Senza Dio e senza fede 2: capitolo 3

81Report
Senza Dio e senza fede 2: capitolo 3

In un bosco oscuro e dimenticato, i goblin si precipitarono attraverso i cancelli distrutti del castello. Vix lasciò che tutti attaccassero davanti a lui. Doveva assicurarsi che nessun goblin codardo rimanesse indietro per lasciare che gli altri facessero il duro lavoro di combattere.

Vix però si preoccupava poco. I goblin avevano aspettato un mese per prendere d'assalto l'ultima roccaforte dei signori dei goblin.

Finito di pattugliare l'esterno del castello, Vix oltrepassò i cancelli, scavalcando il corpo di un goblin che aveva incontrato un pugnale alla gola.

Sebbene i signori dei goblin chiamassero quel posto un castello, in realtà era solo un maniero abbandonato. Aveva un fossato ma non aveva porte esterne e una torre di guardia in rovina che probabilmente immagazzinava le derrate alimentari. Lo stato della torre non ha impedito a un goblin fedele ai signori di sparargli prima di morire.

Osservando il corridoio polveroso, Vix trovò i signori dei goblin impegnati in un combattimento con un gruppo di goblin. La forza dei lord significava che bastava uno solo di loro per affrontare più goblin. Per questo motivo Vix aveva ordinato ai suoi goblin di non affrontarli mai in un combattimento singolo.

Un ordine che seguirono anche senza il suo avvertimento. Tutti i goblin temevano i signori. Tutti tranne lui.

Correndo attraverso i corridoi, Vix cercò un nemico non occupato. Ne trovò uno dopo che un signore dei goblin infilzò l'ultimo dei tre goblin che lo avevano circondato. Il mantello scuro e logoro del signore era macchiato non solo dal loro sangue, ma anche dal sangue dei nemici del passato. Si rivolse a Vix e sogghignò.

Vix mise il suo lungo coltello all'altezza dei suoi occhi. A differenza delle armi degli altri goblin, la sua era macchiata e scheggiata. Mentre i goblin a lui fedeli saccheggiavano le scorte di signori e sciamani, trovarono un assortimento di armi nuove di zecca che i goblin consideravano come caramelle.

A Vix, tuttavia, piaceva un'arma che mostrasse la sua età. Se è durato così a lungo, allora doveva sapere cosa stava facendo. Sperava che la volontà di sopravvivere lo convincesse.

Il signore gettò da parte il cadavere del goblin con fare sprezzante e si avvicinò a Vix, poi si avventò su di lui, con la spada che puntava verso Vix come una lancia. Vix se lo aspettava. Questo non era il suo primo combattimento con un lord, ma dopo questo combattimento potrebbe essere l'ultimo.

Vix saltò, afferrando una tavola di legno sul soffitto e si fece strada lungo di essa con arti agili. Ringhiando di frustrazione per il fatto che Vix non si fosse lasciato impalare come l'altro goblin, il signore gli lanciò dei pugnali, e non solo con gli occhi. La mano veloce del signore scagliò diversi pugnali, lunghi e sottili. I pugnali si conficcarono nel legno poiché ciascuno mancava Vix che si rifiutava di farsi pugnalare da loro.

Lasciandosi cadere dal soffitto, si preparò ad attivare la sua abilità. Il signore vide un'apertura nella caduta di Vix e di nuovo si lanciò contro di lui, questa volta saltando per intercettare la caduta di Vix. Gli occhi luccicanti, neri e gialli, del signore si strinsero all'imminente uccisione.

Solo che la sua spada squarciasse l'aria vuota. Vix aveva attivato la sua abilità Hop Step per saltare in aria. Con i piedi di Vix sul soffitto, si allontanò con forza per impalare il signore con il suo pugnale.

Entrambi caddero a terra. Vix usò il corpo del signore per attutire la caduta.

Il signore sopravvisse e strisciò via. A differenza del passato, non aveva altri goblin da usare come foraggio e fuggire.

Vix lo guardò strisciare, incuriosito. La lotta finì rapidamente. Si chiese se il suo avversario fosse davvero un lord e non un normale goblin sotto mentite spoglie. D'altra parte, tutti i lord erano così dopo una sconfitta. Debole.

La forza dei signori derivava dall'uso delle abilità risvegliate in loro da una lunga vita di lotta. Sebbene alti, molti goblin che stavano in piedi correttamente e si astenevano dal curvare la schiena riuscivano a raggiungere la loro altezza. La forza di un lord era poco più di quella degli altri goblin e la loro intelligenza era solo passabile agli occhi di Vix. Con le loro abilità, però, potrebbero sopprimere qualsiasi altro goblin.

Vix ha sfruttato questa dipendenza dalle abilità a suo vantaggio. I signori dei goblin usavano le loro abilità a raffica per finire rapidamente un combattimento. Così, quando iniziò l'attacco al loro ultimo rifugio, si impegnarono a combattere la prima ondata di goblin. Adesso non doveva fare altro che ripulire il resto.

Lasciò il corpo del signore e cercò altri con cui combattere, senza preoccuparsi che il signore potesse scappare. C'erano due goblin che facevano capolino da un angolo. Quei tipi aspettavano che i momenti di debolezza venissero allo scoperto. Le urla del signore mentre i due goblin uscivano dal loro nascondiglio per ucciderlo portarono un sorriso cupo sul volto di Vix.

Una volta che la battaglia si è svolta nella direzione giusta, i goblin si sono sparpagliati per il maniero in cerca di bottino. Vix glielo lasciò fare, non avendo l'energia di abbaiare loro ordini. Nel loro stato frenetico, avrebbe dovuto ucciderne alcuni per rimetterli in riga.

La causa della mancanza di energia di Vix proveniva dai corpi ormai senza vita di due sciamani e di un signore che gli avevano teso un'imboscata in un vicolo cieco del maniero. Gli sciamani gli appannarono la vista con una strana illusione mentre il signore attaccava. Sfortunatamente per loro, avevano dimenticato che era a capo di un esercito. Gli eserciti hanno soldati.

Due dei suoi fedeli goblin si avvicinarono di soppiatto dietro gli sciamani e fecero un sorriso sulle loro gole con i loro coltelli.

Quei due goblin ora perquisirono i corpi alla ricerca di oggetti di valore. Krack aveva una variegata collezione di cicatrici sul viso. Di tanto in tanto interrompeva la ricerca per grattarli con le unghie affilate. Solo Vix sapeva che Krack si era sfregiato per sembrare più intimidatorio. Ha funzionato.

Bombarda, non trovando nulla di interessante, si accontentò del mantello del signore. Non si adatterebbe al suo vestito attuale. L'abito che indossava in quel momento era rosa e doveva appartenere a qualche bambina. Tese il mantello per vedere se gli andava bene. A Bombarda piacevano i bei vestiti, non importa dove e come li ottenesse.

Gli strani goblin furono i suoi seguaci più competenti nella sua ribellione contro l'attuale leadership goblin. Una leadership che dopo questo giorno non esisteva più. Quando trovò Bombarda e Krack, avevano già ucciso i loro leader o ci avevano provato. Avevano agito in fretta per garantirsi il nuovo ordine che Vix stava creando. Strani erano, stupidi non lo erano.

Vix si alzò dal corpo dello sciamano su cui era seduto. “Hanno avuto abbastanza tempo per saccheggiare. Se continua così scoppierà un incendio”.

Alla fine Bombarda decise che il mantello non si abbinava al suo vestito rosa e lo gettò di lato. "Niente fuoco, non come l'ultima volta."

Rispose un Krack deluso e a mani vuote. “Ci assicureremo che le cose veramente preziose rimangano al sicuro. Niente fuoco, non come l'ultima volta."

Non avendo trovato nulla per sé, Krack intendeva prendere dagli altri. Vix gli concesse il lusso perché, come suo fedele seguace, Krack aveva la responsabilità di assicurarsi che gli obiettivi della battaglia fossero raggiunti. Ciò lasciò Krack senza tempo per ottenere il bottino come gli altri e la sua vita era in grave pericolo come leader.

Vix indicò la porta con il mento e i due goblin se ne andarono, ansiosi di prendersi la loro parte di bottino e di dare una pacca in testa agli altri mentre lo facevano. Di nuovo sola, anche Vix lasciò la stanza per passeggiare per i corridoi. Alla fine, si imbatté nello studio del maniero.

Con sua grande sorpresa, i libri erano intatti e la stanza in buone condizioni. Gli scaffali erano scarsamente pieni, ma i libri avevano poca polvere che incrostava le copertine. I tavoli erano capovolti e le finestre rotte, ovviamente, ma a parte qualche roditore morto e un angolo maleodorante della stanza, la biblioteca era utilizzabile.

Gli sciamani devono essere rimasti qui. Potrebbero aver sospettato che i libri contenessero magia da studiare, o semplicemente non avevano altra stanza rimasta. Qualunque fosse la ragione, le buone condizioni della biblioteca rallegravano Vix.

Fece scorrere le sue dita verdi lungo i dorsi dei libri e ne trovò uno che lo interessò: Of Gods and Monsters. Lo rimosse con attenzione dagli scaffali e lo aprì, sfogliando le pagine. Sarebbe una sorpresa per gli umani sapere che la maggior parte dei goblin trovava il linguaggio umano facile da capire, solo che i diversi dialetti di quelle lingue li confondevano.

Se i suoi compagni goblin fossero disposti a imparare, potrebbero realizzare grandi cose. Poche creature potrebbero comprendere tutte le lingue del mondo. I goblin potevano dominare il commercio, viaggiare per il mondo, vedere... Vix si fermò. Stava andando troppo avanti. Avevano appena finito di liberarsi dagli Inimi, il commercio con il mondo era molto lontano.

Con suo grande piacere il libro era un’opera storica, non un libro per bambini. In passato, quelli erano i più facili da ottenere perché i villaggi li tenevano per educare i loro piccoli. Questo è ciò che ha dato agli umani potere, conoscenza.

Il libro esplorava le relazioni tra, come suggerisce il titolo, dei e mostri. Proponeva che più degli umani, i mostri mantenessero un legame più stretto con gli dei poiché le molte forme diverse di mostri corrispondevano a quelle degli dei. L'autore ha accantonato le argomentazioni sulla serena presenza degli dei come una questione di percezione, non di natura intrinseca. Se un dio voleva spaventare gli umani, poteva farlo e spesso lo faceva.

Anche se a Vix faceva piacere leggere di una visione così aperta dei mostri, gli metteva un sapore sgradevole sulla bocca il fatto che potesse somigliare in qualche modo agli esseri manipolatori chiamati dei. Per fortuna, prima che potesse darsi una mossa e distruggere il prezioso libro, il volto sfregiato di Krack entrò nella stanza.

"Prigionieri", disse semplicemente Krack.

"Mulch li sta osservando?"

Krack annuì con la faccia sfregiata. Vix corse via, sapendo che se non fosse arrivato in tempo i goblin avrebbero ucciso i prigionieri. La sua politica nei confronti dei prigionieri era di lasciarli scappare. La sua misericordia non era dettata da un grande amore per gli esseri umani, ma da una questione di praticità.

Se i goblin tornassero alle loro vecchie abitudini, dimenticherebbero che l’obiettivo era rovesciare i loro leader violenti, non la morte degli umani. Sciamani e signori offrivano poca violenza per distrarre gli stupidi goblin.

Krack condusse Vix attraverso i corridoi disseminati di corpi di goblin e signori nemici. Ripulire non aveva importanza. Usare lo squallido maniero non attirava molto Vix. Avrebbe preso ciò di cui aveva bisogno e lo avrebbe lasciato alla polvere del tempo.

Raggiunsero una stanza con diverse gabbie. Alcuni pendevano dal soffitto. Una prigione improvvisata. O una stanza delle torture.

I goblin circondavano una gabbia abbastanza grande da contenere un orso, probabilmente il suo scopo originale. I goblin sbavavano e sembravano pronti a balzare verso la gabbia se non fosse stato per Bombarda che li respingeva con il suo coltello ricurvo, apparendo spaventoso nel suo vestito rosa da bambino.

La reazione dei goblin disse a Vix tutto ciò che aveva bisogno di sapere. Dentro la gabbia c'era una donna.

Facendosi largo tra i goblin, si separarono non appena si resero conto che lui era lì. Due donne rannicchiate nella gabbia vestite a brandelli. Una donna aveva la figura di una combattente, probabilmente un'adoratrice della Coalizione catturata. L’altro era… non poteva essere!

"Quello è davvero un capo elfo?" Krack scrutò l'elfo prigioniero da sopra la spalla di Vix.

Essendo molto più vecchio degli altri goblin, Vix conosceva la sua storia. La donna rannicchiata nella gabbia non era un elfo. Quando Vix non rispose, Krack predisse i desideri di Vix e iniziò ad aiutare Bombarda a respingere gli altri goblin.

"Chi sei... elfo?" Vix non le avrebbe fatto sapere quello che sapeva.

Dopo averlo guardato dall'alto in basso, lei rispose. “Mi chiamo Alvina. Vengo da Corpsewood.

I goblin si ritirarono. Vix ha sentito parlare di Corpsewood. Ai suoi tempi era una foresta di scarsa importanza ma da quando era caduto sotto l'influenza del miasma era cambiata. Gli Zombie di Corpsewood avevano fatto a pezzi gli eserciti Inimi che vi erano entrati.

Questa donna avrebbe potuto dirlo per spaventare i goblin ma Vix le credette e volle saperne di più. "Come sei arrivato a trovarti in questa situazione?"

"Come parli?" disse l'altro prigioniero.

“Il trucco di uno sciamano originariamente aveva lo scopo di impedire ai nemici di comunicare. Ho convinto lo sciamano a cambiarne l’uso.” La donna della Coalizione non parlò più, convinta. Si rivolse di nuovo ad Alvina, la falsa elfa. "Risposta."

“Abbiamo sentito della sconfitta dell’esercito Inimi e abbiamo pensato che fosse sicuro recarsi a Ridgehill e scoprire come è avvenuto un simile evento. Poi la mia vista si è offuscata e quando i miei sensi della vista sono tornati, quei goblin dal mantello nero hanno circondato me e le mie guardie.

Non vedendo altri prigionieri, Vix pensò che fossero morti da tempo. "Per cosa ti volevano?" Vix poteva indovinare ma doveva sapere.

“Pensavo fosse per... quello che fate voi goblin. Ma tutto quello che volevano sapere era cosa fosse successo al dio di Corpsewood. Vix attese. "Non te lo dirò."

Sospirò, ma uscì come un grugnito e la donna si ritirò contro le sbarre. Si rivolse all'altro prigioniero. "Allora chi sei?"

Lei rimase in silenzio ma Alvina rispose per lei. "Lei è un cavaliere della Coalizione." Il cavaliere la guardò torvo ma Alvina le sussurrò. “Se non siamo importanti, allora moriamo”.

«Posso ancora sentirti e Alvina ha ragione. Non mi servono gli esseri umani che non possono aiutarmi.

Bombarda imprecò contro un goblin dietro Vix. Vix quasi si dimenticò che fossero lì.

Le scelte erano semplici: lasciarli andare, ucciderli o portare in salvo questi prigionieri potenzialmente importanti.

Ha fatto la sua scelta. “Questi prigionieri sono sotto la mia protezione. Andremo a Ridgehill.

I goblin urlarono e applaudirono, pensando che avrebbero attaccato la città, ma Vix aveva altri piani. Se le cose andassero come previsto, potrebbero uscirne più forti che mai. In caso contrario, beh, allora potrebbe pentirsi della scelta che ha fatto.

Dopo la battaglia, Axel aveva portato Rayner via e al bordello per ricevere cure e nascondersi dagli occhi degli altri. Una tale dimostrazione di potere era una trappola per un esercito. Gli ufficiali riconoscenti della Coalizione avevano accettato di tenere la bocca chiusa sull’intera portata del ruolo di Rayner nella battaglia, felici di prendersi il merito del suo coraggio.

Axel aveva soprattutto bisogno di distendere i muscoli e osservare gli eventi della giornata. La battaglia è nata dal nulla. Nessun rapporto di Evans aveva suggerito che un'orda di mostri così grande e disciplinata stesse arrivando contro di loro. I capi dei tre eserciti non ne avevano idea altrimenti avrebbero preparato difese migliori. Oppure lo farebbero?

In città si parlava dell'assoluto fallimento degli eserciti nel proteggere la popolazione. Non solo furono colti di sorpresa, ma furono anche disuniti e scoordinati. Una voce parlava di una piccola battaglia in corso tra i tre eserciti. Ciò spiegherebbe la mancanza di cooperazione.

Il punto era: nessuno era soddisfatto di come si erano svolti gli eventi.

Solo la rapida azione di tre coraggiosi ufficiali della Coalizione, sostenuti da una squadra disordinata di miliziani e soldati Altan, ha salvato la situazione. Questa è stata la storia che Axel ha raccontato agli agenti e ad altri che hanno assistito alla rissa per spaccio. Se gli fosse stato chiesto del semaforo verde, avrebbero mentito e avrebbero detto che era una benedizione degli dei.

L'ironia di un uomo con il titolo di Faithless a cui viene attribuita una benedizione non è sfuggita ad Axel.

Ha cercato di mantenere il suo spirito. Si è riposato a pancia in giù su un morbido lettino ricevendo un massaggio erotico da una delle ragazze di Grace. La puttana gli infilò le dita morbide ed esperte nella schiena, sciogliendo i suoi muscoli tesi. Lei canticchiò dolcemente mentre lo lavorava e si avvicinò furtivamente alle sue natiche mentre il massaggio continuava.

Rayner si sedette sul tavolo accanto ad Axel e si fece pulire le mani da un'altra ragazza. L'abilità che Rayner usò per sconfiggere i coboldi gli aveva gravemente bruciato il palmo, carbonizzandogli la pelle nera e lasciandolo incapace di impugnare il martello senza un forte dolore. Anche il martello era danneggiato ma, a differenza della mano di Rayner, non poteva essere guarito.

Axel avrebbe preferito parlarne più tardi senza le ragazze presenti, ma se avesse preso tempo, Rayner avrebbe avuto il tempo di trovare delle scuse. "Quando hai acquisito quell'abilità?" Avrebbe potuto dire imparare, ma la maggior parte delle persone usava le abilità a piacimento del dio prescelto. Lui e Rayner giocavano secondo regole diverse.

"Una settimana dopo la ricerca."

“Un'intera settimana! Perché...» Axel si trattenne dalle parole, non volendo urlare. “Perché non me lo hai detto? Non fraintendermi, è stata una piacevole sorpresa ma avrei potuto usare quella conoscenza per fare un piano migliore. Come hai fatto a non perdere i sensi a causa di una simile abilità?"

Invece di rispondergli, Rayner abbassò la testa in segno di colpa e alzò il palmo della mano. Axel scrutò il disegno dei tatuaggi finché non riuscì a leggere le statistiche di Rayner.

Nome: Rayner, Livello: 1, Classe: Barbaro, Mana: 4/60, Abilità: Force Hammer (0,5) Ruggito (1,5) Grido di battaglia (1), Furia (5) Hammer Fall (X) EXP: 60.

Doppio. Il mana di Rayner è quasi raddoppiato dall’ultimo check di Axel. Perfino l'esperienza di Rayner, una statistica che Rayner ha faticato ad aumentare, ha avuto un leggero aumento e Axel sospettava di non averla nell'ultima battaglia.

Ancora non si spiegava come Rayner fosse rimasto in piedi con così poco mana rimasto. Se fosse Axel, sarebbe una macchia a terra.

Strinse lo sguardo sull'amico per dimostrare che la sua spiegazione non era sufficiente.

Sussultando per un punto che la ragazza che si occupava di lui aveva interrotto, Rayner alzò il mento per spiegare. "Sono uscito tutti i giorni."

Axel alzò la testa confuso. “Evans effettua queste pattuglie solo poche volte a settimana e a turni, in modo che nessun gruppo vada più di due volte a settimana al massimo. La distanza che percorrono non lo consentirebbe comunque, almeno non a piedi.

"Ci sono andato da solo."

Axel sbatté le palpebre. Poi rimase a bocca aperta.

È così che Rayner ha sviluppato una resistenza all'esaurimento del mana. “Ho capito bene, stupido stronzo? Stai cercando di morire, eh?"

La rabbia balenò sul volto di Rayner. "Sto bene. Quelle famiglie che ti sei lasciato alle spalle, non così tanto.

Aveva poco a che fare con ciò di cui avevano discusso. Il commento è stato sparato per ferire ed è rimasto profondo.

Il volto di Axel si contorse in un miscuglio di emozioni prima di stabilizzarsi su uno sguardo vuoto.

Axel poteva vedere che Rayner voleva scusarsi, ma tenne a freno la lingua. L'orgoglio lo ha messo a tacere. Axel pensava che un'emozione del genere fosse estranea a Rayner. Forse sapeva che le scuse adesso non sarebbero arrivate ad Axel.

Le ragazze, a loro merito, hanno continuato come se i due amici non stessero litigando, concentrandosi invece sui loro doveri.

La rabbia di Axel si dissipò quando la ragazza suscitò in lui dei gemiti quando sciolse uno stretto nodo di muscoli al suo fianco. Allo stesso tempo, l'assistente di Rayner ha usato la sua abilità: Stitch, per cancellare accuratamente ogni segno del suo lavoro medico.

Madame Grace scelse quel momento per entrare nella stanza. "Le ragazze si stanno comportando secondo le aspettative?" Lo fece come una domanda ma conosceva la risposta, la sua massaggiatrice scelse quindi di stringergli le spalle finché non gemette un sì.

Le ragazze, intuendo che la loro signora voleva restare sola con i ragazzi, uscirono dalla stanza. Ora solo con Grace, Axel la guardò e notò alcuni cambiamenti. Era più stravagante del solito. Il suo vestito scollato rivelava più scollatura. Le parti esposte del suo seno si fermavano proprio nel punto in cui i suoi capezzoli sarebbero stati scoperti e disegni floreali rosa scuro erano sui bordi del suo vestito scuro come la pece. Continuava ad accarezzarsi i folti capelli appesi dietro la nuca invece che raccolti in una crocchia.

"Hai un appuntamento, Grace?" Axel alzò la fronte in modo suggestivo.

Rayner gli rivolse uno sguardo di rimprovero. Bene. Farebbero finta che la loro discussione non avesse avuto luogo.

"Sì."

"Noi?" Rayner ha detto.

“Il consiglio comunale di Ridgehill si sta riunindo. Sessione d'emergenza, stasera. Vi ho invitati entrambi."

"Si tratta della battaglia?"

“Certo, si tratta della battaglia. I primi numeri stanno arrivando ed è a dir poco triste”.

Axel si alzò dal comodo tavolo. "Quanti ne abbiamo persi?"

Grace sembrò sorpresa che fosse stato Axel a chiederlo invece di Rayner. Cercò di non fermarsi a pensare cosa significasse che lei pensasse a lui. “Circa un quarto di tutti gli eserciti sono morti o feriti. Un terzo dei seguaci del campo morì. Sono stati difesi finché qualche codardo non li ha lasciati indietro”.

Lo stomaco di Axel si ripiegò su se stesso. Era lui quel codardo.

“Doveva essere fatto. Gli ufficiali dovevano essere salvati per vincere la battaglia”, ha detto Rayner. Erano ancora amici e lui continuava a difenderlo.

Grace si rese conto di quello che era successo e arrossì. Aprì la bocca per dire qualcosa, poi la richiuse.

Qualunque cosa. E se la gente lo giudicasse? Cosa stavano facendo quando tutto si trasformò in rivolta e rovina?

Ha agito.

Ha fatto una scelta.

E un terzo delle donne e dei bambini morì.

"So che non vuoi andare adesso." Lo guardò mentre lo diceva. “Tuttavia è nei vostri contratti. Questo incontro è essenziale per la sopravvivenza di Ridgehill e del mio bordello." Il suo tono indicava cosa era più importante. “Abbiamo bisogno di una nostra soluzione a questo disastro e di modi per prevenirli in futuro”.

Una volta che Grace se ne fu andata, Axel chiese a Rayner: "Fa parte dei nostri contratti?"

Rayner alzò le spalle prima di sdraiarsi sul tavolo. “Non lo so. In caso contrario, lo sarà entro la fine della notte.

E così Rayner si è dimostrato corretto. La ragazza della sua prima notte al bordello fece nuovamente visita ad Axel dopo una lunga assenza, sussurrandogli parole di conforto. Gli accarezzò il cazzo finché lui non si avvicinò alla sua mano agile. Lo ripulì rapidamente e se ne andò. Si sentiva come una mucca preferita da mungere tempestivamente piuttosto che come un cliente stimato.

Lei però è stata efficace e lui si è riposato facilmente. Ma sapeva che le notti successive sarebbe stato tormentato dagli incubi. Incubi di famiglie che chiedono aiuto mentre Axel mostra loro le spalle.

Storie simili

L'Harem di Rogue Libro 1, Capitolo 2: Il divertimento birichino di Catgirl

L'Harem del Ladro Libro uno: Le donne sensuali di Rogue Parte seconda: il divertimento birichino di Catgirl Di mypenname3000 Diritto d'autore 2017 Capitolo quattro: Desideri realizzati Sven Falk – Colline di Despeir, Principato di Kivoneth, Terre della Contea di Zeutch Non ero mai stato più sbalordito in vita mia mentre guardavo le labbra della figa di mia sorella spalancate dalle dita birichine di Zanyia. Quel tunnel rosa e scintillante, che si fletteva e si contraeva mentre mia sorella si dimenava sotto la lamia, mi fece cenno. Per tanti anni avevo sognato di scivolare nel suo tunnel, lottando contro il desiderio tabù...

201 I più visti

Likes 0

L'umiliazione ipnotica di Subby Hubby

È furioso quando scopre che sua moglie scopa con un perfetto sconosciuto in casa loro, ma poi lei cambia idea al riguardo. Letteralmente. ******** Sono tornato a casa dopo il lavoro e li ho trovati che scopavano sul pavimento del soggiorno. Mia moglie e un ragazzo che non conoscevo. Era in cima. Ricordo i suoi talloni e le dita dei piedi sospesi in aria mentre il suo sedere si fletteva e lui la pompava. Che CAZZO, ho detto. Il ragazzo si guardò alle spalle e mi sorrise. Poi vide la mia espressione e il suo sorriso se ne andò. Mia moglie...

193 I più visti

Likes 0

Six-Mile High Club capitolo 8

Six-Mile High Club capitolo 8 Poiché si stava facendo tardi e dovevano essere a casa di Tomiko per cena, si vestirono e lasciarono la scuola. Guidava in modo molto simile al tassista che aveva portato Miyoko e Michael dall'aeroporto all'hotel. All'improvviso Tomiko si fermò in un parcheggio, spense il motore e scese dall'auto come se fosse in una gara di Stock Car, e dovette fare un pit-stop, con solo la dichiarazione, Aspetta qui. Torno subito. Ha attraversato il parcheggio ed è entrata in un drugstore. Tre minuti dopo lei tornò con un piccolo pacchetto e ripartirono. Cosa c'era di così importante...

222 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

289 I più visti

Likes 0

Fine settimana alternati: Parte 2

Jason era seduto sul divano a guardare la TV quando la porta d'ingresso si aprì. Mandy passeggiava con un aspetto più che un po' strano. I suoi vestiti, che erano ovviamente nuovi di zecca e un po' succinti, erano bagnati di rugiada. Naturalmente, non sapeva che fosse rugiada e pensava semplicemente che fosse passata attraverso un irrigatore o qualcosa del genere. Cosa ti è successo? chiese. Il suo tono rivelava che non gli importava davvero. A quanto pare ho lasciato la macchina di papà in movimento, ha risposto. Non aveva idea di quanto tempo prima lui l'avesse abbandonata sul prato davanti...

357 I più visti

Likes 0

Jimmy, il ragazzo della porta accanto

Gah, il college è ridicolo! Sono così pronto a smettere. Taylor Green aprì la porta della sua stanza del dormitorio e la sbatté drammaticamente. Max, il suo compagno di stanza alzò lo sguardo dal libro che stava leggendo per fissarla. Amico, lo dici sempre ogni settimana. Taylor sbuffò e si passò le dita tra i capelli neri lunghi fino alle spalle. Sì, ma questa volta sono serio. Oggi è venerdì, ma ho 3 compiti da consegnare tutti nello stesso giorno della prossima settimana, un test da portare a casa e altri 3 quiz. Giuro che questo carico di lavoro mi ucciderà!...

295 I più visti

Likes 0

Per un

Per un Forse dovrei spiegare. Si tratta di un resoconto di vita reale, aggiornato e coinvolgente, che coinvolge persone reali che, per molte ragioni, sarebbero vulnerabili sia nella loro vita professionale che personale se troppi dettagli fossero resi pubblici. Sono sicuro che tu, il lettore, perdonerai la mancanza di nomi o dettagli accurati sulla posizione. Chi mi conosce bene probabilmente riconoscerà alcuni aspetti e magari farà due più due. Dovrò occuparmi di questo, se e quando arriverà il momento. La mia reputazione, sebbene importante per me, è un po’ meno importante da considerare rispetto a quanto lo sia la “A” per...

166 I più visti

Likes 0

Sedotto, trasformato e dominato

Ho 27 anni e fino ad ora ho condotto una vita onesta. Sono considerato di bell'aspetto e ho avuto ragazze bellissime per tutta la mia vita. La mia carriera, la salute e la vita sociale sono state molto buone. Si potrebbe dire che sto vivendo una vita perfetta. Sono magro, 30 di vita, 44 di petto - mi alleno molto, ho un pene di 7 di taglio. Ho una vita molto appagante sotto tutti gli aspetti tranne uno. Fin dalla tenera età ho avuto un'immaginazione molto attiva e voglia di essere sedotta da un ragazzo, ma non ho mai avuto un'esperienza...

201 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

1.3K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

793 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.