Jimmy, il ragazzo della porta accanto

531Report
Jimmy, il ragazzo della porta accanto

"Gah, il college è ridicolo! Sono così pronto a smettere." Taylor Green aprì la porta della sua stanza del dormitorio e la sbatté drammaticamente. Max, il suo compagno di stanza alzò lo sguardo dal libro che stava leggendo per fissarla. "Amico, lo dici sempre ogni settimana." Taylor sbuffò e si passò le dita tra i capelli neri lunghi fino alle spalle. "Sì, ma questa volta sono serio. Oggi è venerdì, ma ho 3 compiti da consegnare tutti nello stesso giorno della prossima settimana, un test da portare a casa e altri 3 quiz. Giuro che questo carico di lavoro mi ucciderà!" Lasciò cadere lo zaino carico di libri vicino alla scrivania e si lasciò cadere sul letto. "Ugh, voglio solo sdraiarmi qui e sciogliermi nelle mie coperte."

Max posò il libro e sorrise a Taylor. "Questo è un aspetto negativo dello scioglimento, ghostwriter", ha detto. Sai che hai un sacco di lavoro da fare. Faresti meglio a iniziare, tesoro." Max si alzò e allungò le sue gambe snelle e abbronzate. "Umm, è stato uno stretching fantastico. Vado a farmi una doccia. Voglio un buon profumo per Bobby."

Taylor sollevò la testa dal letto e guardò la sua compagna di stanza con sguardo penetrante. "Oh cavolo, non dirmi che verrà stasera. Se dovessi parcheggiarla di nuovo sul divano, giuro che mi daranno la stanza per sempre." Max ridacchiò mentre lei tirava fuori il contenitore per la doccia e l'asciugamano. "No, stasera starò con lui. Andiamo al caffè. La sua band suonerà un set. Poi torneremo tutti da Bobby per una festa." Max le sollevò la maglietta dalla testa e la piegò ordinatamente sul letto. Si sbottonò i pantaloni e se li sfilò. Non sapeva che farsene di reggiseni e mutandine. Completamente nuda si chinò, afferrò l'occorrente per la doccia e avvolse l'asciugamano attorno al suo corpo snello. "Torno tra poco, Tay," disse. Quasi giunta alla porta, si voltò all'improvviso. "Ops, ho dimenticato qualcosa." Si avvicinò al comò e tirò fuori dal primo cassetto un minuscolo vibratore tascabile. "Mi sto solo preparando per stasera," disse, con gli occhi verdi che scintillavano. Taylor rise mentre la sua compagna di stanza si dirigeva fuori dalla porta e lungo il corridoio verso le docce delle ragazze.

Max era una ragazza davvero fantastica. Era incredibilmente intelligente e dolce. Tutti i ragazzi l'amavano perché era una bionda da urlo: seno perfetto (né troppo grande, né troppo piccolo), capelli biondo-bianchi, pancia tesa e tonica, gambe che duravano per giorni e un culo color pesca perfetto. Inoltre aveva il suo bellissimo fidanzato, una bambola Ken, che suonava in una band. Taylor non poteva fare a meno di amarla. Il giorno del trasloco al campus, Max le si avvicinò e le diede un grande abbraccio e un bacio, assicurandole che sarebbero andati "famosamente d'accordo". E nel corso delle due settimane successive diventarono affiatate come sorelle. Ma Taylor non poteva fare a meno di sentirsi un po' gelosa. Per cominciare, non pensava di essere bella come Max.

Taylor scese dal letto e si avvicinò all'armadio, che aveva uno specchio a figura intera davanti alla porta. Guardò il suo corpo, controllando ogni curva e angolo. Non era alta come Max, ma non era bassa. Circa 5'8 o giù di lì. Si passò le mani sui seni e li prese a coppa. 40C. Ok, non male. Si lisciò la maglietta e si voltò per guardarsi il sedere. Era grosso, senza dubbio, ma le piaceva che il suo sedere si muovesse un po'. Anche ai ragazzi a scuola non importava, soprattutto quando lei li superava mentre andava a lezione. Taylor rise forte quando la porta si aprì e Max entrò, i suoi riccioli di platino ancora bagnati dalla doccia.

"Cosa c'è di così divertente?" chiese mentre si toglieva l'asciugamano e lo gettava sul letto.
"Niente, mi stavo solo chiedendo come ho fatto a dover sopportare una tale rottura di palle per un compagno di stanza," disse scherzosamente Taylor. Max finse un'espressione ferita e puntò una spazzola per capelli sulla testa di Taylor. Taylor rise e si abbassò quando la spazzola colpì il muro. "Sto scherzando, ragazza, lo sai che ti amo." Max sorrise mentre lei si avvicinava e abbracciava Taylor. "Ti amo anch'io. E ucciderei per la tua abbronzatura." Entrambi risero. L'"abbronzatura" di Taylor, come scherzosamente chiamavano il caldo colore cioccolato della pelle di Tay, era sempre uno scherzo tra i coinquilini.

Max baciò leggermente Taylor sulla fronte. "Va bene, devo vestirmi. Devo incontrare Bobby alla Brasshouse tra 20 minuti. Se finisci presto, dovresti passare. So che a Eric farebbe molto piacere." Taylor rise e scosse la testa. Eric era il bassista della band di Bobby e aveva una cotta terribile per lei. Era un ragazzo adorabilmente dolce, ma lei semplicemente non era interessata. Erano comunque buoni amici. "Hmm, forse farò un salto. Ma non è probabile. Ho un sacco di stronzate da fare."

Max finì di vestirsi e prese la borsa e le chiavi. "Va bene, allora chiamami se vuoi venire. Il mio cellulare è acceso. Divertiti, tesoro. Non studiare troppo." Se ne andò, chiudendosi la porta alle spalle.

Taylor si sedette davanti al computer e iniziò a scrivere. Due ore dopo, aveva finito gran parte del suo lavoro e stava correggendo le bozze del suo ultimo articolo. Sospirò felice e si stiracchiò. "È ora di fare una pausa", disse ad alta voce. Si alzò e andò allo stereo sullo scaffale. Ha inserito un CD mix. Mentre i suoni risuonavano nella stanza, Taylor sentì tutta la tensione abbandonare il suo corpo. Un colpo improvviso alla porta fece sobbalzare Taylor. Si avvicinò, aprì la porta e si ritrovò faccia a faccia con un ragazzo attraente. Era molto più alto di lei, circa 6'4 con i capelli scuri tagliati a spazzola. Portava occhiali dalla montatura nera che nascondevano leggermente i suoi occhi verde brillante. Indossava una maglietta nera che mostrava braccia muscolose semi-abbronzate. Taylor era così impegnata a fissarlo che non prestò attenzione a quello che stava dicendo finché lui non schioccò le dita davanti a lei.
"Ehi, ehi, c'è qualcuno che è lì dentro," chiese il ragazzo, perplesso.
"Cosa-cosa?" Taylor balbettò.
Il ragazzo rise, rivelando un sorriso adorabile, con denti bianchi e uniformi. "Ehi, mi chiamo Jimmy. Abito nella stanza accanto a te."
Taylor uscì dal suo torpore e gli sorrise. "Ehi, Jimmy, sono Taylor. Mi dispiace, la musica era troppo alta? Perché se lo è, andrò a girare..." disse girandosi per tornare allo stereo.
"Oh no," disse Jimmy, allungandosi e afferrandole leggermente il braccio. Il tocco del suo braccio sul suo mandò una scossa lungo il corpo di Taylor e un impulso di calore direttamente alla sua figa. Taylor emise un piccolo sussulto. Jimmy le lasciò andare il braccio e la guardò nervosamente.
"M-mi dispiace, non volevo intromettermi," disse. "È solo che ho sentito la tua musica attraverso il muro e volevo venire a dirti che è piuttosto buona. Anch'io sono un grande fan di tutta questa faccenda indie rock post-punk new wave."
Taylor gli sorrise. Il fatto che pensasse di essere imponente lo faceva sembrare adorabile. "Ehi, nessun problema," disse sorridendogli. "Se vuoi prenderlo in prestito e farne una copia, va bene." Si avvicinò allo stereo e fermò il CD. Lo tirò fuori e glielo porse. Jimmy le sorrise. "Grazie, sei un tesoro. Ehi, se vuoi venire possiamo ascoltarlo insieme... ehm, voglio dire se non stai facendo niente. Se lo fai, va bene." Taylor sorrise. Era semplicemente troppo dannatamente carino. "Certo, arrivo tra un attimo."
Il volto di Jimmy si illuminò. "Bene. Ci vediamo tra poco." Uscì dalla sua stanza, chiudendo la porta dietro di sé.

Taylor strillò e ballò un po'. Era da un po' che non si sentiva così attratta da qualcuno. E Jimmy era decisamente carino. Si sistemò i capelli e si spruzzò un po' di spray per il corpo agli agrumi sul collo, sui polsi e tra i seni. Lasciò la sua stanza e andò alla porta accanto. Bussò piano. "È aperto", ha detto. Aprì la porta ed esaminò la stanza. Era sicuramente la stanza di un ragazzo. C'erano un sacco di poster musicali alle pareti, una gigantesca pila di scatole di pizza nell'angolo, e c'era un vago odore di calzini da ginnastica sudati. Jimmy rise imbarazzato. "Io e il mio compagno di stanza siamo una specie di maiali", ha detto. Taylor rise. "Va bene. Ho 5 fratelli, sono abituato al caos che c'è tra i ragazzi." Jimmy liberò il letto affinché lei potesse sedersi mentre lui sedeva davanti al suo portatile. Inserì il CD mix di Taylor in uno dei disk drive e un CD vuoto nell'altro. Mentre il CD veniva copiato, si voltò a guardare Taylor. "Allora, Taylor, cos'altro dovrei sapere di te oltre al tuo evidente, fantastico gusto musicale?"
Taylor rise. "Bene, questo è il mio primo anno qui e sto ancora cercando di adattarmi. Vengo da New York e trasferirmi qui è una specie di shock per il sistema. Adoro la scuola, ma a volte mi sento ancora quella sensazione di piccola città, sai?"
Jimmy ridacchiò. "Sì, capisco cosa intendi. Beh, in realtà ho vissuto qui tutta la mia vita. La vita di piccola città mi si addice. Credimi, ti ci abitui." Premette play sul computer e la musica ricominciò. "Ahhh, adoro questa canzone," disse, allungando le mani. "Sai, l'unico modo per apprezzare veramente la musica è ascoltarla stando sdraiati." Si alzò dalla sedia e si distese sul tappeto sul pavimento, sulla schiena. "Vuoi unirti a me?"
Taylor scivolò giù dal letto e si sdraiò accanto a lui. Profumava di cannella. Chiuse gli occhi e inalò il suo profumo da ragazzo. Sentì una leggera contrazione nella figa che la fece dimenare. Jimmy la guardò. "Sei bravo?"
Taylor lo guardò e sorrise. "Sì, sto bene", ha detto. "Dunque, Parlami di te."

Hanno parlato a lungo di vari argomenti: musica, scuola, specializzazioni e film. Taylor non riusciva a credere quanto avessero in comune. Jimmy le ha detto che ha appena concluso la sua relazione con la sua ragazza del liceo. Si frequentavano da quando avevano 13 anni. "Wow", ha detto Taylor. "È come una vita." Jimmy sospirò. "Sì, abbiamo appena deciso che le cose non avrebbero funzionato." Taylor si girò su un fianco e si appoggiò al suo braccio, di fronte a lui. "Quindi in pratica sei single?"
Jimmy la affrontò, ora dalla sua parte. "Perché?" chiese scherzosamente, con gli occhi verdi che scintillavano. "Vuoi chiedermi di uscire?" Taylor ridacchiò nervosamente e lo guardò negli occhi. Aveva gli occhi più intensi che avesse mai visto. Voleva perdersi in loro. Lui si avvicinò, le sue labbra erano a pochi centimetri dalle sue. "Va bene che ti bacio?" chiese. Taylor sentì il suo cuore sciogliersi. Questo ragazzo era troppo bello per essere vero. Lei annuì e lui lasciò che le sue labbra sfiorassero le sue dolcemente. Taylor gemette piano mentre sentiva la sua figa inumidirsi. Gli mise una mano dietro la testa e avvicinò le sue labbra alle sue, dandogli un bacio più forte. Jimmy gemette nella sua bocca. Spostò la mano sul suo seno, massaggiandole e accarezzandole il capezzolo. Taylor si sdraiò sulla schiena mentre spostava il peso in modo da essere sopra di lei. Le baciò la fronte, le guance e la nuca. "Mmm", gemette. "Hai il sapore di...Florida." Taylor rise e gli prese il viso tra le mani. "Vuoi assaggiare il resto di me?" Lo baciò forte, esplorando con la lingua l'interno della sua bocca. Gli mordicchiò il labbro inferiore.

Jimmy fece scivolare la mano lungo il suo corpo e le sbottonò i pantaloni. Mise un dito nelle sue mutandine e sentì la sua figa calda e umida. Le accarezzò leggermente la fessura e la sentì tremare sotto di lui. Jimmy si portò alla bocca il dito inzuppato di succo e lo succhiò. "Mmm, dolcezza." Taylor ha cambiato posizione in modo da essere in cima. Si tolse la maglietta, rivelandogli il suo seno pieno. "Oh tesoro," disse. "Sei bello." Si mise a sedere e la baciò sulle labbra. Le baciò la curvatura dei seni. Le baciò il capezzolo sinistro, indurendolo fino a trasformarlo in un piccolo bocciolo. Si spostò sul capezzolo destro, succhiandolo e rendendolo duro come una roccia. Taylor sentì la sua erezione gonfiarsi nei jeans. Lo spinse lentamente sul tappeto. Lei gli sbottonò i jeans e vi tuffò la mano. Jimmy gemette mentre Taylor liberava il suo pene. Taylor gli baciò l'asta, sentendo il suo cazzo indurire sotto le sue labbra. La sua lingua pianta morbide leccate su e giù per l'asta, fino alla testa del pene e alle palle. "Mmmm," gemette, le vibrazioni facevano impazzire Jimmy.

Un forte colpo alla porta li fece sobbalzare. "Jimmy," chiamò una voce femminile da fuori la porta. "Jimmykins, sei lì? Jimmy, so che sei lì, sento la musica."
"Oh merda," gemette Jimmy. Si mise a sedere.
Taylor lo guardò, il suo cazzo ancora eretto e tra le sue mani. "Chi è quello?
"Jimmy, tesoro, per favore apri la porta, devo parlarti. Per favore tesoro, per favore apri la porta. Devo davvero parlare," implorò la voce.
Taylor lasciò andare il suo uccello e le afferrò la maglietta, rimettendola su. Jimmy si alzò e si tirò su i pantaloni, abbottonandoli. "Quella è la mia ex ragazza. Quella del liceo, ricordi? Non so che diavolo ci faccia qui. Ho smesso di parlarle." Taylor incrociò le braccia sul seno. "Beh, forse dovresti sbarazzartene." Jimmy si sporse in avanti e le diede un rapido bacio sulle labbra. "Sì, ok."

Aprì la porta. Una ragazza alta, dai capelli rossi, irruppe nella stanza. Si gettò addosso a Jimmy e lo avvolse tra le braccia, cogliendolo di sorpresa e quasi facendolo cadere. Premette le labbra sulle sue, dandogli un bacio forte. Taylor si arrabbiò silenziosamente guardandoli. La ragazza finalmente lasciò la presa mortale su Jimmy. "Oh tesoro," gridò. "Non sai quanto ne avevo bisogno. Mi sei mancato così tanto." Si sporse per un altro bacio, ma Jimmy la respinse dolcemente. "Jill," disse. "Cosa stai facendo qui?"
Jill scosse i suoi riccioli rossi e imbronciò le labbra. "Avevo solo bisogno di vedere i miei Jimmykins. Mi sei mancato." Lei abbassò lo sguardo e vide la sua evidente erezione. "E sembra che anche il piccolo Jimmy mi abbia mancato." Ha provato ad afferrare il suo pacco, ma lui le ha allontanato la mano. "Non farlo", disse. "Hai perso questo diritto. Quando mi hai scaricato." Jill rise e scosse i capelli. "Pfft, per favore Jimmy. So che mi vuoi ancora." Si tolse il soprabito, rivelando sotto il suo abito corto verde menta che abbracciava le sue ampie curve. Aveva un corpo da urlo: seno da 36C, fianchi piccoli e culo rotondo. Le sue gambe erano lunghe e snelle. Aveva quell'aspetto di naturale bellezza per cui la maggior parte delle ragazze venderebbe la propria anima. Taylor se ne accorse e la fece sentire ridicolmente insicura. Si schiarì piano la gola. Jill guardò Taylor e lanciò dei pugnali dagli occhi.

"Jimmykins, chi è LEI?" chiese. Jimmy guardò Taylor. "Lei è...uh, Taylor. Vive alla porta accanto."
Jill sghignazzò di nuovo. "Humph. E allora, cosa ci fa qui? Non vede che stiamo avendo una conversazione privata?" chiese, ignorando completamente Taylor. Taylor ne aveva abbastanza. "Sono venuta solo a prendere in prestito un CD da Jimmy," disse a denti stretti. "Ho capito e me ne vado adesso."
Jill la derise. "Sì, perché non lo fai? Io e il mio ragazzo abbiamo molto di cui parlare." Taylor si avvicinò al portatile di Jimmy e recuperò il suo CD mixato. Li oltrepassò, attraversò la porta ed entrò nel corridoio. "No, Taylor aspetta", sentì chiamare Jimmy. Lei lo ignorò e aprì la porta. Chiudendo la porta dietro di sé, si sdraiò sul letto, afferrò le cuffie e accese il lettore MP3. Lacrime calde le rigavano il viso all'inizio della canzone. Era la stessa canzone che suonava quando Jimmy la baciò per la prima volta. Non poteva credere di essersi innamorata del suo gesto. Era così dolce. Come ha potuto uscire con una stronza del genere per così tanto tempo? Cosa vedeva in lei? E perché non ha detto a Jill chi era e perché era davvero lì? Si sentiva un'idiota. Immaginò che stessero facendo sesso proprio in quel momento, e questo la fece piangere ancora di più. Si sentiva una stronza per aver pianto per un ragazzo, ma sentiva che questa volta questo ragazzo sarebbe stato speciale.

Si tolse i jeans e le mutandine, si infilò sotto le coperte e spense le luci. Ha messo la canzone in ripetizione per non dover sentire cosa stava succedendo nella porta accanto. Taylor si leccò le labbra. Dannazione, lo assaggiava ancora. Amava il sapore del suo cazzo e voleva farlo venire così tanto. Si sollevò la maglietta sopra la testa e la gettò sul pavimento. I suoi capezzoli erano ancora duri come la roccia da quando li aveva messi in bocca. Si leccò il dito e strofinò cerchi bagnati attorno ai capezzoli color cioccolato. Poteva ancora sentire la sua lingua sul suo seno, che leccava, baciava e succhiava. Taylor fece scivolare una mano sotto le coperte e nella sua calda figa marrone. Non poteva credere quanto fosse bagnata dopo il loro piccolo incontro. E ora il bastardo si stava scopando la sua presunta ex fidanzata. Eppure Taylor lo voleva ancora. Lo desiderava così tanto.

Taylor premette dolcemente il suo clitoride, ansimando forte. Si portò il dito alle labbra e assaggiò i suoi succhi. Altre lacrime le scivolarono lungo le guance. Non era giusto. Perché lo desiderava così tanto? Rimise la mano nella figa, massaggiandosi il clitoride. Immaginò che la sua mano fosse la lingua di Jimmy. Lei diede un colpetto al clitoride e lo pizzicò un po', gemendo piano. "Jimmy," sussurrò. Ha fatto scivolare il dito dentro e fuori dalla sua fica stretta. Lo voleva, dannazione, lo voleva. Lo voleva dentro di sé, il suo cazzo che entrava e usciva dalla sua figa. Voleva che le venisse dentro. Voleva assaggiare il suo sperma, sentire il suo cazzo palpitante in bocca. Lo voleva tutto. "Mmm, Jimmy fammi venire," ansimò mentre continuava a massaggiarsi il clitoride pulsante. Sentì l'orgasmo crescere. "Oh cazzo sì, proprio lì, tesoro!" Chiuse gli occhi e immaginò che lui fosse sopra di lei, pompando furiosamente, sul punto di raggiungere il suo apice. Adesso ansimava e gemeva più forte. "Oh, questo è tutto. Oh, sto per venire!" L'orgasmo la colpì duramente, facendole tremare le gambe. "Oh, JIMMY!" urlò, cavalcando il dito, mentre il suo corpo dondolava nell'onda dell'orgasmo. Taylor si portò le dita inzuppate di sperma al viso e le leccò. Si asciugò una lacrima, si girò e si addormentò, piangendo sul cuscino.

"Taylor? Taylor?"
Taylor si svegliò al suono di qualcuno che chiamava il suo nome. Lei aprì gli occhi stordita. Alzò lo sguardo e vide Jimmy che la fissava. Si sedette dritta. "Cosa ci fai qui? Come sei entrato?" chiese. Jimmy si inginocchiò accanto al suo letto. Era a torso nudo e indossava i pantaloni del pigiama. "Hai lasciato la porta aperta. Ho bussato prima di entrare. Volevo parlarti. Di quello che è successo ieri sera."
Taylor rise amaramente. "Oh, IERI NOTTE, eh? Sì, quando mi hai umiliato completamente di fronte a quella ragazza che, tra l'altro, è una stronza COMPLETA. In realtà pensavo che fossi un ragazzo tranquillo. Ma immagino sia colpa mia. A questo proposito coprilo?"
Jimmy la guardò. "Mi dispiace tanto. Non volevo maltrattarti. Devi saperlo. Non mi aspettavo che lei si presentasse ieri sera, mi ha colto di sorpresa. Mi sono tagliato fuori dal suo tacchino freddo. Quando ho L'ho vista di nuovo ieri sera, è stato come vederla di nuovo per la prima volta. Tutti quei vecchi sentimenti sono tornati. Ho perso la testa in quel momento, e mi scuso. Non avevo mai avuto intenzione di ferirti."
Taylor sbuffò. "Beh, forse avresti dovuto dirmelo ieri sera, prima che avessi il tuo cazzo in bocca."
"Bene, quando avrei potuto spiegarti? Te ne sei andato prima ancora che avessi la possibilità di sistemare le cose."
"Beh, non sarei rimasto lì mentre te la scopavi davanti a me." Jimmy sembrava scioccato. "Pensi che sia successo questo? Pensi che io abbia fatto sesso con lei?"
Taylor alzò gli occhi al cielo. "Cos'altro dovrei pensare?"
"Che avrei abbastanza forza di volontà per tenermi il cazzo nei pantaloni."
"Lo dirò, visto che ci siamo incontrati proprio ieri sera e 30 minuti dopo avevi la mano nelle mie mutandine."
Jimmy rise. "Touché. Ma ti assicuro che non è successo niente. Lei avrebbe voluto, ma le ho detto di no."
"Perché?"
"Perché non volevo intraprendere quella strada. Era ubriaca e cercava attenzione. Ha avuto problemi con il ragazzo con cui esce adesso. Apparentemente il ragazzo l'ha tradita. Questo è lo stesso ragazzo con cui lei ha tradito me." con."
"Oh," fu tutto ciò che disse Taylor.
"Sì, dopo che te ne sei andato le ho detto che doveva andare. Mi ha chiamato quando è tornata a casa e abbiamo parlato al telefono. È così che so tutto questo. Ha davvero incasinato Tay, ed ero l'unico che poteva fiducia. Voglio dire, ci conosciamo da circa 10 anni ormai. Era la mia migliore amica."

Taylor sospirò pesantemente. "Va bene, capisco tutto. Davvero, lo capisco. Ma perché hai aspettato fino a stamattina per raccontarmi tutto questo? Perché non sei venuto ieri sera, mentre piangevo per te?
A questo punto Jimmy arrossì. "B-beh, ti ho sentito attraverso il muro ieri sera. Sai, mentre urlavi il mio nome. Sono stato così bravo?" ha scherzato.
Taylor si voltò imbarazzato. "Non stuzzicare."
"Ehi, mi dispiace dolcezza," disse, girando il viso di lei verso il suo. "Ti ho pensato ieri sera."
"Veramente?"
"Sì, non riuscivo a toglierti dalla testa. Non riesco ancora. Sei così bella, Taylor."
“Sei dolce e gentile. E dannatamente sexy. E hai il rack più incredibile che abbia mai visto," disse, pizzicandole il capezzolo. Taylor rise. "Mi dispiace se mi sono comportato come uno psicopatico. È solo che mi piaci davvero."
La baciò dolcemente. "Anche tu mi piaci davvero. E voglio farti sentire bene."

Taylor tirò indietro le coperte per rivelare il suo corpo nudo. Jimmy gemette. "Tesoro, sei davvero stupenda." Si tirò giù i pantaloni e se li tolse con un calcio. Scivolò nel letto accanto a Taylor. La baciò profondamente, la sua lingua che saettava nella sua bocca calda. Taylor gli accarezzò la coscia e sentì la sua erezione crescente. "Mmm," gemette. "Finiamo quello che abbiamo iniziato."
Taylor si spostò lungo il suo corpo muscoloso, baciandogli leggermente il petto, leccandogli i capezzoli e l'ombelico. Baciò le linee definite del suo pene e gli leccò l'interno della coscia. Il suo cazzo era duro come la roccia adesso, ma lei lo tenne per dopo. Diede alle sue cosce dolci baci a forma di farfalla. Jimmy gemette in estasi. "Voglio sentire la tua bocca sul mio cazzo," gemette, afferrandole una manciata di capelli.

La lingua di Taylor saettava intorno alle sue palle. Quando li baciò, li succhiò e se li mise in bocca, Jimmy quasi arrivò proprio lì. "Taylor, mi stai facendo impazzire." Taylor sorrise e si avvicinò al suo cazzo. Era ben dotato, lungo circa 9 pollici e piuttosto grosso. Lo prese tutto in bocca, rilassando i muscoli della gola per accoglierlo. Lui gemette e le spinse la testa sul suo cazzo palpitante. Taylor mosse la testa su e giù, succhiando e stringendo il cazzo di Jimmy. Iniziò a canticchiare lentamente, emettendo vibrazioni, sapendo che era quello che gli piaceva. Con la mano destra gli massaggiò le palle, facendole oscillare dolcemente come dadi. Jimmy sentì il familiare accumulo nelle sue palle. "Oh merda, sto per venire!" Sentì le dita dei piedi piegarsi mentre sparava un carico dopo l'altro di sperma caldo e lattiginoso nella sua dolce bocca. Taylor ingoiò avidamente i suoi succhi, leccandosi le labbra. Jimmy sussultò e le sorrise.

"È il tuo turno," disse, tirandola verso di sé. La fece girare sulla schiena e le allargò le gambe. Jimmy le baciò le caviglie, risalendo il polpaccio, leccandole e baciandole l'interno delle cosce. La sua stretta fica marrone luccicava dei suoi succhi da ragazza mentre lui estendeva la lingua e le leccava leggermente la fessura. Taylor gemette piano e guidò la testa verso il suo clitoride pulsante. Jimmy le succhiò il clitoride, canticchiando piano, facendo rabbrividire Taylor. "Oh, Jimmy, è così bello." Ha fatto scivolare un dito all'interno della figa bagnata, colpendo il punto G. Taylor si ribellò, strofinando la figa contro il viso e il dito di Jimmy. "Mmm, Jimmy, voglio che mi scopi. Voglio sentirti dentro di me. Fammi venire, per favore."

Jimmy sollevò la testa da tra le sue gambe. La baciò forte, mentre Taylor assaporava i suoi succhi di figa. Ha guidato il suo cazzo dentro di lei. La sua figa era stretta, ma non era difficile per lui entrare dentro di lei. Lui era completamente dentro e cominciò a muoversi lentamente, stringendo i fianchi contro quelli di lei. Taylor alzò i fianchi per rispondere alle sue spinte. Si sporse per baciarle le labbra e succhiarle i capezzoli. Gli avvolse le gambe attorno alla vita, spingendolo più profondamente dentro di sé. Gemette il suo nome. "Dio, ti senti così bene. Sto per venire proprio adesso." Taylor gemette, questa volta più forte. "Oh Jimmy, ti amo così tanto." "Ti amo anch'io, tesoro. Sei così dannatamente meraviglioso." Le sue spinte divennero più forti, la pelle schiaffeggiava la pelle. Jimmy sentì di nuovo l'accumulo. "Oh merda, ci sono. Vieni con me Taylor, vieni tesoro!" Jimmy diede un'ultima spinta mentre esplodeva. Chiamò il suo nome mentre il suo sperma scorreva dentro di lei. Taylor tremò e le sollevò i fianchi, le gambe spasimanti. Lei lo tenne stretto e si avvicinò e ancora, quasi svenendo. Inarcò la schiena, poi si rilassò sul letto. Jimmy rotolò via da lei. Avvolse Taylor tra le braccia e la baciò profondamente. "Oh cavolo," sospirò. "È stato fantastico ." Taylor sospirò e lo baciò di nuovo. "Mmmm, lo so." Esausti e soddisfatti, i due si addormentarono.

"Bene, bene, bene. Cosa abbiamo qui?" Jimmy e Taylor aprirono gli occhi e videro Max sorridergli. Taylor rise. "Buongiorno, coinquilino."
Max sorrise. "Mattino? Sono le 3 del pomeriggio." guardò Jimmy, il cui legno mattutino stava montando una tenda con le lenzuola. "E chi potrebbe essere il bellissimo ragazzo con l'erezione?" Jimmy abbassò lo sguardo e arrossì. Taylor rise e lo baciò sul collo. "Questo, mio ​​caro, è Jimmy. È il ragazzo della porta accanto."
Max ridacchiò. "Beh, immagino che andrò a cercare qualche altro posto dove stare. Cioè, a meno che tu non voglia che resti, " disse, con un luccichio malizioso nei suoi occhi.
Jimmy e Taylor si guardarono l'un l'altro e poi guardarono Max.
"Mmm sembra divertente", disse Taylor, facendo l'occhiolino. Infilò la mano sotto la coperta e massaggiò il cazzo duro come la roccia di Jimmy. Jimmy chiuse gli occhi e gemette piano. "Ma forse più tardi. Devo ancora risolvere i problemi con questo." Lei rise e lo baciò.
Max ricambiò l'occhiolino. "Qualunque cosa tu dica, tesoro. Ti aspetterò." Si avvicinò alla porta, la aprì e la richiuse dietro di sé, lasciando di nuovo soli i giovani innamorati. Taylor salì sopra Jimmy e gli si mise a cavalcioni. "Ora dove eravamo rimasti?"

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.