Fine settimana alternati: Parte 2

645Report
Fine settimana alternati: Parte 2

Jason era seduto sul divano a guardare la TV quando la porta d'ingresso si aprì. Mandy passeggiava con un aspetto più che un po' strano. I suoi vestiti, che erano ovviamente nuovi di zecca e un po' succinti, erano bagnati di rugiada. Naturalmente, non sapeva che fosse rugiada e pensava semplicemente che fosse passata attraverso un irrigatore o qualcosa del genere. "Cosa ti è successo?" chiese. Il suo tono rivelava che non gli importava davvero.

"A quanto pare ho lasciato la macchina di papà in movimento", ha risposto. Non aveva idea di quanto tempo prima lui l'avesse abbandonata sul prato davanti casa, ma non ne era felice. Per quanto ne sapeva, lui era passato senza fermarsi e l'aveva buttata fuori.

“Tua madre sta facendo un pisolino. Siediti." Diede una pacca al cuscino accanto a sé sul divano. Poiché sua madre occupava la camera degli ospiti, ogni notte doveva dormire su questo divano. Ciò significava che non poteva andare a dormire finché Jason non avesse finito di guardare i suoi programmi. Aveva provato a dormire nel suo letto un paio di volte, ma essere cacciata fuori alle due del mattino era più aggravante che restare alzata ad aspettare che lasciasse il soggiorno.

Jason era un giovane, più giovane di sua madre. Aveva un viso da ragazzo e una testa di capelli castani quasi rasati. Ha avuto un'avventura di una notte con Alexandria dopo averla incontrata in un bar che si è trasformata nella sua convivenza con lui dopo il divorzio. In realtà non avevano dormito insieme da quando aveva saputo che lei era sposata. All'inizio l'aveva esortata a trovare il suo posto, ma si era rilassato durante il procedimento giudiziario che sembrava averla tolta molto. Si sentiva anche male per Mandy.

Rimase sorpreso quando Mandy si sedette, invece che accanto a lui, direttamente sulle sue ginocchia. "Cosa stai facendo, signorina?" era pronto a rimproverarla. Lei lo guardò confusa ma non rispose. Sembrava pensare che la sua azione fosse normale.

La sollevò per la vita e la posò accanto a sé. Quasi subito però lei si appoggiò alle sue ginocchia. "Puoi smetterla?" brontolò.

Lei lo ignorò e invece fissò intensamente il suo grembo. Lentamente, il rigonfiamento nei suoi pantaloni cominciò ad agitarsi. Lei sorrise tra sé. Anche lui era interessato a lei in quel modo. Era circondata da uomini degenerati. “Sì, se una ragazza continua a guardarlo, succederà. Non sono stato esattamente al mio gioco con te e tua madre qui", ha spiegato.

"Vuoi che ti aiuti?" Aprì la bocca per mostrargli la bava che gocciolava dal tetto e si accumulava sulla sua lingua.

"Penseresti di avere esperienza", lo derise. Il suo rigonfiamento però tradiva quanto fosse eccitato.

“Non preoccuparti, è solo la mia bocca. Non lo dirò a nessuno. Lei gli aprì la cerniera dei jeans, lasciando uscire il suo cazzo semirigido. Guardò alle sue spalle verso la porta della camera degli ospiti, assicurandosi che Alexandria non fosse sveglia. La luce sotto la porta era ancora spenta.

"Fai presto," le sibilò mentre le spingeva la parte posteriore del collo, avvicinando il suo viso al suo cazzo. Lei annuì mentre ingoiava un po' della bava che le si era accumulata in bocca. Il suo corpo si era abituato ad anticiparlo. Aveva il pilota automatico.

Jason guardò con ammirazione la testa di lei che dondolava su e giù sul suo grembo. La maggior parte delle donne che lo avevano succhiato in passato avevano fretta di finire i preliminari. Non si toccava affatto l'inguine né faceva pause per riprendere fiato o altro. Era quasi come se avere la bocca piena del suo cazzo fosse tanto piacevole per lei quanto lo era per lui.

Non sapendo davvero come lodarla, le accarezzò la testa e le scostò i capelli. Lei lo guardò con occhi confusi, le guance gonfie e le labbra che perdevano saliva. "Pensavo che ti avresti messo un po' di cipria nei capelli, ma sono stati davvero tinti, vero?" alla fine ha commentato la tonalità rosa. Lei annuì con orgoglio. «Tuo padre te lo ha permesso? Non gli importa affatto di te o qualcosa del genere?"

"Addy oves ee (Papà mi ama)" mormorò.

"Veramente?" Le tirò via la testa dal cazzo e guardò il suo piccolo viso, incorniciato da capelli rosa ancora leggermente umidi per la rugiada esterna. "Se ti amasse, non ti lascerebbe vestire così", ha sostenuto.

"Papà pensa che sono carina e vuole che anch'io mi vesta così", gli assicurò.

"Vuole vedere la pancia di sua figlia, il suo décolleté e le linee delle cosce?" Jason non era ancora convinto.

Mandy annuì. “Ama il mio corpo. Nel bagno si è assicurato di lavarmi ogni parte.

“Fai il bagno con tuo padre? Beh, non c'è da meravigliarsi che tu sia una troia che mi succhierà il cazzo senza coercizione.

Lei annuì ridacchiando prima di abbassare nuovamente la bocca sul suo cazzo. Rimase senza fiato quando la testa fredda e bagnata fu nuovamente avvolta dalle sue labbra calde. Erano più morbidi di quelli di qualsiasi donna avesse avuto prima. Come si era imbattuto esattamente in questo? il miglior pompino della sua vita? Un giorno aveva appena portato a casa una donna ubriaca. Era un sesso davvero schifoso, a dire il vero. Non aveva modo di sapere che sua figlia era una puttana con la bocca di un angelo.

Mandy era così proattiva con la lingua e le labbra che Jason non sapeva davvero cosa fare con le sue mani. Continuava ad accarezzarle le guance o a darle pacche sulla testa. "Va tutto bene, puoi spingermi giù se vuoi", gli assicurò. "Vuoi sentire l'interno della mia gola, vero?"

"La tua bocca sembra abbastanza buona", non era d'accordo. “Non dovresti provare ad andare troppo in profondità. Ti soffocherai o ti imbavaglierai e vomiterai.

"Vomitare fa molto male", concordò. "Però mi rende la gola viscida." Il sopracciglio di Jason si contrasse mentre la ascoltava. "Vuoi vederlo, vero?" lo accusò timidamente. "Vuoi vedere questa ragazzina vomitare il cervello a causa del tuo grosso cazzo."

"Qualsiasi ragazzo si sentirebbe lusingato, ma è strano sentirtelo dire da solo", ha spiegato. Il suo atteggiamento avrebbe dovuto preoccuparlo, ma si stava ancora godendo la fortuna di avere una ragazza così esperta e disponibile.

Lei abbassò la testa il più possibile, lottando per infilare la testa del suo cazzo in gola. Le vene del collo si gonfiarono leggermente e il bianco dei suoi occhi divenne più visibile e leggermente iniettato di sangue, ma alla fine dovette tirarsi indietro. "Non mangio da ieri", ansimò mentre riprendeva fiato. "Se vuoi vedermi vomitare, dovrai darmi da mangiare qualcosa." Il suo cazzo era ricoperto della sua saliva, che lei usava per far scivolare rapidamente la mano sull'asta.

“Se hai fame, vai a mangiare. Non startene qui a succhiarmelo," Jason stava iniziando a chiedersi perché lo stessero facendo.

Lei scosse la testa prima di aprire di nuovo la bocca per mostrargli la saliva che accumulava. Doveva prendersi cura delle sue aspettative corporee prima di potersi preoccupare del cibo o di qualsiasi altra cosa. Jason sospirò quando si rese conto che se lei fosse stata così eccitata semplicemente standogli vicino probabilmente avrebbe usato la sua piccola bocca quotidianamente per un po' a venire.

"Scommetto che potresti farcela", gemette. “Se spingessi la mia testa abbastanza in giù, potresti infilarmi il tuo cazzo in gola e scoparmelo come se fosse la mia figa. È abbastanza bagnato per questo. Voglio sapere fino a che punto posso sopportarlo. Lasciò uscire la lingua. La sua bava le scorreva lungo il mento e sulla clavicola, inzuppando la maglietta già bagnata e facendo diventare più visibili i capezzoli attraverso il tessuto. Miles non si era preso la briga di metterle il reggiseno e nemmeno le mutandine quando l'aveva vestita.

Jason la spinse cautamente giù dal divano in modo che fosse inginocchiata sul pavimento. Poi le appoggiò la testa all'indietro finché non si posò sul tavolino dietro di lei. Lui si mise a cavalcioni della sua testa su entrambi i lati e premette il suo cazzo il più lontano possibile. Non aveva spazio per tirarsi indietro e invece semplicemente aprì la gola e deglutì. Sentì un po' di saliva salire sul naso ma non reagì.

Il suo cazzo le scivolò in gola quasi troppo facilmente, lubrificato dalla sua bava costante. Le sue dita si fletterono mentre lottava per non resistere e spingerlo via. La sua testa sbatté contro il tavolo quando lui si spinse più in profondità. I suoi occhi giravano vertiginosamente mentre cercava di raddrizzare il collo per dargli una strada più libera.

Con le dita tra i suoi morbidi capelli le tenne ferma la testa mentre sollevava i fianchi e li abbassava di nuovo. Lei strillò mentre la saliva schizzava dal suo naso e intorno al cazzo di lui, gocciolandole sulle labbra e sulle guance, finendo nei suoi occhi. Le sue vie aeree erano ora bloccate dalla sua stessa bava accumulata. Il suo petto si sollevò più volte mentre i suoi polmoni cercavano di riempirsi senza successo. Il suo viso diventò molto rosso molto rapidamente.

Il suono stridente e umido che proveniva da ogni spinta del cazzo di Jason più in profondità nella sua gola era l'unica indicazione che era ancora cosciente. Continuò ad accarezzarle la testa, ammirando quanto fosse sgualdrina nonostante il suo aspetto innocente. Nel porno preferiva che l'attrice sembrasse il più giovane e innocente possibile, come una vergine che non avrebbe mai accettato altro che la noiosa posizione del missionario, solo per poi farsi sbattere da cinque ragazzi in ogni orifizio e costringerli a ingoiare. più sperma di quanto potrebbero entrare nella loro bocca in una volta.

Mandy era la rappresentazione perfetta delle preferenze di Jason. Stava davvero vivendo una delle sue fantasie, vedere una giovane ragazza innocente prendere un cazzo che non avrebbe dovuto poter prendere.

Dopo diversi minuti in cui Jason ha scopato la gola perfettamente lubrificata di Mandy come un barattolo di vaselina, lei ha iniziato ad inarcare la schiena e ad alzarsi dal tavolo. Le sue gambe iniziarono a scalciare e la sua gola vibrava contro il suo cazzo mentre cercava di urlare. A Jason sembrava che stesse annegando. Tuttavia, il liquido che le bagnava i pantaloncini dimostrava che stava davvero venendo. Farsi scopare la gola l'aveva portata all'orgasmo.

Jason le spinse le dita nell'inguine e spostò il tessuto dei pantaloncini contro la fessura e il clitoride. Lei si dibatté ancora di più sotto di lui, incapace di trattenere gli spasmi per reazione. Allo stesso tempo, Jason cominciò a venirle direttamente in gola. Dopo aver già ingoiato la propria bava, ingoiò il suo sperma nel suo stomaco in un batter d'occhio.

Non appena l'ultima serie di sperma lasciò il cazzo di Jason, lui tirò fuori dalla gola e dalla bocca e iniziò a concentrarsi esclusivamente sull'inguine di Mandy. Lui le abbassò i pantaloncini intorno alle ginocchia e ammirò per un momento la sua fica ben rasata prima di immergere le dita nella sua fessura, facendola strillare e convulsioni di nuovo.

Una volta che la sua bocca fu vuota, cercò di parlare ma finì per ansimare mentre i suoi polmoni finalmente si riempivano d'aria. Tossì per un minuto intero prima di soffocare una sola parola: "Stop!"

Tutto il suo corpo si dibatteva continuamente mentre Jason si rifiutava di lasciare che il suo orgasmo finisse. All'inizio non aveva pianificato di violarle qualcosa di più della sua bocca, ma la vista di lei che spasimava sul suo tavolo con le gambe aperte e che scalciava era più sexy di quanto potesse sopportare. Voleva che il suo orgasmo durasse il più a lungo possibile.

Alla fine i movimenti del suo corpo si attenuarono finché solo i muscoli della sua fica si contrassero ogni volta che le dita di Jason grattavano l'interno della sua fessura. In qualche modo lei stava ancora venendo ma il suo corpo era troppo stanco per continuare a reagire. Alla fine Jason tirò fuori le dita da lei e la lasciò riposare.

Tenne gli occhi chiusi per diversi minuti, sempre inginocchiata tra il divano e il tavolino con la testa completamente all'indietro. Alla fine aprì gli occhi e si alzò. Le sue gambe tremavano leggermente. Jason fissò le sue cosce lucide e bagnate e i pantaloncini intorno alle ginocchia. Sembrava che fosse stata interrotta mentre faceva pipì sul water.

Seguendo il suo sguardo lei ridacchiò mentre mostrava la sua fica rasata e le sue gambe nude. Lei si abbassò lentamente i pantaloncini e li tolse. "La mamma dice sempre di tenere le gambe unite, ma è così difficile." Camminava leggermente con le gambe arcuate mentre si sedeva sul divano.

"Hai intenzione di toglierti tutti i vestiti?" chiese Jason con un po' di impazienza.

Scosse la testa. “È semplicemente troppo scomodo indossare i pantaloni in questo momento. Ti dispiace se il mio sedere tocca il tuo divano? Ho appena fatto un bagno prima di tornare a casa.

"Perché dovrei preoccuparmi di una ragazza sexy seduta nuda sul mio divano?" Jason la prendeva in giro.

“Sì, essere nudi significa fare sesso tutto il tempo. Se mi tolgo i pantaloni è un invito per chiunque a scoparmi”. Ricordò il suo incontro quella mattina con Miles mentre stava cercando di lavare i cuscini del divano.

"Non sei d'accordo?" Jason poteva dire che era infastidita da qualcosa, dalle azioni carnali di suo padre contro sua figlia.

"No, se ti mostro la mia figa, so che mi farò scopare," concordò. “Gli uomini sono creature così semplici. Essere semplicemente carini è motivo per parlare, parlare è motivo per flirtare, flirtare è motivo per toccarsi e toccare è motivo per spogliarsi ed essere nudi è motivo per fare sesso. Solo perché sono carina, chiedo a ogni uomo che incontro di scoparmi, in continuazione."

Jason non riusciva a capire se stesse semplicemente organizzando un elaborato gioco di ruolo o qualcos'altro. Fondamentalmente ha semplicemente ammesso che esistendo a casa sua gli dava il pieno permesso di scoparla ogni volta che voleva. Naturalmente, avrebbe potuto semplicemente giustificare il suo desiderio di togliersi i pantaloni dicendo che se lui avesse voluto davvero scoparla, l'avrebbe fatto sia che fosse vestita o meno. Entrambe le ipotesi portavano però allo stesso risultato.

Mandy rise mentre lui la prendeva per la vita e se la metteva in grembo. Poteva sentire la sua asta dura premere nella sua fica nuda dal basso, ancora bagnata della sua saliva. Stava per farsi scopare per l'ennesima volta oggi. Era l'unica certezza su cui poteva più contare nella sua vita incasinata. "Hai approfittato dei tuoi diritti molto velocemente", lo prese in giro.

Si aspettava che le ricordasse che era casa sua e che meritava la sua fica se lo voleva. Ciò che ha detto l'ha scioccata. "Sei davvero carina."

Lei arrossì febbrilmente. "Tu la pensi così?" Sapeva di essere carina ma si sentiva ancora una brutta puttana dopo quel terribile fine settimana.

«Te lo dimostrerò.» Iniziò a passarle le mani sullo stomaco. Le sollevò la maglietta mentre le accarezzava il seno. Era un po' sorpreso che i suoi capezzoli fossero forati ma questo si adattava al suo desiderio di contrasto tra il suo aspetto innocente e le sue azioni da troia. Una volta che fu completamente nuda, cominciò a toccarle la bocca con una mano e la fica con l'altra. Le sue dita le schiacciarono le labbra e le gengive, facendola sbavare di nuovo. Con l'altra mano però non la penetrò affatto dentro, scegliendo di premere contro il suo bacino e accarezzare la pelle ruvida da dove era stata rasata.

"Non è necessario usare i preliminari", gli assicurò. Lo aveva già detto prima, che poteva passare direttamente al sesso. Tuttavia, gli sembrava più che lei volesse flirtare ed essere toccata e spogliata prima.

"Oggi faremo così, se ti piace il duro puoi andare a cercare il ragazzo che ti ha violentato e farlo con lui più tardi."

"Non sono stata violentata!" quasi gridò. "Come può essere uno stupro se il mio corpo è fatto per il sesso?"

“Anche se lo scopo della vita è riprodursi attraverso il sesso, anche gli animali non fanno sesso costantemente. Hanno momenti di calore durante l'anno, ma il resto del tempo fanno altro. La vita significa molto più del semplice sesso”.

"Come può essere", chiese Mandy mentre le lacrime le scorrevano lungo le guance. "Perché dovrebbero forarmi il seno in questo modo se non dovessi farmi scopare costantemente? Non voglio che queste cose sporgano fuori da me. Li sento continuamente. Anche quando voglio pensare ad altre cose, l'unica cosa che mi viene in mente è il sesso perché ha cambiato permanentemente il mio corpo. Se non fossi destinato a essere scopato costantemente, perché avrebbero dovuto farmi una cosa del genere?"

"Chi?" Jason era molto preoccupato. Mandy scosse la testa, rifiutandosi di dirglielo. Però aveva già una buona idea. Aveva appena trascorso il fine settimana con Miles ed era tornata troia. La risposta era ovvia. Se avesse avuto qualche prova avrebbe chiamato subito la polizia. Sfortunatamente, la persona il cui sperma era dentro di lei in quel momento non era Miles ma Jason stesso. Prima doveva aspettare e raccogliere le prove.

"Cosa fai?" chiese Mandy quando Jason cominciò a sganciarle gli orecchini dai capezzoli. Lui non rispose e mantenne semplicemente un'espressione solenne mentre li allontanava. Lei piagnucolò leggermente e si strofinò le gambe mentre la sensazione la eccitava leggermente.

Guardando la ragazza sulle sue ginocchia, Jason sentì che la sua espressione era cambiata completamente da troia a ragazza innocente. La sua fica nuda si stava ancora bagnando e lei lo guardava con l'aspettativa che lui l'aiutasse a risolvere la sensazione, ma sembrava ancora meno sicura di sé di quando lo implorava di scoparle la gola.

Jason si sentiva una persona terribile mentre cominciava a toccarle la fica bagnata. Nonostante la conclusione a cui era appena giunto riguardo al fine settimana con suo padre, lei era ancora una ragazza nuda sulle sue ginocchia e non poteva lasciarsi sfuggire questa opportunità. Miles aveva già fatto il danno e se quel figlio di puttana meritava di godersi la sua fica, allora lo faceva anche Jason.

"Sei così cattivo", piagnucolò Mandy quando si rese conto che, nonostante il suo atto di gentilezza, l'avrebbe usata almeno un'altra volta.

"Hai spazio per parlare?" Jason fu sorpreso da quanto fosse bagnata.

Mandy allargò lentamente le gambe, rivelando completamente la sua fica nuda. Era ovviamente imbarazzata ma sembrava volere che Jason le facesse i complimenti. La fissò meglio che poteva. Era sempre eccitante per lui quando una ragazza allargava le gambe nel porno che guardava. Se avesse tenuto le gambe chiuse in modo che non si potesse vedere altro che il cazzo dell'uomo mentre la colpiva, allora avrebbero potuto anche girare il video al buio, per quanto riguardava Jason.

Senza pensarci davvero, Jason prese il telefono e scattò una foto di Mandy di fronte. Si coprì parzialmente il viso prima del flash e poi si voltò a fissarlo. "Voglio solo la prova che non sto sognando", ha spiegato.

“Non hai bisogno di foto però. Questo non deve essere fatto solo una volta. Finché lasci che io e la mamma viviamo qui, ti lascerò fare quello che vuoi", gli assicurò.

"Cosa farai se tua madre lo scopre?" chiese.

"Vuoi dire cosa farai", rivoltò la minaccia contro di lui. "Puoi fare quello che vuoi, ma spero che tu eserciti moderazione o sarai più nei guai di me."

Come punizione per il suo labbro, Jason le pizzicò uno dei capezzoli. Quando aprì la bocca per gemere lui spinse le dita dentro e allungò una delle sue guance mentre la guardava affettuosamente. Solo perché lei era senza pantaloni sulle sue ginocchia non significava che il suo inguine fosse l'unica cosa a cui era interessato. I corpi interi delle ragazze erano un piacere visivo per Jason. Era il tipo che organizzava una partita di pallavolo o di tennis solo per vedere i loro glutei e i loro petti rimbalzare e dimenarsi.

Guardando la troia dai capelli rosa sulle sue ginocchia, Jason immaginò come sarebbe potuta apparire in un'uniforme da tennis. Avrebbe posato per lui con la vita della gonna abbassata abbastanza da permettergli di vedere le linee dei suoi fianchi? Se si fosse chinata avrebbe potuto scattare una foto delle sue mutandine in bella vista. Se non indossasse il reggiseno, avrebbe potuto inclinare la telecamera dal basso per una ripresa sotto il seno.

Mandy aspettava con impazienza mentre Jason continuava a sognare ad occhi aperti mentre giocava con la sua bocca, facendola sbavare incessantemente. Il suo inguine bagnato stava diventando freddo. Non c'era da meravigliarsi che le ragazze tenevano sempre le gambe chiuse. I ragazzi sono stati così fortunati ad avere un pozzo invece di un buco. Si sentiva come se avrebbe potuto pregare Jason di condividere il suo con lei se solo fosse stata un po' più sfacciata.

Dopo che un filo di bava scese lungo tutta la sua scollatura fino alla fica, l'impazienza di Mandy finalmente traboccò. Lei appoggiò la testa all'indietro per fissare Jason docilmente. "Riscaldami già", implorò.

Jason non perse tempo sollevando il suo piccolo corpo sopra il suo grembo in modo da poter riposizionare il suo cazzo. Quando la lasciò cadere, lei si assicurò di inclinarsi correttamente. Il suo cazzo oltrepassò l'ingresso della sua fica con poca resistenza e serpeggiava per diversi centimetri dentro di lei. Lei emise un gemito tenendosi la pancia.

Non era grosso come Miles ma lei non era cosciente quando suo padre le aveva tolto la verginità. Rispetto agli uomini che a turno l'avevano penetrata tre volte prima quel giorno, non solo era più grande ma era anche più bravo ad assicurarsi che lei potesse sentirlo piuttosto che semplicemente divertirsi.

La sua lingua scivolò attorno alle sue dita in bocca mentre i suoi occhi roteavano leggermente all'indietro. Continuava a muovere i fianchi mentre leccava le sue dita come un gatto. Con gli uomini prima di lei sedeva immobile mentre le spingevano dolorosamente i loro cazzi dentro. Ora alzava e abbassava i fianchi da sola, urlando leggermente più forte ogni volta che la punta del cazzo di Jason raggiungeva un po' più in profondità dentro di lei. Si sentiva come se stesse inseguendo qualcosa.

"Ti piace davvero il sesso, vero?" Jason le accarezzò i capelli con la mano libera.

Mandy si accigliò mentre aspettava che lui le togliesse le dita dalla bocca per poter rispondere. Quando non lo fece, lei semplicemente mormorò la sua risposta. "Non ho mangiato l'ex, ma non mi piace nemmeno farmi scopare (non odio il sesso, ma non mi piace neanche farmi scopare)." Semplificò la sua affermazione ma il suo significato era chiaro, solo perché il sesso era piacevole non significava che le piacesse lasciare che qualche amico a caso di suo padre avesse ciò che voleva con lei.

Jason le premette il clitoride con due dita mentre spingeva il cazzo dentro di lei. Quando la sentì diventare più bagnata, le incurvò e le fece scivolare dentro davanti al suo cazzo. Lei gemette mentre le sue palpebre sbattevano.

Jason si sentiva ancora come se stesse sognando. Viveva con questa ragazza da settimane e questa era la prima volta che la vedeva senza vestiti. L'aveva vista sorridere e abbagliarsi e l'aveva sentita ridere o urlare, ma ora poteva sentirla gemere e ansimare. Si sentiva a malapena la stessa persona. Prima di oggi non gli era mai passato per la mente di toccarla.

Non aveva idea che Mandy stesse pensando allo stesso modo. Ne sapeva abbastanza di relazioni per sapere che le persone di solito facevano sesso con altri della stessa età. Se le persone vedessero lei e Jason insieme fuori, penserebbero automaticamente che fosse sua figlia. Lei ridacchiò un po' mentre immaginava di correggerli flirtando con lui o forse di più.

Era ovvio però; il suo corpo era molto più piccolo del suo. L'ultima cosa che avrebbe dovuto farle era ficcarle il cazzo dentro. Chiunque lo sapesse avrebbe pensato che fosse un predatore. Nessuno crederebbe che fosse consensuale. Per questo motivo poteva percepire la sua apprensione. Stava usando la sua fica per sentirsi bene, ma questo era tutto. In realtà non stava cercando di scoparla e di farla sentire fottuta.

Lei appoggiò la testa all'indietro e gli sorrise dolcemente, mostrando tutta la sua parte anteriore nuda. Lei si leccò le labbra rosse e gli fece l'occhiolino mentre emetteva piccoli sussulti ogni volta che lui le tirava la fica con le dita un po' di più. Voleva che lui la guardasse, accettasse quello che stava facendo.

Alla fine, abbassò la testa e le morse l'orecchio, facendola sussultare rumorosamente. Il suo petto si sollevò e i suoi muscoli si contrassero, rendendo difficile muoversi dentro di lei. Lei arrossì per l'imbarazzo. Non aveva voluto che lui si comportasse in modo romantico. Si morse il labbro e lo fissò con gli occhi socchiusi mentre sollevava le gambe e metteva i piedi sulle sue ginocchia in modo da essere completamente sostenuta da lui. Iniziò a giocare con il proprio seno mantenendo il contatto visivo.

Jason le mise le mani sulla vita e la spinse fino in fondo sul suo cazzo. Lei emise un leggero grido ma ricominciò a ridacchiare mentre la calda sensazione di essere riempita cresceva dentro di lei.

Più la faceva rimbalzare in grembo, più lei si rilassava nella sua presa. Non aveva voglia di lavorare da sola e si lasciava semplicemente muovere a suo piacimento. Continuò a sporgersi sempre più in avanti finché la sua testa non si trovò proprio sopra il tavolino. Jason fu colto di sorpresa quando lei si irrigidì e sbatté le mani sul tavolo. Tutto il suo corpo iniziò a tremare e lei continuò a sollevare leggermente il sedere sul suo grembo.

La avvolse tra le braccia da dietro e la tenne stretta mentre lei tremava sempre di più. Lei sollevò le gambe dalle sue ginocchia e le tenne dritte verso l'esterno mentre tremavano anch'esse per l'orgasmo. Non passò molto tempo prima che Jason non riuscisse a trattenersi e venisse direttamente nella sua fica tremante. Lei gemette e scosse la testa, lasciando che i suoi capelli rosa, stopposi di sudore, le cadessero sul viso.

Era stupita da quanto fosse piacevole sentire il suo sperma schizzarle contro la cervice. Quel pomeriggio ne aveva versato dentro cinque volte tanto, ma non le avevano dato il tempo di goderselo o di odiarlo prima di ficcarle un altro cazzo dentro. Non è che la gangbang non fosse stimolante; semplicemente non le piacevano quei cinque uomini quanto averne uno con Jason. Ha anche iniziato a chiedersi se le sarebbe piaciuto fare più gangbang se avesse potuto duplicarlo cinque volte.

Jason dovette lasciarle andare la vita quando lei scalciò dal tavolo e si girò per affrontarlo. I loro fluidi articolari lo rendevano possibile, ma lui era ancora sensibile per la sborra. Stava sussultando quando i loro volti si incontrarono e lei lo baciò. Lei gli infilò la lingua in bocca e gli avvolse le gambe attorno alla vita dietro di lui sul divano.

Jason era abituato al fatto che le donne si stancassero di lui subito dopo il suo arrivo. Si sdraiavano sul letto lontano da lui e guardavano il muro. Nessuno di loro era così entusiasta. L'abbracciò forte e ricambiò il bacio, ritenendosi ancora una volta incredibilmente fortunato.

Rimasero incollati insieme sul divano finché il suo cazzo non diventò completamente flaccido e scivolò fuori da lei. Fu allora che si resero conto che la TV era ancora accesa e che il prossimo spettacolo di Jason stava per iniziare. Si preparò a sollevare Mandy dalle sue ginocchia ma lei scosse la testa. Di solito si addormentava accanto a lui sul divano, aspettando che andasse a letto per potersi distendere adeguatamente. Ignorando le sue proteste, la sollevò, la portò nella sua camera da letto e la adagiò. "Tornerò per te stasera", le assicurò. Alla fine la sua mente si calmò e abbassò la testa per dormire.

-------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --

Dopo il modo in cui si era svegliata quel pomeriggio, si aspettava pienamente di svegliarsi con Jason che la toccava in qualche modo. Fu allo stesso tempo sollevata e leggermente delusa nello scoprire che non era così. Si svegliò la mattina dopo, dopo aver dormito profondamente nel letto di Jason. Non sapeva se lui l'avesse raggiunta, ma sperava che lo avesse fatto. Si sarebbe sentita in colpa per averlo buttato giù dal suo letto.

Era ancora nuda, e dovette prendere velocemente una maglietta da indossare dopo aver fatto la spesa in soggiorno, rimanendo fuori dalla vista della porta della cucina dove sua madre e Jason erano entrambi seduti al tavolo. Quando entrò si sedette sulle ginocchia di Jason, proprio come il pomeriggio prima. Dopo essere stata maltrattata da cinque uomini a casa di suo padre, voleva avere il controllo su qualcosa e in quel momento era nelle mani di Jason.

Jason sospettava e confermava che non indossava mutandine o pantaloni sotto la maglietta facendo scivolare la mano sotto l'orlo e toccandola. Mandy emise un gemito esagerato ma basso. Lasciando che il suo intrigo avesse la meglio su di lui, Jason le passò le dita sul clitoride, sulla fica, sullo stomaco e sul seno. Mandy incrociò gli occhi e appoggiò il mento sul tavolo della cucina mentre si crogiolava nella sensazione del suo tocco che le copriva tutto il corpo sotto la maglietta.

Quando le toccò i capezzoli doloranti, precedentemente forati, lei sussultò rumorosamente. Sua madre si voltò a quel suono e vide per la prima volta le conseguenze dello shopping sfrenato di sabato. "Cosa ti è successo alla faccia?" Notò prima i suoi capelli e il piercing al sopracciglio.

"Papà mi ha lasciato tingere i capelli", Mandy ha adottato un personaggio carino e ha immediatamente incolpato Miles.

«A cosa diavolo stava pensando? Non gli importa della scuola?"

"Oh sì, devo andare." Mandy saltò giù dalle ginocchia di Jason. Si sporse leggermente in avanti per mantenere l'orlo della maglietta che le coprisse la metà inferiore sul davanti e sollevò intenzionalmente la schiena e scosse il sedere nudo verso Jason, prendendolo in giro per il fatto che doveva smettere di toccarla adesso. Jason mantenne un'espressione seria ma si sentiva estremamente eccitato. Questa ragazzina sapeva quello che aveva e lo sfoggiava. Gli ricordava una modella che muoveva i fianchi mentre faceva un giro in passerella. Un fine settimana trascorso con Miles le aveva insegnato che il suo corpo era un oggetto del desiderio maschile.

"Non andrai a scuola con questo aspetto!" Alexandria gridò a sua figlia. "Sarò umiliato quando i tuoi insegnanti ti manderanno a casa."

"Quindi non devo andare a scuola oggi?" chiese Mandy eccitata.

"Dovresti portarla in un salone oggi in modo che possa tornare alla sua normale routine il prima possibile", suggerì Jason. Nonostante amasse l'aspetto della sua piccola troia, si sentiva anche protettivo nei suoi confronti.

“La porterò domani. Oggi parlerò con il mio avvocato." Alexandria ha usato il suo telefono per scattare una foto di Mandy. “Questo costituirà un ottimo motivo per fare appello ai suoi diritti di visita”. D'istinto Mandy cominciò a seguire sua madre verso la porta. Alexandria si fermò di colpo e si rivolse a Jason: "Puoi guardarla per qualche ora?" pregò dolcemente. Alzò le spalle con disinteresse.

Non appena la porta si chiuse dietro Alexandria, però, smise di nascondere il suo sorriso. Mandy lo ignorò e si sedette all'estremità opposta del tavolo. "Ah, che freddo", ansimò quando sentì la sedia dura toccarle il sedere nudo.

"Vieni qui e ti riscaldo", si offrì Jason. Mandy cominciò a mangiare dalla sua ciotola di farina d'avena annuendo. “Vengo subito per permetterti di riempirmi il sedere con qualcosa di caldo, ma prima devo mangiare qualcosa. Ieri ero così occupato a darmi da mangiare liquidi che Miles si è dimenticato di darmi qualcosa di solido.

Jason si è sentito male nel sentire che era morta di fame e ha cercato di nascondere il fatto che il suo cazzo stava crescendo solo pensando al fatto che ieri avrebbe dovuto ingoiare un boccone dopo l'altro di sperma. Mandy ridacchiò quando lo vide chinarsi sul tavolo. Prendendosi un'idea, si mise in bocca una grande cucchiaiata di farina d'avena e poi scivolò dalla sedia e si lasciò cadere sul pavimento. Jason la sentì correre sulle mani e sulle ginocchia e abbassò lo sguardo giusto in tempo per vedere la sua testolina rosa apparire tra le sue gambe.

Non gli diede il tempo di protestare prima di aprirgli i pantaloni e mettere la bocca sul suo cazzo. Afferrò il tavolo mentre la calda e morbida poltiglia della farina d'avena nella sua bocca circondava la sua asta. Per prima cosa abbassò la testa, insaponandola con la pasta appiccicosa, poi la leccò come un lecca-lecca e la ingoiò.

"Avrò bisogno di una doccia," gemette continuando ad aggrapparsi al tavolo. Lei ridacchiò di nuovo, prendendolo in giro perché era fuori dal suo elemento. Quando ebbe riacquistato abbastanza compostezza, spostò indietro la sedia così lei dovette strisciare fuori da sotto il tavolo per continuare a succhiarglielo. La sua maglietta gialla le copriva tutta la schiena ma pendeva allentata e tremava con i suoi movimenti. Glielo tirò sul petto in modo che tutta la schiena, la vita e il sedere fossero visibili.

Sorridendo, guardò il suo sedere che dondolava insieme alla testa. Ogni volta che lo sollevava abbastanza, poteva effettivamente vedere la valle delle sue natiche. He wetted one of his fingers with her own drool around his shaft and then pushed it into her butt the next time it rose in the air. She squealed and almost collapsed against his crotch, breathing heavily through her nose. He laughed out loud while continuing to prod her anus.

Annoyed, she began to push his cock deeper into her throat until it popped past her uvula. Jason groaned again as he felt it mashing in the oatmeal that she had barely swallowed. Wanting to get past that sensation quickly, he grabbed part of her hair and yanked her head forward. His cock slid another inch into her throat but she quickly jerked back, pulling the whole thing out. Oatmeal followed immediately, spilling over her lips and chin and down onto her shirt.

She sat back on her knees staring up at him, tears from her eyes moistening the paste on her lips. The shape of her breasts and nipples was clearly visible through her damp shirt. She just stared up at him slightly dazed but also definitely proud of herself for successfully taking his cock deep enough in her throat to make herself puke.

Now you need a shower too,” Jason was nowhere near as pleased.

Mandy closed her eyes and tilted her head upward, thrusting out her chest and waiting patiently. Jason could guess what she was expecting but he still had to ask. “What are you doing?”

“The men yesterday gave me a golden shower,” she explained. “Don’t you want to try it?”

“Not in the kitchen,” he scolded her. He then pinched her nose and dragged her to her feet as she whined. When he let go, she still followed him to the bathroom obediently. She did not bother taking off her shirt before stepping into the shower and turning on the water. It would need to be rinsed somewhat before being washed in the laundry anyway.

There was very little room in Jason’s standing shower, so he waited outside. However, once she was satisfied that most of the vomit was off of her shirt, she turned to face him through the glass door. “Aren’t you coming in?” lei chiese.

“Are you done?” he asked back.

She opened the sliding door, letting water spill out onto the floor. Luckily there was another drain outside of the shower. “Don’t you feel sticky down there?”

“Whose fault is that?” He frowned at her.

“That’s why I'm offering to help you wash.” She began to lather her hands with soap. Despite having had his cock deep inside her throat twice in 24 hours already, he was still tempted to have her use her tiny hands on his shaft. She giggled as she saw him regain the hardness he lost on the way from the kitchen. He stripped quickly but stepped into the shower slowly, having to squeeze past her in the tiny compartment. She sat down on the bench attached to the wall and put her soapy hands right on his cock. She slid them down to the base and even ran her fingers through his pubic hair a few times.

She was already quite short compared to Jason but sitting down like this all he could see was the top of her pink head. Just like yesterday evening he felt the desire to pet her to let her know she was doing a good job. When she had finished rinsing the soap away, she kneeled down to the floor and moved her head close to his waist. She let his cock lay across her face as she stared up at him, silently asking if he wanted her to continue her escapade from beneath the kitchen table.

The contrast of his rough cock against her smooth freckled face was sexy enough, but he looked past her head to her chest. Her soaked shirt was still clinging to her, leaving the outline of her breasts and nipples perfectly visible. It was kinky to wear clothes in the shower but he really wanted her to be topless. He wanted to see if the color of her breasts matched her cheeks and what his cock would look like resting on top of them instead.

She was caught off guard when he squatted down to grab the hem of her shirt. He pulled it up above her breasts, exposing them with a springing jiggle, but the neck caught on her chin and she was pulled to her feet. Getting an idea, he moved the sleeves of the shirt behind her head and grabbed them like a handle with the rest still wrapped around her neck. He then used it to push her back down to her knees. She gulped nervously before opening her mouth and letting him guide his cock inside.

It felt odd and impersonal to have her head controlled by him despite him not actually touching her. She was reminded of the less gentle gangbang from yesterday. Slightly unwillingly, she was turned on by the memory and ran her hands down her body to touch her cunt. Seeing her getting excited and expecting to be getting back to the same level they were at before she puked, he thrust his hips hard and fast, impaling his shaft in her throat almost immediately. She made a sound as her throat expanded only to rub against her shirt garroted around her neck.

She almost felt like she was being strangled. When she tried to pull back, he did not move with her and she really did tug the wet cloth against her own neck. She became dizzy as her air was cut off. Her eyes rolled back in her head slightly and she relaxed her throat around his shaft. Feeling the relief in pressure, he pulled her further forward until her face was buried in his freshly washed pubic hair.

When the head of his cock slipped past her uvula, she swallowed instinctively, tightening her throat. This made his grip on her shirt feel loose so he tightened it as well. When she relaxed her throat again, the shirt dug into her neck even more. Her face was starting to turn red and her pupils had disappeared from sight. Getting afraid that she could not see him, she tried to speak but only gurgled. Eventually she decided she had to breathe and shoved against his waist. When his cock slid all the way out of her throat, it stopped bulging as much.

With the new found space in her throat she looked up at Jason and promptly vomited down her front again. In an attempt to stop her he tightened his garrote around her neck. She managed to stop but remained staring up at him with her tongue hanging out and a look of dizziness. He was pretty sure she would fall over if he was not holding her up by the garrote.

The sight of undigested oatmeal clinging to her breasts was slightly more kinky than when it was just all over her shirt. Almost involuntarily, Jason’s cock became more erect right before he began to cum. It splashed over her face and her tongue and even over her breasts. Mandy barely reacted, still just kneeling with her mouth open and her tongue out, unable to breathe or continue puking until he released his grip on her neck.

Jason was not thinking about how he was choking her at all though. He was wondering about how to turn her to face the shower so he could wash her chest again. While thinking, he recalled what she had said in the kitchen about a golden shower. He had almost no interest before but now he felt this was the only time he would ever do such a thing. He had just cum and the need to piss was present. She was in no state to protest.

With her mouth still open, a third layer of bodily fluid splashed over her face and chest. It washed away the cum and the vomit leaving her smooth flesh looking clean despite the fact that it obviously was not. When Jason was done peeing he lifted her to her feet again and grabbed her hair with his other hand so he could point her front toward the shower head. Her shirt tugged against the flesh of her neck as she was spun around in place.

He kept her face pointed upward until her open mouth had filled with water. It splashed onto the shower floor when he finally pointed her head downward. She braced herself against the wall with her back arched and her legs apart so she would not fall over. Her butt was sticking out right at Jason’s waist height. She finally closed her mouth when she felt his cock between her legs. It was still soft but getting harder. She tried to look at him but could not turn her head, only roll her eyes. She somewhat wanted to laugh at how insatiable he was but the tightness of the garrote prevented her from making any noise.

Jason let go of her hair and moved his free hand to her legs so he could play with her cunt from behind. The water running down her body made it easy to slide his fingers along her slit. She flinched and twisted her lower half when he flicked her clit but relaxed when he ran his fingers further back. Smirking to himself, he began to pull her butt apart as best he could with one hand. She was not all that surprised when she felt him poking her anus just like he had when she was under the kitchen table.

She jerked when his index finger slide inside the hole when it was wet enough and again when his middle finger entered. It took him time but eventually he got three fingers inside her. She continued trying to look back at him but her vision was becoming hazy from the lack of air. She leaned against the wall even more and relaxed most of the muscles in her body. Taking this as an invitation, he pressed his now hard cock to the outside of her anus and stretched the hole with his three fingers until the head of his cock fit inside.

She hardly seemed to notice until he removed his fingers and her anus contracted around his shaft. She was more bothered than she thought she would be by the fact that it could not close completely like it should have. Her whole lower half jerked and she clenched her eyes. She was instantly reminded of the first cock to ever penetrate her, her father’s friend Tom. He had spent nearly half an hour bouncing her on his lap before pissing inside her bowels when she failed to satisfy him.

Unable to separate the two events in her mind, Mandy began to thrash, pushing and pulling her butt against Jason’s penetration in an attempt to get him off as quickly as possible. If she did not make him cum, he would humiliate her again by treating her as a living toilet just like Tom.

Jason sensed nothing wrong and simply took her newfound vigor as excitement. He placed his hand around her front and slid it down between legs so he could finger her cunt. He curved his fingers up inside her and swirled them around, making her muscles go weak. Having lost her movement he instead pulled her against him, both by her cunt and by her neck. He slid her tiny body toward his and his shaft up her butt at the same time and then let her slide back off due to her own weight only to repeat the process again and again.

Whenever Mandy gave a blowjob, she felt like she was at least slightly in control; even when her partner forced her head down. However, sex always made her feel small and weak. Especially when her partner suspended her body and just moved her on his own, she felt tiny in comparison. The fact that her anus was tighter than her cunt and had to expand to suit an adult male cock only furthered the feeling. Being manhandled was exciting and terrifying for her. She was also excited by how terrifying it was and terrified by how excited she was.

Once she was sure Jason could suspend her properly by their three points of contact, her neck, her cunt and his cock in her asshole, she stopped pushing against the wall and let him pull her body away from it entirely. She felt the pressure on her neck the most and quickly slid her thumbs into the gap between the shirt and her throat to relief some of the pressure. Now she really was being slid on and off Jason’s cock at his leisure with no support from herself. She had handed over complete control of herself like a submissive slut and she could not tell if she liked it at all but also did not want him to stop shoving his cock up her asshole for anything.

The feeling of having her anus expanded for his too large cock and the fact that it could not close even when he pulled out because it was supporting her body weight by clinging to his shaft was sending constant sensations to her head. She wanted to thrash a lot more but she could not while suspended this way.

In complete control of her body, Jason likened Mandy to a doll in his mind. Her pink hair only furthered the illusion. It was the perfect metaphor for a girl that was a toy to both her parents in their battle for control of her. She was even more of a toy in her father’s eyes now as well; something to by played with physically. The more Jason grew to like Mandy the angrier he became at Miles for defiling her first, but he could not blame him. He was surprised it took Miles this long to start molesting his daughter. If Mandy were his, Jason could not say he wouldn’t have fucked her a long time ago.

Jason had to admit to himself that Mandy’s life in this house was only gonna get harder the longer she stayed. Any time Alexandria was out or asleep he was probably going to bother her. She had already lost her virginity and unless she got pregnant he was not permanently damaging her so she could stand to be a little accommodating.

Jason was brought back from his thoughts when he felt his little doll begin to spasm. He had to tighten his grip on her cunt and neck to keep her from falling as she began to kick wildly. He could see her toes flexing like fingers trying to grab anything. Unfortunately for her, all she succeeded at was impaling her asshole on his shaft harder and faster.

Jason felt liquid warmer than the shower water pouring out of her cunt around his fingers as she came. Her spasming was replaced with stiffness as all her muscles clenched and then by a loose feeling when they all relaxed. She almost fell off of him when her anus released its grip on his cock. He had to lower her to the shower floor by her shirt, which he finally let go of when she was no longer suspended. Seeing how red her face was, he checked to make sure she was still breathing before he was able to calm down.

She remained unconscious for the rest of the shower as he properly cleaned himself and her. He kept staring at her bare body lying face down on the floor, particularly her round anus. It refused to close and he genuinely worried if it would forever be stuck pried open in the shape of his cock. At least she would never forget him.

Jason actually wondered if her asshole would retain water if he propped her butt up at the right angle under the shower head. He did not get to try before she opened her eyes and rolled over. She kicked upwards like a child throwing a tantrum for a while before sitting up. She grabbed her stomach and looked up at him miserably.

“What wrong?” he was concerned.

“I haven’t kept anything down since the mall on Saturday,” she explained. She was going on two days without any solid food.

He almost sighed with relief. “Are you sure you’re okay?” chiese.

She had to follow his gaze down to her lower half before she knew how to respond to his question. She could not see what he saw but she could feel it. “You don’t have to worry about me,” she assured him. “I received the worst assfucking of my life in my own living room yesterday from 6 beads the size of your fist and a beer bottle. You’re welcome to try as hard as you want but you’re not gonna do much worse.”

When she stood up she felt her wet shirt slapping against her back. Like a panicking camper brushing off a snake, she ripped it off over her head and threw it at the wall of the shower. When he looked at her a little confused she pretended to be calmer than she was. “No one touched my neck yesterday so I wasn’t used to it. I don’t think I like breath play very much.” She left the shower before he could respond.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

By the time Alexandria returned from visiting her lawyer, Mandy had finally gotten something to eat. She and Jason were watching TV on the couch when her mother burst through the front door, swearing and shouting about what a prick Miles was. She stopped when she noticed Mandy sitting in just a pair of shorts, completely topless. Despite Jason’s protests, she had refused to dawn a new shirt after being strangled by her last one.

“Why aren't you dressed?” Alexandria asked the obvious.

“Jason wanted to know if all tits were as ugly as yours so I showed him mine. When he said mine looked better I was too flattered to stop showing them to him,” Mandy made up something random. Alexandria took a moment to process her daughter’s words before realizing they were nonsense and dismissing them as such.

“You’re going back to school tomorrow.”

“What about the salon?” Jason asked.

“My lawyer wants her to still look like this during our next court session,” Alexandria explained. “I’ve told all of her teachers what to expect and why. They’ve promised not to scold you or send you home. Try to put up with any bullying for the time being. If this goes well, you won’t ever have to see your father again.”

Mandy simply shrugged, pretending it was not a big deal. However, the moment her mother left the room she started hopping on the couch on her knees while grinning at Jason. He hugged and kissed her to celebrate as well. Her cheeks turned a little red as her exposed nipples brushed against his shirt. When he noticed he started playing with them forcing her to cover her mouth to keep from moaning. She kept an eye on the kitchen doorway where her mother disappeared, just in case they had to stop suddenly. They had been alone together all day but now that her mother was back was the moment they chose to start acting up again.

However, they were both ignoring the obvious problem. The next court date was not for another 3 weeks. Mandy was set to visit her father again in under 2 weeks. She was going to have to put up with his physical parenting at least once more before Alexandria’s promise came true and they both knew it. Playing around like this was just a temporary distraction from what was to come.

To be continued.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.