Non ho scelta

417Report
Non ho scelta

Non ho scelta
Di EFon

(Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.)

Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel. Ci siamo diplomati e io sono diventata un'insegnante di matematica nella scuola media, mentre lei andava a lavorare in un'azienda di Asili nido. Tutto stava andando secondo i nostri piani di vita ed ero completamente felice.
Essere un giovane insegnante maschio che insegnava a ragazze che stavano appena entrando nella pubertà a volte era difficile, ma erano piccole cotte sciocche che venivano facilmente liquidate e dimenticate. Ce n'era una particolarmente memorabile, una ragazza di nome Becky Whitman che era una splendida bionda con luminosi occhi azzurri. Ero sicuro che nel giro di pochi anni sarebbe stata sicuramente un'assassina di ragazzi, e anche molto brillante e insolitamente brava in matematica per una ragazza. Era una delle prime della sua classe accademicamente, ma anche a dover indossare un reggiseno. Potresti dire che i suoi genitori l'hanno viziata perché ha sempre ottenuto ciò che voleva.
Quando quello che voleva si rivolgeva a me e attirava costantemente cuori e occhi vicino al mio nome sui fogli che consegnava per i compiti. L'ho ignorato gentilmente poiché queste cose sembravano passare dopo alcune settimane, ma non si sono mai fermate dopo sei mesi. Mentre l'anno scolastico volgeva al termine, le ho chiesto di rimanere dopo le lezioni per qualche minuto e le ho spiegato che stava solo attraversando una fase e che sarebbe diventata troppo grande e sarebbe passata ai ragazzi della sua stessa età. L'ha presa male e ha pianto così tanto che l'ho portata dall'infermiera della scuola, dove ha trascorso il resto della giornata.
Ho parlato con l'infermiera il giorno successivo e lei mi ha detto che non aveva mai visto una cotta così brutta prima, ma era sicura che Becky sarebbe stata bene in pochi giorni. Abbastanza sicuro è stata fuori malata per il resto della settimana, ma quando è tornata in classe sembrava aver dimenticato tutto della scorsa settimana, e le cose sono andate lisce per il resto dell'anno.
Qualche anno dopo si aprì un'apertura al Liceo e ottenni uno stipendio più alto e passai dall'insegnamento ai bambini ai giovani adulti, molti dei quali avevo insegnato anni prima. Anche se ora erano molto più adulte, le ragazze più grandi erano interessate solo ai loro compagni di classe che si stavano finalmente rendendo conto che le ragazze erano simpatiche invece che disgustose. Per me andava bene e all'epoca non mi era mai passato per la mente, ma l'anno dopo Becky era di nuovo una mia studentessa. Avevo ragione sulle mie previsioni su di lei. Era davvero cresciuta in fretta dalla ragazza in erba che avevo conosciuto nella giovane donna che era ora. I suoi lunghi capelli biondi luccicavano, il suo viso carino e le lunghe gambe brillavano, e il suo seno era sbocciato in un bel paio di salvagenti.
Trattenni il respiro i primi giorni di lezione, ma lei si comportava come qualsiasi altra studentessa e mi ignorava il più possibile. Andava bene, e ho pensato che sarebbe stato l'ultimo a cui avrei dovuto pensarci. Ha dimostrato di essere ancora la migliore della sua classe e ha fatto sembrare facili anche i problemi più difficili e la scuola è andata bene per il primo mese circa. Poi Rachel, mia moglie, mi aveva finalmente detto che era incinta e aveva già tre mesi di vita. Abbiamo cercato di mettere su famiglia da quando avevo ottenuto lo stipendio più grande e lei desiderava ardentemente dei bambini da quando ha iniziato a lavorare all'asilo. Ero al settimo cielo e non passò molto tempo prima che la voce si diffondesse e ricevevo congratulazioni da altri insegnanti e studenti.
I successivi quattro mesi sembravano volare con la mia unica vera attenzione per la continua gravidanza di mia moglie che la rendeva più lunatica e irregolare. Dopo aver scoperto che aveva due gemelli e che sarebbe stato un po' più faticoso di una normale gravidanza, si è presa una pausa dal lavoro per stare a casa quando aveva sette mesi e abbiamo smesso di fare sesso per la sicurezza dei bambini , e comunque non era dell'umore giusto per questo. So che questa era solo una fase che stava attraversando, ma era comunque scomoda anche per me.
Deve avermi mostrato più di quanto pensassi, perché un giorno dopo la lezione Becky è venuta a parlarmi. "Come sta il bambino?" ha chiesto.
"Bene bene." Sospirai. “Bambini in realtà; i suoi gemelli, se puoi crederci.
"Ci credo." Disse con un sorriso smorto.
"Beh... solo le doglie della vita", scherzai.
Mi sorrise e partì per la sua prossima lezione. Dopo la scuola stavo andando alla mia macchina pochi minuti dopo che tutti gli scuolabus erano partiti, quando ho visto Becky nel suo completo da cheerleader che camminava lungo il ciglio della strada lontano da scuola. Mi sono avvicinato a lei, ho abbassato il finestrino e le ho chiesto: "Non hai intenzione di allenarti da cheerleader oggi?"
Sospirò: "È stato cancellato, ma devo essermi perso l'annuncio e dopo essermi cambiata sono stata chiusa fuori dalla palestra e ho perso l'autobus. Quindi questi sono gli unici vestiti che ho e devo tornare a casa a piedi. Mia madre non sarà a casa per tipo 4 ore, quindi non ho un passaggio".
Sembrava depressa e senza speranza, e non avevo altra scelta che suggerirle di darle un passaggio a casa. Non si è svegliata o impazzita, ha solo sorriso leggermente e ha detto "Grazie signor Font" ed è salita e si è allacciata. Non ho potuto fare a meno di notare che doveva regolare la cintura di sicurezza tra i suoi ampi seni che ora mi rendevo conto che erano già un po' più grandi di quelli di mia moglie.
Ho sentito un brivido nei miei lombi da quando ero celibe da oltre un mese, cosa che non facevo dai tempi del liceo più di un decennio fa. Ho preso un respiro silenzioso e ho chiesto indicazioni per casa sua e ho iniziato a guidare. Non passò molto tempo prima che fossimo lì. È uscita e stava per dire qualcosa, ma poi mi ha chiesto: “Mr. Font, forse ti ricorderai che vivo con mia madre da quando mio padre se n'è andato, e dato che se ne andrà per qualche ora in più, mi chiedo se potrei disturbarti un po' di più. Dovrei falciare il prato, ma il tosaerba emette un suono strano e non so nulla di cose del genere. Potresti solo guardarlo? Abbastanza per favore?" Sembrava così onesta e dolce che non avevo altra scelta che accettare di aiutare con quello che potevo.
Ho parcheggiato e lei mi ha condotto nel suo garage dove c'era il tosaerba. Si è accovacciata con me per guardare il tosaerba e mentre lo controllavo non ho potuto fare a meno di vedere lo stretto tra le sue gambe sotto la gonna da cheerleader. Erano solo le mutande bianche che indossano tutte le cheerleader, ma ho comunque iniziato a girare ingranaggi nel mio cervello che ho avuto difficoltà a ignorare. Mi sono concentrato sul tosaerba, ho controllato l'olio e il carburante, il tutto con lei che osservava attentamente le mie azioni.
Mi sono fermato ad avviarlo e ha emesso un suono e ha oscillato un po', quindi l'ho ucciso e l'ho girato su un lato. La lama era leggermente piegata su un lato della lama. "Questo è il problema, hai bisogno di una nuova lama."
“Drat, non credo che ne abbiamo uno. C'è un modo per piegarlo indietro?" chiese Becky.
"Beh, posso martellarlo stretto e funzionerà per alcuni giorni se non si rompe prima."
"Grande!" Si alzò e mi portò un martello.
Non mi aspettavo di essere coinvolto in questo, ma presto stavo martellando via con il martello. Ci sono voluti alcuni minuti, e mentre faccio più lavori domestici ogni giorno da quando mia moglie è diventata sempre più limitata nelle sue condizioni, non sono un bodybuilder. Ero un po' stanco dopo aver colpito la lama di metallo indurito con tutte le mie forze per cinque minuti e mi sono asciugato un po' di dolcezza dalla fronte con il braccio della mia camicia da lavoro. "Probabilmente dovrebbe funzionare bene." dissi, mentre riavviavo il tosaerba. Suonava molto più fluido e non oscillava più.
"Sei il miglior signor Font!" Becky esultò, il che portò ancora una volta a guardare la sua faccia felice e i suoi seni ridacchianti. Stavo per dire qualcosa quando ha continuato in fretta: "Ecco, sembri che tu abbia bisogno di un drink. Per favore, seguimi, la cucina è da questa parte. Si voltò e aprì la porta di casa sua e mi aspettò.
Non volevo essere scortese e un drink sembrava rinfrescante, quindi non avevo altra scelta che seguirla dentro. Sorrise e mi condusse nella sua cucina. Tirò fuori una bibita dal frigo, l'aprì e me la porse. La ringraziò e ne bevve un lungo sorso. Era una calda giornata di sole ed è stato fantastico e davvero azzeccato, finché non ho iniziato a sentirmi a disagio nel notare che Becky mi stava solo guardando bere. "Dovrei davvero andare ora che il tuo tosaerba è riparato", dissi con cautela.
Sembrava avesse perso il filo dei pensieri, ma poi tornò e disse: "Certo, giusto... aspetta qui, torno subito". È corsa fuori lasciandomi lì per alcuni minuti, quindi ho semplicemente bevuto e aspettato, non sapendo per cosa, ma stavo solo aspettando. Ho guardato fuori dalla finestra il cortile sul retro ben curato e la rinfrescante piscina a terra. Sua madre, ho pensato, deve lavorare sodo e ha fatto bene a se stessa e a sua figlia per vivere così bene, e da sola.
All'improvviso si è accesa una luce lampeggiante e mi sono voltata. C'era Becky con in mano una macchina fotografica che mi fotografava in piedi nella sua cucina. "Che cosa? Becky, cosa stai facendo?" balbettai.
"Volevo solo farti una foto qui a casa mia." Lei sorrise. "Grazie ancora una volta, signor Font, ecco la porta d'ingresso", indicò la porta in fondo al corridoio vicino. "Per favore, buona giornata e ci vediamo domani a scuola!" Ridacchiò come se fosse una ragazzina che aveva appena ricevuto una battuta.
Non la capivo, ma la salutai, me ne andai e tornai a casa. A volte ho riunioni di facoltà e compiti da valutare, quindi mia moglie non ha pensato a niente del fatto che fossi a casa un'ora dopo la fine della scuola. Molte volte non sono tornato a casa per diverse ore, quindi era comunque felice di avermi a casa così presto. Abbiamo mangiato, fatto alcune faccende domestiche e siamo andati a letto. Con mia moglie fortemente incinta crollata accanto a me, ho avuto difficoltà ad addormentarmi. Non potevo tirare fuori Becky nel suo succinto vestito da cheerleader da dietro le mie palpebre, o fermare il palpito nel mio duro Johnson.
Nient'altro sembrava fuori dall'ordinario per i prossimi giorni, ma venerdì, quando lo studente ha consegnato i compiti sulla mia scrivania all'inizio della lezione, Becky ha lasciato una cartella viola. Non sapevo perché avesse messo tutta la sua cartella sulla mia scrivania invece delle poche pagine di carta come tutti gli altri, ma ho esaminato la lezione e non sono riuscita a guardarla finché non è suonato il campanello. Quando gli studenti partivano per la lezione successiva, l'ho aperto.
Ho visto i suoi compiti, ma sono stati stampati su una carta fotografica lucida. L'ho ispezionato e ho notato perché lo aveva fatto sul retro. Mi sono visto, in piedi accanto al lavello della sua cucina, proprio come me, ma ho aggiunto che c'era Becky in ginocchio, il suo culo nudo e la schiena visibili ai miei piedi, con la parte posteriore della testa proprio all'altezza della mia vita. Non si vedeva succedere niente, perché nulla era ovviamente, ma se qualcun altro l'avesse visto non lo penserebbe.
Inghiottii un respiro caldo che mi era rimasto bloccato in gola e fissai semplicemente l'immagine. Non sapevo cosa fare. Ero solo congelato dal terrore. Becky, assicurandosi di essere l'ultima fuori dalla classe, disse nel silenzio aspro: «Mr. Font, dovrò parlarti dei miei compiti dopo la scuola, quindi ci vediamo alle 3 in punto. Sorrise, fece svolazzare la gonna corta per mostrare le sue lunghe gambe lisce fino al culo, e poi si lanciò fuori dalla porta nella folla di persone nell'ingresso. Gli studenti hanno iniziato a venire per la mia lezione successiva e ho rapidamente rimesso i "compiti" nella cartella e l'ho messo nella mia scrivania.
Quel giorno furono trascorse diverse ore lunghe e difficili fino alla fine della giornata scolastica. Non solo dovevo fare i conti con la mia preoccupazione per qualcuno che in qualche modo scopriva questa foto sulla mia scrivania, ma avevo anche sviluppato una rabbia furiosa che germogliava ogni volta che pensavo alla foto. Ho cercato di rimanere seduto dietro la mia scrivania, o di tenere un libro o qualcosa sull'inguine il più possibile per il resto della giornata.
Dopo che la campanella di fine giornata ha suonato e tutti gli altri sono tornati a casa, ho tirato fuori la cartella ed ho esaminato di nuovo la foto. Doveva essere stato photoshoppato, ma sembrava abbastanza buono da farmi diventare duro di nuovo, anche se sapevo che era un falso. Non avevo ancora idea del perché l'avrebbe fatto. Non aveva bisogno di ricattarmi per i voti; era la prima della classe.
"Fare fatica a capire i miei COMPITI Mr. Font?" Le osservazioni di Becky mi hanno spaventato e ho chiuso di nuovo rapidamente la cartella per lo spavento nervoso.
“Becca! Io…uh…” balbettai cercando di trovare le parole giuste per risolvere questo dilemma.
“Penso che dovresti passare a parlare con mia madre. È a casa in questo momento, quindi ci vediamo a casa…” e con ciò se ne andò e la mia mente inciampò. Sì, era la cosa giusta da fare. Anche sua madre poteva parlare con Becky e se lui fosse venuto da lei con questo si sarebbe resa conto di cosa stava succedendo. Mi sono alzato e mi sono diretto verso la mia macchina, vedendo gli autobus uscire uno dopo l'altro e Becky nel finestrino di uno di loro, che mi baciava il finestrino.
Mentre guidavo sapevo che stava andando tutto storto. Rachel era a pochi mesi dal darmi due gemelli e non avevo ancora ottenuto l'incarico. Indipendentemente dal fatto che la foto fosse reale o meno, solo l'accusa mi avrebbe disonorato, facendomi perdere il lavoro e forse anche la mia famiglia! Non ho avuto altra scelta che farla finita e ho pregato che la madre di Becky fosse ragionevole.
Sono arrivato solo pochi minuti dopo l'arrivo dell'autobus, perché Becky mi stava ancora aspettando fuori quando mi sono fermato, sono sceso e sono entrato dalla porta dietro di lei. «Mia madre è probabilmente di sopra. La prendo mentre ti siedi in soggiorno. È proprio accanto alla cucina. Spero che tu possa trovarlo di nuovo lì. Sorrise diabolicamente e avrei dovuto sapere che qualcosa non andava allora, ma si precipitò su per le scale, dandomi un'occhiata alle sue lunghe gambe lisce e al culo stretto da adolescente vestito con pantaloncini troppo stretti e succinti.
Mi feci strada lungo il corridoio, nel soggiorno e mi guardai intorno. C'era un grande televisore, un comodo divano in pelle bianca con due poltrone abbinate. C'era anche un camino, cosa insolita così a sud, e un pesante tappeto bianco e sfocato sotto i piedi. A destra sono stato costretto a fissare la cucina maledetta dove ero stato ricattato la settimana prima. Sul mantello sopra il camino c'erano le foto della bambina da cui avevo riconosciuto anni prima, e fino a quando era bambina. Insieme a lei c'erano le foto di sua madre, anche lei straordinariamente bella, ma aveva i capelli rosso scuro e gli occhi verde smeraldo. Ho sentito dei gradini scendere le scale e mi sono seduto velocemente sul divano di peluche.
Entrò la donna che avevo riconosciuto come la madre di Becky dalle foto sul mantello, anche se mi aspettavo che sembrasse più vecchia della trentenne che era solo un po' più grande di me. Era vestita elegantemente con una camicia da lavoro e una gonna che le arrivava alle ginocchia. È stata seguita da vicino da Becky e io mi sono alzata e le ho teso la mano, "Salve signora Whitman, sono Edward Font, l'insegnante di algebra di sua figlia".
Prese la mano di May e la strinse con fermezza, sorridendo e disse: “Sì, mi ricordo. Cosa posso fare per te oggi? Confido che Becky stia andando bene nei suoi studi? Si sedette su una delle poltrone alla mia destra e Becky si sedette sul divano con me, proprio dall'altra parte. Guardai nervosamente il suo viso sorridente mentre sedeva, ma tornai rapidamente a concentrarmi su sua madre.
Il mio cervello ha saltato un po' su quanto sarei stato sollevato se solo quello fosse stato il problema. “No, sono felice di dire che è brillante e sempre la prima della classe a scuola. Sono venuto perché avevo delle preoccupazioni su un'altra questione". Ho tenuto la cartella viola e l'ho indicata con un gesto. "Non voglio allarmarti, ma ero qui la scorsa settimana perché Becky ha perso l'autobus e mi sono offerto di darle un passaggio a casa." Mi sono fermato a raccogliere i miei pensieri, ho fatto un respiro profondo e la madre di Becky mi ha semplicemente fatto cenno di continuare.
“Becky mi ha invitato a entrare e mi ha offerto da bere, e mentre mi voltavo le spalle lei mi ha fatto delle foto. Questo era tutto, e me ne sono andato. Ma oggi Becky me lo ha consegnato con i suoi compiti. Ho consegnato la cartellina viola a sua madre e ho lanciato un'occhiata a Becky, che mi aspettavo che apparisse inorridita da quello che stavo facendo, o almeno cercasse di fermarmi, ma sembrava compiaciuta e soddisfatta di se stessa. Questo mi ha lasciato perplesso, ma ho potuto solo guardare indietro a sua madre mentre apriva la cartella e ne ispezionava il contenuto.
Mi aspettavo un'esplosione o un sussulto o qualcosa del genere, ma invece la signora Whitman sorrise e quasi rise. "Becky", poi la guardò sorridendo, "Hai fatto questo?" Becky annuì allegramente. E sua madre ora rise con una risatina, che cercò di soffocare allo sguardo di orrore che doveva essere stato sul mio viso. “Beh, è ​​una ragazza intelligente e tu sei ovviamente un uomo onesto per essere venuto da me con questo. È sempre stata una maga della matematica e del computer e ha sempre saputo esattamente quello che voleva, proprio come sua madre".
"SM. Whitman...» balbettai cercando di pensare a cosa dire.
"Judy, per favore." Sorrise e afferrò la mia mano tesa. "So che devi essere conservato, ma ho sempre detto a mia figlia di perseguire ciò che vuole e di lasciare che nulla la fermi." Mi aveva detto diversi anni fa che si era innamorata di te perché eri intelligente, onesto, giusto e nemmeno troppo duro con gli occhi, se così posso dire. Mi fece l'occhiolino e ridacchiò di nuovo.
Ero ancora senza parole e non avevo idea di cosa stesse succedendo. Judy ha continuato: "Ora, quando mi ha detto come avevi respinto le sue avances prima, sapevo che eri una persona gentile e responsabile, e le avevo detto di non preoccuparsi, e avrebbe trovato qualcuno come te in pochi anni quando era più grande e pronta per una vera relazione".
Annuii stupidamente mentre raccontava la sua storia. “Negli ultimi anni è uscita con alcuni giovani della sua età, ma mi ha detto che nessuno di loro è paragonabile a te. Puoi immaginare la mia sorpresa quando il primo giorno di scuola di quest'anno è tornata a casa per dirmi che ti eri trasferito al liceo e che era di nuovo tua studentessa. Non si era mai dimenticata di te e potevo dire che non era una semplice cotta allora.
Becky ha messo la sua mano sulla mia a quel punto e sono rimasta così scioccata che non ho avuto risposta. Ho provato a dire qualcosa, ma Judy ha continuato a parlare, non lasciandomi altra scelta che ascoltare. “Ho detto a Becky che se era quello che voleva davvero, questo mondo premia solo chi ha coraggio, intelligenza e iniziativa. Deve essere abbastanza coraggiosa da parlare di ciò che vuole; abbastanza intelligente da farlo senza distruggere la sua reputazione o fare qualcosa di illegale, e l'iniziativa da seguire a qualunque costo.
Becky mi ha stretto la mano e sono rimasta scioccata dal fatto che la madre di questa giovane donna mi stesse dicendo che approvava il suo tentativo di ricattarmi e sedurmi. "Ora confido che nessun altro abbia visto questa foto?" Ci guardò noi due. Becky scosse la testa e anch'io lo feci stupidamente. "Buona. Becky, per favore, sali in camera tua. Edward ed io dobbiamo discutere il resto in privato. Perse il sorriso e sembrava un po' preoccupata, poi mi strinse di nuovo la mano e uscì nervosamente dalla stanza.
Judy aspettò un po' mentre accompagnava Becky su per le scale, poi si voltò di nuovo verso di me. "Edward, hai una scelta." Anche mentre lo diceva, sapevo che non era vero. “Puoi rifiutare di nuovo mia figlia, ma temo che questa foto diventi pubblica a un certo punto. Sebbene sia un falso, è abbastanza buono che questo fatto non ti salverà da una vita di problemi con il tuo lavoro e a casa. "
Deglutii sapendo che quell'opzione avrebbe distrutto il mio mondo e non valeva nemmeno la pena considerarla. “D'altra parte, puoi fornire a mia figlia ciò che desidera. È ancora molto giovane e curiosa dei piaceri della carne. Potrebbe avere di nuovo una cotta profonda, o addirittura amarti, ma potrebbe passare, come posso dirti per esperienza personale. Stava giocando con la sua fede nuziale, che sono rimasto sorpreso dal fatto che indossasse ancora perché avevo sentito che suo marito l'aveva esaurita più di un decennio fa.
Ho finalmente trovato la mia voce ora che Becky non mi stava distraendo, "Ma io sono un uomo felicemente sposato, la cui moglie sta per partorire. Anche ai gemelli! Sono anche la sua insegnante, e questo è sbagliato a tutti i livelli. Potrei andare in galera se faccio come mi hai suggerito.
«Vero, ma ti prometto, e anche a Becky, che se scegli la seconda opzione, manterremo la fiducia e nessuno lo saprà. Rovinerebbe anche la mia e la sua reputazione, come ti rendi conto. Ci ho pensato per un momento, e ho capito che era anche vero. Dannazione, aveva senso e sembrava la mia unica via d'uscita, ma mentre il mio inguine iniziava a rispondere affermativamente, il mio cervello continuava a gridare di no. "In entrambi i casi, rispetterò la tua decisione e negherò qualsiasi accusa contro il tuo carattere."
Questo sembrò scioccarmi ancora di più e quasi mi diede una possibilità di scegliere la sua prima opzione con qualche possibilità di successo. Sembrava che in precedenza stesse spingendo me e sua figlia insieme, quindi questo era un altro giro che mi aveva lanciato. Il mio sguardo perplesso la fece ridere di nuovo: “Hai frainteso tutta questa situazione che temo. Mia figlia prende da sua madre. È testarda, intelligente e ha standard elevati. Sono stato sciocco nella mia giovinezza e ho cercato di assicurarmi che scelga meglio di me. Penso che l'abbia fatto, e questo rende l'intera situazione più difficile. Se non fossi la persona responsabile che sei, avresti già approfittato dell'interesse di mia figlia per te.
Sono stata onorata della sua valutazione del mio carattere e ha continuato: "Ora, ho bisogno che tu sappia che mi fido e amo mia figlia teneramente. So che ha provato a fare alcune cose con i ragazzi, ma è ancora vergine. Voglio che sia felice, ma non voglio che soffra inutilmente. Lo considererei un favore personale, anche se non puoi ricambiare il suo amore, mostrare il suo amore che solo un uomo gentile può farlo. Se dici di no, allora andrò su e glielo spiegherò, e alla fine imparerà queste cose da un ragazzino arrapato che potrebbe metterla incinta, forse dandole lei e STD, ma sicuramente la darà per scontata e lo farebbe Non mostrare la sua gentilezza o il rispetto che merita. Potrebbe essere la mia bambina, ma trovo molto più di mio gradimento l'alternativa anche di una breve storia d'amore con un uomo responsabile come te.
L'ho preso come un pugno allo stomaco e ho potuto vederlo accadere nella mia mente. Becky ha abusato, malata, incinta e sola. Neanche io potevo sopportare il pensiero di quello. Non ho scelta. “Va bene,” mi sentii dire solennemente. Mi sorrise gentilmente e mi accarezzò le mani sulle ginocchia.
Si alzò e pensò per un secondo: "Ora c'è molto da fare. Ho intenzione di preparare la cena e tu chiamerai tua moglie per farle sapere che stai facendo da tutor a uno studente che ha bisogno di un aiuto serio per prepararsi per gli esami di ammissione all'università. Parlerò con lei se ne avrai bisogno e ti aiuterò con tutto ciò che posso. Dopodiché, la stanza di Becky è al piano di sopra a sinistra, il bagno dall'altra parte del corridoio a destra. Sentiti libero di fare la doccia dopo, e per favore metti prima un asciugamano sul letto.
Poi si voltò e iniziò a cucinare in cucina. Ho usato il suo telefono di casa e ho spiegato a Rachel al telefono, esattamente come aveva detto Judy. Ha accettato con solo una leggera esitazione, quando Judy ha staccato il telefono dalla mia mano e ha iniziato a chiacchierare con lei. Poi ha fatto un gesto di scacciare con la mano e io sono tornato imbarazzato lungo il corridoio verso la porta d'ingresso e la base delle scale. Camminavo con la stessa lentezza che aveva avuto Becky quando se n'era andata, perché, come lei, non avevo altra scelta che accettare qualunque cosa mi fosse capitata. In cima alle scale c'erano tre porte; a sinistra, a destra e uno dritto alla fine di una piccola sala.
Ho aperto la porta giusta e ho usato rapidamente il bagno, sapendo che è meglio che prima me lo tolga di mezzo. Usai un asciugamano per asciugarmi la faccia, poi l'inguine, preoccupata di fare puzza per il sudore di nervosismo che avevo provato il resto della giornata. Alla fine presi un asciugamano scuro dalla rastrelliera e tornai in corridoio.
Bussai piano alla porta di sinistra. «Entra», disse Becky con voce nervosa. Ho aperto lentamente la porta. La stanza era proprio come avrei dovuto sospettare, rosa. Rosa sulle tende delle finestre, sulle lenzuola e persino sul tappeto sul pavimento di legno. Becky sedeva a una grande scrivania di legno su una sedia a rotelle. Sembrava che stesse cercando di fare i compiti sul suo computer sulla scrivania, e non appena mi aveva visto si era alzata e aveva premuto il pulsante di accensione, spegnendolo. "Ehi, signor Font."
“Becky,” fu tutto ciò che riuscii a dire per il primo minuto. Siamo rimasti in silenzio. "Ho bisogno che tu sappia che mi piaci e sei molto bella."
Mi ha guardato con gli occhi che si incrinavano e cercavano di non piangere. "E io amo moltissimo mia moglie."
Becky sembrava sul punto di inondarsi di lacrime. "Ma tua madre mi ha chiesto di farle un favore e ho solo bisogno di sentirlo da te."
I suoi occhi trattennero a malapena le lacrime e attese esitante. "Non importa cosa succede tra noi, sono ancora felicemente sposato e tu puoi essere il mio studente SOLO fuori da questa casa."
Quel raggio di speranza brillava attraverso la sua anima e mentre lo accoglieva, i suoi occhi tempestosi iniziarono a schiarirsi. Ha versato ancora qualche lacrima, ma il suo sorriso mi ha detto che era abbastanza. "Sig. Font…” disse cercando le parole.
"Becky, hai fatto una brutta cosa cercando di ricattarmi, e devi sapere che era sbagliato." Lei annuì, quindi io continuai: "Ma non mi rendevo conto di quanto mi amassi. Devi sapere che sei ancora giovane e non sono l'uomo destinato a renderti felice per il resto della tua vita, ma per ora farò quello che posso".
Si mosse nervosamente ancora pensando e contemplando il significato delle mie parole. “Se vuoi che ti mostri le corde e cose del genere, allora lo farò, ma questo non può lasciare questa stanza, o andare oltre questo punto. Questa è una lezione unica, perché mi sento responsabile di tutta questa situazione. Devi promettermi che non mi perseguiterai o non farai scene in pubblico.
Si è fatta coraggio e i suoi grandi occhi azzurri mi hanno guardato dritto nei miei. "Prometto che non ti chiederò nulla al di fuori della mia camera da letto né dirò a nessuno al di fuori di questa casa quello che sta succedendo tra di noi." Questo era abbastanza buono per me e ho sospirato e mi sono seduto all'estremità del suo letto. Era un carico per la mia mente, ma ora è arrivato il seguito. Becky venne e si sedette accanto a me, il suo fianco con la gonna che toccava il mio.
Il suo viso è molto vicino al mio e non ricordo nemmeno di essermi appoggiato a lei mentre le sue labbra toccavano le mie. Era immobile e tenne la bocca chiusa, assorbendo solo la sensazione, poi iniziò a ricambiare il bacio. Le nostre labbra emettevano suoni di baci mentre facevamo sul suo letto. Presto aumentai la posta con la mia lingua che serpeggiava nelle sue labbra, spaventandola e facendole ridere quella risatina carina che usava sempre e che ora ho capito che mi eccitava davvero.
Una delle mie mani andò intorno alla sua spalla dietro di lei, e l'altra sulla sua liscia gamba nuda sopra il ginocchio. L'ho afferrata dolcemente, mentre le nostre lingue ballavano ed esploravano questo nuovo territorio. Non ho potuto fare a meno di immergermi nelle labbra inesperte, ma desiderose della mia adorabile studentessa. Ho sentito anche le sue braccia intorno a me e dobbiamo aver passato dieci minuti a baciarci. Non potevo fare a meno di sentirmi di nuovo un bambino, dato che non facevo questo genere di cose, nemmeno con Rachel, dai tempi del college.
Dopo aver aspettato un momento per riprendere fiato da uno scioglilingua particolarmente vigoroso e lungo, Becky ha detto: "Wow Mr. Font. Nessuno mi ha mai fatto sentire così bene prima d'ora". Sorrise e si morse il labbro inferiore con un sorriso sexy. "Tutto ciò che i ragazzi a scuola vogliono fare è parlare di sport o toccarmi la figa".
“Beh, non puoi biasimarli. Quando avevo quell'età le stesse cose sono passate attraverso il mio sistema. Ci vuole un po' per far raffreddare gli ormoni. Tua madre mi dice che sei ancora vergine, ma hai fatto delle cose. È vero?" Lei annuì imbarazzata, ma desiderosa di saperne di più, dato che i suoi piedi nudi stavano strofinando i miei. "OK, quindi cosa hai fatto finora?"
“Beh…” Si morse di nuovo il labbro inferiore e fece davvero fatica a esprimerlo a parole. "Ho... lasciato che un ragazzo si toccasse per il seno..."
Guardai i suoi seni e li considerai pensieroso. Erano abbastanza grandi sotto la sua maglietta scura. Ho alzato la mano verso il suo seno sinistro e ho sentito Becky inspirare. Ho messo delicatamente la mia mano sulla parte superiore del suo seno e le ho strofinato lentamente fino in fondo, poi di nuovo in alto. Potevo facilmente sentire il suo reggiseno sotto il seno e la sua pelle nuda sopra sotto la maglietta. L'ho fatto per alcuni istanti e poi mi sono spostato sul seno destro. Quando ho cambiato Becky finalmente ha emesso il suo respiro con un debole gemito di piacere.
Dopo aver alternato e strofinato ancora una volta, ho spostato l'altra mano sull'orlo della sua maglietta e ho iniziato a sollevarla. Alzò i gomiti e mi permise di sollevare l'intera maglietta sopra la sua testa e rivelare al mio sguardo il suo seno abbronzato vestito di reggiseno. Sono tornato al mio sopra e sotto i movimenti e lei si è allungata dietro e si è slacciato il reggiseno. Alzando le spalle in avanti, il reggiseno si è allentato e l'ho lasciato cadere a terra sopra la sua maglietta.
I suoi grandi seni nudi si incurvavano solo un po' senza supporto e cercava la mia approvazione mentre li guardavo. "C'è qualcosa che non va in loro?" chiese con una certa preoccupazione al mio sguardo intento e silenzioso.
Rendendomi conto che solo fissarla la metteva a disagio, allungai la mano e ne presi uno sotto il palmo e la baciai velocemente. "No mio caro. Sono così belli che non ho potuto fare a meno di rimanere sbalordito da loro".
Lei sorrise e poi io continuai le mie cure sui suoi seni ora scoperti. Aveva una piccola areola, ma dei capezzoli dritti e sodi che erano di un rosa chiaro solo un po' più scuro della sua pelle leggermente abbronzata. Non aveva il segno dell'abbronzatura, ma dal momento che vive da sola con sua madre, che è anche una bella curiosa, deve prendere il sole nuda nel prato sul retro a bordo piscina quando può. Questo pensiero mi fece battere di nuovo l'inguine, dimenticando finalmente tutte le preoccupazioni di prima e portandomi completamente nello stato d'animo del momento.
Si stava godendo immensamente le mie mani che ora ciascuna le massaggiava uno dei seni, incluso rotolare e ritoccare i suoi capezzoli tesi, facendola squittire un po' se pizzicavo un po' troppo forte. L'ho gentilmente spinto indietro sul letto, in bilico sopra di lei e al suo fianco sinistro. "Hai lasciato fare questo a qualcuno dei ragazzi?" Poi ho abbassato la testa sul suo seno sinistro e ho succhiato delicatamente il suo capezzolo appuntito nella mia bocca.
"No!" squittì ad alta voce, "Oh, è così bello!" Sembrava che avessi appena scosso il suo mondo e non potevo credere quanto questo mi stesse davvero eccitando. Era così bello avere una donna che approvava le mie manovre di fare l'amore che chiedermi di smettere. Ho succhiato e fatto girare delicatamente il suo capezzolo, ma lentamente diventando sempre più duro e profondo prima di passare all'altro e fare lo stesso con il suo gemello. Durante questo ha davvero costruito la mia autostima con i suoi forti squittii di piacere.
I release her breasts from my manipulations and sat up, allowing her to breathe easy for a moment. She smiled up at me then grinned and bit her lower lip again. She sat up quickly and her nimble fingers started unbuttoning my shirt, and then cast it to the floor next to her own growing pile of discarded clothing.
Her fingers then roamed across my mostly hairless chest. I have just a bit of curly hair around my nipples and some on my belly as you get closer to my love trail. Her hands felt terrific and it had been the better part of a year since I’d had this sort of attention. I closed my eyes and soaked it up, but reopened them as I laughed as she tickled my own nipples with her tongue. I think she was disappointed that my own nipples didn’t turn into upstanding eraser nubs like hers did, but she didn’t let it show for more than a moment before she was pleasantly surprised by what her hands found as she went lower on my body.
She looked at me with wonder and I said. “Go ahead and touch it.” She did and traced her hands up and down the bulge in the front of my khaki pants. I was getting tight in my briefs and I reached and unbuttoned my pants. She helped and pulled the zipper down slowly, then pulled the waist down as I lifted my butt, and she dragged them the rest of the way off. She returned her hungry and eager gaze to my crotch, flitting her eyes to mine every few seconds. I grabbed the waistband of my underwear and pulled it down over my enlarged member and threw them to the side as well. “Have you ever touched a penis before?” Ho chiesto.
“No,” she shook her head slightly. “Well a little, but only through underwear. And the guy just pissed his pants when I did.”
“Well, that can happen when you’re nervous or haven’t gone to the bathroom first.” I didn’t need to mention that I had gone to the bathroom, because she must have heard me while she was waiting. “Go ahead and touch it softly.”
Her hand reached out and put a few fingers on my tip. She rubbed it a bit and then moved down my shaft. She reached her other hand in and ran it through my curly pubes and around to the bottom to cradle and massage my balls. Her soft touch was nice, but random probing fingers was not what I needed right now. “OK, just a sec. Let me show you how to hold it to make a guy feel good.”
She pulled back and watched me silently. I grasped my base firmly and squeezed hard. My cock swelled at the head like a flower blooming and she cooed with fascination. Then I moved up and down at my base, making my cock swell and grow harder and firmer. After a moment I moved to the head and played it softly up and down along the length of my shaft. I oozed a small amount of precum and she could see it glisten in the bright afternoon sunlight. “See, now you try.”
She reached in and took over again, trying to follow my movements. She squeezed too hard or too softly, but I tried to guide her both with words of encouragement and moans of pleasure, and occasionally small yelps of pain. She got better and I could feel the percolating in my depths that things were working. I told her that would good and that if she practiced she could make boys cum with just rubbing them. She seemed in awe, but then asked, “And blow jobs right?”
“Well I wasn’t planning on that since your new…”
“Please, I need to try it or how will I know how!?!” She pleaded and begged of me.
This was a first for me as I’d never had a woman, half naked, begging to suck my cock. It was so erotic and sweet that I had no choice but to allow her to try it. “OK, but just remember, open your mouth wide, but close your lips as much as possible and don’t let your teeth touch it or it could hurt me badly. That would end the lesson to soon, and we wouldn’t want that now would we?”
“No,” said lowering her blonde head to my crotch. “We wouldn’t want that at all.” She then grasped my cock by the base in her hand, and licked the side of my cock, making me groan with pleasure. She licked all over, coming to the tip and played with my hole with the tip of her tongue, making me squirm. Then she made an ‘O’ with her mouth and took in the tip of my swollen gland. She went up and down roughly a few times before I stopped her.
“OK, you remember when I sucked your nipples?” She nodded, “Do it like that, but as if my penis was a big nipple.” She thought for a moment, and then went back down. She kissed the tip a bit, and then sucked in the head like a lollipop, running her tongue all over my head. That was much better and I rewarded her efforts with a deep groan.
I leaned back and closed my eyes, letting the ecstasy fill my body. IT had been so long, and the more Becky sucked, the better it got. I looked down and saw her big baby blue eyes shining up at me with my huge cock sliding down her gullet and tensed as I almost came from looking at that sweet and sexy face. “OK, I think you have it down now.” But she just closed her eyes and sucked harder and used her hand on my base to stroke the rest of me she couldn’t get in her mouth.
Damn that girl had got it down and she was really going at it now. I thought she would make me cum, but she went too deep and gagged on my cock. She pulled off coughing and wheezing, releasing my cock and the pressure released away with my worry for her. I held went to the floor with her and held her until she was breathing normal again. She just hugged me for a moment and then pulled back. "Mi dispiace. I must not be able to do that very well. I felt like I was doing to die.” She looked sad that she couldn’t do what she must have heard other girls say they did as school.
“That’s OK, it takes practice to train out the gag reflex for most girls, and I am a little bigger than average, or so I’ve been told,” I smiled.
“Yea…” she nodded, “Well from what I can tell.”
“Anyway… Do you want to continue?” She wiped her eyes again, and then nodded quickly. “Ok, lie down on the center of the bed.” She hopped up and quickly did as I said, her perky big breasts bouncing sexily as she did. I moved to her side and sat next to her, and reached to unbutton her skirt and opened it up, exposing her pink panties (of course) to the light of day.
I then reached down and massaged her thighs with my palms. I went down to her knees, then up to the soft inner thighs, then higher, going around her mount, and then up her belly and back to her breasts again. She giggled again and I said, “Sorry, I just love your firm tits.” I then traced my fingertips back down her sides, making her giggle more and squirm a bit, reaching her hips and then hooking my fingers into her panties and sliding them down. I rose and moved to the end of the bed, pulling her pink panties all the way down those long strong legs, and off her petite feet, and depositing them in the completed pile of out discarded garments.
Now both of us were naked and I stood at the foot of her bed, gazing down at the naked, obviously natural blonde teenager who watched my every move with eager anticipation. I returned to her by placing my hands on her feet, massaging each with soft caresses and placing kisses on them as well. I slowly moved up to her firm and sculpted calves, followed by her knees and thighs.
Now I was halfway up her bed and my own face was now before her naked sex. It had short blonde curls covering its top and sides, but her pussy lips, obviously aroused were puffed out and I could smell her sweetness. “Has a boy ever touched you here before?” I asked before continuing.
Lei scosse la testa. “The only boy who I let touch me there… well… I told him just rub over my panties and he tried to pull them off to I hit him in the crotch and ran out on him. Luckily he lived just down the street and I ran home.”
This was truly virgin territory in the fullest sense of the word. “OK, I’m going to touch it some first, but I’ll be gentile. Please spread your legs and while it may tickle or shock you, try not to knee me in the head.” She laughed at that and I added, “My wife, when we were in college, the first time I went down on her gave me a bloody nose as she twisted in pleasure, so I’ll hold you, but just think before you go swinging around, OK?” Lei annuì.
I moved a hand up her thigh and slowly moved around the top of her mound, gliding through her smooth blonde curls. She still held her breath and just watched me work. Moving down I traced my fingertip up and down each of her swollen pussy lips. Gently I eased back her folded and found them already slick with her leaking wetness that was coating her excited tunnel. She moaned at this and threw her head back. I then made my way slowly and gently up her slit to her blood engorged pearl-like clit.
I reached a finger to gently touch it. She acted like I’d just struck her, stiffening up and locking her legs and pushing her pelvis up sharply. Her vagina quivered and seeped more of her girl-juice. It looked tasty, but I knew she wasn’t ready for that yet. Instead I gently continued massaging her clit, making her squirm even more. After a few minutes she relaxed enough to really enjoy the sensations and I added my other hand to trace the edges of her pussy lips.
I meant to make her cum with just my fingers, and I would have in time, but her fragrant young pussy was just too tempting not to taste. I leaned down and extended my tongue toward her slit and dipped it in. She shuddered and moaned and I could tell she was already getting close. I intended her first orgasm to be big, so I went up to her clit and sucked on it. That blew her mind. She threw her arms to the back of my heat, forcing it hard onto her pelvis, and she clamped her teeth and screeched through them with a high-pitched whine for ten of fifteen seconds.
I held on, lightly holding her clit between my lips, and her vagina spitting her cum all over my chin that was grinding into it. As she came down from her high she released my head, and I pulled off, knowing that she was hyper-sensitive for the next minute or so. My mouth and chin were coated with her juices, and I almost swore as I remembered the towel. I wiped my face with it, and then laid it under her legs with the top by her ass.
I gave her a moment to come back to herself, and when she did she looked up at me and grinned broadly. “That was amazing!” lei sussurrò. She was still a little winded and I held her hand in mine.
“If you thought that was good, the next step will blow your mind.” She rolled her eyes and shuddered with another wave of pleasure. "Siete pronti?"
“Ed, please make me a woman.” She said with all seriousness as she looked up at me. This was the first time she’d ever called me by my first name, and I almost couldn’t believe she’d done it. I nodded and moved between her legs.
“Lift up yourself up for a second.” She raised her ass and I slid the towel up under her. “Now, this will probably hurt a bit at first, and you may bleed some, but after that first bit it will feel ten times better than it just did.” She bit her lip and nodded. “Oh, if you need to bite something…” I pulled my shirt off the floor and gave her my sleeve, “Just don’t hurt that pretty lip of yours.” She smiled and nodded again.
I was still pretty hard, but worrying about details had softened the little guy. I rubbed it a moment and moved closer to her pussy. ‘Idiot’ I mentally chastened myself. “I, uh, don’t have any condoms…” I apologized. “Do…do you have any Becky?”
It looked like ten thousand thoughts went through her head in the next few seconds. Puzzlement, shock, dismay, anger, joy, and finally calm determination all played across her face. After a few moments she said, “It’s OK, my mother got me on the pill a few years ago. I was just so eager that I forgot to tell you.”
‘Wheew!’ I almost said. The last thing I needed was more troubles. “OK, that’s fine then. Eccomi. Try to relax and just let it happen as I go. It may be painful at first, but you will begin to enjoy it quickly. Ready?” I grasped my cock and looked into her eyes below me.
She placed the sleeve of my shirt in her mouth and nodded. She looked so cute that I kissed her nose and then lowered myself onto her. I placed my cock across her clit and moved my hips to softly grind the length of it against her wetness and tease her clit with my helmet. We humped for a minute or so, and got back in the mood, with all our worries behind us.
Once I felt sufficiently slickened I pulled back and grabbed my cock once more, this time, aligning the tip with her moistened lower lips. I moved it in between those lips and dragged it up and down, coating it with her sticky juices. After four or five strokes, I prodded the head into her virginity. I moved in just a bit, getting only the head inside, before encountering her sex barrier. I’d never taken a girl’s virginity before, so was actually unsure how hard it would be, but I tried to restrain my own eagerness and pushed firmly, but lightly I’d hoped.
I actually sunk in a few inches easier than I’d expected, but Becky still almost screamed in pain into my shirt. She shuddered and tears welled up in her sown-up eyes. I started to withdraw a bit, but that only seemed to make it worse, so I locked my arms and just held on while she coped. After a minute she began to calm down and she reopened her eyes and released my shirt from her mouth. “Oh, you’re gigantic inside me,” she gasped.
“We can stop it you need me to…” I offered, but I knew it sounded disingenuous because I wanted it to much.
“No!” she said boldly. She then put her hands to my hips and moved to pull me in deeper.
I resisted her a bit, but left myself sink deeper into her freshly deflowered sex. I didn’t get more than a few more inches in and waited for her to catch her breath a bit. "OK. The worst is over, but when I start moving it will still be sore and raw. I promise it will begin to feel good, but it may be a bit before the pleasure takes over. Ready?”
She gave me her answer by pulling my head to hers and kissing my strongly on the lips. After a brief but vigorous tongue battle I moved back to my thrusting position, arms strait, and all my upper torso weight coming down on her pelvis. She groaned and her cute face twisted with pain and I hoped some pleasure. I couldn’t help but admire her big breasts, flattened with her on her back, making them look even bigger.
I pulled my cock back slowly an inch, then rocked back into her an inch, not trying to advance until her insides adjusted to my thickness. It looked like it hurt her, but she tried hard to smile and keep her eyes open, staring into mine. I reached one hand to her breasts and massaged it, trying to distract her with pleasure from another source.
I glanced down as I pulled out a bit and saw that my cock was coated with a layer of bright red blood, but also her thick sticky white girl-cum. I moved back in, trying to get a little deeper into her virginally tight love tunnel. As I continued in and out, making fractions of inches progress with each thrust, I could tell that each advancement brought her more pain, but also pleasure. After a few minutes I felt the last resistance give way and sank fully inside her. I was now throbbing hard, with the perverse pleasure of blooding her somehow really turning me on. My tip reached the bottom of her tunnel and pressed against her cervix, then entrance to her womb receiving its first visitor.
The pressure and tightness were unbelievable, as she also felt me reach bottom, and clamped tight on me with renewed vigor. God that felt good and I was worried that I would cum then and there for just a moment. I held on and took a deep breath. She eased up after a moment and giggled, sending cute shock waves through my body as I actually felt her laugh from the inside. “I can feel you’re heartbeat inside me,” she whispered.
That made me throb again, and she squeezed as my head pulsed inside her, sending a strong squirt of my precum into her depths. I knew I wouldn’t last long once we really started. “Becky, I’m sorry, but you’re just too much for me and I’m sure I’ll cum before you do again at this rate.” I moved to pull out and planned to work her up with my fingers some more, but she twisted her legs up and those flexible cheerleader hips to wrap me up, holding me in.
“I need this, please…” she begged me with lust, desire, sadness, and worry all on her sweet face at the same time. I smiled and nodded, but she just kept on holding me tightly, desperate to prevent me from escaping. I had no choice but to begin moving slowly in her bloody channel, out and in, again and again. I grasped her hips and forced myself more and more forcefully, with my weight on top of her.
Wrapped up as I was I never got very far out of her, and couldn’t move very hard, but still with the whole situation, it took only moments from when I allowed myself free reign with her body until I’d felt the earth-shattering pleasure rumble through my bones. My hips convulsed of their own will and I drove deeper inside her more forcefully than I’d thus far, stabbing at her cervix with my love spear. Freezing with shuddering joy my engorged manhood throbbed and pulsed inside her, blasting strait into her virgin womb, emptying a month’s worth of my pent up sperm into her womanhood.
She shrieked and clawed at my back, but I was lost in my own throws of orgasm. I felt like I’d never cum before as I continued to send shot after shot of my swimmers deep inside my young lover. I felt like it would last forever, and even after the many large spurts had been deposited, I continued to pulse and throb out more and more of my jism for almost a minute, with the shuddering convulsions from my softening penis, filling her raw and bleeding vagina.
My eyes were still shut and I opened them to the blurry bright world again as I rolled out from between her legs and slid to spoon with her on her small twin bed. She moaned with contentment, “It’s so hot. I’m so full of your love.” She smiled to me and kissed my lightly on the lips. We snuggled and I drifted to sleep holding this young beauty to me, feeling content and blissfully happy.
When I awoke, maybe an hour later, Becky’s cute blonde hair was in my face and she was asleep on my chest. I wanted to wake her and take a shower, but I couldn’t bring myself to do it. Instead I just twirled her smooth blonde hair in my fingers. This did wake her after a few minutes, and she looked up at me, “Morning my love.” It was just so cute that I had to kiss her again.
“You mother wants us to shower and have dinner together.” Le ho detto. She smiled and then groaned as she started to move. She finally saw the towel and our love puddle, and the blood and cum covering my cock and her groin. She was shocked and I told her, “It’s OK, it won’t always be this way, but the first time is sometimes like this.” I tried to say it confidently, but since I’d never taken a girl’s virginity I hoped it was true. Changing the subject I said, “I’m going to take a shower.”
I got up and moved naked out toward the bathroom across the hall, and could have sworn I’d heard footsteps on the stairs, so moved in quickly and shut the door. Even though I’d just deflowered her daughter at her insistence, I couldn’t help the instinctual reaction of being caught. I turned on the shower and got in. I looked for a bar of soap, but could only find some body-wash. I laughed to myself that only women lived her, so of course there wouldn’t be a simple bar of soap.
I started washing up when I heard the door open. Freezing, I peeked out the curtain. Becky, having cleaned up a bit with the dark towel, dropped it in a laundry hamper in the bathroom, and smiled at me. “Need someone to wash your back?” she asked, and her still naked breasts stared at me under her happy face. I couldn’t respond to that, and she squeezed her way into the small shower behind me. “Oh, I’m sorry, looks like I got a little carried away.”
Not sure what she was referring to her fingers traced a few small sores on my back where she’d dug into my flesh. None were deep enough to bleed thankfully, but she’d left eight little red marks on me, four per side. Using the body-wash I was using, she moved her hands up and down my bare back. She started carefully at the top where my new marks were, and moved lover and lower, finally coming to squeeze and rub my ass checks.
I was really enjoying her caresses and soaked them up with the hot water coming down on my face and shoulders. Her small hands then turned me around and she restarted her washing of my body at the top once more, shoulders, chest, stomach, and then lower. I was relaxed, but as she moved down I could help but think about where her hands would reach in a minute. My soft cock, while only a fraction of its size when it was hard, was still not tiny, and when I opened my eyes, even while she was washing me, her eyes were locked onto my groin. That alone made it twitch once as the valves in my body reopened, shunting blood to begin flowing down my shaft once more.
By the time she’d washed down to my hips, my soft cock was already twice its former size, but still only half its fully hardened length. She watched over it with awe and continued washing my there as well, on top, underneath, including by balls, and added in strokes along my shaft, using some of the hand maneuvers I had so recently taught her. I had no choice but to just enjoy it and only mere moments later I was up to flag pole status once again.
Becky giggled, then stood and gave me a sly look as she brushed her hips against my hard schlong, saying, “I think it’s your turn to wash my back.” I squirted more body-wash on my hand and applied it to her shoulders and moved them up and down her back and once more grabbed that tight ass of hers. I couldn’t resist teasing her the same as she had just done and slid my hand between her cheeks, poking her asshole with my fingers as I roughly squeezed her ass cheek.
She threw back her head into my chest, pressing her back into me from the playful shock. This let me get a wonderful gaze down her cleavage, so I moved my soap covered hands to cup her beautiful breasts and kneed them in my hands. She moaned and allowed me to enjoy playing with her large young breasts for several minutes before she said, “I think I’m clean up there now, but I’m still ‘dirty’ down ‘there’. She said with an evil grin, emphasizing her words with a slow growl, and then she bent forward at her hips, and placed her hands on the shower soap shelf at the back of the shower.
I was pressed back, her ass against mine and she wiggled her hips, rubbing my cock up between her butt checks. Then she moved back forward and looked over her shoulder, waiting for me to make the next move. The water was falling hot and warm across her back, wetting her hair and running down that fine ass. My fingers quickly found their own way between her legs again. She wasn’t as jumpy this time, having been ravaged so recently, but still was new to this so squirmed a little at my probing fingers.
I rubbed her already hard clit again, and this time slid my middle finger up her coochie. “Ohh…” she moaned, loving the feeling of being filled again. I moved it around, stirring up her juices stretching her tight little twat open again. She moaned again, this time saying, “Please...”
“Please what?” I smiled, asking innocently, not letting up my manipulations of insides.
“I want to feel you in me again…” she half whispered, half moaned.
It was stupid and corny, and I knew it could wreck the mood as soon as I said it, but my brain could stop me from saying it. “You didn’t frame it in the form of a question.” God, what a dorky and bastardly thing to say as I rubbed her clit hard with my thumb.
She shrieked with pleasure, knees twisting and almost screamed. “Eeeee! Please Mr. Font! Won’t you fuck me again with your big cock again?!” My cock grew even harder having her this way. I grabbed firmly to her thin hips, lined up my cock with her soaking wet cunt and drove it into her from behind. “AHHH!” Becky shouted as I speared her once more, but this time wasn’t a gentle and erotic build-up, it was a raw and forceful lust-driven frenzy.
I don’t know what had changed, but I felt so powerful taking this wanton little thing. I wasn’t soft and loving; it was fast and almost brutal. I slammed my meat into her hard and fast, again and again. She was moaning, squeaking, and even screaming her pleasure. There were no words, just animal passion escaping her lips with each of my thrusts. I was lost in the moment, without any conscious thought, I was an animal. My legs only purpose was to let me stand, my arms and hands for holding her young hips for dear life, and my hips and cock for thrusting into her velvety pussy.
I lasted a lot longer in her this time, since I’d already come once earlier, and hadn’t had as much foreplay this time, but all too soon to my liking I swelled and bucked hard, driving my giant dick back into her deepest depths. I felt like I bust a nut as my swollen gland tightened, every muscle in my body contracted, and I erupted white hot lava into Becky’s tight cunt. That was enough to set her off as well and she convulsed and almost fell as her cunt clamped down on my spewing volcano. Her vaginal muscles worked hard, squeezing out every drop of my love sauce and sucking it up into her womb.
I held her up from collapsing with my still rock hard cock and an arm around her waist. Slowly my softening member slid out of her well lubricated channel, dripping my salty jism down her legs, the shower washing it away, and turned her around so I could hold her properly in my arms. We just stood there in the hot water, breathing, and sharing a long slow kiss.
Suddenly I felt a stab of icicles on my back and yelped and quickly reached for the water controls. Becky squealed as well once the cold water started to spray her face and tits with its icicles. I turned it off, but with us trying to get out of the water, both of us exhausted and dizzy, we tangled in the shower curtain and tore it from the rod and fell into a wet pile of bodies and latex.
I quickly checked to make sure she was OK, but she just erupted into laughter. Her golden and pure laughs broke my concern and I laughed as well. We wore ourselves out laughing and then slowly extracted ourselves from the tangled and torn latex curtain. We toweled off, with only a minimal amount of playful caresses and kisses, and then returned to her room. As soon as we got there the phone in her room was beeping.
She glanced at the phone and pressed a button, and read a text message she had waiting for her. “Mom says diner is ready and to hurry because we will have company soon.” I gulped, knowing that it would be bad to be caught this way with anyone else in the house so I threw on my clothes and noticed the wetness on my sleeve. I looked to Becky and she said, “I have a hair dryer under the bathroom sink.” I went back in, placed the curtain in the shower, and took out the hair dryer and used it on my bitten-on sleeve and also my own hair.
Once I was presentable to myself in the mirror I came out and saw Becky waiting at the door. Her hair still wet, but now dressed in a respectable dark blue shirt and jeans. She smiled and led me downstairs. When we reached the kitchen there was a note from Becky’s mother to set the table and do some other prep chores for dinner since she had to step out to get something. I helped her with the silverware and plates, and the turkey in the oven smelled great. I was famished due to the workout I’d just been through.
When we were done we sat on the couch and relaxed. She sat in my lap and hugged me, “I knew that you were the one. That was beyond amazing.”
“Thank you, or… your welcome,” I fumbled over my words. Even my wife when we were young never thanked me for my lovemaking, but then again, I’ve had over a decade to practice since then, but it usually had become more routine in the last few years, and non-existent in the last few months of her pregnancy.
I heard the door open and looked wide eyed at Becky, who obliged and slide off my lap and sat next to me instead. Judy was talking to another woman as they came down the hall and entered the living room with us. Rachel, my very pregnant wife was trailing behind her. “Rachel!” I said startled and quickly stood up, thinking I’d been set up and that I was a dead man.
“Oh, hi honey, surprise!” She smiled to me and I nervously hugged her inviting arms and gave her a quick peck on the lips. “Judy and I were talking after you called and she said you were already tutoring her daughter and didn’t want to interrupt you when she invited me to diner. I told her I couldn’t drive in my condition, but she offered to pick me up! Isn’t she sweet?”
Playing along like this was all just a game I nodded, “Yea!?! Dolce. What a great surprise.”
“It’s so great to get out of the house and see people!” She turned and went back to talking to Judy again, like I didn’t exist anymore, “I’ve felt like such a prisoner in my own house like this!” she gestured to her distended belly. Oh and you must be Becky!” She waddled over to the teen.
“Pleased to meet you Mrs. Font.” And she held out her hand. Rachel squeezed it politely and squatted to sit by her whe

Storie simili

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

474 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

595 I più visti

Likes 0

La prima notte in cui ha provato l'anale

Ti sei fatto entrare con il mazzo di chiavi che ti ho dato un paio di mesi fa. Li butti sul tavolo, insieme alla tua borsa, cercando di stare zitto. Non sei sicuro se sto dormendo o meno. Lasci tutti i tuoi vestiti sporchi vicino alla lavatrice e sfrecci oltre la camera da letto, nudo, in bagno. Ti ammiri allo specchio pensando anche se coperto dalla sporcizia della giornata, i tuoi capelli sono in disordine, ti senti sexy. I tuoi seni sono vivaci, con adorabili capezzoli nella posizione giusta che darebbero a un coniglietto di playboy una corsa per i loro...

220 I più visti

Likes 0

Le avventure di Jenny e Tory Capitolo. 2

**Avviso finale! Se non ti piacciono gli sport acquatici o la pipì, NON LEGGERE OLTRE! Jenny afferrò la mano di Tory, ridacchiò e la condusse un po' più su lungo il sentiero verso un'area appartata dove Tory poteva fare i suoi affari. Mentre Tory si abbassava lo slip del bikini, Jenny si voltò, ma non prima di aver intravisto il bellissimo cazzo di nove pollici di Tory. Ha immaginato di avvolgere le sue labbra succose attorno a quel meraviglioso cazzo da ragazza e ha sentito il fondo del bikini diventare di nuovo cremoso. Tory lasciò che il suo flusso scorresse e...

524 I più visti

Likes 2

Il medaglione - Capitolo 7

Lunedì sera - Parte 1 Jack Winters era seduto in macchina fuori dalla casa di sua sorella. Non era ancora tornata dal lavoro, ma lui sapeva che Emily e le altre due ragazze erano già lì. Tirò fuori il medaglione da sotto la camicia e gli diede una buona occhiata, pensando a ciò che David gli aveva detto prima. Non so se mi stai davvero cambiando, ma se lo sei, ho bisogno che tu non mi incastri la testa stasera, disse alla pietra di giada. Con un sospiro, aprì la porta e si diresse verso casa. Emily aprì la porta quando...

504 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

511 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

424 I più visti

Likes 0

Kelsey -

Si prega di votare e commentare Prima: Kelsey - No Dad Stop. Prima: Kelsey - Papà che non può succedere di nuovo Prima: Kelsey - Pagare l'affitto Prima: Kelsey – Papà, come hai potuto lasciare che quell'uomo mi facesse QUESTO? Prima: Kelsey – “Papà – questo è davvero MALATO”. Prima: Kelsey – “Questo pazzo. Non possiamo farlo qui. Prima: Kelsey – “Papà. Per favore, NON la cintura. Prima: Kelsey - PAPA', COSA STAI FACENDO CON LA MIA RAGAZZA? Prima: Kelsey - DAD, non farmi entrare in quel raccapricciante negozio di video. Prima: Kelsey – Papà, cos'è un GLORY HOLE? Prima: Kelsey...

409 I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

350 I più visti

Likes 0

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA

LA PRIMA VOLTA DI NATASHA Che Natale sarebbe stato! Emily stava tornando a casa per le vacanze e avrei dovuto sopportare i suoi continui tormenti con me. Sarebbe stata sul mio caso per due cose, 1) non ero vegana, e 2) ero vergine e frequentavo l'ultimo anno delle superiori, il che nella mente di Emily era simile all'ironia totale e totale. Nessuna ragazza bella come me potrebbe essere vergine a meno che non sia stata seriamente incasinata. E, naturalmente, Emily pensava che fossi seriamente incasinato. In primo luogo, andavo in chiesa ogni domenica e suonavo persino nella band, e in secondo...

356 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.