente di rispetto al loro tempo e alle loro vite. Il fatto che considerasse erroneamente il suo feticcio come un sottomesso è ciò che gli ha permesso di credere di essere perdonato dalla sua responsabilità di essere uno stronzo totale e completo che voleva ciò che voleva, quando voleva, come voleva, senza riguardo, rispetto, o rispetto per chiunque altro.

Il suo fascino per il corpo femminile nero era colorato dal suo odio per il corpo maschile nero. Più una donna assomigliava a un uomo, più lui era ossessionato dall'essere la "vittima" dei suoi abusi. Se fosse stata pompata con steroidi e gonfia di muscoli ovunque, se i suoi lineamenti del viso fossero maschili, se avesse i capelli corti e naturali o se fosse transgender e sfoggiasse un grosso cazzo grasso, succoso e grasso, lui avrebbe reso quella donna la centro della sua lussuria al punto da diventare un'ossessione maniacale. Passava ore infinite, masturbandosi furiosamente, pensando di essere polverizzato da queste donne, picchiato fino a ridursi in poltiglia sanguinolenta, violentato contro la sua volontà e non aveva motivo di associare i suoi desideri al suo odio per il maschio nero.

Era, infatti, il suo odio per il maschio nero, la sua odiosa e innegabile gelosia per la sua forza, potere e indiscutibile mascolinità, tutte cose che a Scott pericolosamente mancavano, a motivare le sue fantasie. Voleva distruggere l'uomo nero, castrarlo, ma senza essere in grado di farlo, poteva desiderare queste donne che erano essenzialmente uomini e sentirsi sicuro sapendo che le stava dominando passivamente con le sue minacce di dare e trattenere denaro. In verità, stava adorando il maschio nero, solo meno il pene. Molte notti si sedeva davanti al suo computer, le pinze per capezzoli in posizione, un plug anale nero saldamente in posizione che gli allungava l'ano, accarezzando il suo piccolo cazzo con il pollice e l'indice, fantasticando di affrontare Mike Tyson, Kimbo Slice o qualche altro campione di boxe nero e davvero a calci in culo. Era troppo stupido per riconoscere o rendersi conto che le sue fantasie erano di natura sessuale, che si stava masturbando davanti a queste immagini perché lo eccitavano; poteva concentrarsi solo sull'adrenalina che provava quando si immaginava vittorioso su questi bastioni della mascolinità nera. La sua mente deformata e delirante poteva solo comprendere che considerava il corpo del maschio nero, il corpo muscoloso del maschio nero, come suo nemico.

Allo stesso tempo, sognava di essere un uomo di colore. Essere trasformato in un corpo maschile nero, nella sua mente deformata, avrebbe significato che le donne, sia bianche che nere, si sarebbero gettate ai suoi piedi, che avrebbe potuto scopare chi voleva, quando voleva. Mai, nemmeno una volta, ha considerato che essere un uomo di colore comporta più oneri e responsabilità che stare in piedi sul campo da basket in attesa che una donna bianca si perda nel cofano. Nella sua mente, essere un uomo di colore riguardava l'atletismo, la sessualità e la mascolinità.

È stato davvero un uomo di colore che ha ideato la fase tre della sua evoluzione. Dopo essersi "diplomato" dal servizio alle donne nere maschili e spinto dai suoi impulsi devianti e dalle sue emozioni contrastanti, Scott è passato all'adorazione del mitico grosso cazzo nero. Ne divenne ossessionato, tutto il potere che rappresentava e DESIDERAVA essere degradato e umiliato da uomini neri con niente meno di 8 pollici o più di carne umana. Il suo bisogno di essere sottomesso agli uomini di colore divenne ossessivo, viaggiando in librerie per adulti, stabilimenti balneari e bar gay alla ricerca del cazzo più grande e più nero che potesse trovare. Gli uomini a cui erano attaccati i galli erano irrilevanti; era il pene il suo oggetto del desiderio. È diventato la proverbiale troia per il cazzo nero. Cioè, finché non ha risposto a un particolare annuncio su Craigslist.

L'annuncio era abbastanza semplice. "Il maschio nero professionista cerca lo stesso per LTR." Delineava i dettagli di chi fosse il ragazzo e cosa stava cercando: carnagione, interessi simili, istruzione, altezza ed età: tutte cose nella media in un annuncio personale. La sezione delle foto includeva diverse foto di un ragazzo alto, molto attraente, dalla pelle scura con una bella casa, una bella macchina e un pacco così grande che UPS si sarebbe rifiutata di consegnarlo.

Se l'annuncio non avesse incluso l'immagine del cazzo, Scott probabilmente sarebbe andato avanti, facendo clic su un altro annuncio per trovare qualcuno che stava cercando un succhiare o scopare veloce e anonimo nell'immediato futuro. Era il cazzo perfetto: non tagliato, molto venato, grosso, nero e quello che doveva essere 10 pollici. . . morbido. La bocca di Scott venne l'acquolina in bocca e il suo culo pulsava al pensiero di sentire quell'enorme mostro che lo invadeva, lo picchiava, lo allungava oltre le sue capacità, lo strappava, lo riempiva di carico dopo carico di sperma bollente. Doveva averlo.

Ha sparato una risposta, descrivendo rapidamente in dettaglio che troia era e come aveva una bocca calda e bagnata perfetta per succhiare e un buco stretto, caldo, ideale per scopare. Ha allegato una foto trovata in rete di un bellissimo giovane ragazzo che avrebbe potuto essere un perfetto modello di Calvin Klein. Non gli importava davvero che NIENTE assomigliasse all'immagine, per lui non importava altro che ottenere ciò che voleva. Ha aspettato una risposta. E ha aspettato. Dopo due giorni, ha pensato che avrebbe inviato un'altra risposta, questa volta più esplicita.

"Caro Signore. Ti ho inviato un'e-mail l'altro giorno ma deve essere finita nella tua cartella spam o qualcosa del genere. Sono un maschio bianco di 30 anni", ha mentito, "a cui piacerebbe prosciugare il tuo grosso cazzo. Sono esperta nel succhiare cazzi, ho un buco bianco caldo pronto per essere martellato tutta la notte, e puoi farmi quello che vuoi, trattarmi come una merda, e posso prenderlo tutto e poi un po'. Mi piace particolarmente il gioco delle corse e mi prendo cura di essere trattato in modo rude e puoi persino picchiarmi a sangue se vuoi. Mi inginocchierò ai tuoi piedi e adorerò il tuo superiore, gallo nero. Attendo con ansia la tua risposta. Sottomessa, Scott.

La risposta questa volta è arrivata rapidamente, nel giro di pochi minuti. “Grazie per il vostro interesse. Non sto cercando un sub o qualcosa del genere, ma piuttosto sto cercando una relazione a lungo termine ESATTAMENTE come ho descritto nel mio annuncio.

Per la maggior parte delle persone, sarebbe stato sufficiente. Forse alcuni avrebbero inviato una risposta dicendo: "Va bene, non sai cosa ti stai perdendo" e l'avrebbero lasciato lì. Scott, tuttavia, non era soddisfatto di quella risposta. Divenne bellicoso e tipicamente arrogante. La sua risposta è arrivata sotto forma di un saggio, descrivendo come fosse informato sulle questioni nere, quanto fosse socialmente liberale e come sosteneva Barack Obama. Ha scritto della tratta degli schiavi transatlantica e della storia del razzismo. È andato avanti all'infinito con le statistiche sugli uomini neri negli Stati Uniti. Ha ridicolizzato l'uomo per la sua mancanza di conoscenza dei problemi dei neri, non conoscendo nemmeno la posizione dell'uomo su nulla. L'intero obiettivo della corrispondenza era di far incazzare questo tizio. Scott era abile nell'essere irritante, era la sua arma preferita ed essere rifiutato non era nei suoi programmi.

Inviare.

Nessuna risposta.

Non ha nemmeno aspettato 24 ore intere per una risposta. Lanciò un'altra email, questa volta più lunga, questa volta più abrasiva.

Nessuna risposta.

Indignato, Scott si è seduto al suo computer, guardando quella foto di quel cazzo meraviglioso, masturbandosi incessantemente e cercando modi per infilarsi sotto la pelle di questo ragazzo. Questo è tutto ciò che voleva a questo punto. Voleva infastidirlo, farlo arrabbiare, renderlo frustrato e incazzato. Provò un brivido dall'attenzione, dal fatto di sapere di essere irritante; era quasi più eccitante per lui che farsi scopare.

Ancora nessuna risposta, ha costruito l'ennesima e-mail, questa volta, schernendolo tornando alla sua natura provata e vera di essere razzialmente bellicoso, sostenendo che l'immagine del cazzo non era nemmeno reale, che probabilmente aveva un cazzo minuscolo e stava cercando di compensare il fatto di non essere un "vero" uomo di colore. Avrebbe sicuramente una risposta.

E questa volta è successo. . . istantaneamente. Notifica di fallimento. L'host remoto ha detto: errore di consegna 554. Il destinatario della posta, [email protected], non accetta e-mail dal tuo account.

"Come osa quel pezzo di merda nero ignorarmi", disse Scott furibondo. "Lo sistemerò", poiché ha inviato di nuovo tutte e tre le sue e-mail, questa volta, ognuna da uno dei suoi numerosi altri account di posta elettronica. Il dramma è stato eccitante per Scott e ha dato un pugno al suo piccolo cazzo in attesa di una risposta. Questa volta, era sicuro di ottenere una sorta di ascesa da questo ragazzo. Non si trattava più nemmeno del sesso; era un gioco di potere. Scott doveva dimostrare che non poteva e non sarebbe stato licenziato. Aveva bisogno di mettere questo ragazzo nero al suo posto e dargli una lezione. La vera natura razzista di Scott era emersa di nuovo, vittima delle sue stesse manie di supremazia.

Questa volta ha avuto una risposta reale, affermando semplicemente: "Va bene, hai vinto. Se vuoi essere dominato, lo farò. Vieni a casa mia, venerdì sera, e preparati a essere spinto oltre i tuoi limiti. In effetti, è meglio non avere limiti". Ha dato un indirizzo e ha firmato l'e-mail, "Your Black Dom Daddy".

Scott si masturbò all'infinito, per giorni e giorni, leggendo quelle poche righe come se detenessero la chiave dell'universo. Ha fantasticato su come sarebbe stato essere il giocattolo di un forte uomo di colore che torreggiava sulle sue dimensioni ridotte. Ovviamente non ha fatto come gli era stato ordinato. Sarebbe stato deludente. Non aveva intenzione di andare fino in fondo dopo tutto quello che aveva scritto, voleva solo abbandonare l'idea di essere una troia bianca senza limiti di essere torturata e usata da un forte, Black Daddy. Quindi si placò tirando e accarezzando il suo minuscolo pene, immaginando cose indicibili e disgustose.

È passata appena una settimana quando la curiosità di Scott ha avuto la meglio su di lui. Ha inviato un'altra e-mail e, non a caso, è stata restituita come bloccata. Aveva non meno di 25 indirizzi email creati proprio per questo motivo, quindi l'ha rapidamente risentito da un altro account e questa volta si è scusato profusamente per il suo comportamento ripugnante. Si umiliò: “Caro, signore, cosa posso fare per farmi perdonare? Sono stato arrogante e me ne rendo conto ora. Non lo farò mai più, lo prometto. Voglio essere il tuo ragazzo. Voglio che tu mi possieda. Non intendeva una parola di quello che diceva, faceva tutto parte della sua patologia contorta.

La risposta è stata più dettagliata questa volta. “Sapevo che il tuo culo finocchio non poteva resistere. Le regole sono semplici. Per un intero fine settimana ti userò in modi a cui non avevi mai pensato prima. Sarai la mia puttana completa. Portami cibo e bevande per prepararmi colazione, pranzo e cena per tutto il tempo che sei qui. Sarai vestito con tacchi da troia e lingerie per tutto il fine settimana. Manterrai i tuoi buchi pronti per me da usare. . . in qualsiasi modo io ritenga opportuno. Se porto i miei amici, li servirai come vogliono. Se esco per un appuntamento, mi succhierai il cazzo quando torno a casa. Servirai come mia domestica e ti assicurerai che il mio posto sia immacolato e sarai il mio sgabello, posacenere, gabinetto e discarica. Sarai tutto ciò che ti dico di essere e ti piacerà e implorerai di più.

La rabbia ribolliva nell'anima di Scott, rabbia e lussuria pura e genuina. Non aveva mai davvero rinunciato alla sua fallacia di supremazia bianca, non aveva mai veramente riconciliato il suo odio per i neri e le loro doti più grandi, stava solo facendo i movimenti nel tentativo di saziare la sua brama di essere degradato e maltrattato. I suoi desideri di essere violentata, usata e picchiata fino a renderla irriconoscibile erano sintomi di un male più grande. Scott voleva usare la sessualità nera per soddisfare i suoi desideri perversi; non aveva mai avuto intenzione di essere utilizzato per soddisfare i desideri di una persona di colore.

La sua compulsione a essere usata ha superato la ragione mentre guidava con impazienza nella sua macchina per le 19:00 esatte. Essendo ficcanaso, aprì la cassetta delle lettere e vide che il nome sulla rivista Car and Driver era Todd Harcourt. Almeno aveva un nome da mettere con la descrizione del presunto mediatore di mutui, appassionato di sport e uomo di colore apertamente gay che stava per incontrare. Scott aveva acquistato cibo a sufficienza per una settimana, tutte le cene surgelate e le salumerie semi-preparate e simili; non era un grande cuoco e non voleva far incazzare questo ragazzo cercando di essere creativo in cucina quando sapeva bene e dannatamente bene che qualsiasi cosa si fosse aggiustato da solo avrebbe avuto il sapore di merda. Voleva andarsene, voltarsi e tornare a casa, ma sapeva che se l'avesse fatto, se ne sarebbe pentito. Aveva preparato una borsa da notte con tutta la lingerie e i tacchi alti che aveva rubato alle precedenti fidanzate. Con un cazzo così grosso che lo martellava, sapeva che ci sarebbero stati potenziali problemi, quindi si era fatto una serie di clisteri intensi e dolorosi per assicurarsi che il suo colon fosse libero da qualsiasi merda in modo che non ci sarebbero stati incidenti o disordine. Tutto lubrificato con un butt plug inserito per allungare il suo buco, bussò alla porta.

"Sì, come posso aiutarti?" Il ragazzo sembrava confuso più di ogni altra cosa, come se non si aspettasse che qualcuno si facesse vivo.

"Io sono . . . da Internet . . . sai . . . il tuo ragazzo. Mi hai detto di essere qui per te. . .” Scott si fermò a metà frase, temendo che qualcuno gli avesse fatto uno scherzo. Il ragazzo in piedi davanti a lui era il ragazzo delle foto nell'annuncio, ma non era sicuro di cosa stesse succedendo esattamente, quindi rimase in silenzio, stringendo più forte le sue borse tra le mani e pronto a scappare.

“Oh DANNAZIONE, sapevo che la foto che hai inviato era falsa ma DIO DAMN. Potresti aver trovato un'immagine più opposta a come sembri? Merda! Oh bene, vieni qui. Il ragazzo sembrava volesse vomitare che era così disgustato. Scott entrò nell'atrio mentre la porta si chiudeva dietro di lui. Era nella sua natura essere così arrogante, così patologico nel suo bisogno di travisare se stesso, che non gli importava di inviare foto che non assomigliavano per niente al suo sé 40 qualcosa, poco attraente.

Una cosa era certa, il ragazzo non aveva mentito per niente nel suo annuncio. Non era un millimetro meno di 6'4", aveva una corporatura muscolosa, atletica, testa calva, pelle di cioccolato fondente ed era MOLTO attraente. Scott poteva vedere l'immagine del suo fantastico cazzo nella sua mente e il suo piccolo cazzo pulsava in attesa. Con il dislivello, Scott si sentiva infatti come un ragazzo accanto a un papà forte. "Togliti i vestiti", furono le sue uniche istruzioni.

Scott posò le valigie e iniziò a spogliarsi lentamente. "Sbrigati, testa di merda", urlò l'uomo e Scott iniziò ad aumentare il ritmo. Si tolse scarpe e calzini e si tirò giù i pantaloni, restando lì con nient'altro che un paio di calze addosso e piantando una tenda, una tenda per cuccioli, ma la sua erezione sporgeva il più possibile.

"Pensavo di averti detto che saresti stata vestita con lingerie da donna per tutto il tempo che eri in mia presenza, cagna."

“Sì, ma non sapevo esattamente cosa ci si aspettasse da me, quindi ho pensato che l'avrei fatto. . .” Le sue parole furono interrotte da un rovescio che lo fece volare contro il muro. Vere lacrime si formarono nei suoi occhi quando sentì il pungiglione dello schiaffo irradiarsi sulla sua guancia. Il sapore del sangue caldo gli gocciolava dalla bocca dalla guancia e lui deglutì. Cercò di stabilizzarsi per stare in piedi, ma era disorientato e spaventato.

“Sarai sempre umile alla mia presenza. Risponderai solo quando ti verrà chiesto e se la tua risposta non è preceduta da Sì, Maestro, o Sì, papà, puoi star certo che ti disciplinerò molto peggio di quel piccolo tocco. Non me ne frega proprio niente di quello che pensi, mi aspetto solo che ti conformi ai miei desideri e basta. Fatto?"

Un nodo si formò nella gola di Scott. Sembrava che qualcuno lo stesse soffocando, no, pugnalandolo con un coltello nelle corde vocali. Le parole erano bloccate e lui deglutì a fatica e rispose: "Sì, papà".

Scott era già rotto.

Allungando la mano in quello che sembrava essere un gesto di gentilezza, questo squisito esemplare maschio aiutò Scott ad alzarsi in piedi. Le mani di Scott erano piccole; le sue dita erano tozze e corte. Al contrario, le mani di Todd erano grandi, non troppo grandi, ma con dita lunghe e aggraziate. Con la mano infilata dentro quella molto più grande, istintivamente sapeva cosa significasse essere un bambino con un genitore forte e protettivo. Con le lacrime agli occhi, Scott si tolse le mutande e rimase in piedi coprendosi il piccolo pene, profondamente vergognoso per le sue dimensioni inferiori. "Muovi le tue fottute mani, fammi vedere cosa hai" erano le sue uniche istruzioni e istintivamente si coprì i capezzoli come un'adolescente il cui top era stato tirato giù nella piscina del quartiere.

Una risata fragorosa e fragorosa echeggiò nella piccola nicchia e il cuore di Scott affondò nella stessa proporzione in cui il suo cazzo si alzò. Non importa quanto sapesse a livello viscerale, non importa quanto intellettualizzato e articolato sul fatto che il suo pene era piccolo, straordinariamente piccolo in effetti, quando lo sentiva dire dagli altri, specialmente dai neri, provava rabbia, vergogna ed eccitazione per lo stesso tempo. Era eccitato dall'umiliazione, ma non riusciva a lasciar andare quella brutta "cosa da maschio bianco" che gli faceva guardare gli uomini neri con nient'altro che disprezzo e disgusto. Era una parte del suo DNA, era cablato nel suo cervello che era intrinsecamente superiore, quindi mentre la sua rabbia ribolliva sotto la superficie, la sua lussuria dettava il suo bisogno di rinunciare a quel falso senso di superiorità e diventare ciò che sapeva di essere profondo, nel profondo: un dolore bianco perverso, disgustoso, depravato, sborra. Aveva bisogno di essere liberato dalla sua prigionia di bugie per essere rilasciato in modo da poter sperimentare la sua vera natura come qualcosa di inferiore a un essere umano.

"Succhiami il cazzo, puttana." La pressione della mano sulla spalla di Scott lo ha costretto a inginocchiarsi. Si inginocchiò sottomesso davanti all'uomo completamente vestito davanti a lui. Le sue mani tremavano mentre allungava la mano per slacciarsi i jeans e abbassare la cerniera. Mettendo la mano nei pantaloni, sentì per la prima volta quello che forse era il cazzo più grande che avesse mai sentito in vita sua. Riusciva a malapena a mettere le dita intorno alla circonferenza. Pescandolo, fu colpito dal forte aroma della mascolinità non lavata. Era un inebriante elisir di sudore, piscio e puro funk virile. Scott ha inalato l'odore e questo gli ha fatto venire la testa leggera; ha fatto perdere il suo cazzo precum.



Staccando il prepuzio, Scott guardò negli occhi scuri e profondi del suo nuovo proprietario. Uno strato ripugnante e maleodorante di capesante ricopriva l'enorme corona del bellissimo gallo marrone. "Ti piace? L'ho fatto solo per te. Mangia."

Piuttosto che esitare, Scott ha fatto un vero spettacolo di pulizia di quel brutto smegma. Lo divorò come se stesse morendo di fame, orgoglioso di mostrare le sue abilità di succhiacazzi e la devozione che aveva per il mostruoso pezzo di carne che aveva davanti. La pasta densa riempì le sue papille gustative e Scott lavorò prima per pulirla e poi per adorarla. A malapena in grado di circondarlo con la bocca, a malapena in grado di infilare in bocca anche solo un terzo della sua enorme lunghezza, Scott lo leccò e lo baciò appassionatamente. Se un uomo poteva stringere una relazione con un gallo, questo era il compagno ideale per Scott. In cuor suo si innamorò di quella carne, sentendo il petto allargarsi e contrarsi come uno scolaretto alla sua prima cotta. Cercò di fare l'amore con la sua bocca, piantando baci morbidi e teneri lungo la sua lunghezza per mostrare la sua riverenza.

“Che cazzo sono questi baci di merda? Puttana, ti ho detto di succhiare il cazzo di mia madre. ORA SUCCHIA!" Detto questo, afferrò la testa di Scott e gli fottuto la bocca selvaggiamente. Scott cercò di spingersi via, rinforzandosi contro le cosce sode e muscolose del suo aguzzino, cercando di riprendere fiato mentre quel cazzo gli devastava la gola. Ha soffocato e soffocato, sentendo il suo esofago violentato. Era stato fottuto il cranio; non era altro che un buco abusato. Il continuo martellare di quel cazzo, per tutta la sua lunghezza voleva farlo piangere dal dolore ma non poteva; riusciva a malapena a respirare. Il ritmo era veloce e furioso, la sua mascella era insensibile e il suo riflesso del bavaglio si stava attenuando dopo quelli che dovevano essere più di 10 minuti del pompino più duro che avesse mai fatto. . . una specie di. Non c'era alcun dubbio sul fatto che non stesse "dando" nulla, la sua gola era stata fottuta e gli faceva male in un modo che non poteva essere descritto. Lacrime bollenti e salate gli macchiarono le guance mentre pregava che la tortura finisse e, contemporaneamente, non finisse mai.

La ricompensa alla fine della sua tortura sarebbe arrivata abbastanza presto. Il suo padrone, aguzzino e amante dei sogni ha spinto tutta la sua durezza nella gola di Scott. Con il naso profondamente incastonato nella spessa chiazza di peli pubici ispidi, Scott sentì l'ampio cazzo crescere e allungarsi nella sua bocca e riuscì a rilevare il movimento peristaltico che portava lo sperma bollente, bianco, caldo, dalle sue noci, attraverso il suo impressionante tubo di virilità , su e giù per la gola di Scott, senza nemmeno ottenere il vantaggio di assaggiare lo sperma schifoso che bramava così disperatamente.

Scott crollò a terra, esausto e distrutto, la faccia a pochi centimetri dai piedi del suo abile dominatore. Voleva aggrapparsi a quei piedi, avvolgere le braccia attorno a quelle gambe per protezione e conforto e dire: "Papà, mi dispiace di essere stato un ragazzaccio. Ti prego, perdonami." Tuttavia, non poteva dire nulla perché aveva la gola così dolorante che aveva temporaneamente perso la capacità di parlare. Era come se le sue corde vocali fossero state raschiate con carta vetrata.

“Prima che mi dimentichi, dammi le tue chiavi e il tuo portafoglio. Voglio alcune assicurazioni che non te ne andrai prima di darti il ​​permesso. L'ultima cosa al mondo che Scott voleva era andarsene. Voleva restare per sempre. Voleva rinunciare alla sua misera vita ed essere il boi di questo sinistro sinistro. La sua identità era però sacra e aveva passato anni a proteggerla, mentendo, ingannando e nascondendo la sua vita reale a coloro che usava sessualmente. Questa volta, ha consegnato con riluttanza gli articoli richiesti e ha provato un senso di sollievo. Se doveva essere ricattato, denunciato ed esposto al mondo, ora era il momento, avrebbe lasciato che le sue perversioni lo portassero troppo oltre. Voleva che quest'uomo conoscesse la sua vera identità, che avesse il controllo della sua vita e del suo destino. Era la sua libertà.

"Mi aspetto che ti cambi i vestiti, mi prepari la cena e me la porti nella tana, e sia pronto a servirmi nel modo che desidero." Ha spinto via Scott con il piede e ha fatto i suoi affari come se Scott non fosse nemmeno lì.

Incerto sulla disposizione della casa, Scott inciampò in giro finché non trovò una toilette per cambiarsi il suo abbigliamento femminile. All'inizio era un maschio brutto, il che lo rendeva ripugnante come donna, ma si sentiva sexy nella sua camicia da notte rossa trasparente da bambolina, nel suo tacco alto, vernice, stiletto, décolleté senza pagamento e plug anale nero, incorniciato perfettamente dal suo mutandine senza cavallo. Il suo pene minuscolo si tese contro il materiale setoso e si sentì bene. L'ha strofinato per tutto il tempo che pensava di poter farla franca senza essere scoperto ed è uscito per preparare la cena.

Cucinare a casa di qualcun altro è un compito. Ha lottato per trovare le pentole giuste, i piatti giusti, gli strumenti di cui aveva bisogno per tirare fuori le sue linguine e gamberetti, tutti precotti ovviamente. L'insalata era in un sacchetto e tutto ciò che doveva fare era trovare un apriscatole per la birra. Barcollava e barcollava sui talloni che gli stavano facendo venire le vesciche, ma ignorò il dolore in previsione di altra umiliazione e degrado a venire. Quello era il suo traguardo, la sua ragion d'essere. Ha sentito il suo nuovo Maestro parlare al telefono, conversare con un amico. “Nah amico, non ho mai fatto niente del genere prima d'ora. Immagino che pregherà di andarsene dopo poche ore. Non ti dirò nemmeno le cazzate che ho programmato per lui. . . Parola. È quello che sto dicendo. Sì amico, ti chiamerò più tardi, usciremo domenica mattina o qualcosa del genere. Sono fuori."

Scott furibondo. Si sentiva tradito. Voleva che qualcuno con esperienza nel BDSM lo controllasse, non un fottuto dilettante. Il suo pulsante di arroganza è stato premuto e aveva una mezza mente di annullare l'intera faccenda e andarsene. Portò fuori i piatti nella tana e li posò sul tavolino da caffè con posate e tovaglioli di carta per i tovaglioli. Tornò in cucina, prese due birre e tornò, seduto all'altro capo del divano. «Spero che vi piaccia, signore. Non posso prendermi il vero merito. . .”

Prima di sapere cosa stava succedendo, sentì un calcio pungente al fianco e volò giù dall'estremità del divano e atterrò di piatto sul sedere. “Puttana, te l'ho detto che non volevo che mi parlassi a meno che non ti parlassi. Non è una regola difficile da seguire, vero?"


Scuotendo la testa, Scott borbottò: "No, maestro" e si scusò per essere stato un cretino.

"E già che ci siamo, chi cazzo ti ha detto che potevi mangiare con me?"

Prima che potesse fare di nuovo lo stesso errore, ha combattuto contro l'impulso di esprimere la sua opinione e affermare l'ovvio che doveva avere una sorta di sostentamento per mantenere le forze per tutto il fine settimana.

"Prenderò questa birra e mi lascerò avere quel piatto così posso aggiustartelo." Tenendo il dito da parte una narice, Todd si tirò su dal profondo del petto la flemma che sembrava avesse una polmonite ambulante e se la soffiò dal naso sul piatto di cibo di Scott. Ripetendo la procedura più volte, c'era una patina di moccio verde, marrone e giallastro che ricopriva gli Scampi. Lo stomaco di Scott si girò e il suo cazzo sussultò. Posizionando il piatto sul pavimento, a Scott è stato detto di mangiare senza il beneficio di utensili o mani e di mangiarlo tutto.

Con il culo per aria, abbassò la faccia sul piatto del cibo. “Oh, e se vomiti qualcosa che ti do da mangiare, puoi star certo che te lo farò mangiare di nuovo. Comprendere?" Quelle istruzioni erano chiare e Scott si sentì nauseato quando iniziò a mangiare la cena coperta di muco. Non era così male come immaginava che sarebbe stato dopo aver mangiato i primi morsi con caccole spesse e salate, e prima che se ne rendesse conto, era orgoglioso di dimostrare che poteva essere un maiale così cattivo, mangiando il moccio come un maiale mangia la poltiglia da un trogolo.

Prima che avesse finito, il suo Maestro disse: “Sete, cagna? Vieni qui." Scott strisciò tra le cosce brune e scure del suo Maestro e alzò lo sguardo amorevolmente. "Bevi la mia pipì e non osare versare una goccia."

Scott aveva sempre saputo che sarebbe arrivato. Era diritto di ogni Black Dominant usare la sua sottomessa bianca come orinatoio e Scott voleva l'opportunità di dimostrare il suo legittimo posto come pisciare maiale. Si mise in bocca il cazzo gigantesco e seppe di aspettare il suo drink. È venuto duro e veloce; era grossolano, caldo, giallo e denso, per niente simile alla pisciata annacquata che si aspettava da birra, ma provenendo dal Maestro Nero dei suoi sogni, Scott deglutì come se fosse il vino più dolce che avesse mai bevuto.

"Oh cazzo sì, cagna, bevi il mio grado, piscio bollente, fottuta puttana del bagno. Fottuto sacco di merda bianca. Quelle parole erano musica per le orecchie di Scott. “Non ingoiare tutto, voglio vedere la tua bocca piena della mia piscia. Tienine un po' nella tua bocca da frocio.

Prima che il flusso si fermasse, Scott fece come gli era stato detto e tenne in bocca un enorme sorso di urina. Si sedette e aprì la bocca con orgoglio per mostrare che buon lavoro aveva fatto. He beamed with pride. A few drops escaped the corners of his mouth but surely that was to be forgiven because he had such a huge amount of piss and had shown his talent for being a toilet.

“Good boy. Nice job.” With that, his Master tussled his hair and Scott felt an overwhelming sensation of love that made tears well up in his eyes. His Daddy was proud of him. That was all he ever wanted, for his Daddy to say, “Good job, son.” But that’s not exactly what he said. He completed his compliment by saying, “Lay down on the floor, under my feet, and hold that piss in your mouth and don’t you dare fucking swallow it until I tell you to. If you swallow it, spill it, or throw up, I PROMISE you’ll regret it.”

Steeled with determination, Scott maneuvered himself to lie between the sofa and the coffee table with his open mouth of golden nectar. He stared at the ceiling and decided to get into a space where he was going to breath through his nostrils and ignore the overwhelming pain of his jaw. In a zone, he smelled the evidence of smoke and momentarily panicked. It was cigar smoke, and his owner had lit up to enjoy a night of watching TV and a good smoke.

The sound of the ashes being extinguished in the piss he held so lovingly in his mouth made Scott angered and alarmed all over again. He’d never anticipated this, and a foot was brought down on his chest to prevent him from moving. He wanted to scream but he couldn’t, he thought he was going to drown for a second, and the taste of the ashes, magnified by the piss, made his body involuntarily heave.

“Easy there boy, I told you that anything I give you that you throw up, I’m going to make you eat again. And if you spill any piss or ashes on my carpet, I’m going to beat your ass so bad you won’t sit for a week.”

A Buddhist monk didn’t have more mind control than Scott did in that moment. Tears streamed steadily down his face but he remained focused on a small, imaginary spot on the ceiling. For the next 20 minutes, he was a receptacle for ashes as he held the now cold piss in his mouth. Piss overflowed his mouth as the ashes displaced the pee and he smelled like the men’s room at The Port Authority bus station.

“Swallow!” Those were Todd’s only instructions. “Swallow, it all, NOW!”

Scott rationalized for a moment and turned his head and spit out the foul contents of his mouth all over his Master’s cream carpet. That’s what this game was all about, punishment and reward. He wanted some more punishment. He wanted to get to the fun part where he got fucked and spanked and fucked some more. Over and over, he spit out the nasty remnants of cigar ashes and pee until he could only taste a hint of the disgusting mixture and waited for the slap, the punch, or the severe verbal tongue-lashing.

The pause seemed like an eternity, the silence, deafening. “Okay, okay.” “If you don’t want to play by my rules, get out. Get your shit and get out.” Standing, he stepped over Scott and went to his laundry room to get supplies to clean his carpet.

Scott was outdone. He didn’t want to go, he wanted to stay and get fucked. He wanted to stay and be humiliated some more. The man returned with a bucket of water and cleaning supplies, threw Scott’s keys and wallet on the floor at his feet, and ignored him as he went about scrubbing the stains on the carpet.

Scott had never felt more defeated. His arrogance had maneuvered him out of his dream situation AGAIN. He’d fucked up big time and there was nothing he could say. Apologies would be empty because he obviously did what he did on purpose. He hated himself for getting himself into this situation, he wanted to say something but the image of this beautiful Black man, on his knees, cleaning the mess that he’d made, silenced him.

“Here, let me clean it. I’m sorry.” The words sounded empty even to himself and he waited for some sort of acknowledgement.

“Get out.” The command was soft-spoken, without emotion.

Scott started sobbing uncontrollably. He had disappointed his Daddy. He had been a very bad boy. He had disrespected the man whom he wanted to own his very being. As experienced as Scott was in the lifestyle, this novice, this guy who had never dominated anyone else in his life, was controlling him in ways he’d never imagined. Scott became hysterical: crying, pleading, and throwing a temper tantrum the likes of which couldn’t be paralleled by even the most monstrous two-year-old. He wasn’t even making sense, he was just babbling about not wanting to leave and about how sorry he was. He got on his knees and tried to suck Todd’s cock again. He offered him money, $1000 in fact, if he could be allowed to stay. Sex and power were all Scott understood so he was offering all he knew how. The fact that he was being ignored caused him greater pain than he’d ever felt before.

“Stop crying bitch. Damn, shut the fuck up. I told you to get out. You obviously don’t want to play by my rules. You obviously think you can dictate and control some shit up in my mother-fucking house so it’s time for your ass to go. I will not be manipulated by some moronic little asswipe like you. Get the fuck out.”

Scott’s body was trembling. He wanted to do what he had been told, to follow orders and leave, but he wanted to stay more. He was having a mental breakdown. Before he knew what was going on, he had been pulled down across Todd’s lap and he was getting spanked soundly. Actually, spanked seems like such a benign term. He was being beaten. Blow after torturous blow rained down on his pale, flat ass, thighs, and even back. His Master seemed to be in some sort of trance of his own. “You fucking white boys are all the same. Thinking you can control shit. I’ll fucking show you. Dumb ass. You want me to be your Daddy, I’ll fucking make you wish you were never born.” The pain was excruciating but comforting at the same time.

With his hard cock sandwiched between those strong thighs and his ass being abused, Scott was screaming and crying like a little bitch. He was incoherent. “Yes, Daddy, beat me for being white. I’m so sorry, Daddy, I’ve been such a bad boy. I’m just a stupid, little-cocked, white boi who deserves to be punished. Take out your frustrations on me, Master. I promise I’ll do anything you say.”

Those words would prove to be the wrong thing to say.

Grabbing Scott forcefully by the arm, practically dislocating his shoulder from the socket, this overwhelming Dominant pillar of masculinity pulled him towards the Master Bedroom. Scott felt a ray of hope. Things were about to get down to business. Scampering along, practically on tiptoe, scurrying to keep up with the long strides of his Master, Scott was flung to the floor. He looked up to see a look of pure, unadulterated hatred on Todd’s face. This look wasn’t one of lust; his eyes were distant and glassy, filled with rage, reminding Scott of a rebel slave who had staged an insurrection against an evil slaveholder and who was about to behead the person who had taken his life, liberty, and manhood from him.

Scott watched as his Master undressed completely, muttering under his breath something incoherent and disjointed. Scott was genuinely scared. He thought maybe this guy was having some sort of slavery flashback, some sort of psychotic homicidal break and would go too far. Just that thought alone aroused Scott’s sick libido. Era questo. His fantasy come true. For all of his posturing, for all his arrogance and bravado, Scott knew he was about to feel the true wrath of the mighty Black man. This was an entirely different situation than pissing off Black women. Black women would get angry, they would threaten blackmail and revenge, they would curse him out and try to make him pay with their strapons but they were ultimately just victims of Scott’s manipulative ploys, not capable of pulverizing Scott to within inches of his life. This man could crush Scott’s skull without breaking a sweat. Clearly, he’d pushed too far; clearly, he’d underestimated his ability to piss this man off. He cowered in terror, unable to run, held fast to the bedroom floor as he furiously jerked his cock and waited for the savage beating of his perverted dreams.

Before Scott could say, “Treat me like the filthy, white slut I am,” he was being tossed face down on the massive California King sized bed. As his hips were pulled up, he grabbed the pillow and buried his face in it. The butt plug was pulled unceremoniously from his ass and he was instructed to suck it. Lubricant and ass slime coated the foul toy and Scott turned his head in defiance.

“Oh, you want to play fucking games, bitch? You better suck that fucking butt plug or . . .” There was no reason to finish the ultimatum because within a fraction of a second, Scott was grabbed so hard by the back of his neck he saw stars. The plug was forced in his mouth and he sucked it like a perverse black pacifier. Scott couldn’t decide which tasted worse; the smegma, the ashes, or the funky ass mixture but he was sure that being forced to perform such lewd acts was liberating, freedom from enslavement to his false sense of manhood.

While Scott was wildly aroused, Todd was not. He didn’t find Scott attractive or the situation stimulating in the least. He looked at Scott with utter contempt and disgust. This whole thing had gone past role-playing to something sick and twisted. He grabbed his dick and stroked it, willing it to hardness. He grabbed the remote and flicked on a vid that was in his DVD player. With his flat screen filled with images of hot, sweaty black men, he was able to get hard enough for the task at hand.

Fully erect, Todd was at least twelve inches. This wasn’t exaggerated, Internet inches, when guys claim they are a foot long and they are really only about two inches over average. This was the real deal. Scott felt like he was in the presence of a true god for surely anyone endowed with such a huge cock was more than a mere man. A flash of fear came over Scott as he realized he’d never had anything quite that large in his ass before. He was a small guy and his mind raced with images of where all that meat would actually go forced in his colon. Fear and pain were aphrodisiacs for Scott, so with his tiny cock leaking a steady stream of precum, he dove for that humongous piece of meat with his mouth again, with the hopes that he could get it wet enough to compensate for a lack of lube.

This time, the blowjob he gave was sloppy and wet and dripping with spit. He used his hands to work the copious saliva up and down the shaft. When he felt himself heaving, rather than hold back, he let go with disgusting amounts of slimy fluids from somewhere deep within him.

If that weren’t degrading enough, his tormentor and master was punctuating the scene with a serenade of degrading taunts. “Yeah you fucking white piece of trash. That’s is, suck that big fucking black dick! You love that, don’t you? Fagging out on my big, black knob. Take it you sissy fucking bitch. You know I’m going to ram that big fucker so deep in you that you are going to shit my cum for a week.” In the background, Scott could hear the sounds of primal fucking on the DVD which aroused him even more. The only thing he could see was the muscled abdomen of his master and the wiry pubic hairs that framed the glorious cock that was deep in his throat.

Scott was crying, literally streaming tears of joy down his face. Before he knew what was happening, he was flipped over on his stomach and his ass was pulled in the air. His crotchless, red panties and his flimsy, red nightie were ripped from his body and tossed on the floor. Without a whole lot of ceremony, Scott felt the head of that gigantic dick being pushed in his boycunt. He grimaced a little and took it with relative ease as he felt his prostate being massaged. He started moaning like a cheap whore; his own tiny cock producing a steady stream of dick snot that flowed freely. He worked his ass like the true faggot bitch he was and luxuriated in the sensations of the strong, masculine hands that held his hips and the gigantic dick embedded in his ass making him feel like something sick and perverted and feminine all at the same time.

While it seemed like an eternity, it was really only a few minutes before Scott was filled to capacity. He reached back to feel about four or five, incredibly thick inches of cock that hadn’t been able to fully penetrate him. He pumped his ass like the white women he had seen in pornos and he tightened his ass muscles like he’d been taught by his experiences with men. While Scott was satisfied with that, proud of himself for being able to take a full 8 inches like the insatiable ass slut he was, his Black Dom Daddy was not.

“You think that’s all you’re going to take? Oh, hell no. Bitch, you are going to take every fucking millimeter of my dick and you are going to love it, do you hear me?” With that, he pushed further and Scott tried to scramble away. He moved up higher on the bed and tried to resume wiggling his ass, fucking back on that cock, confident that he was giving his Black Daddy pleasure.

Not satisfied, Todd grabbed Scott by the shoulders and pushed harder, forcing at least another two inches incredibly thick cock deeper in Scott than he’d ever had before. Scott screamed out in pain. He did his best to pull away, fighting and struggling, but his efforts were nothing compared to the strength of the man fucking him. The pain permeated every fiber of his being, racing from his asshole to his nuts that were pulled tightly against his body to his hardened nipples and then all the way to the back of his eyes. Sweat dripped from his forehead and he whimpered, “Please, I can’t take anymore. It hurts.” Surely, his pleas would be understood. He was only 5’1”. There was only so much space for all that meat to go. It wasn’t because of lack of desire; it was logistics. He fought back, trying to save himself from serious internal damage.

“Oh is that so? It hurts, huh? You want me to stop? Fai? Do you want me to stop? Answer me, bitch! I’ll stop, all you have to do is say the word. DO YOU WANT ME TO STOP?” None of this was new to Todd. He’d met lots of guys who couldn’t take his entire dick before. But the power, the control, the domination was making him high. His became relentless, slapping Scott’s ass, spanking him, causing him further pain that only registered as pleasure for both of them.

All Scott had to do was say yes. All he had to do was respond that he wanted things to stop. He didn’t want to be raped; he wanted to be dominated, that was entirely different. He fantasized about being raped but the reality of it was something different. He reached back to feel the last two inches of dick that remained outside his body. They felt like two feet, the heat from that dick seemingly scorching his hand. Non ha risposto. He let his silence speak for itself. He wanted the pain. He wanted to be fucked unconscious and if he ended up in the hospital in the process, then so be it. He lowered his face to the pillow, braced his arms against the headboard, and waited.

On thing Scott had failed to realize, even after all this time, was that he wasn’t in control of things. He was grabbed by the back of the neck and pulled up like a rag doll. Instantly, he felt that dick being pulled completely out of his asshole and he cried out, only this time the pain was emotional. He felt empty and alone and worthless.

“You dirty cunt, clean my prick.” The instructions were not at all ambiguous. Ass fucking was meant to be primal and dirty, so he knew that his responsibility was to taste the ass slime that coated his master’s dick. Not surprisingly, brown streaks coated the dick. It could have been a lot worse had he not prepared himself but the evidence of shit was still apparent. He deeply inhaled the scent, making his dick leak more and his taste buds filled with the musky flavors of his ass as he licked and sucked it clean. It wasn’t enough to make him sick but he reeled at all the disgusting things he’d ingested over the past few hours: dick cheese, snot, piss, and now butt sludge. Just the mere thought of that alone almost made him shoot his load. The only thing that kept him from cumming was the depraved thought that he might be pushed to do even more disgusting things and he wanted to be totally horned up for that possibility.

“Ride my dick bitch,” as the pair repositioned themselves so that his Daddy was on his back, reclining in relaxation, as Scott prepared to mount him and fuck himself silly. Again, as before, the first eight inches went in with relative ease. His asslips sucked and nursed at the huge cock in him as she bounced up and down. Ashamed and aroused, he farted as the air was pushed up in his ass and he rode that cock for all he was worth. Still, he couldn’t get that entire dick up his ass. He squirmed his ass down harder, trying his best to take more but he couldn’t. Frustrated, his Daddy grabbed him around his hips and pulled Scott down even further. This time, as before, Scott screamed out in pain, but this time, he loved it. Pain was his pacifier. Scott was warped, twisted, and distorted, and he knew that only a disgusting white worm like himself could be aroused by pain, humiliation, and degradation.

Being tired of the cat and mouse games, Todd flipped Scott on his back and pushed his thighs back to his chest. He gripped the base of his dick and aimed it up with Scott’s hole. He pushed forward, hearing Scott’s cries in a distant fog. Encountering resistance, he pushed harder, working up a sweat. Determined, he pushed deeper, driving every inch of his dick deep in Scott’s bowels. Giving him a full minute, he waited until he saw a look of acknowledgement on Scott’s face and he began pumping, pounding, pushing and fucking. “Take that, bitch. Take all my big fucking Daddy dick you little twat. You white fucking faggot, I own you. I own your body and your soul.” As if in a trance, he hammered his dick deeper and harder than he’d ever done before, grunting like an animal and turned on by the idea of using a white boy so completely. “I’m going breed your faggot pussy with a gallon of my cum. Do you want my baby, bitch? You want to be pregnant with your Black Daddy’s baby? Say it!”

Scott couldn’t form words. As the last of that massive dick invaded his intestines, he could only moan and scream in ecstasy. The sweat from his master’s body dripped into Scott’s mouth and eyes, the smell of man fucking permeated the air. He grabbed his cock and stroked it in time with the dick that punished his butthole. Glancing down, he could actually see the outline of that gigantic dick pushing against his stomach and he shot his load all over his stomach.

In pornos, that would be the signal for his lover to cum also, to finish in a blaze of glory in unison. In reality, Scott’s Dominant Black Daddy was nowhere near the finish line. He kept pumping Scott’s hole raw. Scott’s legs were cramped, pushed uncomfortably back and his insides felt like they were being dragged out with each extraction of that black stick that fucked him. The pain was excruciating but it was comforting in a way. He felt absolved of his guilt, his arrogance, of his pretense of being bigger and better, at last he was absolved of the wretched stigma of being white. In that moment, he was a filthy fuck pig to be used and abused. He relished in the sensation of his asshole being pumped full of scalding, white, hot cum.

He passed out. Drifting in and out of consciousness, he awoke to being fucked and used time and time again. Night turned to day and he found himself being fucked in various ways, of serving his Black Master in unspeakable ways. Before he knew what was happening, it was Sunday night and he was packing to leave. He sobbed and bawled uncontrollably. Falling to the floor, he begged and pleaded with Todd to retain control of him.

From that day on, Scott Clair lived for the weekends. Mondays through Fridays were lived in a state of suspended animation for him, nothing seemed real; everything sort of floated by in grainy images of black and white. Friday evenings were when life was lived in full HD Technicolor. It was on the weekends when he could assume his true role and shed the pretenses of his average existence. Every weekend, Scott Clair became the possession, toy, and sexual playing of a Black Dom Daddy who inflicted the most horrendous and sadistic tortures on his pale, white flesh. For slightly more than 48 hours, Scott willingly put himself in a position to be degraded, humiliated, and used beyond most people’s comprehension and he’d never been happier or more satisfied in his life.

Copyright 2008 AfroerotiK

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

218 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

607 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

594 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

574 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

522 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

509 I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

481 I più visti

Likes 0

Festa del 4 luglio

NOTA: per coloro che non vivono in America ho aggiunto un grafico di conversione della storia alla fine. +++++ Festa del 4 luglio Mia moglie ed io abbiamo deciso di organizzare una festa in famiglia Il 4 luglio nella nostra fattoria. Abbiamo diverse centinaia di acri di terra e possiamo fare qualsiasi cosa vogliamo. Era stato pianificato con diversi mesi di anticipo in modo da avere tutto il tempo per preparare un campo negli ultimi quaranta per tenere la festa. Poiché il quarto era di mercoledì quest'anno, abbiamo invitato tutti quelli che conoscevamo a trascorrere l'intera settimana e anche entrambi i...

483 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.