Lussuria nello spazio S1E4: Derivium ritrovato

707Report
Lussuria nello spazio S1E4: Derivium ritrovato

Maurine era emozionata. Aveva scoperto che non solo la nave aveva già scansionato il Derivium di cui avevano bisogno per alimentare i motori, ma c'era anche un'unità di estrazione modulare dispiegabile (MDE) nella stiva. Tutto quello che doveva fare era cercare nei registri i dati di scansione e sarebbe stata a posto. Si sentiva un po' in colpa per il fatto che il compito dei ragazzi e di Judy fosse così difficile.

**********************

"Wow, Don. È così difficile." Judy pompò le mani lungo la sua asta prima di infilargli la testa in bocca e farla roteare attorno con la lingua.

"Cazzo, Judy. Sei semplicemente la migliore bocca in assoluto su questo o qualsiasi altro pianeta." Don chiuse gli occhi e si appoggiò allo schienale, godendosi la magia delle giovani labbra, lingua e gola che infliggevano piacere al suo cazzo.

Judy fu momentaneamente distratta quando sentì una spinta al suo ano esposto. Si tolse il cazzo dalla bocca per protestare. "Papà! L'ultima volta che mi hai scopato il culo non ho potuto camminare per tre giorni. Puoi scoparmi la figa." La sollecitazione si fermò e lei riprese il suo tenero affetto per il cazzo di fronte a lei.

"Ne è valsa la pena," disse John alzando le spalle mentre abbassava la mira. Judy gemette attorno al cazzo di Don mentre lui spingeva lentamente nella sua fica stretta. Amava la sensazione della sua adorabile figa avvolta attorno al suo cazzo, e la sua bocca era un'opera d'arte, ma voleva solo un'altra sensazione di quello stretto buco del culo che lo stringeva di nuovo.

Judy sentì suo padre spingersi dentro di lei, il calore crescente che le riempiva la pancia finché la pienezza non raggiunse il suo grembo. Cercò di controllare il respiro mentre prendeva Don in gola, ma la sensazione travolgente dei due cazzi lo rendeva difficile. Sua madre era brava con due o anche tre cazzi contemporaneamente, ma Judy era migliore quando aveva un cazzo su cui concentrarsi completamente.

Dopo aver preso tutta la lunghezza del cazzo di suo padre, sentì il suo corpo rilassarsi. Presto riuscì lentamente a ritirarsi e cominciò a scoparla. Lo sentiva spingere dentro di lei finché il suo sedere non incontrava i suoi fianchi, poi la spingeva via dolcemente. Don sospirò mentre la sua lingua gli leccava il sacco delle palle e il suo cazzo era nel profondo della sua gola. Lo tirò via, accarezzando l'asta liscia e riprendendo fiato, prima di riprenderlo di nuovo in bocca.

John ha sondato l'ano di sua figlia con il pollice e, dopo un momento, si è aperto per il suo dito intruso. Dapprima le strofinò delicatamente l'orlo, poi mentre lei si rilassava, inserì prima un dito, poi un altro.

Judy ha sentito le grosse dita di suo padre toccarle delicatamente il culo mentre ogni cellula della sua figa veniva stimolata dal suo enorme cazzo. Sentì la pressione accumularsi nel suo corpo.

Pompava freneticamente l'asta dura di Don mentre spingeva indietro verso le penetrazioni di suo padre. Don si sobbalzò sul sedile, bagnandole la bocca e la gola con il suo sperma. La diga si ruppe e il corpo di Judy cedette all'orgasmo crescente, mentre la sua carne stringeva forte il cazzo e le dita di John. La fica spastica lo ha spinto oltre il limite e lui si è unito a Don nel ricoprire le viscere di sua figlia con uno spesso strato di semi.

*********************

John giaceva con la testa appoggiata sul sedere di Judy, la testa di lei in grembo a Don e il cazzo di Don appoggiato sul suo viso, quando Maurine li trovò. John aprì gli occhi e vide sua moglie in piedi davanti a loro, con le mani sui fianchi.

"Ehi, tesoro. Hai trovato il carburante?"

"In realtà l'ho fatto. Hai smontato il motore?"

"L'abbiamo fatto, sì. Adesso è caricato sul Carro."

"Bene, ma dovrai scaricarlo. I motori devono raggiungere la Jupiter, e a me servirà il Carro per procurarmi il carburante."

Don e John ascoltarono mentre Maurine esponeva il piano. I motori sarebbero stati caricati su slitte improvvisate e gli uomini li avrebbero trascinati sulla Jupiter. La gravità ridotta trasformerebbe un compito impossibile in semplicemente difficile.

Nel frattempo, Maurine e Judy avrebbero portato il Chariot e l'MDE sul luogo della scansione e avrebbero recuperato il carburante. Avrebbero riportato indietro il carburante e per allora tutto sarebbe stato installato e pronto per il decollo.

*********************

Maurine e Judy ammirarono le figure snelle che si allontanavano correndo da loro. Maurine strinse forte il sedere di sua figlia. "Va bene, bambina. È ora di andare in miniera."

Mentre viaggiavano verso le coordinate, Maurine continuava a lanciare sguardi furtivi a Judy, ammirando il suo corpo minuto in modi nuovi. Il suo corpo si scaldò all'anticipazione di un altro assaggio di sua figlia. Sperava che sua figlia fosse interessata ad assaggiarla in cambio. Non aveva mai avuto un'altra donna tra le gambe e l'idea era intrigante.

Judy monitorava l'unità di navigazione e faceva finta di non notare l'attenzione di sua madre. Si divertiva ad attizzare la brace, mentre trovava motivo di spremere i suoi piccoli seni o di massaggiarsi il morbido interno coscia mentre sua madre guardava.

Maurine accelerò, la sua lussuria superava la prudenza. Il Carro sbandò, il rimorchio sobbalzava e sobbalzava pericolosamente dietro, finché Maurine non bloccò i freni, sollevando una nuvola di polvere e detriti quando il trasporto si fermò improvvisamente.

"Siamo arrivati!" Maurine gridò con entusiasmo. Lei e Judy hanno creato l'MDE e questo ha preso vita, scavando in profondità nel terreno e nella roccia per estrarre il Derivium tanto necessario.

Maurine rimase trionfante, con le mani sui fianchi, e osservò il suo lavoro. Ansimò quando sentì le mani sollevarle le gambe dei pantaloncini e allargarle le guance. Scivolò in avanti e si afferrò alla porta del Carro.

"Mmm carino." Judy fece le fusa dietro di lei mentre abbassava i pantaloncini e li lasciava cadere a terra. Maurine sentì il viso di sua figlia premere tra le sue guance, poi tutto il suo corpo formicolò mentre Judy le leccava leggermente il buco del culo.

"Dio mio!" Maurine gridò mentre era irrigidita. Sentì la lingua calda e bagnata sondare più a fondo. Assaporò la piacevole sensazione e si concentrò sul rilassamento del corpo. Ben presto si arrese e inarcò la schiena per dare a Judy pieno accesso.

Judy leccava deliziosamente la fica e il culo di sua madre. Afferrò le natiche paffute di Maurine e tirò dentro il viso più profondamente che poteva. Respirò il profumo muschiato di sua madre mentre la sua lingua sondava nuovi sapori e consistenze.

Poteva sentire sua madre gridare. Tocca il culo di sua madre mentre le succhia il clitoride. Con il naso sepolto nella figa di sua madre, ha sperimentato completamente l'orgasmo di sua madre mentre le esplodeva in faccia.

Maurine si aggrappò alla porta del Carro mentre sua figlia veniva più forte di quanto non avesse fatto negli ultimi giorni. Quando finalmente riacquistò la voce sussultò: "Oh mio Dio, Judy. È stato fantastico! Ho bisogno di sdraiarmi."

"L'idea era quella, mamma." Judy sorrise mentre adagiava sua madre sul pavimento del trasporto. "Questo posto qui sembra comodo."

Maurine guardò sua figlia abbassare lentamente il sedere per sedersi sul viso di sua madre. Finalmente di fronte all'oggetto del suo desiderio, si tuffò per il secondo assaggio della figa succosa del suo primogenito.

All'inizio sentì il sapore familiare dello sperma di John, ma più leccava e succhiava, più il gusto lasciava il posto al sapore unico di Judy.

Mentre leccava e leccava sua figlia, sentì Judy iniziare a sondarle la fica, prima con poche dita, poi con tutta la mano. Strinse Judy più forte sul viso, i suoi gemiti furono attutiti dal corpo di sua figlia mentre Judy le stringeva la fica con intensità.

Judy affondò il braccio nella fica fradicia quasi fino al gomito. Sorrise al pensiero che questa era la seconda volta più profonda che avesse mai avuto nella figa di Maurine. Si divertiva al pensiero di scopare proprio la fica da cui era nata.

"Non c'è da stupirsi che Will se la scopi sempre," pensò Judy. "Dopo essere stato alla deriva per così tanto tempo, è come tornare a casa."

Maurine non era a conoscenza della rivelazione filosofica di sua figlia. La sua attenzione era sul pugno che stava trasformando le sue viscere in una zuppa calda e appiccicosa. Morse la coscia di Judy mentre un altro orgasmo la dilaniava. Il suo corpo si contrasse e le ondate di beatitudine attirarono più profondamente in lei il braccio intrappolato di Judy.

Judy poteva solo giacere lì, impotente, mentre il suo braccio intrappolato veniva tirato ulteriormente verso l'interno. Le sensazioni elettrizzanti l'hanno spinta oltre il limite e ha bagnato il viso di sua madre con il proprio sperma mentre le due donne si svuotavano completamente a vicenda.

********************

Gli uomini si avvicinarono allo schiantato Giove, senza fiato per il viaggio, ma per il resto di buon umore. Le slitte improvvisate avevano resistito bene e i motori recuperati erano in buone condizioni.

Il buon umore fu deluso quando trovarono Penny sulla porta aperta con l'aria preoccupata.

"Che succede, Pen? Dov'è Will?" chiese John.

La voce di Penny si incrinò mentre rispondeva, la sua voce rauca per le urla. "Io-io-non lo so. Stavamo facendo le pulizie e ci siamo presi una pausa. Devo essermi addormentato e quando mi sono svegliato lui non c'era più. Lo sto cercando da allora."

"Potrebbe essere andato in esplorazione. Sai come sta." suggerì Don.

"Il robot è ancora qui", notò John. "Robot non lo avrebbe lasciato andare lontano da solo."

John si guardò intorno, riflettendo, mentre Don cercava di confortare Penny. "Dov'è Harris?"

**********************

"Mi prenderò un po' di cazzo. Mi farò succhiare le tette. Mi prenderò un po' di cazzo! Mi farò scopare la figa!" June Harris canticchiava la sua piccola canzone inventata.

Si toccò la fessura appiccicosa, calda e bagnata per non avere finalmente interruzioni. Avrebbe cavalcato quel cazzo finché le sue gambe non avessero ceduto. Poi avrebbe lasciato che quel cazzo la cavalcasse finché...

"Mmff. Mmrrmph." Le grida soffocate le dicevano che il suo prigioniero, o meglio, il suo compagno poco consenziente, era finalmente sveglio.

"Ehi, tesoro. Oh, non preoccuparti. Te li toglierò di dosso tra un attimo. Non volevo che ti svegliassi e andassi fuori di testa o qualcosa del genere."

Will guardò June mentre lo slegava. Si tolse il bavaglio dalla bocca. "Che cazzo, signorina Harris? Cosa sta succedendo?"

"Oh niente." La sua voce era dolcemente dolce. "Volevo solo che fossimo soli, tutto qui. Una piccola nave, sempre stipati insieme, e a volte devi semplicemente scappare da tutto."

"Allora perché mi hai portato se vuoi stare da solo?" chiese Will, massaggiando di nuovo la sensazione nelle sue mani e nei suoi piedi.

"È sempre meglio stare da soli con qualcun altro. Non sai mai quando potresti aver bisogno di qualcuno con cui parlare..." Si avvicinò al suo orecchio. "Oppure hai bisogno di qualcuno con cui scopare."

***********************

"Non ci sono molti posti in cui potrebbero essere. Cala la notte presto, e avranno bisogno di un posto caldo. C'è la Jupiter, che è stata perquisita, il relitto, e per raggiungerli avrebbero dovuto passare oltre, e il container gettato in mare." John, da sempre militare, era in modalità strategia.

Penny si rianimò. "Allora andiamo a prenderli!"

"Whoa. Dobbiamo anche installare i motori. Io andrò a cercare Will, mentre voi ragazzi lo fate." Giovanni ha detto.

Penny non ne aveva sentito parlare. "È il mio fratellino. È una mia responsabilità e l'ho perso. Verrò con te e questa è la cosa definitiva."

La sua determinazione era così forte che John fu messo a tacere. Don parlò a bassa voce. "Posso gestire i motori. Mi farò aiutare da Robot."

In inferiorità numerica e senza armi, John cedette. Penny indossò la sua attrezzatura da corsa e partì con suo padre per rintracciare suo fratello, mentre Don iniziò il processo di equipaggiamento della nave con motori del futuro.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

Revolutionary Magic # 102: venduto a cinque

Dall'anno -12 all'anno 4 Il mio nome è Nessa. Oggi ho finito di scrivere in anticipo. Voglio scrivere di più così parlerò -a voi che venite dopo- di me. Non ricordo dove sono nato o come si chiamava la mia famiglia e sono l'unica Nessa in circolazione, quindi non ho mai avuto bisogno di un soprannome. La mia famiglia era composta da servi. Il fratello maggiore era più vecchio di me. Penso che fosse sposato. La sorella era più grande di me ma molto più giovane del fratello maggiore. Il fratello era più giovane di me e la mamma era incinta...

979 I più visti

Likes 0

SOVRANITÀ 19

Merlin aveva un piano, un piano che gli aveva dato il suo Barlume. Guardando Hopix sapeva che era pericoloso, il temperamento di Hopix era quasi leggendario. Merlin sorrise quando ricordò la prima volta che Glimmer aveva perso la pazienza con lui, dannazione, ma quella non era stata una bella giornata questo era sicuro. Sospirando, prima Alan ha dovuto sconfiggere gli ultimi tre. Merlino sapeva che gli ultimi due semplici maghi non sarebbero stati un problema, ma questo campione era un'altra questione tutti insieme. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per aiutare Alan. Schioccando le dita Merlino si concentrò e creò una...

808 I più visti

Likes 0

La famiglia dopo la festa

Ogni anno la mia famiglia si riunisce per una riunione del fine settimana. Lisa e io avevamo un sacco di attrezzatura da campeggio. Abbiamo portato i ragazzi in campeggio diverse volte durante l'estate nei fine settimana mentre crescevano. Piantammo le nostre tende nel campo di mio nonno abbastanza lontano da casa da poterci divertire un po' dopo l'ora. Provenienti da una famiglia numerosa, molti di noi fumano sigarette e altre cose, oltre a bere. Come nostra pratica, Lisa ed io avevamo una grande tenda a cabina dell'era della guerra civile che abbiamo assemblato in poco tempo. Abbiamo vissuto vicino alla sua...

1.3K I più visti

Likes 0

La famiglia Margey - Libro 6

Margey Famiglia Libro 6 Temi: ws, light scat, mast, lez Leggi le altre storie della serie (Libri 1-5) per scoprire il contesto completo, altrimenti alcune di esse non avranno alcun senso. Avvertenza: gli eventi e i personaggi di questa storia sono immaginari. Se provi a duplicarli nella vita reale, finirai per condividere una cella di prigione con un uomo grosso e grasso chiamato Bubba. 1) COLLEEN DEL MALI 2) ETTY VA IN TANGENTE 2) SALLY E MARY VANNO IN TRIGONOMETRIA 4) PASTO DI TRE PORTATE 5) MARGEY OTTIENE UN PO' DI CINESE 6) LA PROPOSTA DI CHRIS 7) IL TRUCCO DELL'Ombelico...

463 I più visti

Likes 0

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

Aprile (lungo)

April è una giovane donna di successo. I soldi non gli mancano e, a tutti gli effetti, è acceso e intonato. Ma ha un lato oscuro, un abbandono sconsiderato che minaccia di rovinarle la salute e la vita. Prima o poi, April si ritroverà in una situazione che si rivelerà un passo troppo lontano... oppure verrà salvata da se stessa esattamente dalla stessa situazione ma con un risultato molto migliore. Aprile. Capitolo primo. Il suo primo pensiero cosciente è stato che sono sveglio. Non aveva ancora aperto gli occhi, ma era consapevole dei suoni e del fatto che aveva freddo. Il...

672 I più visti

Likes 0

Tocco di bisogno

Un tocco di bisogno La ragazza era sdraiata sul letto di fronte al muro. Guardando le ombre che giocano attraverso il muro. Stava pensando di nuovo a lui. Era lui che la rendeva sempre così calda nel cuore della notte svegliandola con dolci baci sulla gola. Ma era tutto un sogno. Voleva quel tocco. Voleva il tocco dell'uomo che ama. Ogni volta che si svegliava con i morbidi baci alla gola, sentiva il calore che le si arricciava nello stomaco. Non sapeva cosa fare. Sentiva sempre l'umidità tra le sue gambe accumularsi lì desiderando il rilascio che sapeva che lui sarebbe...

1.9K I più visti

Likes 0

Indovino... prima parte

Mi chiamo Passion, non è il mio vero nome, ma andrà bene per questa storia. Circa tre anni fa stavo viaggiando in Nord America, vicino al confine americano-canadese, dove è stato trovato un piccolo motel. Solo uno di questi piccoli posti pittoreschi trovati fuori dall'autostrada; che è in alto tra le montagne boscose, con un negozio, una tavola calda e alcune stanze. Con questo essere in ritardo nella bassa stagione dei viaggi e nevicare come una tempesta! Questa è stata la prima volta che ho visto o addirittura toccato la neve in vita mia! Sono rimasto bloccato lì al motel per...

815 I più visti

Likes 0

La famiglia di Conor in pericolo! Episodio 1

Buona lettura ! Non esitate a farmi sapere la vostra opinione nei commenti. ---------‐---------------- Nella tranquilla vita di quartiere la famiglia Conor è composta da John il padre di 40 anni, Amanda la madre di 34 anni, Samuel il figlio di 17 anni, il padre John è spesso in viaggio per lavoro lasciando la moglie e il figlio soli nei giorni feriali. Samuel si sveglia nel suo letto spegnendo la sveglia che segna le 7:05, l'ora abituale in cui si sveglia per andare a scuola. Si guarda allo specchio nella sua camera da letto, è nudo, è abituato a dormire così...

746 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.