Immagine perfetta

565Report
Immagine perfetta

Picture Perfect, (l'edizione riveduta)

Prologo;


Il mio originale, "Picture perfect", è stato scritto come una storia a sé stante, ma ho ricevuto così tante domande sulle motivazioni della moglie, che ho deciso di scrivere una storia successiva dal punto di vista di Judy. Questo si è rivelato più difficile di quanto mi aspettassi, ma le due storie hanno generato così tanto interesse che ho pensato di rivedere entrambe le storie per renderle più credibili.

Si prega di essere avvisati; Lo stupro forzato, da maschio a maschio, verso la fine è essenziale per raccontare questa storia. L'ho rivisto considerevolmente per renderlo più comprensibile. Ma, se ti offende, per favore non leggere la storia.

Ad alcuni di voi non piacerà ancora la fine. Ci sono molte parti di questa storia che sono molto vicine alla mia e, sebbene la mia storia non sia finita come questa, c'è una parte di me che vorrebbe che finisse.

La prima parte è la storia di Gary. Lo racconta mentre si svolge e afferma ogni situazione come la conosce. La seconda parte è la storia di Judy che correggerà alcune delle idee sbagliate di Gary anche se i fatti sono i fatti.

Dato che mi è stato detto più volte che ho affrettato la fine dell'ultima storia, questa volta ci sarà una terza parte, che culminerà in quello che spero sarà un finale memorabile.

Spero che la revisione vi piaccia e, come sempre, apprezzo il vostro feedback.
Grazie.


Mi chiamo Gary Asher. Sono un fotografo professionista. Ho un piccolo, ma redditizio, studio fotografico nel centro di Chicago. A causa della natura della mia attività, a volte lavoro con le donne più belle della città e, non una volta ogni dieci anni di matrimonio, ho mai pensato di tradire mia moglie, Judy.

Ero il ragazzo più fortunato del mondo e lo sapevo. Mia moglie, che ha ancora un bell'aspetto oggi come quindici anni fa, è l'amorevole madre di nostra figlia di nove anni, Tammy, e la moglie più devota e premurosa che un uomo possa mai desiderare. Per non parlare del fatto che stiamo insieme da dodici anni e il sesso è bello come la prima volta che abbiamo fatto l'amore. Ho sentito parlare della vita sessuale di altre coppie e di come sarebbe diventata stantia e si sarebbe deteriorata dopo un po', ma la nostra era sempre spontanea e fresca. A volte facevamo l'amore due volte a settimana e altre volte due volte al giorno. A volte usavamo giocattoli o luoghi esotici, ma sembravamo sempre sincronizzati l'uno con l'altro e in tutti i nostri anni insieme, l'uno non si era mai negato all'altro, nemmeno una volta!

Quando ho incontrato Judy per la prima volta era lei stessa una top model, probabilmente la donna più bella che avessi mai visto. Almeno così pensavo. Ci siamo incontrati durante il mio primo servizio fotografico importante. Prima di allora stavo realizzando composizioni di modelli, alcune piccole fotografie pubblicitarie e, non sono troppo orgoglioso per ammetterlo, ma ho anche preso alcuni matrimoni per tenere la testa fuori dall'acqua. Questa è stata la mia grande occasione, è stato il grande momento, 3 giorni di riprese per un cliente importante ed ero tutto gonfio come un pavone. Non avrei mai avuto il coraggio nemmeno di chiedere a Judy di uscire in nessun'altra circostanza. Siamo usciti insieme per due anni. Poi, in una città dove tutti vivevano insieme, abbiamo deciso di renderlo legale. Ci siamo scambiati i voti davanti ai nostri amici, alla famiglia e a Dio. Si potrebbe dire, per me la vita era un'immagine perfetta... fino a quel fatidico giorno.

Ho trascorso un paio d'ore nel pomeriggio tra le riprese e non avevo ancora mangiato, quindi sono andato da The Little General's, un ristorante e bar su Wacker Drive a pochi isolati dal mio studio. Mi è piaciuta l'atmosfera lì. Aveva alcune cabine intime, per 2 persone, lungo un corridoio che conduceva al bar tranquillo e poco illuminato. Il cibo era buono, le bevande erano forti e i consigli del barista, Herb, erano sempre validi. A volte, quando Judy è in città a fare shopping, mi sorprendeva in studio e andavamo lì a pranzo.

Se ero solo, di solito mi sedevo al bar e mangiavo lì mentre parlavo dei problemi del mondo con Herb. Questo giorno non era diverso. Herb era dall'altra parte del bar quando mi sono seduto e mi ha fatto un cenno con la testa riconoscendomi e facendomi sapere che sarebbe stato con me in un minuto. Ho sorriso e ho annuito di rimando. La cameriera si avvicinò con un menu e avevo appena deciso cosa volevo quando Herb si avvicinò.

"Ciao Gary", disse, "il tuo solito?"

"Sì, grazie Herb, andrà bene." Ordinai alla cameriera proprio mentre Herb appoggiava il mio cacciavite sul bancone davanti a me.

"Come va Gary?" chiese. Pensavo di aver percepito un po' di preoccupazione o trepidazione nella sua voce.

“Va tutto bene Herb. Grazie." Capivo che Herb aveva qualcosa in mente. Ho pensato che Herb potesse avere dei problemi a casa e stesse cercando qualcuno su cui scaricarsi, così ho sondato il suo aspetto preoccupato.

“Sembra che tu abbia qualcosa in mente, Herb. C'è qualcosa di cui vuoi parlare?'

"Beh, mi chiedevo solo se fosse tutto a posto tra te e le signorine, tutto qui." Non era quello che mi aspettavo di sentire. Pensavo che fosse infastidito da qualcosa nella sua vita e sembrava essere infastidito da qualcosa nella mia.

"Certo Herb," ​​dissi un po' sorpreso dalla sua domanda, "perché me lo chiedi?"

«Be'», iniziò, «non sono affari miei, ma ti considero un amico, Gary. È... beh, è ​​solo che lei era qui l'altro giorno con un altro ragazzo e... beh, sembrava che andassero molto d'accordo insieme, tutto qui."

Improvvisamente mi sono sentito male allo stomaco. Ok, ho pensato, non allarmarti, potrebbe non essere niente. «Sei sicuro che fosse Judy?» Ho chiesto.

"Oh sì," disse con sicurezza. “Sei sposato con una delle donne più belle della città, è difficile che manchi la mia amica. Era Judy, va bene.

Perché non mi avrebbe detto che era in città?, mi chiesi. Il solo fatto che fosse con qualcuno non significa che stia succedendo qualcosa, ma mi chiedevo perché non mi avesse detto che era in città o che aveva pranzato con un amico.

"Herb, quando dici che andavano piuttosto d'accordo, cosa intendi esattamente?"

“Gary, avrebbe potuto essere molto innocente. Non voglio creare problemi tra te e tua moglie, questo è certo, ma erano una specie di... sai... flirtavano l'uno con l'altro e si tenevano per mano.

Ok, ho pensato, sta iniziando a sembrare qualcosa di più che incontrare innocentemente un amico. Il mio cibo è arrivato ma non avevo più molta fame. Herb si è dato da fare dall'altra parte del bar e mi ha lasciato solo con i miei pensieri per un po'. Mi sono seduto lì ad allattare il mio drink. Penso di aver preso due morsi del mio pranzo. Non ho aspettato che Herb mi chiedesse se volevo un altro drink, ho buttato un biglietto da venti sul bancone e me ne sono andato. Doveva esserci una spiegazione, pensai.

Sulla via del ritorno in studio, ho camminato a un ritmo più lento mentre ero immerso nei miei pensieri. Conoscevo Herb da diversi anni e sapevo che Herb non avrebbe detto nulla se non avesse creduto che ci fosse qualcosa di cui preoccuparsi. Mi fidavo completamente di Judy, ma era una donna bellissima e sapevo che la maggior parte della popolazione maschile di Chicago avrebbe dato qualsiasi cosa per entrare nei suoi pantaloni. Più ci pensavo, più mi preoccupavo.

Quando sono tornato in studio avevo ancora circa 30 minuti prima che il mio cliente fosse lì, quindi ho chiamato Sammy, un vecchio amico. Sammy era un procuratore di cose. Aveva un elenco di clienti che lo avrebbero assunto per trovare e acquistare qualsiasi cosa di cui avessero bisogno. Avevo usato i talenti speciali di Sammy molte volte per allestire lo studio. Diavolo, metà dell'attrezzatura in studio l'ho presa da Sammy. La roba era sempre di prima qualità. Sapevo che non era un furto o un mercato grigio perché veniva sempre fornito con le garanzie del produttore e l'ho sempre preso all'ingrosso. Quando sei in un'azienda in cui una singola telecamera può costare trentamila dollari, Sammy era un bravo ragazzo da conoscere.

Ho preso il telefono nella sala di tiro e ho composto il numero di Sammy. "Ciao Sammy, sono Gary."

"Ehi amico, come stai?" Sammy era sempre di buon umore. "Come sta appeso?"

«Niente male, Sammy. Ehi vecchio amico, ho bisogno del tuo aiuto.

"Di che cosa hai bisogno?" chiese.

"Hai accesso a qualche piccola telecamera spia?" Ho chiesto.

"Telecamere spia", sembrava sorpreso, "cosa diavolo hai intenzione di fare con le telecamere spia?"

Sammy era un buon amico. Era stato a casa nostra diverse volte e conosceva sia Judy che Tammy. «Sammy, devi promettermi che quello che sto per dirti non va oltre noi due» dissi.

“Certo amico, che diavolo sta succedendo? Questo sta iniziando a sembrare serio. C'era vera preoccupazione nella sua voce.

Gli raccontai della mia conversazione a pranzo con Herb. Gli ho detto che non credevo davvero che Judy mi avrebbe tradito e che odiavo l'idea di spiarla, ma non potevo nemmeno andare in giro a preoccuparmi. La descrizione di Herb del comportamento di Judy con un altro uomo e la sua negligenza nel dirmi che era in città l'altro giorno era, come minimo, motivo di qualche apprensione.

L'enfatico rifiuto di Sammy di qualsiasi errore da parte di Judy è stato a dir poco incoraggiante. «In nessun modo», disse, «di tutti i miei amici sposati, nessuno ha un matrimonio solido come te e Judy. Siete l'invidia di ogni coppia che vi conosce. Perché non glielo chiedi, sono sicuro che ci sia una spiegazione ragionevole.

Ho pensato alle sue parole e, per un breve momento, ho dimenticato di spiarla e ho pensato di chiederglielo, come suggerito da Sammy. Ma questo mi farebbe davvero riposare la mente?

«Sammy, sono sicuro che hai ragione», dissi. “Non riesco nemmeno a immaginare che Judy mi tradisca davvero, ma se l'avessi affrontata e lei stesse vedendo qualcun altro ovviamente negherebbe e se non lo fosse potrebbe arrabbiarsi davvero sapendo che ho persino sospettato di lei. Di sicuro non voglio mettere a repentaglio il mio matrimonio a causa di alcune voci infondate. Ecco perché non puoi dirlo a un'anima, Sammy, non a un'anima. Se è innocente, non voglio che sappia che ho persino considerato di sospettarla di infedeltà.

“Non preoccuparti amico mio, non direi una parola. Continuo a pensare che tu stia abbaiando contro l'albero sbagliato, ma ti procurerò le telecamere. Quanti ne vuoi?"

“Wow, bella domanda. Il problema è che Judy ha il cellulare con sé ovunque. Immagino che tre lo farebbero, no ne fanno quattro. Uno per il soggiorno, uno per la camera da letto, uno per la cucina e uno per la macchina. Parla costantemente con il suo dente blu quando è in macchina.

"Va bene, per quanto tempo starai lì stasera?" chiese Sammy.

“Beh,” dissi, “sono circa le 2 ora, ho un cliente che arriva da un momento all'altro, ci vorranno un paio d'ore, …..sarò qui fino alle 5:00 credo. Posso restare più a lungo se vuoi.

"No, alle 5 va bene", ha detto, "raccoglierò alcune cose e ci vediamo in studio prima che tu vada."

"Grazie vecchio amico", dissi, "posso sempre contare su di te".

"Continuo a pensare che probabilmente stai facendo una montagna da una collina di talpa", ha detto.

Le riprese sono andate come un orologio ed ero già nel back office a ripassare alcune delle riprese quando ho visto la luce che ho lì dentro che continuava a dirmi che qualcuno era nell'ufficio esterno. Ho attraversato la sala di tiro e sono entrato nell'ufficio esterno per trovare Sammy con la mia nuova attrezzatura.

"Ciao, amico mio", disse. "Ho tutto ciò di cui hai bisogno."

“Fantastico Sammy, grazie.” Normalmente sarei euforico con la nuova attrezzatura, ma conoscere il motivo per cui ho ottenuto questa roba ha smorzato il mio entusiasmo.

“Okay, questa roba è molto tecnologica. Tutto è in HD e in grado di riprendere in condizioni di scarsa luminosità. Sono tutti video wireless, quindi puoi guardare e ascoltare tutto ciò che accade direttamente sul tuo computer in tempo reale. Sono anche attivati ​​da rilevatori di movimento, quindi si avviano solo quando c'è un movimento. Sono tutti nascosti in queste cose. Ecco un orologio da scrivania che puoi mettere sul caminetto. L'obiettivo grandangolare coprirà l'intero soggiorno. Pensavo che questo orologio da parete andasse in cucina e qui c'è un finto rilevatore di fumo. La fotocamera è all'interno. Se lo monti sopra la porta sarai in grado di vedere tutto ciò che accade nella camera da letto. Ecco l'unico che non è nascosto. Viene montato sotto il cruscotto della sua auto. Ci sono alcune indicazioni su come montarlo in modo che sia completamente nascosto, ma sarai in grado di vedere e sentire tua moglie mentre guida.

Ho guardato tutta la roba. Non c'era modo che scoprisse che la stavo spiando, ma questo non diminuiva i miei sensi di colpa. Ho ringraziato Sammy e gli ho detto che presto ci saremmo ritrovati per un drink. Ho lasciato lo studio per tornare a casa. Quando mi sono avvicinato alla casa ho parcheggiato la macchina in fondo all'isolato in modo da poter entrare nel garage senza che Judy mi sentisse. Installare la piccola videocamera sotto il cruscotto è stato facile e ha richiesto poco tempo. Tornai alla mia macchina e entrai nel vialetto. Judy, come al solito, mi è venuta incontro alla porta, mi ha messo le braccia al collo e mi ha dato un bacione. Dio, adoro ricevere quel saluto ogni giorno.

Ha visto i pacchetti che avevo in mano. "Cos'hai", chiese, "qualcosa per me?"

"Beh, più o meno", dissi. “Un giorno, uno dei negozi di State Street aveva una svendita. Non ho potuto trattenermi. Era tutto così economico. Ho comprato un nuovo orologio per il caminetto, un orologio da parete per la cucina e non abbiamo un rilevatore di fumo nella nostra stanza, quindi ne ho preso uno anche io.

"Accidenti grazie", ha detto scherzosamente, "sei così romantico." Ho sorriso.

Dopo cena ho impostato gli orologi dall'aspetto poco appariscente sull'ora giusta, ho messo uno sul caminetto e ho installato l'altro sul muro della cucina. Successivamente sono salito le scale e ho attaccato il finto rilevatore di fumo al soffitto della camera da letto.

Quando sono tornato giù per le scale, Judy stava aiutando Tammy con un progetto scolastico, quindi sono andato nel mio ufficio per fare un po' di fotoritocco. Mentre ero lì ho controllato per assicurarmi che la telecamera della cucina funzionasse correttamente. Dato che quella era l'unica stanza con qualcuno in movimento, era l'unica telecamera che potevo controllare. Funzionava perfettamente. Ho potuto vedere e sentire le due persone più importanti della mia vita. Ho pregato che rimanesse sempre così.

Sono stato assorbito dal mio lavoro e il tempo mi è sfuggito. Judy ha fatto capolino dalla porta e ha detto che aveva messo a letto la figlia ma voleva un bacio da suo padre. Mi vergognavo di me stesso per aver lavorato tutta la notte e aver dedicato del tempo che avrei dovuto trascorrere con la mia famiglia. Mi sono scusato con Judy e sono andato nella stanza di Tammy per darle un bacio extra sulla fronte. Mi ha chiesto se le avevo letto una storia e, dato che non avevo passato del tempo con lei tutta la notte, ho prontamente accettato.

"E vissero felici e contenti, alla fine." Ho chiuso il libro e ho guardato il viso raggiante di mia figlia. Tammy mi guardò negli occhi con un grande sorriso. Allungò le braccia e io le diedi un altro grande abbraccio prima di rimboccarle le coperte. "Sogni piacevoli, tesoro", dissi. Poi spensi la luce e scesi le scale.

Quando sono arrivato al primo piano ho incontrato Judy che stava salendo. Sorrise, mi mise le braccia al collo e mi diede un bacio appassionato sulle labbra. L'ho guardata negli occhi e ho giurato che anche loro stavano sorridendo.

"Ti amo mio marito", disse mentre mi baciava di nuovo.

Ricambiai il bacio, rassicurandola anche del mio amore, e salimmo le scale verso la nostra camera da letto. Ci siamo spogliati entrambi e lei si è rannicchiata tra le mie braccia. Non abbiamo fatto sesso. Non ne avevamo bisogno. A volte tenere la ragazza dei tuoi sogni vicino al tuo corpo è altrettanto bello. Entrambi ci siamo allontanati.

La mattina dopo eravamo entrambi di ottimo umore. Avevo, praticamente, respinto i miei sospetti. Abbiamo parlato dei nostri piani per la giornata mentre facevamo colazione. Mi ha detto che sarebbe andata a casa della sua ragazza dopo aver accompagnato Tammy a scuola, quindi se la chiamo, ha detto, dovrei chiamarla sul suo cellulare.

Stavo camminando in aria, sollevato dalle mie preoccupazioni mentre salivo sulla mia piccola BMW, Z3. Ho abbassato la capote mentre facevo retromarcia in questa gloriosa giornata estiva. Judy e Tammy salutarono entrambe mentre entravano nel SUV di Judy e si dirigevano a scuola. Era l'inizio di una bella giornata, pensai, e mi diressi in città lungo Lake Shore Drive invece di usare la superstrada. Ci è voluto un po' di più in quel modo, ma mi è piaciuta la strada panoramica.

Stavo preparando le cose in studio per un altro giorno quando noto l'immagine in movimento in una piccola finestra sul mio computer. Era Judy in macchina che parlava al cellulare, come al solito. Ho pensato, che diavolo, ho pagato per tutta questa merda di spionaggio ad alta tecnologia, potrei anche vedere come funziona. Ho allargato la finestra e alzato il volume.

"Ehi ragazza", l'ho sentita dire, ..... "sì, sto arrivando proprio ora." Sapevo che era diretta dalla sua ragazza, la casa di Amber. Judy e Amber erano migliori amiche da quando facevano la modella insieme ai vecchi tempi. Amber e suo marito, Bill, erano davvero una bella coppia. Bill e io giocavamo a golf insieme a volte e noi quattro uscivamo a cena e al cinema 4 o 5 volte l'anno.

Stavo per ridurre a icona la finestra quando ho sentito qualcosa che non mi è piaciuto. "Oh hey", ho sentito Judy dire, "devo parlarti di Pete... Oh, è solo un mio amore speciale", ha detto con una risatina nella voce, "sì, ti dirò tutto su quando arrivo lì... eh, sono sulla Northwest Highway. Sarò lì tra dieci minuti.» Ha interrotto la chiamata. Potevo vedere il grande sorriso sul suo volto.

Sono rimasto seduto lì per un minuto, la mia mente girava. Ok, niente panico, ho pensato, potrebbe essere ancora qualcosa di innocente. Poi ho sentito la realtà affondare, chi sto prendendo in giro?

Dannazione, dannazione, dannazione! Ho pensato. Figlio di puttana, sta vedendo qualcuno. Riuscivo a malapena a riprendere fiato. Potevo sentire il cuore che mi martellava nel petto. Potevo sentire la mia faccia arrossire e stavo iniziando a sudare dalla fronte. Mentre mi alzavo dalla sedia, la mia mano trovò istintivamente una penna di plastica accanto al computer. L'ho raccolto e l'ho lanciato contro il muro con rabbia. La penna è stata fatta a pezzi. Potevo sentire le mie ginocchia indebolirsi e dovevo sedermi di nuovo. Mi sono messo la testa tra le mani e ho iniziato a piangere.

"Per favore, Dio, per favore, non lasciare che questo accada", ho pregato. Ho appoggiato la testa sulla scrivania. "Per favore Dio no, per favore no." Ero ancora seduto lì a singhiozzare quando si accese la luce e sapevo che i miei primi clienti della giornata erano nell'ufficio esterno. Ho provato a rimettermi in sesto. "Sarò subito con te", ho urlato. Andai velocemente in bagno e mi passai un po' d'acqua fredda sul viso e provai a lavarmi gli occhi per togliere un po' di rossore.

Superare la giornata è stata probabilmente una delle cose più difficili che abbia mai dovuto fare. Di fronte a me, tuttavia, c'era qualcosa che dovevo fare che era ancora più difficile, tornare a casa ed evitare di cadere a pezzi davanti a mia moglie e mio figlio.

Avevo ancora i miei dubbi sul fatto che Judy mi stesse tradendo. Lo so, le prove stavano crescendo, la storia di Herb su Judy che flirtava con un altro uomo, il fatto che non mi aveva detto che quel giorno era in città, e ora questo, l'ammissione alla sua ragazza che aveva un amore speciale chiamato Pietro. La prova mi stava fissando in faccia, ma non riuscivo proprio a crederci. In ogni caso, avevo bisogno di altro per confermare i miei sospetti prima di affrontarla, quindi dovevo mantenere la calma. Se stava tradendo, le avrei dato abbastanza corda per impiccarsi e se non lo fosse, non volevo che sapesse cosa pensavo.

Judy mi è venuta incontro alla porta con il suo solito saluto, le braccia al collo e un'appassionata chiusura delle labbra. In qualche modo, però, si sentiva tesa con me. Il suo corpo era un po' rigido come se fosse nervosa.

A cena probabilmente sono stato un po' più tranquillo del normale e penso che Judy se ne sia accorto, ma non ha detto niente. Sulla via del ritorno da casa di Amber ha preso un paio di film per bambini e noi tre abbiamo passato la notte in famiglia tutti rannicchiati insieme sul divano mangiando popcorn e guardando i classici Disney.

Dopo aver messo a letto Tammy, ci siamo ritirati. Immagino di non aver fatto un buon lavoro come pensavo di aver fatto. Judy avvicinò il suo corpo nudo al mio. Mi ha sfiorato leggermente il viso con la mano e mi ha chiesto se c'era qualcosa che non andava. Ho negato che ci fosse qualcosa che non andava e ho detto che ero semplicemente stanco, ma non credo che l'abbia bevuto, non del tutto comunque.

Per i giorni successivi tutto fu normale. Non si faceva più menzione di Pete e Judy sembrava più rilassata e lo ero anch'io. Dal lunedì della settimana successiva cominciavo a credere che tutti i miei sospetti fossero solo frutto della mia immaginazione. Più tardi quel pomeriggio, mentre montavo alcune riprese di un servizio pubblicitario che avevo fatto la settimana prima, vidi la mia adorabile moglie seduta al tavolo della cucina con una tazza di caffè e che parlava al cellulare. All'inizio non ho nemmeno alzato il volume e ho continuato con il montaggio, ma la curiosità ha avuto la meglio su di me, quindi sono andato al computer, ho ingrandito lo schermo e alzato il volume.

Capii subito che stava parlando con Amber dal tono leggero della sua voce. Poi, improvvisamente, il suo tono è cambiato, è sembrata più seria.

“A proposito, ragazza”, disse, “ho un problema con te. Vorrei che tu non avessi mai accennato al tradimento di Gary.

Accidenti, ho pensato, non riesco proprio a guardarlo o negarlo ancora, non c'è dubbio ora che lei mi abbia, o almeno mi abbia tradito.

Lei ha continuato. “Sì…..la scorsa settimana, tutto quel parlare di barare. Mi sentivo così in colpa solo a pensarci. In realtà penso che Gary possa aver sospettato qualcosa. Era terribilmente silenzioso l'altra sera... No, non ho parlato con Pete da quel giorno in città... Sì... lo so, ma non riesco proprio a togliermi dalla mente quello che hai detto. Vorrei che non avessimo mai iniziato quella stupida conversazione... lo so, lo so, ma i sensi di colpa sono ancora lì.

A questo punto avrei davvero desiderato di aver intercettato il suo telefono. Cercare di capire cosa sta succedendo ascoltando un lato di una conversazione a due facce non funzionava. Da tutte le cose che ho sentito, però, ho sentito che c'erano prove, mi aveva tradito, probabilmente con questo personaggio di Pete.

Da quella conversazione con Herb quasi due settimane fa, le mie emozioni sono state come un giro sulle montagne russe. In questo momento erano al minimo assoluto. Non avevo più appuntamenti per la giornata. Sono andato nell'ufficio esterno, ho chiuso a chiave la porta e ho messo l'iscrizione chiusa in modo da non avere nessuna entrata, poi sono andato nello spogliatoio nel retro dello studio. C'era un letto lì dentro in modo che le modelle potessero sdraiarsi e riposare su lunghi scatti se lo desideravano. Mi sono lasciato cadere e ho continuato a urlare a squarciagola.

Quando i miei occhi si erano svuotati di altre lacrime, era tardo pomeriggio. Ho dovuto rimettermi in sesto e tornare a casa. Non avevo idea di come avrei potuto affrontarla, ma non potevo crollare ora. Se avesse avuto un'idea che ne sapevo quanto me, l'avrebbe calmata e non avrei mai saputo con certezza cosa stava succedendo. Non pensavo di poter vivere così. Inoltre, per quanto piccolo, c'era ancora una possibilità esterna che fosse tutto un grosso errore.

Sono saltato sotto la doccia e mi sono ripulito. Mi sono asciugato i capelli e mi sono messo un panno freddo sugli occhi per togliere il rossore. Sapevo di non essere un attore abbastanza bravo per essere brillante e allegro a casa, quindi, dal momento in cui ho varcato la soglia, ho iniziato a trovare scuse che avevo, ho avuto una giornata davvero dura. Judy sembrava credermi e simpatizzare. Non si è più parlato di sesso una volta che siamo andati a letto e ne sono stato contento. Per la prima volta da quando l'avevo incontrata, non ero proprio dell'umore giusto per fare l'amore con mia moglie.

Beh, se pensavo che lunedì fosse il peggior giorno della mia vita, martedì stava per mostrarmi diverso. Ho sempre cercato di fissare quanti più appuntamenti potevo in un giorno, ma ora li stavo programmando più distanti. Martedì non ho avuto niente fino alle 13:00. Ho passato la mattinata davanti al computer a guardare mia moglie che passava da una stanza all'altra a pulire la casa.

Era appena andata in cucina per prepararsi qualcosa da pranzo quando il suo cellulare squillò. «Pete», disse con una certa sorpresa nella voce, «come stai? Sì, mi sono divertito anche io. È passato molto tempo……..Pete, è stato tanto tempo fa………sì, lo so, non ci avevo davvero pensato finché non ti ho visto un paio di settimane fa………No!……. .Perché, perché siamo entrambi sposati, ecco perché.

Accidenti, ho pensato, questa conversazione unilaterale mi farà impazzire. Vorrei poter capire cosa stava dicendo questo Pete, coglione.

Judy ha continuato con la sua conversazione. «Pietro, non lo so. Non credo che potrei vivere con me stesso………Beh, ti dirò una cosa, non penso che questo sia qualcosa di cui dovremmo discutere al telefono. Mio marito andrà fuori città giovedì……….

Sono? Ho pensato. Oh, sta parlando delle riprese pubblicitarie che avremmo dovuto fare a Paris, Illinois. Ho dimenticato di dirle che il viaggio è stato annullato. Il cliente ha deciso di non pagare tutte le spese aggiuntive per il viaggio e l'abbiamo girato in studio. Con tutto quello che sta succedendo, ho dimenticato di dirglielo.

“quindi facciamolo. Puoi andartene verso l'ora di pranzo questo venerdì», continuò Judy. «Va bene, sulla Golf Road c'è un posticino tranquillo fuori dall'83. Lo sai allora? Va bene, incontriamoci lì venerdì a mezzogiorno e ne parleremo, ma non sto facendo promesse, Pete. ………….Si Anche tu. Ciao.

Chiuse il telefono, ma solo per un momento. Lo riaprì quasi immediatamente e fece un'altra chiamata.

“Amber, indovina chi ha appena chiamato, Pete……..Sì, ricordi la storia di cui ti ho raccontato quando l'abbiamo fatto?………….Ricordi cosa hai detto?….Sì, beh, lui si sente allo stesso modo……No Non ho detto che l'avrei scopato... Accidenti a te ragazza, mi hai messo quel fottuto pensiero in testa, ora non riesco a tirarlo fuori... cazzo, cazzo, cazzo, cazzo, cazzo! ……….

Potrei dire che Judy stava combattendo con le sue emozioni, fuori dalla camera da letto, penso di averla sentita dire "scopa" solo due o tre volte durante tutto il nostro matrimonio.

“Beh, ho detto che non volevo parlarne al telefono. Gary dovrebbe andare fuori città questo venerdì e non tornerà prima di domenica. Non sono sicuro se il viaggio sia ancora in corso o meno, a dirti la verità. Non me ne ha parlato nelle ultime due settimane. Di solito mi ricorda se andrà fuori città circa una settimana prima di partire. Ad ogni modo, ho detto a Pete che l'avrei incontrato in quel ristorantino sulla Golf Road, sai, abbiamo pranzato lì un paio di volte. Dovrei incontrarlo lì a mezzogiorno questo venerdì. ….Sì, quello è quello con il piccolo motel dall'altra parte della strada. Ecco perché l'ho scelto. Nel caso in cui."

Avevo sentito abbastanza, non potevo più ascoltare. Anche senza ascoltare l'altro lato della conversazione, sapevo che Judy aveva già dormito con questo ragazzo, Pete. Quando? Ha fatto qualche differenza? Ora probabilmente lo avrebbe fatto di nuovo questo venerdì. Nelle ultime due settimane mi sono sguazzato nell'autocommiserazione, torcendomi le mani e dicendo: "guai a me". Bene, qui è dove si ferma. Ora sono incazzato. Non ricordo di essere mai stato così incazzato. La donna che ho amato più della vita stessa mi ha tradito, ha tradito i nostri voti e ha tradito la nostra famiglia. La mia vita come sapevo che era finita. Ora volevo colpirli e ferirli come loro hanno ferito me. Ero in cerca di sangue.

Non c'era modo che potessi affrontare Judy stasera, non senza esplodere e affrontarla e non volevo ancora farlo. Volevo la merce su di lei e Pete. Ho dovuto tenerlo insieme fino a venerdì. Poi avrei messo in atto il mio piano e avrei scatenato l'inferno stesso.

Ho chiamato a casa verso le 17:00. Judi ha risposto. "Ciao tesoro", dissi cercando di mantenere la calma, "ehi ascolta, sto cercando di vendere una grande campagna pubblicitaria a un nuovo cliente e stasera lo porterò fuori a cenare con lui, quindi non aspettarti portami a casa fino a tardi stasera.

Ci fu una lunga pausa: "Bene, cosa intendi per tardi tesoro, tornerai a casa per cena?" Lei chiese. Potevo sentire la preoccupazione nella sua voce.

“No tesoro, probabilmente non sarò a casa fino alle prime ore del mattino. Non aspettare sveglio. Dai a Tammy un grande abbraccio e un bacio da parte mia. Devo andare tesoro, ti amo, ci vediamo al mattino.

"Gary, sei sicuro che non ci sia niente che non va?" Lei chiese. «Sei stato terribilmente silenzioso in queste ultime notti.»

“No tesoro, onesto. Ho appena cercato di ottenere questo grosso account ed ero un po' preoccupato di non averlo, tutto qui. Ma le cose stanno andando meglio e spero di concludere l'affare stasera. Ti dirò una cosa, devo partire venerdì mattina presto per quello stato di abbattimento...

Lei lo interruppe: “Quindi continui a farlo? Non l'hai menzionato. Ho pensato che forse fosse stato cancellato o qualcosa del genere.

“Mi dispiace tesoro, ho avuto così tante cose per la testa ultimamente. Sì, devo ancora fare il viaggio. Partirò venerdì mattina presto e tornerò domenica sera. Comunque, come stavo dicendo, giovedì sera, che ne dici se portiamo Tammy da tua madre e usciamo a cena. Solo io e te.

"Oh tesoro, sarebbe meraviglioso", esclamò, "è una promessa?" Potevo sentire il sollievo nella sua voce ora.

"Sì, tesoro, è una promessa."

“Va bene tesoro, è un appuntamento. Svegliami quando entri così so che sei a casa sano e salvo, va bene?"

“Che ne dici se ti lascio dormire tesoro. Quando ti sveglierai la mattina e mi sentirai accanto a te, saprai che sono tornato a casa sano e salvo.

Entrambi abbiamo ridacchiato un po', ci siamo scambiati i nostri "ti amo" e abbiamo riattaccato. Avevo davvero bisogno di un drink forte, un paio in effetti. Ho chiamato Sammy e gli ho chiesto se voleva riscuotere quei drink che gli dovevo. Gli ho detto che sono venuti con i vincoli, però, posso piangere sulla sua spalla tutta la notte. Rise e mi disse che era a questo che servivano le spalle.

Sammy sedeva, per lo più scuotendo la testa incredulo, mentre gli raccontavo la mia triste storia. Viveva in centro e poteva prendere un taxi per tornare a casa, quindi bevve uno scotch e acqua dopo l'altro. Volevo fare lo stesso, ma dovevo comunque tornare a casa in macchina, quindi ho bevuto solo due drink per tutta la notte, il resto del tempo ho bevuto succo d'arancia o una bibita analcolica mentre mi aprivo il cuore.

Sono tornato a casa verso l'una di notte. Mi sono intrufolato in casa e sono strisciato silenziosamente nel letto. Judy sembrava così radiosa sdraiata lì. Un piccolo sorriso adornava il suo viso mentre doveva aver capito che ero accanto a lei. Sospirò e si alzò, accanto a me. In realtà ho adorato quel momento perché sapevo che ne erano rimasti pochissimi. Altre lacrime mi riempirono gli occhi mentre mi addormentavo.

Potrei dire la mattina dopo, a colazione, che Judy era preoccupata. Prova come ho fatto, non c'era proprio modo di fingere che tutto fosse fantastico. In ogni momento degli ultimi giorni il mio cuore sembrava come se mi venisse strappato lentamente dal petto.

Giovedì sarebbe stata la nostra ultima notte insieme prima di far scattare la mia trappola. Ho dovuto farcela o potrebbe annullare il suo piccolo incontro di venerdì. Per tutto il giorno di giovedì mi sono preparato mentalmente. Quando sono tornato a casa quella sera, mi sono lavato il cervello facendomi credere che tutto sarebbe andato per il meglio. Era l'unico modo in cui potevo funzionare.

Quando sono tornata a casa Judy mi stava aspettando con il suo solito saluto tranne che, questa volta, sembrava insolitamente bella. In realtà, prendere il fiato è più simile, perché è esattamente quello che ha fatto, mi ha tolto il fiato.

Dovrei essere nominato per un premio dell'Oscar per quella notte. Siamo andati nel ristorante più carino della città. Dopo cena siamo andati al piano bar. Ci siamo seduti in una piccola cabina tranquilla nell'angolo vicino alla finestra che guardava il lago Michigan. We talked and she reaffirmed her love for me. I thought, we’ll see tomorrow.

We picked Tammy up on the way home. She was so tired she fell asleep in the car. I carried her into the house and right up to her bedroom. Judy came in and we both tucked her in. After that Judy and I went to bed. She was in the mood for love, and I knew it might be the last night I had, to make love to her.

You would think I would have had trouble keeping it up, but that was not the case. I gently started kissing her neck. She sucked in a quick, deep breath as I maneuvered my way to her breasts. I delicately sucked on her nipples, first one, then the other. She was in seventh heaven already, her body squirming with ecstasy. I slowly kissed my way down her tight stomach and stuck my tongue in her navel as my hand drifted down and, every so lightly, danced over her perfectly smooth mound. Her body tensed up and she arched her back as I moved further down, my mouth finding her clit. I teased it ever so gently, then worked my way inside of her using my tongue to bring her an earth shattering climax three times with in the span of a few minutes. I was never sure if I was that good with my tongue or it was just the way Judy’s body responded, but I never failed to get her off like that.

After a short recess allowing her to catch her breath, Judy responded by swallowing my cock. She worked it like only she could. I held off as long as I could before exploding down Judy’s throat. She moaned as she lovingly took every drop. We held each other tight and she reached down and started fondling my cock and balls. It didn’t take long before I felt life down there again. She smiled as she bent over and took me in her mouth for the second time. With in minutes Judy had me rock hard again. This time I climbed between her legs and slipped my cock deep into Judy’s warm, wet pussy. I lost count of the number of orgasms she had. After awhile I could feel myself getting ready to cum again. I picked up the pace and the force of my strokes. Judy looked into my eyes as she reached her arms around my neck. She pulled me down on top of her and held me tight as we both climaxed together. I could swear I heard fireworks.

I thought we were probably through for the night, but Judy had one more go around in her. She whispered in my ear, “If you can get it up one more time, I’ll let you take me in the ass.”

I smiled. The thought of this possibly being our last night together seemed to gave me, almost super human powers. With her help I was up and ready again in no time. Judy laid face down with a pillow propped under her stomach. I took some cum from her pussy and smeared over my cock. I leaned down and slowly pushed it in. “Oooooooh,” she cooed, “Oh yes honey, that feels sooo good.”

I closed my eyes as I rhythmically drove my cock in and out of my wife’s anus. Again she came multiple times. For the third time that night, I could feel my own orgasm building. I know the earth shook that time as I exploded with a mind shattering force.

We both collapsed in a ball of sweat and exhaustion. Judy softly pressed her lips to my ear and whispered, “my man.” With in minutes we fell asleep in each others arms.

In spite of my physical and mental exhaustion from the previous evening, my eyes opened at the crack of dawn. My first thought was of stopping time in it’s tracks. I did not want to face the day that laid a head of me. I felt as if it were the last day of my life. For several minutes I didn’t move a muscle. I stared at the ceiling still holding my entire life in my arms. I was second guessing myself now. Was I doing the right thing? I knew I could stop this from happening, all I had to do was confront her, but what about next time…..would there be a next time? How would I know, would she just be more clever the next time?

No. Even though it went against every fiber of my being, I had to go through with my plan. I had to know for sure, not only to be able to live with her, but to be able to live with myself.

I gently pulled my arm from under my tarnished goddess and carefully got out of bed. There was still two hours left before the alarm would go off and I didn’t want to wake her. I grabbed some clean clothes and went down stairs to shower. I stood under the warm relaxing spray and completely fell apart. My knees buckled, I had stayed so strong for the little play I had performed the night before, but I could no longer keep my emotions in check. I slumped in the corner of the shower and cried like a baby.

I’m not sure how long I cried, but the water was starting to cool off so took a couple deep breaths and was determined to face this day as a man, no matter how it turned out.

I toweled off, got dressed and went into the kitchen to make coffee. I walked into the living room and took the hidden camera clock down from the mantle and stuck it in the SUV. My wife never paid any attention to it and I knew she wouldn’t miss it.

I returned to the kitchen and sat at the table sipping the fresh cup of brew. I sat there staring into space while having two more cups. Finally I decided it was time to get packed. I had to make it look good for Judy. I quietly pulled my suitcase from the closet and started stuffing it with clothes.

I heard Judy starting to stir. I looked over and saw her bright face smiling as she stretched her arms up and over her head. “Mmmmmmm,” she mewed as she looked in my direction. “Good morning stud.”

I smiled back. “Hi gorgeous.”

“Last night was incredible honey. Thank you for an unbelievably fantastic evening.”

“It was fantastic for me too, honey. I thank you in return.” She closed her eyes and I could see from the smile on her face that she was remembering the passion that flowed through the two of us just a few hours ago. “So what do you have planned while I’m gone?” Ho chiesto.

“Nothing much,” she said, “I might do some shopping today. The week-end I plan on spending with Tammy. I thought we’d go to the zoo tomorrow and maybe one of the museums on Sunday.”

“Damn, sounds like a great time, I wish I didn’t have to go on this trip.”

“Well, there’s nothing that says we can’t plan another family outing next week-end,” she said.

“Then it’s a date,” I said trying, once again, to keep it together. “Listen honey, I’ve got to get going, I still have to get down to the studio and pack the equipment. The keys to the Z3 are on the dresser. Don’t wrap it around a telephone pole,” I said jokingly.

She smiled and held her arms out to give me a hug. I sat on the side of the bed and felt her naked body press against me. She planted a loving kiss on my lips. I kissed her back and said good-bye. I tip toed into Tammy’s room, gave my sleeping little girl a kiss on the cheek, and left to face what ever destiny had in mind.

Again I took Lake Shore Drive into work. It was early enough, there was very little traffic and I needed all the aesthetic distractions I could get.
Once down town I stopped at the little diner where I sometimes have breakfast. I really didn’t feel like eating, but it was going to be a long day and I didn’t know when I would get a chance to eat again.

I had already cancelled all my appointments for the day. I left the closed sign on the front door and just sat in the back room killing time.
About 9:30 am I took a deep breath, mustered all the courage I had, and told myself it was show time. I picked up my Nikon D3 digital camera. It has the capability of shooting 9, extremely sharp pictures, every second. That, along with the wireless spy cam I took from the house, should be plenty for documenting anything I need to.

I knew the little restaurant Judy was talking about. Besides Judy and Amber, Judy and I had also eaten there. The motel she spoke of was one of those cheap chain deals with the doors to all the rooms available from the outside.

Once I was there I drove around the block a couple of times trying to figure out the best place to park. I wanted a good vantage point for both the motel and the restaurant, but of course, I didn’t want Judy to spot the car. I found the perfect spot. Judy would be coming from the east and pull into the restaurant’s parking lot. She would have no reason to come this far up the street.

It wasn’t quite 11:00 yet so I had plenty of time. I left the car where it was and walked to the motel office. There was only one person on duty, a young man in his late 20’s. I was doubtful that he made a lot of money as a motel clerk, so I approached him with my bribe. I held a crisp, new $100 dollar bill in front of him and asked if he would like to earn it. Asking who he had to kill he held out his hand, palm side up. I told him it was nothing so drastic. He would probably have someone here asking for a room around 1:00 o’clock. I asked if he would give me access and a spar key to a predetermined room. He didn’t hesitate. He gave me the spare key to room 108. I took down his private cell phone number and told him I would call him when I saw them heading for the motel. That way there would be no chance of him giving the room to the wrong couple.

I walked back to the SUV and got the clock with the video spy camera that I took from the house. Again I didn’t think Judy ever even looked at it so I doubted she would recognize it in the room. I set it up on the built in dresser across from the bed. I would have all the action covered from that vantage point. The only thing left to do now was wait.

As noon approached I saw several single men enter the restaurant, but by 12:10 still no Judy. With every second that ticked by my heart jumped with excitement. Maybe she won’t show. Then Armageddon. I had a strong telephoto lens on my camera and I could see my black, Z3 turning into the parking lot. I had gotten my hopes so high only to have them dashed to pieces. I switch lenses on the camera and got ready for the show down. A little after 1:00 o’clock Judy emerged from the restaurant with a guy a half step behind her. It was Pete Jeffers! I knew the son-of-a-bitch. He worked at one of the ad agencies down town. He and I had even worked on a couple of projects together last year. He had his hand on the small of Judy’s back as they waited for traffic to clear. I called the desk clerk and told him to look out the window. The couple he saw crossing the street was the couple I was telling him about. He said he saw them and would make sure they got room 108.

I watched as they crossed the street. Judy stayed outside while Pete went in and rented the room. I notice Judy wasn’t smiling and really didn’t look like she was enjoying herself that much, but she was still there. I watched Pete lead her to the room, opened the door, and go inside. I flipped open my laptop and watched.

I watched as Judy undressed in silence. Pete couldn’t wait to throw off his clothes and left them in a rumpled mess on the floor. Judy sat on the edge of bed right in front of the camera. She didn’t look happy, she looked worried. Pete noticed it too.

“Will you relax,” he said, “ I’ve been waiting a long time to erase the memory of the first time we did this.”

I had no idea what that meant, but he did confirm they had slept together before.

“Let’s just get this over with, huh,” Judy said, “I don’t like this, not at all. We’re both taking such a big risk.”

“Oh for crying out loud, no one is going to find out. Relax will ya,” said Pete.

He laid her back on the bed and started shoving his fingers in her pussy right away. Romantic he was not. I figured I’d better get in there because it didn’t look like this was going to be a marathon session.

By the time I got to the door I could tell, by the grunting sounds, that he already had his cock inside my wife. I used my spare key to quietly unlock the door and opened it just a crack to peek inside. The mother fucker on top of my wife had his back to the door and I could see Judy had her eyes closed. I stealthily entered the room and maneuvered so I had both faces visible. I centered their images in my viewfinder and pressed on the shutter release. The camera quickly snapped off about 20 shots with a series of audible clicks.

Being a photographer’s wife I knew my wife recognized the noise immediately. Her eyes flew open and she screamed hysterically. “Don’t let me stop you,” I said in a remarkably controlled voice, “I just came to pick up a couple things. I walked to the hidden video camera on the dresser, unplugged it and walked out of the room.

Judy, in her hysteria, pushed her lover off the bed so hard he fell to the floor head first. I was already outside when Judy came running after me completely naked.

“Gary,” she cried, “wait, wait, oh God, please wait, don’t go, I have to explain,” she was frantic.

“Explain,” I said, “what is there to explain, I caught you in bed with another man.” Some movement from the open door way caught my eye and I could see Pete trying to get his pants on. I looked back into Judy’s face. It was already stained with tears and I can’t say I’ve ever seen more terror in someone’s face. At that moment I felt sorry for her, I just wanted to take her in my arms and tell her everything would be all right, that I would fix everything. But of course, I couldn’t fix this.

Just then I heard Pete’s voice yell for me to wait up. I looked back at Judy who was still standing naked in the parking lot of the motel. I told her she had better stop ass hole from coming out here. If he gets near me I won’t be responsible for what will happen. She turned and ran toward the room yelling at Pete to just stay there. By the time she turned back around I was at my car. I started the engine and pulled into the street with out looking back toward the motel. My cell phone started ringing almost immediately. I ignored it and turned it off for the time being.

My next stop was our bank. I took half of our personal savings and transferred it into my business account. On the way back into the studio I turned my phone back on and notice I had 23 missed calls. I ignored them and called my attorney. I told him what happened. He couldn’t believe it either. In addition to family legal matters, he also handled divorces. We were the one couple he was sure of. that would never be in need of his services in that respect. He was wrong. I told him to start the ball rolling for the divorce and turned the phone off again when we were done talking.

As soon as I got back to the studio I used the business phone to call and cancel our joint credit cards. I still had one strictly for business. That would suffice for now. As soon as I hung up, the business phone started to ring. I unplugged the phone from the back so I wouldn’t have to listen to it.

I figured Judy’s next move would be to come to the studio. She still had a key to the front door and I didn’t have time to get the locks changed anymore. I cursed myself for not doing that last week, but with so many other things on my mind you just can’t think of everything.

I needed a change of scenery anyway so I got into the SUV and started driving. I wasn’t sure where I was going, I only knew I had to get away for a while. I found myself in Grand Haven, Michigan outside a motel overlooking the Grand River. This was as good a place as any, I thought.

It was late and I hadn’t had anything to eat since breakfast so I wandered down to the motel restaurant. I watched young couples all around me enjoying each others company and wondered if I’d ever have another woman in my life. I doubted it. I’d probably never trust another woman again. I had my daughter. What ever happens during the divorce I’ll never forget my child. I will make sure she is a part of my life and I am a part of hers. I couldn’t even imagine Judy trying to come between us in any way. Yes, I will always have my daughter. As for ever taking another spouse, well, I thought, I’m probably going to die a lonely old man.

It had been a long day. After finishing dinner I went back up to my room. Just for curiosity sake I turned my cell phone back on. I now had 119 missed calls. She’s persistent if nothing else. I turned it back off just as it started to ring again.

I was so exhausted I laid down on the bed with my clothes still on. Now that I could let my guard down, I started to cry again. I cried myself to sleep.

Saturday, Grand Haven was a bustling place. There were art fairs all around and lots of friendly people. I walked up and down the busy streets looking at all the wonderful paintings, sculptures, and hand made jewelry. I tried to keep my mind off my troubles, but that was easier said than done.

Later that night I felt like being alone so I ordered room service and watched an old movie on the TV. I couldn’t help but think back to just a few nights ago, when I was sitting with my family and watching those Disney movies. God, it seemed like a life time ago.

Sunday morning I decided it was time to get back to Chicago. I was sure Judy had been at the studio already, looking for me and doubted she would be back since she didn’t find me. I pulled up Sunday afternoon and parked the car in the alley. I needed to keep busy. I still had some editing to do on a job I shot days ago. I cooped myself up in the back room and threw myself into my work. I hadn’t realized the time until my stomach started growling. I wasn’t in the mood for a big meal so I walked down the street to a little 24 hour greasy spoon.

By the time I got back to the studio it was after 10:00 pm. I was tired so I stripped down to my shorts and sacked out on the bed in the models dressing room. Tomorrow was Monday. I would open for business and try to get on with my life, I thought as I drifted off to sleep.

I woke up to noises. I looked around the room. It was still dark. Again I heard something. It sounded like it was coming from the shooting room. Just then I noticed the light was on in the back office. Someone had come in through the front door. My first thought, of course, was Judy. I glanced at wrist watch. It was 3:00 am. Then I heard voices, they were male voices and more than one.

Under normal circumstances I would never confront someone in this situation. Hell, I didn’t even know if they were armed. But right now I didn’t care. After everything that had happened this was just too much. I boldly walked out to the shooting room and came face to face with 5, rather large, shadowy figures. Instantly I kicked the guy in front of the pack and caught him in the right knee. He yelled out in pain. Just then I heard a familiar voice.

“Wait, Gary, hold on, no one wants to hurt you,” it was that ass hole Pete. I didn’t care how many guys he had with him, he was going down.

I turned toward the dark figure I knew to be him and smashed my right fist into the side of his head. “Ahhhhh, son of a bitch,” I heard him yell as he stumbled and went to one knee. I felt a sharp pain to the side of my back and flinched. Another man grabbed me around the neck and pulled me back while someone else hit me in the face. I knew I was done for.

Just then I heard Judy’s voice, she was screaming. “Stop, stop, you weren’t supposed to hurt him, leave him alone,” she cried. I could see her pushing and wildly hitting one of the men.

“Tell him that lady,” I heard one of the guys say.

“Damn it, Gary,” it was Pete again, I guess I didn’t break his jaw after all. Shit! “Will you just settle down, no one wants to hurt you. He went over to Judy and pulled her off of one of my assailants.

“You promised,” she said to Pete, “you promised he wouldn’t get hurt. Let him go, I’m calling this whole thing off. Let him go.”

“Sorry doll,” Pete said, “no can do, not now. We’ve gone this far, we’re going through with it.”

Judy turned and started for the phone in the back room. “I’m calling the police,” she said.

Pete grabbed her and threw her down. She screamed at the sudden act of aggression.

After being punched in the eye my sight was a little blurry but when I saw Pete push her, I reached down inside me for one more burst of strength. I broke the grip of one of the guys holding me and swung my right arm up connecting to the side of his face. “Damn it!“ he yelled. I tried struggling to my feet again, but these guys were strong. It took all of them, but they held me on my hands and knees.

I looked over to Judy. She was sprawled out on the floor crying. Pete was bending down over her and taking something from her hands. He then walked in my direction. I heard one of the guys tell Pete to hurry up. This wasn’t going like they planned. Not at all.

Pete knelt down in front of me. “Okay Gary, here’s how this is going to go down. You’re going to open your mouth like a good little boy, and Larry here is going to stick his cock in it. I’m going to use this nice digital camera you bought for your wife and take picture of you sucking Larry’s cock. Then you’re going to go back home to your lovely wife and daughter and forget any of this ever happened. You’re also never ever, (he emphasized those words) going to mention any of this to my wife or anyone that we know. Hear me! As long as you play by the rules, these pictures will never surface, but if you, so much as cough in my wife’s direction, I’ll use these pictures to ruin you. And you know I can do it.”

“Okay hot shot,” said the guy I presumed was Larry. He was standing in front of me holding his dick in his hand, “open up and let’s get this over with.”

“You try to stick that in my mouth and I’ll bite it in two,” I said.

The guy looked at Pete who was standing by with the camera. “This guy’s crazy,” he said, “I believe him. I’m not sticking my meat in his mouth.”

Pete bent down to face me again, “Okay jack ass,” he said to me, “have it your own way.” He looked back at Larry who was still holding his cock in his hand. “Okay stick it in his ass then, he can’t bite it off from back there.”

I heard Judy scream at the top of her lungs. “No, don’t you dare do that to him.” She ran at Pete but he stopped her cold with a slap across her face. At that moment, if I had been able to get free, Pete would have been a dead man. Judy went to the floor again in a ball of tears.

Larry circled around behind me. I felt his spittle on my small hole, then I felt him push hard inside of me and start pumping. I thought he was going to rip me apart. Pete was walking around taking one flash picture after another. Then with a grunt, it was over. The mother fucker raping me had actually climaxed and shot one string of cum after another into my rectum. You just sealed your doom, I thought.

The picture taking stopped. “Okay,” I heard Pete say, “I got enough pictures. Let’s get out of here.”

Someone was pulling my arms behind my back and I felt them snap a pair of handcuffs around my wrists. Pete spoke up. “Remember what I said there pal, you’re going to forget everything that’s happened, you’re going back to your wife and you will never tell my wife or anyone we know about this or I’ll ruin you with these.”

He threw the key to the cuffs in a corner of the room. “Here,” he said to Judy, “wait till we’ve gone, then you can uncuff him if your want.”

As soon as they left I called to Judy who was still laying on the floor in hysterics. “Judy, get that key and get these cuffs off me, hurry up.” She scurried over and felt around the floor in the dark corner. In just a few seconds she found the key and hurried over to free me. I immediately picked up the phone and called the police. I reported my rape, told them Pete Jeffers was the instigator and gave them a description of his car. I gave them the route I figured he would take home and told them he had a camera in the car with him that had photographic proof of the crime.

By now my right eye, where they punched me, was swollen almost completely shut. I knew I had DNA evidence inside my bowels and to reframe from taking a shower, even though I had an overwhelming urge to do so. Judy was still crying when the police showed up. They told me, for legal purposes, I should take an ambulance to the hospital and called one for me. Then they started to question Judy.

I told the two officers she didn’t have anything to do with it, in fact she tried several times to stop them. One of the policemen asked me, if she had nothing to do with it, why was she there, something I hadn’t even thought of in all the commotion. I looked at her as she tried to stop crying long enough to talk to the officer. I couldn’t believe she had a part in this.

The ambulance came and I was taken to the hospital while Judy was taken to the police station to give a statement. At the hospital they performed a rape kit on me and took blood to test for HIV and other STD. When I was finally released I called the police to find out what I had to do next. They told me they caught Jeffers on the way home and had the camera as evidence. Under questioning he gave up the names of the others involved as well. Then they told me something I didn’t want to hear. Judy had admitted to being a part of the plot to blackmail me. She would be charged with conspiracy to commit blackmail and rape. I told them I didn’t want to press charges against Judy, after all, she was still the mother of my child, but they told me it was out of my hands, it was the prosecutor’s office who would be pressing charges. I asked if she had been released yet. No they said, they had contacted her parents but they refused to put up her bail. She would remain in jail until her trial date.

I tried to visit her but she wouldn’t see me. She had given a guard a message for me. She said she was so ashamed she couldn’t look me in the face. She said I should forget about her. She was expecting to spend many years behind bars so I should take our daughter and raise her up right. Judy said she was guilty and she deserved everything she got.

I had envisioned a divorce where we would both still be there for our daughter. Now I had to face the prospect of completely losing Judy and raising our daughter on my own.

After a couple of weeks trying to get my head together, I decided Chicago could no longer be home. I had some contacts in California so I made some calls. I was able to put together enough potential clients out there that I could move the business.

In view of the charges pending against Judy, the divorce went through quickly. I had a buyer for the house and I had already shipped my studio equipment to L.A. In the mean time I had been on the phone every day with the prosecutor who was handling Judy’s case. Every day I pleaded with him to drop, or at least, reduce her charges. After 3 months I wore him down. He agreed to reduce the charges to simple assault. He would recommend a 6 month sentence, 3 months of which, had already been served. I thank him profusely. I know she did wrong, but I knew I would never love anyone like I loved and still love Judy.

I said my good-byes to Judy’s parents and all my friends then left for the west coast. My lawyer kept me informed. Pete Jeffers pled guilty to blackmail and rape. He will be in Joliet state prison for many, many years. Of course his wife divorced him, took the kids and left him to rot in jail. The other members of the rape squad were also convicted and sentenced according to their role in the crime.

True to his word, Judy was charged with simple assault and released 3 months after I left. Her father helped her get a job in New Jersey where she now resides. I live in Los Angeles now with my wonderful daughter. I still work with some of the most beautiful women in the city, but although I’ve had many chances, I’ve still never cheated on Judy. I doubt I ever will.

EPILOG;

Don’t be too hard on Judy until you hear her side of the story in, “Not so picture perfect” (Revised). There is no doubt that Judy did wrong, but Gary is under several misconceptions that only Judy can clear up.

Storie simili

Vita da college

Vita da college Il mio primo anno di college, sono andato via. A circa un'ora e mezza di auto da casa. Abbastanza lontano perché i miei genitori non venissero a darmi fastidio tutto il tempo, ma abbastanza vicino da poter tornare a casa ogni volta che volevo. Frequentavo le lezioni di base come fanno tutte le matricole. Conoscevo solo una persona prima di andare al college. Rob era il mio migliore amico al liceo e facevamo quasi tutto insieme. Entrambi siamo andati allo stesso college per insegnare. Abbiamo pensato che sarebbe stato facile entrare e divertente scherzare con i bambini a...

524 I più visti

Likes 0

Nuovo coinquilino 5

Sono passate un paio di settimane dall'incidente e i miei lividi sono quasi scomparsi e le mie costole non mi fanno più male, quindi posso tornare al club minx e ricominciare a lavorare. Non vedevo davvero l'ora di lavorare di nuovo, ma i ragazzi l'hanno preso per diventare le mie nuove guardie del corpo e seguirmi ovunque. Davvero Paul, stai controllando se il mio cibo era avvelenato dico alzando gli occhi al cielo per il suo tentativo fallito di salvarmi la vita. Mi preparai una nuova ciotola di cereali e vagai per l'appartamento pensando a qualcosa da fare. Nate entrò in...

470 I più visti

Likes 0

Il voto segreto della cheerleader - #9

Il voto segreto della cheerleader - #9 Zane rifletté sugli eventi accaduti la sera prima. Bella si era finalmente arresa a lui. Aveva pensato che sarebbe stata in grado di fare sesso con lui e ottenere tutto ciò che voleva. Invece, si era arresa a lui totalmente. Ancora più importante, si era arresa a lui registrando tutto, quindi ora era essenzialmente la sua schiava. Il suo animale domestico. Il suo giocattolo, con cui giocare come voleva. Come risultato di quella resa, divenne anche proprietà del resto della squadra. Zane l'aveva portata dagli anziani per convincerli tutti a votare per lei come...

385 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

305 I più visti

Likes 0

La storia di pesche e piselli dolci, parte 5

Neiladri Sinha Jr. :- Erano le 16 quando mi svegliai. La mia Bella Addormentata era così carina che non volevo svegliarlo. Inoltre, avevo dei preparativi da fare e Peaches stava dormendo per sempre. L'ho sollevato delicatamente dal petto e l'ho adagiato su un deewan. Il mantra della mia vita è stato uno: vivi la tua giovane vita al massimo e mi sarei preparato per questo. Ho preso il portafoglio e le chiavi della macchina per andare a fare la spesa per stasera, ma poi mi sono fermata sulla mia strada. L'ombra apparsa nella corsia dell'ospedale. Non potevo lasciare Peaches da sola...

192 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.4K I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

1.3K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.6K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.