La nostra escursione

68Report
La nostra escursione

Una volta al mese facciamo un'escursione in montagna, in realtà è più un ritiro. Lo abbiamo fatto per anni lasciando le nostre famiglie e i nostri coniugi alle spalle per cercare avventure tra fratelli nella natura selvaggia come facevamo da bambini, tranne che ora sono avventure erotiche. Non avrei mai pensato che mi sarebbe piaciuto il sesso sciatto crudo con mio fratello. Anche se a volte uscivamo semplicemente fuori città o per vedere un film godendoci la reciproca compagnia. Ma il nostro preferito di tutti i tempi sono le gite in questo piccolo cottage pittoresco immerso nelle montagne che non puoi raggiungere in auto. Ultimamente siamo stati entrambi sovraccaricati dalla nostra vita domestica e lavorativa. Quindi abbiamo deciso di andare nel nostro posto preferito questo mese; il nostro rifugio speciale.

Infine! Il giorno era arrivato, era il nostro giorno del mese. Mi è venuto a prendere e siamo saliti sul suo camion e ci siamo goduti il ​​viaggio fino al canyon. La strada non era asfaltata per la maggior parte del viaggio e le irregolarità mi hanno fatto ribollire le viscere con anticipazione e pulsare ancora più a fondo. Era quasi allettante come stare a cavallo del sedile di una Harley raggiungendo velocità di rimbombo innominabili più forti del mio miglior vibratore. I miei occhi rotearono all'indietro assorbendo il calore del sole che entrava dalla finestra. Mio fratello deve avermi sentito gemere mentre si allungava per tirare la mia parte superiore sottile mostrando con orgoglio i contorni dei miei seni sinuosi. Gli ho dato un'occhiata, ho sorriso e ho guardato in basso per vedere il rigonfiamento nei suoi pantaloni sapendo che era l'inizio di un'erezione, un grosso cazzo grasso e succoso per me.

Ebbene, l'unità ci ha portato il più lontano possibile sulla strada. Abbiamo raggiunto il torrente e lui ha parcheggiato l'area di parcheggio e ha parcheggiato il camion, quindi si è girato e ha detto "quasi arrivato". Siamo scesi dal camion, infilati gli scarponi da trekking, abbiamo afferrato gli zaini e ci siamo diretti verso il sentiero. Alla fine del sentiero c'era il torrente più dolce da queste parti. Il torrente era a circa mezzo miglio da dove abbiamo lasciato il camion. Oggi l'acqua era più profonda con un ritmo più rapido, un ritmo che sfidava il sangue che scorreva nelle mie vene. Come sempre inizio la discesa attraverso il torrente prima con mio fratello che guarda il mio culo stretto che mi segue dietro. Quando ho calpestato una delle rocce a metà del torrente ho perso l'equilibrio, poi sono scivolato e sono caduto nell'acqua gelida. Mi ha aiutato ad alzarmi e ha guardato a lungo i miei seni senza reggiseno e i capezzoli duri rosa scuro che lo fissavano attraverso il mio top rosa pallido ora visibile. Abbiamo raggiunto l'altro lato del torrente e abbiamo fatto dei respiri profondi.

Senza esitazione mi ha afferrato il polso, mi ha tirato indietro a sé e mi ha spinto a terra, poi mi ha messo a cavalcioni in vita sfregando contro la mia figa. Spinse con forza la mia parte superiore, afferrò i miei seni nudi tirandoli e tirandoli. L'ho spinto via da me rotolando su di lui sentendo il suo cazzo premere contro di me così ho iniziato a scoparlo a secco strofinando la mia figa coperta contro il suo cazzo duro devastante. Mi ha spinto via e abbiamo iniziato a rotolare giù per la collina uno sopra e sotto l'altro fino a quando la leggera collina non si è livellata. Ormai sono fradicio e non per la mia caduta nel torrente, ma fradicio viscido tra le labbra della mia figa. Ero così bagnato che l'umidità che si accumulava scorreva lungo l'interno delle mie cosce.
"Sbrigati... ho bisogno di fotterti adesso!" ho chiesto.

Continuiamo verso il cottage solo un altro paio di miglia su per la collina. L'aria è frizzante e fresca. Le foglie degli alberi iniziano a cambiare colore. Abbiamo raggiunto un vecchio tunnel ferroviario non più utilizzato. “Forza fratello, prendiamoci una pausa. Fai una siesta veloce qui. Ha acconsentito e anche noi siamo entrati nel tunnel dove la luce ha iniziato a diminuire. Tirò fuori la coperta dallo zaino e noi la stendemmo sul terreno umido e freddo. Mi sono tolto il top inzuppato e gliel'ho lanciato mentre mi sdraiavo sulla coperta incoraggiandolo a venire da me. Ha afferrato e portato la mia maglietta fino al naso e l'ha annusato e ho sorriso. "Sorellina, hai sempre un buon odore, specialmente quando sei inzuppata di sudore erotico."

Si tolse bruscamente la maglietta e la gettò di lato insieme alla mia, poi si abbassò su tutti e quattro e si avvicinò a me. Il mio respiro è diventato più pesante e più profondo guardandolo strisciare verso di me. "Fratello, fottimi ora, qui!" Abbassò la testa tra le mie gambe e fece scorrere il naso lungo le mie labbra della figa ancora coperte. “Dannazione, hai un odore così dolce; sempre più dolce ogni volta che vengo da te. Continuò sul mio corpo strofinando la sua lingua bagnata lungo il mio stomaco sodo. Sostenendo il suo corpo con le braccia, istintivamente afferrò i miei capezzoli espellendoli, li prese uno alla volta nella sua bocca avidamente affamata. "Vaffanculo, porta il culo qui, fratello, non fermare il treno adesso!" Come gli avevo comandato, si è avvicinato e ha spinto con forza la sua lingua nella mia bocca e mi ha spinto sulla coperta.

Le mie braccia lo circondarono spingendo il mio seno nudo e grassoccio contro il suo petto leggermente peloso. Si chinò e tirò i miei pantaloncini strappandoli giù per le gambe, esponendo il mio orgoglio e la mia gloria. "Fottuta puttana sei pelata, quando diavolo l'hai fatto?" Inciampò goffamente per togliersi i pantaloncini, non riuscì a raggiungerli abbastanza velocemente.

Che fratello! Lui in piedi in tutta la sua nuda gloria con il suo cazzo duro e contorto allungato che mi chiamava, ero in paradiso. Peli pubici accuratamente tagliati che mostrano i contorni solidi delle sue palle strette infilate ordinatamente sotto il suo cazzo. La sua struttura è tesa e solida. Il sole splendeva intrufolandosi dall'apertura dei tunnel che delineava il corpo di mio fratello; incandescente espellendo i suoi migliori lineamenti.

“Resti lì tutto il giorno? Vieni a fottermi, fottimi tua sorella. Sono fradicio, fradicio per il cazzo duro dei miei fratelli. Si avvicinò a me con la sua silhouette consumando ogni mio respiro. Mi metto in ginocchio per incontrare il suo cazzo duro accogliendolo a bocca aperta. Ho leccato la melma che trasudava dalla punta, aveva un sapore così buono. Ho fatto scorrere la lingua lungo ogni crepaccio dalla base alla punta. Basta stuzzicare e assaggiare, alla fine consumo solo la testa ficcando la lingua appena nell'apertura gustando la gioia di ciò che doveva venire. La mia lingua girava intorno alla punta liscia mentre lui era nella mia bocca, vado lentamente più in basso nella sua asta. Le vene si evidenziano mentre pulsano contro le mie labbra bagnate mentre vado più in basso - lui è andato più in profondità nella mia bocca. Gli ho afferrato le palle e l'ho spremuto ruvidamente strofinandole insieme. Il suo enorme cazzo era profondo nella mia bocca bagnata portandomi le lacrime agli occhi e imbavagliandomi con ciascuna delle sue spinte era così profondo nella mia bocca. Ho fatto scivolare le dita sul suo culo tirandogli le palle e ho iniziato a strofinargli il buco del culo stretto. Mi scopa la gola sempre più forte e più velocemente, io succhio più forte e ho iniziato a ficcare il suo culo vergine dolcemente e lentamente per non allontanarmi dal suo cazzo. Comincia a gemere mentre il mio dito inizia a muoversi dentro e fuori dal suo culo mentre la mia testa oscillava forte e veloce sul suo cazzo.

Mi ha preso i capelli e mi ha guidato via dal suo cazzo e quando sono tornato indietro le mie dita sono scivolate via dalle sue palle e sono scivolate fuori dal suo culo. Per quanto deludente, sapevo cosa sarebbe successo e ho anticipato rapidamente la sua prossima mossa. Le sue dita scivolarono dentro la mia figa bagnata, luccicante e gocciolante, poi trovarono la mia bocca. I miei succhi erano buoni come lui, non è mai una delusione per le sue dita inzuppate con i miei succhi di figa per trovare la mia bocca. Mentre gli succhiavo le dita, ha fatto scivolare il suo grosso cazzo nella mia fica. Gemevo accettando i piaceri lussuriosi. Oggi è lento nel suo approccio per non venire troppo velocemente.

“Fottimi! Fottimi! Fanculo a tua sorella! Prende le mie gambe e le lancia sulle sue spalle costringendo il suo cazzo a entrare ancora più a fondo nella mia figa. Oh, il dolore era piacevolmente aspro. Il mio corpo iniziò a tremare sotto il suo e schizzò contro il suo cazzo. Si tirò fuori, mi gettò il culo alla bocca, come se fossi una bambola di pezza, per bere ogni goccia di succo che gli schizzava contro la faccia e in bocca. Ha inghiottito il mio clitoride nella sua bocca mentre schizzavo e tremavo ancora più forte al tocco della sua bocca acquosa contro il mio clitoride duro come una roccia. Il mio corpo si è calmato con ogni grammo della mia eiaculazione che ha estratto dal mio corpo inerte alimentando ogni suo desiderio. Rimette il suo cazzo ancora più duro nella mia figa quasi umida quel tanto che basta per lubrificare il suo cazzo. Si tira fuori ed entra nel mio culo. "Il tuo culo è così fottutamente stretto sorella, ho intenzione di aprirlo, scioglierlo e fotterti velocemente e duramente."

È bravo... il mio culo si è aperto di più ad ogni spinta. Non ha funzionato fino al momento solo una rapida iniezione del suo cazzo in fiamme nel mio culo. "Cazzo sì, cazzo sì, sto venendo, non fermarti, fottimi fratello, fottimi più forte!" Il mio corpo iniziò a vibrare contro il suo di nuovo schizzando ancora più forte contro il suo corpo che si intrometteva nel mio.

Dopo che il mio corpo si è calmato abbastanza, si è tirato fuori facendo un rapido tuffo e poi ha iniziato a scoparmi. Le mie mani mi presero i seni leccando ogni capezzolo e poi li avvolsero attorno al suo cazzo lucido e venoso. Guardo il suo cazzo che si contorce scivolare tra le mie tette. Le sue morbide palle ben rifinite si sfregavano liberamente contro la mia carne. Gocce di sudore cadono dal suo corpo sulle mie tette e sul suo cazzo. Il sole brilla illuminando le goccioline sui nostri corpi. Aveva il pre-sborra che trasudava dalla testa del suo cazzo. Ho alzato la testa per incontrare il suo cazzo mentre si spingeva in avanti leccando ogni goccia di sperma e sudore dal suo cazzo. Geme "prendi tutto, bevi, sorella, il mio sperma salato non lascia una goccia".

“Mettimi quel cazzo in bocca. Ho sete e voglio il tuo sperma. Fanculo la mia bocca Fratello! Fanculo la mia bocca! Ha seguito l'esempio spingendo il suo cazzo nella mia bocca acquosa. I miei occhi si sono lacrimati inghiottendo ogni centimetro uno alla volta mentre me li dà. Ho succhiato così forte che le mie guance hanno ceduto mentre gemevo e imbavagliavo assaporando il suo cazzo salato. È fuori - schioccando contro il mio succhiare. Una ragnatela di sputi e pre-sborra è tesa dalla mia bocca al suo cazzo rompendo la sua connessione cadendo sul mio mento e sulle mie tette. “Vieni qui sorellina, prendila come la puttana che sei. Succhia quel cazzo per tuo fratello. Forza il suo cazzo oltre le mie labbra sfiorandomi i denti e così in profondità che non riuscivo a controllare il mio riflusso del vomito e soffocai sul suo cazzo duro. La vista del mio bavaglio sul suo cazzo era tutto ciò che ci voleva ed era pronto a venire.

È uscito dalle mie labbra serrate attorno al suo cazzo sparando il suo sperma caldo appiccicoso su tutto il mio viso. Mi ha accarezzato il cazzo in faccia e io aspetto impaziente con la bocca aperta. "Dallo A me. Non fermarti, sparalo su tutta la mia faccia fratello". Mi ha sparato su tutta la faccia e nella mia bocca aperta. Ho ingoiato il suo dolce sperma che mi colava in gola. Le mie mani mi hanno imbrattato la sborra in faccia come colori per le dita. Mi sono asciugato le dita, poi ho preso più del suo sperma sulle dita e gliel'ho messo in bocca. Li risucchia e si accascia sulla coperta accanto a me.

Dopo che i nostri corpi si sono calmati, siamo tornati al nostro viaggio verso la cabina. Lungo la strada siamo rimasti entrambi in silenzio finché il silenzio non è stato rotto con "WOW! Sei un inferno di cazzo" ci siamo detti in sincronia.

Storie simili

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1 I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

386 I più visti

Likes 0

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

590 I più visti

Likes 0

Parte 5_(1)

Accendi la fotocamera: Toni è seduta sul bordo del letto con Joe e io in piedi su ogni lato di lei si sta accarezzando un cazzo in ogni mano, a turno succhiandoli e leccandoli a turno, inizia a prendersela davvero mentre fa la gola profonda gemendo e conati di vomito mentre va avanti ci tira su sul letto per i nostri cazzi e ci mettiamo in posizione. Joe si è sdraiato sulla schiena e Toni a cavallo di lui ha guidato il suo grosso casco nella sua figa bagnata, l'ho guardata un po' per poterla vedere una crema bianca densa scivola...

439 I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

339 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

55 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

595 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

568 I più visti

Likes 0

Piacere inaspettato

I piaceri inaspettati. *Questo è il mio primo tentativo di scrivere, quindi non esitare a commentare. Andrò avanti e ammetterò che la mia ortografia e grammatica non sono le migliori, quindi per favore rilassati. I personaggi di questa storia non sono reali e questo non è realmente accaduto. Se non ti piace leggere sull'incesto, non leggere.* Tutto è iniziato circa sei giorni fa, quando ho notato per la prima volta che la mia sorellina non era più così piccola. Ha corso per casa con addosso abiti succinti e succinti. Non ho potuto fare a meno di notare che aveva iniziato a...

489 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

469 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.