La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

119Report
La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Prima parte

Varie cose mi vengono in mente e le mie vacanze annuali erano solitamente ricche di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane, e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio e i miei genitori sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo - e rapidamente ha spinto la gonna da parte, tirando le mie mutande da un lato e ha spinto un dito dritto dentro di me, ho ansimato forte quando il suo dito è entrato forte in me. Mio zio si è chinato e mi ha sussurrato "verrai punito per aver fatto rumore". Ho iniziato a tremare perché sapevo cosa significavano per me le loro punizioni. Mio zio mi ha afferrato la gamba più vicino a lui, e questo significava che mio nonno aveva più spazio per toccarmi correttamente. Dovevo stare fermo e non fare rumore mentre lentamente, poi velocemente spingeva uno, poi due dita dentro di me.

Il nonno gli ha tirato addosso un pezzo del mio cappotto e ha messo la mia mano sul suo inguine. Sapevo che voleva che gli accarezzassi il cazzo. I suoi pantaloni erano già slacciati, e ho infilato la mano dentro e ho tirato il suo cazzo. A mio nonno piaceva che gli facessi questo.

Il volo di quattro ore e mezza sembrava richiedere molto più tempo.

Quando siamo arrivati ​​all'aeroporto i miei genitori avevano già prenotato un minibus per portarci alla villa, e quando siamo saliti mio padre ha tirato mia mamma sul sedile posteriore. Ero di nuovo tra mio nonno e mio zio. Potevo sentire mia madre ansimare dietro di me, quindi sapevo che mio padre le stava facendo qualcosa, e quando ha gridato l'autista ha guardato nello specchietto retrovisore per vedere cosa stava succedendo. Stavo per voltare la testa per vedere se stava bene, ma mio zio ha detto solo "no", come se mi stesse leggendo nel pensiero.

Dopo una ventina di minuti siamo saliti su una strada sterrata fino a una grande villa, tutta sola sul fianco di una montagna, con un bel patio e una grande piscina. Non vedevo l'ora di tuffarmi, faceva così caldo.

Mio nonno e mio zio sono scesi per primi e mi hanno detto di aiutare con i bagagli. Mio padre e mia madre sono scesi dopo, e ho potuto vedere che mio padre aveva giocato con i suoi seni mentre la sua parte superiore veniva abbassata in modo che fossero esposti. Era una 36DD e ora da adulto ho solo 36C. Quando erano fuori, l'autista aveva occhi enormi che fissavano mia madre, mentre se ne stava lì - in topless. Mio padre gli ha stretto la mano e ha detto grazie, e poi ha detto a mia madre di ringraziare anche lui. Si avvicinò a lui e mio padre disse che, come ringraziamento, avrebbe potuto giocare un po'. Le sue mani andarono dritte ai suoi seni e li strinse, giocando con i suoi capezzoli, tirandoli, torcendoli mentre lei rimaneva lì. Si chinò e li succhiò, leccandoli e succhiandoli dappertutto. Io e mio nonno tirammo fuori dall'auto l'ultimo bagaglio e ci avviammo verso la villa. Mio padre ha ringraziato ancora l'autista e, con un ultimo movimento dei suoi capezzoli, è risalito sul taxi. Mio padre gli disse che poteva venire a trovarci in qualsiasi momento prima del nostro ultimo giorno, quando sarebbe tornato a prenderci per riportarci all'aeroporto.

Siamo entrati e mio padre ha detto a me e mia madre di andare in salotto. Qui stabilì la regola della vacanza: a nessuno di noi due era permesso vestirsi mentre eravamo in villa. Rimase lì a tenere le mani tese per i nostri vestiti, quindi dovemmo spogliarci lì per lì. È andato a guardare le camere da letto e ha messo i vestiti di mia madre in una camera da letto e i miei in un'altra. Ero contento di avere un letto matrimoniale. Sapevo che c'era un'altra camera da letto con letti singoli e ho pensato che sarebbe stata la mia. Ho chiesto a mio padre se potevo andare in piscina e lui ha detto di sì. Così mi sono precipitato fuori e sono andato nell'acqua calda, era il paradiso. Le porte-finestre erano aperte e ho sentito subito i rumori dei miei genitori, e poi, quando la brezza ha mosso la tenda, ho potuto vedere i miei genitori e mio zio sul letto. Sembrava che mio zio si stesse facendo succhiare il cazzo mentre mio padre la scopava.

Ho iniziato a nuotare, amando la sensazione del sole su di me. Mio nonno uscì e si sedette nudo sui gradini della piscina. Mi ha detto di nuotare verso di lui e succhiarlo, così ho fatto. Mi ha detto di nuotare avanti e indietro succhiandolo ogni volta che raggiungevo la sua estremità della piscina. Ero bravo in questo, mio ​​nonno mi diceva spesso... Adora sentire la mia gola che si stringe intorno al suo cazzo, e l'ho lasciato andare più in profondità di quanto avrei fatto di solito perché volevo che venisse e venisse velocemente.

Ho accarezzato l'area tra il suo cazzo e il sedere con un dito, e mio nonno ha spinto ulteriormente la mia testa sul suo cazzo, e quando le sue palle hanno iniziato a stringersi, ho capito che stava per venire.

L'ho succhiato e succhiato più forte, dimenticandomi di nuotare avanti e indietro, preoccupato solo di farlo venire. Di solito impiegava anni a venire solo succhiandolo, e potevo ancora sentire e vedere scorci di mio padre che scopava mia madre, e mio zio le stava ancora fottendo la bocca.

Ho fatto quello che odio fare, ma sapevo che avrebbe fatto venire mio nonno... Gli ho infilato un dito nel sedere e l'ho fatto girare. Sapevo che aveva funzionato, il nonno emise un grugnito e mi inondò la bocca con la sua sostanza. Sapevo che dovevo ingoiarlo, così l'ho ingoiato tutto d'un fiato e mi sono sdraiato nelle acque poco profonde accanto al nonno. Ogni tanto alzavo lo sguardo e vedevo mio padre e mio zio giocare con la mamma. L'ultima volta che ho alzato lo sguardo sembrava che entrambi se la stessero scopando. Non mi piace, fa troppo male e il nonno lo fa solo una o due volte al mese, di solito su insistenza di mio zio.

Mia madre è uscita e si è sdraiata sul lettino. Mio nonno si è alzato lentamente dalla piscina e ha chiesto alla mamma se voleva un po' di olio solare su di lei. Faceva molto caldo e lei annuì. Il nonno entrò in casa e tornò con dell'olio. Le disse di girarsi in modo da poterla rifare, e lentamente la coprì tutta con l'olio, assicurandosi che le sue natiche fossero coperte. Le aveva aperto le gambe per assicurarsi di poterle coprire bene e aveva passato anni sul suo sedere. Penso che le abbia infilato un dito nel sedere mentre lei emetteva uno strillo e abbia detto al nonno che le faceva male dopo prima. Immagino che mio padre e mio zio si siano alternati nel suo sedere. Non c'è da stupirsi che facesse male. Le disse di voltarsi e spalmò di nuovo l'olio dappertutto, specialmente sui seni, strofinandole e strizzandole i capezzoli. Potevo vedere che aveva segni di morsi sui seni, e il nonno si assicurò che questi fossero pieni di olio, strofinandoli e spingendoli forte, abbastanza forte da farla stringere i denti per smettere di fare rumore

La mano del nonno scese tra le sue gambe e le aprì di nuovo. Versò molto olio sulla sua fica e iniziò a massaggiarlo, le sue dita si schiacciarono perché aveva messo troppo olio lì. Potevo vedere alcune delle sue dita entrare e uscire dalla fica della mamma emettendo un forte rumore di soffocamento. Mi guardò dritto negli occhi, ma stava guardando attraverso di me. Era nella sua testa e lo sapeva - ho provato a farlo a volte. Io e la mamma parlavamo spesso di quello che dovevamo fare e di accettare che ci amassero e volessero mostrarci il loro amore, ma a volte nel farlo ci siamo sentiti entrambi feriti. Sapevo che il suo sguardo attraverso di me era una di quelle volte.

Tornai a nuotare, lasciando che il nonno finisse di metterle la crema solare. Sapevo che anch'io avevo bisogno di una crema solare, ma stavo rimandando il più possibile. Ho pensato che se fossi rimasto in acqua sarebbe andato tutto bene.

Sia io che mio padre siamo usciti con delle bevande, deliziose bevande ghiacciate, e abbiamo detto a me e mia madre di venire a prenderne una. Ho nuotato di lato e sono saltato fuori. Mentre bevevo, mio ​​zio mi afferrò per un braccio e mi tirò in grembo. Mi sono versato un po' del mio drink sul petto e mio zio l'ha leccato tutto, ma anche dopo averlo leccato tutto ha continuato a leccare, succhiare e poi mordere. Mi piaceva leccare e succhiare, ma i morsi mi facevano molto male. Le mie tette erano un po' cresciute, ma ancora gonfie e molto sensibili, ei miei capezzoli venivano giocati ogni giorno dal nonno o da mio zio, tirandoli, torcendoli, picchiettandoli, leccandoli, succhiandoli o mordendoli. Erano quasi sempre doloranti. Di notte la mamma li copriva con un panno caldo per alleviare il dolore. Ha funzionato.

Ho inghiottito il mio drink e sono soffocato. Non ero sicuro di cosa fosse, ma non era succo d'arancia e ghiaccio. Mio zio ha iniziato a ridere e mi ha detto di finirla. L'ho sorseggiato la volta successiva, e poi l'ho sorseggiato di nuovo finché non è finito tutto. Mio zio diceva che adesso che ero grande potevo bere qualcosa ogni tanto. Non ho mai capito che intendesse alcol fino a quando mia madre non me lo ha spiegato più tardi. Pensavo che mi avrebbe dato da bere solo ogni tanto... bevevo molta acqua al giorno ed ero preoccupato che mi fermasse.

Dopo un po' ho iniziato a sentirmi davvero strano, riuscivo a malapena a tenere gli occhi aperti e quando ho cercato di entrare in bagno, riuscivo a malapena a camminare dritto.

Mio padre aveva ordinato di consegnare un pacco di cibo alla villa, in modo che potessimo stare in solitudine alla villa. Sapevo che la solitudine significava solo, quindi questo significava che sarei stato nudo tutto il tempo. Quando mi viene detto di essere nudo a casa, di solito è solo quando c'è la famiglia a casa. Se abbiamo visite, devo mettermi un vestito, ma non le mutande. Mi è permesso indossare le mutande solo a scuola.

Amavo la sensazione del sole sul mio corpo, ma mi assicuravo di rimanere all'ombra, perché non volevo scottarmi.

Faceva ancora caldo all'ombra e ho bevuto un altro bicchiere. La prossima cosa che ricordo è quando mi sono svegliato, questo deve essere stato un bel po' più tardi perché si stava facendo buio. Il nonno era sul lettino accanto a me che si tirava il cazzo, e mentre guardavo in basso, mio ​​zio era tra le mie gambe e mi leccava la fica. Ho guardato dall'altra parte e la mamma veniva fatta rimbalzare su e giù sulle ginocchia di mio padre, i suoi seni che rimbalzavano su e giù. Mamma e io abbiamo incrociato gli occhi e lei mi ha fatto un sorrisetto.

La mano del nonno si è avvicinata e ha iniziato a stringere una delle mie tette, e la mano di mio zio si è alzata e ha iniziato a stringere l'altra mentre la sua testa rimaneva tra le mie gambe. Mi ha spinto le ginocchia in alto in modo che i miei piedi fossero appoggiati sul lettino, e ha spinto le mie ginocchia aperte, e poi mi ha leccato e succhiato finché non ho avuto di nuovo quella bella sensazione di formicolio. L'ho adorato. Mio zio raramente mi dava la sensazione di formicolio, era più spesso il nonno. Ha morso le mie labbra carnose e ne ha succhiato uno in bocca, e ha continuato a succhiare e mordere. Sono diventato tutto formicolante e le mie gambe sono diventate gelatina. Mio zio ha detto a mio nonno che sapeva che ero una troia del dolore mentre raggiungevo l'orgasmo con lui ogni volta che mi mordeva la figa. Rimasi lì assolutamente esausto, le mie gambe cadevano sul lettino. Mio zio si alzò dal lettino e andò a sdraiarsi sull'altro lato. Mi ha preso la mano e l'ha messa sul suo cazzo. Sapevo che voleva che lo accarezzassi su e giù, così l'ho fatto.

Storie simili

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

799 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

806 I più visti

Likes 0

La moglie di Harvey e i suoi amici

Harvey stava filmando sua moglie, che aveva appena avuto il viso ricoperto di sperma dal cazzo di 11 pollici del suo Master Max. Per ripulirlo, ora Max stava pisciando su tutta la faccia di Ginger. La rossa di 58 anni ha trovato questo rilassante e non fuori dalla norma. Max era un uomo di 20 anni che era la sua costante Maledom, si erano incontrati 1 anno prima in un club di scambisti e ora Max viveva nella Master Suite a casa loro. Ginger avrebbe fatto soldi per il suo padrone andando in webcam, lui si era sistemato nella tana. La...

771 I più visti

Likes 0

Anya combatte il martello

Parte 4 Anya combatte il martello Intorpidita ed esausta, Anya sentì qualcosa di morbido sfiorarle il naso, alzando la mano e lo allontanò, solo per vederlo tornare pochi secondi dopo. Borbottando incoerentemente, rotolò via e colpì un muro, alzando una mano e sentì il muro. Beh, era difficile, ma c'era una strana consistenza morbida su di esso, come se stesse spingendo in un corpo. Sorridendo ai suoi stupidi pensieri Anya vi appoggiò la mano e si rannicchiò più vicino, solo per sentire una risata estremamente umana provenire dal muro. whaa mormorò Anya mentre costringeva i suoi occhi ad aprirsi su un...

731 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

743 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

698 I più visti

Likes 0

Allenare mia figlia 1

Tutto è iniziato un giorno in cui ero ubriaco e incapace di fare nulla da solo. Prima di iniziare, ti fornirò alcune informazioni di base su di me e mia figlia. Avevo 37 anni in ottima forma e un uomo molto bello. Capelli castani e occhi color nocciola. Mi sono rasato regolarmente in modo che il mio corpo fosse sempre liscio. Mia figlia quando è iniziata questa era una giovane e vivace bambina di otto anni che era molto carina e si stava sviluppando prima di tutte le altre ragazze della sua età. Adora e ama totalmente suo padre con ogni...

747 I più visti

Likes 0

Parte 5_(1)

Accendi la fotocamera: Toni è seduta sul bordo del letto con Joe e io in piedi su ogni lato di lei si sta accarezzando un cazzo in ogni mano, a turno succhiandoli e leccandoli a turno, inizia a prendersela davvero mentre fa la gola profonda gemendo e conati di vomito mentre va avanti ci tira su sul letto per i nostri cazzi e ci mettiamo in posizione. Joe si è sdraiato sulla schiena e Toni a cavallo di lui ha guidato il suo grosso casco nella sua figa bagnata, l'ho guardata un po' per poterla vedere una crema bianca densa scivola...

669 I più visti

Likes 0

Sì signore, farò quello che vuole Parte 3 che ho dovuto guardare

Capitolo 4 ; La festa privata di Colin. Ho inventato un milione di scuse con il mio ragazzo negli ultimi tre giorni, e dopo aver avuto paura che fosse in ospedale ho provato a chiamare per spiegare. Non ha risposto. Fanculo. Ho lasciato un messaggio di merda e mi sono precipitato verso l'ingresso inquietante del Trump International. Ho fatto in modo di non essere in ritardo per non volere un altro duro culo dal mio capo. Il mio culo era ancora dolorante. Ogni volta che ci pensavo la mia faccia arrossiva e sentivo caldo dappertutto. Hotel ridicolo. Le camere erano come...

661 I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

595 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.