Eroticara: Il mondo della fantasia, seconda parte

429Report
Eroticara: Il mondo della fantasia, seconda parte

La porta della cabina si aprì. Proprio come avevo temuto, era Jesset. I suoi capelli color corvo riflettevano una tonalità quasi viola quando il sole li colpiva nel modo giusto. Il passeggino tremava a malapena per il suo peso mentre saliva a bordo. Ho quasi iniziato a balbettare, cercando di spiegare la situazione in questione. Dopotutto avevo ancora il mio grosso e lungo cazzo nel profondo di Sera che gocciolava il mio grosso sperma dai suoi lombi. Ma a prescindere dalla situazione... gli occhi color carbone di Jesset non erano concentrati su di noi. Stava ascoltando.

"Jess-" iniziò Sera ma Jesset la interruppe con un brusco silenzio. Nel sussurro più basso che riuscì a fare, spiegò Jesset. “Ho visto un gruppo di goblin attraversare la strada davanti a noi. Non so cosa stiano facendo così lontano dalle loro caverne, ma se ci vedessero potrebbero causare problemi”. Il suo sguardo incontrò quello di Sera ed entrambi sapevano cosa significasse provocare una scenata nella loro situazione attuale. Ma non l'ho fatto.

"Goblin!?" sbottai ad alta voce. Jesset mi puntò velocemente una lama alla gola. Una spada intera? Dove lo aveva nascosto? Non ricordo di averla vista con un'arma... la mia testa ha iniziato a sentirsi di nuovo confusa e annebbiata. Poi all'improvviso dall'esterno della cabina arrivò un suono diverso da tutti quelli che avevo sentito. Il cavallo cominciò a muoversi fuori e all'improvviso tacque stranamente silenzioso. C'era qualcosa. Potrebbero davvero essere dei goblin???

Tutto quello su cui potevo concentrarmi era lo stretto buco di Sera teso attorno al mio cazzo mentre il coltello veniva premuto contro la mia arteria. Sera era spaventato. Lo capivo perché la sua figa si stringeva contro il mio cazzo per la paura. La sensazione dei miei succhi mescolati con i suoi e quella stretta... "Oh, cazzo." Ho sussurrato. Ho iniziato a diventare di nuovo duro come la roccia dentro la piccola bionda Sera.

Il mio respiro cominciò a diventare pesante e affannoso. L’intensità della situazione unita alla sensazione sul mio cazzo mi ha fatto impazzire. Anche Sera fece impazzire perché accidentalmente emise un gemito acuto mentre il mio cazzo palpitante cominciava a crescere dentro di lei. I nostri occhi si fissarono l'uno nell'altro e il peso della situazione si mescolò al piacere dei nostri corpi.

All'improvviso un forte scoppio colpì la fiancata della cabina di legno del calesse. Jesset lanciò la lama dal mio collo verso la porta. La sua posizione era affascinante. La sua figura fece crescere ancora di più i miei lombi all'interno di Sera e lei gemette ancora una volta, questa volta più forte. Ogni colpo alla porta sembrava far pulsare e allargare il mio cazzo. Sera ma il suo labbro e mosse leggermente i fianchi all'indietro. Il movimento fece uscire un po' di sperma dalla sua figa e la sensazione di movimento allontanò dalla mia mente la minaccia di bussare.

La cabina cominciò a dondolare. Era evidente che i goblin volevano entrare forse per saccheggiarci e poi ucciderci. Ma il dondolio della cabina mi ha fatto scivolare più in profondità in Sera e la testa del mio cazzo ha toccato il fondo nella sua piccola figa. Ci ha fatto impazzire entrambi. Sebbene fossimo in una situazione terribile, non potevamo fare a meno di lasciarci prendere dal piacere reciproco.

Jesset si accovacciò e saltò nella porta della cabina, aprendola con un calcio. Indossava una specie di giubbotto di pelle nera con cinghie attaccate in vita, penzolanti. Come un'oscura Wonder Woman proveniente da qualche terra medievale. Le sue ascelle lampeggiarono mentre attraversava la porta della cabina e usciva a terra. Sembrava morbido al tatto e perfettamente rotondo e sodo.

Rivolsi di nuovo lo sguardo a Sera e feci scivolare il mio cazzo quasi completamente fuori da lei. Solo la testa rimase nella sua carne. La mia asta luccicava grazie ai nostri succhi e un flusso di sperma scorreva dal suo buco fradicio. Ho guardato di nuovo il suo viso. I suoi occhi azzurri lo volevano. Tutto. Prima danzavano con la vita e la gioia, ma ora danzavano con desiderio e paura. Emisi un piccolo grugnito e mi spinsi completamente dentro di lei.

Lei gridò di piacere. Ho colpito la parte posteriore della sua figa e mi sono ritirato quasi completamente. Con un ritmo costante ho ripetuto il processo. Colpendola ancora e ancora. I nostri gemiti e i nostri grugniti sommessi si perdevano insieme mentre ci perdevamo nel piacere. I suoni degli omicidi e dei corpi abbandonati all'esterno non hanno nemmeno raggiunto la nostra coscienza.

Ho tirato fuori il mio cazzo lungo e grosso da lei e lei istintivamente si è inginocchiata. Ha preso il mio cazzo lucido e bagnato tra le sue mani piccole e delicate e ha iniziato a strofinare i nostri succhi sulla pelle del mio membro duro come la roccia. Lei mi guardò innocentemente. Sembrava, almeno a me, che non desiderasse altro al mondo che strapparmi lo sperma dai lombi. Voleva farmi esplodere.

“La prima volta è stato il pagamento della corsa. Questa volta è per il nostro piacere, vero?" La sua voce angelica è stata un dono per le mie orecchie. Il suono morbido e puro si mescolava al piacere delle sue mani che scivolavano lungo il mio cazzo e mi sentivo, anche se solo per un momento, in paradiso. Non c'era niente nella mia testa se non il piacere travolgente che si irradiava da tutto il mio cazzo.

"Dammelo ancora una volta, Ti!" Lei gridò e mise la sua piccola bocca attorno alla grande testa di cazzo di fronte a lei. La parte posteriore della sua gola premette contro il mio cazzo e il pensiero di me che scaricavo in profondità nella sua fottuta gola mi fece venire i brividi lungo tutto il corpo. Il mio addome ha iniziato a contrarsi e le mie palle hanno iniziato a sentirsi pesanti. Sapevo solo che stavo per coprire interamente il viso della dolce Sera con il mio carico caldo e denso.

"ABBASTANZA!" Potevo sentire il rimbombo della voce forte nel mio petto. Mi ha spaventato così tanto che il mio cazzo si è sgonfiato leggermente. Gli occhi di Sera corsero all'ingresso della porta della cabina e lì c'era Jesset. I suoi capelli scuri erano disordinati e pendevano davanti al suo viso perfetto. Il sangue era stato leggermente imbrattato lungo la sua guancia e i suoi occhi sembravano privi di emozione. La sua armatura di cuoio era stata strappata, esponendo il seno sinistro. Il suo capezzolo era duro e la pelle del suo grande seno sembrava estremamente liscia e morbida. Il mio cazzo si contraeva nella bocca di Sera e mi facevano male le palle perché non rilasciavano il loro carico.

Le lunghe gambe di Jesset trasportarono la sua struttura snella e robusta su e dentro la cabina e lei rimosse completamente l'armatura. Il suo torso esposto era qualcosa pensato per occhi più degni dei miei. Ho ammirato la sua bellezza selvaggia e l'ho guardata negli occhi. Proprio come Sera. Qualunque cosa ci fosse nei suoi occhi un momento prima era scomparsa e sostituita dal desiderio.

Rimasi ancora senza parole per la sua figura nuda quando mi afferrò per la chioma e mi scagliò fuori dalla porta della cabina e nella terra fuori. Atterrai sulla schiena con un tonfo forte. Il mio cazzo duro rimbalzava e ondeggiava nell'aria avanti e indietro. “Ahiahi!” Gemetti con gli occhi socchiusi. Subito dopo mi resi conto che Jesset mi prese per il braccio e mi stava trascinando dal sentiero sterrato e logoro in un'area erbosa adiacente.

Respiravo affannosamente eppure lei non dava segno di stanchezza anche se aveva appena ucciso chissà quanti goblin. Mise le ginocchia su entrambi i lati del mio viso con gli stinchi premuti contro le mie braccia. Ero intrappolato e la sua figa era premuta contro la mia bocca, sfregandola avanti e indietro. Aveva un sapore dolce e mi sentivo come se avessi aspettato tutta la vita per assaggiare una cosa del genere. Ho tirato fuori la lingua e lei ha continuato a cavalcarmi la faccia. Si affondò sempre più forte nel mio mento e nella mia lingua finché non riuscii più a respirare.

Agitando le braccia cominciai ad afferrarle la vita e a grattarle la schiena. Una delle mie unghie deve averla tagliata leggermente perché ha schioccato la lingua e si è sollevata dal mio viso. Si alzò e si chinò su e giù in modo che il suo viso fosse di fronte al mio. Il suo viso perfetto si contorse in un ringhio e mi sputò la saliva in bocca, sulle guance e sul naso. Sono rimasto sorpreso. Avevo la faccia bagnata e ricoperta di sputi e succhi di fica ed ero di nuovo senza parole.

Sera emerse dal calesse e si avvicinò a noi. "E adesso, Jess... sai che se vuoi giocare con i miei giocattoli devi prima chiedere, giusto?" Gli occhi di Jesset si spalancarono e lei girò sui tacchi, i suoi seni che ondeggiavano per lo slancio. "Sì maestro. Chiedo scusa. So di aver esagerato, ma..."

"Ma niente." Sera continuò con un sorriso subdolo. Si avvicinò a Jesset e premette le tette contro le sue. «Inginocchiati, Jess, e mangiami.» Eseguì immediatamente il comando. "Brava ragazza."

Il modo in cui Sera poteva agire in modo così innocente e poi premere un interruttore ed essere così incredibilmente cattivo era così sorprendente. Per non parlare della sua capacità di sottomettermi completamente un attimo fa e ora dominava completamente Jess. Dove diavolo ero?! Terra di fantasia!?

Jesset ha leccato la miscela di sperma dalle parti intime di Sera e, attraverso i gemiti, Sera mi ha alzato un dito e mi ha fatto cenno di avvicinarmi a loro. «Voglio che tu metta la tua arma di cazzo nella piccola fottuta fica di Jesset. Puoi farlo per me adesso, vero?"

Il mio cazzo è diventato duro come una roccia. Farei qualsiasi cosa Sera mi chiedesse a questo punto. Fanculo, torno a casa! Stavo bene con lei per sempre. Mi sentivo come se fossi sotto un incantesimo ma non avevo alcun desiderio di liberarmene mai.

Strisciai per pochi passi fino a Jesset in ginocchio. Il mio cazzo rimbalzava ad ogni movimento finché non premette all'ingresso del piccolo foro di Jesset. Era completamente rasata ed era bagnata. Sembrava che si divertisse a compiacere il suo padrone. Ho sorriso. Avevamo entrambi questo in comune: voler compiacere Sera. In questo ho sentito uno strano legame con questo bruto guerriero di una donna perfetta. Il mio cazzo pulsava e ho abbassato la mascella inferiore e ho fatto un respiro profondo. Ho spinto il mio cazzo oltre le sue labbra e nel suo piccolo buco stretto. Era così stretto. Riuscivo a malapena a stare dentro di lei senza essere spinto fuori.

Jesset afferrò una delle sue tette pesanti e la strinse. Sera ci guardò entrambi. “Bene, i miei ragazzi e le mie ragazze stanno giocando bene insieme. Ora, Ti... fottila al rovescio per me, ok?" Chiuse gli occhi e sorrise innocentemente mentre faceva la domanda. Mi ha fatto impazzire. Abbastanza selvaggio da spingere il mio cazzo il più lontano possibile dentro Jesset. Grugnii e mi fermai dentro di lei. Ho toccato il fondo? Ho guardato in basso. No, dentro c'era solo un quarto del mio cazzo.

Lei era così stretta e io così grande. Non ha mai nemmeno strillato o fatto una smorfia quando l'ho infilato dentro. L'ha preso come una guerriera e ha continuato a divorare il suo padrone con impressionante entusiasmo. Ho fatto un respiro profondo e mi sono tirato fuori da lei. Poi di nuovo ho spinto il mio cazzo duro e lungo dentro di lei più che potevo. Questa volta sono entrato un po' più dentro di lei. Ho ripetuto questo processo fino a quando tutta la mia asta, fino alle palle, era dentro di lei.

Ora non poteva fare a meno di fare una smorfia mentre le colpivo le viscere e la usavo proprio come Sera aveva comandato. Non potevo crederci. Un attimo prima sto pulendo il mio garage e quello dopo mi sto scopando due delle donne più belle che abbia mai visto in una terra di cui non avevo mai sentito parlare prima. Il sole era fantastico sulla mia pelle nuda e sembrava ancora più bello sulla loro. L'immagine e la sensazione di Jesset che mi premeva tutto il cazzo mentre la pompavo come un matto mi stavano facendo impazzire.

Jesset rimosse la bocca dal tumulo di Sera e urlò all'aria aperta. "STO PER VENIRE, FOTTUTO BASTARDO!" Fece una smorfia e gemette, gemendo forte e con rabbia. Sera si strofinò furiosamente il suo clitoride e la sua bocca si spalancò. "Oh cazzo!" Disse e spruzzò un torrente di fluido su Jesset. Le entrò in bocca e le inumidì i capelli neri. Scorreva lungo la sua pelle perfetta mentre infilavo il mio cazzo dentro e fuori dal suo corpicino muscoloso, stretto e morbido.

"Oh cazzo oh cazzo oh cazzo, maestro, sto venendo!" Jesset disse con un tono di voce che non avevo ancora sentito usare. Era traboccante di piacere. Ho tirato fuori il mio cazzo da lei mentre mi avvicinavo anch'io al climax intenso. Mi sono alzato e ho messo il mio cazzo proprio sul viso bagnato di Jesset mentre giocava con la sua figa. "Fanculo!" dissi mentre un'esplosione di sperma le usciva sul viso. È rimasta sorpresa da quanto fosse pesante il carico. Atterrò appena sopra il sopracciglio scuro e si estese fino al mento. Un altro zampillo uscì da me e si congiunse alla sua bocca aperta. Chiuse la bocca e sputò lo sperma. Le colava sul mento e scendeva sul seno. Le lanciai altri due getti caldi sul viso e fui esausto. Sono crollato all'indietro sul sedere e ho cercato di riprendere fiato.

Jesset continuò a strofinarle il clitoride finché, con la faccia piena di sperma, arrivò. I gemiti erano orgasmici per le mie orecchie e in risposta mi strofinai la testa del cazzo con un pollice. Jesset grondava del mio carico mentre sopportava il suo intenso e profondo orgasmo.

Sera ridacchiò e si inginocchiò davanti a Jesset. "Non sprecare niente di quel prezioso sperma, mio ​​dolce animale domestico." Si sporse in avanti e fece scorrere la lingua lungo il mento di Jesset e spinse di nuovo lo sperma raccolto nella bocca di Jesset. Lo fece fino a quando tutto lo sperma in più non fu nella sua bocca e poi sorrise da un orecchio all'altro. "Brava ragazza. Ora mostra al maestro quanto sei cattivo! Lei si appoggiò allo schienale e la baciò. Le loro lingue danzavano, immerse nel mio grosso carico. Saliva e sperma coprivano le loro bocche e fuoriuscivano dai bordi mentre si baciavano appassionatamente. Lo sperma che iniziò a gocciolare lungo i loro corpi nudi fu spalmato da Sera come una lozione sui loro seni e torsi.

Si guardarono negli occhi e ingoiarono lo sperma insieme all'unisono. Abbracciandosi si voltarono a guardarmi. Sera mi sorrise amorevolmente anche se per me era una completa estranea. Jesset respirava pesantemente e i suoi occhi guardavano il mio cazzo usato, ancora pieno di lussuria.

Sera ridacchiò e ci sdraiammo tutti all'aria aperta nella natura. I cadaveri dei goblin erano disseminati sul sentiero adiacente a noi e il nostro cavallo era stato ucciso. Non avevo idea di cosa fosse successo. Mi sentivo avvolto in una pesante coltre di lussuria e piacere. Come una nuvola di concentrazione perduta sostituita dal desiderio e dalla passione. Riuscivo a malapena a ricordarmi di casa mentre le ragazze tubavano e si coccolavano insieme.

~Fine della seconda parte.~

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.