Desideri Proibiti - Parte 3

275Report
Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora vergine, ultimamente aveva cominciato a provare sconosciute agitazioni nel suo giovane corpo. Aveva scoperto per la prima volta l'incredibile estasi dell'orgasmo una sera nella sua vasca da bagno, ottenuta puntando il soffione staccabile verso il suo piccolo clitoride desideroso, i suoi piedi appoggiati sul bordo della vasca mentre i caldi impulsi dell'acqua sgorgavano contro di lei. Da allora, aveva raggiunto l'orgasmo innumerevoli volte nella vasca e nel suo letto, strofinandosi con le dita fino a quando il suo corpo giovanile esplose in una frenesia di intenso piacere. Trascorreva spesso gran parte del tempo in classe dimenandosi silenziosamente sul sedile, la pressione dei suoi vestiti contro il clitoride inviava ondate di piacere attraverso il suo corpo che si stava risvegliando.

Finora la sua esperienza sessuale era stata per lo più limitata ai ragazzi più grandi, principalmente all'ottavo e al nono anno. Durante sessioni particolarmente intense, aveva permesso ad alcuni di loro di infilare le mani sotto i suoi vestiti e accarezzarle i seni, o infilare le dita nelle sue mutandine e strofinare la sua figa nuda. Nel frattempo, aveva acquisito un'intima familiarità con una piccola selezione di peni adolescenti rigidi, a partire da un pomeriggio memorabile a casa di Jimmy Winkler quando i suoi genitori non erano a casa. L'aveva colpita a secco fino a quando non era entrato nei pantaloni. Da quel giorno memorabile, era passata a lavori manuali clandestini, accarezzando i cazzi dei ragazzi fino a quando il loro sperma caldo sprizzò su tutte le sue dita. Proprio la settimana scorsa, Jimmy l'aveva persuasa a mettere la bocca sul suo pene dolorante, e lei lo aveva succhiato fino al suo arrivo. Era stata troppo spaventata per lasciarlo esplodere in bocca e aveva alzato la testa appena in tempo, provocando il suo abbondante sperma che le sprizzava su tutto il mento e macchiava il suo nuovo maglione.

"Ciao, Susan", disse David Drake mentre correva per raggiungerla e iniziava a camminare accanto a lei. "Hai un secondo?" David aveva la sua stessa età, ma era quasi una testa più alta di lui. Lo conosceva dalla prima elementare. Le piaceva e lo considerava un amico, ma non lo considerava un vero fidanzato, dal momento che era sempre sembrato così dolorosamente timido e ingenuo. Tuttavia, doveva ammettere che aveva del potenziale, con il suo bell'aspetto da ragazzo, se solo avesse avuto un indizio.

"Ciao, David", ha risposto. “Sto andando a lezione. Che cosa succede?"

"Volevo solo... sai... parlare per un minuto", disse David, facendosi coraggio. Dopo il pomeriggio con la signorina Hashitani il giorno prima, improvvisamente si sentiva più sicuro delle ragazze, non temeva più il rifiuto.

Susan si fermò e lo affrontò, sorridendo. Non era come David, per niente. "Sicuro."

"Ehm..." David esitò, stordito per un momento nonostante l'avesse provato la scorsa notte. Fallo e basta, si disse. Le sue parole uscirono di corsa. “Susan, volevo solo dirti che... che penso che tu sia davvero carina, davvero sexy e tutto il resto. Mi chiedevo solo se forse potremmo parlare dopo la scuola o qualcosa del genere, magari bere una coca insieme".

Susan gli sorrise raggiante, sorpresa e contenta del complimento. Non era che non sapesse di essere carina, semplicemente non avrebbe mai pensato che David le avrebbe detto una cosa del genere. «Perché, grazie, David. Ho sempre pensato che fossi un ragazzo carino". Qualcosa in David era cambiato, su questo non c'era dubbio, pensò tra sé e sé. Forse dovrebbe riconsiderare come si sentiva per lui. Un'idea folle e folle iniziò a formarsi nel suo cervello.

"Allora, possiamo parlare più tardi?" insistette David, si spera.

La ragazza ci pensò a lungo, poi decise d'impulso. "David, puoi tagliare la tua prossima lezione?"

David non riusciva a credere alla sua fortuna. Il suo pene balzò verso l'alto e si tese avidamente contro i suoi pantaloni, e pensò di aver visto che lei lo guardava furtivamente. "Sì", ha risposto.

"Bene. Ci vediamo tra una decina di minuti, fuori dai bagni laggiù. Bene?"

"Va bene, dieci minuti."

"Freddo. Ci vediamo!" disse, voltandosi e allontanandosi, facendo oscillare quel meraviglioso sedere.

Dieci minuti dopo David era fuori dalla porta del bagno, in attesa. Susan girò l'angolo dell'edificio e si avvicinò a lui, guardando su e giù per il corridoio. Non vedendo nessuno, gli afferrò il braccio e disse: "Qui dentro". Aprì la porta del bagno della ragazza e lo trascinò dentro prima che potesse protestare.

Senza una parola, lo premette contro il muro e plasmò il suo giovane corpo contro il suo, chinandosi e baciandolo. David non riusciva a credere a quello che stava succedendo. Ecco la ragazza dei suoi sogni, che strofinava il suo corpo contro di lui e lo baciava, la sua lingua che si avvicinava di soppiatto per incontrare il suo e stuzzicarlo. Era sicuro che potesse sentire il suo pene eretto premere contro di lei nel punto in cui i loro fianchi si univano. E ancora più sicura quando la sua mano si abbassò tra loro e chiuse il suo cazzo dolorante con le dita, strofinandolo e stringendolo mentre si baciavano. Era come se la signorina Hashitani avesse operato una sorta di magia su di lui e lui fosse una persona completamente diversa! Le sue mani scivolarono intorno a lei e si posarono sul suo culo perfetto mentre le sue dita lo accarezzavano, la sua lingua avida esplorava la sua bocca

Alla fine, Susan interruppe il loro bacio, sorrise di nuovo al ragazzo e si voltò, prendendogli la mano e trascinandolo verso una delle bancarelle. "Qui dentro... nessuno ci vedrà", sussurrò con urgenza.

La seguì nella stalla, con il cuore in gola, e lei si sedette sul sedile del water mentre David era in piedi davanti a lei. Avidamente gli tirò la cintura. «Dobbiamo sbrigarci, David», disse. "Fammi vedere il tuo cazzo."

Rapidamente, David l'ha aiutata a slacciargli i pantaloni e tirarli giù, vivendo ancora un sogno, poi ha fatto scivolare giù i suoi boxer per rivelare il suo pene rampante. "Mmmmm, è carino, David", sorrise, allungando una mano e chiudendo le dita attorno ad esso, muovendo la pelle esterna su e giù. Poi si sporse in avanti e lentamente se la prese in bocca.

“Ohhhhhhhhh…” David gemette mentre lei lo inghiottiva. Guardò in basso e guardò con soggezione le sue labbra carnose avvolte attorno all'asta del suo giovane cazzo, e sentì l'umidità meravigliosamente calda della sua bocca mentre lo succhiava.

Rapidamente, lasciò che il suo pene scivolasse fuori dalle sue labbra e lo guardò. "Shhhh..." sussurrò, poi riprese a nutrire ansiosamente il suo cazzo. David ha fatto del suo meglio per rimanere fermo, il cuore che batteva forte mentre lottava per trattenersi, desiderando assaporare ogni secondo dello squisito pompino, ma quasi impotente per impedire l'imminente esplosione del suo sperma nella sua bocca accogliente.

Ancora una volta ha spostato la testa indietro, liberando il suo cazzo bagnato gocciolante dalla prigionia. "Dimmi quando sparirai", avvertì, ansiosa. Lui annuì mentre lei faceva scivolare di nuovo il suo cazzo nella sua bocca, bevendoci sopra avidamente. I suoi fianchi iniziarono a spingersi incerto, la sua mente vacillava al pensiero che in realtà le stesse scopando la bocca, come se fosse la sua giovane figa stretta. La sua testa oscillava, le sue labbra si contraevano strettamente mentre si muovevano su e giù per l'asta, su sopra la corona sensibile, portandolo rapidamente verso il suo climax.

Dopo pochi istanti, David capì che non poteva più trattenersi. "Oh, cavolo, Susan, sto per venire!" lui ha sussurrato. Immediatamente, lei mosse la testa indietro, lasciando che il suo cazzo uscisse di nuovo dalle sue labbra, le sue dita si chiudevano attorno alla base del suo cazzo e lo accarezzavano velocemente. “Ahhhhhhh!!!” gemette mentre le sue palle si tendevano, e una corda di sperma saltò fuori dalla punta del suo cazzo e ricadde sulla sua guancia appena strofinata.

"Oooooh, sì..." sussurrò, affascinata dalla vista del suo cazzo che prosperava ancora e ancora, le sue dita che pompavano ritmicamente mentre il suo sperma vomitava sulle sue guance e sulle sue labbra. Il suo sperma le bagnava il bel viso e scendeva in rivoli viscosi e lenti, fino a penzolarle dal mento.

Alla fine le palle di David erano vuote, un'ultima melma di sperma espulsa dalla testa del suo cazzo dalle sue dita sottili sul dorso della sua mano. David rimase senza fiato, guardando la visione elettrizzante dell'adorabile ragazza inzuppata di sperma sotto di lui.

Susan non aveva mai assaggiato lo sperma fino ad ora, ma sua sorella maggiore le aveva assicurato che non era discutibile e che non avrebbe dovuto aver paura di farlo. Era ansiosa di provare. Lei gli sorrise mentre lasciava andare il suo cazzo esausto, e poi lentamente si portò la mano alle labbra. "Guarda, David... il tuo sperma", sussurrò, e leccò lentamente lo sperma accumulato dalla sua mano mentre lui guardava. Poi iniziò a raccogliere gocce di sperma dal suo viso con le dita, e se le portò alle labbra, lasciandole trasudare sulla sua lingua tesa, e infine lasciando che il suo seme scivolasse lungo di lei. Non era male, pensò tra sé. David la osservò, quasi svenuta. Come poteva fare a meno di essere follemente innamorato di questa incredibile dea?

“Mmmmmm... David, è stato carino. Ti è piaciuto?" sussurrò, leccandosi tracce di sperma dalle sue labbra.

"Oh, Susan, è stato... incredibile", disse il ragazzo sbalordito.

In quel momento, la sua mente tornò al suo pomeriggio con Miss Hashitani, con Kimi, e improvvisamente capì cosa doveva fare dopo.

“Susan….,” disse, esitante. “Voglio farti sentire come se mi fossi appena sentito. Voglio leccare la tua figa. Me lo permetti?"

Susan lo guardò, con gli occhi spalancati per lo shock. Nessuno le aveva mai fatto una cosa del genere prima, e nemmeno osato suggerirglielo. Ne aveva sentito parlare dalle sue amiche, ma nessuno dei ragazzi maldestri con cui aveva giocato era stato così audace. Forse erano solo egoisti, volevano sempre andarsene. Le sue amiche hanno scherzato dicendo che volevano "sessantotto": tu mi fai e te ne devo uno. Ora qui c'era il dolce e innocente David, che si offriva volontario per leccare la sua figa verginale. "Non lo so, David... non l'ho mai fatto."

"Ti piacerà, Susan... so cosa fare", disse David, con crescente sicurezza. Adesso si trovava in un territorio quasi familiare, e sapeva che poteva farle piacere, come aveva fatto con la sua insegnante.

“Okay,” cedette, chiedendosi come potesse sapere qualcosa su questo, ma arrendendosi al suo desiderio di esplorare tutto ciò che poteva sulla sua sessualità in erba. "Non mettere niente dentro di me, David, sono vergine."

"Non lo farò", la rassicurò David, scendendo in ginocchio tra le sue gambe. Infilò una mano sotto la gonna corta e si tolse le mutandine di cotone bianco mentre sollevava i fianchi, poi li districò con cura dalle scarpe e li infilò nella borsa. Poi ha aperto le gambe e lui si è ritrovato a guardare per la prima volta la sua giovane figa sensuale, le sue labbra rosa orlate da radi capelli biondi e setosi. Si spostò leggermente in avanti sul sedile del water in modo che il suo sedere fosse appollaiato proprio sul bordo, nervosa per l'attesa.

David si chinò in avanti, allungando lentamente la lingua, e lasciò che la punta di essa la toccasse vicino all'ingresso della sua vagina, quindi scivolò verso l'alto, accarezzandole leggermente le labbra esterne. L'effetto sulla ragazza è stato elettrico. Il suo gemito le prese in gola mentre il piacere correva verso l'alto attraverso il suo corpo, e sentì la sua vagina inondarsi di calda umidità. "Ohhhhhhh!"

David accarezzò il suo sesso, ricordando ogni briciolo di conoscenza che la signorina Hashitani gli aveva impartito nella sua camera da letto. La sua lingua le stuzzicò per tutta la lunghezza della sua fessura, alla fine cercando e trovando il minuscolo bocciolo rosa del suo clitoride. Le dita di Susan giocavano nervosamente sulle sue ciocche bionde mentre la sua lingua svolazzava leggermente attorno alla protuberanza sensibile. Poi la sua lingua si abbassò e scivolò dentro di lei solo per un po', assaporando la sua dolcezza mentre scorreva dalla sua vagina stretta e verginale. Sussultò quando lui entrò in luoghi che nessun'altra persona aveva mai esplorato, i suoi fianchi si curvarono contro di lui mentre la sua eccitazione si accumulava come un temporale di un edificio.

Dopo alcuni istanti, ritirò la lingua dalla sua vagina e iniziò a leccare il suo clitoride con crescente intensità. Susan gemette mentre lui la portava sempre più vicino al suo climax in crescita, frustando il suo clitoride tremante, poi baciando e succhiando la carne della ragazza circostante.

All'improvviso, sentì il suo corpo essere preso dall'orgasmo, e gli afferrò la testa convulsamente e se la sforzò forte contro la figa. "Oh dio, David, leccami lì, sto venendo!!!" gridò, dimenticando il bisogno di stare zitta. Il suo corpo esplose in uno splendore orgasmico mentre la lingua impaziente di David la spingeva verso una beatitudine violenta e tremante. “OHHH!!!! OHHH!!!! UHHHHH!!!!!” singhiozzò mentre la sua lingua faceva l'amore con lei, accarezzandola dolcemente e aspettando pazientemente che scendesse dall'apice del suo piacere.

Alla fine, iniziò a calmarsi, il respiro rallentava, il viso arrossato per l'esperienza, il corpo che tremava ancora violentemente. “Oh, David,” ansimò. “Era così buono! Non ho mai sborrato così prima, mai! Dove l'hai IMPARATO??" Cercò di immaginare che qualcuna delle altre ragazze che conosceva permettesse a David di fare ciò che aveva appena fatto, tanto meno di insegnargli come, e non ci riuscì.

David alzò la testa, il viso bagnato della sua essenza, e sorrise. "Se te lo dico, prometti di non dirlo mai a nessuno?" sussurrò piano.

"Nemmeno un'anima, David", lo rassicurò, morendo ora di curiosità. "Non lo dirò."

David esitò. Sapeva di aver promesso di non dirlo, ma se non l'avesse detto a QUALCUNO, sarebbe scoppiato. E chi meglio di Susan, con la quale aveva appena condiviso la stessa intimità? “Beh…” si fermò per un lungo momento prima di liberarsi finalmente del peso. "Me l'ha insegnato la signorina Hashitani."

Lei lo fissò sconvolta. "Bugiardo!" esclamò, schiaffeggiandolo leggermente sulla testa. "Non ci credo!" Ha provato a immaginare la loro bellissima insegnante che faceva sesso con David, e semplicemente non calcolava.

«No, è vero, Susan, lo giuro» disse David, solennemente.

Susan non era ancora convinta. "Ma... dove è finito...?"

"A casa sua. Mi ha invitato lì dopo la scuola".

"Oh mio dio... potrebbe finire in così tanti guai!" sussurrò la ragazza, cominciando finalmente a crederci.

"Ecco perché non puoi dirlo", disse David, con urgenza.

«No, non lo dirò, David. La rivedrai? Voglio dire, fuori dalla scuola?"

"Penso di sì. Ha detto che potevamo.

“Se lo fai, voglio sapere tutto quello che fai. Promettere? Altrimenti non ti succhio più il cazzo,” disse Susan, sorridendo maliziosa e facendogli l'occhiolino complice. «Senti, è meglio che usciamo di qui, David. Il periodo è quasi finito.

Rapidamente, David si tirò su pantaloni e pantaloncini, mentre Susan si rese presentabile al lavandino, rinfrescandosi il rossetto e senza preoccuparsi di rimettersi le mutandine. Andarono insieme alla porta e sgattaiolarono fuori nel corridoio.

Fu in quel momento che il signor Merriam, il preside della scuola, li trovò. "Okay, cosa ci stavate facendo là dentro?" chiese, arrabbiato.

“N….niente!” disse David, improvvisamente spaventato. "Sono appena andato dalla porta sbagliata, tutto qui."

"Sciocchezze!" disse il signor Merriam. "Sono qui da almeno cinque minuti." Si voltò verso Susan. "Che ne dici, signorina?"

"Io... è appena entrato per sbaglio!" disse Susan. "Abbiamo parlato solo per un minuto."

"Dovete essere entrambi in classe, in questo momento", disse il preside. "Dovrei dirlo ai tuoi genitori."

"No per favore!" pregò Susan. “È solo un grosso errore. Per favore, non dire loro niente! Prometto che non taglierò di nuovo la lezione.

"David, mi occuperò di te più tardi", disse il signor Merriam. “Susan, voglio vederti nel mio ufficio subito dopo la scuola. Non essere in ritardo.

"Okay, signor Merriam", rispose Susan, lanciando un'occhiata a David mentre il signor Merriam si girava e si allontanava.

"Cavolo, Susan, cosa ci succederà?" disse David quando se ne fu andato.

«Non preoccuparti, David, non può aver visto né sentito niente. Non sa cosa abbiamo fatto. Andrà tutto bene".

"Lo spero. Va bene... ci vediamo dopo, Susan. Le sorrise in modo fanciullesco.

"Sì, ci vediamo", rispose. "E David... sei stato fantastico!" Si chinò e lo baciò velocemente, poi si voltò e si allontanò, con il sedere che si agitava sbarazzino sotto la gonna.


CONTINUA

Storie simili

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

346 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

473 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

218 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

607 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

594 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

574 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

522 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

509 I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

481 I più visti

Likes 0

Festa del 4 luglio

NOTA: per coloro che non vivono in America ho aggiunto un grafico di conversione della storia alla fine. +++++ Festa del 4 luglio Mia moglie ed io abbiamo deciso di organizzare una festa in famiglia Il 4 luglio nella nostra fattoria. Abbiamo diverse centinaia di acri di terra e possiamo fare qualsiasi cosa vogliamo. Era stato pianificato con diversi mesi di anticipo in modo da avere tutto il tempo per preparare un campo negli ultimi quaranta per tenere la festa. Poiché il quarto era di mercoledì quest'anno, abbiamo invitato tutti quelli che conoscevamo a trascorrere l'intera settimana e anche entrambi i...

483 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.