GONFI

848Report
GONFI

Tara si guardò allo specchio e ammirò il suo corpo snello e abbronzato. 5'7 "di altezza, 115 libbre, capelli biondi, occhi azzurri e nessun difetto da trovare! Ciò che stava attirando lo sguardo, tuttavia, era il suo petto. No, non era affatto grande, una tazza da 34b per essere esatti, né erano i suoi stupefacenti capezzoli rosa. Erano davvero le sue areole, che erano più grandi e più gonfie di qualsiasi altra avesse mai visto! Erano troppo grandi per un seno della sua taglia, ma questo sembrava solo ancora più sexy!Sembrava a Tara che gran parte della sua sessualità fosse racchiusa nelle sue areole e nei suoi capezzoli, e dato che erano in un costante stato di eccitazione sessuale, non era insolito per Tara farsi succhiare le tette almeno due o tre volte al giorno, e dal momento che non voleva ottenere la reputazione di essere una puttana, di solito faceva in modo che le sue fidate amiche si prendessero cura delle sue esigenze infermieristiche! Tara guardò l'orologio sul suo comodino e si accigliò. "Kimber dovrebbe essere qui a quest'ora", pensò, "sono quasi le sette e un quarto, e questo non lascia molto tempo per prepararsi per la scuola!" Proprio in quel momento la porta della camera da letto si spalancò e un Kimber dispiaciuto rimbalzò nella stanza. "Scusa il ritardo", ha detto, "ho dovuto accompagnare mio fratello dalla baby-sitter!" "Bene, sbrigati," incalzò Tara, "non abbiamo molto tempo!" "Va bene, va bene, dammi una pausa, va bene," sbottò Kimber, "non l'ho fatto apposta!!!" Tara si rese conto che litigare non l'avrebbe portata da nessuna parte, quindi si avvicinò a Kim e sollevò il petto verso il suo compagno di scuola. "Mio mio," Kimber tubò, "sembra che i nostri due piccoli cari abbiano bisogno di attenzioni!" Un istante dopo, uno dei caldi capezzoli di Tara era al sicuro nella bocca affamata della succhiatrice diciottenne. "Potrebbe essere uno spasso", pensò Tara, "ma è una delle migliori succhiatrici di tette che abbia mai avuto!" Muovendosi abilmente da un capezzolo all'altro, Kim succhiò e leccò abilmente i capezzoli di grandi dimensioni, portando finalmente Tara a un piacevole orgasmo facile. "Vorrei che tu potessi mostrarmi come farlo", ha offerto Kimber! "E cosa sarebbe?" chiese Tara? "Oh, sai cosa intendo," rise Kimber, "essere in grado di venire senza toccare il tuo clitoride!!!" "Questo, mia cara," ribatté Tara, "non è qualcosa che puoi insegnare!" "Dai," rispose Kimber, "andiamo a scuola!" Le prime tre mestruazioni passarono abbastanza velocemente, senza che accadesse nulla di insolito, quindi Tara era contenta che la mestruazione successiva avrebbe offerto un po' di diversità rispetto a un'altra saggia giornata noiosa. La palestra di solito non era un corso che una ragazza anziana sceglieva di frequentare, dato che non era un requisito per gli anziani, ma per Tara offriva un'opportunità perfetta per farsi succhiare le tette! Durante la prima settimana di lezione di ginnastica, Tara aveva valutato tutti nel suo gruppo e aveva deciso che Mona, una graziosa testolina rossa, sarebbe andata bene come succhiatrice di tette alla quarta mestruazione. Quando finalmente ha manovrato la ragazza in un angolo nascosto dello spogliatoio, ha trovato un complice molto volenteroso e flessibile! Mona era abbastanza attraente, ma non era molto popolare tra i suoi compagni di classe, quindi quando Tara, una bellissima anziana, ha mostrato interesse per lei, beh, era più che felice di fare qualsiasi cosa Tara le chiedesse! Ormai avevano una routine che non cambiava mai, entrambe le ragazze si sarebbero cambiate indossando i loro abiti da palestra e poi sarebbero scivolate in fondo allo spogliatoio, fuori dalla vista del resto della stanza. Lì, Mona sollevava la maglietta di Tara, sganciava il reggiseno che si apriva davanti, e poi succhiava delicatamente i suoi seni maturi mentre si dava un brivido incredibile quando portava Tara al suo orgasmo, e in diverse occasioni faceva scivolare la mano dentro i propri pantaloncini e si masturbava al proprio culmine. Dopo che Tara ha avuto il suo sperma, entrambe le ragazze si sono raddrizzate e poi sono andate in palestra, incontrandosi di nuovo dopo le lezioni nella doccia. Il liceo di Tara aveva una doccia comune, quindi tutte le ragazze facevano la doccia insieme in una grande stanza, e più di una volta, i compagni di classe invidiosi venivano da Tara e si offrivano di insaponare i suoi seni unici. Avere dita scivolose che scivolavano su tutto il petto di solito era sufficiente per far avere a Tara un altro orgasmo, anche se debole, e anche se nessuno diceva mai niente, era praticamente risaputo che il petto di Tara aveva bisogno di molta attenzione e solo per questo motivo, la maggior parte delle ragazze è stata più che felice di dare una mano!

Anche se a volte riceveva un lavoro da schifo durante il pranzo, dato che di solito era ancora soddisfatta dalla palestra, Tara di solito mangiava solo il suo pranzo e spettegolava con Kimber sulle solite cose da ragazze. Non è stato fino alla fine del sesto periodo che Tara ha iniziato a pensare di farsi leccare le tette. Era fortunata in due modi, perché la settima ora era l'aula studio, e poteva ottenere un permesso e uscire se ne aveva bisogno e l'altra cosa buona era che aveva un posto dove andare, e quella sarebbe stata la stanza della signorina Linder! Era un'insegnante di lettere sulla cinquantina che non si era mai sposata e che Tara capì subito che probabilmente era lesbica. Potreste definire la signorina Linder una bella donna, attraente in un certo senso aspro, di corporatura robusta, con gambe forti e un petto enorme. I suoi capelli erano sempre raccolti in una crocchia e indossava pesanti occhiali da lettura con montatura nera, in altre parole, il tipico insegnante di inglese di Norman Rockwell! Alle tre e cinque in punto Tara entrò nella stanza della signorina Linder e chiuse a chiave la porta. L'insegnante era seduta alla sua scrivania a correggere i compiti e non ha nemmeno alzato lo sguardo quando Tara si è spostata accanto alla sua scrivania, e mentre continuava a correggere i suoi compiti, ha chiesto con voce severa: "La mia piccola ha un grande bisogno oggi? " "Sì signora," fu la dolce risposta di Tara, "ne ho un disperato bisogno!" Alla fine alzando lo sguardo, la signorina Linder si appoggiò allo schienale e disse: "Esponiti a me bambina, mostrami il tuo bel giovane corpo!" In questo caso, se Tara voleva che le sue tette venissero succhiate, avrebbe dovuto togliersi tutti i vestiti perché la signorina Linder amava vedere la giovane ragazza nuda, e passava sempre un po' del suo tempo a succhiare la vagina matura di Tara. Tara ha dovuto ammettere che anche se adorava farsi succhiare i capezzoli, Miss Linder era un'eccellente lappatrice di fica e le faceva sempre avere orgasmi incredibilmente duri! Inoltre, questa non era una proposta a senso unico, dato che Tara doveva ricambiare il favore succhiando il grosso cespuglio peloso della signorina Linder, ma nemmeno questo infastidiva Tara perché sapeva che probabilmente era bisessuale comunque, quindi che male c'era !

Tara si sedette sulla scrivania di fronte alla signorina Linder, allargando le gambe, mentre mostrava il suo corpo proprio come piaceva alla donna più anziana. Alla fine, sporgendosi in avanti sulla sedia, la signorina Linder chiese: "Il bambino vuole che la mamma le succhi le ciliegie?" Prima che Tara potesse rispondere, la signorina Linder prese in bocca un capezzolo maturo e lo succhiò con fervore inducendo Tara a fare un sospiro soddisfatto, mentre cullava dolcemente la testa della donna più anziana tra le sue braccia. La vecchia fica poteva davvero succhiare una tetta, e presto la vagina di Tara perdeva succo su tutta la scrivania. Sentendo che la ragazza si stava avvicinando all'orgasmo, la signorina Linder si staccò dal petto di Tata e seppellì il viso nella sua figa liscia mentre la sua lingua indagatrice trovò rapidamente il piccolo clitoride eretto di Tara, muovendolo duramente, facendo sobbalzare Tara ad ogni connessione. Tara si prese i seni a coppa e torse i capezzoli rosa mentre fissava la donna che mangiava la sua giovane fessura calda. La sua testa iniziò a girare fuori controllo mentre la lussuria nel suo clitoride si diffondeva come fuoco su tutto il suo corpo e un forte gemito segnalava che la prima contrazione orgasmica stava squarciando la sua figa gocciolante. Più e più volte i muscoli della sua fica si strinsero insieme, provocando ogni volta un altro orgasmo. Quando tutto fu finito, il viso della signorina Linder luccicava del succo appiccicoso che era eruttato con l'orgasmo di Tara.

Dato che il tempo era essenziale, Tara è saltata giù dalla scrivania e si è vestita velocemente perché non voleva rimanere completamente nuda più del necessario, nel caso qualcuno passasse e volesse entrare. , la signorina Linder aveva preso posto sulla cattedra, con le gambe divaricate e le mutandine tolte mentre Tara si sedeva sulla sedia e si alzava in modo da poter raggiungere facilmente la vagina dell'insegnante con la bocca. La signorina Linder respirava affannosamente, ovviamente eccitata dalla lingua che aveva appena dato a Tara, quindi stuzzicandola semplicemente baciandole l'interno delle cosce, Tara aspettò finché la signorina Linder l'afferrò con forza per i capelli e le tirò la bocca sulla vagina, provocando Tara per ridacchiare e poi seppellire la lingua in profondità nel vaso di miele peloso! Una volta Tara chiese alla signorina Linder perché tenesse il suo cespuglio così peloso, e lei disse che aveva un'amica a cui piaceva così. Non infastidiva Tara in un modo o nell'altro, ma doveva ammettere che la signorina Linder aveva la figa più pelosa che avesse mai visto, ma proprio come tutte le donne, tuttavia, la signorina Linder aveva un clitoride molto sensibile che non sopportava tante leccate per portarla all'orgasmo, soprattutto perché aveva appena trascorso gli ultimi dieci minuti con la bocca sulla vagina di Tara! Ora toccava a Tara coprirsi il viso con il succo di figa e la vecchia sembrava avere una scorta inesauribile del dolce liquido, e ogni giorno cercava di annegare Tara dentro! Tara doveva davvero tornare in sala studio, quindi si è annoiata con "l'omino nella barca" e ha portato la signorina Linder a un climax tremante! Era lo stesso ogni volta che finivano, la signorina Linder si sedeva di nuovo sulla sedia e si comportava come se niente fosse, mentre Tara la ringraziava per il suo aiuto e lasciava la stanza e tornava nella sala studio.

Mentre si faceva strada attraverso i corridoi, i pensieri di Tara si volsero ai suoi grandi capezzoli mentre le sue tette rimbalzavano quando camminava, e quando raggiunse la sala studio stava già pianificando come farseli succhiare più tardi quella notte. Sapeva di essere dipendente, ma se dovevi essere dipendente da qualcosa, beh, non poteva essere meglio di così!!!


FINE

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

612 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

Piccolo Jazz

Mi chiamo Patrick, ho 21 anni e lavoro in un negozio al dettaglio di materiale elettrico, nel magazzino. Di solito consiste in lunghe giornate difficili in cui si devono ricevere molte scorte pesanti, come frigoriferi e lavatrici, dovendo anche dare ai clienti le loro scorte. Diventa piuttosto stancante, specialmente durante i mesi estivi quando fa caldo. Il magazzino ha un secondo livello, dove solitamente teniamo le unità esterne per i condizionatori. Essendo fuori dalla visuale della telecamera e accessibile solo a coloro che possono guidare il commissionatore (un tipo di carrello elevatore), quello che io e i miei compagni di lavoro...

891 I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

930 I più visti

Likes 1

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.