Pantaloni del pigiama a pois

1KReport
Pantaloni del pigiama a pois

Ciao! Questa è la mia prima storia, spero vi piaccia e apprezzo sinceramente qualsiasi feedback, commento, domanda, opinione, richiesta, ecc... la mia unica umile richiesta è che lo facciate con rispetto. Posso continuare questa storia se alla gente piace. Grazie per aver letto, divertiti!
_____________________________________________________________________________________



Il suo appartamento odorava di ammorbidente, incenso Om Nagchampa e cannabis dolce. Le porte del balcone erano tutte aperte e il calore della sua ansia filtrava costantemente nel freddo tropicale della notte di gennaio. Indossava meno del solito, questa era la prima volta che vedeva le sue gambe lunghe e tornite. I suoi occhi percorsero la loro strada dai suoi piedi nudi ai suoi polpacci tonici, indugiando per un momento sulle sue cosce setose, poi fino ai suoi pantaloncini corti del pigiama a pois bianchi e verde acqua. Si rese conto che lo stava fissando e sussultò per chinarsi e togliersi le scarpe davanti alla porta dove si trovava... sperando disperatamente che lei non lo avesse colto a bocca aperta.

"Trovato ok?" Lei suonò. "Sì, non era affatto troppo lontano!" Sorrise, sollevato dal fatto che lei fosse ignara e ammirando il suo bel sorriso. Si chinò per dargli un abbraccio e un rapido bacio sulla guancia. Aveva sperato di essere accolto con un bacio. La inspirò e la strinse in un abbraccio per un momento dopo che lei si era già liberata di riflesso. I suoi lunghi e morbidi riccioli cadevano sciolti sulla sua mano quando trovarono la parte bassa della sua schiena. Lei era in piedi nel suo braccio, molto consapevole della sua mano ancorata sulla parte bassa della sua schiena e del suo battito contro i suoi seni. Aspirò profondamente assaporando il suo odore; il suo respiro nella curva del suo collo le provocò un brivido sensuale lungo la schiena, paralizzando brevemente la sua ritirata, il suo collo era sempre stato il suo punto debole. Era contenta che non avesse provato a baciarla, si godeva il suo calore nel loro momentaneo abbraccio e annusava la sua colonia, quella con cui gli aveva fatto i complimenti l'altro giorno quando si erano conosciuti. Sorrise tra sé... quell'odore la eccitava.

“Vieni dentro” Lo condusse dentro per mano e chiuse la porta dietro di lui. Il suo posto era artistico e molto pulito e ordinato, era sollevato. L'ultima ragazza con cui è uscito era ancora più disordinata di lui. Si diressero verso il divano dove si sedette strategicamente nel mezzo. Andò a mettere il telefono sul dock per ascoltare un po' di musica, poi andò a sedersi accanto a lui. Fecero conversazione casuale, ridendo e ascoltando. Alla fine si avvicinarono l'uno all'altro in un comodo incastro di arti affondati profondamente nel morbido divano e nei cuscini di raso. Erano passate ore. Si rese conto che avrebbe dovuto prendere qualche iniziativa per sedurla. Questo sarebbe il tipo di donna che lo avrebbe fatto lavorare per questo. La prospettiva di quella sfida lo eccitò all'istante e inconsciamente si aggiustò i pantaloncini. La osservava mentre parlava, i suoi gesti, le sue mani così aggraziate ed espressive. I suoi esotici occhi castani erano luminosi e misteriosi e sembravano quasi vedere attraverso di lui. I suoi denti brillavano e li faceva brillare ogni volta che lui la faceva ridere o sorridere. Non vedeva l'ora di avvicinarsi, ma non voleva essere schiaffeggiato durante il processo. Osservò intensamente la sua bocca e ad un certo punto si sorprese persino a pronunciare le sue parole mentre parlava, essendo così assorto nel movimento delle sue labbra.

Era divertita e apprezzava la sua disponibilità ad ascoltare le sue aspirazioni di carriera e i suoi obiettivi accademici, pienamente consapevole che non avrebbe ricordato molto di quello che stava dicendo. Ciononostante, continuò a parlare per paura che se la conversazione si fosse esaurita lui le sarebbe balzato addosso come un gatto che pianifica un attacco ninja al suo giocattolo preferito. Ha ascoltato mentre le raccontava della sua musica, dei suoi amici e del calcio... o era il baseball? Non le importava molto dello sport e la sua mente vagava mentre lottava per mantenere il contatto visivo. Inspirò profondamente, e qualcosa di quella dannata colonia la colpì di nuovo tutto in una volta prima ancora che potesse espirare. Facendo scattare un'ondata di eccitazione che le attraversava il corpo, fu completamente colta alla sprovvista dalla sua reattività al suo profumo maschile. Sentì un istantaneo aumento della temperatura corporea emanare dal profondo del suo nucleo, il suo viso divenne rosso e la sua pelle morbida fu nuovamente avvolta da quel familiare freddo pungente. Sbatté le palpebre lentamente, deliberatamente; cercando di ricomporsi con discrezione e riprendere un po' di controllo sul suo corpo agitato. Lei incontrò i suoi occhi e si accorse che non stava più parlando, ma la stava guardando con un sorriso malizioso... Lo sapeva? Quando aveva smesso di parlare? Perché la guardava così? È diventata ansiosa e si è offerta retoricamente di andare a prendere loro dell'acqua dal frigorifero.

Si spostò, allungando la gamba da sotto per mettere i piedi per terra nel tentativo di sfuggire all'imbarazzo del suo soggiorno per rifugiarsi nella sua cucina a pochi metri di distanza. I suoi istinti primordiali presero il sopravvento su di lui e divenne un cacciatore che calcolava il punto di attacco ottimale. Nella sua visuale periferica la guardò mentre allungava la gamba nuda e cominciava a piegarsi in avanti, senza mai interrompere il loro contatto visivo. Nel momento in cui un piede toccò terra, vide il momento dell'opportunità e balzò in avanti. Le sue labbra incontrarono il bersaglio direttamente e le sue mani si allungarono verso il bracciolo dietro di lei, mettendola all'angolo contro di esso mentre premeva il suo corpo contro il suo. Con una gamba ancora piegata sotto di lei e l'altra sul pavimento, fu questione di secondi prima che non avesse altra scelta che posizionarsi sotto di lui orizzontalmente per evitare di torcere il piede che era ancora nascosto sotto di lei. Il fatto che non stesse combattendo in realtà l'ha scioccata più dell'atto audace stesso.

Adesso era sdraiato sopra di lei, baciandola appassionatamente e avidamente. Aprì leggermente le labbra, se fosse una reazione innata al suo involontario roteare contro di lei o un tentativo di obiettare, nessuno dei due poteva davvero dirlo. Si appoggiò all'indietro sul gomito e sollevò la mano libera sul suo petto, esercitando solo una leggerissima pressione contro di lui come per comunicargli "Potrei smetterla in qualsiasi momento, quindi non lasciarti trasportare...". Voleva almeno mantenere l'illusione di un certo controllo della situazione. Sembrava che il suo corpo stesse vincendo la battaglia con il suo miglior giudizio e si rese conto che il dominio non richiesto di questo sconosciuto dagli occhi azzurri nella sua casa la stava rendendo innegabilmente bagnata nei suoi piccoli pantaloni del pigiama a pois. Quasi intuitivamente percepì la sua eccitazione e decise di spingerla oltre. Le prese la mano passivamente opposta per il polso e glielo sollevò sopra la testa. Lei pronunciò quella che era quasi una protesta per la sua nuova situazione costretta proprio mentre la sua bocca si spostava sul suo collo ipersensibile e l'unico rumore che le sfuggì dalle labbra fu un gemito femminile di resa senza fiato.

Il suo gemito riluttante gli ronzava nell'orecchio. La sua vibrazione amplificata dalla sua stessa tremante anticipazione ed eccitazione, suscitando una fame animalesca mentre divorava il dolce sapore della sua carne. La sua bocca si mosse con un'aggressività appassionata dall'orecchio di lei lungo il collo, trovò la sua clavicola e si spostò ulteriormente per continuare questa esplorazione del suo petto pulsante. La sua mano vagò dietro la sua schiena alla ricerca del braccio su cui si stava appoggiando. Le trovò facilmente il polso e glielo sollevò sopra la testa per unirsi all'altro, rendendola incapace di scappare, anche se a quel punto non c'era nessun altro posto in cui avrebbe preferito essere. Con entrambe le mani ora legate sopra la testa, affondò ancora di più nell'angolo del divano, la bocca di lui che la seguiva. Le prese entrambi i polsi sopra la testa con la sua grande mano, liberando l'altra per la sua conquista.

La costrizione pulsante dei suoi pantaloncini si intensificò quando la guardò per un momento, immergendosi nel sito della bella mora sotto di lui, sottomettendosi al suo controllo e contorcendosi in attesa. Era accaldata e agitata, i capelli arruffati, le guance arrossate e il petto che si sollevava ritmicamente mentre attendeva impotente la sua prossima mossa. Ammirava i suoi capezzoli eretti puntati verso di lui mentre si alzavano e si abbassavano sotto la sua stretta canotta acquamarina con spalline sottili ora attaccata alla sua pelle dall'umidità del loro calore corporeo, delineando lascivamente i suoi seni vivaci e voluttuosi. Tornò a guardarla in faccia, la sua bocca era socchiusa mentre lei lo fissava dritto negli occhi, quasi sfidandolo. Le rivolse un sorrisetto diabolico e la sorprese con un'improvvisa spinta allusiva del suo inguine. Era riuscito con tatto a posizionarsi direttamente tra le sue gambe ora aperte e stava premendo la sua erezione contro il cavallo bagnato dei suoi pantaloncini. La pressione inaspettata direttamente sul suo clitoride sensibile le ha causato uno spasmo improvviso e incontrollabile. Guardò i suoi occhi rotolare all'indietro e chiudersi mentre un lieve piagnucolio involontario le sfuggiva dalle labbra rosa. Quello era l'unico invito di cui aveva bisogno. Spostò la mano libera sulla nuca di lei fino ai suoi soffici riccioli gonfiabili, intrecciando i suoi capelli attorno alle sue dita e poi stringendo la presa. I suoi occhi si riaprirono e lei lo guardò. Lui strinse ancora di più la sua presa e quando si fu accontentato della leva della sua presa le tenne la testa in modo che lei fosse costretta a guardarlo dritto negli occhi. Aveva fame di più e lui poteva vederlo, le avrebbe dato tutto quello che voleva e di più, molto di più. Lentamente iniziò a strofinare il bacino contro di lei, guardandola negli occhi, stringendo le sue prese sulle sue mani e sui suoi capelli. Le sue spinte si intensificarono e divennero più calcolate, stava prendendo in giro lei e se stesso. Colpi profondi e duri e oscillazioni in ritmi circolari seguivano successioni intenzionali di ripetute spinte in avanti, per tutto il tempo lei faceva del suo meglio per non interrompere il contatto visivo, ma di tanto in tanto scivolava nella beatitudine e lui stringeva la presa sui suoi capelli costringendola per tornare da lui.

Mentre continuava ad asciugarla con vigore, non si rendeva conto che i suoi pantaloncini si stavano facendo strada sempre più in basso. Era così affascinato dal piacere che stava traendo dal sesso simulato che stava facendo che non si accorse immediatamente che la parte anteriore dei suoi pantaloncini era scesa di circa 6 pollici, lasciando successivamente l'unica cosa che ostruiva il suo membro gonfio dal suo obiettivo pregiato per essere il suo boxer sottile con un bottone mancante sulla patta, e i suoi pantaloncini del pigiama a pois bagnati fradici. Quando finalmente riconobbe questa nuova sensazione illimitata, iniziò a pompare ancora più forte, finché la testa del suo cazzo gocciolante non si fece strada attraverso l'apertura nelle sue mutandine e scoprì che i suoi pantaloncini caldi e bagnati non stavano facendo un ottimo lavoro nel tenerla coperta. Non passò molto tempo prima che il suo cazzo determinato si facesse strada intorno al cavallo dei suoi pantaloncini e attraverso l'apertura della gamba. È quasi esploso in quel momento quando il suo cazzo è entrato in contatto diretto con la sua stretta fessura scivolosa. Aveva pensato che avrebbe indossato le mutandine, e sicuramente non lo era.

Abbassò la testa verso di lei e la baciò forte sulle labbra, esplorandola con la lingua e ringhiando primitivamente nella sua bocca. Gli avvolse strettamente le gambe intorno alla vita, comunicando il suo desiderio di averne di più. Ha preso la sua coda e ha allineato il suo membro in preparazione per entrare in lei. Si staccò dal loro bacio e con la bocca contro il suo orecchio le sussurrò grossolanamente "Mmm, ragazza cattiva... devo darti una lezione su cosa succede alle ragazzine cattive che non indossano le mutandine..." e proprio come un gemito disperato le sfuggì dalle labbra, lui si immerse dentro di lei fino in fondo. Gridò per il dolore e l'estasi, e in pochi minuti esplose in un orgasmo inzuppato, tremante e convulso su tutta la sua carne di uomo formicolante e gonfia. Grugnì sonoramente e cercò di mantenere la calma mentre la sua fica simile a un vizio lo risucchiava nelle sue pareti bagnate e vellutate e lo stringeva ripetutamente sempre più stretto finché il suo intenso climax non si placò. Era così profondo dentro di lei che poteva sentire la sua testa contro la sua cervice e sapeva che in quel momento se non si fosse tirato fuori presto avrebbe fatto esplodere tutto il suo carico represso. Il fervido geyser che emanava dalle sue palle gonfie stava lottando per uscire; rapidamente cercò di strappare tutti i 7,5 pollici della sua carne spessa dalle sue grinfie vuote, questa volta non così bruscamente come il suo ingresso iniziale. Un pollice, due, tre pollici…. Quattro pollici... lei gemeva e si massaggiava il suo bel seno mentre faceva scorrere la mano su e giù per il suo petto e il busto, lui sapeva che probabilmente sarebbe stato ancora duro anche dopo essere venuto, era troppo dannatamente caldo, ed era ansioso di scoparla giusto, e un po' imbarazzato di non poter durare più a lungo... 5 pollici... quasi lì, può sentire che sta per esplodere... 6 pollici... Improvvisamente le gambe di lei si avvolsero di nuovo intorno a lui, tirandolo dentro.

"Merda, sto per venire, aspetta, devo tirarmi fuori!" Disse freneticamente, la sua voce si incrinò. Lo afferrò per il collo della maglietta e lo attirò a sé, abbassandogli la faccia a metà. Il suo cazzo ora era completamente di nuovo dentro di lei, lei si chinò in avanti per incontrare il suo viso, la stretta succosa era troppo per lui da sopportare quando lei si spostò in avanti per appoggiarsi a lui. Lei lo baciò forte, la sua lingua gli provò la bocca e lui fece esplodere la sua crema appiccicosa con abbandono in profondità nella sua figa, piagnucolando e grugnendo nella sua bocca mentre uno scatto dopo l'altro veniva proiettato dalla sua ancora dura erezione. Stava tremando contro di lei mentre lei staccava la bocca dalla sua, gliela portava all'orecchio e gli sussurrava "Mmm... ragazzo cattivo, dovrò insegnarti una lezione su cosa succede ai ragazzi cattivi che vengono prima che io dica che possono ..."

Storie simili

Legami familiari (2)

Ho sollevato il mio cazzo da Stephanie e mi sono seduto. Stephanie si sedette in ginocchio e mi guardò. L'ho osservata nel bagliore dello schermo del suo computer. Ho guardato in basso il suo corpo nudo fino alla piccola piscina che si stava lentamente svuotando dalla sua figa. Una piccola pozzanghera dei nostri succhi d'amore. Beh... dissi. È meglio che vada a letto. Mi hai sfinito. Sì. Ho quell'effetto sulle persone. Lei disse. Ho allungato la mano e l'ho fatta scorrere lungo il suo braccio. Mi avvicinai e le diedi un bacio. Ci vediamo domattina. Ho detto. Prima cosa. lei rispose...

1.5K I più visti

Likes 0

Dominazione del papà nero

Scott Clair odiava la sua bianchezza. Non era in grado di articolarlo esattamente in quel modo; ha affermato di venire a patti con la sua natura sottomessa e il suo travolgente desiderio di servire la razza nera. Se fosse stato un po' più consapevole di sé, un po' più introspettivo, avrebbe potuto descrivere accuratamente il suo odio per se stesso come derivante dal suo intrinseco bisogno di sentirsi superiore. Il bianco era la sua malattia, amplificata da un complesso napoleonico di enormi proporzioni data la sua altezza di 5'1”. Soffriva di narcisismo straordinario. Nella sua mente delirante, l'universo gli doveva delle...

1.4K I più visti

Likes 0

IL DOLORE: volume 1

Ho lasciato il lavoro tardi e sono tornato a casa e non ho potuto fare a meno di pensare all'uomo che ho beccato a fare il masterbatch nella sua stanza d'albergo mentre per sbaglio l'ho incontrato mentre stavo facendo il mio lavoro. sono entrato pensando che la stanza fosse vuota per vederlo completamente nudo e curvo su una rivista porno sul suo letto che sembrava eiaculare su tutte le lenzuola che avrei dovuto cambiare. aveva circa 28 anni e il suo corpo era sudato e rosso mentre pompava sperma dappertutto con una mano strofinandosi le palle e l'altra mungendo la campana...

1.2K I più visti

Likes 0

Babysitter con Tara pt.1

Se mi avessi detto 3 mesi fa che sarei stato a casa della mia migliore amica, sdraiato nudo a letto con lei dopo una notte intera di sesso, probabilmente ti avrei preso a pugni in faccia e mi sarei assicurato che non avessi mai il naso dritto ancora. Eppure, è lì che mi sono ritrovato circa una settimana fa, tenendo il suo corpo caldo tra le mie braccia mentre si addormentava lentamente, i nostri corpi intrecciati. Ma sto andando avanti a me stesso. Tutto è iniziato circa 2 settimane fa. La mia amica Tara e io facevamo da babysitter, un'attività normale...

1.4K I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

1.2K I più visti

Likes 0

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Un giorno con il mio amico

Gemetti piano mentre mi sentivo svegliarmi, sbadigliavo e guardavo l'orologio con i miei occhi velati, dormivo come un compagno inafferrabile eppure altrettanto difficile da eliminare. 9:30, eh? pensai, ovviamente pensando che potevo riposare un po' di più. Tuttavia, quando ho visto la data sullo schermo digitale del mio segnatempo, sabato, sono saltato fuori dal letto e sono corso in bagno. Ho avuto la fortuna di aver trovato un lavoro decente e un appartamento con i comfort di una casa, anche se più piccola. Non direi di essere benestante, ma almeno potevo mantenermi a mio agio. Quando ho raggiunto il bagno mi...

997 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.