Morso (capitolo 4)

712Report
Morso (capitolo 4)

PARTE 4

Paragrafo 1: POV di Nikolai (un po' di sesso)

Paragrafo 2: POV di Eva (sesso)

Paragrafo 3: (un po' di sesso)

Punto di vista: Nikolai

Johannes è in piedi sopra di me, gli occhi che guardano maliziosamente il corpo appena coperto di Eva accanto a me nel letto. Mi siedo e gli blocco la visuale con il mio corpo in modo protettivo. Dalla luce che entra dalla finestra sembrano le sei del mattino. Fa caldo e il mio corpo è ancora sciolto e rilassato dalla sera prima con Eva.

"Cosa vuoi?" Chiedo a lui. Chiudo a chiave le porte ma a volte trova un modo per entrare. Si gira verso di me come se stessimo conversando davanti a un caffè.

"Mi sei debitore per la ragazza russa che hai lasciato sul pavimento del mio soggiorno."

Sento Eva muoversi accanto a me e mi metto un dito sulle labbra per dirgli di stare zitto. Mi infilo le mutande e lo conduco fuori dalla stanza e nel corridoio.

"Pensavo che lo sapessi abbastanza bene da ripulirti dopo che ti ho fatto un favore." È buio ma posso vedere i suoi occhi illuminati da un'eccitazione manipolatrice.

Mi stropiccio gli occhi e sospiro. «Vai avanti» gli dico.

"Verrai a una festa che sto organizzando."

«Non è da te organizzare una festa» dico seccamente.

Fa una piccola risata e continua. “Come favore per me puoi invitare la giovane donna nel tuo letto. Presumo che sia lei quella che hai visto così spesso.»

Lo dice quasi seccamente, come se fosse mio padre e io l'avessi spinto alla delusione.

«In che senso ti fa un favore, Johannes?» Chiedo.

La sua faccia cambia e sorride. «Perché so che sei una persona generosa. Ha un profumo molto gradevole. Lancia un'occhiata alle mie spalle e nella camera da letto dietro di me. Vuole il suo sangue.

“No,” dico abbastanza arrabbiata da fargli alzare le sopracciglia.

«Che le voleva bene?» Lui chiede. "Abbastanza giusto. Assicurati che porti un più uno, allora, altrimenti non ce ne sarà abbastanza per andare in giro. Lo dice come se fosse una minaccia. Mi dà una pacca sulla spalla e si gira per camminare lungo il corridoio. Scompare nel buio e sento la porta d'ingresso chiudersi velocemente alle sue spalle.

Mi trovo di fronte agli enormi occhi rotondi di Eva che mi guardano quando torno in camera da letto. È seduta sul mio letto e la luce che entra dalle tende le dona un caldo bagliore assonnato. Scuote la testa ei suoi riccioli disordinati le cadono intorno al viso e le scendono sui seni. Vedo i suoi capezzoli che fanno capolino, piccoli e rosei.

"Con chi parlavi?" Chiede assonnata.

«Nessuno» le dico, scivolando accanto a lei nel letto.

“Ti ho sentito,” protesta dolcemente.

La tiro in grembo in modo che mi si metta a cavalcioni e cominci a dondolarla avanti e indietro contro di me. Si sente gonfia contro la parte inferiore del mio cazzo indurito, e so che sarà ancora sensibile solo poche ore prima. Geme e si dimentica di quello che stava dicendo.

Allungo la mano e mi posiziono davanti al suo ingresso in modo da scivolare dentro quando lei torna indietro.

«Fai qualche orgasmo prima di andare al lavoro, amore mio» le dico. Comincia a cavalcarmi, la sua umidità scivola avanti e indietro sulla mia asta, i suoi seni vivaci rimbalzano proprio sopra di me, effettivamente distratti.

Punto di vista: Eva

Restiamo seduti in macchina in silenzio, tutti e tre. Le strade di campagna sono buie e mi sento troppo stanco per il mio turno di lavoro per essere in uno spirito di festa. Mia cugina Beth ha colto al volo l'opportunità di venire quando Nikolai gliel'ha accennato, e le mie fragili lamentele sulla situazione non hanno potuto distogliere entrambi dall'idea. Mi siedo sbuffato: gambe incrociate, sguardo fisso fuori dal finestrino, ignorando Nikolai quando si allunga e mi accarezza la coscia per qualche secondo.

Percorriamo un lungo viaggio in auto e vediamo un grande fienile convertito. Beth quasi strilla. Si siede dietro, batte le mani, è carina con la sua tuta nera e i tacchi rossi.

Quando scendiamo dall'auto Nikolai corre per camminare accanto a me, lasciandosi dietro Beth ad ammirare la casa.

"Cosa c'è, signorina?" mi chiede con un lieve ronzio.

Tengo lo sguardo a terra, osservando il mio passo sui talloni mentre entriamo in veranda. «Sono stanco» gli dico in tono piatto.

«E comunque sei così terribilmente carina» sussurra, accarezzando il velluto del mio vestito proprio sulla parte bassa della mia schiena.

La porta si apre, nonostante nessuno sia lì ad aprire, e il rumore della musica, delle risate e della conversazione si riversa fuori. All'interno veniamo accolti, tutti e tre, da un'ondata di gente. Il piano terra a pianta aperta è pieno di gente e ogni passo verso l'ospite porta un nuovo volto e una nuova introduzione. Le bevande ci vengono servite dalla cucina, le nostre giacche vengono prese e la maggior parte delle persone saluta Nikolai come un vecchio amico prima di sorridere educatamente a me e Beth.

Si gira verso di me, si china in modo che possiamo sentirci e grida: "Unisciti a Beth, ho bisogno di parlare con il nostro ospite". Mi fa l'occhiolino e mi tira una ciocca di capelli prima di girarsi e scomparire tra la folla.

Mi dirigo verso le doppie porte francesi che conducono al retro della proprietà, cercando le sigarette nella mia borsa. Le persone si siedono in piccoli gruppi in giardino, anche se è meno affollato che all'interno e mi sento di nuovo in grado di respirare.

Un uomo indiano dai capelli biondi straordinariamente schiariti, pettinati all'indietro, si allunga e mi offre un accendino. È alto e snello, appoggiato alla sedia come un gatto. Accendo la sigaretta e lo ringrazio.

“Qualsiasi cosa per te,” dice, la sua voce è dolce e accentata, e quando i suoi occhi incontrano i miei è difficile distogliere lo sguardo dalla loro profondità. Spinge una sedia libera verso di me e io mi siedo. Tira fuori una sigaretta per sé e l'accende.

"Come ti chiami, tesoro mio?" Lui chiede.

«Eva.»

"Stai passando una bella serata?" C'è una qualità dolcemente rassicurante in lui e quando sento la mia stanchezza aumentare è impossibile soffocare il mio sbadiglio.

Rido, imbarazzato. "Finora è adorabile, sono solo terribilmente stanco."

Fa una faccia comprensiva e tira un tiro dalla sigaretta.

Guardo sulla soglia e vedo Beth in cucina, che chiacchiera con un uomo. È così coinvolta nella conversazione che non riesce a vedere le persone intorno a lei che li guardano, gruppi di persone con occhi affamati che si muovono verso di lei. Muovo lentamente la testa e lancio lo sguardo intorno al giardino. Un'altra donna si è unita a noi al tavolo e mi osserva con uno sguardo gelido, mentre le persone a me più vicine distolgono rapidamente lo sguardo quando vedo che mi osservano.

L'indiano si china sul tavolo. "Ti piacerebbe andare in un posto più tranquillo?"

Mi sento esposto e molto solo. Mi giro per vedere Beth, ma quando guardo in cucina non si vede da nessuna parte.

"Devo trovare mio cugino", gli dico.

Mette una mano sulla mia coscia nuda e la stringe forte. "Perché non provi a rilassarti?"

Scatto all'indietro sulla sedia, ma la sua mano mantiene la presa sulla mia gamba. Lo sposta verso l'alto lentamente e deliberatamente oltre l'orlo del mio vestito e fino alla parte superiore della mia parte interna della coscia, le sue dita sfiorano la mia biancheria intima. Gli prendo la mano e gli dico di smetterla. Noto gli occhi attenti di ancora più estranei intorno a noi, eppure nessuno fa niente.

In preda al panico, spengo la sigaretta sull'avambraccio del ragazzo e spingo indietro con forza sufficiente per riuscire finalmente ad alzarmi. Lo sento urlare mentre cammino il più velocemente possibile sui tacchi verso la porta, correndo tra la folla per trovare una stanza vuota tutta per me.

Salgo le scale fino al primo piano, dove la folla si spegne tra le coppie sedute sulle scale e le persone che occupano le camere da letto. Trovo un bagno, mi infilo dentro e chiudo la porta dietro di me. La stanza è aperta e luminosa, moderna con caratteristiche antiche come il resto della casa. Uno specchio lungo il pavimento è nell'angolo e vado a controllarmi. Trovo il mio vestito scomodamente corto e tiro l'orlo il più in basso possibile. Il velluto scintillante è di un colore blu scuro intenso che potresti confondere con il nero, il materiale si aggrappa al mio corpo in vita e sui fianchi, finendo a metà coscia. Le mie gambe sembrano snelle e lunghe, ma la sensazione della mano dell'uomo contro la mia coscia mi fa venir voglia di coprirmi.

Sobbalzo quando sento bussare alla porta, ma la voce di Nikolai mi calma all'istante. "Eva, sono io", chiama.

Apro la porta per lui e mi appollaio sopra il lavandino, desiderando tutto il tempo che posso avere da solo con lui.

"Pensavo di averti visto precipitarti qui dentro", dice scherzosamente, chiudendo a chiave la porta dietro di sé e muovendosi verso di me per trattenermi per un secondo.

«Le persone qui sono strane» gli sussurro.

Mi dà una stretta stretta. "Ti hanno infastidito?"

"Sì", gli dico, visibilmente angosciata. "Un uomo mi ha palpato e tutti sono rimasti seduti a guardare".

Mi prende il viso tra le mani e mi bacia, lentamente e profondamente. «Poverino» mormora. "Non preoccuparti, ora sono qui."

Appoggio la testa contro il suo petto. Mi aspettavo che fosse scioccato e indignato, ma il suo calore mi fa venire le lacrime agli occhi. Le mie spalle tremano un po' mentre la stanchezza e i nervi traboccano di qualche lacrima.

Nikolai mi stringe più forte. «Non piangere», dice dolcemente. “Guarda come sei bella.” Mi tiene a distanza di braccia e mi ammira, come se potesse assolvermi da ogni tristezza.

Mi guarda con la stessa fame che avevano gli ospiti della festa al piano di sotto, solo che la sua versione non mi fa venire voglia di distogliere lo sguardo e coprirmi. Mi fa venire voglia di aprirmi completamente a lui ed essere parte di lui.

Lo afferro per il colletto della camicia e lo attiro in un bacio mentre sistema il mio peso sul lavandino e mi tiene le gambe aperte con le braccia. All'inizio è veloce e bisognoso. Riesco a liberare il suo membro dai pantaloni e far scivolare le mie mutandine sullo scivolo, gemo forte e forte quando mi riempie la fica troppo in fretta e inizia a spingere prima che io abbia la possibilità di bagnarmi ancora di più. Il mio dolore sembra eccitarlo ancora di più, e comincia a spingere con forza sufficiente per spingermi indietro e far cadere sul pavimento bottiglie di articoli da toeletta. In pochi secondi i miei respiri sono ansimanti, provocati dalla sensazione di calore che si accumula tra le mie cosce. Mi afferra una manciata di capelli e me li tira bruscamente, riportandomi le lacrime agli occhi. Li vede traboccare e le sue spinte diventano ancora più dure.

“Mi stai facendo male,” piagnucolo tra le mie lacrime ei miei gemiti di gioia. Non mi aspetto che smetta, lo dico solo per eccitarlo.

Mi schiaffeggia la faccia con una forza tale da farmi bruciare, portandomi all'orgasmo intorno alla sua grossa asta. "Bene", mi dice e io gemo e singhiozzo abbastanza forte perché le persone al piano di sotto lo sentano, "sei stato un marmocchio tutta la notte".

“Mi dispiace, papà,” sussurro, il suono che esce in pantaloni corti e frastagliati mentre il mio corpo dondola avanti e indietro a ogni spinta che fa dentro di me, ognuno più profondo dell'altro. Torreggia sopra di me sopra il lavandino, facendomi sentire incredibilmente piccole, spesse braccia muscolose che mi inchiodano le braccia ai fianchi così che potrei muovermi a malapena anche se lo volessi. Un ricciolo nero gli ricade sul viso mentre si china per mordicchiarmi la spalla e farmi sanguinare per un secondo. Raggiunge il suo orgasmo poco dopo, fottendomi in un tale pasticcio sopraffatto che riesco a malapena a stare in piedi quando abbiamo finito.

"Andiamo, allora," la sua voce era di nuovo calda. Sento il suo sperma dentro di me, gocciolare lentamente nelle mie mutande e accumularsi, denso e ancora caldo. "Ci sono persone che devi incontrare."

Mi tiro giù il vestito mentre lui tira su la zip dei pantaloni. Averlo al mio fianco per il resto della notte rende il ritorno alla festa almeno sopportabile. Mi schiaffeggia forte sul sedere prima di lasciare il bagno, e io soffoco un piccolo strillo mentre ci dirigiamo verso il resto degli ospiti.

Punto di vista: Nikolai

"Unisciti a Beth, ho bisogno di parlare con il nostro ospite", dico a Eva. La guardo mentre mi faccio strada attraverso la casa. Rimane sola per un secondo come un cervo spaventato, gambe lunghe e grandi occhi, l'aria delicata e innocente che tiene su se stessa attira lo sguardo di ogni maschio nelle sue vicinanze. Devo essere veloce. Mi dirigo verso l'ufficio di Johannes dove so che sarà. Mi guardo alle spalle un'ultima volta prima di entrare nella stanza e vedo Beth circondata da una folla crescente di persone, mani pallide e magre che si allungano per toccarla.

«Sei in ritardo», annuncia Johannes quando finalmente sono davanti a lui. Si siede dietro una scrivania, sembra calmo e raccolto. Due uomini sono seduti sul divano contro il muro, entrambi silenziosi.

«Niente più giochi» gli dico, con voce tagliente per fargli capire che sono seria. «Mi sono assicurato che venisse il cugino di Eva. Si chiama Beth, puoi averla e lasciare in pace Eva.

Mi guarda come se stesse valutando la mia offerta, e io mi sento quasi nervosa. Johannes è vecchio e amareggiato, con una vena sadica che a volte mi mette a disagio. Il nostro rapporto reciproco ci rende una famiglia, ma il pensiero di lui solo con una persona dolce e volenterosa come Eva mi fa rivoltare lo stomaco.

"Quando incontrerò Eva?" Chiede innocentemente.

«Più tardi» gli dico.

È la cosa più vicina al senso di colpa che ho provato da molto tempo; Beth era stata gentile e sapevo che Eva sarebbe rimasta sconvolta nello scoprire che ero capace di organizzare una cosa del genere. Ricordo a me stesso che Eva è la priorità e stringo Johannes sulla spalla. "Sii veloce e sii gentile con lei, così potrai conoscere Eva."

La descrivo ei due sconosciuti escono dalla stanza per trovarla. Il silenzio tra me e Johannes mi mette a disagio, ma lui resta seduto sulla sedia sorridendo per quella che sembra un'eternità. Beth viene portata nella stanza e riesco a malapena a sforzarmi di guardarla.

Johannes le prende una mano tra le sue. È alto e largo e le sue lunghe dita riescono ad avvolgere il polso di Beth quando le porta la mano alle labbra per baciarla. "Che piacere conoscerti", dice carismaticamente.

I suoi occhi si guardano intorno nella stanza in cui viene condotta, non sembra accorgersi che io ero accanto a lei e so che è stata drogata. Danno agli umani intrugli a base di erbe per renderli leggermente più compiacenti. Penso a Eva e comincio a diventare impaziente.

«Grazie per avermi ospitato», dice lentamente, come se fosse immersa nei suoi pensieri.

Johannes si siede sul divano e le fa cenno di sedersi accanto a lui. I suoi due scagnozzi stanno alla porta, che presumo sia già chiusa a chiave. Comincia a esercitare il suo fascino su di lei, il flirt e l'adulazione sono impiegati con un'abilità che ha perfezionato per troppe vite da contare. La mette a suo agio con il suo buon umore e il suo fascino, e non una volta i suoi occhi distolgono lo sguardo dai suoi. Sembra che siano gli unici due nella stanza ed è scomodo da guardare.

"Posso io?" Chiede, la sua voce morbida e ricca come il velluto quando le porta il polso alla bocca.

Lei annuisce, come se capisse cosa sta accettando. Le morde la pelle abbastanza forte da farle sanguinare, anche se lo fa con delicatezza. Aggrotta la fronte come se non riuscisse a credere a ciò che vede, ma non si tira indietro.

Se la prende in grembo e quasi geme quando lei si sistema per sedersi contro il suo inguine.

Distolgo lo sguardo e aspetto che mi congeda. Gli uomini alla porta li osservano intensamente e ho la sensazione che gli sia stato promesso un turno.

“Johannes...” dico piano.

Alza lo sguardo su di me, il sangue della ragazza gli macchia i denti e le labbra di un rosso scuro. Mi tende il polso insanguinato con una mano, mentre l'altra si allunga sotto la tuta per afferrare un seno. "Non andartene così presto, Kolya", dice con un sorriso cupo.

Beth si dimena deliziata contro di lui, la testa appoggiata all'indietro contro la sua spalla mentre lui le bacia il collo. Sento il calore allontanarsi da lei a ondate e l'odore del suo sangue sta rendendo la stanza dolce e inebriante con il suo profumo. Johannes si tira giù la metà superiore della tuta fino alla vita, esponendo i suoi seni ei capezzoli rosa e induriti. È più formosa di Eva ei suoi seni fuoriescono dalle grandi mani di Johannes. Lei geme quando lui le prende a coppa e inizia a strofinarsi contro la sua gamba.

Faccio un passo indietro, pensando a Eva e alla mia urgenza di trovarla, per assicurarmi che stia bene.

"Devo andarmene", il profumo di Beth mi fa venire le vertigini, quasi svenire, e mi rendo conto di quanto desidero lasciare la stanza. Johannes mi congeda con un gesto della mano, gli occhi fissi solo su Beth e sul suo collo che pulsa. L'altra mano le scende lungo lo stomaco e scompare sotto le mutande.

Uno degli uomini si sposta dalla porta al divano, allentandosi la cravatta mentre si avvicina. L'altro mi apre la porta per uscire, chiudendola velocemente dietro di me e girando la chiave nella toppa. L'aria è più fresca fuori dal suo ufficio, e riacquisto la concentrazione quando inizio a cercare Eva tra la folla. Sento un nodo allo stomaco e un'urgenza che mi spinge verso di lei che mi dice che ha paura. Sento il suo profumo prima di vederla sfrecciare su per le scale e giù per il lungo corridoio. Il suo vestito di velluto le aderisce al corpo e luccica sotto le luci ad ogni movimento che fa, è corto e fa sembrare le sue gambe incredibilmente lunghe e snelle. La seguo su per le scale e mi dirigo verso il bagno in cui si infila. Alla fine apre la porta quando busso, ma indietreggia quando sente il rumore degli ospiti, gli occhi così grandi che quasi mi fanno venire voglia di piangere.

La stringo, respirando il suo profumo e accarezzando il morbido velluto del suo vestito. Mi sento ancora leggermente inebriato dall'odore del sangue di Beth e la tentazione mi aveva eccitato. Una volta che le mie mani iniziano a toccare il corpo di Eva, mi sembra impossibile fermarmi e devo ricordare a me stesso che è sconvolta.

"Le persone qui sono strane", mi dice, aggrappandosi al mio petto.

La stringo forte e mi rimprovero per averla portata qui, chiedendomi cosa avrei mai pensato che avrebbe ottenuto. Ora Johannes ha visto la mia debolezza per lei, ci giocherà per divertimento, troppo vecchio, troppo amareggiato e troppo annoiato per prendere in considerazione qualcosa di banale come l'emozione umana. La bacio e la abbraccio, portandola finalmente sopra il lavandino, così non devo pensare a come potrei perderla, e come l'avrebbe spaventata sapere del mondo in cui l'avevo portata stanotte.

Storie simili

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

626 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

612 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Parte 5_(1)

Accendi la fotocamera: Toni è seduta sul bordo del letto con Joe e io in piedi su ogni lato di lei si sta accarezzando un cazzo in ogni mano, a turno succhiandoli e leccandoli a turno, inizia a prendersela davvero mentre fa la gola profonda gemendo e conati di vomito mentre va avanti ci tira su sul letto per i nostri cazzi e ci mettiamo in posizione. Joe si è sdraiato sulla schiena e Toni a cavallo di lui ha guidato il suo grosso casco nella sua figa bagnata, l'ho guardata un po' per poterla vedere una crema bianca densa scivola...

1.6K I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Piccolo Jazz

Mi chiamo Patrick, ho 21 anni e lavoro in un negozio al dettaglio di materiale elettrico, nel magazzino. Di solito consiste in lunghe giornate difficili in cui si devono ricevere molte scorte pesanti, come frigoriferi e lavatrici, dovendo anche dare ai clienti le loro scorte. Diventa piuttosto stancante, specialmente durante i mesi estivi quando fa caldo. Il magazzino ha un secondo livello, dove solitamente teniamo le unità esterne per i condizionatori. Essendo fuori dalla visuale della telecamera e accessibile solo a coloro che possono guidare il commissionatore (un tipo di carrello elevatore), quello che io e i miei compagni di lavoro...

891 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.