La principessa schiava... Parte 6

611Report
La principessa schiava... Parte 6

Tessendo nel suo chiostro,
Mentre i venti arrabbiati cospirano;
Il ragno non ci fa caso
Di tutto il loro rumore e malizia
E le loro parole vuote e cupe.

- Il Cantico di Menkeret.


Una goccia di sudore mi scende tra i seni. Lo prendo e ne assaggio la salsedine. È il sale di me, il sale del mio sangue, il sangue della Mentrassa. Per me; una donna prigioniera e unica rappresentante del mio popolo in questa terra maledetta, quel sangue è una cosa preziosa. Solo di rado ora la mia schiavitù mi fa disperare e allora, è solo perché non sono in grado di alleviare la situazione degli altri. Sono, invariabilmente, i miei compagni di schiavitù.

Questa notte è davvero calda, ma il suo caldo non mi dà fastidio. Dopo tutto, a Darrakhai è piena estate e Darrakhai si trova molto a sud di Mentrassanae, la mia casa. Mi sdraio sul mio giaciglio nudo tranne che per una lunga fila di pesanti perline turchesi. È un regalo recente di un signore Darrakhai, un uomo di cui non mi interessa conoscere il nome ma al quale ho fatto piacere; abbastanza piacere, a quanto pare, da giustificare un gingillo così costoso. Lo indosso ora solo perché ho pronunciato incantesimi su di esso, benedetto e purificato con l'acqua; dedicandone l'uso a Menkeret, Signore di Illuta, mio ​​dio.

In passato trascorrevo lunghe notti estive come questa in cima alla casa della mia famiglia a Illuta, negli accoglienti confini dell'osservatorio di mio padre. Aveva costruito una comoda culla imbottita di velluto all'interno della minuscola stanza, dalla quale poteva contemplare e osservare le stelle ei pianeti in tranquilla solitudine. Lo usava raramente dopo aver sposato mia madre e ancora meno dopo la mia nascita. Per me era un luogo di rifugio dal trambusto senza fine della nostra grande casa. Di tanto in tanto mio padre si univa a me e, comodamente accoccolati insieme, parlavamo. Era di stregoneria che parlavamo più spesso.

"No, figlia mia", diceva gentilmente, scuotendo la testa.

“Non è né il tempo né la stagione. Se vuoi essere il successore di Zia Tal Kadzior, la grande maga, devi studiare e disciplinarti come ho fatto io; imparando le vie dello stregone un passo alla volta. A cominciare da ciò che può fare meno male a te e agli altri.

“Ma padre…..”

"Hai visto cosa è successo quando hai aperto il sacro Cantico e letto da esso senza la mia guida."

"Sì", la mia faccia iniziò ad arrossire.

Notando questo, sorrise e mi abbracciò. Con la sua voce calma e rassicurante continuò.

“Hai il potenziale per essere una grande e potente maga; sei già un adepto, un iniziato dei nostri misteri e conosci la disciplina dell'arru-sha. I tuoi studi sono molto avanti rispetto a quelli dei figli di altri membri della mia corporazione e non generalizzo quando dico "figli". Sei l'unica donna di Mentrassanae ad essere stata iniziata all'arte da secoli. Dovresti essere orgoglioso di te stesso come lo sono io di te.

La conversazione di quella notte mi fece impressione per una serie di motivi, ma principalmente perché era la prima volta che mio padre riconosceva che ora ero una donna. L'ho notato e lui ha sorriso.

"Oh, sei una ragazza brillante e ancora una bambina ostinata, ma sei davvero diventata una bella donna."

Più tardi quella notte, mentre osservavamo attraverso i suoi strumenti ottici il transito della luna vulcanica Teleia sulla faccia del gigantesco pianeta Cavourus, mi disse:

«Molta stregoneria, sai, non può essere affidata alla carta.»

"Perché? Metterlo giù lo sminuirebbe, permettendone la lettura alle masse comuni?

"NO. La natura di gran parte del potere è puramente istintiva. Viene dal tuo cuore e dalla tua mente proprio come un ragno sa come costruire una tela senza bisogno che gli venga insegnato come farlo. Abbi fiducia nei tuoi sogni, figlia mia, nei tuoi sentimenti, nei tuoi sensi e nella tua intuizione: lì risiede la grande magia.

Le lacrime ora mi bagnano gli occhi mentre ricordo le sue parole, il suo viso gentile, il suo tocco gentile e i suoi profondi occhi verdi. Occhi proprio come i miei; occhi nei quali forse non guarderò mai più. Stringo forte il filo di turchese.

Si sente bussare piano alla porta. Velocemente mi alzo, mi asciugo gli occhi e mi schiarisco la gola. Dal momento che il mio visitatore si è preso la briga di bussare, so che sono uno schiavo e non un Darrakhai.

"Prego entra."

La porta si apre e vengo accolto dal volto molto segnato del vecchio Talhrana. Tengo in grande considerazione questa vecchia Naeussi. Di tutti i molti schiavi nella casa di Heshuzius, lei è sia la più saggia che la più avanzata negli anni; avendo trascorso più della sua vita da schiava che da donna libera. È una vera fonte di saggezza, ma parla raramente e ora mantiene il silenzio. So che deve essere qui per volere della mia signora Itelyssia perché è una delle assistenti personali di Itelyssia. Lancia un'occhiata al mio corpo nudo e il minimo accenno di sorriso attraversa il suo viso imperscrutabile. Poi si gira. Sul pavimento di pietra dietro di lei c'è un vassoio su cui vedo una porzione di arrosto di maiale e una profusione di verdure e verdure, tutte aromatiche e sontuosamente cucinate con spezie. Talhrana prende il vassoio e me lo presenta.

«Per grazia di Nostra Signora Padrona», dice laconicamente.

Le prendo il piatto, respirando i meravigliosi aromi. Posandolo sul mio giaciglio, noto che è ancora in piedi davanti alla porta.

“Talhrana, venerabile amico, ti piacerebbe unirti a me? C'è molto più cibo qui di quanto io solo possa mangiare.

"No, bambina mia, gli dei ti benedicono mille volte." dice piano. "Ho i miei doveri di cui occuparmi."

Sono deluso ma capisco; è il suo modo di obbedire come il mio è di ribellarsi. Si fruga in tasca e ne estrae un oggetto scuro e pesante. È una chiave. Una chiave dal cui anello pende un cordone di seta con un tris di perline; due d'oro e uno centrale di rari lapislazzuli. Lo riconosco subito; è la chiave della Camera Lapislazzuli. I miei occhi si spalancano mentre me lo porge, riesco a malapena a contenere la mia gioia.

"Mi è stato ordinato di dirti che devi restituire questa chiave all'ufficio del maggiordomo domani all'alba."

Lo prendo da lei, promettendole che lo farò. Non aggiunge: "Se non lo fai, saremo entrambi puniti". Lei non deve.

La ringrazio e mentre se ne va, guarda di nuovo la mia nudità. C'è dolcezza nei suoi occhi. Forse le ricordo la sua giovinezza e la sua bellezza in passato. Mentre se ne va chiudo la porta e guardo il vassoio. C'è abbastanza cibo per sfamare quattro schiavi, ma se dovessi condividerlo, incorrerei sicuramente nel dispiacere della padrona. I Darrakhai non sono un popolo particolarmente altruista e trovano difficile comprendere il comportamento altruistico degli altri. Vedono questo comportamento come sciocco, ma capiscono la punizione e la ricompensa. Questo cibo e questa chiave, a quanto pare, sono la mia ricompensa per aver di recente soddisfatto Lady Itelyssia.

Prendo la chiave. Ho frequentato e servito con il mio corpo nella Camera Lapislazzuli, ma mai prima d'ora ero in possesso della chiave. Decido di portare con me il cibo e di lasciare il resto discretamente nelle cucine dove l'uno o l'altro degli schiavi potrebbe prenderne parte. Mi avvolgo un pezzo di tessuto fatto in casa intorno alla vita, legandolo al fianco ed esco dalla stanza. Il lungo corridoio fuori dalla mia cella è silenzioso e illuminato solo da piccole lampade. Faccio diversi giri lungo la strada. Da questa parte della casa il corridoio è solitamente vuoto e ordinato, quindi la mia curiosità si accende quando, davanti a me sul pavimento, vicino a uno degli antichi recessi nel muro, rilevo un oggetto.

È solo una piccola pantofola semplice, come quella che indossano gli schiavi, ma mentre la raccolgo, noto diverse gocce scure sul pavimento accanto ad essa. Sangue fresco, solo pochi minuti. La mia mente corre e penso al vecchio Talhrana.

“Se fosse passata di qui, una coscienziosa come lei avrebbe sicuramente raccolto questa pantofola. Potrebbe non essere passata di qui o, se l'ha fatto, la pantofola e il sangue potrebbero essere suoi.

Non riesco a rilevare uno schema nelle gocce sul pavimento, ma anche un certo numero di pietre sul muro sono macchiate e qui posso vedere le impronte delle dita.

"Perché qualcuno dovrebbe voler fare del male a una donna vecchia e inoffensiva come Talhrana?"

Appoggio il vassoio sul pavimento e controllo rapidamente di essere davvero solo. Non vedendo nessuno, premo le mani contro il muro in diversi punti, picchiettando le pietre più forte che posso. Il muro non si muove. In un istante chiudo gli occhi e mi concentro; entrare nello stato di arru – sha. Presto la mia mente è in grado di vedere oltre le pietre in uno spazio oscuro dietro di loro. Ci sono ragnatele, polvere e detriti ma c'è anche una porta, a pochi passi di distanza. La polvere intorno alla porta è molto disturbata e recente. Apro gli occhi e aggrotto la fronte. C'è qualche sinistro mistero qui. Se fossi più esperto nelle arti dello stregone, sarei in grado di passare attraverso il muro, come una volta; Avevo visto mio padre farlo. Per ora la porta nascosta deve rimanere un mistero. Come spesso accade, ora mi vengono in mente i versi del sacro cantico di Menkeret. Quando ciò accade, la mia gente crede, è una rivelazione divina, anche se il significato del dio è raramente chiaro.

Buio! Dal cuore della notte senza eguali;
cupa terra desolata della mia anima tormentata,
Dove io e io solo siamo condannati a vagare
Attraverso campi di dolore silenziosi e senza fiori.
Lost è oggi e Lost è il domani;
Mires entrambi, di dispiacere e di dolore!

Parole minacciose davvero!

Dopo aver superato diversi altri incroci nel corridoio, arrivo a un'ampia scalinata. Questi alla fine portano ai livelli più bassi della grande casa. Darrakhai è un antico regno. Se ne parla nelle cronache di Mentrassan che risalgono a più di duemila anni fa. Le sue città hanno subito molti sconvolgimenti; essendo stato sopraffatto e distrutto da calamità naturali, conquiste straniere e conflitti civili in numerose occasioni. La casa di Heshuzius non è stata risparmiata dalle fortune della sua città madre; il vasto edificio labirintico è stato aggiunto, distrutto e ricostruito molte volte, rendendolo un insieme di strati, ciascuno costruito sulle rovine del suo predecessore. Scendo le scale.

Arrivo ora a un pianerottolo dove c'è una lunga stanza illuminata da torce. La sua parete di fondo è dominata da una vasta porta di legno. Intricati e geometrici lavori in ferro impreziosiscono e rafforzano gli antichi legni di questa porta, neri come l'ala di un corvo. Mi fermo in mezzo alla stanza per ammirare l'antica fattura e per dire una preghiera silenziosa per le anime degli alberi; eroi non celebrati che sono. Questa è la porta della misteriosa Camera di Lapis, ma non è stata usata per secoli ed è un manufatto di un'altra epoca. Alla sua sinistra, quasi invisibile, c'è un'altra porta. Questo è piccolo e lavorato in legno di telkka, abilmente dipinto per imitare la pietra circostante. È di questa porta che ho la chiave.

La Camera Lapislazzuli è un'antica stanza; la reliquia di un'epoca passata di eleganza. La sua lavorazione è superbamente ingegnosa e di sorprendente complessità. Su ogni parete e in ogni spazio di un'enorme sala ottagonale ci sono mosaici di squisita bellezza; stilizzati nel loro disegno ma raffiguranti animali favolosi e piante sacre, luoghi mistici, divinità e personaggi augusti di un tempo lontano, i cui nomi si perdono nella notte dei tempi.

Il Lord e Lady Heshuzius intrattengono i loro ospiti più importanti in questa stanza ed è anche teatro di riti familiari e cerimonie religiose. Ma sono in gran parte ignoranti della sua storia e del vero significato della sua decorazione. Mi sono spesso divertito dai molti resoconti contraddittori su quanti anni ha la stanza, quale potrebbe essere stato il suo scopo originale, chi l'ha costruita e chi erano i maestri artisti. L'origine dei materiali costosi utilizzati nella sua costruzione e decorazione è ancora un altro dei suoi misteri. Di questi materiali, il più raro è il lapislazzuli. Ci sono grandi lastre molto levigate incastonate nelle pareti all'altezza degli occhi e innumerevoli pezzi più piccoli oltre. Predomina il blu intenso di questo vero lapislazzuli, ma gran parte del colore della stanza proviene da piastrelle di vetro e ceramica meravigliosamente lavorate di tutte le sfumature, realizzate per imitare il costoso lapislazzuli. Altrove c'è oro, sardonice e porfido, madreperla e tanti materiali squisiti che non so nominare. Che la Camera di Lapislazzuli sia un capolavoro sublime e un luogo di mistero, non c'è dubbio, ma di un'altra cosa sono anche certo. I Darrakhai di oggi non avrebbero mai potuto concepirlo.

All'estremità della camera, che occupa circa un terzo dello spazio disponibile, c'è un'enorme piscina sommersa. Alimentata da una sorgente sotterranea e regolata da qualche notevole sistema nascosto, l'acqua è sempre fresca e costantemente fresca. Mi chiama mentre appoggio il mio piatto su una delle panche di pietra rialzate. Queste "panchine", in mancanza di un termine migliore, sono adornate con molti motivi intricati, ma uno in particolare attira sempre la mia attenzione quando sono in questo posto. È esso stesso un occhio; nero, mezzo incappucciato, con uno sguardo di serenità divina, non dissimile dall'occhio sacro di Menkeret. Lo saluto con riverenza.

Perdendo il mio perizoma e il pesante filo di turchese, li metto insieme alla chiave sulla panca e mi avvicino al bordo della piscina. La mia spina dorsale formicola per l'attesa mentre metto un dito del piede nell'acqua e mando uno spruzzo verso il centro. alzo lo sguardo. Al centro della piscina c'è un alto piedistallo. Ancora un'altra caratteristica notevole di questo luogo straordinario. Sul piedistallo si erge la statua a grandezza naturale di una donna riccamente vestita e ornata. Come con il resto della stanza; molti materiali preziosi sono stati utilizzati nella realizzazione di questa figura. L'ho contemplato segretamente molte volte mentre prestavo servizio qui. Si tratta di una statua composita in metallo, avorio e pietra; riccamente intarsiato e di meravigliosa fattura. La sua identità, come tante altre cose in questa stanza, è un mistero. Ancora una volta ho sentito molti racconti stravaganti su di lei; ciascuno in contrasto, in linea di massima, con gli altri. Per me lei è, semplicemente e sicuramente, una dea.

Ancora una volta immergo il piede nell'acqua. È piacevolmente fresco; di nuovo formicolii di piacere mi attraversano, proprio come fresche gocce di pioggia sulla mia pelle. Non ho bisogno di altri inviti. Sarò per sempre grato a Oltos, il mio amore perduto, per molte cose. Uno di questi è che sono un ottimo nuotatore e subacqueo; anzi direi che la mia sicurezza e la mia abilità in acqua ora rivalerebbero con le sue. Sarebbe stato orgoglioso di me. In piedi con i piedi uniti, fletto i muscoli, allungo le braccia e abbasso la testa. Mi tuffo e dico una preghiera silenziosa alla dea sconosciuta davanti a me. Ora l'acqua fresca accarezza il mio corpo e lenisce le mie membra. Lunghe bracciate tagliano nettamente l'acqua, i muscoli delle gambe si flettono, spingendomi attraverso il fluido sensuale. Galleggiando ora in superficie, faccio diversi respiri profondi e poi mi tuffo. Vado sempre più in profondità, finché l'acqua non mi circonda, riportandomi al tempo prima della mia nascita.

"Tappati il ​​naso e soffia mia signora", dice una voce calda, ricca, nel profondo della mia mente. “I minuscoli fori nelle palpebre espelleranno l'aria e potrai immergerti più a fondo. È così che noi pescatori raccogliamo coralli e ricci di mare”.

“Sì Olto. Ricordo, la tua istruzione, ricordo, amore mio.

L'acqua mi accarezza come il tocco di mille mani morbide e rassicuranti. Nuoto l'intero giro della piscina due volte; tuffandosi più volte per esaminare il pavimento riccamente decorato. Che popolo devono essere stati questi antichi Darrakhai per creare questo; un luogo così diverso da qualsiasi cosa costruita dai loro moderni discendenti. Quando servo in questa stanza, uno dei miei doveri è salvare gli ospiti ubriachi, di tutte le forme e dimensioni, che cadono in acqua. Oh l'umiliazione! Ma ora che sono qui solo, la stanza è tutta mia; Io sono la sua signora padrona. Ma la mia solitudine è fin troppo breve.

Per debolmente, io qui un suono. È il rumore della porta che si apre. Seguono diversi passi silenziosi e vedo entrare lentamente una figura alta e vestita di nero. Scivolo silenziosamente di nuovo nella pozza prima di essere visto e galleggio immobile, osservando l'avvicinarsi dell'intruso. È un uomo; un individuo scuro e agile, dai lineamenti fini, dalle membra fini ma curiosamente sgraziato mentre guarda intorno con stupore la meravigliosa stanza che lo circonda. È Jaano.

Mentre si avvicina lentamente alla piscina, un sorriso si forma sulle mie labbra. Prendo silenziosamente diversi respiri profondi; i miei occhi non battono le palpebre mentre lo guardo fissare tutto ciò che lo circonda come un viaggiatore appena emerso dalle sabbie del deserto. Ma non riesce a vedermi. Gli lascio fare qualche altro passo verso la piscina e metto la testa sott'acqua. Le gambe e le braccia lavorano duramente per tirare giù il mio corpo. Ho forza più che sufficiente per permettermi di tuffarmi fino in fondo alla piscina. Una volta lì entro nello stato di arru – sha. Immediatamente l'acqua diventa senza peso su di me e sento una tremenda energia crescere nelle mie membra. Velato in un fuso d'oro di luce pulsante; Sento i miei piedi toccare il fondo liscio della piscina. Tentacoli di luce visibile, vivi e pesanti di mille colori emergono dalla mia spina dorsale e li mando contorcendosi fuori dall'acqua dove sta il povero Jaano. Lo vedo con gli occhi della mente. Ora alzo le braccia sopra la testa e spingo da parte l'acqua come se fosse aria, le mie gambe si flettono con forza con le forze che le attraversano. Mi alzo! Su e su, guadagno velocità ogni secondo e rompo la superficie con un forte tonfo. Vedo il viso di Jaano e arrivo all'altezza della testa della statua sul suo alto piedistallo, poi sono al di sopra di questi e vicino al soffitto. Ora riprendo il controllo mentre la gravità si impossessa finalmente del mio corpo e inizio la mia discesa. Le gocce d'acqua cadono con me mentre mi posiziono per un atterraggio spettacolare. Con le braccia tese scendo venti passi davanti a lui, sorridendo maniacalmente e ancora avvolta da una luce dorata che gli permetto di vedere.

"Per tutti gli dei!"

Dire che è stupito significherebbe sottovalutare grossolanamente la questione. Alza le mani e fa un passo indietro pronunciando diverse parolacce di Zonovon. Mentre i tentacoli si ritraggono, la luce intorno a me svanisce e dopo che l'ultima delle goccioline del mio compagno ha colpito il pavimento, parlo.

"Attento a che lingua usi davanti a una dea Jaano."

"È... è questo che sei, una dea?"

La sua voce trema leggermente mentre mi guarda negli occhi per un momento. Quindi distoglie lo sguardo e abbassa la testa, perché guardare troppo a lungo il volto di una divinità è un sacrilegio a Zonovon.

«No, è di quella signora laggiù, sul piedistallo, che parlo. Sono semplicemente…. Kayla.»

«Allora sei davvero una maga potente, bella signora di Mentrassanae.»

All'improvviso posso vedere la faccia di disapprovazione di mio padre che si profila nella mia mente. Mi avvicino a Jaano e gli porgo la mano. La sua stessa mano emerge, ancora fredda dalla paura, dalle sue vesti nere. Gli stringo il polso con tre dita in segno di amicizia; come è usanza a Zonovon. Finalmente sorride.

«No, ti sbagli amico mio» sussurro.

"Allora cosa devo fare io, un semplice musicista, di come te?"

“Le reti nere della rete Darrakhai trascinano lontano. Non sono che un umile bastoncino di legno galleggiante che hanno intrappolato.

Mi guarda dubbioso e io sorrido, cambiando argomento in questioni più banali.

"Perché sei così vestito?"

“Questo è l'abito dei 'Sublime Chamber Players of the Lord Deichellys', come siamo chiamati, in modo piuttosto fantasioso, dal nostro maestro. Deichellys è il figlio maggiore di Lady Itelyssia.

"Lo conosco. Quanti anni ha Deichellys? Dieci?" Rido, ma Jaano mi guarda un po' sulla difensiva.

"È abbastanza maturo, educato e raffinato... per un bambino di dieci anni e per un Darrakhai."

Rido ancora ma ora sono incuriosito.

"Sei un musicista?"

"Sì, suono lo Zonovon sondar e l'oud ma sono molto abile con il dilruba."

“La dilruba? Che tipo di strumento è quello?

“È un tipo di violino con manico lungo e corde d'acciaio; il corpo è in legno duro rivestito in pelle di capra. Suono e compongo canzoni e melodie per questo. Nell'antica lingua del mio popolo il suo nome significa "ladro del cuore".

Per un lungo momento lo guardo. Sono impressionato ma alla fine e involontariamente, i miei occhi lo innervosiscono.

“Un bel nome Jaano, rapinatore del cuore. Perché sei qui?"

«Mi è stato ordinato di venire qui da Lady Itelyssia in persona. Una delle sue cameriere mi ha dato indicazioni.»

"Era quella vecchia Talhrana?"

"Anzi."

“Non importa, continua.”

“La ragazza, Shuusa era, ha detto che avrei trovato la porta aperta. Ha detto che il mio compito mi sarebbe diventato evidente una volta arrivato. Ma qui trovo solo te.

"Solo io…?"

"No, mi fa piacere rivederti, ma forse puoi farmi un po' di luce sul perché siamo qui?"

"Forse, ma prima mangiamo."

Jaano è ancora visibilmente scosso dalla mia piccola esibizione di prima, quindi faccio del mio meglio per calmarlo. Diffida anche del cibo e spiego che mi è stato dato come ricompensa dalla nostra padrona. Il fatto che ne mangi un po' sembra rassicurarlo e finalmente mangia. Nonostante sia freddo, il maiale è arrostito al carbone e delizioso, le verdure semplicemente divine. Mentre mangiamo e parliamo, mi racconta della sua carriera di musicista; e sembra che sia piuttosto distinto in questo. Parliamo delle sue composizioni e, infine, della sua famiglia.

“Mia moglie ed io ci eravamo sposati solo due anni prima della guerra con i Darrakhai e della mia cattura. Ho perso lei e il nostro bambino non ancora nato.

"Sono addolorato per te amico mio."

“Ti ringrazio, o gentile maga di Mentrassanae.”

"Mi chiamo Kayla e non sono ancora una maga."

"Beh, io sono solo un semplice suonatore di dilruba e, ultimamente, uno schiavo di Lord Deichellys."

Sorrido e vedo il dolore inciso profondamente sulla sua fronte. Quanto più profondo deve essere inciso nel suo cuore!

«Parlami di tua moglie.»

“Era il centro del mio mondo; era coraggiosa e intelligente, una scultrice - brava con le mani, brava con un punteruolo, se necessario, e una donna gentile e generosa. Articolato, bello e vero. Mi manca ma, in fede; ora abita in compagnia degli dei e dei suoi antenati. Là, so che è la benvenuta.

"Sì."

«E tu Kayla, la futura maga?»

"Come ho detto, non sono che un bastoncino di legno galleggiante, un giocattolo del mare e dei venti."

«Non me lo dici?»

“Oh... la mia famiglia si disperava per me e una volta avevo un amante; un vero amore, ma il suo cuore apparteneva al mare. Sono stato uno sciocco a pensare di poterlo rivendicare. La sua vita, la sua bellezza e il suo coraggio sono stati dati da Dio. Coloro che gli dei amano, reclamano. È morto coraggiosamente, combattendo per difendere la nostra patria”.

"Allora anch'io piango per te, o bella signora di Mentrassanae."

"Piangiamo quando è la stagione stabilita, amico mio, ma facciamo anche quelli che amiamo e perdiamo l'onore di vivere come avrebbero voluto che vivessimo".

"Parole sagge, Lady Kayla, e vere."

I miei occhi lo guardano da vicino per un lungo momento mentre sediamo vicini in silenziosa contemplazione. Ora sembra non sentirsi a disagio in mia presenza. Mi pento di averlo spaventato a tal punto. Mi giro e lo affronto e ci guardiamo profondamente negli occhi. Lì vedo un desiderio profondamente radicato, ma è un desiderio per il passato e presto si allontana come fa l'oscurità prima dei primi raggi dell'alba.

“Rendiamo omaggio al passato Jaano ma rallegriamoci anche del presente.”

Lui annuisce e sorride tristemente. «Così com'è.»

Noi baciamo.

È solo per un momento, ma la tenerezza di quel momento rimane a lungo dopo che le nostre labbra si sono aperte. Distoglie lo sguardo dal mio viso verso la porta e sospira. Ora rivolgo il suo viso verso il mio.

"Stai in pace Jaano e credimi quando ti dico che questa camera è nostra per la notte."

Mi guarda con crescente incertezza. Prendo la chiave e gliela agito davanti alla faccia.

"L'hai rubato con la tua magia?" Sussurra.

«No, è la mia ricompensa da parte di Lady Itellysia, come del resto lo sei tu.»

"Me?"

“Sì, ora sei lo schiavo di uno schiavo mio caro Jaano; il più umile degli inferiori”.

Io rido e lui sorride.

"Mi prendi in giro Lady Kayla, ma stranamente, sono contento."

Le nostre labbra si incontrano di nuovo e questa volta c'è un ardore nascente nel nostro bacio. Esploriamo le reciproche bocche e labbra; dapprima con esitazione, poi con crescente abbandono. Dolci e sensuali, le nostre labbra abbracciano e accendono lentamente la passione dei nostri corpi. Come sempre, sono io l'aggressore; Prendo la testa di Jaano tra le mani e mi appoggio sulla sua bocca. Avidamente divoro le sue labbra e ben presto il mio ardore lo ispira a maggiori sforzi. Infila la sua lingua nella mia bocca, stuzzicando scherzosamente la mia, poi circonda le mie labbra e mi succhia il labbro inferiore; prendendo tutto in bocca. Sono impressionato e rinnovo il mio assalto alla sua bocca. Passano i momenti e mi sembra di essere sull'orlo di un'eternità di intimo piacere. Quando, dopo un po', ci fermiamo vedo i suoi occhi appannati.

"Ah, questo è quello che mi manca Kayla, l'indescrivibile piacere racchiuso in un bacio."

“Morbide ore di tenero ozio
Aspetta sia te che me
Per splendidi colori dell'oblio
Ora vesti il ​​placido mare;
Bandendo le nostre preoccupazioni e dolori
E tutto ciò che ci fa piangere,
Come prende in prestito il mare dal tramonto
Un velo per nascondere il profondo.
Ore morbide di tenero ozio
Per te e me da condividere;
Sul nostro mare di gioia;
Un mare senza paragoni.
Con teneri sospiri e dolci carezze
Mi sforzo di onorarti
E con ore di languidi baci
Sul nostro mare di blu.

L'ho incantato con questa canzoncina ei suoi occhi fissano i miei con impazienza e aspettativa. "Perdonami, non riesco a ricordare il resto."

"Non importa, è stato bellissimo."

«È una vecchia ballata mentrassan del nord. Baci bene Jaano.

"Sono tanto ispirato dalla tua bellezza quanto me e umiliato da essa."

Il mio primo impulso è di ridere di questo, poi penso che non si stia prendendo gioco di me, ma che ci sia una serietà nel suo cuore; un'onestà che i suoi occhi non possono fare a meno di irradiare. Mi viene in mente il mio pescatore perduto.

Lo bacio di nuovo e questa volta le mie mani accarezzano il suo bel viso dai lineamenti; tirandolo più vicino. Dopo lunghi istanti le sue mani mi accarezzano teneramente le spalle e la schiena. I suoi palmi forti e le dita flessibili del musicista tracciano i contorni delle mie spalle e lentamente, molto lentamente, si fanno strada lungo la mia spina dorsale. Il mio corpo freme e il mio cuore mi parla. Ora Jaano mi stringe la vita e io giaccio cullata contro il suo corpo. È gentile e la sua gentilezza dice della sua stima per me. Sua moglie era davvero una donna fortunata. Ma non sono un agnello bisognoso di tenerezza; Sono un tashk, un cacciatore solitario delle alte montagne del nord.

Mi stacco dal suo abbraccio e lo guardo; il mio viso è ormai una maschera, i miei occhi sono infiammati dal mistero e i miei denti sono scoperti. Mi guarda con gli occhi spalancati ma prima che l'incertezza attraversi il suo viso, scendo su di lui come il nobile tashk che si tuffa per uccidere. I miei seni si sollevano e premono contro il suo petto, i miei muscoli si flettono mentre bacio le sue labbra con fuoco incessante. Succhio il respiro dai suoi polmoni e getto i miei riccioli corvini sulle sue spalle mentre il mare agita le sue onde sulla spiaggia sfortunata. Le mie mani non sono oziose, e presto ho tirato fuori il suo corpo dalle vesti nere. Guardando ancora una volta la sua nudità, sono molto compiaciuto.

Metto uno dopo l'altro i miei seni nella sua bocca e mi diletto nel sentire la sua lingua ei suoi denti sui miei capezzoli. I miei capezzoli presto si induriscono e sporgono e vedo che anch'io gli ho fatto piacere. Il suo cazzo prende vita e si ferma, senza che io l'abbia mai toccato, contro il suo addome nudo. Ora lo afferro per la lunghezza e lo stuzzico dolcemente, lasciando che gradualmente la mia mano scivoli alla sua base dove pompo contro le sue palle pesanti. Li sento reagire alla mia pressione e iniziano a ritrarsi ma poi tolgo la mano. Jaano ha un bel cazzo; spessa e affusolata, elegantemente proporzionata e curva verso l'alto in linee piacevoli. Lady Itelyssia deve aver pagato profumatamente per lui. Ma per il momento il suo bel cazzo mi appartiene e lo vorrei tutto in bocca.

La mia lingua ama la sensazione della sua carne, la mia bocca lo divora avidamente. Faccio molta attenzione a ogni parte del suo cazzo; tornare più e più volte alla testa; ma non troppo spesso, perché desidero che duri la distanza con me. Jaano si sdraia e senza doverlo chiedere mi raccoglie delicatamente i capelli, permettendo a se stesso di assistere al bel lavoro che sto facendo con la bocca. Geme quando sento il suo cazzo contrarsi, pulsare e indurirsi rapidamente. Lo prendo di tanto in tanto dalle mie labbra infuocate, per soffiarci sopra dell'aria fresca e me ne strofino la testa luccicante sul viso, poi lo riporto avidamente nel profondo della mia bocca. Continuerei felicemente così, ma ora sento la sua mano sulla mia spalla, che mi spinge indietro.

“Sdraiati e riposati mia signora e, se è il tuo desiderio, accarezzerò le tue profondità interiori con la mia lingua, le mie dita e con tutto il mio cuore e la mia anima.”

“Che maniere raffinate, che civiltà non comune, che gentilezza Jaano e tutto da semplice musicista. Per favore, procedi.

Anche se il mio tono è beffardo e non è nella mia natura essere umile, vedo subito che è sincero nel suo desiderio di compiacermi e mi pento di avergli parlato così.

Mi sdraio sui gomiti e allargo lentamente le gambe. Sento Jaano che respira mentre contempla la scena davanti a lui. La sua mente è facile da leggere; i primi dubbi e apprensioni quando mi ha incontrato per la prima volta qui, ora hanno rapidamente lasciato il posto al desiderio e nutrirò quel desiderio finché non sboccerà nella lussuria. Dipinge linee lunghe e umide con la lingua lungo le mie cosce interne; assaporando la loro morbidezza e godendo della levigatezza avorio della mia pelle. Ogni volta che si avvicina alla sua destinazione finale; sempre più vicino ma non lo raggiunge mai del tutto. Mi piace questo tipo di gioco e, ancora una volta, ammiro la sua pelle scura e la struttura muscolosa. Jaano ha un bel corpo ma non glielo dirò, non ancora.

Per incoraggiarlo, ho allargato le mie morbide labbra; come un fiore che sboccia davanti a lui e offre il suo prezioso nettare alla sua bocca riarsa. Lecca la mia offerta con gusto. Sento la sua lingua esplorare ogni mia piega e serpeggiare lussuosamente nelle mie profondità nascoste. Ora Jaano rivolge la sua attenzione al mio clitoride. Noi di Mentrassanae riteniamo sacra questa parte del corpo di una donna; è l'essenza di lei, il nocciolo della sua femminilità e la fonte dei suoi piaceri più intimi. Jaano non ha bisogno di istruzioni mentre lo circonda con la lingua e lo accarezza con le labbra, massaggiando squisitamente la mia carne con la bocca e inzuppandomi con la sua saliva. Siamo dolcezza e sale insieme - una combinazione che trovo molto piacevole. Ora mi stritolo contro la sua bocca; il suo fiato caldo si aggiunge alla dolce sensazione già prodotta dalle sue labbra e dalla sua lingua. Dopo diversi momenti intensi, la mia carne trema di piacere. Prendo i suoi capelli e avvicino il suo viso alla mia figa. La sua risposta è scavare profondamente dentro di me con la lingua, sentendo e assaporando il mio orizzonte più intimo.

“Jaano”, lo chiamo piano e lui mi ignora. “Jaano, fermati, fermati”, ora obbedisce.

Lui si alza e io afferro il suo cazzo, massaggiandolo per tutta la sua lunghezza finché non è più sodo, poi lo guido dolcemente verso la mia figa. I suoi muscoli si flettono e prepara tutto il suo corpo per il compito che lo attende. Anche se mi entra lentamente, il suo cazzo mi riempie quasi immediatamente e la mia figa si adatta al suo glorioso spessore. Sono ancora più bagnato di prima, quindi Jaano trova facile riempire la mia fessura del desiderio. Ora mentre si inarca su di me, ammiro ancora una volta il suo corpo – davvero un premio; forse di proprietà della signora Heshuzius, ma in questo momento è tutto mio da godere e da assaporare. Jaano si appoggia su di me e ruba uno sguardo ammirato. Ma mentre comincia a spingere, distoglie lo sguardo. Mi considera ancora una dea? Gli prendo la testa e giro il suo viso verso il mio. C'è davvero un accenno di mansuetudine nei suoi occhi. Gli sorrido e alzo gli occhi mentre il suo cazzo aumenta i suoi sforzi dentro di me. He is reassured and now as our eyes lock we lose ourselves; each in the other’s gaze for a long while until I draw his lips to mine again. His tongue is purest honey, his eyes are polished onyx and his face; contorted with pleasure, is the very image of lust. SÌ! I would have him lust for me; me above all others!

My legs encircle his waist and I rest them upon his back; drawing his cock even deeper into me. This is the mode of sex I love best. My hands play with his body; my nails trace the glyphs that form the name of Menkeret, my god, upon his muscular back. I silently consecrate this rite of love to him; Menkeret, Lord of Eleision. Jaano tosses his head back and I feel his buttocks clench as he thrusts into me with growing abandon. Rhythmically, like the pulse of a drum he thrusts. I meet his every beat with equal force, I answer his every moan with a growl of pleasure, I return his every caress with tenderness and my eyes reply to the lust burning in his own. I have yet to meet the man who is my equal, but Oltos and Jaano have come closest.

We are as the wind and the waves; moving in unison through untraversed expanses of pleasure. He is the fire in my heart; I am the breath in his body, together we wordlessly extol the exquisite virtues of the flesh. His is merely the body of man, mine is merely the body of woman, but when we two meet a glorious, ethereal radiance is unleashed.

Jaano stands and I also rise. I face him, placing my joined hands behind his neck. Then with the utmost relish I impale myself again upon his cock. It is as a thorn in my body but a thorn that imparts pleasure, not pain. Jaano grasps my hips and together we are locked in a double embrace. I feel his cock pulse as it thrusts into me, sending wave after wave of tingling sensation through me. Jaano holds me firmly and presses his hands protectively into my flesh; thus I am comforted and bounce up and down now upon his manhood, edging gradually towards release. Jaano’s body tenses now too as his eyes feast upon the spectacle that is our love-making. I leer at him like an animal, my eyes hooded and my hair framing my face in wild disarray. I know that he likes this; I can sense it clearly in his thoughts.

“My tender sighs, my sweet attentions
I render unto you,
Upon a mystic sea of passion,
A boundless plain of blue.”

These words are enough. Upon one final stroke, Jaano groans and stands still. His iron grip tightens upon my flesh as he unleashes a torrent of hot man-seed deep within me. The sensation is exquisite and immediately, beginning with my clit, I feel my body shudder profoundly, tingle and rattle with wave after wave of ecstasy. After long moments, we settle upon the floor, both of us exhausted, dripping wet and breathing hard; a fitting testament to our exertions.

There, amidst the glories of the Lapis Chamber, we do not speak, we cannot speak; we are simply lost in an instant, beyond mere words, beyond time itself.


Stay tuned for part 7 of ‘The Slave Princess.”

Storie simili

Legami familiari (2)

Ho sollevato il mio cazzo da Stephanie e mi sono seduto. Stephanie si sedette in ginocchio e mi guardò. L'ho osservata nel bagliore dello schermo del suo computer. Ho guardato in basso il suo corpo nudo fino alla piccola piscina che si stava lentamente svuotando dalla sua figa. Una piccola pozzanghera dei nostri succhi d'amore. Beh... dissi. È meglio che vada a letto. Mi hai sfinito. Sì. Ho quell'effetto sulle persone. Lei disse. Ho allungato la mano e l'ho fatta scorrere lungo il suo braccio. Mi avvicinai e le diedi un bacio. Ci vediamo domattina. Ho detto. Prima cosa. lei rispose...

1.5K I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

1.4K I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

1.2K I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

1.2K I più visti

Likes 0

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

997 I più visti

Likes 0

Succhiare la vita parte 2

2. St. Louis e oltre Viaggiavamo lentamente, fermandoci ogni tre o quattro giorni in piccole città per riposarsi e rifornirsi. Alla prima occasione ho comprato un vecchio ma funzionale carro a scacchi e un'imbracatura per i due cavalli da soma, il che ha fatto risparmiare molto tempo a scaricare e caricare i cavalli. Ci siamo accoppiati quasi ogni notte mentre le abilità di Ellen sotto le coperte miglioravano. Le comprai scarpe e vestiti più adatti e le tenni costantemente conferenze sul comportamento corretto per le giovani donne poiché ancora, occasionalmente, si lamentava come una bambina quando è frustrata. Ci fermammo in...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.