Anya combatte il martello

1.6KReport
Anya combatte il martello

Parte 4 Anya combatte il martello


Intorpidita ed esausta, Anya sentì qualcosa di morbido sfiorarle il naso, alzando la mano e lo allontanò, solo per vederlo tornare pochi secondi dopo. Borbottando incoerentemente, rotolò via e colpì un muro, alzando una mano e sentì il muro. Beh, era difficile, ma c'era una strana consistenza morbida su di esso, come se stesse spingendo in un corpo. Sorridendo ai suoi stupidi pensieri Anya vi appoggiò la mano e si rannicchiò più vicino, solo per sentire una risata estremamente umana provenire dal muro.

"whaa" mormorò Anya mentre costringeva i suoi occhi ad aprirsi su un viso sconosciuto, ma riconobbe immediatamente la bocca mentre i ricordi del giorno precedente tornavano indietro.
"Thor" balbettò Anya, sedendosi leggermente e si guardò intorno. Per quanto riguarda i posti dove nascondere una persona riluttante, non era poi così male. Erano su un enorme letto a baldacchino con lenzuola marrone scuro e una ricca copertina nera. Là dove c'erano librerie vicino a un'enorme finestra che senza dubbio aveva una vista incredibile, nel complesso la stanza le ricordava uno studio vecchio stile, solo che questa aveva uno specchio molto rivelatore sopra il letto.

"Ti piace la mia camera?" chiese il gigante nudo accanto a lei, "che cosa stava facendo nudo". Forzando i suoi occhi di nuovo al "Martello" si rese conto che era molto nudo, guardando in basso si rese conto che era ugualmente nuda.

"Ah..." strillando Anya si tirò le coperte fino al collo e si aggiustò gli occhiali per assicurarsi che vedesse bene Thor. 'Buon Dio, era un dio del pozzo.' Pensò Anya con un sorrisetto per la coincidenza considerando che il suo nome era Thor.
I capelli color platino naturale appesi alle spalle con due trecce infilate di nero su entrambi i lati degli occhi gli incorniciavano perfettamente il viso. Fronte ampia, naso lungo con una leggera protuberanza dove era stato ovviamente rotto, labbra fatte per torturare le ragazze e zigomi alti completavano i suoi lineamenti da dio. Anya poteva dire a James ea lui dove erano imparentati, a parte i capelli che sembravano quasi uguali, punti per James che non aveva mai notato quanto fosse bello finché non aveva visto il suo cugino simile. Oh Dio dov'era James, se l'avesse lasciata o venduta, bastardo era morto. Stava per dare in pasto le sue palle a un leone mentre lui guardava, quindi avrebbe...

"Smetti di pensare" ringhiò Thor mentre le metteva un dito sulla fronte, interrompendo istantaneamente i suoi pensieri su James.

"Chi diavolo credi di essere? Tu non mi conosci" le rivolse uno sguardo condiscendente e appuntito "Ok, mettere il tuo cazzo dentro di me non fa una relazione. Ok, quindi stai indietro e scendi, devo sterilizzare tuo cugino, sii solo grato che non te lo farò. Avrei bisogno di una fottuta motosega per farlo” borbottò Anya, Thor non si mosse anche se sembrava solo divertito.

"Scusa piccola" Thor ha raggiunto sotto le coperte dove si nascondeva e le ha posato una mano sullo stomaco in modo possessivo. “Ma James ti ha dato a me; deve elaborare qualcosa prima di unirsi a noi".

"Oh diavolo no" ha dichiarato Anya scioccata, prima James le spezza il cuore e ora ha intenzione di... tenerla per darla via a suo piacimento? In nessun modo all'inferno. Senza sosta Anya portò il palmo della mano nel naso di Thor e udì uno scricchiolio soddisfacente seguito da un ruggito di rabbia. Spingendolo via, si diresse alla follia verso la porta, senza nemmeno preoccuparsi se l'intero vicinato pensava che fosse una pazza quando iniziò a urlare stupro mentre correva nuda per la strada. Ma non c'era niente che potesse fare per la parte nuda, considerando le circostanze. Purtroppo non aveva contato sulla corda legata intorno alla caviglia, come cazzo non se ne era accorta.
Strillando di frustrazione mentre atterrava sullo stomaco e sui seni, bloccando il dolore Anya si tirò su e iniziò a fare i nodi. Troppo tardi, però, Thor si era rapidamente ripreso e sembrava un pazzo body builder con un serio rancore. Cavolo, tutto quello che ha fatto è stato fargli sanguinare il naso.

"Oh merda" sussurrò Anya, Thor sorprendentemente non si precipitò su di lei come avrebbe pensato lui. Ha iniziato a ridere come un diavolo demoniaco mandato a torturarla, doppia merda.

“Oh piccola, è stato stupido. Ora faremo un gioco, si chiama corri e prendi.' Camminando verso di lei rapidamente, le afferrò gli occhiali del viso prima che potesse anche solo tornare indietro, merda era veloce per un ragazzo così alto. Tirando disperatamente la corda Anya la sentì allentarsi improvvisamente, rendendosi conto che l'aveva tagliata Anya guardò dubbiosa nella direzione generale in cui pensava che fosse. Poi capì cosa intendeva per corri e prendi, stava per...

“Ah adoro vedere quello sguardo sul tuo viso Piccola, è come un cervo catturato dai fari, uno che si rende conto di essere intrappolato. Immagino che tu abbia giocato a un gioco simile a questo, quindi non mi preoccuperò di spiegare... hai un minuto e il conteggio" ringhiò Thor.

Il panico riempì all'istante Anya, diverso da qualsiasi altro avesse mai provato. Era davvero terrorizzata e considerava l'idea di arrampicarsi su una palla e implorare pietà, ma sapeva che non avrebbe funzionato con questo ragazzo, lo avrebbe solo reso più arrabbiato.

Quindi è rimasta un'opzione ... nascondi. Strisciando il più velocemente possibile Anya andò a sbattere contro la porta prima di trovare la maniglia e si tirò su, appoggiandosi con la mano sul muro, corse praticamente lungo il corridoio fortunatamente vuoto. Per tutto il tempo poteva sentire Thor che contava.

"Quaranta, trentanove, trentotto."
In preda al panico Anya inciampò nei suoi stessi piedi e atterrò sulle ginocchia, sapeva che stavano sanguinando ma quello era l'ultimo dei suoi problemi.

"Trentacinque, trentaquattro, trentatré."
Aprendo una porta a caso Anya corse dentro e il più silenziosamente possibile chiudendo la porta, respirando profondamente, si allungò disperatamente intorno.

"Ventitre, ventidue, ventuno."
Sì, un guardaroba, non molto, ma era il meglio che poteva fare mentre era praticamente cieca e con un timer. Strisciando dentro Anya si ritrovò a pregare che fosse un guardaroba magico che l'avrebbe portata in un bel posto chiamato Narnia, senza tanta fortuna. Rassegnata al guardaroba non magico, Anya ha trovato facilmente un angolo e vi si è rannicchiata con i vestiti tutt'intorno.

“Tre, due, uno, pronto o non sento vengo”
Portandosi una mano sulla bocca per fermare l'urlo di terrore che era quasi sfuggito, Anya si nascose sempre più a fondo nei vestiti, come un coniglio che si nasconde da un cane da caccia. Nelle vicinanze poteva sentire i forti passi martellanti di Thor lungo il corridoio, e nel suo terrore iniziò a recitare citazioni di filastrocche nella sua testa.
"Fie fie foe fum" le risuonava ancora e ancora nella testa come una specie di disco rotto demente, stava impazzendo. Scuotendo la testa Anya costrinse il suo corpo a non muovere un muscolo quando sentì la porta della sua stanza aprirsi cigolando, santo cielo questo ragazzo era terrificante e lo sapeva.

“So che sei qui piccola, ho seguito la scia di sangue. Se sei caduto, dovresti probabilmente farlo dare un'occhiata, James e io saremmo arrabbiati se ti rompessi" ringhiò Thor.

Il bastardo la tratta come un giocattolo con cui giocare, la furia ha vinto brevemente il terrore. Prima di iniziare a picchiettare sulle pareti dell'armadio, sapendo che lui sapeva che lei era lì dentro, Anya emise un lamento.

"Sarebbe stato molto più facile se non mi avessi colpito, vieni fuori ora e ti prometto che ti farà solo un po' male quando entrerò in te." Disse Thor mentre le sue dita tamburellavano sulla parete dell'armadio.

Troppo spaventata per muoversi Anya cercò di forzare le sue braccia ad aprirsi, ma era congelata. Con un ringhio dall'esterno del suo rifugio, la porta fu squarciata. Anya vide un breve lampo di quello che doveva essere un braccio, prima di essere strappata brutalmente dal suo nascondiglio per i capelli.
Gridando, le membra ora non congelate di Anya iniziarono a ribellarsi contro il suo enorme corpo, con tutta la sua forza che spinse, prese a calci e combatté. Ma senza un lieto fine, Thor ha semplicemente spazzato via i suoi attacchi e ha continuato a tirarla via dall'armadio. Combattendo come un puma in trappola, Anya ha urlato quando è stata spinta con forza contro un muro. Anya stordita era sorretta solo da una mano forte avvolta intorno alla sua spalla e parte del suo collo, un corpo duro si spinse contro il suo.

"Per favore... per favore non farlo" sussurrò Anya contro la spalla di Thor, completamente sconfitta e indifesa.

"Hai portato questo su te stesso, ma ti prometto di andarci piano se fai una cosa". Sentì le dita sfiorarle dolcemente le labbra, "succhiami il cazzo tra quelle dolci labbra".

Stordita Anya non riusciva a credere a quello che stava succedendo, una mano le spinse sulle spalle e lei finì all'altezza del suo enorme cazzo. Deglutendo profondamente, avvolse leggermente la mano attorno alla base, "e ora" però Anya. Come se le leggesse nel pensiero, o percependo la sua inesperienza, Thor la spinse indietro un po' prima di piegarsi sulle ginocchia.

“Avvolgi le dita intorno alla base e quelle labbra intorno alla testa. Il resto lo raccoglierai man mano che procedi".
Stringendo le dita, Anya sentì Thor gemere. Un po' più sicura di sé, si mise la testa tra le labbra e lentamente vi fece scivolare sopra la lingua. C'era un posto che lo faceva gemere più forte, così lei lo usò a suo vantaggio e lo leccò ancora e ancora, ma presto lui ne volle di più. Una mano sorprendentemente gentile le afferrò la nuca e le abbassò la bocca attorno al suo cazzo, finché non ebbe metà della sua lunghezza impossibile all'interno della sua bocca.

"Ok, vediamo quanto riesci a sopportare" ringhiò Thor, sentì una mano scivolarle lungo la schiena prima che due enormi dita si tuffassero nella sua figa. Gridando per lo shock, Thor usò la sua sorpresa a suo vantaggio e spinse i fianchi in alto e le abbassò la testa. Anya quasi vomitò mentre ogni centimetro di lui scompariva nella sua gola.

"Santo... dio" gemette Thor. Stringendo la mano, le costrinse la testa su e giù su ogni centimetro del suo cazzo, mentre spingeva le dita dentro e fuori dalla sua figa rapidamente umida mentre girava e toccava leggermente il suo clitoride sensibile.

Il piagnucolone Anya riuscì a tenerlo in bocca per un altro minuto prima che l'aria diventasse un problema, quando iniziò a dibattersi come una pazza, Thor la lasciò andare. Tossendo e ansimando nell'aria Anya si accorse appena quando Thor l'afferrò per le braccia e la sollevò contro il muro.
"Metti le gambe intorno alla mia vita" esclamò Thor, senza pensare che Anya obbedì. Il suo cazzo istantaneamente sfiorò la sua figa molto bagnata, entrambi gemettero. Guardandolo negli occhi Anya sollevò i fianchi e abbassò la figa sul suo cazzo, gemendo dolcemente lo sentì aprire le labbra. Lentamente affondò sul suo cazzo, finché non fu a metà.

"Altro" ringhiò Thor, in quel momento si rese conto di quanto ne avesse bisogno. Era nel tremare delle sue membra e nello sguardo quasi supplichevole nei suoi occhi, godendosi il suo potere Anya sprofondò completamente sulla sua lunghezza. Urlando lo sentì andare più in profondità di chiunque altro, le pareti della sua fica che si contraevano su di lui come una morsa di velluto fatta apposta per lui. Thor sembrava ugualmente intrappolato da quella sensazione, il suo viso un misto di devozione ed estasi.

"Nessuno ha mai... oh dio Angel Anya" gemette Thor, assumendo il controllo di ogni loro azione. Prendendole il culo rudemente tra le mani, la spinse completamente contro il muro, strillando lei lo sentì tirare fuori e sbattere indietro come un uomo posseduto dai demoni.
Ancora e ancora la picchiava senza riserve ma con molta cura per lei, la trattava come un dono. Impedendole di farsi dei lividi proteggendole il corpo con le sue enormi mani, mentre alternativamente sbatteva i suoi fianchi contro i suoi in modo che il suo clitoride si strofinasse contro di lui.

“Ah, ahhhh” gemette Anya, la testa che sbatteva contro il muro duro.
Spingendola un po' su Thor la appoggiò al suo avambraccio, afferrandole la mascella con le mani e la tenne ferma mentre la sua bocca si abbassava sulla sua. Urlando di frustrazione per il suo movimento incerto, Anya gli affondò le dita nel culo, le sue unghie si fecero profonde.
Ruggendo di dolore e piacere, Thor sbatté la bocca sulla sua, tenendola ferma e le aggredì la bocca mentre la picchiava con il suo cazzo.
Intrecciando la sua lingua intorno alla sua lei lo baciò con la stessa febbre che lui la baciava, sempre più forte si spinse dentro di lei fino a quando lei sentì che tutto si accumulava dentro di lei. Aprendo la bocca Anya urlò mentre veniva ancora e ancora sul suo cazzo, quasi istantaneamente lo sentì venire dentro di lei. Scatti caldi che l'hanno mandata in un altro mondo, o almeno così sentiva che tale era il suo piacere. Pochi minuti dopo Anya sentì che Thor finalmente smetteva di avere le convulsioni, stupita dalla sua virilità che poteva solo restare mollemente sospesa tra le sue forti braccia.

"Bene, bene" la voce di James arrivò nelle orecchie di Anya da sopra la spalla di Thor. "Che ne dici cugino?"

La curiosa Anya guardò in faccia Thor, che la guardò altrettanto intensamente. Chinandosi la baciò leggermente sulle labbra, tirandosi indietro altrettanto velocemente con cui sorrise. Immediatamente le difese di Anya si alzarono, "cosa intendeva James con la sua domanda".

“Sai già la risposta a quel James, lei è nostra. Per sempre” Sorridendo crudelmente con tutte le tracce della precedente gentilezza sparite, Thor abbassò lentamente i piedi a terra.
Allontanandosi da lei Thor uscì rapidamente seguito da James, la porta si chiuse alle loro spalle. Anya sentì l'inconfondibile rumore di una serratura e si rese conto che l'avevano chiusa in quella stanza, lasciandola sola, nuda e completamente indifesa contro la loro forza e capacità di sedurre una ragazza cieca.

Storie simili

...

203 I più visti

Likes 0

Pantaloni del pigiama a pois

Ciao! Questa è la mia prima storia, spero vi piaccia e apprezzo sinceramente qualsiasi feedback, commento, domanda, opinione, richiesta, ecc... la mia unica umile richiesta è che lo facciate con rispetto. Posso continuare questa storia se alla gente piace. Grazie per aver letto, divertiti! _____________________________________________________________________________________ Il suo appartamento odorava di ammorbidente, incenso Om Nagchampa e cannabis dolce. Le porte del balcone erano tutte aperte e il calore della sua ansia filtrava costantemente nel freddo tropicale della notte di gennaio. Indossava meno del solito, questa era la prima volta che vedeva le sue gambe lunghe e tornite. I suoi occhi percorsero la...

1K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

957 I più visti

Likes 0

Giada Parte 1 - Il bordo dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano spinto la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici ridacchiavano al mio inseguimento si erano trasformati in raggi intensi che colpivano il mio corpo da sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche quelli più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si abbinavano al mio petto da...

540 I più visti

Likes 0

Lussuria nello spazio S1E4: Derivium ritrovato

Maurine era emozionata. Aveva scoperto che non solo la nave aveva già scansionato il Derivium di cui avevano bisogno per alimentare i motori, ma c'era anche un'unità di estrazione modulare dispiegabile (MDE) nella stiva. Tutto quello che doveva fare era cercare nei registri i dati di scansione e sarebbe stata a posto. Si sentiva un po' in colpa per il fatto che il compito dei ragazzi e di Judy fosse così difficile. ********************** Wow, Don. È così difficile. Judy pompò le mani lungo la sua asta prima di infilargli la testa in bocca e farla roteare attorno con la lingua. Cazzo...

505 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

457 I più visti

Likes 0

Il giocattolo del sesso dell'ermafrodita - Capitolo 1

Era mezzanotte e non avevo ancora trovato la preda per la notte. Ringhiai mentre le mie lunghe unghie rosso sangue affondavano nel volante del minivan nero su cui sedevo al momento, mentre la frustrazione ribolliva dentro di me implorando solo di essere rilasciata su qualche innocente spettatore. Proprio mentre stavo per abbandonare la mia caccia, un lampo di biondo mi ha ostruito la vista, facendomi girare la testa di lato per vedere una bellezza bionda con una struttura un po' minuta e tette generose che camminava da sola, guardando il suo telefono con lei auricolari. Potevo quasi ridere e scuotere la...

489 I più visti

Likes 0

ISTRUZIONE UNIVERSITARIA

Ho appena trovato questo sito l'altro giorno e finora lo adoro. Vorrei raccontarti della mia prima volta con un uomo sul sesso tra uomini, ma prima voglio parlarti di me e di come sono arrivata al punto di fare sesso con un uomo. Sono un uomo di 53 anni divorziato da 30 anni. Vivo in una città che ha un'università statale e possiedo un'azienda di autotrasporti. ma è successo tutto quando avevo 30 anni. Ero a Los Angeles per scaricare il mio camion e mentre lo scaricavano stavo pranzando dal carro del pranzo, dopo aver mangiato stavo frugando nella spazzatura e...

207 I più visti

Likes 0

Stasera stasera

Qualcuno nuovo. Trent'anni ma sembrava avere la mia stessa età e aveva qualcosa di timido e da scolaretto che mi attraeva verso questo sconosciuto sexy dai gusti costosi. Aveva un sacco di entrate disponibili e sembrava felice di spenderle per me attraverso fiori, cene, bevande e il taxi per casa sua. Mi sentivo come se avesse un mondo di esperienza al suo attivo... e anche sotto i suoi boxer, eppure sembrava riservato mentre teneva aperta la porta di casa sua. Mi sono diretto verso la cucina a vista e lui mi ha offerto da bere, e ho accettato volentieri acqua e...

197 I più visti

Likes 0

Un fine settimana da ricordare Parte 3 (Conclusione)

Parte 3: La casa di Brooke. Ho visto Brooke che si rimetteva i vestiti. Si è rimessa il reggiseno, dovendo stringere leggermente le tette insieme per farle entrare. Poi si è girata e si è chinata per raccogliere la maglietta, e ho avuto una visione completa del suo culo. Riuscivo persino a vedere il suo ano e pensavo a quanto sarebbe stato bello infilarci dentro il mio cazzo. Poi ha tirato la sua maglietta attillata sopra la testa, ma non me ne sono accorto, continuando a guardarle il culo. Poi si chinò di nuovo. Questa volta non ho potuto resistere, e...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.