Il passato potrebbe davvero essere il suo futuro? Seconda parte.

897Report
Il passato potrebbe davvero essere il suo futuro? Seconda parte.

Rimase lì... il cuore le batteva forte nel petto, mentre lui la guardava, i suoi occhi guardavano dritto nei suoi. Voleva così tanto essere forte, non sciogliersi e dirle quanto gli mancava. E allo stesso tempo, era così arrabbiato con lei, per aver rinunciato a quello che avevano.

Amber era completamente sopraffatta e colta alla sprovvista, ragazzi a un tavolo di fronte a John che le urlavano contro per altri drink, bassi che risuonavano mentre il DJ suonava musica tra uno spettacolo teatrale e l'uomo che aveva il suo cuore, seduto di fronte a lei , mostrando chiaramente che non era pronto a lasciarla andare.

Non riusciva a parlare, il suo sguardo non si staccava da quello di lui, sapeva di averlo deluso, era scappata e aveva fatto tutto quello che non avrebbe dovuto. Sempre così schietto e schietto con John, creando discussioni monumentali, finendo sempre con sesso fantastico e andando a letto felice, questo era completamente l'opposto. Aveva fatto tutto quello che aveva giurato che non avrebbe mai fatto. Aveva deluso l'unico uomo che conosceva nel profondo, l'amava per quello che era.

"John..." fu tutto ciò che riuscì a dire. "Co... cosa ci fai qui?" Mentre lo guardava, cercando di distogliere lo sguardo mentre Glen, il suo capo guardava, per assicurarsi che stesse bene.

"Sono venuto a trovarti Amber", disse con fermezza. "Finalmente ti ho rintracciato, ma non avrei mai pensato di trovarti in un posto come questo", mentre la squadrava deliberatamente dall'alto in basso, poi guardandola negli occhi per vedere la sua reazione a quel commento. La vecchia Amber avrebbe risposto subito al fuoco, ma non ora. Lei non disse nulla in risposta, sapendo che non era affatto il suo momento di parlare, doveva accettare qualsiasi cosa le lanciasse, l'aveva ferito profondamente, e lo sapeva.

Le guardò direttamente i seni, che fuoriuscivano dal corsetto, una scollatura incredibile. "Vedo che ti piace mostrare a uno sciame di uomini i tuoi beni adesso"?, mentre la fissava, sapendo quanto fosse pignola per non essere considerata una puttana, o per non dare alcun segnale sessuale remoto ai ragazzi. "Come cambiano le cose", disse John, sorseggiando il suo scotch e coca.

All'improvviso si sentì a disagio, sapendo cosa doveva pensare di lei in quel momento, sperando che lui sapesse perché lo stava facendo, desiderando così tanto ottenere la sua accettazione, ma esteriormente cercando di ritrarre che era forte e sicura di sé, e non aveva bisogno della sua più giudizi su di lei. "In realtà, non cambia molto, l'ambiente potrebbe, ma la persona no", disse, guardandolo direttamente. "Sì...giusto", dice, guardando i soldi infilati nella scollatura del suo corsetto, sul davanti. "Allora...$2000", dice John, facendo circolare il dito intorno alla parte superiore del bicchiere. "Presumo che te l'abbia detto il tuo capo?", i suoi occhi che non incontravano i suoi adesso. "Sì, l'ha fatto, ma perché l'hai fatto John?", Amber è confusa, guardandolo. "Perché mi manchi, e ovviamente devo pagare per attirare la tua attenzione in questi giorni...", dice con condiscendenza. "Vai a farti fottere John", dice mentre se ne va come una furia e Glen la guarda mentre marcia. "Stai bene?", dice. "Va bene... sto bene", dice Amber mentre esce dal retro alla disperata ricerca di un po' d'aria, sentendosi claustrofobica, il suo corsetto non aiuta, mentre si fa vento con la mano e resta in piedi nell'aria fredda.

Si siede là fuori sui gradini per 5 minuti, poi si ricompone, riapplica il suo rossetto rosso scarlatto, spruzza ancora un po' di Coco Chanel e si avvicina con sicurezza a John. "Vieni da questa parte", dice mentre gli passa accanto, camminando con grazia, conducendolo in un corridoio laterale, con 6 stanze tutte in fila, e un buttafuori a presidiare ciascuna delle porte, in allerta, pronto se necessario . John la segue come un cucciolo, le fissa il sedere per tutto il tempo, avendo perso così tanto il suo fantastico corpo, visioni di lei che inarca la schiena e urla in estasi che gli riaffiorano nella mente mentre cammina, il suo scotch e la sua coca in mano. Arrivano in una stanza e il buttafuori saluta Amber, sorpreso che lei stia entrando, normalmente non è affatto nel suo stile mentre guarda John con sospetto.

"Se hai bisogno di me, urla", dice guardando John dall'alto in basso, mentre John entra un po' compiaciuto, sapendo che ogni ragazzo qui dentro vorrebbe essere nella sua posizione in questo momento, nel suo completo Armani su misura, cammina dentro e si siede sulla sedia al centro della stanza, bevendo in mano, mentre sorseggia e guarda Amber. Lei lo guarda "Allora... allora sei davvero serio?", dice, mentre si avvicina al lettore cd. "Non scherzo mai sui soldi, Amber, tu più di tutti dovresti saperlo", dice mentre lascia che il suo sguardo si sposti dalle sue caviglie fino al suo culo, il suo corpo lo eccita così tanto, anche solo guardando, mentre si adatta se stesso un po', e si toglie la giacca del vestito. "Potresti mettere Britney Spears su, quella piccola canzone ancora una volta, questa è quella che voglio", sorride mentre appende la giacca del completo sul tavolo e torna al suo posto, sapendo che lei avrebbe avuto dei flashback istantanei con la loro studentessa. fantasie di giochi di ruolo in cui era una ragazzina birichina che aveva bisogno di essere punita con una bella scopata dal suo insegnante.

Lei non lo guarda, sospira forte, mentre lo carica e inizia, si gira verso di lui e allarga leggermente le gambe, in piedi a 5 piedi da lui mentre la musica inizia e fa scorrere le mani dai fianchi su di lei. seno e su tra i capelli, e seducente si avvicina a lui, i suoi occhi non lasciano i suoi. È ovvio che il suo cuore batte all'impazzata, gli è mancata così tanto, mentre sorseggia nervosamente il suo drink, mentre lei si alza alla sua portata, si mette a cavalcioni sulle sue gambe, si apre un po' e si siede, togliendogli il drink di mano e mettendolo a terra accanto a loro, mentre gli passa le mani dietro l'attaccatura dei capelli. Sente l'odore della sua colonia, l'ha sempre amata. Conosce l'effetto che ha su di lui e spera che lui non si renda conto dell'effetto che ha su di lei. Lui può solo fissarla con desiderio, il suo respiro più pesante, mentre la guarda, e lei cerca di mantenere una sorta di fiducia che non è reale. L'unico ragazzo per cui ha mai ballato la lapdance prima d'ora è John. E ora, eccola qui, sulle sue ginocchia, che gli spinge i seni nel petto, mentre gli soffia dolcemente sul lobo dell'orecchio sinistro e nell'orecchio. Può sentirlo respirare sul suo viso, è un gentiluomo e non la tocca, sapendo che potrebbe afferrare il buttafuori in qualsiasi momento se lo facesse. Vuole così disperatamente baciargli il lobo dell'orecchio, come faceva una volta, mentre gli faceva scorrere le mani su e giù per la spina dorsale, ma sa che non può. Non può oltrepassare il limite. È felice che la musica ad alto volume attenui il rumore del suo respiro, mentre gli lascia scorrere i capelli sul viso e sul collo, e poi si siede un po' indietro per guardarlo, mentre si mette a cavalcioni sul suo corpo. Il suo corsetto non era fatto per sedersi! E i suoi seni stanno quasi mostrando il capezzolo ora, mentre lui non può fare a meno di guardarli, il desiderio per lei è mostrato chiaramente nei suoi occhi, mentre lei gli afferra la cravatta e si comporta come se le sue mani la stessero arrampicando, una dopo l'altra, alzandosi, finché il suo viso non è proprio accanto al suo.

Ora può sentirla respirare, il desiderio è evidente anche nei suoi occhi, non sa che la sua figa sta formicolando, è passato così tanto tempo, non ha permesso a nessun altro di avvicinarsi a lei come lo era John. Ha un disperato bisogno che lui la scopi, che la faccia urlare, che la faccia rabbrividire, che senta il suo cazzo dentro di lei, mentre lo cavalca, e gli affonda le unghie nella schiena. Non sta pensando lucidamente, è persa nel suo piccolo mondo, mentre le loro labbra si incontrano. Difficile definire chi abbia fatto la prima mossa, ma si bloccano, le lingue si incontrano all'istante, mentre il bacio si intensifica. Tanta passione, tanta emozione, eppure così tenera, mentre sente le sue mani forti muoversi intorno al suo corpo, e lui le accarezza la parte bassa della schiena mentre si baciano dolcemente e appassionatamente. Ricorda tutte le loro sessioni di trucco nella sua macchina, tra le lezioni o le riunioni, lasciandola a casa, hanno sempre amato baciarsi. La canzone finì e nessuno dei due se ne accorse, ma continuarono a pomiciare per 10 minuti. Nessuno spinge le cose troppo oltre, si diverte solo a stare vicini l'uno all'altro e a sentirsi di nuovo le labbra l'uno dell'altro.

Il Buttafuori bussa alla porta, mentre le dita di Amber scorrono tra i capelli di John, le sue braccia tirano il suo corpo così vicino al suo, mentre entrambi sfuggono dei gemiti. John, sempre il gentiluomo, non lascia che le sue mani si muovano da nessuna parte, se non per correre tra le sue lunghe ciocche bionde. Il colpo alla porta la fa sobbalzare, mentre entrambi si rendono conto di quello che stanno facendo. Amber scende rapidamente da John e si schiarisce la gola, aggiustandosi il corsetto e passandosi l'indice sulle labbra per fissare un po' il rossetto. Sapendo che la regola numero uno è non baciare i clienti, ma pensare che Glen deve sapere che John stava cercando qualcos'altro se era disposto a pagare $ 2000. Sapeva che c'erano ragazze al lavoro che facevano sesso con i clienti in queste stanze, ma non era qualcosa su cui nessuna ragazza era veramente aperta.

Si aggiusta la cravatta e si alza, sapendo di aver oltrepassato il limite, chiedendosi cosa avrebbe dovuto dire. Un uomo d'affari così fiducioso e sicuro di sé, ridotto a non sapere cosa dire alla ragazza che ama più di ogni altra cosa, mentre si avvicina al tavolo, prende la giacca e se la mette, e indugia lì, tirando fuori qualcosa della sua tasca. Lo vede mettere una mazzetta di soldi sul tavolo, pagando i $ 2000 che aveva detto che avrebbe fatto. Le dà le spalle mentre lei lo guarda. Vuole così disperatamente dirgli che è dispiaciuta, dispiaciuta per tutto e che lo ama, ma non riesce a pronunciare le parole. Lei lo osserva mentre si gira, e il Buttafuori ora apre la porta, segnalando che la sessione è finita, la guarda, il suo sguardo incontra il suo per diversi secondi. Lei lo osserva, l'uomo d'affari fiducioso non c'è, c'è un uomo ferito. Sembra sconfitto, deluso, come se lei lo avesse spezzato in due. Come se le stesse parlando con gli occhi. Riesce a malapena a guardarlo, lo sa... Mentre lui deglutisce e cammina, continuando a guardarla, mentre lei ha paura di muoversi. Anche se avesse voluto parlare, non sarebbero uscite parole. Le passa accanto e fa un cenno al Buttafuori mentre esce. Amber si gira verso la porta e vede che se n'è andato. Ora sapeva per certo di aver rovinato qualcosa di straordinario...

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

612 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Piccolo Jazz

Mi chiamo Patrick, ho 21 anni e lavoro in un negozio al dettaglio di materiale elettrico, nel magazzino. Di solito consiste in lunghe giornate difficili in cui si devono ricevere molte scorte pesanti, come frigoriferi e lavatrici, dovendo anche dare ai clienti le loro scorte. Diventa piuttosto stancante, specialmente durante i mesi estivi quando fa caldo. Il magazzino ha un secondo livello, dove solitamente teniamo le unità esterne per i condizionatori. Essendo fuori dalla visuale della telecamera e accessibile solo a coloro che possono guidare il commissionatore (un tipo di carrello elevatore), quello che io e i miei compagni di lavoro...

891 I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

930 I più visti

Likes 1

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.