Magia della danza

572Report
Magia della danza

La mia prima esperienza di tradimento è stata alla festa di Capodanno. Mio marito stava appena finendo l'università ed eravamo a una festa con un'altra coppia di amici intimi. Ora, quella festa si è rivelata piuttosto noiosa e di conseguenza ho bevuto davvero troppo. Dato che avevamo comprato più alcol del necessario, non mi preoccupavo del mio consumo eccessivo.

A metà serata il nostro amico Tom ha sottolineato di aver sentito parlare di una festa "in casa" programmata all'università che era a breve distanza in auto. Non passò molto tempo ed eravamo alla festa e c'erano studenti ovunque - Ecco, questa era una festa! C'erano molti balli, musica e gente che rideva ovunque.

Ben presto Tom e Bill (mio marito) furono assorbiti da una delle loro conversazioni. Pam e io scendemmo le scale nella sala ricreativa dove tutti ballavano. Scendemmo sulla pista e iniziammo a ballare uno di fronte all'altro, come spesso facevamo quando non riuscivamo a convincere i ragazzi a scendere sulla pista da ballo. Non passò molto tempo che un paio di ragazzi si unirono a noi e presto ballavamo come due coppie. Stavo sentendo il mio liquore e ballavo in modo piuttosto suggestivo con questo sconosciuto, divertendomi moltissimo!

Poi il DJ è passato a un ballo lento e senza esitazione il mio compagno di ballo si è fatto avanti, facendomi scivolare un braccio attorno e attirandomi a sé, con forza. Ecco, è così che mi piace essere abbracciata da un uomo e, unita alle mie inibizioni ridotte dall'alcol, mi sono avvicinata di soppiatto a questo affascinante sconosciuto. Aveva più o meno la mia età, diciamo 21 anni ed era ben fatto. Mentre ballavamo lentamente, le sue mani scivolarono lungo la curva della mia schiena e sul mio sedere.

"Hmmmm, che bello!" Ho pensato e ho stretto la faccia al suo collo. Lo prese come spunto e con entrambe le mani mi afferrò le natiche e tirò con forza, schiacciando il mio bacino contro il suo. Potevo sentire il duro rigonfiamento tra i nostri fianchi. Gli ho mordicchiato il collo. Lentamente ballavamo e ad ogni movimento lui appoggiava i suoi fianchi contro i miei. Rimasi affascinato... le sue braccia forti, il dopobarba inebriante e il suo controllo sicuro mi travolsero, rendendomi suo.

Poi la voce del DJ gracchiò sopra la musica "Okay a tutti! È ora di 60 secondi di paradiso!" e con ciò le luci si spensero. La musica continuava ma eravamo immersi nell'oscurità più completa e assoluta.

"Tutto va bene!" qualcuno ha gridato e qualche risatina ha risposto.

Il mio compagno di ballo non ha perso un colpo, ha continuato a ballare, tenendomi stretto, ma dopo un paio di secondi ho sentito le sue mani sollevarsi dal mio sedere e mentre passavano accanto alla mia cintura hanno continuato a salire all'interno della mia camicetta . Non ho opposto resistenza e presto le sue mani sono scivolate sotto le coppe del reggiseno e mi hanno massaggiato le tette.

Non sapevo nemmeno il suo nome!

È stato fantastico! Gli baciai il collo con entusiasmo, le mie braccia gli avvolsero il collo.

"30 secondi" è stato il crepitio del DJ.

Quelle mani agili iniziarono a muoversi e in una frazione di secondo sentii la mia camicetta alzarsi e sfilarsi. Poi il mio reggiseno scomparve, un secondo dopo la sua bocca impaziente stava baciando il mio seno. Inclinai la testa all'indietro gemendo, potevo sentire le labbra della mia figa gonfiarsi e fluidi scivolosi che mi lubrificavano. Poi ha cominciato a succhiarmi il capezzolo... Era un paradiso!

"15 secondi" dichiarò il DJ, sembrava così distante. Più immediate furono quelle labbra calde che mi accarezzavano il seno e i capezzoli. Ero suo, le mie mani intrecciate tra i suoi capelli, tutte le inibizioni spazzate via.

"5 secondi" non mi importava! Poi sono arrivate solo un paio di luci accese dal DJ, eravamo per lo più nell'ombra. Il mio compagno di ballo alzò la testa e con una mano afferrò la curva della mia schiena mentre l'altra mi afferrò la parte posteriore del collo e premette le mie labbra sulle sue. Ho ceduto con entusiasmo alla sua guida. A poco a poco, nella stanza il DJ stava accendendo le luci. Per tutto il tempo il mio partner mi teneva stretto, baciandomi con entusiasmo mentre ballavamo un lento.

Ho ricambiato il bacio, avidamente, senza preoccuparmi del fatto che ero in topless. Avrei solo desiderato che mi baciasse di nuovo il seno. Mentre ballavamo, le sue labbra lasciarono le mie e trovarono la loro strada sulla mia guancia e sul lato del collo. Mentre inclinavo la testa di lato, aprii gli occhi. Mentre ballavamo lentamente, ho potuto vedere che la maggior parte dei ragazzi mi teneva gli occhi addosso mentre ballavano con le loro date. Mi ha fatto sentire eccitato... cattivo. Tutto ciò che era visibile era la mia schiena nuda e i miei fianchi, mentre le mie tette erano premute contro di lui. Inebriato dal voyeurismo, mi appoggiai indietro allontanandomi un po' da lui in modo da mostrare di più di me. Sono stato ricompensato con sorrisi apprezzati. Il mio partner era l'invidia di ogni ragazzo lì.

Poi la danza lenta svanì e cominciò una canzone veloce. Sollevando la testa dal succhiotto che mi aveva impresso sul collo, il mio compagno ha detto "Allora?"

"Perché no!" risposi spingendolo all'indietro. Ho messo una delle mie braccia sul mio seno e la mia mano libera sepolta tra i miei capelli mentre ho iniziato a ballare di fronte a lui, il mio corpo che girava a ritmo di musica. Ciò suscitò diverse esclamazioni da parte di alcuni dei ragazzi vicini.

"Ragazzo, è divertente!" Ho pensato 'mi sento tremendamente sexy!' Mentre mi giravo e ballavo, un paio di ragazzi lasciarono i loro appuntamenti e iniziarono a guardarmi. Si sono mantenuti a una distanza breve e confortevole dandomi spazio per ballare. Potevo vedere i loro occhi affamati fissi sul mio seno, sperando che si vedesse di più. Ero vicino a un muro, quindi mi sono girato, dando le spalle a tutti e mettendo entrambe le mani tra i capelli mentre premevo le tette contro il muro - provocandomi. 'Non fargli vedere troppo' ho pensato 'così manterrà alta la suspense!'

Per un po' ho semplicemente appoggiato le tette contro il muro, muovendo i fianchi al ritmo della musica. Poi mi sono girata, coprendomi allo stesso tempo le tette con un braccio. Dai ragazzi arrivarono un paio di gemiti tristi. Ho ballato verso uno di loro che si girava davanti a lui. Era un gentiluomo, teneva le mani a posto, così mi sono chinato in avanti e gli ho depositato un lungo bacio umido sulle labbra e poi sono corso avanti. Mentre mi avvicinavo a un altro ragazzo, lui mi ha afferrato. Ho fatto un salto indietro, agitando un dito contro di lui e mi sono diretto verso un altro ragazzo... presto hanno capito. Uno per uno ho premiato ognuno con il bacio migliore, più umido e più sfacciato che potevo raccogliere. Mi sentivo così caldo! Non avevo mai avuto così tante attenzioni contemporaneamente prima d'ora. Già solo questo era inebriante.

All'improvviso lei era lì! Pam. Oh-oh, dall'espressione sul suo viso potevo dire che non approvava. Mi teneva la camicetta. "Dai!" lei ha ordinato.

"No Pam, va bene." L'ho rassicurata "mi sto divertendo!"

"Andiamo adesso, prima che la situazione sfugga di mano!" chiese, lanciando sguardi arrabbiati ai ragazzi circostanti.

"NO!" sbottai, arrabbiato perché stava rovinando l'atmosfera. In segno di sfida mi misi entrambe le mani tra i capelli, le braccia su ciascun lato e girai e saltai un po' facendo rimbalzare il mio seno pieno esposto. Questo mi ha ricompensato con applausi e fischi. "Vedi, mi amano!"

"Prendo Bill," annunciò lanciandomi la camicetta. L'ho preso e l'ho tenuto davanti a me, coprendomi parzialmente il seno. Lei si voltò e si allontanò. La vedevo salire le scale. Lei si voltò e mi fece cenno di venire. Ancora con aria di sfida, ho attorcigliato la camicetta in una corda e me la sono fatta girare sopra la testa. Poi se n'è andata.

Mentre ballavo tenendo la camicetta attorcigliata sui capezzoli osservavo i passi. Presto vidi Bill scendere le scale. Non mi aveva ancora visto. Mi girai velocemente, infilandomi la camicetta. "Mio marito sta arrivando" ho spiegato "scusate ragazzi".

Ho sentito un paio di commenti in mezzo ai lamenti "È sposata?", "Ragazzo fortunato!", "Peccato!" Poi il mio compagno di ballo era lì, di fronte a me.

"Credo che questo sia tuo" mi porse il reggiseno.

"Conservalo, come promemoria" gli dissi avvicinandolo a me e baciandolo, a bocca aperta e pieno di passione. Poi, spingendolo via, ho cominciato a ballare.

Apparve Bill, avvicinandosi a me. Ho aspettato, cosa avrebbe detto, ero così arrabbiato con Pam!

"Pam dice che sei quaggiù rimbalzi troppo quando balli" la ammonì con calma.

Ho sentito un'ondata di sollievo. Non glielo aveva detto! Ma lei lo ha mandato giù. Dopo un po' di persuasione ho deciso che era meglio andare prima che uno dei ragazzi dicesse qualcosa.

Una volta saliti le scale, noi quattro ce ne stavamo in un angolo, da soli. Mentre parlavamo ho lanciato un'occhiataccia a Pam, lei ha semplicemente sorriso dolcemente. Ho bruciato! Poi mi sono lamentato di aver finito lo champagne: non avevo più niente da bere. Tom se ne andò per vedere cosa riusciva a trovare e un minuto dopo era di ritorno, con una bottiglia piena di birra in mano. Ora, a me non piace la birra, ma Tom me la stava dando ed ero determinata a vendicarmi di Pam. Così l'ho rovesciato indietro e ne ho bevuto metà, lasciandone colare un po' lungo la guancia sulla camicetta, bagnandola. I miei capezzoli si sono induriti quando ho visto gli occhi di Tom seguire il rivolo... i ragazzi adorano l'umidità ovunque sul corpo di una ragazza!

Bill intervenne: "Jackie, non hai nemmeno ringraziato Tom."

Quella era la mia occasione per vendicarmi un po' di Pam, era chiaro a tutti che ero ubriaco e quindi potevo farla franca.

"Oh mi dispiace!" esclamai lanciando uno sguardo di traverso a Pam "Grazie Tom!" Mentre dicevo questo, ho afferrato la parte posteriore della testa di Tom e ho avvicinato la sua bocca alla mia. L'ho baciato bagnato e a bocca aperta, mettendoci dentro tutto il desiderio che potevo raccogliere per tutto il tempo che ho osato. Le nostre lingue esploravano la bocca dell'altro. Mentre mi allontanavo vidi il desiderio puro negli occhi di Tom. SÌ!!! Vendetta!!!

Quando Tom si riprese, scherzò: "Cavolo, nessun problema. Ehi, ho un'intera valigia sul sedile posteriore dell'auto!" Ha enfatizzato il sedile posteriore e ho visto gli occhi di Pam brillare. La vendetta è dolce e anche piuttosto sexy! Non solo l'ho conquistata, ma ho anche potuto baciare il migliore amico di mio marito (qualcosa che avevo sempre desiderato fare) in modo bollente e pesante proprio di fronte ai nostri coniugi. C'era qualcosa di molto erotico in questo.

Pam mi ha chiesto di andare in bagno con lei, quindi siamo partiti. Appena siamo rimasti soli mi ha messo alle strette dicendo "Stai lontano da Tom sennò! Vai a fare quello che vuoi di sotto, non sei più mia responsabilità!"

"Hmmmm, non lo so" lo provocai "Mi sto divertendo un sacco quassù ed è stato il bacio più bello che ho avuto stasera! Quanta lingua!"

Lo sguardo che ricevetti mi disse che ero pericolosamente vicino a farmi cavare gli occhi. Ci siamo separati. Mentre vagavo per le scale pensavo di sorprendere Tom da solo e rubargli un altro bacio. Mentre ci pensavo, la mia figa si riscaldava con fluidi freschi e scivolosi. Forse potremmo infilarci in una di quelle camere da letto e... No! Ricorda Pam! Potrò essere ubriaco ma non ho tendenze suicide. Ho flirtato con un paio di ragazzi ma la musica dal piano di sotto continuava a chiamarmi. Alla fine ho ceduto alla tentazione e sono sceso.

Nella penombra scrutai la folla che lo cercava. Il DJ stava suonando una canzone veloce ed era piuttosto affollato. Poi lo vidi avvicinarsi a me, sorridendo.

"Non pensavo che saresti tornato" disse trascinandomi sulla pista da ballo.

"Probabilmente non avrei dovuto" riflettei "Quello che ho fatto prima, quello che hai visto... me che ballo. Non sono io." La musica cambiò in una danza lenta. "Sono ubriaco."

"Essere un po' ubriaco ti fa uscire fuori il vero te stesso," ribatté mentre stringeva il mio corpo contro il suo e iniziava a ballare un lento. "Penso che ti sia piaciuta tutta quell'attenzione, che vuoi che gli uomini ti guardino e ti vogliano."

"Sei arrabbiato con me?" chiesi, guardando i suoi morbidi occhi castani. Come potevo preoccuparmi così tanto per questo perfetto sconosciuto?

"Pazzo? Diavolo no! Lo trovo sexy - ti trovo incredibilmente sexy!" dichiarò unendo i nostri fianchi. Una mano premeva fermamente sulla curva della mia schiena mentre l'altra mi accarezzava dolcemente il seno attraverso la camicetta.

Mi sono sciolto di nuovo. Le sue labbra trovarono le mie e sentii il suo cazzo gonfiarsi tra di noi. Mentre ballavamo potevo sentire dei succhi che mi scorrevano lungo le cosce. Farei qualunque cosa mi chiedesse... qualunque cosa.

"Rifaranno quella cosa dei 60 secondi?"

"Oh sì. Arriverà da un momento all'altro", ha detto.

"Bene" sussurrai mentre accoccolavo la mia faccia contro il suo collo. Abbiamo continuato la nostra danza lenta sulla pista finché il DJ non ha dichiarato "60 secondi" e le luci si sono spente. Il mio cuore accelerò prima ancora che si muovesse. Poi ha afferrato il fondo della mia camicetta e me l'ha tolta di nuovo. Mi sono arreso volontariamente a lui, le sue labbra si sono spostate lungo il mio collo e sul mio seno nudo, la sua bocca aperta mi ha coperto l'intero capezzolo. Era così sexy! La sua lingua tormentava il mio capezzolo sensibile.

Poi mi baciò di nuovo la bocca. Mentre una mano teneva la curva della mia schiena, l'altra mi accarezzava il seno. "Sbottonatemi i jeans" sussurrò.

Con entusiasmo ho obbedito. Armeggiai un po'... mi tremavano le mani. Ero nervoso. Alla fine la chiusura si staccò.

"Abbassa la cerniera" incalzò. È venuto giù facilmente. Senza ulteriori indicazioni, le mie mani si infilarono nei suoi jeans, trovarono i suoi slip e li abbassai. Sono stato ricompensato quando la sua asta gonfia mi ha riempito le mani. Mentre afferravo la viscida verga un gemito di piacere uscì dalle sue labbra. Questo mi ha incoraggiato e ho fatto scivolare la mano su e giù per la sua asta. Lui rispose con altri gemiti.

"30 secondi"

Ho accarezzato la sua asta ancora e ancora. Che eccitazione! Poi le sue mani mi tirarono su la gonna e presto mi arrivò attorno ai fianchi. Si liberò dalle mie mani e spinse la sua asta contro le mie mutandine. Ha trovato la strada verso il basso fino all'interno scivoloso delle mie cosce, appena sotto le mie mutandine.

Con un gemito fece scivolare la sua asta tra le mie cosce bagnate. Potevo sentire la sua asta correre lungo le labbra della mia figa con solo il fragile materiale delle mutandine in mezzo. Ho appoggiato i miei fianchi contro di lui. Ancora e ancora quell'asta scivolò tra le mie cosce bagnate.

"15 secondi"

"Questi devono andare" sussurrò affamato, le sue dita afferrarono saldamente il pannello anteriore delle mie mutandine tirandolo di lato. La sua spinta successiva scivolò tra il tessuto delle mie mutandine e le labbra della mia figa. L'intera asta scivolò lungo le mie labbra gonfie e umide, non entrandomi ma completamente tra le mie labbra.

"Uggggghh" gemetti. Ero così eccitato. Poi ha tirato indietro lentamente i fianchi facendo scorrere l'asta lungo tutta la mia zona pubica. "Portami!" Io ho supplicato. In modo stuzzicante fece scivolare il suo cazzo lungo le mie labbra, ma non entrò. Mi stava facendo impazzire!

"5 secondi"

Con un'ultima spinta sensuale si liberò, rimettendosi nei jeans. "Nooooo" supplicai piano, disperatamente.

"Dai, balliamo" sorrise "tirandomi a sé mentre le luci cominciavano ad accendersi. Ancora una volta mi sciolsi tra le sue braccia, in topless.

"Va bene, quello che vuoi" sussurrai.

"Nulla?"

"Nulla!" Ho risposto con entusiasmo.

"Quando la musica veloce ricomincia a ballare per noi!"

Lo guardai negli occhi "Ti piaceva davvero che ballassi in topless?"

"Come ti ho detto, lo trovo sexy e ti trovo incredibilmente sexy!" ha confermato. "Quando balli e tutti i ragazzi ti vogliono, ti voglio di più! Quando li baci, vedo rosso di desiderio!"

La musica cambiò di nuovo da lenta a veloce. Era stata una vera svolta e questa volta non ci sarebbe stato nessuno a fermarmi. Ho pensato a quegli occhi affamati che mi guardavano e la mia figa gonfia si è gonfiata ancora di più. Ho fatto un passo indietro, un braccio sulle mie tette e l'altro su e fuori di lato, la mano tra i capelli mentre iniziavo a girare. In pochi secondi ho avuto la cerchia di ragazzi che mi ammiravano. Ho ballato verso un ragazzo impaziente, mi sono chinato in avanti e l'ho baciato a bocca aperta e bagnato... Oh, che emozione baciare uno sconosciuto! - Sono così cattivo!!! Baciai un'altra lingua e tutto il resto e passai alla terza. Il terzo ragazzo ha aspettato finché le nostre labbra non si sono incrociate e all'improvviso mi ha afferrato la vita con entrambe le mani tirandomi forte contro di lui, continuando a baciarmi.

Era fantastico essere maltrattati! Invece di liberarmi, gli avvolsi entrambe le braccia attorno al collo e lo baciai ancora di più. Le sue mani si fecero strada verso l'alto e afferrarono i miei seni nudi dai lati. Lentamente, deliberatamente, mi allontanai, tenendo entrambe le mani sulle sue spalle. Mentre mi liberavo, il suo sguardo si abbassò ammirando le mie tette esposte. Ci sono stati fischi da parte dei ragazzi intorno a noi. Senza preavviso mi sono girata, mettendomi entrambe le mani tra i capelli, mentre rimbalzavo sul pavimento, lasciando che le mie tette ridacchiassero e rimbalzassero affinché tutti potessero vederle. Poi, solo un attimo dopo, ho messo le mani sulle mie tette, afferrandole e coprendole. Stavo di fronte a un altro ragazzo, ballando e contorcendomi, caldo e sexy, sentendomi fuori controllo e adorandolo!

"Slacciami la gonna!" Gliel'ho ordinato. Sembrava sorpreso. "Vai avanti, svita la chiusura laterale!" Mentre ballavo davanti a lui, ha tirato il bottone finché non si è liberato e la mia gonna è caduta a terra. Ora stavo girando davanti a lui con niente addosso tranne le mutandine. Il flash di una macchina fotografica si spostò di lato, lo ignorai.

"Vuoi toccare?" ho offerto, con la voce roca di desiderio. Lui annuì con entusiasmo. "Vai avanti... non essere timido. Basta, non muovere nulla" lo incoraggiai. La sua mano si allungò e toccò il mio seno, appena sopra il punto in cui la mia mano lo copriva e lentamente fece scivolare le sue dita su e giù tra i miei seni. Ciò ha suscitato applausi da parte degli altri. Incoraggiato, fece scivolare la mano lungo la mia pancia e lentamente avvicinò le mie mutandine alla zona tra le mie cosce. Spostai i piedi, allargando le gambe. Ha colto l'occasione, facendo scorrere la mano lungo il bordo delle mie mutandine che le labbra della mia fica stavano bagnando.

Inclinai la testa all'indietro e gemetti. Ci furono altri fischi da parte dei ragazzi. Poi ho girato su un tallone e ho ballato attraverso lo spazio aperto, con i miei due palmi a coppa sulle mie tette nude mentre saltellavo. Potevo vedere i loro occhi che mi divoravano. Le mie orecchie erano piene di un rumore ruggente e la stanza girava un po'. Mi sentivo così sexy, così completamente eccitata e sexy... volevo di più!

Ho scelto un altro ragazzo dall'aspetto impaziente, fermandomi solo un paio di piedi davanti a lui, e ho iniziato una danza vorticosa e sexy. Mentre ballavo allargavo le dita lasciando fuoriuscire i capezzoli. Sorrise e fischiò. Sentire una scarica di adrenalina per essere stato così brutto, mi ha spronato. Lentamente ho fatto scivolare le mani dal seno alla pancia, torcendo in modo sexy le mie tette nude che rimbalzavano davanti a lui. C'era un altro flash della fotocamera.

"Vuoi toccare?" Ho chiesto. Senza esitazione allungò la mano e mi prese il seno tra le mani. Oh, quanto mi sentivo erotico, uno sconosciuto che mi accarezzava le tette nude mentre ballavo quasi nuda di fronte a una folla di uomini arrapati! Volevo di più! Mi sono avvicinato a lui e l'ho baciato appassionatamente, le sue mani continuavano ad accarezzarmi il seno premuto tra di noi. "Potrei scoparlo proprio qui davanti a tutti!" Ho pensato affamato. Poi ho afferrato le sue mani tirandole fuori e mi sono girata sul posto finendo con la schiena premuta contro di lui e le sue mani a coppa sui miei seni mentre affrontavo il resto dei ragazzi.

"Ora devi decidere cosa vedono i ragazzi," sussurrai mentre appoggiavo la testa vicino alla sua guancia. Prendendolo come spunto, iniziò a far scivolare lentamente le mani indietro esponendo sempre di più il mio seno. Ciò ha suscitato applausi e fischi da parte del pubblico. Continuò a farli scorrere finché le sue mani non si afferrarono a coppa dal basso, sostenendo il mio seno ma non nascondendo nulla. Non ho mai smesso di volteggiare. Le mie orecchie risuonavano di desiderio e ora la stanza girava. Se non mi avesse tenuto sarei caduto... Oh, ero così caldo ed arrapato!

"Mostragli di più!" Ho esortato. Le sue mani scivolarono verso il basso trovando le mie mutandine, e ne fece scivolare una dentro il davanti. Altri fischi e applausi si mescolarono al ruggito nelle mie orecchie mentre sentivo le sue dita scivolare nella mia figa bagnata.

Gemendo, chiusi gli occhi, inarcando la schiena e intrecciando le mie due mani tra i capelli della sua testa. Ho sentito un nuovo paio di mani sulle mie tette mentre mi accarezzava la figa! Quando ho aperto gli occhi ho visto altri 2 ragazzi mentre entrambi mi accarezzavano il seno nudo. Ho sentito più mani abbassarmi le mutandine e palparmi l'interno delle cosce. Un altro flash della fotocamera.

Solo il desiderio mi ruggiva nelle orecchie, la vista mi si offuscò un po' e chiusi gli occhi, arrendendomi alla fame. Mi sentivo così eccitato. Sapevo solo che volevo essere preso, sentire un cazzo riempirmi la figa pulsante. Con impazienza gemetti "Sìììì". Niente contava, solo che i miei bisogni sarebbero stati soddisfatti.

Poi ho sentito un paio di mani sollevarmi, trascinandomi via dall'estasi. "Noooo" ho implorato. Una porta si aprì e poi fui lasciato cadere all'indietro su un letto. Un forte corpo nudo si arrampicò su di me. Quando le sue labbra incontrarono le mie, nella luce sempre più debole potei vedere che era il mio compagno di ballo. "Sì!" Ho sussurrato. Desideravo essere riempito con quell'enorme asta! Lo afferrai per il sedere tirandolo con forza contro di me. Nell'oscurità la sua asta ha colpito il segno e mi ha penetrato profondamente. Gemendo e gemendo selvaggiamente mi girai sotto di lui mentre spingeva ancora e ancora. È stato incredibile! Era così bello sentire i suoi fianchi toccare i miei.

Poi ha ansimato e il suo corpo si è irrigidito e ho sentito lo sperma caldo riempirmi, uno spruzzo dopo l'altro. Mi sentivo così bene, al di là di qualsiasi sesso avessi mai fatto. Volevo venire, avevo bisogno di venire!

Poi ha iniziato a liberarsi "No" ho supplicato "Voglio di più!"

"Sei sicuro?" disse la sua voce sicura.

"Sì" gemetti "Moooooooore"

Poi ho sentito un paio di mani scivolare sul mio seno da destra e un altro paio da sinistra. Le sue mani erano ancora sui miei fianchi! Ce n'erano altri nella stanza! Erano rimasti a guardare per tutto il tempo? Un'ondata di passione erotica mi travolse... 'Ci guardavano fare sesso. Mi volevano, come quando ballavo!' Ho pensato. Una nuova ondata erotica mi riempì la figa.

"Ne vuoi ancora?" chiese.

"Oh si!" Ho gemito "Ancora!!!!"

Tre paia di mani mi hanno accarezzato, correndo sul seno, sulla pancia, sulle cosce e sulla figa. Rimasi sdraiato sul letto contorcendomi e gemendo di incredibile piacere, mentre il suo sperma usciva dalla mia figa e veniva fatto scivolare lungo le mie cosce da dita di uomini che non conoscevo nemmeno.

Un paio di mani mi allargano le gambe e un viso preme nella mia figa, la lingua trova il mio clitoride. Venivo tirato un po' di lato finché la mia testa non pendeva dal bordo del letto. All'improvviso un cazzo bagnato e scivoloso mi sfiorò le labbra. Con entusiasmo ho aperto la bocca accettandolo, sentendolo scivolare in profondità nella mia bocca e nella gola. Tutto il tempo palpitante!

La terza serie di labbra trovò i miei seni e cominciò a succhiarli. Paradiso!!!! Ero in sovraccarico di sensazioni! Poi quello che mi baciava la figa si è arrampicato e si è infilato in profondità nella mia figa già piena di sperma. Una spinta dopo l'altra mi faceva impazzire... ero sull'orlo dell'orgasmo ma non riuscivo a farcela. Poi la sua asta ebbe uno spasmo e altro sperma caldo schizzò dentro di me. Quella fantastica sensazione mi ha fatto succhiare il terzo cazzo ancora più forte! All'improvviso gemette e tirò fuori parzialmente la sua asta dalla mia bocca, lasciandomi solo la testa. Spruzzi caldi di sperma mi hanno riempito la bocca fino a traboccare. Lo sperma mi scorreva lungo le guance.

Ho sentito una quarta serie di mani spingere da parte il ragazzo tra le mie gambe e una quarta asta dura penetrare nel mio corpo. Ho raggiunto il picco! La mia figa ebbe uno spasmo e poi venne e sentii i miei muscoli stringere quel cazzo duro come un pugno. La mia schiena si inarcò e gemetti in modo incontrollabile. Con un paio di spinte attraverso la mia figa spasimante è venuto anche lui, e altro sperma caldo si è riversato nella mia figa già traboccante.

Completamente esausto, tutto ciò che potevo fare era tornare di sopra e poi ho avuto bisogno dell'aiuto di mio marito inconsapevole per tornare alla macchina. Non si sarebbe reso conto che il fantastico sesso che avrebbe avuto nei mesi successivi sarebbe stato dovuto al fatto che avevo fantasticato di essere presa da quei quattro sconosciuti mentre noi due facevamo l'amore.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

SOVRANITÀ 19

Merlin aveva un piano, un piano che gli aveva dato il suo Barlume. Guardando Hopix sapeva che era pericoloso, il temperamento di Hopix era quasi leggendario. Merlin sorrise quando ricordò la prima volta che Glimmer aveva perso la pazienza con lui, dannazione, ma quella non era stata una bella giornata questo era sicuro. Sospirando, prima Alan ha dovuto sconfiggere gli ultimi tre. Merlino sapeva che gli ultimi due semplici maghi non sarebbero stati un problema, ma questo campione era un'altra questione tutti insieme. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per aiutare Alan. Schioccando le dita Merlino si concentrò e creò una...

808 I più visti

Likes 0

La famiglia dopo la festa

Ogni anno la mia famiglia si riunisce per una riunione del fine settimana. Lisa e io avevamo un sacco di attrezzatura da campeggio. Abbiamo portato i ragazzi in campeggio diverse volte durante l'estate nei fine settimana mentre crescevano. Piantammo le nostre tende nel campo di mio nonno abbastanza lontano da casa da poterci divertire un po' dopo l'ora. Provenienti da una famiglia numerosa, molti di noi fumano sigarette e altre cose, oltre a bere. Come nostra pratica, Lisa ed io avevamo una grande tenda a cabina dell'era della guerra civile che abbiamo assemblato in poco tempo. Abbiamo vissuto vicino alla sua...

1.3K I più visti

Likes 0

Revolutionary Magic # 102: venduto a cinque

Dall'anno -12 all'anno 4 Il mio nome è Nessa. Oggi ho finito di scrivere in anticipo. Voglio scrivere di più così parlerò -a voi che venite dopo- di me. Non ricordo dove sono nato o come si chiamava la mia famiglia e sono l'unica Nessa in circolazione, quindi non ho mai avuto bisogno di un soprannome. La mia famiglia era composta da servi. Il fratello maggiore era più vecchio di me. Penso che fosse sposato. La sorella era più grande di me ma molto più giovane del fratello maggiore. Il fratello era più giovane di me e la mamma era incinta...

980 I più visti

Likes 0

La famiglia Margey - Libro 6

Margey Famiglia Libro 6 Temi: ws, light scat, mast, lez Leggi le altre storie della serie (Libri 1-5) per scoprire il contesto completo, altrimenti alcune di esse non avranno alcun senso. Avvertenza: gli eventi e i personaggi di questa storia sono immaginari. Se provi a duplicarli nella vita reale, finirai per condividere una cella di prigione con un uomo grosso e grasso chiamato Bubba. 1) COLLEEN DEL MALI 2) ETTY VA IN TANGENTE 2) SALLY E MARY VANNO IN TRIGONOMETRIA 4) PASTO DI TRE PORTATE 5) MARGEY OTTIENE UN PO' DI CINESE 6) LA PROPOSTA DI CHRIS 7) IL TRUCCO DELL'Ombelico...

463 I più visti

Likes 0

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

Aprile (lungo)

April è una giovane donna di successo. I soldi non gli mancano e, a tutti gli effetti, è acceso e intonato. Ma ha un lato oscuro, un abbandono sconsiderato che minaccia di rovinarle la salute e la vita. Prima o poi, April si ritroverà in una situazione che si rivelerà un passo troppo lontano... oppure verrà salvata da se stessa esattamente dalla stessa situazione ma con un risultato molto migliore. Aprile. Capitolo primo. Il suo primo pensiero cosciente è stato che sono sveglio. Non aveva ancora aperto gli occhi, ma era consapevole dei suoni e del fatto che aveva freddo. Il...

672 I più visti

Likes 0

Tocco di bisogno

Un tocco di bisogno La ragazza era sdraiata sul letto di fronte al muro. Guardando le ombre che giocano attraverso il muro. Stava pensando di nuovo a lui. Era lui che la rendeva sempre così calda nel cuore della notte svegliandola con dolci baci sulla gola. Ma era tutto un sogno. Voleva quel tocco. Voleva il tocco dell'uomo che ama. Ogni volta che si svegliava con i morbidi baci alla gola, sentiva il calore che le si arricciava nello stomaco. Non sapeva cosa fare. Sentiva sempre l'umidità tra le sue gambe accumularsi lì desiderando il rilascio che sapeva che lui sarebbe...

1.9K I più visti

Likes 0

Indovino... prima parte

Mi chiamo Passion, non è il mio vero nome, ma andrà bene per questa storia. Circa tre anni fa stavo viaggiando in Nord America, vicino al confine americano-canadese, dove è stato trovato un piccolo motel. Solo uno di questi piccoli posti pittoreschi trovati fuori dall'autostrada; che è in alto tra le montagne boscose, con un negozio, una tavola calda e alcune stanze. Con questo essere in ritardo nella bassa stagione dei viaggi e nevicare come una tempesta! Questa è stata la prima volta che ho visto o addirittura toccato la neve in vita mia! Sono rimasto bloccato lì al motel per...

815 I più visti

Likes 0

La famiglia di Conor in pericolo! Episodio 1

Buona lettura ! Non esitate a farmi sapere la vostra opinione nei commenti. ---------‐---------------- Nella tranquilla vita di quartiere la famiglia Conor è composta da John il padre di 40 anni, Amanda la madre di 34 anni, Samuel il figlio di 17 anni, il padre John è spesso in viaggio per lavoro lasciando la moglie e il figlio soli nei giorni feriali. Samuel si sveglia nel suo letto spegnendo la sveglia che segna le 7:05, l'ora abituale in cui si sveglia per andare a scuola. Si guarda allo specchio nella sua camera da letto, è nudo, è abituato a dormire così...

746 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.