Signor Malcom

1.2KReport
Signor Malcom

"Lo so" disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora per tenerlo d'occhio finché non esce dal lavoro, che fino alle dieci e mezza. Samantha non lavora ha i fine settimana e quello quando ha tempo da trascorrere con una figlia di quattro anni.

Si udì un suono sfrigolante mentre Samantha posava la borsa sul tavolo della sala da pranzo. Samantha corre in cucina per vedere il signor Malcolm che cucina le uova "io. Malcolm, stavo per prepararti la colazione" "buongiorno Sam" è il soprannome che le ha dato perché è difficile per lui pronunciare il suo nome. "Ho bisogno di aiuto" "no Sam, perché non ti siedi e ti rilassi" "Vorrei poterlo fare, ma devo prendere il tuo essenziale per la doccia per il tuo bagno mattutino". "Okay", ora il signor Malcolm può ancora svolgere la sua routine quotidiana è solo che è difficile per lui ricordare. Mi dirigo verso la camera da letto di Malcolm, prendo questa piccola borsa piena di tutto il necessario per il bagno e prendo i suoi due stracci. Porto tutte le sue cose nel bagno del corridoio. Signor Malcolm, è pronto?

"Ho appena preparato del cibo per dopo il bagno" "va bene, signore, aspetterò". Il signor Malcolm entra in bagno un paio di minuti dopo "basta lavare i piatti" "una buona cucina pulita è la cosa migliore" disse Samantha con un sorriso. Il signor Malcolm si spoglia, entra nella vasca e si siede su questa panca che sua figlia ha pagato per farla costruire in modo che suo padre si lavi il corpo senza preoccuparsi di scivolare nella vasca. Samantha si riempie a metà con acqua "non troppo calda e proprio come piace a me, grazie sam". Samantha prende il suo sapone che era in una piccola busta di plastica con chiusura a zip. Apri la cerniera della borsa e strofina il sapone su tutto il suo straccio per il suo corpo. Samantha strofina prima lo straccio contro la sua schiena.

"Sam" come sta tua figlia di quattro anni? "Lei è all'asilo" "wow, ha già iniziato la scuola" "sì". Samantha accende l'acqua calda e si risciacqua il sapone dalla schiena e poi inizia a pulirgli la parte anteriore. Quando Samantha strofinava lo straccio contro la sua parte privata, si spaventò. "stai bene Sam" "sì Malcolm" "allora non dovresti aver paura di pulirmi il cazzo" "Mr. Malcolm" disse Samantha con un sussulto "mi hai sentito dire cazzo prima" "no dici sempre pene" "è non importa". Samantha strofina un altro po' di sapone sullo straccio e pulisce il cazzo del signor Malcolm e poi inizia a pulire il suo cazzo quando inizia a bagnarsi. Samantha fa bagni e docce al signor Malcolm come ogni giorno e non si è mai sentita così. Samantha fissa il pene del signor Malcolm da otto o nove pollici che non controlla mai per vedere che dimensione fosse. "Ti piace quello che vedi", disse il signor Malcolm strappando Samantha al suo sogno ad occhi aperti "scusa signore" "non chiamarmi signore, lo sai che mi piace chiamare Malcolm o il signor Malcolm come preferisci". "Signor Malcolm, ti lavo via e poi puoi vestirti" "va bene". Samantha lava la faccia del signor Malcolm e poi gli lava via tutto il corpo con il suo nuovo soffione retrattile che sua figlia gli ha portato ad usare. Come se la vasca fosse immacolata, i suoi accumulano buoni prodotti per la pulizia per mantenere pulito il loro bagno. "Il signor Malcolm ha finito" Il signor Malcom non poteva sentirla. Samantha alza lo sguardo per vedere il signor Malcolm che guarda le sue tette. "Malcolm," disse Samantha coprendosi le tette con le mani "scusa, stavo sognando ad occhi aperti qualcosa" cosa stavi sognando ad occhi aperti sul signor Malcolm "niente", disse con un sorrisetto.

"Ti farò vestire, sarò nella tana", Samantha se ne va e si avvia all'asciutto. Samantha ha cercato attraverso i canali televisivi quando Malcolm è entrato nella stanza vestito in pantaloncini e maglietta. Malcolm si siede accanto a Samantha "guardiamo un film", ha detto Malcolm "certo che scegli il film", ha detto Malcolm. Malcolm ha scelto un film romantico "Non abbiamo mai visto un film romantico prima" "Mi piaceva guardarli con mia moglie Eve. I film romantici la facevano sempre sorridere o piangere" "che romanticismo". Il film è iniziato quando il film ha interpretato le parti tristi Samantha ha iniziato a piangere e come lei piangeva. Samantha piange molto durante il film romantico, ma mai davanti a un ragazzo, un ex usato per prenderla in giro per questo. Ma lei sta piangendo davanti a un uomo, e lui non dice niente. Hai del tessuto? "certo, vado a prenderne un po'". Malcolm si alza e va nell'armadio del suo corridoio. Afferra una scatola di fazzolettini per il viso da una pila di scatole di fazzoletti.

Malcolm apre la scatola dei fazzoletti e la porge a Samantha "grazie signor Malcolm", Malcolm si siede più vicino a Samantha. Quando il film è finito, Samantha sostiene "scegli il film mentre io vado in bagno", ha detto Samantha. Samantha lascia la stanza e Malcolm sceglie un film spaventoso da guardare. "Sei pronto a morire" disse Malcolm mentre Samantha cammina su "cosa". Malcolm afferra Samantha per la vita e lei urla mentre la tira sul divano. "Rallenta i vecchi tempi" "Non sono così vecchio, compio solo sessant'anni quest'anno" "e compirò venticinque domani" "Ho dimenticato domani il tuo compleanno che è di venerdì e devi guardarmi invece di spendere tempo con tua figlia" "Denise mi ha detto che esce dal lavoro verso le cinque così potrò andare a casa presto. Inoltre, porterò mia figlia alla sala giochi domani pomeriggio, poi quella sera non so cosa forse potrei sedermi a casa" "dovresti vestirti e andare al club con alcuni tuoi amici" "Non esco più con i miei amici in quel modo".

"Ahh" urla Samantha avvolgendo le braccia intorno alla vita del signor Malcolm. "Sam è solo un film" "questo è troppo sangue e parti del corpo per me,

"Malcolm ride "che cos'è divertente" "tu", rispose Malcolm con una risata." Smettila di ridere di me" disse Samantha con la sua voce piagnucolona "smettila di piagnucolare, papà qui per proteggerti", disse Malcolm. "Ti sei appena chiamato il mio papà?" "Mi dispiace tanto, non volevo dirlo" " va bene signor Malcolm, non mi interessa davvero come ti chiami" disse Samantha, "finché non ne sarai offeso" disse Malcolm "perché dovrei papà" rispose Samantha.

"Sono a casa," disse Denise "ciao Samantha" "ciao Denise. Quindi domani scendo verso le cinque e mezza invece delle cinque. Inoltre, trasferirò il tuo assegno sul tuo conto in banca domani poiché domani è il giorno di paga" "grazie ma "sono" "non c'è bisogno che mi chiami signora, non sono così vecchia. Denise starà meglio" "mi dispiace Denise, beh dovrei andare ho un bambino di quattro anni a casa che mi aspetta leggile una favola della buonanotte se è ancora sveglia". "Beh, buonanotte," disse Denise "papà, è ora di andare a letto", disse Denise, "Buonanotte Malcolm, buon Sam", dicono entrambi. Samantha se ne va, si avvicina alla sua macchina dove sale, esce dal vialetto di Denise e torna a casa.

Il giorno dopo Samantha arriva presto "sei qui presto" "sì" "aspetta non devi accompagnare tua figlia a scuola" "ha detto la mia migliore amica, la accompagnerà a scuola mentre va al lavoro. io e la migliore amica condividiamo l'appartamento" "tua figlia ha la sua stanza" "no condividiamo una stanza, ma ho visto una casa in vendita e potrei comprarla quando avrò la giusta somma di denaro per pagarla. Tu e tuo padre può sempre venire a trovarmi un giorno" "grazie, ma no non faccio amicizia con persone che lavorano per me" "va bene" disse Samantha. "Sam," disse Malcolm mentre entrava nel corridoio, buongiorno Malcolm "beh, io me ne andrò" disse Denise. Denise lascia "che puttana" sussurra Samantha tra sé e sé, "mia figlia si comporta come tale, soprattutto nel modo in cui curato la mia ultima badante". "Cosa succede alla tua ultima badante" "mia figlia ha detto che si è licenziata, ma non è quello che mi ha detto la badante. La donna aveva trovato un lavoro meglio retribuito e aveva un bambino di cui prendersi cura. Inoltre ha detto che non sopportava più mia figlia come un atteggiamento scortese" "ora capisco perché". Allora cosa vuoi fare oggi? "che ne dici se andiamo a nuotare" "Non so signor Malcolm che tua figlia potrebbe arrabbiati perché non le ho chiesto se puoi andare a nuotare oggi" "Sono suo padre, lei non è mia madre" "va bene signor Malcolm ma non ho il costume da bagno" "Denise si fa il bagno in due pezzi abiti che ha comprato l'anno scorso e che non ha ancora indossato" quanti anni ha Denise? "Ha quarantacinque anni" ha figli? "Sì, due bambini ma per ora stanno con il padre e Denise li ha ancora in custodia" "Non volevo sapere quel signor Malcolm, ma chi se ne frega" Sam a volte divago, mi dispiace" "nessun problema". Allora cosa vuole mangiare a colazione, signor Malcolm? "solo cereali, hai già mangiato" "Ho mangiato mc.donalds prima di arrivare qui" "Vorrei poter mangiare Mc.Donalds, Denise dice che il fast food mi fa male" "Ho una piastra per salsicce mc nella mia borsa a libro. Puoi averlo". Samantha prende il panino per la colazione dalla sua borsa dei libri e un pacchetto di gelatina dalla sua borsa dei libri. "Qui signor Malcolm, verso l'una possiamo andare a nuotare" "prendete uno dei costumi da bagno nuovi di Denise dalla sua stanza, lì nel suo secondo disegno sul lato destro della sua stanza". Samantha si dirige verso il corridoio ed entra nella stanza di Denise, Samantha si avvicina al suo cassetto. Samantha apre il secondo per vedere il sorteggio pieno di un costume da bagno con ancora le etichette. Samantha guarda i prezzi "questa donna spende un sacco di soldi per questi, ma non può aiutare suo padre a permettersi le migliori medicine di cui ha bisogno. Che stronza" pensò Samantha. Samantha afferra questo costume da bagno a due pezzi di pizzo nero. Samantha lo prova, il costume da bagno le era un po' stretto. Samantha pesava un po' più di Denise magra. Samantha era nota per le sue curve. "Sam è l'una di sera" urla Malcolm, Samantha non sapeva di essersi fissata allo specchio per tutto il corpo di Denise per mezz'ora "Sto venendo dal signor Malcolm". Samantha prende un asciugamano pulito dal sorteggio di Denise, Samantha entra nel corridoio. Samantha chiude la porta della camera da letto di Denise e si dirige verso il cortile. Samantha entra nel cortile "bella piscina" "Vado nella vasca idromassaggio, voglio unirmi a me" "certo" disse Samantha. Malcolm entra nella vasca idromassaggio e anche Samantha. "Wow, fa caldo qui dentro" "abbasserò il riscaldamento" grazie Mr. Malcolm "prego".

Come ti senti? " Mi sembra di farmi un massaggio in una spa. È fantastico" "Non ho dimenticato oggi il tuo compleanno, buon compleanno Samantha" "ti ricordi il mio compleanno e il mio nome" disse Samantha con un sorriso "Non ho mai dimenticato il tuo nome è solo difficile per me dirlo. Mi sono alzato al buio ieri notte per ricordare queste cose importanti". Samantha abbraccia Malcolm, Malcolm avvolge le braccia intorno alla vita di Samantha.

"Wow, questa donna ha un po' di spessore su di lei", pensò Malcolm con un rigonfiamento nel costume da bagno, "Signor Malcolm", disse Samantha. Samantha sorride "ti stai eccitando per il mio corpo", ha detto Samantha con un sorriso "sì lo sono". Samantha raggiunge i bauli di Malcolm e gli afferra il cazzo. Samantha si strofina il cazzo "ahh" geme, entrambi si guardano e si baciano. Samantha continuava a strofinare il suo cazzo "che ne dici di finirlo dentro il signor Malcolm" "certo". Entrambi escono dalla vasca idromassaggio ed entrano. Malcolm tira Samantha contro il muro e le bacia il collo.

"Il signor... Samantha geme. La prossima cosa che Samantha sapeva che Malcolm l'ha sollevata da terra" tieniti stretta a me". Samantha avvolge le sue mani intorno al collo del signor Malcolm "sei un po' pesante" "scusa" "non c'è bisogno di scusarsi, Io uso per sollevare oggetti più pesanti". Malcolm porta Samantha nella sua camera da letto quando entrano e la mette sul letto. Samantha solleva il suo corpo, Malcolm si siede accanto a Samantha sul letto. Malcolm tira Samantha più vicino a lui, "Volevo il tuo corpo da culo sexy da ieri, ma non sapevo come dirtelo" "va bene Mr. Malcolm, sono qui adesso". Malcolm fa sosta a Samantha per nuotare, le afferra le grandi tette e le stringe. Malcolm poi torce i capezzoli e lei geme.

Malcolm si alza e si toglie il costume da bagno rivelando il suo lungo cazzo. "Wow, è un grosso cazzo" "Sì, è una decina di pollici" lui con un sorrisetto. "Direi un otto o un nove" "beh, sono fortunato che il mio cazzo non sia diventato più piccolo con me che invecchiando. La maggior parte degli uomini inizia a diventare più piccolo quando arrivano alla cinquantina". Samantha gli afferra il cazzo, gli lecca la sommità della testa. "Ahh merda" geme Malcolm, Samantha gli lecca di nuovo la parte superiore del cazzo e poi inizia a succhiargli le palle. "È fantastico", ha detto Malcolm, Samantha lascia andare le sue palle e apre la bocca e ingoia tutto il cazzo di Malcolm. Samantha ha iniziato a succhiargli il cazzo, Malcolm afferra la parte posteriore dei lunghi capelli di Samantha. Malcolm spinse Samantha oltre e lei iniziò a soffocare con il suo cazzo "Mr..." Malcolm lasciò andare i suoi capelli e Samantha tira indietro la bocca. " Scusa Sam, non sento un corpo di donna accanto al mio da così tanto tempo" "Mr. Malcolm che ne dici se mi rilassi e mi mostri quello che hai" "va bene, ma ti avverto che sono il migliore quando arriva al sesso e questo potrebbe far male" "Non sono vergine" "non è quello che intendevo. Ora sdraiati lì e rilassati". Samantha si sdraia sul letto, Malcolm strofina le mani su e giù per le gambe di Samantha. Malcolm allargò lentamente le gambe di Samantha e si mise in ginocchio. Malcolm si avvicina alla figa di Samantha "hai delle grandi labbra della figa" "sì, mia madre ha detto che sono l'unica tra tutte le sue figlie ad avere le labbra grandi della figa" "sei fortunato" "sì sono fortunato ma raramente fai del sesso" "beh, oggi ne prendi un po' da un professionista" disse Malcolm. Malcolm si lecca le labbra della figa e il corpo di Samantha ha iniziato a contrarsi al tocco della lingua di Malcolm.

"Qualcuno è bagnato per me", ha detto Malcolm, Malcolm avvolge le sue mani intorno alle gambe di Samantha e la tira più vicino. "Ahh cazzo" Samantha geme mentre Malcolm le mangia la figa. Malcolm allontana la lingua dalla sua figa e inserisce il dito medio in lei e torna a mangiarla. Lui le fa un dito mentre le lecca la figa "Sto per venire" urla Samantha di piacere. Un minuto dopo Samantha schizzò su tutto il letto di Malcolm e sul pavimento. Samantha ha continuato ad avere orgasmi dopo e Malcolm ha continuato a mangiarla. Vedere Samantha contrarsi ogni volta che sborra rendeva Malcolm felice di vedersi rendere felice di nuovo un'altra donna. Malcolm, si alzano in piedi, poi si sdraia sopra Samantha e ricominciano a pomiciare. "Aspetta che ora è", disse Samantha "alle due, abbiamo ancora tempo", disse Malcolm mentre la sua lingua incontra quella di Samantha. Malcolm infila il dito nella figa di Samantha, toccandola mentre si baciano. "Nessun uomo ha mai fatto sborra in questo modo" disse Samantha mentre Malcolm si allontanava dalle sue labbra. Malcolm afferra il suo cazzo "sei dell'esperienza che nessun uomo ti ha mai dato". Malcolm strofina il suo cazzo contro la figa di Samantha e lo fa scivolare dentro lentamente. Malcolm quindi solleva Samantha dal letto, le tiene le gambe e lei gli avvolge la vita con le gambe. Malcolm la scopa mentre lei è in aria "fuuckkk" Samantha geme. Malcolm continuò, Samantha gli avvolge il collo con le braccia e si avvicina al suo petto. "Fanculo la mia figa più forte" geme Samantha, le gambe di Samantha hanno iniziato a chiudersi di nuovo. "Sborra per me, sborra per papà", ha detto Malcolm. Samantha cum e come lei cum tutti.. Malcolm poi pone Samantha sul suo letto. Malcolm la gira di lato e si sdraia dietro di lei. Poi le solleva un po' la gamba destra e le fa scivolare il cazzo nella figa da dietro.

Ami il mio grosso cazzo dentro la tua figa? "Sì, lo so" geme Samantha.

Malcolm ha continuato a scoparla quando Samantha lo ha fermato. Con il suo cazzo ancora dentro di lei, Samantha solleva il suo corpo e lei lo cavalca. Malcolm le mette le mani intorno alla vita e la guarda mentre lo scopa. Samantha continua a cavalcarlo finché non si è stancata e questo quando Malcolm ha preso il sopravvento. Malcolm le sbatte il cazzo dentro ancora e ancora finché non viene "papà aaaa..." geme Samantha. Quando Samantha era stanca, Malcolm la solleva e la adagia sul suo letto. Malcolm le disse di sdraiarsi sul letto con lei, ma in aria. "Farà male" "cosa..." Malcolm conficca il suo cazzo nel culo di Samantha "ahh cazzo" disse Samantha dolorante. "Il dolore andrà via in un minuto bambina", ha detto Malcolm mentre scopava a sangue Samantha. "Sto per venire", ha detto Malcolm, "non venire nel mio culo", ha detto Samantha. Malcolm le fa scivolare fuori il cazzo dal culo e Samantha affronta Malcolm. Tira fuori la lingua, Malcolm strofina il suo cazzo un paio di volte e schizza fuori di sborra, parte è atterrata sulla faccia di Samantha e il resto è atterrato sulle sue grandi tette. Samantha si pulisce il viso con le dita e lecca Malcolm cum e poi si lecca le tette con la lingua. Samantha e Malcolm giacevano nel suo letto, abbracciati l'uno nell'altro. "Mi fa male il corpo", disse Samantha, "te l'avevo detto che sarebbe stato male", disse Malcolm mentre bacia Samantha. "Quindi tua figlia non può saperlo" "sì, ti licenzierà rapidamente" "beh, è ​​stato come il miglior sesso che abbia mai fatto" "Te l'avevo detto che ero il migliore", disse Malcolm. "Posso farti una domanda Mr. Malcolm" "certo Sam" posso chiamarti papà adesso? "Non ho problemi con questo, ma cosa c'è che non va nel signor Malcolm" "Mi piace di più il nome papà e puoi essere il mio papà, ma solo se solo lo desideri" "Lo amerei anch'io". Che ore sono adesso" Samantha chiede "alle quattro" "diventiamo puliti". Entrambi fanno la doccia insieme, dove facevano più sesso. Dopo la doccia, puliscono la camera da letto di Malcolm.

"Buonasera Denise", ha detto Samantha "dov'è mio padre?" "facendo un pisolino, si è addormentato sul divano mentre guardava la tv, così l'ho svegliato e l'ho portato in camera sua. Dorme ormai da due ore". Cosa avete fatto oggi? "guarda film" "va bene", disse Denise con un sorrisetto. "Ora credo sia ora che tu vada anche io ho dovuto trasferire oggi la tua busta paga sul tuo conto in banca". Samantha esce di casa e si dirige verso la sua macchina. "Samantha" disse Denise mentre Samantha stava salendo in macchina, "sì" "buon compleanno", disse Denise mentre chiudeva la porta d'ingresso.

Che tutto per la parte 1 continua a leggere, apprezzare e commentare se vuoi una seconda parte

Storie simili

Vita da college

Vita da college Il mio primo anno di college, sono andato via. A circa un'ora e mezza di auto da casa. Abbastanza lontano perché i miei genitori non venissero a darmi fastidio tutto il tempo, ma abbastanza vicino da poter tornare a casa ogni volta che volevo. Frequentavo le lezioni di base come fanno tutte le matricole. Conoscevo solo una persona prima di andare al college. Rob era il mio migliore amico al liceo e facevamo quasi tutto insieme. Entrambi siamo andati allo stesso college per insegnare. Abbiamo pensato che sarebbe stato facile entrare e divertente scherzare con i bambini a...

524 I più visti

Likes 0

Nuovo coinquilino 5

Sono passate un paio di settimane dall'incidente e i miei lividi sono quasi scomparsi e le mie costole non mi fanno più male, quindi posso tornare al club minx e ricominciare a lavorare. Non vedevo davvero l'ora di lavorare di nuovo, ma i ragazzi l'hanno preso per diventare le mie nuove guardie del corpo e seguirmi ovunque. Davvero Paul, stai controllando se il mio cibo era avvelenato dico alzando gli occhi al cielo per il suo tentativo fallito di salvarmi la vita. Mi preparai una nuova ciotola di cereali e vagai per l'appartamento pensando a qualcosa da fare. Nate entrò in...

470 I più visti

Likes 0

Il voto segreto della cheerleader - #9

Il voto segreto della cheerleader - #9 Zane rifletté sugli eventi accaduti la sera prima. Bella si era finalmente arresa a lui. Aveva pensato che sarebbe stata in grado di fare sesso con lui e ottenere tutto ciò che voleva. Invece, si era arresa a lui totalmente. Ancora più importante, si era arresa a lui registrando tutto, quindi ora era essenzialmente la sua schiava. Il suo animale domestico. Il suo giocattolo, con cui giocare come voleva. Come risultato di quella resa, divenne anche proprietà del resto della squadra. Zane l'aveva portata dagli anziani per convincerli tutti a votare per lei come...

385 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

305 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

277 I più visti

Likes 0

La storia di pesche e piselli dolci, parte 5

Neiladri Sinha Jr. :- Erano le 16 quando mi svegliai. La mia Bella Addormentata era così carina che non volevo svegliarlo. Inoltre, avevo dei preparativi da fare e Peaches stava dormendo per sempre. L'ho sollevato delicatamente dal petto e l'ho adagiato su un deewan. Il mantra della mia vita è stato uno: vivi la tua giovane vita al massimo e mi sarei preparato per questo. Ho preso il portafoglio e le chiavi della macchina per andare a fare la spesa per stasera, ma poi mi sono fermata sulla mia strada. L'ombra apparsa nella corsia dell'ospedale. Non potevo lasciare Peaches da sola...

192 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.4K I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

1.3K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.6K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.