Six-Mile High Club capitolo 8

221Report
Six-Mile High Club capitolo 8

Six-Mile High Club capitolo 8

Poiché si stava facendo tardi e dovevano essere a casa di Tomiko per cena, si vestirono e lasciarono la scuola. Guidava in modo molto simile al tassista che aveva portato Miyoko e Michael dall'aeroporto all'hotel. All'improvviso Tomiko si fermò in un parcheggio, spense il motore e scese dall'auto come se fosse in una gara di Stock Car, e dovette fare un pit-stop, con solo la dichiarazione,

"Aspetta qui. Torno subito."

Ha attraversato il parcheggio ed è entrata in un drugstore. Tre minuti dopo lei tornò con un piccolo pacchetto e ripartirono.

"Cosa c'era di così importante, Tomiko?"

"Il mio Sensei mi ha parlato di un depilatorio che viene utilizzato principalmente per rimuovere i peli pubici. Quando mi sono rasato, non sembrava così liscio come avresti potuto desiderare."

Arrivarono a casa sua in quarantacinque minuti netti. Quando entrarono nella sala da pranzo, la madre di Michael era seduta a tavola e beveva un bicchiere di vino.

"Mi dispiace, siamo in ritardo, zia, mio ​​padre è arrabbiato?"

"Non saprei. Lui non è qui e nemmeno tuo zio. Beh, suppongo che non ci sia motivo di aspettare ancora per la cena." Disse in tono scontroso.

Fece segno alla cameriera e le disse di cominciare a servire la cena. La cameriera servì per prima Michael, a causa dell'usanza giapponese che lui fosse l'uomo. Era una specie di zuppa di pesce.

"Spero che ti piaccia Michael-san." Disse la giovane cameriera sorridendo e sbattendo le ciglia.

"Non gli piace il pesce, di nessun genere. Portatelo via... subito." Disse Tomiko, con un ringhio, facendo sapere alla cameriera che per lei era vietato.

"Sì, mutilato. Mi dispiace, non lo sapevo."

"Fallo e basta." disse Tomiko, guardandola accigliata.

"Sì, mutilato."

Poi mise la zuppa davanti a sua madre. La cameriera corse di nuovo in cucina e tornò con un po' di zuppa per Tomiko e un'insalata per Michael. Mangiarono in silenzio, a parte i continui brontolii della madre. Michael fu sorpreso; come ogni tanto sentiva la Madre pronunciare una parolaccia, maledicendo il Padre per essere stato così insensibile.

Circa a metà dell'insalata e molto carina; vino bianco corposo; sia lo zio che il padre di Michael entrarono dalla porta principale ridendo di qualcosa che non era un privilegio per il resto della famiglia.

"Grazie per avermi chiamato e avermi fatto sapere che saresti arrivato in ritardo, caro." disse sarcasticamente la madre di Michael al padre.

"Mi dispiace, ho perso la cognizione del tempo."

"Oh bene, la cena è pronta." Disse suo zio. "Mangiamo fratello, sto morendo di fame."

Dopodiché mangiarono in silenzio. Al termine della cena, Michael si scusò, augurando a tutti una buona serata, e uscì di casa attraverso la porta del giardino. Quando arrivò nel nascondiglio in cima alla collina, Tomiko uscì dal bagno, indossando un paio di mutandine di raso nero, una maglietta con scritto "PARTY GIRL" e delle calze alte fino al ginocchio. Lei lo abbracciò e disse:

"Michael, pensi che la cameriera che ci ha servito la cena sia carina?"

"Non l'ho guardata," disse, con una piccola bugia sulle labbra. "Non ricordo; perché?"

"Penso che dovrò dire a mio padre di licenziarla."

"Perché dovresti farlo?"

"Penso che le piaci, Michael."

"Non fare così, Tomiko. Non provo alcun sentimento per lei. Quella povera ragazza sta solo cercando di accontentare tutti. Non sei così cattivo, vero?"

"No... ma se mai ti guardasse ancora in quel modo... beh diciamocelo: sarà l'ultima volta."

"Di gelosia per una ragazzina così dolce. Non farlo. Per me sei l'unica ragazza al mondo; onesta."

"Non dirò niente a mio padre, ma solo per te... Michael. Ti piacciono le mie mutandine?"

Iniziò a strofinarsi contro di lui come un gattino in cerca di affetto. Abbassandosi, gli strofinò la mano contro la zona inguinale. Quando il suo pene cominciò a diventare duro, lei disse:

"Mmm, ti piacciono le mie mutandine."

Gli prese la mano e lo condusse in camera da letto. Lo fece stare accanto al letto e si inginocchiò sul pavimento davanti a lui. Dopo aver abbassato i pantaloni e la biancheria intima, Tomiko, iniziò ad accarezzargli il cazzo. Poi lo spinse indietro delicatamente finché non si fu seduto sul lato del letto. Posò la bocca sul suo pene, succhiandolo forte.

Michael era quasi pronto a venire, quando sentirono qualcuno bussare alla porta d'ingresso. Tomiko gli ha detto di rispondere e di non far entrare chiunque fosse nel bagno. Michael si tirò su i pantaloni e si infilò la maglietta, camminando lentamente verso la porta, aspettandosi il peggio. Quando aprì la porta, trovò sua madre che piangeva.

"Cosa c'è che non va, mamma? Perché piangi?"

"Tuo padre mi ha così sconvolto."

Entrò e si avviò verso il bagno.

"Mi servono dei fazzoletti, Michael."

"Ce ne sono alcuni sul tavolino accanto al divano. Vieni qui e siediti."

Proseguì raccontandogli che suo padre era cambiato molto da quando erano arrivati ​​in Giappone. Sospettava che potesse avere una relazione e voleva che Michael lo seguisse. Le spiegò che non sarebbe stato una spia per lei, o per suo padre, se è per questo. Non era il tipo di figlio che si lascia coinvolgere nelle controversie coniugali dei suoi genitori.

Michael le suggerì di affrontare suo padre con i suoi sospetti e di parlarne. La conversazione andò avanti per un'ora, finché la madre non se ne andò. Quando bussò alla porta del bagno, Tomiko sbirciò fuori.

"Se n'è andata?"

"Si Finalmente."

"Dai Michael, andiamo a letto. Mi fa male il sedere perché mi sono seduto sulla dura tavoletta del water. Per favore, massaggialo."

Si misero a letto. Tomiko giaceva a pancia in giù e Michael le massaggiava il sedere come richiesto. Mentre la sua mano scivolava sulle collinette perfette, a volte un dito scivolava tra le sue guance, toccandole il buco del culo e più in basso fino alle labbra gonfie della vagina. Lei gemette e sollevò i fianchi per stabilire un maggiore contatto.

Facendo scivolare un dito nella sua figa, sentì che era bagnata e voleva di più. Muovendosi sopra di lei, fece scivolare il suo cazzo nella sua vagina. Lei girò la testa e lo guardò sorridendo, un sorriso inspiegabile. Era calda e disposta a fare tutto ciò che voleva. Tomiko era la compagna perfetta, anche se era sua cugina.

"Oooooo, sei così buono per me." Lei gemette, mentre veniva a spruzzargli la zona inguinale con i suoi succhi.

"Sei perfetto anche per me. Non avrò mai più un'altra donna in vita mia."

Dopo che lei venne di nuovo; la teneva stretta. Sdraiati uno accanto all'altro, si guardarono profondamente negli occhi.

"Non possiamo più fidarci della privacy di questo posto, Michael. Dovremo trovare un posto più appartato. Lo vedremo domani. C'è un bell'albergo chiamato Sabashi Omi Hotel a Osaka. È fuori mano, e non è troppo costoso.

Molte delle mie amiche a scuola portano lì i loro amici uomini. L'impiegato diurno non fa domande e io prenderò accordi. Penso che dovrei andare adesso. Ci vediamo domattina."

Lei si chinò e gli diede un bacio lungo e persistente. Michael le toccò le tette; poi fece scivolare una mano sulla sua figa gocciolante. Mentre si baciavano e lui la toccava, lei disse:

"Beh, immagino di non dover andare... per il momento."

Mentre lui era sulla schiena, lei gli strisciò sopra e si adagiò sul suo cazzo, scivolando giù lentamente, mentre scompariva nella sua vagina. Si muoveva come una bambina su un cavallo a dondolo di legno, ma molto lenta e molto metodica. Chiuse gli occhi mentre si chinava e gli metteva le mani calde sul petto. Michael allungò la mano e prese entrambe le tette tra le mani, stringendole.

Iniziò a muoversi un po' più velocemente, mentre l'intensità tra loro cresceva. Ci volle quasi un'ora per raggiungere un picco di totale eccitazione sessuale, e ora lo stava cavalcando come una stella del rodeo che cercava di rimanere sul suo destriero.

Sentendo lo sperma accumularsi nelle sue palle, lui le afferrò i fianchi e spinse il bacino verso l'alto, impalandola e facendola gemere. Gli occhi di Tomiko erano ancora chiusi, e tutto tranne la sua ricerca dell'orgasmo era escluso dalla sua mente.

Dalla sua angolazione poteva vederla muoversi molto velocemente su e giù, mentre la sua figa racchiudeva il suo pene, poi si muoveva verso l'alto quasi lasciandolo sfuggire alla sua calda e umida prigionia. Continuò così per molti altri minuti, finché lui non fu testimone di un fiotto di sperma, che gli colò lungo il cazzo, sul suo inguine e sulle palle. Era meraviglioso, ma non era il suo sperma. Tomiko ebbe un orgasmo tumultuoso, e cadde in avanti sul petto di Michael, respirando come se fosse arrivata terza nella maratona di Los Angeles.

Lei non si è mossa. L'unico modo in cui poteva sapere che era ancora viva era il suo respiro e la vibrazione della sua vagina attorno al suo cazzo. Faceva fresco ed erano entrambi bagnati, così li coprì con le coperte. Michael sapeva che lei non voleva restare fino al mattino, quindi rimase sdraiato a guardare l'orologio.

Dato che non era ancora venuto, il suo pene era ancora duro e si rannicchiava in profondità nella sua figa. Lentamente mosse i fianchi verso l'alto, scopandola lentamente. Non ci volle molto prima che spingesse più forte che poteva nel tentativo di portare un po' di sollievo alla sua lussuria repressa. Lei finalmente si svegliò e cominciò a muoversi più velocemente, aiutandolo a scoparla.

"Michael... Oh... Michael... lo fai così bene per me. Per favore, non lasciarmi mai. Non potrei andare avanti, ora che so perché sono nato."

Alla fine è successo. Venirono entrambi nello stesso momento, stringendosi l'un l'altro in un impeto di passione e lussuria, mentre i loro fluidi si mescolavano nella sua vagina.

La bocca di Michael era sul suo collo e la succhiava mentre lei emetteva un grido quasi impercettibile. La tenne stretta tra le braccia, mentre il suo pene flaccido scivolava lentamente dalla sua stretta vagina.

"Noooo. Non tirarlo fuori ancora." Gli sussurrò all'orecchio, la lingua che seguiva le sue parole, perforandogli l'orecchio nel debole tentativo di suscitare ancora una volta l'eccitazione di Michael. Non era del tutto soddisfatta e lui avrebbe fatto di tutto per non deluderla.

Michael si allontanò da lei, ignorando le sue lamentele. La fece girare sulla schiena e poi si spostò rapidamente tra le sue gambe, mettendo la bocca sulla sua figa e cominciò a succhiare forte. Il suo clitoride era gonfio e più grande di qualsiasi altro avesse mai visto. Doveva essere lungo mezzo pollice e molto rigido, come un minuscolo pene. Il suo tumulo era privo di peli e scivoloso a causa dei loro fluidi. Michael avrebbe usato un po' della sua magia e sapeva che lei era pronta per lo spettacolo.

Ci sono voluti solo tre minuti perché Tomiko venisse di nuovo. Il suo viso sembrava come se fosse immerso in un temporale dei suoi deliziosi fluidi. Il dolore da dove gli stava tirando i capelli; era stranamente soddisfacente perché sapeva che la stava facendo sentire meravigliosamente.

Dalle esperienze passate, Michael era consapevole di essere sull'orlo di una svolta sessuale che l'avrebbe fatto desiderare per sempre. Continuò a succhiare e leccare finché non sentì uno schiocco nella sua vagina, che ricordava il climax di Miyoko. Poi lasciò andare i suoi capelli e ricadde nel morbido cuscino, con le braccia che cadevano di lato prive di forza.

Si alzò dal letto e andò in bagno a prendere un asciugamano. Dopo essersi asciugato, tornò da lei e asciugò il suo splendido corpo. Lei non si è mossa. Era l'una del mattino prima che il suo piccolo compagno d'amore riprendesse finalmente conoscenza.

"Che ore sono Michele?" gemette.

"Un po' dopo l'una."

"Immagino che sia meglio andare." Disse con riluttanza.

"Probabilmente è una buona idea."

Si sedette sul bordo del letto, guardando il pavimento, con le mani appoggiate sulle ginocchia. Pochi minuti dopo si alzò, vacillando un po', poi entrò lentamente nel bagno. Michael sentì l'acqua scorrere nel lavandino per un minuto; poi vai via. Uscì diversi minuti dopo completamente vestita e si avvicinò al letto. Lei si chinò e gli baciò le labbra intorpidite e disse:

"Buonanotte Michael. Ci vediamo a colazione."

"Buongiorno, Tomiko, e buon compleanno."

"Grazie Michael; e grazie per il favoloso regalo."

Il mattino arrivò rapidamente e Michael si trascinò controvoglia fuori dal letto. Fece una doccia veloce e si lavò i denti, si vestì e mentre stava per uscire dalla porta dell'abitazione principale, squillò il telefono. Michael lo prese e disse:

"Ciao?"

"Buongiorno amore. Vorresti un bel pompino o un po' della mia figa calda e bagnata?" sussurrò Tomiko.

"Chi è questo?" chiese Michael con un sorriso.

"Non è divertente, Michael," disse Tomiko all'improvviso. "Vieni quaggiù a fare colazione. Tutti aspettano."

Dicendole che stava arrivando, rise e riattaccò. Erano le otto e soffiava una leggera brezza dall'oceano. Mentre Michael passava davanti allo stagno delle Koi, pensava a come gli ultimi giorni avevano cambiato la sua vita per sempre.

Mentre entrava in casa e si sedeva al tavolo tutti parlavano della festa e di cosa ancora c'era da fare. La graziosa cameriera gli versò una tazza di caffè, tenendo d'occhio Tomiko mentre lo versava. Sul tavolo c'era una brocca di succo d'arancia appena spremuto. Quando Michael lo prese, sentì la voce di Tomiko.

"Lo prenderò, Michael-san."

Gli versò del succo mentre lui sedeva lì a guardarla. Era bellissima e indossava un tradizionale kimono da Geisha bianco e oro e aveva i capelli raccolti, con lunghe spille d'argento. In cima alla sua testa c'era un pettine d'argento. L'unica differenza tra il suo aspetto e quello di una geisha era che Tomiko non aveva trucco bianco sul viso. Il padre di Michael, seduto alla sua destra, disse:

"Ecco cosa dovrebbe cercare ogni vero giapponese in una moglie."

"Papà, mi dispiace ma ho già trovato l'amore della mia vita e sono estremamente felice con lei."

Michael vide Tomiko sorridere mentre si dirigeva verso la cucina. Sapeva che stava parlando di lei.

"Zio, perché Tomiko serve la colazione il giorno della sua festa di compleanno?"

"È un'usanza che mia moglie ha iniziato quando le bambine erano piccole, Michael. La persona che festeggia il compleanno, serve la colazione ringraziando i genitori per aver permesso loro di nascere."

Tomiko è poi tornata con la colazione di Michael. Lei chiese,

"Hai dormito bene Michael-san?"

"Molto bene Tomiko. Grazie."

"Michael-san, il mio Sensei mi ha dato dei biglietti per lo spettacolo Kabuki di domani sera. Pensi che ti piacerebbe andare? I biglietti sono per l'ultimo spettacolo della serata. Inizia alle dieci e dura circa tre ore. . Sarà troppo tardi per te?"

"No, non è troppo tardi. Posso sempre fare un pisolino durante il giorno, prima di andare."

"Oh... ho sempre desiderato vedere il Kabuki." Disse sua madre. "Pensi che ci siano più biglietti disponibili?"

"No, sono esauriti, zia, ma se vuoi comprerò i biglietti per te e per lo zio per il prossimo spettacolo possibile."

"Sarebbe meraviglioso. Grazie Tomiko."

"Michael-san, è una bellissima giornata. Ti piacerebbe fare un giro lungo la costa e magari sdraiarti al sole o andare a nuotare? Le previsioni del tempo dicono che l'acqua è insolitamente calda."

"La tua festa è stasera, figlia mia. Voglio che tu sia qui in orario."

"Torneremo presto, padre. Voglio che Michael-san si goda la vacanza il più possibile."

Alle nove e mezzo, Tomiko salì nella sua stanza e si cambiò. Indossava un paio di pantaloncini bianchi e una camicetta azzurra, che lasciava intravedere un po' il suo ombelico, scarpe da corsa bianche e delle calze bianche alte fino al ginocchio.

Michel è tornato alla pensione e ha preso un paio di pantaloncini, poi l'ha incontrata alla sua macchina. Decollarono e guidarono verso Osaka. Entrò nel parcheggio sul retro del Sabashi Omi Hotel. Gli disse di venire con lei ed entrarono nell'hotel dalla porta sul retro.

Al banco di registrazione chiede di "Kingi". L'impiegato di turno andò nella stanza sul retro e pochi secondi dopo uscì Kinji.

"Siamo stati indirizzati a te dalla mia compagna di classe, Yatsumi Yakamoto. Ha detto che ti saresti preso cura dei nostri bisogni. Vorremmo qualcosa sul retro, fuori mano."

"Solo per oggi?"

"No. Fino al 28 aprile. Si può organizzare?"

"Sarebbero ventiquattro giorni a sessantaquattro dollari americani al giorno, più venti dollari al giorno per... operazioni speciali," disse Kingi controllando la sua calcolatrice una seconda volta. Fa duemilasedici dollari. Va bene? "

"Andrà bene." Disse Tomiko, con un sorriso, aprendo la borsetta e tirando fuori una busta. Dopo aver contato i contanti, chiese:

"La stanza è pronta adesso?"

"Sì, certo. Stanza 2106. Se desideri evitare la lobby, c'è un ascensore in fondo al corridoio, sul retro, adiacente alla porta sul retro. La tua chiave magnetica lo attiverà. Saluta Yatsumi da parte mia."

"Ti ringrazierò."

Ripercorsero il corridoio e localizzarono l'ascensore. Li portò al ventunesimo piano. La stanza 2106 era a soli tre metri dall'ascensore. Quando entrarono, Tomiko si guardò intorno e disse:

"Questa è un po' più privata della pensione, non è vero Michael?"

"Sì. È molto carino e molto riservato. Tomiko... voglio aiutare a pagare la stanza. È giusto."

"Non essere sciocca. I soldi sono venuti dalla Burusera. Non ho lavorato davvero per questo. Inoltre," disse con un sorriso malizioso, "prenderò il valore dei miei soldi."

Con questa affermazione, Tomiko si tolse le scarpe e le calze, il top blu e i pantaloncini bianchi. Era rimasta con le mutandine e il reggiseno. Poi strisciò sul letto e guardò seriamente negli occhi di Michael.

"Vieni qui Michael, ti voglio."

Michael si spogliò rapidamente, rimase in boxer e salì sul letto. Prendendo Tomiko tra le braccia, la baciò a lungo e profondamente. Lei gli succhiò la lingua in bocca e la trattò come se gli stesse succhiando il cazzo. Scoprì che aveva talenti ancora da scoprire. Non avevano mai tentato il 69 prima, tuttavia quando Michael lo suggerì, lei sorrise e annuì.

Si tolse le mutande, mentre Tomiko le faceva scivolare le mutandine lungo le gambe tornite. Li lasciò cadere a terra e le chiese cosa avrebbe dovuto fare. Le disse che poiché era più grande, sarebbe stato sulla schiena e lei avrebbe dovuto essere sopra di lui con la testa verso i suoi piedi. Quando furono in posizione, sentì la bocca di lei coprirgli il pene e, con le mani che gli cullavano il sedere, cominciò a succhiare. La lingua di Michael trovò la sua fessura e la leccò, poi le succhiò il clitoride e le labbra. Lei gemette di gioia e succhiò ancora più forte.

Erano coinvolti da circa quindici minuti, quando lei fermò ogni movimento e disse:

"Oh Dio Michael, sta arrivando."

Pochi secondi dopo le sue unghie lo conficcarono nel sedere e una densa secrezione cremosa uscì dalla sua figa. La sua momentanea esitazione finì e continuò a mungergli il cazzo con la bocca, mentre lui giaceva lì a leccarla leggermente.

Subito dopo, la sensazione che più gli piaceva; cominciò dalla schiena e poi scese fino alle palle. Mentre si stringevano, le gambe di lui iniziarono a formicolare e il suo sperma schizzò nella sua bocca. Nei pochi giorni di pratica era diventata un'esperta e ingoiava il suo sperma con facilità. Poi si voltò lentamente e strisciò tra le sue braccia.

"Michael mi porterai a Disneyland?"

"A Tokio?"

"No; in California."

"Quando?"

"Quando verrò in California... per vivere con te."

"Vuoi tornare con me in California? Sarebbe meraviglioso, ma cosa direbbe tuo padre?"

"Niente. Lui sa che io voglio andare in un buon college, e tu abiti vicino all'UCLA. Nessuno sa che hai rotto con Lisa, quindi penseranno che vivo lì con voi due. Lei è la perfetto accompagnatore "inesistente". Io posso andare a scuola e tu puoi lavorare, e possiamo fare l'amore mattina e sera. Che ne dici?"

"Sembra fantastico. Pensi che funzionerà?"

"Uh huh. Manderò un'e-mail a mio padre più volte alla settimana per dirgli quanto mi piace Lisa e che persona meravigliosa è; e come siamo diventati buoni amici. Gli dirò come stanno andando bene i miei studi e le cose che facciamo noi tre insieme. Tuttavia, in realtà, sarò la tua ragazza, cugina. Credo che sarà meraviglioso, e quando mi porterai di nuovo a Disneyland, mi siederò sulle tue ginocchia e potrai davvero sentirmi su."

Il pensiero che Tomiko tornasse a casa con Michael era meraviglioso. Sarebbe la compagna perfetta. Non ci sarebbero mai state lamentele sui figli o sul matrimonio. Per quanto la riguardava, a un livello superiore erano già sposati, e lui sapeva che lei ne era felice.

"Michael, vorresti scoparmi il culo?"

"Non ci ho mai pensato."

"Beh, se mai lo volessi, dimmelo e basta. Sai che non c'è niente che non farei per te."

"Non adesso, ma voglio scoparti. Vorresti che ti scopassi la figa?"

"Ohhh sì Michael... per favore fallo a me."

Lei giaceva sulla schiena mentre lui si spostava tra le sue gambe. Prima che Michael potesse guidare il suo cazzo nella sua vagina, lei aveva già avvolto le gambe attorno alle sue e aveva le mani sulla sua schiena. Facendo scivolare il suo cazzo dentro di lei, disse,

"Grazie, per essere un amante così meraviglioso, Michael. Per favore, fallo con me molto duramente."

Fecero l'amore per un'altra ora; poi si addormentarono nudi l'uno nelle braccia dell'altro. Quando si svegliarono verso le due, fecero di nuovo l'amore. Era pronta a tutto e non si lamentava mai di nulla di ciò che faceva.

Mentre scopavano, lui fece scivolare il dito in profondità nel suo buco del culo. Gli ha detto che le piaceva e di spingere di più. Forse un giorno avrebbe fatto come lei gli aveva suggerito e le avrebbe scopato il culo.

Non c'era la doccia, poiché l'hotel si rivolgeva principalmente a coppie giapponesi. C'era un'area dove una coppia poteva insaponarsi a vicenda, poi, dopo un accurato risciacquo, entravano in una grande vasca e si immergevano. Tomiko ha lavato il pene e i testicoli di Michael, lentamente e con amore. Michael ha ricordato una scena di un film di Eddie Murphy intitolato "Coming to America", dove si verificava una situazione simile. Quando iniziò ad accarezzargli il cazzo, divenne di nuovo duro. Lei sorrise impercettibilmente, sapendo di conoscere la maggior parte dei metodi per eccitarlo.

Michael a sua volta insaponò amorevolmente Tomiko, facendo scivolare le mani su tutto il suo corpo sodo, concentrandosi sulle sue succulente tette; i suoi capezzoli diventano duri e sporgenti. La sua mano si spostò sulla sua pancia, poi sul suo monticello liscio, rimanendo lì a lavarle l'inguine, le gambe divaricate godendosi i suoi movimenti; le sue braccia attorno al suo collo.

Mentre faceva scivolare un dito insaponato nella sua alcova anale; gemette alla sua amorevole invasione e lo baciò, facendo scivolare la lingua nella sua bocca. Si succhiavano a intermittenza la lingua a vicenda, aumentando il livello di urgenza sessuale dell'altro.

Si sciacquarono velocemente ed entrarono nella vasca incassata. Michael si sedette su un piccolo gradino e Tomiko strisciò sulle sue ginocchia, di fronte a lui. Continuarono a baciarsi mentre Tomiko si abbassava e afferrava il pene di Michael. Quando fece scivolare il membro duro nella sua stretta vagina, entrambi gemettero in uno stato di estasi che si aspettavano l'uno dall'altro.

Non perse tempo e cominciò a spostarsi in avanti, lasciando che i suoi istinti naturali prendessero il sopravvento; scopando Michael come se fosse l'ultima volta che sarebbero stati insieme.

Michael non aveva mai fatto l'amore nell'acqua prima e apprezzava la nuova sensazione. Ora sapeva perché così tante persone in California avevano vasche idromassaggio. Mentre Tomiko era alla ricerca di soddisfazione, Michael si è sentito obbligato ad aiutarla e ha iniziato a succhiarle le tette. Lei gli ripeteva più e più volte che lo amava, mentre si muoveva più velocemente nel suo grembo, la sua piccola fica stretta che gli stringeva il cazzo in una presa salda; l'acqua che schizza tutt'intorno a loro.

Poteva sentire il leggero dolore alla schiena, sapendo che era l'inizio di un orgasmo sconvolgente. Era in imbarazzo, incerta su cosa avrebbe potuto fare per prolungare il piacere per entrambi. Quando iniziò il suo orgasmo, perse ogni pensiero, appoggiò la testa sulla spalla di Michael e lo tenne stretto, con le lacrime che le scorrevano dagli occhi, mentre singhiozzava nel suo orecchio.

"Cosa c'è che non va, tesoro? Dimmi perché piangi.

"Non c'è niente che non va, anzi è esattamente il contrario. Ti amo così tanto. Mi fai sentire perfetto."

"Sei perfetta," disse Michael baciandola.

"Mi dispiace di essere stato così coinvolto nel piacere che mi hai dato, da non averti aiutato a venire. Siediti sul bordo della vasca, adesso, Michael."

Quando uscì dall'acqua calda, l'aria fresca lo accolse. Seguendo le indicazioni di Tomiko, Michael si sedette sul bordo della vasca, con le gambe spalancate. Tomiko scivolò tra le sue cosce, eccitato dalla sensazione del suo corpo bagnato. Prendendogli il pene si avvicinò e lo leccò.

"Non devi farlo, tesoro. Sto bene."

"Non faccio nulla perché devo farlo, Michael," disse mentre la sua lingua gli leccava il pene, dai testicoli alla testa bulbosa. "Sai che mi piace farti questo. Penso che mi diverta tanto quanto te. Adesso stai fermo e lasciamelo fare."

Tomiko iniziò a succhiare, le sue fossette e le bellissime labbra gonfie lo facevano diventare più eretto del solito. Spesso, quando erano al ristorante, Michael si limitava a fissare le sue labbra, conoscendo il piacere che procuravano al suo cazzo.

Si ecciterebbe e il suo pene diventerebbe eretto. Quando glielo disse, lei si scusò, perché in quel momento non poteva fare nulla per lui. Una volta saliti in macchina, lei gli ha suggerito di guidare per poterlo succhiare.

Ha rifiutato affermando che potrebbe essere pericoloso; quando ricordava che Darlene succhiava Mac; e Mac accosta al marciapiede per una frenata d'emergenza. Era perso nel piacere che lei gli procurava con la sua bella bocca. In pochi minuti sapeva che stava per venire, così come Tomiko. Lei gli sollevò le gambe sulle spalle e allungò la mano, tenendogli il sedere.

La sua suzione costante ha dato i suoi frutti, quando Michael ha iniziato a spruzzarle lo sperma in bocca, bagnandole la lingua con il liquido salato lucente e agrodolce. Stava acquisendo gusto per la sua crema, come una persona affamata di qualcosa con cui riempire la pancia vuota.

Quasi odiava ingoiare il delizioso liquido, dato che il sapore era meraviglioso, semplicemente seduto sulla sua lingua. Se lo fece girare intorno alla bocca, come faceva con il collutorio, solo che il suo sperma era molto più gustoso, poi lo ingoiò lentamente.

"Mmmmmmm. Lei gemette.

Michael è quasi svenuto, ma si è ripreso. Tomiko lo tirò di nuovo in acqua per sciacquarsi. Sapeva che era appropriato, dato che si sentiva come uno straccio logoro. Dopo un po' uscirono dalla vasca e si asciugarono a vicenda, poi si vestirono e lasciarono l'albergo.

Dato che Tomiko stava morendo di fame, si fermarono e pranzarono in un ristorante con un patio esterno. Continuava a indicare le nuvole e le loro forme. Era stupita, poiché la maggior parte di loro somigliava al pene di Michael. Michael rimase seduto lì e fissò le sue labbra e le sue fossette, senza dire nulla ma volendo dire a tutti che venti minuti fa, lei aveva quelle bellissime labbra sul suo cazzo.

Al ritorno a casa, andò nella sua stanza per cambiarsi e Michael andò alla pensione. La festa doveva iniziare alle sei.

Continua... l'ultimo capitolo.

Storie simili

L'Harem di Rogue Libro 1, Capitolo 2: Il divertimento birichino di Catgirl

L'Harem del Ladro Libro uno: Le donne sensuali di Rogue Parte seconda: il divertimento birichino di Catgirl Di mypenname3000 Diritto d'autore 2017 Capitolo quattro: Desideri realizzati Sven Falk – Colline di Despeir, Principato di Kivoneth, Terre della Contea di Zeutch Non ero mai stato più sbalordito in vita mia mentre guardavo le labbra della figa di mia sorella spalancate dalle dita birichine di Zanyia. Quel tunnel rosa e scintillante, che si fletteva e si contraeva mentre mia sorella si dimenava sotto la lamia, mi fece cenno. Per tanti anni avevo sognato di scivolare nel suo tunnel, lottando contro il desiderio tabù...

199 I più visti

Likes 0

L'umiliazione ipnotica di Subby Hubby

È furioso quando scopre che sua moglie scopa con un perfetto sconosciuto in casa loro, ma poi lei cambia idea al riguardo. Letteralmente. ******** Sono tornato a casa dopo il lavoro e li ho trovati che scopavano sul pavimento del soggiorno. Mia moglie e un ragazzo che non conoscevo. Era in cima. Ricordo i suoi talloni e le dita dei piedi sospesi in aria mentre il suo sedere si fletteva e lui la pompava. Che CAZZO, ho detto. Il ragazzo si guardò alle spalle e mi sorrise. Poi vide la mia espressione e il suo sorriso se ne andò. Mia moglie...

193 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

289 I più visti

Likes 0

Fine settimana alternati: Parte 2

Jason era seduto sul divano a guardare la TV quando la porta d'ingresso si aprì. Mandy passeggiava con un aspetto più che un po' strano. I suoi vestiti, che erano ovviamente nuovi di zecca e un po' succinti, erano bagnati di rugiada. Naturalmente, non sapeva che fosse rugiada e pensava semplicemente che fosse passata attraverso un irrigatore o qualcosa del genere. Cosa ti è successo? chiese. Il suo tono rivelava che non gli importava davvero. A quanto pare ho lasciato la macchina di papà in movimento, ha risposto. Non aveva idea di quanto tempo prima lui l'avesse abbandonata sul prato davanti...

357 I più visti

Likes 0

Jimmy, il ragazzo della porta accanto

Gah, il college è ridicolo! Sono così pronto a smettere. Taylor Green aprì la porta della sua stanza del dormitorio e la sbatté drammaticamente. Max, il suo compagno di stanza alzò lo sguardo dal libro che stava leggendo per fissarla. Amico, lo dici sempre ogni settimana. Taylor sbuffò e si passò le dita tra i capelli neri lunghi fino alle spalle. Sì, ma questa volta sono serio. Oggi è venerdì, ma ho 3 compiti da consegnare tutti nello stesso giorno della prossima settimana, un test da portare a casa e altri 3 quiz. Giuro che questo carico di lavoro mi ucciderà!...

295 I più visti

Likes 0

Per un

Per un Forse dovrei spiegare. Si tratta di un resoconto di vita reale, aggiornato e coinvolgente, che coinvolge persone reali che, per molte ragioni, sarebbero vulnerabili sia nella loro vita professionale che personale se troppi dettagli fossero resi pubblici. Sono sicuro che tu, il lettore, perdonerai la mancanza di nomi o dettagli accurati sulla posizione. Chi mi conosce bene probabilmente riconoscerà alcuni aspetti e magari farà due più due. Dovrò occuparmi di questo, se e quando arriverà il momento. La mia reputazione, sebbene importante per me, è un po’ meno importante da considerare rispetto a quanto lo sia la “A” per...

166 I più visti

Likes 0

Sedotto, trasformato e dominato

Ho 27 anni e fino ad ora ho condotto una vita onesta. Sono considerato di bell'aspetto e ho avuto ragazze bellissime per tutta la mia vita. La mia carriera, la salute e la vita sociale sono state molto buone. Si potrebbe dire che sto vivendo una vita perfetta. Sono magro, 30 di vita, 44 di petto - mi alleno molto, ho un pene di 7 di taglio. Ho una vita molto appagante sotto tutti gli aspetti tranne uno. Fin dalla tenera età ho avuto un'immaginazione molto attiva e voglia di essere sedotta da un ragazzo, ma non ho mai avuto un'esperienza...

201 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

1.3K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

793 I più visti

Likes 0

Esperienza a tre in un college imbarazzante

C'è questa ragazza nel mio corso di chimica organica che si chiama Courtney. Le sue gambe sono muscolose, i suoi seni sono circa un 36D se i miei occhi dicono la verità, ed è alta circa 5 piedi e 6. I suoi capelli sono biondi e i suoi occhi sono verdi. Le piace indossare abiti larghi e comodi, ma nei giorni in cui cerca di rendere felice il suo ragazzo, indossa un top attillato. Le ho parlato un po' in classe, del suo fidanzato. Si chiama Charlie ed è abbastanza carino per un ragazzo. La prima volta che ho parlato con...

640 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.