La giovane Amy combatte i suoi desideri.

602Report
La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi.

Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle sue mutandine e la sua figa e il clitoride che si sforzavano di essere... cosa? strofinato. Sì, strofinato. Amy si ritrovò ad aumentare il ritmo fino quasi a correre nella fretta di tornare a casa. Sua madre se ne sarebbe andata e lei sarebbe rimasta a casa da sola. Non avrebbe davvero fatto nulla di sessuale, si disse. Voleva solo tornare a casa per fare... beh, non era ancora sicura di cosa.

La giovane quindicenne è entrata in casa sua ed è andata dritta nella sua camera da letto. All'inizio si sedette alla scrivania per iniziare i compiti, ma non riusciva a concentrarsi. Forse si sarebbe semplicemente messa sul letto e avrebbe letto.

E così si stese sul letto con i cuscini dietro la schiena e iniziò a leggere. Ma ancora non riusciva a concentrarsi sulla lettura. Apparentemente contro la sua volontà, i suoi pensieri andarono di nuovo al venerdì scorso, e la sua mano sinistra si spostò tra le sue cosce e iniziò a strofinarsi le mutandine bagnate. Poteva sentire le labbra della sua figa gonfiarsi ei suoi succhi filtrare ancora di più attraverso le sue mutandine.

"Smettila." si disse, e rimise la mano indietro. al suo libro. Due minuti dopo posò il libro.

Leccandosi le labbra riarse, decise di andare in cucina a prendere qualcosa da bere. Naturalmente, sulla strada per la cucina, ha dovuto passare la porta scorrevole in vetro del cortile e, mentre lo faceva, ha guardato fuori.

C'era Max, che dormiva in veranda. Amy si sentì arrossire e il suo petto si contrasse. Andò alla credenza, prese un bicchiere e lo riempì per metà d'acqua del rubinetto.

Perché le tremava la mano, si chiese Amy, mentre portava il bicchiere alle labbra.

Quando tornò in camera da letto, riprese a passare davanti alla porta scorrevole a vetri. Ma questa volta si fermò quando vide Max.

"Lascerò entrare Max in casa per un po'. Sembra solo là fuori." si disse Amy.

Le orecchie di Max si drizzarono, quando sentì la porta a vetri che si apriva raschiare, ed entrò in casa ovviamente felice di essere fatto entrare. Appoggiò le zampe anteriori sulla gonna di Amy e le leccò la mano. Questo fece stringere il petto di Amy ancora più di prima.

"Smettila, Max." disse, mentre spingeva giù il Black Lab.

Tornò nella sua camera da letto, sentendo Max che la seguiva. Tornata sul letto, iniziò a leggere il suo libro, ma i suoi pensieri erano altrove. I suoi occhi si chiusero e la sua mano sinistra scese di nuovo tra le sue cosce. Le sue mutandine erano molto bagnate quando le sue dita trovarono la sua fica desiderosa. Sfregandosi, poteva sentire le labbra della sua figa gonfiarsi di nuovo. Si sentiva cattiva, ma era comunque una sensazione allettante. La sua mano scivolò sotto le mutandine e tra le labbra della sua fica. Caldo e scivoloso.

Oh, è una bella sensazione, pensò.

Gli occhi di Amy si aprirono lentamente e guardò Max. Era seduto in mezzo al pavimento a guardarla con le orecchie dritte.

"No, non farò più niente del genere." si disse. Era troppo brutto. Era sbagliato. Era...

Un leggero gemito le sfuggì dalle labbra.

"Le mie mutandine sono troppo bagnate." disse Amy tra sé e sé. Ha drappeggiato le gambe sul bordo del letto e si è tolta le mutandine, ma la sua mano è tornata sulla sua figa, e si è distesa sul gomito destro, gli occhi su Max.

Stava cercando di resistere alla tentazione che stava avendo... non è vero? Ma non poteva trattenersi. Lentamente ha spostato la figa più vicino al bordo del letto e ha allargato le ginocchia.

"Vieni qui, Massimo." Amy respirò.

Questa volta, Max non ha esitato. Si avvicinò rapidamente ad Amy e iniziò a leccare.

Oh sì, pensò Amy. Oh Dio, è così bello, proprio come se lo ricordava.

La lingua spessa di Max leccò e leccò, scivolando tra le labbra della fica di Amy, stuzzicandole il clitoride e ficcandole nella vagina.

Poi Max si fermò e Amy lo vide pronto a montarla come aveva fatto venerdì. Ma questa volta, Amy sapeva cosa aveva in mente e, presa dal panico, si alzò in fretta, spingendolo via.

Non gli avrebbe permesso di farlo di nuovo. Non era giusto. Non era giusto.

Amy spinse Max lontano dal letto, ma Max si alzò e si spinse indietro. Amy perse l'equilibrio e cadde a terra, la testa e le spalle appoggiate al lato del letto.

Max si mosse intorno e sopra di lei e le leccò il viso. Era ovviamente agitato. Gli occhi di Amy si spostarono sui suoi quarti posteriori. Il suo cazzo si estendeva fuori dalla sua guaina, rimbalzando ad ogni respiro che faceva.

Mentre Max si metteva a cavalcioni su di lei e le leccava il viso, la mano di Amy fu attratta dal cazzo di Max e lo avvolse. Questa azione fece sì che Max interrompesse i suoi movimenti. Amy poteva dire che gli piaceva quello che stava facendo. Poteva sentire il suo grosso cazzo pulsare nella sua mano, ma non poteva vedere cosa stava facendo, e voleva vedere. Amy cercò di allontanare le zampe anteriori di Max in modo da poter vedere meglio, ma il cane non si mosse.

Amy voleva vedere, ma come?

Max appoggiò la zampa destra sul letto e si avvicinò. Poi la sua zampa sinistra si sollevò sul letto e si avvicinò ancora di più... a pochi centimetri dal viso di Amy.

Adesso poteva vederlo. C'era il suo cazzo. Proprio di fronte a lei. Lei guardò affascinata, mentre la sua mano si muoveva sul suo membro palpitante. Quando Max sistemò le zampe anteriori sul letto, il suo cazzo si avvicinò ancora di più al suo viso ei suoi quarti posteriori iniziarono a fidarsi ad ogni colpo della sua mano.

Amy pensò improvvisamente a quello che le aveva detto una delle sue amiche. A quei ragazzi piaceva farsi succhiare il cazzo. Si era chiesta come sarebbe stato farlo. Potrebbe davvero farlo? Sembrava così... brutto. Poteva sentire il sangue nelle tempie, pulsare. Si ritrovò quasi a sforzarsi per respirare, e si sentiva un po' stordita.

Potrebbe... potrebbe... fare questo... a questo cazzo? Questo cazzo che era proprio lì, proprio lì davanti al suo viso?

Amy si disse: "No". Ma mentre lo faceva, si leccò le labbra e tirò i quarti posteriori di Max più vicino a sé, tirando il cazzo di Max più vicino, più vicino. Era proprio lì. Proprio lì davanti al suo viso. Davanti alla sua bocca.

Lentamente le sue labbra si aprirono, e mosse la testa in avanti e attirò Max a sé.

La punta del cazzo di Max scivolò nella sua bocca. Ne assaggiò la salsedine. Non era male, non era affatto male. Un po' come la liquirizia salata.

Max sentì il suo cazzo gonfio entrare nella bocca del suo proprietario. Ho sentito il calore... l'umidità... e poi il succhiare. Il suo cazzo non era in una figa, cosa che gli era familiare, ma ehi, andava bene così. Sì, questo era diverso, ma di sicuro si sentiva bene. Veramente buono.

Spinse ulteriormente il suo cazzo nella bocca di Amy... dentro e fuori... dentro e fuori. A ogni spinta, ansimava. Nella mente di Amy suonava quasi come "Fottila, fanculo, fanculo, fanculo". Sembrava rendere Amy ancora più eccitante. Amy non riusciva a credere a quello che stava facendo, ma ora non le importava. Aveva iniziato istintivamente a succhiare il cazzo di Max. Assaggiarlo. Facendo scorrere la sua lingua sulla sua asta, sentendone le curve e le protuberanze. Era affascinata dal modo in cui il suo cazzo scivolava tra le sue labbra e sulla sua lingua, punzecchiandole la gola. La durezza pulsante del suo grosso cazzo nella sua bocca, che spinge dentro e fuori... dentro e fuori.

Max spinse più forte e più a fondo nella bocca succhiatrice di Amy. Quando la punta del cazzo le ha colpito la gola, Amy ha imbavagliato. Ha provato a respingere un po' Max, ma Max non voleva niente di tutto questo. Ringhiò e spinse più a fondo. Non era una figa, ma era così bello che se lo sarebbe scopato. Fanculo finché non ha finito. Come sempre, una volta che aveva il cazzo dentro, era lui al comando. Era il maestro.

Con le cagne, spingeva il suo cazzo abbastanza lontano che il suo nodo si fissava all'interno della figa. Istintivamente Max cercò di spingere ulteriormente nella bocca di Amy.

Dopo i ringhi di Max, Amy smise di cercare di spingerlo via. Ma la sua bocca era così profonda. Il cazzo di Max si spinse di nuovo all'ingresso della sua gola, facendo di nuovo vomitare Amy. Non le piaceva il bavaglio, ma cosa poteva fare?

Forse se potesse rilassare la gola. lei potrebbe?

Provò a rilassare la gola, e al quarto colpo dopo averlo fatto, la punta del cazzo di Max entrò nel tunnel della sua gola. Amy sentì il cazzo strofinarle in cima alla gola e vomitò leggermente. Ma quando il bavaglio finì, la testa del cazzo di Max entrò di nuovo nella sua gola... poi di nuovo.

Gli occhi di Amy si spalancarono mentre il cazzo di Max si spingeva ulteriormente nella sua bocca, giù per la gola, e vide l'enorme nodo del cazzo avvicinarsi alle sue labbra rosa increspate. Più vicino... più vicino.

Poi senza preavviso, la sua gola e la sua bocca hanno cominciato a riempirsi di sperma di Max. Amy non era preparata. Un po' le scese in gola e, con la bocca piena, goccioline del suo sperma le gocciolavano dalle labbra sulla camicetta. Le sparava così tanto in bocca che dovette deglutire e deglutire. I succhi viscidi e salati che le scivolano in gola.

Alla fine il flusso si fermò e Max abbassò le zampe anteriori dal letto. Guardò il viso di Amy che sembrava esaminare la sua realizzazione, poi si avvicinò alla porta dell'armadio, si raggomitolò e iniziò a pulirsi con la lingua. Amy si asciugò la bocca con il dorso della mano e si leccò le labbra, poi rimase seduta lì, sbalordita per quello che aveva fatto.

Un sorriso si formò sul suo viso. Ma non era completamente soddisfatta.

E dopo?

Storie simili

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

474 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

595 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

220 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

524 I più visti

Likes 2

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

504 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

511 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

424 I più visti

Likes 0

Kelsey -

Si prega di votare e commentare Prima: Kelsey - No Dad Stop. Prima: Kelsey - Papà che non può succedere di nuovo Prima: Kelsey - Pagare l'affitto Prima: Kelsey – Papà, come hai potuto lasciare che quell'uomo mi facesse QUESTO? Prima: Kelsey – “Papà – questo è davvero MALATO”. Prima: Kelsey – “Questo pazzo. Non possiamo farlo qui. Prima: Kelsey – “Papà. Per favore, NON la cintura. Prima: Kelsey - PAPA', COSA STAI FACENDO CON LA MIA RAGAZZA? Prima: Kelsey - DAD, non farmi entrare in quel raccapricciante negozio di video. Prima: Kelsey – Papà, cos'è un GLORY HOLE? Prima: Kelsey...

409 I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

350 I più visti

Likes 0

L'infermiera Kate pt2

Quando ho incontrato la persona con cui volevo trascorrere la mia vita non mi sarei mai aspettato che sarebbe successo prima di lasciare la scuola, qualcuno più grande, che era sposato e meno di tutto una donna. Quando ho lasciato l'Inghilterra con mia madre all'età di 16 anni per vivere in Italia nel tentativo di aiutarmi con i problemi che ho acquisito quando i miei genitori hanno divorziato. Non avrei mai pensato che sarebbe stata la decisione migliore della mia vita. Avevo passato solo poche ore alle cure dell'infermiera Kate dopo essere stata lapidata sul tetto della mia nuova scuola un'ora...

323 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.