Cumming dell'età _(1)

919Report
Cumming dell'età _(1)

Una storia ambientata molti anni fa. Prima ci sono io, di aspetto mediocre, né magro né grasso

brutto né caldo. La gente potrebbe dire che sono alto e intelligente, ma per quanto ne sapevo la gente non mi notava

basta dire queste cose.

Ho due fratelli maggiori che hanno 4 e 5 anni più di me. Uscivano sempre insieme e io sono finito

o essere la terza ruota o essere escluso. Ho imparato a stare bene con questo perché non ho molto in comune

comunque con loro. Entrambi i fratelli sono i "Coors!" e "Motociclette!" tipi, mentre giocavo a D&D e leggevo

libri. E ammettiamolo, disprezzavo davvero le loro menti inferiori. C'è qualcosa di cui sono sempre stato geloso

di loro per però. Sono sicuro che puoi dire tra il mio atteggiamento e i miei interessi che non sono mai stato popolare con il

le signore. I due sembravano avere nuove femmine ogni notte. Dico puttane perché è così che ho convinto

io stesso non volevo quello che avevano, mi sono detto che volevo una donna di qualità e sostanza, anche se la realtà

se mi stavo massacrando costantemente vicino a me stesso e avrei fatto la ragazza paffuta e ritardata in fondo alla strada

se me lo permettesse.



Avevo quattordici anni ed era l'estate dopo che avevo finito la terza media. Mio padre mi ha informato che lo eravamo

fare un ultimo importante viaggio in campeggio prima di iniziare il liceo. Stavamo per passare una settimana al

lago. Mio padre amava il campeggio. Dovevamo andare al lago ogni fine settimana durante l'estate dal mio

dai sette ai sedici anni. Non mi definirei un sopravvissuto esperto o simile, ma conoscevo il trapano e anche adesso

Posso tenere testa alla natura selvaggia. Dovevano essere nove notti sul lago, però. Otto giorni senza corrente o in esecuzione

acqua. Vento, terra, sole, sabbia e pioggia. Mio padre ha poi aggiunto che Mark, un amico di famiglia di lunga data, e sua moglie e

anche mia figlia si sarebbe unita a noi al lago.


Mio padre era amico di Mark da quando ricordo. Era un ragazzo piuttosto carino, una maglietta sulla schiena

tipo. È stato il ragazzo che mi ha dato la mia prima birra e mi ha aiutato a superare i miei primi postumi di una sbornia. Sua moglie

Julie era l'epitome di una MILF, una bionda alta e dalle gambe lunghe con grandi tette che sembra sempre urlare “Ciao!

Toccami!" con voce seducente. Ancora oggi sono convinto che mio fratello maggiore abbia perso la verginità con lei. Ahimè io

non ho prove in quanto tali, ho appena sentito una o molte allusioni e doppi sensi, oltre a cogliere alcuni

strani sguardi rubati tra loro due per non avere i miei sospetti.



Poi c'è Anna, la loro unica figlia. Un tipo biondo preppy cheerleader che sembrava avere sempre troppo

molto entusiasmo e ridacchiava molto più spesso di quanto fosse salutare. Era nel grado inferiore a me. E mentre ho

la conoscevo da quando eravamo piccoli e l'avevo vista in giro per la scuola molte volte, da allora non le ho mai prestato molta attenzione

Avevo un anno più di lei ed ero troppo bravo per parlare con una studentessa di seconda media. A quel tempo era chiaramente al di sotto

Me.



Siamo partiti dopo che mio padre è uscito dal lavoro, alle 5 in ritardo, quasi alle 6. Il lago era a tre ore di macchina, ma dovevamo farlo

fermati e aiuta la famiglia di Mark a caricare per prima. Mark e Anna erano fuori quando siamo arrivati. Ricordo Anna

salutandomi con un sorriso mentre si spazzola i capelli lunghi fino alle spalle dietro un orecchio. Era elegantemente semplice

esecuzione; un perfetto saluto civettuolo e fanciullesco. Un uomo più saggio avrebbe visto il suggerimento in questa azione.


Queste persone non erano sicuramente persone da campeggio. Per tutto il tempo che siamo stati lì ho pensato “Dov'è il

resto della loro attrezzatura?!” Per darti un'idea di quanto fosse brutto ti dico questo: hanno portato una ghiacciaia con una

dodici confezioni di soda con loro da bere. Una settimana lontano dalla civiltà e questo è tutto ciò che hanno portato. Durante il caricamento

il furgone con la loro “attrezzatura da campeggio”, per due volte mi è sembrato di vedere Anna che mi guardava lavorare. Ogni volta, tuttavia, lei

sembrò distogliere rapidamente lo sguardo.



Ci siamo fermati a cena da McDonald's a metà strada verso il lago. Il posto era pieno. Mai nella mia vita prima o

da quando ho visto così tante persone in un McDonald's. Abbiamo tutti aspettato attraverso una fila eternamente lunga. Anna la prende

prima il cibo e scomparve tra la folla. Gli adulti hanno poi preso il loro cibo e poi si sono fatti strada nel tesoro.

Mio fratello ha seguito l'esempio poco dopo.



“Scusa amico, abbiamo finito i panini. Ne abbiamo di più, ma il tuo cibo richiederà ancora qualche minuto. Un uomo dentro

mi dice il brutto cappello rosso e giallo. Lo fissai con aria assente, poi annuii. Almeno non ho dovuto sfidare la folla

ancora. Il mio cibo arriva e il manager mi dà un piccolo McFlurry gratuito dato che ho dovuto aspettare. Afferrare il mio cibo

vicino, entro nella calca dei corpi. Vedo per la prima volta i miei fratelli che sono riusciti a sedersi a uno stand

con quella che sembrava essere una coppia di ragazze collage e stavano rapidamente facendo la loro conoscenza. Vicino a loro io

ho visto mio padre, seduto con Mark e Julie, che chiacchierava, probabilmente di qualche stupida faccenda legata al lavoro.



Ho continuato a cercare. Non si vedeva un tavolo, una sedia, un separé o uno sgabello vuoti. Mi alzai, sentendomi leggermente

abbattuto, il mio McFlurry gocciola bontà cremosa e sciolta lungo la mia mano. Poi vedo Anna, seduta da sola a

piccola cabina nell'angolo. I capelli biondi raccolti in un'alta coda di cavallo. Salvezza!

Mi sono avvicinato al tavolo e mi sono seduto senza parlare. All'inizio sembrava sorpresa, fermandosi a metà frittura mentre mi sedevo. Lei

poi ho visto il dolcetto che si scioglieva e che avevo in mano. "Awe, avrei dovuto prenderne uno!" Ho guardato la dolce tempesta di

M&M e gelato alla vaniglia continuano a sciogliersi nella mia mano. Sapevo che sarebbe stato rovinato quando avessi finito il mio

pasto. Così gliel'ho offerto. "Veramente?" Sembrava strillare quando parlava.



“Sì, era gratis comunque. Dovresti prenderlo.



Mi ha strappato di mano il dessert fresco e ha iniziato a consumarlo allegramente, poi ha fatto una pausa "Aspetta, noi

dovrebbe condividere questo.



Ho alzato le spalle "va bene, ce l'hai. Inoltre abbiamo solo un cucchiaio, e non sono abbastanza coraggioso per lottare

ancora quello." Indicai lo sciame di persone tra noi e il chiosco dei condimenti. Sembrava che avesse un autobus turistico

è arrivato e ha depositato altre poche centinaia di persone nel locale.



Lei ridacchiò un po'. "Ecco", leccò pulito il cucchiaio che stava usando, "Puoi usare questo." Nel mio

l'ormone adolescenziale ribolliva nella mente c'era qualcosa di piuttosto erotico nel guardare la ragazzina di tredici anni

lecca un utensile di plastica pulito prima di offrirmelo. Dovevo ricordarmi di continuare a masticare e respirare, quindi non l'ho fatto

soffocare con il mio gustoso hamburger caldo. Quando non mi sono mosso per prenderlo, ha raccolto un po' di M&M-ricciolo di gelato

e lo puntò verso la mia bocca.



Ero agitato. Non sapevo cosa fare o pensare. I giochi di ruolo non avevano fatto nulla per prepararmi a questo

un'interazione. Ora so che, anni dopo il fatto, stava tentando di flirtare con me, ma in quel momento la mia mente

balzò da lei pensando che fossi un ritardato o qualcosa del genere. "Non ho due anni, posso farlo da solo!" Le parole sono saltate fuori

ed erano un po 'rumorosi e aspri anche alle mie stesse orecchie. Ne ho persino uno di quelli di traverso “cosa c'è che non va

tu” sguardi da una donna messicana di mezza età seduta nel separé accanto a noi.


Sembrava che l'avessi appena schiaffeggiata, poi arrossì di rabbia. "Stavo solo giocando." Anna si voltò

per mangiare tranquillamente il McFlurry. Ho finito il mio pasto in silenzio, beh, tutto il silenzio che puoi avere in un

McDonald's si è riempito di tremila persone stipate in uno spazio che avrebbe potuto contenerne trecento. IO

la guardavo con la coda dell'occhio meglio che potevo. Sapevo che stavo solo vedendo quello che volevo, ma di più

più di una volta mi è sembrato di vederla cominciare a parlare solo per impedirsi di pensarci meglio.



Poi i nostri genitori erano accanto a noi con i miei fratelli al seguito. «Spero che tu stia tenendo Anna fuori dai guai.»

Mark mi ha sorriso. "Voi due pronti per partire?"



Annuii e raccolsi la mia spazzatura. Mi sono fatto coraggio contro l'assalto delle persone. L'odore dell'odore del corpo e

la disperazione mi travolse mentre mi dirigevo verso il recipiente. Mentre lasciavo cadere i miei rifiuti, una piccola mano

ha afferrato il mio. Mi volto verso Anna "Grazie per il McFlurry." Aveva un timido mezzo sorriso, come se avesse paura

Potrei schiaffeggiarla di nuovo, anche se le sue parole erano molto sincere. Scivolò via con grazia tra la folla

prima che potessi rispondere. Ho affrontato un incubo di spandex e sudore prima che avessi finito.


Sono uscita dal McDonald's giusto in tempo per vedere la faccia di Anna nel finestrino del furgone di suo padre mentre procedeva senza intoppi

scivolò fuori dal parcheggio. Nella mia mente l'ho vista sorridere e leccare il cucchiaio pulito e ho potuto sentire il morbido

tocco della sua mano sulla mia. Il dolore poi si è irradiato lungo il mio braccio quando mio fratello maggiore mi ha colpito "Slug bug red!" Lui

chiamò indicando un maggiolino VW rosso parcheggiato in fondo al parcheggio.



"Amico, che cazzo!" Mi strofinai con rabbia il braccio. Aveva colpito il bicipite esattamente contro l'osso provocando il mio

dita e poi la mia mano a formicolare intorpidito.



“Scusa” Lui scrollò le spalle beffardamente. "Immagino che tu debba prestare più attenzione." Poi ci siamo accatastati sul camion e siamo saliti

di nuovo sulla strada.



Il sole era tramontato quando abbiamo raggiunto il nostro campeggio in riva al lago. Il furgone di Mark è riuscito a malapena a scendere sulla sabbia

sentiero che portava alla piccola caletta appartata prediletta da mio padre. Il furgone di mio padre aveva un guscio sul pianale, quindi un po'

gli altri andavano in giro a montare le tende al buio, io presi dal letto il resto dell'attrezzatura da campeggio

e l'ho rivendicato come mio posto dove dormire per la notte. Punteggio uno per pigro!

Ho fatto gonfiare il mio materasso ad aria queen-size nella metà del tempo impiegato dagli altri per erigere le loro tende. mi sono sistemato

nel mio sacco a pelo con un libricino e una luce, chiusi i vetri oscurati del guscio e mi rilassai. Non

venti minuti dopo sento la voce di Anna, piena di frustrazione, gridare “Papà! Non riesco a sollevare questa cosa stupida. Suo

troppo scuro!" La sua voce era arrabbiata, infastidita e solo leggermente attutita. Doveva essere nelle vicinanze. IL

la risposta è arrivata da molto più lontano. Mentre potevo sentire qualcuno parlare, non riuscivo a pronunciare le parole.



Non importava comunque. Sono tornato al mio libro.



Prima che potessi veramente tornare al solco della lettura, la parte posteriore del guscio si aprì e Anna iniziò a salire

dentro. Non deve essersi accorta che ero lì perché quando mi ha visto è tornata sui talloni e si è fermata.

"Tuo padre ha detto che posso dormire qui stanotte visto che non riesco ad alzare la tenda."



Diedi un'occhiata allo spazio inutilizzato intorno a me e scrollai le spalle. Si guardò intorno imbarazzata, come se

sapeva che stava facendo qualcosa che non avrebbe dovuto, prima di salire sul letto. Indossava una manica lunga grigia

camicia con ampio scollo tondo. Dove ero sdraiato combinato con il suo angolo e la mia piccola luce da libro

mi ha offerto una visuale senza ostacoli lungo la sua parte superiore. Potevo vedere la sua pelle bianca e liscia e un piccolo reggiseno nero...

forse una coppa A o una B molto piccola.



Dopo essere salita e aver chiuso il vetro dietro di sé, andò in giro a estrarre il suo sacco a pelo dalla sua roba

sacco. Lo stava facendo ancora chinata, ignara dello spettacolo che mi stava dando. Questo era il massimo che avevo

visto di qualsiasi vera ragazza dal vivo e sono rimasto incantato. Non so per quanto tempo fissai, ma alla fine i miei occhi si spostarono su

lei e io mi resi conto che mi stava guardando con un accenno di sorriso d'intesa. Non si mosse per coprirsi.


Non avevo intenzione di evitare di piantare una tenda dopo tutta quella notte, e mi girai su un fianco per nascondere il mio palo principale. Là

era una risatina dietro di me mentre stendeva la sua borsa e si dimenava dentro. Sono stato sorpreso di notare che aveva il

stessa borsa che avevo io, anche se lei era vestita di rosso accanto a quella nera in cui dormivo. Allungai una mano e spensi la luce. IO

concentrato sul respiro lento e calmo, implorando silenziosamente il mio razzo tascabile di abbassarsi. Ogni volta lei

commosso, mi ha ricordato che lei era lì e la vista che mi è stata offerta e il mio soldato si sarebbe alzato in piedi

Attenzione. Alla fine sono scivolato in un sonno eccitato e febbrile.



Il mattino è arrivato con il botto. Julie picchiava sul vetro gridando ad Anna di alzarsi. Anna si è alzata assonnata, lei

affrontare un misto di sonno e confusione. Si guardò intorno e poi scoprì che la guardavo in silenzio. Ho guardato velocemente

via in un misero tentativo di fingere che non stessi fissando. Sapevo di essere stato catturato. Lei non ha detto niente però. Appena

si mosse per scendere dal camion.

Rimasi sdraiato nella mia borsa ancora un momento, pensando a cosa avrei dovuto fare della mia giornata. Ho deciso che sarebbe stato un giorno di

pesca e lettura. Normalmente non pesco, ma è quello che faccio in campeggio e mi dà molto tempo per farlo

Leggere. Multitasking vero? Per prima cosa ho dovuto montare la mia tenda, non aveva più senso rimandare.



Girovagando per il campo principale sono stato accolto da uno dei miei fratelli maggiori che ha scaricato delle uova fritte in un

tortilla e porgermela. "C'era la salsiccia, ma tu hai dormito troppo tardi e io l'ho mangiata tutta!" L'altro fratello

ridacchiò.



"Grazie per avermene risparmiato un po'." Il fastidio era evidente, anche se ero sorpreso che avesse davvero cucinato qualcosa

per me affatto. Ho arrotolato il mio burrito e mi sono mosso per raccogliere le cose di cui avevo bisogno per montare la mia tenda. Ho visto Anna con un

collegamento di salsiccia infilzato su una forchetta di plastica chiacchierando con suo padre. Questo mi ha un po' frustrato, anche se non potevo dirlo

tu perchè.


Portai le mie cose lontano dal resto del campo, forse a un centinaio di metri, poi cominciai a preparare le mie

luogo. Essendo stato in campeggio per così tanti anni, mio ​​padre mi aveva insegnato il suo modo perfetto di montare una tenda. A

prima ho pensato che fosse sciocco e troppo faticoso, ma dopo un fine settimana passato a dormire su una forma molto goffa

roccia scavando nella mia schiena, ho imparato i meriti del suo schema di preparazione. Mentre lavoravo ho ottenuto il distinto

l'impressione di essere osservato, quella sensazione di avere i capelli ritti sulla nuca. IO

mai visto nessuno.


Poco dopo aver finito, giusto il tempo di sistemare le mie cose e mettermi un costume da bagno

e una maglietta, ho sentito Mark e Anna avvicinarsi con una conversazione sull'installazione della sua tenda. Si sono fermati

a una decina di metri dietro un folto gruppo di alberi. Le stava dicendo qualcosa sul fatto che aveva freddo se lei

pianta la sua tenda così lontano dal fuoco. Ha appena riso di lui. Mi chiedevo se sapessero quanto fossero vicini

la mia tenda. Sembrava che non mi avessero notato.


Avanzai silenziosamente tra gli alberi e li osservai. Non hanno fatto nulla in termini di preparazione del sito, solo

gettò la tenda a terra una volta che fu in piedi e la fissò in posizione. Anche dal mio povero punto di vista

punto ho potuto vedere che stava per dormire su alcune rocce piuttosto brutali. Povera ragazza.



Ho terminato la mia sessione di stalker prima di loro e sono tornato al campo con la mia attrezzatura da pesca e il mio libro. IO

informai mio padre che stavo andando a pescare nel canyon e gli assicurai che almeno avrei controllato

verso mezzogiorno. Mi diressi verso il mio posto, una profonda buca per la pesca a circa mezzo miglio lungo il canyon. Prima che andassi troppo lontano

dal campo ho sentito Mark chiamare il mio nome. Ho pensato di ignorarlo, fingere di non averlo sentito se fosse saltato fuori

Dopo. Sospirando, mi voltai verso la sua voce e lo chiamai. Dopo alcune chiamate avanti e indietro lo trovo e

Anna che si avvicina. Anna indossava un semplice bikini bianco che andava bene per accentuare la sua flessuosità, ma inconfondibilmente fanciullesca,

figura con una maglietta bianca trasparente sopra un paio di taglie più grandi. Portava una canna da pesca rosa e un

piccola scatola per attrezzi rosa. Entrambi sembravano nuovi di zecca e potevo persino vedere un cartellino del prezzo appeso alla bobina.


“Ehi, pensi che Anna possa venire a pescare con te? Dobbiamo tornare in città e fare provviste.»

Ricordi la ghiacciaia e la soda? Sì, mio ​​padre ha appena scoperto cosa avevano portato e stava mangiando un

piccola misura su di esso. Penso che sia una cosa di controllo personalmente. «Penso che si annoierebbe solo se venisse con noi e con te

i fratelli sono già partiti in bicicletta”. I miei fratelli avevano un paio di moto da cross su cui passavano tutto il tempo

mentre eravamo quassù, almeno finché non hanno finito la benzina.



"Ehm, certo." Guardai Anna, che stava fissando il terreno davanti a sé. Mi ha ringraziato, mi ha detto di farlo

assicurati che mi prenda cura di lei, poi tornai verso il campo. "Hai tutto ciò di cui hai bisogno?" Era

una domanda stupida, dato che era abbastanza chiaro che non aveva mai pescato prima e non aveva davvero idea di cosa stesse facendo

avrebbe bisogno. Ma Anna annuì lo stesso e noi due tornammo indietro verso il mio punto di pesca.



Camminammo in silenzio per un po', anche se camminare potrebbe essere una parola più adatta. Il sentiero qui era di roccia ruvida e

sabbia che si intrecciava dentro e fuori da massi e alberi che marciavano lungo il bordo dell'acqua del canyon. Noi eravamo

circa a metà strada quando ruppe il silenzio. "Quanto manca?"



Mi sono fermato e mi sono rivolto a lei. Ho potuto vedere che era piuttosto stanca per l'escursione. Indossava delle piccole infradito gialle

flop che non avrebbero potuto essere molto comodi. Poi noto che non trasportava acqua. “È ancora un po'

modi in su. Indicai il sentiero come se questo rendesse più chiara la nostra destinazione. Sembrava un po' delusa.

"Ma possiamo fermarci qui e fare una pausa."


"Sto bene, possiamo andare avanti." Ha cercato di sembrare entusiasta, a me sembrava che non volesse

per trascinarmi giù.


"Sono un po' stanco comunque." Ho mentito, parlando mentre mi sedevo su una roccia. Ho sganciato la borraccia che portavo e ho preso una

grande sorso, guardandola adocchiare il liquido come ho fatto io. Gliel'ho offerto. Prese la bottiglia e iniziò a ingoiarla

giù. Mi stavo prendendo a calci, avrei dovuto pensare di portare dell'acqua in più. Mi chiedevo quanto tempo avesse

avuto sete. Probabilmente stava fissando l'acqua che portavo e pensava a quanto fossi una scelta

non dargliene. Dopo aver bevuto quasi la metà di quello che avevo portato, me lo restituì e mi ringraziò.



"Pronto ad andare?" Si alzò e riprese a camminare. Sembrava sia ansiosa che terrorizzata dalla passeggiata al

contemporaneamente. Non sapevo cosa pensare. Ho rapidamente raggiunto per aprire la strada.



Alla fine siamo arrivati ​​al mio punto di pesca. Qui le pareti di arenaria avevano creato una grande conca con l'acqua

da un lato precipita in un profondo buco, e dall'altro pende una spiaggia sabbiosa semiombreggiata dalla roccia sovrastante.

"Oh!" I suoi occhi erano spalancati dalla meraviglia mentre scivolavamo giù nel piccolo bacino di sabbia. Mi sono ricordato quando io

ho trovato questo posto per la prima volta, probabilmente avevo più o meno lo stesso aspetto sul mio viso. "Va bene, l'escursione è valsa la pena!" Lei sorrise

verso di me. Io ricambiai il sorriso imbarazzato. Poi sono passato a una sedia rock che avevo creato sulla spiaggia che era a

posto perfetto per pescare, sedersi e leggere.



Mettendo giù il resto delle mie cose, ho rapidamente attrezzato il mio palo e l'ho gettato in acqua, quindi mi sono seduto. mi sono appoggiato

di nuovo nel mio riposo e ho guardato la luce incresparsi mentre si rifletteva sull'acqua su una delle pareti della ciotola. Nelle vicinanze

Anna si era seduta sulla sabbia e armeggiava con la sua canna da pesca. Dopo averla vista diventare sempre più

frustrato dalla cosa, ho offerto il mio aiuto. Ha accettato in un modo che mi ha fatto sentire come se si aspettasse

l'offerta per tutto il tempo. Le ho consegnato il mio palo e ho iniziato a montare il suo.



"Allora, sei gay o qualcosa del genere?"



"Che cosa?! NO! Perché?!" Le parole uscirono in rapida successione mentre la sua domanda bruciava nelle mie orecchie. ho guardato

a lei incredulo.



"Non ti ho mai visto con una ragazza o altro." Una mano teneva la mia canna da pesca mentre l'altra tracciava

piccoli disegni nella sabbia. Il fatto che avesse prestato così tanta attenzione alla mia vita sociale avrebbe dovuto dirmelo

qualcosa.



"COSÌ?! È solo che non ho incontrato nessuno che mi sia piaciuto così tanto! Stavo quasi balbettando mentre sedevo agitato.



"Sembra gay." È arrivata la sua risposta.



"Beh, non lo sono, quindi lascia perdere." Stavo controllando lo shock e la rabbia pura stava montando ora.



"Se lo dici tu." Incredibilmente dolce. "Forse dovresti provarlo."



"Che cosa? Come posso dimostrarlo? Lei si strinse nelle spalle e iniziò ad avvolgere la mia canna da pesca come se sapesse cosa fosse

facendo. "No, davvero, come vuoi che lo dimostri?"


Si voltò e mi scrutò. "Sono sicuro che ti verrà in mente qualcosa." Lei sorrise. Il mio sangue ribolliva a questo

punto, stavo per far saltare una guarnizione e andare a cagare su di lei - gettarle sabbia in faccia, urlare, urlare, solo avere un

collera generale. Poi questa voce nella mia testa stava sussurrando Baciala. Baciala! Questo la farà stare zitta!

Poco prima che si voltasse, mi chinai su di lei e premetti le mie labbra contro le sue. Ero inondato di paura e

rabbia anche se i fuochi d'artificio di stupore esplosero nella mia testa. Non avevo mai baciato una ragazza prima e stavo aspettando

per l'urlo... o lo schiaffo. Con mia sorpresa non mi ha né urlato né schiaffeggiato né si è tirata indietro. A questo punto

eravamo lì con le labbra premute insieme e gli occhi chiusi. Almeno il mio era chiuso. Conoscere

nient'altro da fare, mi allontanai lentamente ponendo fine all'abbraccio.



Il mio cuore batteva forte e le farfalle mi riempivano lo stomaco. I nostri occhi sono stati bloccati insieme per un po' dopo il

bacio. Nessuno di noi ha parlato. In quel momento la mia canna da pesca, dimenticata nella sua mano, per poco non le saltò via

qualcosa ha colpito ferocemente la linea. Riuscì a mantenere la presa e gridò "Cosa devo fare !?"



Entrambi ci siamo alzati in piedi e ho detto "Inizia a tirarlo dentro!" Aveva problemi solo a tenersi alla bacchetta, quindi io...

mi sono avvicinato dietro di lei e ho messo le braccia intorno per afferrare la verga. "Ecco, tiralo così!" L'ho aiutata a guidare il

palo mentre barcollava. Ho impartito comandi su quando avvolgere e tirare e quando fermarsi e far uscire la lenza. Questo pesce

stava organizzando una battaglia enorme. Anna cinguettava di gioia ogni volta che il pesce ci buttava e ci tirava. All'una

punto ci ha quasi strappato via i due. Mentre il mostro del lago si avvicinava alla superficie, potevo dire che era un grosso

uno. Stavamo entrambi sorridendo e ridendo e l'abbiamo tirato fino al bordo per essere tirato fuori dall'acqua con il

netto. Era uno striper grande quasi quanto tutta la mia gamba.



"Oh mio Dio! Non ho mai preso un pesce prima d'ora! Era raggiante.



"Pensavo che non avessi mai pescato prima." Ho costato. Mi schiaffeggiò scherzosamente il braccio.



"E adesso?" Lei chiese.



"Pesce di più, immagino."



"Assolutamente no, dobbiamo tornare indietro e mostrarlo!"



Ho pensato che fosse quello che avrebbe voluto fare. "Va bene. Bene, mettiamo insieme le nostre cose. Ho cercato nel mio zaino

qualcosa in cui mettere il pesce, sapendo di non avere niente di abbastanza grande. Rinunciando a ciò, ho deciso di imbrogliare il

pesce con un pezzetto di filo di nylon giallo e me lo metto in spalla. Sembrava che la via del ritorno richiedesse molto

meno tempo. Anna ha avuto molto più entusiasmo nella sua camminata, tornando a grandi passi verso il campo con uno scopo. Non ha mai smesso

parlando di tirare dentro quel pesce e com'era e ricordare l'esperienza. Tutto quello che potevo davvero pensare

circa era avere le mie braccia intorno a lei... e il nostro bacio.



Tornando al campo siamo stati accolti con mio padre e Mark seduti sulla spiaggia a bere qualche birra

Julie era sdraiata a una ventina di metri di distanza a prendere il sole. "Prendere qualcosa?!" Mark ha chiamato quando ci ha visto

approccio. Ho fatto oscillare il pesce dalla mia spalla e ho visto Anna che stava per scoppiare ad aspettarla

la risposta di papà. Il nostro mostro del lago ha ricevuto una doppia opinione da entrambi i ragazzi e Anna è esplosa nella descrizione di

come l'abbiamo preso. Balbettava eccitata, il viso animato dalla gioia.


La regola nel nostro campeggio era che se prendevi e tenevi un pesce, dovevi mangiarlo. Ho aiutato Anna a pulire il grande

creatura acquatica e poi le mostrò un modo semplice di cucinare la cosa. Fondamentalmente limandolo e strofinandolo

alcune spezie prima di avvolgerlo nella carta stagnola e cuocere accanto al fuoco. Le ombre si erano allungate a lungo ormai e

un sole rosso ardente scendeva sotto l'orizzonte. Tutti noi ci eravamo riuniti attorno al fuoco per consumare i nostri pasti. Anna

e io sedevo l'uno accanto all'altro e dividevamo il nostro pesce mentre gli altri cucinavano wurstel sulle braci ardenti.



Mio padre era un audiofilo. Amava la musica. Non c'è un genere là fuori che non gli sia piaciuto. Il suo camion aveva

due woofer da 16 pollici nascosti dietro i sedili che ha tirato fuori per riposare in cima alla cabina e far esplodere la musica.

Ci siamo divertiti tutti con la musica mentre ci sedevamo attorno al fuoco infuriato. A un certo punto Julie si alzò e cominciò a ballare

e cantando insieme a una delle canzoni: "Like a Prayer" di Madonna. Alla fine ha fatto ballare Anna e

cantando con lei e loro due prendevano in giro e convincevano tutti i ragazzi ad alzarsi e giocare con loro.


Anna mi afferrò la mano, cercando di tirarmi in piedi "Dai!" Sorrise mentre cantava il

versi. Adesso indossava un paio di pantaloncini bianchi tagliati corti e un'altra camicia a maniche lunghe dalla vestibilità ampia

che pendeva aperta esponendo gran parte della sua spalla liscia. Questo aveva strisce orizzontali bianche e nere. Suo

i capelli le ricadevano sciolti sulle spalle.



"Non so ballare". Ho riso e le ho scrollato di dosso la mano.



"Oh, tutti possono ballare!" Mi ha detto. "Come questo!" Ha dimostrato una mossa semplice, oscillando i fianchi

da parte a parte con la musica.



Mi ha preso di nuovo la mano, poi ha messo su un broncio esagerato quando l'ho negata. “Davvero, non posso muovermi come

Quello." dissi scusandomi



"Prova! Per favore?" Sono rimasto sorpreso. L'intero viaggio sembrava quasi surreale. Conoscevo questa ragazza da molto tempo

volta, ma ora mi sembrava di vederla per la prima volta. Il suo sorriso, lo scintillio dei suoi occhi grigi, il suo modo di fare

i capelli cadevano a incorniciarle il viso, il tutto mi riempiva di una fugace sensazione che non riuscivo a collocare. I sentimenti mi tiravano,

mi ha tirato, spingendomi a fare cose che non avrei mai nemmeno contemplato prima.



Non volevo deluderla.



Così mi sono alzato in piedi. Questo provocò una risata da parte dei miei fratelli. Mi teneva le mani tra le sue, un po' più in basso

all'altezza delle spalle, lasciando uno spazio tra di noi in modo che potessimo vedere i piedi l'uno dell'altro. Ho cercato di imitarla

movimento, ma fallì miseramente. Sentendomi sciocco, ho smesso di muovermi "Non posso farlo".



"No, lo stavi facendo, continua a provare!" Lei ridacchiò e mi strinse più forte le mani, e io iniziai a muovermi con lei

Ancora. "Vedi, ce l'hai" Lei sorrise in modo incoraggiante. "Stai andando bene!"


"Sì! Per un polpo ubriaco! Lo stuzzicò un fratello dall'altra parte del fuoco. Ho arrossito con

imbarazzo. In qualche modo la mia mente ha collegato quella sensazione con lei, come se fosse colpa sua.



"Stai zitto!" sbottò Anna con rabbia mentre mi allontanavo e smettevo di muovermi.



"Adesso l'hai fatta incazzare!" Il più anziano dei due deriso.



"Ehi, ragazzi, siate gentili." Ho sentito mio padre dire da sopra la mia spalla mentre mi allontanavo verso l'oscurità verso

la mia tenda. Non era ancora sorta la luna, quindi era buio, quasi nero come la pece. Mi sentivo confuso e ferito. Qualcosa

l'intera situazione mi ha fatto sentire vulnerabile come non mi ero mai sentito prima. È stato davvero stupido. volevo

per impressionarla in qualche modo e pensavo che i commenti dei miei fratelli avrebbero in qualche modo rivelato la verità su di me.

Potrebbero rivelare che sono solo un secchione sfigato che non ha niente da offrire.



Colsi un lampo di luce con la coda dell'occhio e mi voltai per vedere qualcuno che si dirigeva verso la mia tenda con un

torcia elettrica, anche se si stavano avvicinando da un'angolazione diversa. Mi sono fermato e ho aspettato. Potrei solo capire

Il bel viso di Anna nella luce riflessa. Si fermò a pochi passi dalla mia tenda, l'anello di luce sul

Entrata. Ha chiamato il mio nome dolcemente, uno sguardo di ansiosa preoccupazione che deturpava i suoi bei lineamenti. Non sono sicuro

perché ho taciuto. Vidi la sua sagoma spostarsi e sospirare prima di voltarsi e dirigersi verso la sua tenda.


Il calore del sole che arroventava la mia tenda mi fece svegliare la mattina seguente. Sono salito dalla mia tenda e

mi diressi verso il suono delle voci al campo principale.



"Ti abbiamo perso la scorsa notte." disse Mark quando mi avvicinai.



"Sì, mi sentivo davvero stanco, quindi sono andato a letto." I miei fratelli ridacchiarono un po'. Con la coda dell'occhio potevo

vedi Anna che mi guarda, praticamente fissando. Guardo ovunque per evitare il contatto visivo.



"Hai programmi per la giornata?" chiese Marco.



Improvvisamente mi sono sentito come se tutti mi stessero guardando, aspettando la mia risposta. "Ehm." Mi sono fermato, il mio cervello lentamente

lavorando per una risposta. "Ho pensato che potrei andare a Beggar's Point e andare a nuotare."



"Punto del mendicante?" Questo era un posto in cui ci siamo tuffati dalla scogliera. C'era una serie di diverse pareti rocciose di

altezza variabile che precipitava in una pozza assurdamente profonda nel lago. Era stato chiamato così perché

di un incidente quando avevo undici anni in cui ero stato portato in lacrime da mio padre mentre supplicavo di non esserlo

gettato giù dal punto più alto: una caduta di quasi venti metri nell'acqua. In qualche modo il nome è rimasto e lo siamo stati

chiamandolo così da allora. Uno dei miei fratelli ha raccontato la storia dei nomi dei luoghi in modo molto più stronzo

beffa di quanto avrei mai potuto sperare di eguagliare.


"Sembra divertente!" Mark ha riso della storia. "Voglio andarci." Guardò Julie "Vuoi unirti a noi piccola?"


"No, penso di stare bene qui." Sorrise da dove si stava già stendendo per abbronzarsi.



"E tu unno?" chiese ad Anna.



"Penso che resterò qui con la mamma." Disse mentre gettava un asciugamano sulla sabbia accanto a sua madre.


Il resto di noi si diresse verso Beggar's Point e trascorse la giornata saltando dalle scogliere e nuotando dentro

le fresche acque profonde sottostanti. Ci sono state molte risate e schizzi. Qualcuno che cade in una palla di cannone,

e altre volte schiacciandosi a vicenda. Ho provato a concentrarmi su qualsiasi cosa, ma in qualche modo la mia mente continuava a vagare

tornando ad Anna, sapevo di essere stato stupido per averla lasciata ieri sera e averla ignorata oggi. Non riuscivo proprio a convincermi

affrontare il mio errore così ho continuato su quella strada. Mi chiedevo se stesse pensando a me. Mi chiedevo cosa lei

ha pensato a quel bacio che abbiamo condiviso, ammesso che ci abbia pensato.


Il giorno sembrò dissolversi troppo in fretta e presto il sole apparve all'orizzonte. Tutti noi,

praticamente esausto, siamo saliti dal lago e abbiamo iniziato a fare il nostro viaggio di ritorno al campo. Anna e Julie lo erano

cucinando hamburger sulla brace quando siamo tornati.



"C'è del cibo!" Julie ci ha chiamato quando siamo arrivati. "Anna ha la roba!" Indicò la giovane ragazza che era

tagliando abilmente alcuni prodotti freschi: lattuga, cipolle e pomodori.



Presi un panino e un hamburger, poi mi avvicinai a Anna, sorridendole mentre mi avvicinavo. Mi sono fermato

davanti a lei, aspettando che mi guardi prima di dire qualcosa. Non l'ha mai fatto. Qualcuno dietro di me

abbaiò "Merda o scendi dal piatto!" Mi guardai alle spalle e vidi Mark ei miei fratelli che aspettavano che mi trasferissi

a parte. Ho preso un po' di lattuga e qualche fetta di pomodoro e mi sono tolto di mezzo.



Mangiavo vicino al fuoco, guardando Anna quando nessuno guardava. Ho aspettato l'occasione per prenderla

attenzione in modo che io possa avere un'apertura per parlare con lei. Non ha mai guardato verso di me. Il mio cuore è affondato quando lei

mi sono alzato e mi sono allontanato dal fuoco senza mai dirmi niente e senza nemmeno guardarmi. E adesso?



C'era una sporgenza nelle vicinanze, un altro punto "segreto" che avevo trovato. Sul retro del campo c'era una parte del canyon

muro mentre si stacca dal lungomare. Qui il muro torreggiava di circa trenta o quaranta piedi. Avevo trovato un posto

quello era tra il livello del suolo e la cima, a circa sei metri di altezza. Il sentiero, una semplice crepa frastagliata nella roccia

faccia, era nascosto da un piccolo gruppo di cespugli, quindi era difficile dire che la sporgenza fosse anche lì.



Mi piaceva venire in questo posto e guardare le stelle. Era abbastanza alto perché la luce del fuoco non ti accecasse

vista stellare, ma ti proteggeva comunque dai venti costanti che affliggevano l'area una volta superato il canyon

parete. Mi sono arrampicato, ho buttato giù un cuscino e mi sono rilassato sotto il limpido cielo stellato. È stato sciocco, ma per così tanto tempo

come posso ricordare, auguro sempre a tutte le stelle cadenti che ho visto. Ho espresso un desiderio quella notte, e si è avverato... per

un tempo in ogni caso. Non lo ripeterò qui però, anche adesso sento che potrebbe rovinare la magia se te lo dicessi.



Ho sentito un rumore raschiante, poi il rumore di sassi che cadevano. Mi sono seduto e ho guardato per vedere la faccia di Anna che scrutava in su

oltre il limite con me. "CIAO."



I had a deer in headlights moment and all I could respond with was a lame “Hi” in return. She scrambled up the

edge and took a few steps to sand beside where I sat. She wore a pink spaghetti strap top with those same

short cut off shorts.


Not knowing what else to do, I laid back down to look at the stars.



She stood there a moment, thinking, waiting. Then spoke “I forgot to bring a pillow.”



I glanced at her, trying to think of a solution. Then it hit me. “You could share mine.” I scooted over a bit to

make room. She didn't say anything, just sat down before laying her head down beside mine. We stared at the

stars together, wordlessly enjoying the moment.



This is when I saw the shooting star. This is when I made my wish.



“You don't see stars like that back home.” Her voice was soft, like she was afraid the sound might break the

spell.



“No, you don't” I managed. I shifted a little, moving a small rock from beneath me. During my motion my hand

brushed against hers. I stopped as if frozen in time. My heart paused, waiting. My breath was held. Then her

hand locked around mind and our fingers twined together.



She moved so her cheek was resting on my shoulder. She rolled towards me, reaching her opposite arm

across me. She let go of my hand and I felt a moment of sadness in this. That feeling was quickly replaced

with warmth as my arm wrapped around her and pulled her slender body closer to mine. My other hand found

hers and they wrapped together to rest on my chest.



An eternal smile fixed upon my face, I lay there enjoying the feeling of her in my arms. Everything seem to

quiet, to pause, as if the world was taking a step back to allow us to enjoy this moment. If only it would never

end. Music drifted from the campsite below.



All I ever wanted

All I ever needed

Is here in my arms

Words are very unnecessary

They can only do harm



Rarely, if ever, have I known contentment like that moment. It would be forever etched in my mind as a defining

moment of our history. I have no words that could describe how I felt, and words were unneeded. I just knew I

wanted to be with her, to protect her, to make her laugh and see her wonderful smile.




I first became aware of her sent, an imperceptibly sweet smell of flowers. For a moment I wondered what it

could be. Having no showers or even running water, it must have been some kind of body spray. This line of

thoughts was quickly driven out when I became aware of her small breasts pressed against the side of my

Petto. The knowledge made my breath catch, and my blood started rising in my loins. I tried desperately to

think of other things. To think of video games or the book I was reading. Tried to think about the last movie I

saw, or the countless stars above. For each thought I had about the mundane world, I had ten more about the

gorgeous girl and her perfect breasts pressed up against me. It was a lost cause.



I don't know how long we laid there together, my painfully hard erection pressing against what I use to think

were fairly loosing fitting shorts. Now they seemed like an iron vice. Eventually Anna sighed and whispered

while coming to a sitting position “We should go back”. While moving upright her hand brushed across my

groin. There's no way she didn't feel it, and this was confirmed by her surprised “Oh!”



I tried to shift and bend at the waist a little to hide my large embarrassment while feeling extremely light

headed. All of my blood was either filling down below, or rushing to my face. I sat up with a hunch in my back

to try and hide it better. I was horrified, and I was fearing a reprisal of anger or disgust. If I wasn't so afraid to

meet her gaze, I would have seen curiosity there, and not the anger or disgust that I feared.



Another eternity passed before she leaned towards me. Calculatingly she placed one hand on the back of my

neck and the other terrifyingly high on my inner though. Anna then pulled me into a kiss. It was another simple

kiss, nothing more than our lips pressed together. Sparks flew in my mind at the exhilaration of her touch.



She pulled away and locked her eyes on mine. With an incredibly erotic and seductive smile she purred “Just

as good as the first.” She giggled a little, then bolted away down the path back to camp.



My mind was a void filled with a thousand unanswered questions. Did that just happen? I'm I that lucky? Che cosa

just happened? They flowed unabated, the next one forcing out the previous. The music stopped and the

campfire burned low signaling those below where heading off to bed. My blood calmed enough so that I could

stand without embarrassment or pain. I crept slowly down the path back. The younger of the two brothers slept

in a lawn chair by the fire, a blackened stick falling forgotten out of his hand. The moon was rising giving me

just enough light to make my way to my tent.



As I rested, trying to calm myself enough for sleep, I thought of the events since we left home and marveled at

how I ended up here. Then my thoughts drifted to Anna. They drifted to our kisses. I recalled her white bikini,

then remembered seeing her little black bra. Finally I relived feeling her small breasts pressed to me. non sono

ashamed to admit I masturbated furiously to these thoughts, cuming more than once before my session was

Attraverso.



I awoke early the next morning to see Anna watching me from the unzipped entrance to my tent. Once she saw

that I was awake, she grinned and climbed inside, zipping the door behind her. "Cosa fai?" IO

sussurrato. It was early enough that the sun had not risen yet, just the vaguest hint of it upon the horizon.




“Shh, it'll be our secret.” She whispered, crawling into the bed beside me. She wrapped her arms around me,

and I tried to do the same, though she was still outside my sleeping bag while I was within. “How did you get it

so soft?” She asked while shifting her back against the air mattress. “Even with my sleeping pad, the rocks

and ground are painfully hard.”



I just smiled. “It's a secret.”



“Well, I'm gonna remember this tomorrow night.” she responded. I was excited wondering what that might

Significare. We both drifted off to sleep in the other’s arms and didn't wake until the sun was raising the inside of

the tent to oven-like temperature. I moved to kick the sleeping bag off and this action brought us both out of

our dreams. Anna sat up first, stretched her arms and yawned. “I slept good.” I lay still, smiling at the girl

beside me. Her movements were both feline and girlish. Something about them sent a shiver of delight down

my spine. Glancing my way, she saw me watching her. This time I held her gaze. “What are you looking at?”

She smiled. I couldn't help but grin foolishly back at her.



“Just a pretty girl.” Her cheeks took on a slight tint of rose, and the whole act of blushing made her even cuter

in my eyes. She then dropped back down to the pillow with a flop. Her face was less than inches from mine,

our eyes lost in the others. Her eyes closed and she moved just a mere fraction of an inch and her lips were

touching mine.



This kiss was different than the others. This time our lips nibbled gently at the other, tasting, and exploring. Mio

hand instinctively reached up to her neck, fingers twining into her smooth blonde hair and pulling her into a

deeper kiss. I felt her tongue softly brush my lips, a tentative test. I experimented with my own tongue, touching

her, tasting her.



Nothing else existed for us as we lay there each devouring the other. There was no tent, or sleeping bag. IL

sun didn't shine above us and the wind didn't blow. The waves of a passing boat didn't break against the lake

shore, and our parents weren't calling for us. Our parents. I can't tell you how long we kissed for; passione

burning desire into our souls. Suddenly Anna sat bolt upright, tearing herself from my embrace. For a moment I

felt empty. Then I heard her father calling her lakeside.


I tossed another log on the fire and slouched down into a nearby lawn chair. The sun had long since set, and I

was exhausted. Mark and rented a speed boat from the marina and we all spent the day cruising around the

lake and towing people on the inner tube. Anna was in a chair across the fire from me. The day had been

rough. Every time I looked at her, the memory of the morning’s interaction would force its way into my mind,

and my blood would begin flowing towards a particular extremity. The others had slowly trickled away to their

beds till it was Anna, Mark and I left around the fire.




Anna stretched in an exaggerated yawn “Well, I’m heading to bed.” She shot me a sidelong glance. “Good

night daddy.” She gave her father a peck on the check then drifted out into the darkness. I sat for a while, idly

stirring the fire. The silence felt thick and awkward. The fear that he knew what Anna and I had been up to

clawed at me. It was a nagging feeling that wouldn’t be pushed away. There was something I had missed and I

couldn’t put my finger on it.



I was just about to retreat to my own tent when Mark started talking to me—questioning me about school and

what plans I had for the future. What did he expect from a fourteen year old? I stayed and made the small talk

with him, too polite to walk away. After what seemed like hours of conversation he finally made a complaint

about his eyes being sore. The fire was a few small coals. He made his way to his wife in their tent.



A bright moon had risen to bathe everything in a silvery glow. The walk back to my tent was quiet but for the


occasional splash in the lake waters beyond. Weaving between the juniper trees, Anna’s tent caught my eye. Esso

was silent and motionless. ‘She’s most likely asleep already’ I thought to myself. I silently cursed her father and

my own sense of manners for a moment before trudging the last few yards to my tent.



Wordlessly I unzipped the opening and slid off my shoes before climbing inside. I closed the flap, zipping out

the moonlight and leaving myself in total darkness. I paused a moment, considering waking Anna up so that we

might continue where we had left off that morning. Before I could make a decision a light turned on behind me,

and I turned to see Anna sitting up in my bed holding a small battery powered lamp out before her. “Took you

long enough.” She smiled. Her golden hair was a little messy from laying in my bed. She had on an over large

men’s gray flannel shirt only buttoned to her navel. Her small cleavage hinted to me of the treasures beneath.




I tried to give an apology, but all that came out was a gulping noise as I tried sucking down enough oxygen.

“It’s okay, it gave me time to do this.” She pulled back the top of the sleeping bag to reveal two things. Il primo

was her long slender legs. Silky smooth legs that ended with just the hint of a pink panty edging from beneath

the gray shirt. The other, albeit less important, revelation was that our two sleeping bags had been zipped

together to form a much large one. She giggled and patted the bed beside her.




As soon as I moved into the bed, we were kissing again. Her arms were wrapped around me, clinging to me,

as if she was unable to get her body close enough to mine. Our lips locked, and our tongues twined together. IO

was having trouble figuring out where to put my hands. Nowhere seemed right and all of it wasn’t where I

wanted my hands to be. I decided to go for broke. One hand found a comfortable place at the back of her

neck, twisting into her luscious hair, the other found the last button of her shirt at her navel. I deliberately slid

my hand through the opening to her cheerleader firm stomach. The flesh beneath my hand was perfectly soft

yet toned. My hand felt rough and calloused compared to its suppleness. Millimeter by gradual millimeter I

stroked my hand upwards



Her hand was on my face holding me when my fingers first brushed against her breast. I nervously touched the

under edge, testing for her reaction. Her breath was caught and held tight. When my hand finally closed over

the small half apple sized mound her breath released in a sighing purr. I don’t know what it is about breasts

that creates that primal urge to touch them. It felt so perfect in my hand, just enough to fill my palm. The feel of

its shape and the small hard nipple permeated me with a lust I had never know. Her back arched as if trying to

push her breast deeper into my hand.



I was so lost in my exploration and her kisses I failed to notice her hand had wandered down my body to the

top of my shorts and was now fumbling with the tie. After an agonizingly frustrating moment of her muddling

with the knot it came free and her hand gently snaked inside. Her fingers grazed my glans and fire flashed in

my eyes. No one save myself had ever touched me intimately and I thought I was cuming. With the amount of

precum filling my shorts one would have though I already had. She didn’t seem to mind. Her fingers brushed

against me again sending a jolt of pleasure up my spine. Her probing became bold as she wrapped her small

girlish hand around my girth and slowly began stroking me.



At first I was ecstatic at having someone touch me, but her inexperience soon showed. Her grip was a little too

firm and her stroking was more like a tug o’ war. I winced and my hand shot down to cover hers. Our hands

groped together and with a few unvoiced gestures I slowed her caress and loosened her hold. Moving my

hand away from hers, I placed it on her inner thigh. I was only a few inches away from the edges of her

panties. I felt her hips shift a little, opening her legs just a slight more. I did not wasted the time stroking her as I

had when going for her breast. This time I decisively slid my hand up to investigate her nether regions. IO

explored her from outside the moist cotton fabric only a scarce short moments before skimming up to the

elastic waistband and slipping down inside.



I found a small patch of soft downy hair. She was soaking wet and moaned deeply into my mouth when my

fingers first touched her slit. My mind took on an iron-like focus of her body. While her soft hands were doing

wonders to my erection, and her kisses remained like fireworks in my head, if I paid them too much heed I

would cum. I feared that might end our escapade much too soon.



I had no idea what to do or how to touch her. So I explored. I started at the apex of her slit, feeling her wetness

and velvety smoothness as the outer lips parted around my digits. I elicited a sharp gasp of pleasure from her

as my finger slid over the small bump that was her clit—though at this point I didn’t realized what I had done to

cause such a reaction. I glided further down to feel her inner lips and the opening to her carnal places. IO

caressed around her a moment before pressing one finger inside. Her whole body tensed and my mind when

directly to pain so I quickly retracted my finger. Then her hand was on mine. Her fingers directed mine, guided

me to start a long gentle stroke from the top of her clitoral hood down to just probing her entrance. Lei

repeated this gesture a few times using my hand before returning to her own task.



Instead of going straight back to my penis, her hand went to the waistband of my shorts and began attempting

to pull them down. I was so focused in touching her and avoiding an early eruption it took me a few moments

to realize what she was doing. Once it dawned on me I quickly shucked my shorts and shirt aside. Lei

watched me unclothe then followed. I saw her undo the few buttons holding the flannel shirt closed then slid it

gracefully from her shoulders. She shifted under the sleeping bag to remove her last bit of clothing, and I

marveled again at the perfect shape of her breasts. Seeing them in the dim lamplight for the first time then

were small yet exquisitely formed half-apple sized mounds. She had small pink nipples like littler erasers, and

areolas not much bigger than a nickel.



A small bit of pink cloth hit me in the face, breaking me from my reverie. “You’re staring!” Aveva una

mischievous grin and she rolled towards me, pushing my shoulders to the bed and straddling me in one

movement. My dick was pinned between us, the lips of her labia spread around it and forced it up against my

lower abdomen. I could feel my own precum wetting my stomach and her juices flowing to coat me as she

slowly glided herself up and down my length. Her hands were holding my shoulders to the mattress; suo

elbows were locked. I had an amazing view of her pale white body. She deliberately rode her slickness up my

member, and her extended arms pressed her breasts forward accentuating their shape. I didn’t really know

what else to do with my hands so I placed them on her hips. This seemed quite natural, and it allowed me to

help grind her pelvis harder onto me.



I can’t tell you how long we stayed in this position and it was only through some divine providence that I didn’t

burst my load all between the two of us. Unexpectedly one of her hands reach amid our bodies and grasp my

erection. My heart stop as fear and excitement swirled over me. She shifted its position and angle just the

slightest bit and my head was caught in the silky folds of her entrance. Her hips shifted back pressing herself

onto me—though nothing happened. She shifted the angle of my dick a bit more and drove herself back again.

This time there was a slight parting. I could feel and see her how body go ridged with pain.



As much as my pubescent hormone addled mind wanted this it ripped at my soul to see her in pain. “Maybe we

shouldn’t-“



“Shh.” She leaned down and kissed me again, cutting off the weak protest. She pressed again, this time much

gentler. I felt the entrance to her pussy slowly part around my invading member. She would trust onto me just

enough to penetrate herself another micron before backing off. I really could not tell if there was any progress

affatto. I felt a tight pressure at the tip of my penis, almost hard enough to make the shaft bend painfully and

then she would stop. I don’t know how long this went on—tension, then relax. Strain, then ease.


Then it happened.



I was just about to voice another week objection when I felt a pop. The head of my penis forced its way inside

suo. Her vaginal opening tight around me like a ring a few sizes too small. She cried out and wrapped her arms

tight around my neck. She clung to me, her breath slow and ragged. She tried to adjust to this new feeling she

had forced inside her body.



Adding her tight grip around my neck to all of the events leading up to this moment I was feeling light headed. IO

held her close in my arms. I wished desperately to somehow take the pain away. I was kicking myself that I had

let it go this far. At the same time I was fighting the powerful instinctual urge to grab her hips and start trusting

furiously.



Her death grip around my neck loosened and she leaned back just enough so that I could see her face. Suo

grey eyes were like ice chips under moonlight. My heart broke when I saw a tear pooling in the corner of her

eye. “We don’t have to do this.” I whispered nervously.


She leaned back further, pressing the rest of my length into her. “It’s already done.” She smiled weakly. Questo

time when she tensed I could see the pleasure rising up though her body. She moved her body, almost

extracting me completely from her, before slowly pushing herself back onto me. I could feel every inch of her

velvety pussy wrap around me; slide over me. She built a rhythm with her movements, and I started to thrust

back against her. We writhed together in ecstasy. Her moans of pleasure rising from somewhere deep inside. IO

had reached my break point. I enfolded her in my arms and plunged as deep as I could. It seemed as if I was

pouring myself inside her as pulse after pulse of warm cum shot into her waiting vagina. The world fell away

around us once more. I was lost in and eternity of bliss as my orgasm peaked. Her whole body went ridged

and spasms rippled over my dick as she reached her climax with me.



Once spent, she clung to me almost desperately. She was a hurricane survivor and I was her life raft. Suo

breath was short frayed pants. Her head rested upon my shoulder. My arms wrapped protectively around her.

My erection was still buried deep inside her. “Can we stay like this forever?” This was the last thing I heard

before drifting off to sleep.

Storie simili

The Forgotten Heroes Capitolo 3

Tu ed Eve andate nella foresta in fuga dai Cavalieri del Quinto Drago. Per uccidere il silenzio chiedi a Eve qualcosa su di lei. Allora come sei finito nell'Isola del Nord? Eve la afferrò per le braccia e sul suo viso si spostò un'espressione di profondo pensiero. Ero giovane a soli 23 anni, ancora un bambino da elfi, ma la mia tribù è stata assassinata e quasi spazzata via da una banda di coloni umani. Sono stato risparmiato a causa della mia bellezza naturale e venduto come schiavo anni dopo sono finito nel mezzo dove un ricco uomo della tribù dell'Orintash...

1.6K I più visti

Likes 0

SOVRANITÀ 19

Merlin aveva un piano, un piano che gli aveva dato il suo Barlume. Guardando Hopix sapeva che era pericoloso, il temperamento di Hopix era quasi leggendario. Merlin sorrise quando ricordò la prima volta che Glimmer aveva perso la pazienza con lui, dannazione, ma quella non era stata una bella giornata questo era sicuro. Sospirando, prima Alan ha dovuto sconfiggere gli ultimi tre. Merlino sapeva che gli ultimi due semplici maghi non sarebbero stati un problema, ma questo campione era un'altra questione tutti insieme. Doveva esserci qualcosa che poteva fare per aiutare Alan. Schioccando le dita Merlino si concentrò e creò una...

808 I più visti

Likes 0

La famiglia dopo la festa

Ogni anno la mia famiglia si riunisce per una riunione del fine settimana. Lisa e io avevamo un sacco di attrezzatura da campeggio. Abbiamo portato i ragazzi in campeggio diverse volte durante l'estate nei fine settimana mentre crescevano. Piantammo le nostre tende nel campo di mio nonno abbastanza lontano da casa da poterci divertire un po' dopo l'ora. Provenienti da una famiglia numerosa, molti di noi fumano sigarette e altre cose, oltre a bere. Come nostra pratica, Lisa ed io avevamo una grande tenda a cabina dell'era della guerra civile che abbiamo assemblato in poco tempo. Abbiamo vissuto vicino alla sua...

1.3K I più visti

Likes 0

Revolutionary Magic # 102: venduto a cinque

Dall'anno -12 all'anno 4 Il mio nome è Nessa. Oggi ho finito di scrivere in anticipo. Voglio scrivere di più così parlerò -a voi che venite dopo- di me. Non ricordo dove sono nato o come si chiamava la mia famiglia e sono l'unica Nessa in circolazione, quindi non ho mai avuto bisogno di un soprannome. La mia famiglia era composta da servi. Il fratello maggiore era più vecchio di me. Penso che fosse sposato. La sorella era più grande di me ma molto più giovane del fratello maggiore. Il fratello era più giovane di me e la mamma era incinta...

980 I più visti

Likes 0

La famiglia Margey - Libro 6

Margey Famiglia Libro 6 Temi: ws, light scat, mast, lez Leggi le altre storie della serie (Libri 1-5) per scoprire il contesto completo, altrimenti alcune di esse non avranno alcun senso. Avvertenza: gli eventi e i personaggi di questa storia sono immaginari. Se provi a duplicarli nella vita reale, finirai per condividere una cella di prigione con un uomo grosso e grasso chiamato Bubba. 1) COLLEEN DEL MALI 2) ETTY VA IN TANGENTE 2) SALLY E MARY VANNO IN TRIGONOMETRIA 4) PASTO DI TRE PORTATE 5) MARGEY OTTIENE UN PO' DI CINESE 6) LA PROPOSTA DI CHRIS 7) IL TRUCCO DELL'Ombelico...

463 I più visti

Likes 0

Salvataggio di Daisy

John era un imprenditore sui trent'anni; costruzione generale, sposato giovane e divorziato entro un paio d'anni. Ora era uno scapolo felice e se la cavava bene da solo abbattendo ben 6 cifre, vivendo in una delle sue case specifiche e facendo ciò che aveva sempre desiderato. Non usciva molto perché tutto ciò che significava per lui era un'altra seccatura come prima e aveva abbastanza seccature da durargli una vita. Si era guadagnato una certa reputazione in giro per la città per essere un costruttore dannatamente bravo ed era ben meritato. Aveva sempre avuto questo talento per sapere cosa sembra buono e...

1.3K I più visti

Likes 0

Aprile (lungo)

April è una giovane donna di successo. I soldi non gli mancano e, a tutti gli effetti, è acceso e intonato. Ma ha un lato oscuro, un abbandono sconsiderato che minaccia di rovinarle la salute e la vita. Prima o poi, April si ritroverà in una situazione che si rivelerà un passo troppo lontano... oppure verrà salvata da se stessa esattamente dalla stessa situazione ma con un risultato molto migliore. Aprile. Capitolo primo. Il suo primo pensiero cosciente è stato che sono sveglio. Non aveva ancora aperto gli occhi, ma era consapevole dei suoni e del fatto che aveva freddo. Il...

672 I più visti

Likes 0

Tocco di bisogno

Un tocco di bisogno La ragazza era sdraiata sul letto di fronte al muro. Guardando le ombre che giocano attraverso il muro. Stava pensando di nuovo a lui. Era lui che la rendeva sempre così calda nel cuore della notte svegliandola con dolci baci sulla gola. Ma era tutto un sogno. Voleva quel tocco. Voleva il tocco dell'uomo che ama. Ogni volta che si svegliava con i morbidi baci alla gola, sentiva il calore che le si arricciava nello stomaco. Non sapeva cosa fare. Sentiva sempre l'umidità tra le sue gambe accumularsi lì desiderando il rilascio che sapeva che lui sarebbe...

1.9K I più visti

Likes 0

Il mio adven... le mie parole

La mia prima avventura Non avevo mai tradito mio marito in ventitré anni di matrimonio, ma lui era assolutamente convinto che avessi una relazione ed era ossessionato dall'idea di farmelo ammettere. L'Inquisizione era stata indossata per tutta l'estate e dopo aver passato gli ultimi due mesi a schernirci su una base quasi quotidiana, ho scoperto che aveva una relazione tutta sua. Quando l'ho affrontato, ha insistito sul fatto che la sua relazione era perfettamente giustificata dal momento che ne avevo già uno, e si è rifiutato di credere che non l'avessi fatto. Lungi dall'aiutare le cose, semmai, confrontarsi con lui sui...

2.1K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Prima parte Varie cose mi vengono in mente e le mie vacanze annuali erano solitamente ricche di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane, e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio e i miei genitori sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo - e rapidamente ha spinto la gonna da parte, tirando le mie mutande da un lato e ha spinto un dito dritto dentro di me, ho ansimato...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.