Il passato potrebbe davvero essere il suo futuro? Seconda parte.

118Report
Il passato potrebbe davvero essere il suo futuro? Seconda parte.

Rimase lì... il cuore le batteva forte nel petto, mentre lui la guardava, i suoi occhi guardavano dritto nei suoi. Voleva così tanto essere forte, non sciogliersi e dirle quanto gli mancava. E allo stesso tempo, era così arrabbiato con lei, per aver rinunciato a quello che avevano.

Amber era completamente sopraffatta e colta alla sprovvista, ragazzi a un tavolo di fronte a John che le urlavano contro per altri drink, bassi che risuonavano mentre il DJ suonava musica tra uno spettacolo teatrale e l'uomo che aveva il suo cuore, seduto di fronte a lei , mostrando chiaramente che non era pronto a lasciarla andare.

Non riusciva a parlare, il suo sguardo non si staccava da quello di lui, sapeva di averlo deluso, era scappata e aveva fatto tutto quello che non avrebbe dovuto. Sempre così schietto e schietto con John, creando discussioni monumentali, finendo sempre con sesso fantastico e andando a letto felice, questo era completamente l'opposto. Aveva fatto tutto quello che aveva giurato che non avrebbe mai fatto. Aveva deluso l'unico uomo che conosceva nel profondo, l'amava per quello che era.

"John..." fu tutto ciò che riuscì a dire. "Co... cosa ci fai qui?" Mentre lo guardava, cercando di distogliere lo sguardo mentre Glen, il suo capo guardava, per assicurarsi che stesse bene.

"Sono venuto a trovarti Amber", disse con fermezza. "Finalmente ti ho rintracciato, ma non avrei mai pensato di trovarti in un posto come questo", mentre la squadrava deliberatamente dall'alto in basso, poi guardandola negli occhi per vedere la sua reazione a quel commento. La vecchia Amber avrebbe risposto subito al fuoco, ma non ora. Lei non disse nulla in risposta, sapendo che non era affatto il suo momento di parlare, doveva accettare qualsiasi cosa le lanciasse, l'aveva ferito profondamente, e lo sapeva.

Le guardò direttamente i seni, che fuoriuscivano dal corsetto, una scollatura incredibile. "Vedo che ti piace mostrare a uno sciame di uomini i tuoi beni adesso"?, mentre la fissava, sapendo quanto fosse pignola per non essere considerata una puttana, o per non dare alcun segnale sessuale remoto ai ragazzi. "Come cambiano le cose", disse John, sorseggiando il suo scotch e coca.

All'improvviso si sentì a disagio, sapendo cosa doveva pensare di lei in quel momento, sperando che lui sapesse perché lo stava facendo, desiderando così tanto ottenere la sua accettazione, ma esteriormente cercando di ritrarre che era forte e sicura di sé, e non aveva bisogno della sua più giudizi su di lei. "In realtà, non cambia molto, l'ambiente potrebbe, ma la persona no", disse, guardandolo direttamente. "Sì...giusto", dice, guardando i soldi infilati nella scollatura del suo corsetto, sul davanti. "Allora...$2000", dice John, facendo circolare il dito intorno alla parte superiore del bicchiere. "Presumo che te l'abbia detto il tuo capo?", i suoi occhi che non incontravano i suoi adesso. "Sì, l'ha fatto, ma perché l'hai fatto John?", Amber è confusa, guardandolo. "Perché mi manchi, e ovviamente devo pagare per attirare la tua attenzione in questi giorni...", dice con condiscendenza. "Vai a farti fottere John", dice mentre se ne va come una furia e Glen la guarda mentre marcia. "Stai bene?", dice. "Va bene... sto bene", dice Amber mentre esce dal retro alla disperata ricerca di un po' d'aria, sentendosi claustrofobica, il suo corsetto non aiuta, mentre si fa vento con la mano e resta in piedi nell'aria fredda.

Si siede là fuori sui gradini per 5 minuti, poi si ricompone, riapplica il suo rossetto rosso scarlatto, spruzza ancora un po' di Coco Chanel e si avvicina con sicurezza a John. "Vieni da questa parte", dice mentre gli passa accanto, camminando con grazia, conducendolo in un corridoio laterale, con 6 stanze tutte in fila, e un buttafuori a presidiare ciascuna delle porte, in allerta, pronto se necessario . John la segue come un cucciolo, le fissa il sedere per tutto il tempo, avendo perso così tanto il suo fantastico corpo, visioni di lei che inarca la schiena e urla in estasi che gli riaffiorano nella mente mentre cammina, il suo scotch e la sua coca in mano. Arrivano in una stanza e il buttafuori saluta Amber, sorpreso che lei stia entrando, normalmente non è affatto nel suo stile mentre guarda John con sospetto.

"Se hai bisogno di me, urla", dice guardando John dall'alto in basso, mentre John entra un po' compiaciuto, sapendo che ogni ragazzo qui dentro vorrebbe essere nella sua posizione in questo momento, nel suo completo Armani su misura, cammina dentro e si siede sulla sedia al centro della stanza, bevendo in mano, mentre sorseggia e guarda Amber. Lei lo guarda "Allora... allora sei davvero serio?", dice, mentre si avvicina al lettore cd. "Non scherzo mai sui soldi, Amber, tu più di tutti dovresti saperlo", dice mentre lascia che il suo sguardo si sposti dalle sue caviglie fino al suo culo, il suo corpo lo eccita così tanto, anche solo guardando, mentre si adatta se stesso un po', e si toglie la giacca del vestito. "Potresti mettere Britney Spears su, quella piccola canzone ancora una volta, questa è quella che voglio", sorride mentre appende la giacca del completo sul tavolo e torna al suo posto, sapendo che lei avrebbe avuto dei flashback istantanei con la loro studentessa. fantasie di giochi di ruolo in cui era una ragazzina birichina che aveva bisogno di essere punita con una bella scopata dal suo insegnante.

Lei non lo guarda, sospira forte, mentre lo carica e inizia, si gira verso di lui e allarga leggermente le gambe, in piedi a 5 piedi da lui mentre la musica inizia e fa scorrere le mani dai fianchi su di lei. seno e su tra i capelli, e seducente si avvicina a lui, i suoi occhi non lasciano i suoi. È ovvio che il suo cuore batte all'impazzata, gli è mancata così tanto, mentre sorseggia nervosamente il suo drink, mentre lei si alza alla sua portata, si mette a cavalcioni sulle sue gambe, si apre un po' e si siede, togliendogli il drink di mano e mettendolo a terra accanto a loro, mentre gli passa le mani dietro l'attaccatura dei capelli. Sente l'odore della sua colonia, l'ha sempre amata. Conosce l'effetto che ha su di lui e spera che lui non si renda conto dell'effetto che ha su di lei. Lui può solo fissarla con desiderio, il suo respiro più pesante, mentre la guarda, e lei cerca di mantenere una sorta di fiducia che non è reale. L'unico ragazzo per cui ha mai ballato la lapdance prima d'ora è John. E ora, eccola qui, sulle sue ginocchia, che gli spinge i seni nel petto, mentre gli soffia dolcemente sul lobo dell'orecchio sinistro e nell'orecchio. Può sentirlo respirare sul suo viso, è un gentiluomo e non la tocca, sapendo che potrebbe afferrare il buttafuori in qualsiasi momento se lo facesse. Vuole così disperatamente baciargli il lobo dell'orecchio, come faceva una volta, mentre gli faceva scorrere le mani su e giù per la spina dorsale, ma sa che non può. Non può oltrepassare il limite. È felice che la musica ad alto volume attenui il rumore del suo respiro, mentre gli lascia scorrere i capelli sul viso e sul collo, e poi si siede un po' indietro per guardarlo, mentre si mette a cavalcioni sul suo corpo. Il suo corsetto non era fatto per sedersi! E i suoi seni stanno quasi mostrando il capezzolo ora, mentre lui non può fare a meno di guardarli, il desiderio per lei è mostrato chiaramente nei suoi occhi, mentre lei gli afferra la cravatta e si comporta come se le sue mani la stessero arrampicando, una dopo l'altra, alzandosi, finché il suo viso non è proprio accanto al suo.

Ora può sentirla respirare, il desiderio è evidente anche nei suoi occhi, non sa che la sua figa sta formicolando, è passato così tanto tempo, non ha permesso a nessun altro di avvicinarsi a lei come lo era John. Ha un disperato bisogno che lui la scopi, che la faccia urlare, che la faccia rabbrividire, che senta il suo cazzo dentro di lei, mentre lo cavalca, e gli affonda le unghie nella schiena. Non sta pensando lucidamente, è persa nel suo piccolo mondo, mentre le loro labbra si incontrano. Difficile definire chi abbia fatto la prima mossa, ma si bloccano, le lingue si incontrano all'istante, mentre il bacio si intensifica. Tanta passione, tanta emozione, eppure così tenera, mentre sente le sue mani forti muoversi intorno al suo corpo, e lui le accarezza la parte bassa della schiena mentre si baciano dolcemente e appassionatamente. Ricorda tutte le loro sessioni di trucco nella sua macchina, tra le lezioni o le riunioni, lasciandola a casa, hanno sempre amato baciarsi. La canzone finì e nessuno dei due se ne accorse, ma continuarono a pomiciare per 10 minuti. Nessuno spinge le cose troppo oltre, si diverte solo a stare vicini l'uno all'altro e a sentirsi di nuovo le labbra l'uno dell'altro.

Il Buttafuori bussa alla porta, mentre le dita di Amber scorrono tra i capelli di John, le sue braccia tirano il suo corpo così vicino al suo, mentre entrambi sfuggono dei gemiti. John, sempre il gentiluomo, non lascia che le sue mani si muovano da nessuna parte, se non per correre tra le sue lunghe ciocche bionde. Il colpo alla porta la fa sobbalzare, mentre entrambi si rendono conto di quello che stanno facendo. Amber scende rapidamente da John e si schiarisce la gola, aggiustandosi il corsetto e passandosi l'indice sulle labbra per fissare un po' il rossetto. Sapendo che la regola numero uno è non baciare i clienti, ma pensare che Glen deve sapere che John stava cercando qualcos'altro se era disposto a pagare $ 2000. Sapeva che c'erano ragazze al lavoro che facevano sesso con i clienti in queste stanze, ma non era qualcosa su cui nessuna ragazza era veramente aperta.

Si aggiusta la cravatta e si alza, sapendo di aver oltrepassato il limite, chiedendosi cosa avrebbe dovuto dire. Un uomo d'affari così fiducioso e sicuro di sé, ridotto a non sapere cosa dire alla ragazza che ama più di ogni altra cosa, mentre si avvicina al tavolo, prende la giacca e se la mette, e indugia lì, tirando fuori qualcosa della sua tasca. Lo vede mettere una mazzetta di soldi sul tavolo, pagando i $ 2000 che aveva detto che avrebbe fatto. Le dà le spalle mentre lei lo guarda. Vuole così disperatamente dirgli che è dispiaciuta, dispiaciuta per tutto e che lo ama, ma non riesce a pronunciare le parole. Lei lo osserva mentre si gira, e il Buttafuori ora apre la porta, segnalando che la sessione è finita, la guarda, il suo sguardo incontra il suo per diversi secondi. Lei lo osserva, l'uomo d'affari fiducioso non c'è, c'è un uomo ferito. Sembra sconfitto, deluso, come se lei lo avesse spezzato in due. Come se le stesse parlando con gli occhi. Riesce a malapena a guardarlo, lo sa... Mentre lui deglutisce e cammina, continuando a guardarla, mentre lei ha paura di muoversi. Anche se avesse voluto parlare, non sarebbero uscite parole. Le passa accanto e fa un cenno al Buttafuori mentre esce. Amber si gira verso la porta e vede che se n'è andato. Ora sapeva per certo di aver rovinato qualcosa di straordinario...

Storie simili

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

799 I più visti

Likes 0

Capitolo 2 Rivelazioni

Capitolo 2 Rivelazioni Squall attraversò stancamente il Garden, diretto al Training Center per allenarsi. Sperava che lo avrebbe aiutato a svegliarlo, inoltre aveva solo bisogno di uscire dal suo ufficio. Si era quasi addormentato alla sua scrivania, non qualcosa che un comandante dovrebbe fare. Sono solo sogni, alla fine se ne andranno. si rassicurò mentre passava davanti ad alcuni cadetti che lo salutavano mentre passava. Salutò a malincuore a sua volta, desiderando che potessero dimenticare che era il loro Comandante per una volta. Comandante Leonhart, per favore venga subito nel mio ufficio, sentì la voce di Cid echeggiare in tutto l'edificio...

820 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

806 I più visti

Likes 0

Il mio primo seminario

Il mio primo seminario! Ho lavorato per un'azienda che, come parte della loro formazione manageriale, spesso inviava manager e vicedirettori a seminari di 4 o 5 giorni, di solito da qualche parte vicino al nostro ufficio distrettuale. Il mio primo seminario si chiamava Leadership situazionale e dovevo stare con un altro manager maschio di un altro ufficio. Dan ed io ci conoscevamo da circa un anno, quindi abbiamo deciso di stare insieme. Non sapevamo chi altro avrebbe partecipato alla conferenza, ma entrambi non vedevamo l'ora di divertirci, poiché molti altri manager ci avevano raccontato delle loro imprese in altri seminari. Siamo...

782 I più visti

Likes 0

La moglie di Harvey e i suoi amici

Harvey stava filmando sua moglie, che aveva appena avuto il viso ricoperto di sperma dal cazzo di 11 pollici del suo Master Max. Per ripulirlo, ora Max stava pisciando su tutta la faccia di Ginger. La rossa di 58 anni ha trovato questo rilassante e non fuori dalla norma. Max era un uomo di 20 anni che era la sua costante Maledom, si erano incontrati 1 anno prima in un club di scambisti e ora Max viveva nella Master Suite a casa loro. Ginger avrebbe fatto soldi per il suo padrone andando in webcam, lui si era sistemato nella tana. La...

771 I più visti

Likes 0

Anya combatte il martello

Parte 4 Anya combatte il martello Intorpidita ed esausta, Anya sentì qualcosa di morbido sfiorarle il naso, alzando la mano e lo allontanò, solo per vederlo tornare pochi secondi dopo. Borbottando incoerentemente, rotolò via e colpì un muro, alzando una mano e sentì il muro. Beh, era difficile, ma c'era una strana consistenza morbida su di esso, come se stesse spingendo in un corpo. Sorridendo ai suoi stupidi pensieri Anya vi appoggiò la mano e si rannicchiò più vicino, solo per sentire una risata estremamente umana provenire dal muro. whaa mormorò Anya mentre costringeva i suoi occhi ad aprirsi su un...

731 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

743 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

698 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

676 I più visti

Likes 0

Allenare mia figlia 1

Tutto è iniziato un giorno in cui ero ubriaco e incapace di fare nulla da solo. Prima di iniziare, ti fornirò alcune informazioni di base su di me e mia figlia. Avevo 37 anni in ottima forma e un uomo molto bello. Capelli castani e occhi color nocciola. Mi sono rasato regolarmente in modo che il mio corpo fosse sempre liscio. Mia figlia quando è iniziata questa era una giovane e vivace bambina di otto anni che era molto carina e si stava sviluppando prima di tutte le altre ragazze della sua età. Adora e ama totalmente suo padre con ogni...

747 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.