Ragazza grande_(0)

782Report
Ragazza grande_(0)

Se non hai ancora letto la mia prima storia, fallo se sei interessato. Ho intenzione di scrivere un paragrafo o giù di lì di informazioni prima di tutte le mie storie, quindi dai un'occhiata prima di passare alla storia vera e propria. Oppure vai direttamente alla storia e masturbati. Non mi interessa. Comunque, questa è un'altra storia su due adolescenti che scoprono il sesso. Solo che questa volta la ragazza è piuttosto grossa.

Onestamente, questo non è un mio feticcio o altro. Ma trovo attraenti alcune ragazze più pesanti se riescono a sfoggiare il look. C'è solo qualcosa in una donna grande che è molto sexy. Forse è perché mi piacciono così tanto i culi, e le ragazze grasse ovviamente hanno culi enormi. Ok, niente di più, goditi la storia, commenta, valutala e continua a controllare il mio profilo per saperne di più se ti piace davvero.

Grande ragazza
Di DirtyDay95

"Odio lo sport". disse Alex, osservando alcuni degli studenti più atletici della sua classe di ginnastica correre avanti e indietro con la pallacanestro.

“Sei solo geloso di quei ragazzi. Questo è quello che penso." Il suo migliore amico, Thomas, ha risposto. "Guardali, non vorresti sembrare così?"

Onestamente, l'ha fatto. Alex li osservò correre su e giù per il campo, lanciando velocemente la palla e sudando parecchio. Ognuno di loro era alto, muscoloso e attraente. Alex, invece, era basso e magro. Non ha avuto molta fortuna nemmeno con le ragazze della sua scuola.

Per anni Alex era stato tranquillo, timido e un po' solitario. Gli piaceva essere un solitario, ma spesso desiderava avere più amici, o anche una donna sexy con cui passare il tempo. Ma non sembrava troppo probabile. Era un fanatico. Uno sguardo al gruppo di ragazze attraenti che guardavano i giocatori di basket ricordò ad Alex quanto fossero impossibili le sue fantasie.

Erano dee assolute, tutte. Vita sottile, grandi tette, culi perfetti e belle facce. Alex li guardò tifare per gli atleti, saltando su e giù mentre le loro giovani tette sussultavano in modo seducente. Era sicuro che circa la metà di loro stesse attualmente scopando con alcuni dei giocatori di basket. Forse era per questo che Alex odiava così tanto lo sport, perché sembrava solo un altro modo per ricordargli che era zoppo.

"Credo di sì." borbottò Alex, distogliendo finalmente la sua attenzione dalla folla di ragazze attraenti. "Non ho mai intenzione di scopare, vero?" Borbottò.

"Ne dubito." disse Tommaso ridendo. Alex semplicemente si accigliò mentre Thomas rideva ancora più forte.

Piuttosto incazzato con il suo amico, Alex si allontanò dal campo da basket e uscì per un momento dalla palestra. Nessuno se ne accorgerebbe se se ne andasse per qualche minuto, comunque. Con sua sorpresa, non era l'unico a saltare la palestra. Qualcun altro era là fuori nel corridoio, una ragazza che Alex riconobbe da alcune delle sue classi. Era seduta sul pavimento appena fuori dalla palestra, giocando a un videogioco portatile.

Alex ha deciso, per una volta, di essere socievole. Per qualche ragione, la ragazza sembrava molto disponibile. Forse era la sua figura pesante o la sua pelle pallida che la rendevano meno intimidatoria di alcune delle ragazze meravigliose e perfette che camminavano nei corridoi. Nonostante fosse piuttosto sovrappeso, c'era qualcosa in lei che era piuttosto attraente. Come ci si potrebbe aspettare da una ragazza della sua taglia, aveva un seno molto grande che riusciva a sembrare grande e paffuto anche con la camicia ampia che indossava.

Le sue gambe erano spalancate e gli ampi pantaloncini blu che indossava facevano ben poco per nascondere le sue mutandine rosa in questa posizione. Non sembrò accorgersi che Alex avanzava verso di lei e non fece nulla per coprirsi. Alex poteva sentire il suo cazzo contrarsi nei suoi stessi pantaloncini. Facendo del suo meglio per ignorare il panorama, si avvicinò alla ragazza e si sedette accanto a lei. Lei lo guardò e fece un sorriso amichevole.

"Ciao chi sei?" Lei chiese. "Mi sembri familiare."

“Sono Alex. Abbiamo alcune lezioni insieme, credo. Disse sorridendo.

"Va bene, ti conosco! Sono Tara, comunque." Lei rispose.

«E cosa ci fai qui fuori?» chiese Alex.

“Non mi è mai piaciuta la palestra. Non è divertente essere quando sei così cattivo come lo sono io. disse Tara con una risatina. "È per questo che sei qui anche tu?"

"Sì, lo sport non è mai stato davvero la mia passione." Lui ha spiegato. "Che gioco è?" Ha aggiunto.

"È Donkey Kong." rispose Tara, leggermente imbarazzata. "Lo adoro."

Alex ridacchiò. Anche a lui piaceva molto il gioco e sentiva che stava già legando con questa ragazza. In passato, non si era preso la briga di ragazze più pesanti, ma c'era qualcosa in Tara che lo rendeva piuttosto ansioso di fare amicizia con lei. E poiché apparentemente avevano qualcosa in comune, sembrava che potesse essere una cosa abbastanza facile da fare. Guardò il gioco.

“Adoro Donkey Kong! Ci gioco da quando ero un ragazzino". Egli ha detto. Questo sembrò sorprendere piacevolmente Tara.

“È fantastico! Ascolta, se vuoi, puoi venire a casa mia e suonarla con i miei oggi dopo la scuola. Se vuoi, cioè. Disse, ovviamente un po' imbarazzata.

Il cuore di Alex batteva all'impazzata. Non era mai stato invitato a casa di una ragazza prima! Per un momento, gli fu difficile parlare, o anche solo pensare. Il nervosismo gli impedì momentaneamente di fare qualsiasi cosa, e iniziò a sentirsi leggermente sudato. Si asciugò rapidamente la fronte luccicante e decise che gli sarebbe piaciuto davvero uscire con lei dopo la scuola.

“Certo, sembra divertente. Possiamo vederci qui dopo la scuola, ok?" Alex rispose nervosamente. Lei gli sorrise e lui ricambiò il sorriso. Era nata un'amicizia.

Trascorse le lezioni successive pensando a Tara, sia come amica che come ragazza. L'immagine delle sue graziose mutandine rosa non aveva lasciato la sua testa per un momento da quando era successo, e ha dovuto sforzarsi molto per dimenticarsene per evitare di diventare duro in classe. Era anche estremamente nervoso. Come sarebbe uscire con lei? Come dovrebbe comportarsi?

All'improvviso, Alex si rese conto di non avere assolutamente idea di come comportarsi con le donne. Sebbene gli piacesse la solitudine, la sua mancanza di abilità sociali era uno svantaggio. Pensò alla loro prima chiacchierata e si rese conto di quanto fosse riuscito a recitare lui stesso. Ma se quella volta fosse stato fortunato? E se avesse pensato che fosse un perdente totale?

"No, fanculo." Alex pensò tra sé. “Ho solo bisogno di essere me stesso intorno a lei, ecco perché sta succedendo tutto questo. Se mi comporto come me stesso, non avrò nulla di cui preoccuparmi.

Alla fine, la scuola è finita e Alex è andato in palestra dopo aver preso la giacca dall'armadietto. Il sollievo e un po' di paura lo riempirono quando vide Tara che lo aspettava. Sembrava ancora più sexy ora che non era in tenuta da ginnastica. Nonostante fosse pesante, indossava abiti attillati che facevano un buon lavoro nel mostrare le sue molte curve. Indossava una pesante giacca nera, ma i suoi grandi seni erano ancora visibili, anche se coperti dal tessuto spesso.

"Alex, eccoti!" Disse, mentre lui le si avvicinava. "Sei pronto per andare?"

“Ho aspettato tutto il giorno. Andiamo." Lui ha risposto con un sorriso.

Il freddo inverno rendeva la passeggiata fino a casa di Tara piuttosto sgradevole, ma fu un viaggio veloce e in pochi minuti furono alla sua porta. Nessuno dei due ha detto molto durante il viaggio. Era ovvio che entrambi erano nervosi e nuovi a passare del tempo con il sesso opposto. Rapidamente, Tara tirò fuori una chiave dalla tasca e aprì la porta. Lei e Alex entrarono e si tolsero le giacche.

«C'è qualcun altro in casa?» chiese Alex. La casa era completamente silenziosa.

«Non credo.» Tara ha risposto. "Seguimi di sopra, ti mostro la mia stanza."

Stava davvero accadendo? Stava davvero per restare tutto solo con questa ragazza nella sua stanza? Sembrava troppo bello per essere vero, ma allo stesso tempo Alex era anche estremamente nervoso. Si chiese se avrebbe avuto la possibilità di fare sesso con Tara oggi. Sembrava improbabile, ma era arrivato fin qui, giusto?

Salirono le scale fino alla sua stanza, e mentre Tara saliva le scale il suo culo rimbalzava nei suoi jeans attillati. Alex, che era proprio dietro di lei, le fissò il sedere per tutto il tempo. Lei lo guardò e arrossì. Una volta entrato nella sua stanza, è stato sorpreso di vedere molti videogiochi e un muro coperto di poster di vari fumetti e cartoni animati. Questa ragazza era troppo bella per essere vera!

"Bene, cosa ne pensi?" Lei chiese.

"Questo è fantastico!" disse Alex, troppo stupito dalla stanza per essere timido o impacciato. “Questa potrebbe essere la mia stanza. Non pensavo che avessimo così tanto in comune!

"Sono felice che ti piaccia. Ora giochiamo un po' a Donkey Kong, ok?" Rispose lei, saltando nel letto e accendendo uno dei tanti sistemi di gioco che aveva davanti al televisore.

Per l'ora successiva hanno giocato ai videogiochi e hanno parlato praticamente di tutto. Ovviamente avevano molte cose in comune e gli piacevano molti degli stessi videogiochi e cartoni animati. Alla fine, l'argomento è passato alle relazioni. A quanto pare, nessuno dei due aveva mai avuto una relazione. Hanno parlato di baci e sesso, e alla fine Tara ha spento il sistema di gioco e ha guardato Alex negli occhi.

"Va bene, quindi nessuno di noi due ha mai baciato nessuno, giusto?" Disse cautamente.

"Giusto." disse Alex.

“Beh, forse noi due dovremmo baciarci in questo momento. In questo modo, potremmo avere entrambi il nostro primo bacio. Ha continuato.

"Per me va bene." rispose Alex con voce tremante.

Tara annuì e, dopo un breve momento di esitazione, si avvicinò al viso di Alex. Lui fece lo stesso, e presto le loro labbra si incontrarono e loro due si scambiarono un bacio dolce e amorevole. Entrambi devono essersi divertiti, perché pochi secondi dopo si diedero un altro bacio, e alla fine stavano iniziando a pomiciare. Sentendosi coraggioso e molto eccitato, Alex fece scivolare lentamente la lingua tra le labbra morbide di Tara e iniziò a esplorare la sua bocca calda. Sembrava incerta su come reagire a questo, ma era chiaro che le piaceva.

Continuarono a farlo per i prossimi minuti, finendo per rotolarsi dal letto e gemere sommessamente. Alex è stato il primo a rompere con riluttanza il bacio. Il giovane membro era molto duro al punto ed era abbastanza eccitato da provare a suggerire sesso al suo nuovo amico. Abbassò lo sguardo sui suoi jeans attillati e vide una piccola macchia umida tra le sue gambe. Qualcosa gli diceva che questo suggerimento poteva andare bene per lei.

“Vuoi andare oltre?” Chiese.

"Sì grazie!" Disse, sorridendo nervosamente.

Sentendosi un po' più sicura di sé, Tara iniziò a togliersi la maglietta. Ovviamente sentendosi un po' insicura riguardo al proprio peso, esitò per un momento. Alex ha visto questo e l'ha aiutata a toglierselo. Quando la sua camicia fu finalmente tolta, il giovane adolescente desideroso fu accolto da un grande reggiseno rosa che si abbinava alle sue mutandine. Trovò la sua pancia rotonda e paffuta molto carina, ma era più concentrato sul fantastico paio di seni nascosti dietro quel reggiseno.

"Mi toglierò il reggiseno da sola." Tara ridacchiò. "Presumo che tu non sappia come farlo." Se non fosse stato così eccitato, Alex si sarebbe offeso per quell'osservazione.

Il reggiseno si staccò rapidamente e un paio di tette pallide e paffute salutò Alex. Sembravano molto meglio di quanto immaginasse. Su ognuna erano appena visibili alcune smagliature leggere e i suoi capezzoli erano grandi e di colore rosa chiaro. Con cautela, li prese e iniziò a stringerli delicatamente tra le mani, facendo gemere piano Tara. Doveva farlo solo per qualche altro secondo prima che Tara fosse ansiosa di andare avanti.

«Voglio che me lo metti dentro, Alex. Voglio farlo con te. Ha supplicato.

Alex è stato più che felice di accontentarti. Si tirò giù i pantaloni per rivelare un giovane cazzo duro. Non si era fatto la barba di recente, quindi una chiazza piuttosto spessa di pube copriva il suo cazzo e le sue palle. Quindi, ha aiutato Tara a togliersi i jeans attillati e quelle sexy mutandine rosa. In pochi secondi, entrambi erano completamente nudi.

La figa di Tara era fradicia. Era davvero eccitata per lui! Entrambi sembravano insicuri su come farlo, ma Alex sembrava avere una buona idea di come funzionassero le cose laggiù. Spinse con attenzione il suo cazzo contro le sue labbra gonfie e glabre, e si fece strada facilmente dentro di lei. Stava finalmente perdendo la verginità!

Ma qualcosa non sembrava giusto. Tara aveva detto prima di essere vergine. Perché la sua ciliegia non è scoppiata quando Alex le ha messo il cazzo dentro? Cercò, per un momento, di dimenticarsene. Poi, decidendo che era una cosa importante, smise di spingerla dentro.

"Perchè ti sei fermato?" Lei chiese. "È stato davvero bello!"

"Sono contento, ma non avevi detto che eri vergine?" chiese Alex.

“Sì, sono vergine. Beh, non tecnicamente. Ho preso la mia stessa verginità, la mia ciliegia è scoppiata una volta mentre mi toccavo le dita. Lei spiegò.

Questo ha solo reso Alex più eccitato. Si afferrò le grandi guance del culo e iniziò a martellare la sua figa stretta e grassa da dietro, e tutto il suo corpo rimbalzava e si agitava per il puro piacere orgasmico. Poco prima che stesse per venire, Alex ha preso il suo cazzo da Tara e le è venuto su tutto il culo. Poteva dire che anche lei stava per venire. Si abbassò per afferrare la sua figa fradicia e la strofinò fino a quando anche lei venne, le sue grandi gambe avvolte strettamente intorno alla sua mano.

"Oh mio Dio, è stato fantastico!" Tara sussultò, lasciandosi finalmente andare.

Ha condiviso un bacio appassionato con Alex, e loro due si sono rannicchiati insieme a letto per un po' prima che Alex se ne andasse. Sfortunatamente, doveva andarsene prima che i genitori di Tara tornassero a casa. Ma entrambi sapevano che questa non sarebbe stata l'ultima volta che l'avrebbero fatto. Alex sorrise tra sé. Il solitario timido e geek aveva finalmente trovato un nuovo grande amico.

Storie simili

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

Quando non si proietta ombra

Quando un uomo che non proietta ombra è di questo mondo ed etereo. Attento all'amore fatale che porta perché è la tua anima che viene a rubare Nessuno camminerà davanti a lui né calcherà le sue orme. Perché dimora tra i vivi, ……… così come tra i morti. -Michael Fletcher Il Prologo. Torbridge, Devon. 1973 . Quando Elaine Hamilton trova un neonato abbandonato sulla soglia della chiesa tre giorni dopo il funerale di suo padre, il reverendo David Hamilton, lo vede come un segno di Dio. Avvolto solo in una coperta sottile e nudo come vuole la natura, il bambino era...

712 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

689 I più visti

Likes 0

Storia secondaria del patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano

Il patto del diavolo da miopenname3000 a cura del Maestro Ken Diritto d'autore 2014 Side Story Il patto del diavolo: Alison e Desiree si sposano Nota: questo avviene tra i capitoli 32 e 33. Venerdì 12 luglio 2013 – Alison Hertz – Il matrimonio Il giorno del mio matrimonio con la mia bellezza latina, Desiree, era finalmente arrivato. Dopo oggi, sarei Alison de la Fuente. Dopo aver annullato il suo matrimonio con Brandon, Desiree è tornata al suo nome da nubile. Era un nome molto più carino di Fitzsimmons. Desiree e io abbiamo passato diverse notti a letto a parlare del...

1.1K I più visti

Likes 0

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

767 I più visti

Likes 0

La data del matrimonio di Jennifer

Non era proprio dell'umore giusto per un matrimonio. Ma Katie era sua amica dai tempi del college, quindi Jennifer sentiva di doversene andare. Inoltre Joe era un bravo ragazzo. Quindi ha frugato nel suo armadio per trovare il vestito giusto. Di recente aveva perso una trentina di chili, quindi era un po' eccitata all'idea di provare uno dei suoi vestiti sexy più vecchi. Ha trovato quello giusto. Era lucido e nero. Non troppo corto ma nemmeno molto lungo. Non molta scollatura ma abbastanza per ottenere una seconda occhiata. Niente calze di nylon, dopotutto era estate. E le sue gambe lisce sembravano...

718 I più visti

Likes 0

Regina Yavara: Capitolo 8

Capitolo otto YAVARA Avevo visto Elena nuda centinaia di volte. Durante la nostra prima adolescenza ero stato terribilmente invidioso della forma della sua donna, e spesso l'ho ammirato. Ricordo come arrossiva quando mi sorprendeva a fissarla, ma non ha mai tentato di nascondersi. Sapevo perché allora, ma non ho mai detto niente. L'omosessualità era disonorata nella società delle Highland, e io temevo per lei. A dire il vero, avevo un po' di paura per me, perché anche all'età di tredici anni, avevo sentito uno strano formicolio quando avevo contemplato la perfezione che era Elena Straltaira. Ora ero cresciuto in un corpo...

766 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

2K I più visti

Likes 0

SOVRANITÀ 19

Merlin aveva un piano, un piano che gli aveva dato il suo Barlume. Guardando Hopix sapeva che era pericoloso, il temperamento di Hopix era quasi leggendario. Merlin sorrise quando ricordò la prima volta che Glimmer aveva perso la pazienza con lui, dannazione, ma quella non era stata una bella giornata questo era sicuro. Sospirando, prima Alan ha dovuto sconfiggere gli ultimi tre. Merlino sapeva che gli ultimi due semplici maghi non sarebbero stati un problema, ma questo campione era un'altra questione tutti insieme. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per aiutare Alan. Schioccando le dita Merlino si concentrò e creò una...

784 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.