Una melodia indimenticabile cap. 04

551Report
Una melodia indimenticabile cap. 04

Per questo capitolo ho deciso di divertirmi un po' con il fantasy della prima metà, ambientandola nell'universo di Star Wars. Nel caso non fosse chiaro, per la prima parte, Burke è Mike e Kana è Melody. Nessun titolo di canzone per questo capitolo, quindi sedetevi e divertitevi!

Una melodia indimenticabile cap. 04

Sabbia. Sabbia. Sabbia ovunque. Questa era la vita per Burkateer Lark.

Diciotto anni prima, era stato un promettente allievo Padawan di sette anni nell'Ordine Jedi della Vecchia Repubblica. Questo, ovviamente, avvenne prima del tradimento di Darth Vader e della successiva formazione dell'Impero Galattico. In quel fatidico giorno, il suo maestro, Cin Dralig, venne a conoscenza del tradimento e dell'imminente attacco al Tempio Jedi. Sebbene il suo maestro avesse cercato di mandare il ragazzo da solo ad allenarsi, Burke aveva convinto Dralig ad andare con lui. Gli ricordò che era una mossa prudente, convincendolo finalmente dopo aver ricevuto una trasmissione di emergenza dal Maestro Yoda che un piano era in lavorazione e che la coppia avrebbe dovuto fuggire. Si nascosero su Tatooine nel deserto che circondava Mos Espa. Per cinque anni, Dralig insegnò a Burke tutto ciò che poteva, prima di soccombere alla malattia e alla vecchiaia. Sebbene fosse un Jedi di talento, l'addestramento di Burke non era affatto completo. Improvvisò come meglio poteva, imparando a usare la Forza in qualsiasi modo gli venisse in mente. Dieci anni dopo il primo arrivo sul pianeta, l'esperienza di Burke con la Forza era aumentata al punto da poter percepire la presenza di altri sensibili alla Forza. Un giorno, mentre praticava questa abilità, fu in grado di rilevare una forte presenza sullo stesso pianeta, al di là del Mare delle Dune.

Decidendo di indagare, viaggiò per tre giorni prima di individuare finalmente la fonte della presenza in una piccola capanna sgangherata. Anche l'occupante avvertì chiaramente la sua presenza, poiché Burke si ritrovò presto sotto attacco, la sua spada laser si scontrò con la lama nientemeno che di Obi-Wan Kenobi, il grande generale delle Guerre dei Cloni. Il suo umore si rasserenò immediatamente nel trovare un compagno sopravvissuto alla Grande Purga Jedi, Burke si presentò come l'allievo del defunto Cin Dralig. La notizia della morte di Dralig causò molta tristezza nel vecchio Kenobi, che aveva servito al suo fianco molte volte nel corso degli anni.

Burke si allenò per diversi mesi con lui, diventando rapidamente più abile nell'uso della Forza. Sfortunatamente, entrambi sapevano che, per quanto Burke lavorasse sodo, non sarebbe mai stato abbastanza potente da resistere all'Impero. Il potenziale grezzo non era mai stato il suo punto forte, non come il Maestro Yoda o Anakin Skywalker. Kenobi gli confermò che il piano di Yoda era ancora in lavorazione e coinvolgeva un individuo con un potenziale dormiente nella Forza, più grande persino dello stesso Skywalker. Dichiarando completato il suo addestramento, Kenobi salutò il giovane Jedi e tornò alla sua casa improvvisata nei canyon del deserto vicino a Mos Espa.

Alcuni anni dopo, Burke non riusciva più a percepire la presenza di Kenobi in nessuna parte del pianeta. Quando, pochi mesi dopo, arrivò in città la notizia della distruzione della super arma dell'Impero, la Morte Nera, Burke non poté fare a meno di ridacchiare. Quel vecchio cane astuto riuscì comunque ad avere la meglio su di loro.

Ora ventiseienne e contento di vivere una vita semplice, Burke trascorreva le sue giornate lavorando come meccanico per un rigattiere locale a Mos Espa di nome Watto. Aveva un guscio esterno ruvido, ma a Burke piaceva piuttosto, e questo poteva significare che il povero Toydarian aveva vissuto una delle vite più sfortunate che si possano immaginare. Molti anni fa, era il rigattiere di maggior successo della città, finché non perse il suo miglior meccanico e schiavo, insieme ai risparmi di una vita, in una scommessa sconsiderata sulla corsa degli sgusci. Sebbene fosse ancora burbero, il cuore di Watto si era addolcito con una grande dose di umiltà negli anni successivi alla perdita. Pagava Burke come meglio poteva, quanto bastava per far quadrare i conti.

Al di fuori del lavoro e mantenendo segretamente le sue abilità Jedi, Burke trascorreva il suo tempo libero nella cantina locale. Anche se normalmente cercava di non associarsi con le squallide persone che frequentavano un locale del genere, continuava a tornare, principalmente per il proprietario e barista, Kana Croft. Era una straordinaria visione di bellezza, gentile e accogliente, e aveva più o meno la sua età. Poteva percepire che lei era molto infatuata di lui fin dal loro primo incontro. Tuttavia, Burke conosceva molto bene il giuramento di celibato insito nell'essere un Jedi, anche se se qualcuno poteva portarlo ad allontanarsi dal giuramento, quella sarebbe stata lei. In molte occasioni, aveva preso in considerazione l'idea di farlo, vedendo pochi motivi per cui dovesse restare fedele ai principi Jedi, ma tuttavia, per qualche motivo a lui sconosciuto, resisteva.

Quel giorno in particolare sembrava tranquillo come il precedente. Aveva appena finito di lavorare ed era entrato nella cantina di Kana. Lo indicò con la mano verso il suo sgabello da bar preferito, sorridendo e passando la mano tra i suoi splendidi capelli rossi mentre lo faceva.

"Il solito, tesoro?"

“Non oggi, grazie, Kana. Fa molto caldo là fuori, quindi per ora solo un po' di acqua ghiacciata", ha risposto.

Non appena ebbe servito il suo drink, Burke avvertì una presenza pericolosa che si avvicinava. Guardandosi casualmente alle spalle, vide un trio di Stormtrooper entrare nella cantina. Mantenendo i suoi modi il più casuali possibile, usò silenziosamente la Forza per ascoltare la loro conversazione.

"Chi stiamo cercando ancora, Capitano?"

“Un Jedi. Vader ha scoperto che Kenobi si nascondeva su questo pianeta, quindi deve esserci dell'altro. Ha detto che ne sentiva la presenza in questa città.

"Vivo o morto?"

“A lui non importa e, personalmente, sono ansioso di scegliere qualunque opzione ci offra le migliori possibilità di sopravvivere. Quindi morto.»

Voltandosi di nuovo verso il bar, Burke ora poteva vedere la preoccupazione e la preoccupazione diffondersi sul viso di Kana. Facendole cenno casualmente di avvicinarsi, le sussurrò: "Non preoccuparti, sono qui per me".

Cercando di mantenere un'espressione più seria possibile, lei rispose: “Tu? Cosa vogliono da te?"

Sospirando, sentiva che dopo averla conosciuta per tre anni si poteva fidare di Kana con il suo segreto attentamente custodito. "Sono uno Jedi."

Mentre lei rifletteva in silenzio sulla sua rivelazione, lui continuò: “Devo uscire da questo sistema il più velocemente possibile. Ho una nave nascosta nei canyon. Per favore ho bisogno del tuo aiuto. Hai una porta sul retro che posso usare?"

Considerando momentaneamente le sue opzioni, prese la sua decisione. «Ti farò di meglio. Sto venendo con te."

Fissandola con uno sguardo preoccupato, disse: "Assolutamente no, questa non è la tua battaglia".

Poggiando delicatamente la mano sopra la sua, lei si avvicinò ancora di più. Poteva sentire il suo dolce profumo diffondersi dal suo collo. "L'anno scorso ho aiutato due spie ribelli a sfuggire alla cattura", ha rivelato. “È solo questione di tempo prima che vengano a prendermi. Per favore, portami con te."

Cedendo, Burke annuì leggermente. Si alzò, muovendosi come se stesse per liberarsi. Mentre si avvicinava alla porta sul retro, sentì Kana dire al suo collega: "Prendi il mio posto, per favore, vado in pausa". Poi la sentì sussurrare all'operaio: "I soli gemelli stanno tramontando".

Incontrando Burke, Kana ha spiegato: “Il mio amico sa da tempo che avrei dovuto scappare ad un certo punto. Questo è stato il mio addio a lei. Prima di uscire dal retro, tirò fuori un blaster DL-44 da un cassetto del suo ufficio, riponendolo nella fondina alla sua destra.

Mentre la coppia usciva nelle strade polverose di Mos Espa, cominciò a dirigersi verso le porte della città dove era parcheggiato lo speeder X-34 di Burke. Le grandi folle di acquirenti e viaggiatori di fine giornata, tuttavia, hanno proceduto piuttosto lentamente. Man mano che si avvicinavano ai cancelli, il numero di truppe imperiali che pattugliavano l'area aumentò notevolmente. Tuttavia, mantennero la calma, semplicemente camminando come se fossero in viaggio d'affari. Purtroppo, quando i cancelli erano in vista, un passante si è scontrato con Kana, facendola cadere in modo tale che lei ha accidentalmente aperto la giacca di Burke, rivelando la spada laser agganciata alla sua cintura.

"Aspetto! Ci sono i Jedi! Spara per uccidere!" gridò uno Stormtrooper.

In un batter d'occhio, Burke estrasse la sua arma, accendendo la lama blu. “Kana vai! Vai allo speeder!”

Mentre un trio di Stormtrooper apriva il fuoco, Burke deviava abilmente i colpi contro di loro, uccidendo all'istante uno dei tre. Approfittando della loro sorpresa, balzò direttamente verso i due rimasti, atterrando in mezzo a loro ed eseguendo una rotazione orizzontale su entrambi. Disattivò la sua arma e corse verso lo speeder, allontanandosi con Kana proprio mentre stavano arrivando i rinforzi.

Volando attraverso il deserto alla massima velocità, lo speeder di Burke fu improvvisamente scosso da un colpo di blaster quasi mancato. Kana sbirciò dietro di loro e trovò due speeder bike imperiali che li inseguivano.

Burke avvertì: "Dobbiamo perderli prima di colpire il canyon, altrimenti ci seguiranno fino alla mia nave".

"Su di essa!" Estraendo il blaster, Kana puntò abilmente verso le speeder bike, colpendone una con il primo colpo. Questi piloti, tuttavia, erano migliori degli altri e riuscivano facilmente a rimanere sul bersaglio. Cambiando tattica, sparò una rapida serie di colpi a entrambi, facendoli a pezzi e portandone uno quasi accanto allo speeder. Mantenendo la mira contro lo scafo, mirò al centro e sparò due volte, facendo cadere il pilota dalla sua corsa.

"SÌ!!!" Kana strillò.

“Bella ripresa! Il secondo è sui nostri sei!»

Mentre stava tentando di ottenere un tiro nitido, il secondo pilota ha mostrato la sua estrema abilità, oscillando abilmente avanti e indietro per evitare la sua vista. "Dannazione! Non riesco a fare un tiro pulito, continua a schivare!”

"Ok, ho un'idea." Burke abbassò il parabrezza e sterzò bruscamente a destra. "Preparatevi a sparare dritto!"

Si livellò rapidamente e premette immediatamente i freni, facendo sì che il motociclista sfrecciasse direttamente oltre di loro. Burke è poi tornato a tutta velocità per non perderlo. "Ok, è proprio al centro, prendilo!"

Kana prese la mira con attenzione e sparò due colpi direttamente nel suo motore posteriore. Mentre il fumo usciva dalla moto, alla fine esplose in una palla di fuoco. "Fatto!" - gridò Kana.

“Gratta due! Siamo a posto, andiamo via da questo pianeta”.

Entrando nell'imboccatura del canyon, Burke guidò lo speeder attraverso il labirinto di formazioni rocciose, arrivando infine a un affioramento appartato contenente la sua nave.

"Bel giro..." si meravigliò Kana.

“Sì, è una classe Defender, costruita su misura per il vecchio Ordine Jedi. Dopo che io e il mio maestro siamo fuggiti dalla Grande Purga Jedi, abbiamo lavorato per modificare a tutti i costi questo bambino. Aggiunto un potente sistema di occultamento, rendendolo completamente non rilevabile. Una volta che saremo nello spazio, nessuno ci troverà a meno che non lo vorremo noi”.

Burke attivò la rampa d'ingresso, ansioso di salire a bordo e decollare. Nella peggiore delle circostanze immaginabili, tuttavia, l'impianto idraulico ha funzionato male, con la rampa bloccata a metà. Mentre la coppia lavorava per riattivare l'ascensore, Burke avvertì improvvisamente una presenza minacciosa avvicinarsi. "Metti in funzione quella rampa, adesso", avvertì Kana. Lei annuì, chiaramente spaventata dal suo cambiamento di comportamento.

Mentre Burke si trovava di fronte allo stretto ingresso dell'affioramento, udì un suono caratteristico, che diventava lentamente più forte. Più si avvicinava, più era chiaro cosa si stava avvicinando. Riconoscendo il caratteristico respiro descritto nelle innumerevoli storie della cantina, presto si trovò faccia a faccia con Darth Vader, il Signore dei Sith.

"Affascinante..." disse la voce da dentro la maschera. “Se non sbaglio, ora mi rivolgo a Burkateer Lark. Sembra che il Padawan abbia acquisito una certa abilità."

Determinato a non mostrare paura, Burke rispose: “Darth Vader. Hai un odore migliore di quello che le storie descrivono."

Osservandosi momentaneamente l'un l'altro, ciascuno era pienamente consapevole delle probabili conseguenze di questo incontro. Mentre lo sguardo di Vader si spostava su Kana, lavorando freneticamente per riparare la rampa, Burke estrasse immediatamente la sua spada laser. "Lasciala fuori da tutto questo", minacciò. "Lei non ha niente a che fare con noi."

"Se questo è ciò che desideri", disse Vader, accendendo la sua lama cremisi, "allora sai cosa devi fare."

Bel tentativo, ma non sto al tuo gioco.

Usando la sua rapidità di pensiero, Burke iniziò a valutare il duello imminente. Vader era rinomato per la sua forza e abilità fisica. Anche la sua portata sarebbe stata il suo vantaggio, e aveva un buon vantaggio di 8 pollici in altezza su Burke. Vader, tuttavia, era noto per muoversi piuttosto lentamente, almeno in piedi. La sua tuta gli rendeva anche impossibile eseguire qualsiasi acrobazia, anche con l'aiuto della Forza. Questo sarebbe il vantaggio di Burke: la mobilità.

Vader si lanciò in avanti, aprendo con un attacco dall'alto comune al suo stile di combattimento. Burke si difese facilmente, anche se sentì immediatamente quanto fossero potenti anche i colpi più semplici di Vader. Cavolo, è davvero forte. Ora, sapendo che un attacco frontale da parte di uno dei due combattenti si sarebbe messo in netto svantaggio, Burke iniziò immediatamente la sua tattica mordi e fuggi.

Mentre Vader aumentava il ritmo dei suoi fendenti, Burke iniziò a utilizzare una strategia semplice ma efficace. Difendendo ogni colpo con leggerezza, in modo da reindirizzare, piuttosto che bloccare con la forza bruta, si spostava continuamente di lato, circondando lentamente Vader. Questo stile era comune anche al vecchio Kenobi; era rinomato per le sue capacità difensive nel fiore degli anni. Quando Vader iniziò a rendersene conto, trasformando i suoi attacchi in colpi di precisione assistiti dalla Forza, Burke fece immediatamente una capriola sul suo avversario.

Colpendo alle spalle di Vader con un colpo orizzontale, rimase stupito dall'abilità con cui il Signore dei Sith si difendeva, semplicemente lanciando la sua spada laser sopra la spalla, eseguendo efficacemente un blocco senza sguardo con una mano sola. Le storie non gli rendono giustizia. Tuttavia, sapeva che a Vader piaceva giocare con la sua preda prima di avvicinarsi all'uccisione. Mentre si voltava verso Burke, il giovane Jedi sapeva che avrebbe dovuto formulare una condizione di vittoria prima che il gioco finisse.

Riprendendo il suo assalto, Vader iniziò a colpire rapidamente da più direzioni in successione, attingendo alle tecniche di combattimento della sua giovinezza. Cominciando a far roteare la sciabola in mano, la potenza dei suoi fendenti salì alle stelle, costringendo Burke a usare manovre acrobatiche complete per evitarli. Avendo bisogno di qualcosa per far pendere la bilancia a suo favore, all'improvviso si ricordò della borsa delle provviste nel suo speeder.

Spingendo rapidamente indietro Vader con la forza per concedersi un momento di respiro, si concentrò con tutte le sue forze, attingendo alla Forza come mai aveva fatto prima. Tese la mano e chiamò a sé la vecchia spada laser del suo padrone dall'interno della borsa. Non appena Vader si riprese, accese la lama verde brillante che teneva nella mano sinistra e assunse una posizione protettiva con entrambe le sciabole orizzontali, una alta e una bassa.

Imperterrito, il Signore dei Sith continuò i suoi attacchi potenti. Burke, tuttavia, era ora in grado di difendersi in modo molto più efficace con la sua seconda lama, riprendendo la sua strategia di accerchiamento. Ora in grado di portare avanti il ​​proprio attacco, il Jedi iniziò a respingere Vader verso l'imboccatura dell'affioramento. Mentre duellavano, Burke udì il suono più paradisiaco del mondo: la rampa d'ingresso della sua nave che si apriva completamente.

Rendendosi conto che la sua preda era sul punto di scappare, Vader attaccò ancora una volta, costringendo Burke a schivare con una serie di capriole all'indietro, mantenendo le sue doppie sciabole in posizione privilegiata per proteggersi mentre era in aria. Mentre muoveva lentamente il duello verso la nave, Kana salì a bordo e iniziò la sequenza del decollo. Burke si ritrovò a difendere una frenetica raffica di attacchi, che portarono alla distruzione della spada laser del suo padrone. Ora costretto a una sciabola con Vader, fu finalmente in grado di disimpegnarsi, lanciandosi all'indietro sulla rampa della sua nave mentre decollava. Nel processo, tuttavia, Burke subì un brutto taglio alla coscia sinistra dalla spada laser di Vader.

Mentre barcollava su per la rampa ed entrava nella cabina di pilotaggio, Burke iniziò ad attivare i sistemi di occultamento mentre Kana programmava le coordinate dell'iperguida. “Ho un contatto amichevole su Corellia. Che ne dici di andare lì?" Ha chiesto.

"Facciamolo", rispose Burke. Due minuti dopo, avevano compiuto il balzo alla velocità della luce, diventando invisibile a tutte le navi ostili. Ansimando e sudando sulla sedia del pilota, Burke non poteva credere di aver effettivamente affrontato il guerriero più temuto dell'intera galassia e di essere vissuto per raccontarlo.

Kana si voltò verso di lui, con la mente che correva a mille al minuto. "Non posso credere a tutto questo... tu, un Jedi... quegli Stormtrooper... lui... è tutto troppo..."

Strofinandole delicatamente la spalla, Burke rispose: “Va bene. Sei al sicuro adesso."

Annuendo, improvvisamente notò la sua gamba. "Dio mio! Sei ferito!"

"Nah, non è niente," cercò di convincerla, ma il suo sussulto al suo tocco era troppo evidente.

“Questo sicuramente NON è niente! Vieni, a letto con te."

Con la nave ora sul pilota automatico, portò il Jedi ferito nei suoi alloggi, facendolo sedere sul bordo del suo lettino. Esaminando la sua gamba, il taglio non sembrava essere troppo profondo, ma il taglio stesso gli aveva quasi tagliato via di netto la gamba dei pantaloni. Strappò l'ultimo pezzo di tessuto dalla gamba, esponendolo fino a metà coscia.

"C'è un pacchetto medico sul muro con del liquido di bacta dentro", le ordinò.

Gli tolse gli stivali e i calzini, prese la medicina dal kit medico e cominciò a curargli la ferita. All'inizio gli fece male, ma i movimenti calmanti della sua mano iniziarono lentamente a rilassarlo. Con la ferita ora pulita, la bendò e si sedette accanto a lui sul letto.

«Sei molto fortunato, lo sai. Il taglio non era troppo dannoso, ma un centimetro o due in più, e avrebbe potuto recidere completamente il tuo muscolo", ha detto.

Alzò le spalle. “Viene con il territorio. I Cavalieri Jedi, guardiani della pace e della giustizia, qualunque cosa accada.

Lei guardò nei suoi profondi occhi azzurri, sbalordita. «Ci ​​credi ancora dopo tutti questi anni? Dopo tutto quello che è successo?»

Lui sorrise. “È tutto ciò che ho mai avuto, tutto ciò che ho sempre desiderato. Cioè, finché..."

La sua mano si spostò lentamente sopra la sua. "…Fino a te."

Quando la tensione tra loro raggiunse il culmine, Kana non riuscì più a trattenersi. Gettandogli le braccia al collo, lo baciò appassionatamente, non desiderando altro che amarlo. Anche se all'inizio era titubante, iniziò lentamente a ricambiare i suoi sentimenti, facendole scorrere la mano sulla parte bassa della schiena. Lei spostò la gamba per mettersi a cavalcioni di lui sul bordo del letto, prendendogli il viso tra le mani mentre continuava a serrare le labbra.

“Burke... voglio solo che tu lo sappia. Questo non ha nulla a che fare con il fatto che sei un Jedi. Non sono una ragazza in deliquio che vuole scagliarsi contro di te per quello che hai fatto per me oggi. Io... ti voglio. Ti desidero dal primo giorno che ci siamo incontrati." Cominciò a sbottonare lentamente la camicia da lavoro blu scuro: "E, se mi avessi, so che mi renderesti la ragazza più felice dell'universo."

Quando ebbe finito di sbottonarsi, lasciò la camicia sciolta, coprendo a malapena il suo seno allettante. Riprendendo a baciare, fece scorrere lentamente le mani sul suo viso e giù fino al collo forte. Iniziò a muovere delicatamente i fianchi, facendo attenzione a non strofinare contro il taglio sulla parte inferiore della coscia, e poteva sentire il suo enorme cazzo diventare duro contro di lei.

Interrompendo momentaneamente il loro bacio per prendere aria, Burke sussultò: “Io... ti voglio anch'io. Dio, ti desidero da così tanto tempo. So che non dovrei farlo, che non è il modo Jedi, ma, nel canyon, onestamente eri tu la ragione per cui sono sopravvissuto. Durante quel duello con Vader, continuavo a pensare a te, sapendo cosa ti sarebbe successo se avessi fallito." Mosse le mani sotto la camicia sbottonata, accarezzandole dolcemente la parte bassa della schiena. “Sei stata la mia forza. Grazie a te ho potuto fare cose che non avrei mai creduto possibili. Se questa non è la vera natura della Forza, non so cosa possa esserlo."

La attirò a sé, baciandola dolcemente. Facendole scorrere lentamente le mani lungo la schiena, iniziò a toglierle la maglietta. Lei alzò le spalle mentre lo faceva, lasciando cadere l'indumento blu sul pavimento della nave. Con i suoi seni nudi ora completamente esposti a lui, gli prese la mano e la posò delicatamente sulla sua tetta sinistra. Quando iniziò ad accarezzarla, la sua mano sinistra si alzò per accarezzarle i capelli rosso intenso, suscitandole un gemito di piacere. Lei gettò indietro la testa, permettendogli di iniziare a baciarle il collo, scendendo lentamente fino al petto.

Arrivando al suo busto, si soffermò brevemente nella valle dei suoi seni prima di prendere in bocca il capezzolo sinistro. La sentì ansimare con desiderio, il che lo stimolò ancora di più, facendole toccare il capezzolo destro con le dita mentre succhiava leggermente. Dopo diversi minuti di questa presa in giro, non riuscì più a sopportare, decidendo che doveva averlo tutto. Scivolando dolcemente dal suo grembo, lei si chinò su di lui e gli baciò leggermente le labbra prima di far scivolare le mani sotto la sua camicia marrone polverosa. Tirandolo su e sopra la sua testa, espose il suo petto forte, indurito dagli anni di allenamento in segreto.

Con una risatina seducente, lo spinse scherzosamente sulla schiena e gli allevò la cintura prima di togliergli delicatamente il resto dei suoi larghi pantaloni neri. Ora, con l'uomo che desiderava completamente nudo davanti a sé, pensava di dover ricambiare il favore. Sorridendo con uno sguardo seducente negli occhi, si tolse gli stivali e slacciò la cintura prima di voltargli le spalle. Guardandosi alle spalle, poteva vedere quanto si stesse godendo lo spettacolo. Aprendo la cerniera dei pantaloni neri, si chinò mentre li faceva scivolare via, scuotendo leggermente il sedere mentre cadevano.

Completamente esposta a lui ora, si avvicinò ai piedi del lettino singolo, strisciando lentamente e con lussuria verso di lui. Lei si librava su di lui, stuzzicandolo per un momento prima che lui attirasse rapidamente il suo viso verso di lui, il suo bacio mostrava più passione e desiderio di quanto avesse mostrato finora. Gemendo di gioia, fu piacevolmente sorpresa di sentire la sua mano che scendeva lungo il suo ventre piatto, arrivando presto alle labbra della sua figa. Mentre lui le stimolava delicatamente il clitoride, immergendola nei suoi stessi succhi, lei continuò a baciarsi e cominciò a scuotere lentamente il suo cazzo.

All'inizio rimase sorpresa dalle sue dimensioni, lunghe circa sette pollici e piuttosto larghe. Interrompendo momentaneamente il bacio, non poté resistere a fare le fusa: "Ora QUELLA è il mio tipo di spada laser..."

Dandole una pacca scherzosa sulle spalle, rispose sarcastico: “Molto creativo. Da quanto tempo aspetti a usarlo?"

Ridacchiando, rispose: “Il gioco di parole con la spada laser? Da quando mi hai detto che eri uno Jedi. Giocarci? Dalla prima volta che ti ho visto per la prima volta..."

Riprendendo il loro bacio, lei si mise a cavalcioni su di lui con cautela, assicurandosi di tenere il peso lontano dalle sue gambe. Mentre lei appoggiava le mani contro il suo petto forte, lui la guidò attentamente per la vita per allinearla con il suo cazzo. Abbassando lentamente la sua figa gocciolante su di lui, gemette di soddisfazione. Un sorriso enorme si allargò sul suo viso mentre cominciava a rimbalzare dolcemente lungo la sua asta, le sue incredibili tette che dondolavano al suo ritmo. Aprì gli occhi e guardò con desiderio nei suoi.

"Non hai idea di quante volte l'ho immaginato", sussurrò senza fiato. "Alcune notti, quando non riuscivo a dormire", disse, iniziando a giocare in modo erotico con i suoi stessi capezzoli, "non potevo fare a meno di darmi piacere... con te. Sentire la tua voce, immaginare le tue mani su di me... certe notti era l'unica cosa che mi faceva andare avanti."

Chinandosi in avanti, con i suoi seni impressionanti che penzolavano davanti al suo viso, continuò: "Ma la cosa reale è molto meglio di così..."

Incapace di controllarsi oltre, lui le afferrò la vita sottile, tenendola sopra di sé, e cominciò a martellarle il cazzo dentro a un ritmo vertiginoso. I suoi gemiti di piacere ed estasi non facevano altro che stimolarlo, rifiutandosi di darle nemmeno un momento di tregua. Aveva bisogno di lui, come lui aveva bisogno di lei. Quando la coppia cominciò a raggiungere l'orgasmo insieme, lui finalmente emise l'ultimo pompaggio, espellendo il suo seme nel grembo di lei con un gemito gutturale...

Guardandola, ansimante e sudata, Melody semplicemente sorrise a Mike. "Bentornato", fece le fusa.

Salutandolo con un dolce bacio, si meravigliò della fantasia che la coppia aveva appena vissuto. "Sei un maestro molto divertente e creativo", disse, ficcandogli il naso scherzosamente mentre si sdraiava sopra di lui.

"Che cosa? A causa delle mie fantasie da nerd?" chiese Mike sarcasticamente, tornando lentamente alla propria coscienza.

Ridacchiando, Melody rispose: “Certamente. Molti di coloro che sperimentano fantasie non riescono a pensare a nulla al di fuori della parte sessuale delle cose. Tu, d'altra parte, avevi una storia avvincente, personaggi interessanti, per non parlare dell'azione davvero buona.

Sedendosi, si strofinò leggermente gli occhi. "Quindi, stavamo davvero facendo sesso, dato che i nostri personaggi erano nella fantasia?"

"NO. In sostanza, dormivamo entrambi sul divano tutto il tempo. Ora che la fantasia è finita, però, possiamo ancora sentirne tutti gli effetti, come probabilmente puoi vedere. Per esempio..." Si avvicinò al suo orecchio, sussurrando: "Posso ancora sentire il tuo cazzo palpitante nella mia figa."

Dimenandosi all'immagine mentale, Mike chiese: "È per questo che i miei boxer sono inzuppati del mio stesso sperma?"

"Beh, non lo so... controlliamo e vediamo." Facendogli scivolare i pantaloncini da ginnastica fino alle ginocchia, rivelò il suo cazzo flaccido, ancora ricoperto della sua appiccicosità. Iniziò a leccargli l'asta come un lecca-lecca, gemendo di gioia. “Mmm... questo è sicuramente il tuo sperma. Ha un sapore meraviglioso.

Visto che erano quasi le 8:00, Mike decise che un po' di relax serale era d'obbligo. "Desidero che la mia energia sessuale sia completamente ricaricata così da potermi godere una bella, lunga e rilassante sega dalla mia splendida ragazza."

Formicolare. Veloce.

Immediatamente, il cazzo di Mike si alzò alla massima attenzione. Melody lo fece sedere sul divano, porgendogli il telecomando della TV. "Perché non vediamo cosa succede mentre esaudisco il tuo desiderio?"

"Per me va bene." Mike ha sfogliato i canali prima di stabilirsi sul canale in cui vengono riprodotte le repliche di Seinfeld. Mentre guardavano, non poteva fare a meno di rimanere impressionato da Melody, che era in grado di godersi l'assoluta ridicolaggine dello spettacolo senza mai perdere un colpo della sua magistrale sega. Lo accarezzò lentamente, prestando di tanto in tanto attenzione alla sua testa sporgente, prima di scendere più in basso. Poteva dire che si stava assicurando che lui si godesse il viaggio il più a lungo possibile, e sicuramente non si stava lamentando.

Mike ha avuto difficoltà a prestare attenzione allo spettacolo in TV, poiché la vestaglia di raso nero di Melody aveva iniziato a scivolarle sulle spalle, rivelando la parte superiore del suo incredibile seno. Oscillarono e rimbalzarono leggermente mentre lei si avvicinava al tavolo, pompando un po' di lubrificante da una bottiglia sul tavolino. Non c'era un minuto fa, vero? Lei sorrise maliziosamente; sfregandosi le mani e ricoprendo il suo cazzo con il gel fresco e scivoloso.

"Ooh, che bello..." mormorò Mike.

Riprendendo ad accarezzarlo tranquillamente, ridacchiò. "Ho pensato che ti sarebbe piaciuto."

Un attimo dopo è iniziato l'episodio successivo di Seinfeld. Esilarante, è stato uno degli episodi più famosi di sempre, "The Contest". Mentre i personaggi scommettevano su chi sarebbe riuscito a resistere più a lungo senza farsi una sega, Melody non poteva fare a meno di ridere. "Sai, vinceresti quel concorso a mani basse."

Inarcando il sopracciglio, Mike rispose: "Come chiami quello che stai facendo in questo momento?"

“Masturbazione in coppia, stupido. La scommessa è sull’autogratificazione”. Lei ridacchiò, continuando: "Onestamente, potresti non aver mai più bisogno di masturbarti."

"Beh, sono ancora un ragazzo, ma con un genio del sesso così bello come la mia ragazza, suppongo che tutto sia possibile", rifletté.

Alla fine dell'episodio, Mike poteva sentire il suo orgasmo crescere lentamente. Melody spense l'audio della TV e si inginocchiò davanti al divano davanti a lui, guardandolo seducente negli occhi mentre aumentava la velocità delle sue pompe. La vestaglia di raso le pendeva ancora sulle spalle, nascondendole appena le tette. Mentre Mike li fissava, le venne un'ottima idea e disse con voce sensuale: "Vuoi scoparteli?" Stordito dal suo suggerimento birichino, Mike poté solo annuire affermativamente in risposta.

Sorridendo, si spostò per alzarsi più in ginocchio, tirando il fiocco della sua veste e lasciandola cadere a terra. Prese la bottiglia di lubrificante dal tavolino, spruzzandone un po' sulle mani, e cominciò a strofinarselo sensualmente sulle sue magnifiche tette coppa D. Chiaramente divertendosi, non poteva fare a meno di pizzicare i capezzoli mentre si lubrificava, ansimando in risposta alle proprie mani. Mike pensò per mezzo secondo che lei avrebbe potuto esagerare con quella reazione a suo vantaggio, ma poi ci ripensò; sapeva per esperienza diretta quanto fossero sensibili i suoi capezzoli.

Con i seni ora adeguatamente lubrificati, Melody lo tirò in avanti sul sedile in modo che fosse un po' stravaccato con il sedere proprio sul bordo del cuscino del divano. Mentre lei si chinava sul suo inguine, Mike improvvisamente si ricordò del suo pompino di ieri.

"Fascia per capelli, per favore." La sua fascia nera ricomparve, garantendo una visione perfetta di ciò che sarebbe successo.

Muovendo i suoi impressionanti globi sul suo cazzo, cominciò a strofinarlo delicatamente, prima con la destra, poi con la sinistra. Aumentando gradualmente la velocità delle sue alternanze, presto si ritrovò praticamente a muovere il suo cazzo con le sue tette. Alla fine, rallentando il passo fino a fermarsi mentre lui gemeva di piacere, posizionò i suoi seni direttamente sopra il suo membro gonfio. Stringendoli insieme sul davanti, formò un piccolo tunnel nella sua scollatura con cui poteva scoparlo. Premette il busto sulla punta del suo cazzo, prendendolo lentamente tra le sue gloriose tette. Pochi secondi dopo, vide finalmente la sua punta riemergere dalla sua valle. Tenendolo lì per un momento, diede alla sua mancia un bacio veloce, ridacchiando mentre lo faceva, prima di decidere che era ora di portarlo sulla luna.

Melody cominciò ora a far scivolare il suo cazzo dentro e fuori dalla sua scollatura ad un ritmo moderato, senza mai lasciare lo sguardo. Mike era completamente senza parole; non sapeva cosa fosse più sexy, la spagnola, guardare la spagnola, o l'incredibile espressione di lussuria e desiderio sul suo viso. I suoi occhi color smeraldo si fissarono nei suoi, la sua velocità ora aumentò fino a raggiungere un ritmo maniacale, facendo strabuzzare gli occhi di lui per la sorpresa e il piacere. Non osava distogliere lo sguardo; non voleva perdere un solo momento di questa esperienza strabiliante. Mentre il suo respiro diventava più profondo e roco, quel sorriso malvagio continuava a diventare sempre più grande sul suo viso, Mike sapeva di non avere molto tempo.

"Se continui... così... ti ritroverai con un... gran pasticcio... da sistemare," riuscì ad ansimare Mike.

Sorridendo maliziosamente, rispose semplicemente: "Questa è l'idea".

Mantenendo alto il ritmo, Melody ha finalmente tirato fuori la sua carta vincente. Stringendosi il seno più forte che poteva, facendo sporgere gli occhi di Mike per questa ritrovata tensione, allungò la testa verso il basso e leccò scherzosamente la punta del suo cazzo ogni volta che si avvicinava a lei. Le sensazioni visive e fisiche combinate furono la goccia che fece traboccare il vaso, facendo sì che Mike oltrepassasse il punto di non ritorno. Melody, sentendo che la sua fine era vicina, aumentò la ferocia dei suoi movimenti a un punto che nessun essere umano normale avrebbe mai potuto sperare di sostenere. Fissandolo dritto negli occhi, pieni di insaziabile lussuria, non riuscì nemmeno a pronunciare una parola di incoraggiamento prima che iniziasse la sua eruzione.

Mike grugnì e gemette in estasi, senza mai distogliere lo sguardo dall'incredibile spettacolo di fronte a lui. As he spewed stream after stream of thick, juicy cum, coating Melody’s neck and gorgeous tits, his passion was only prolonged by her unbridled joy in causing his orgasm. Finally coming down from his climax, he managed a few breathless words.

“That’s one hell of a grin. Which do you love more? Making me cum, or being covered in it? I honestly can’t tell.”

Giggling lustfully, she wiped a dribble of his cum with her middle finger and licked it clean, her eyes never leaving his. “Both,” she replied in a husky voice.

“Well, I wish for a warm, moist towel so I can clean up my exceedingly dirty girlfriend. And once I’m done cleaning her up, it’s her turn…”

Tingle. Flash.

Instantly, Mike was holding a green towel, steamed to the perfect heat and wetness. Leaning forward on the sofa, he began wiping the valley of her cleavage, working straight up between them and up to her chin. Sweeping the front half of her neck gently, he then sensually began to clean her shoulders, kissing her forehead in the process. Making his way down to her tits, he cleaned each individually, paying extra attention to her nipples. As she squirmed in anticipation, he cupped her face in his hands. After a long kiss, he vigorously wrapped his arms around her torso, pulling her up and onto the sofa in one swift motion.

As Melody laughed in surprise and excitement from his sudden exercise of control, Mike knelt on the floor in front of the sofa, just as she had done a few moments before. Running his hands along her inner thighs, her eyes rolled back into her head, savoring the moment. He pulled her forward on the sofa, her pussy now resting at the edge of the cushion, and reached his hands up to fondle her breasts and nipples. Beginning to kiss her legs, slowly working his way toward her damp pussy, he could clearly see just how horny jacking him off had made her. Tracing her outer lips with the tip of his tongue, he took in her delicious juices, bringing a smile to his face.

“You taste… so good,” he whispered.

“R-really?” came her surprised reply.

“Mmm hmm. It’s like honey, or sweet nectar. It’s intoxicating. Addictive.” He lightly licked her between his descriptions.

“Well, then… quit talking and make me cum already…”

Resuming his worshipping of her womanhood, he began lapping her steadily from the base of her lips all the way up to her clit. Although she squirmed and buckled, Melody did an admirable job of helping him stay on target, gently placing her hands on the back of his head and running her fingers through his hair. He smiled to himself, exceedingly proud of how much he was making her lose control, and slipped his middle finger into her dripping slit. Hearing her breathing become increasingly heavy at the dual sensations occurring, he then began flicking her clit with his tongue. Unfortunately, he soon realized that his tongue’s stamina wouldn’t allow him to keep this up much longer. Until, of course, he remembered that he was eating a sex genie.

I wish any time I pleasure you that my tongue would never run out of strength.

Tingle. Flash.

Now reinvigorated, Mike’s tongue licked and flicked with drive and purpose, only to be satisfied when Melody became a moaning puddle of orgasms. Sensing from her vocalizations that she was extremely close, he now began sucking her swollen clit and curling his finger to massage her g-spot. Melody’s eyes bulged, her hands latching onto the backrest of the sofa in a death grip. With a few final tickles of her g-spot, he blew an intense stream of cool air on her clit, sending her over the edge, screaming and moaning all the while. Her sweet juices gushed from her womanhood, soaking the sofa and sticking to Mike’s stubble. She twisted and writhed, her words little more than incoherent babbling. After a solid five minutes, she finally came down to earth, seemingly in a trance-like state. Mike moved to sit next to her on the sofa, kissing her cheek.

“I love you,” he whispered. The words themselves were enough to send her spontaneously rocking into another mini orgasm.

“Holy shit! I came again, and you didn’t even touch me!”

Chuckling, he started, “Well, that’s because I lo-”

“Stop right there mister!” she interjected. “I believe you, I love hearing it, but I can’t really handle another one of those right now.”

Relenting, he sat back on the sofa as Melody rested her head on his shoulder. Sighing contentedly, she asked, “So, what’s going on for tomorrow?”

Going through things in his head, Mike responded, “Well, no formal rehearsals this week with my audition this Friday and… oh crap.”

"Cosa c'è che non va?"

Mike sighed, mad at himself. “I have the biggest audition of my life in less than a week and I haven’t practiced in two days. In professional music, that’s like a supermodel going to get a Big Mac. You just don’t do it.”

Running her fingers through his tussled hair, Melody purred, “Oh, my poor, poor Master. If only he could realize the full potential of his genie’s powers in order to balance his work and sex lives.”

“Wait, are you saying you can help fix this? I thought your powers were only for sexual purposes?”

Nodding, she replied, “They are.”

Now thoroughly confused, Mike asked, “Then what wish could you possibly grant that would help in my music career and the upcoming audition?”

“I’m sorry, but I’m not allowed to tell you that. You have to answer that question for yourself,” she said, frowning slightly.

“Ok, let me think…”

Mike pondered the situation for several minutes in silence, running through different scenarios in his head. Half a can of Coke later, he had arrived at a wish he thought might fit the bill perfectly.

“Alright, I think I have a wish. Let me know if any of this won’t work,” Mike said. “I wish for all of my musical abilities, range, stamina, tone, technicality, musicianship, and so on, would increase every time we have sex, experience a fantasy, or are intimate in any way, shape, or form. The increase would be no less than the benefits I would receive from a day of practicing, and potentially more, depending on the intensity of the sex. All of that within your parameters?”

With a sly look on her face, she responded, “Yep, I can do that.”

His eyes lit up, showing his extreme pride in having found the solution she had alluded to. “Oh, one other question. Is it possible to retroactively apply the effects of this wish to all of our encounters since I first met you?”

Melody closed her eyes for a minute, appearing to search for an answer in the deep recesses of her mind. “…Just barely,” she finally replied.

Tingle. Flash.

Mike now felt the tingling envelope his lips, lungs, and mind. He felt great, as if he could perform a three-hour recital right then and there, no warm-up required.

This is gonna come in real handy…

“I take it you’re pleased?” Melody asked, running her hands over his chest.

Taking her hands in his, he kissed her knuckles sweetly, replying, “Very.”

She giggled. “Well then, it seems we have quite a bit of ‘practicing’ to do this week, don’t we?”

“Yes, yes we do,” he said, laughing. “Truthfully, though, there’s still no substitute for real honest hard work. Especially when it comes to career defining auditions.”

“I suppose that’s true. And step one is a restful night’s sleep, correct?”

Seeing that it was now nearing 10:00, and his plan had always been to get up early on Monday for a long day of preparation, he agreed. The pair strolled back to their bedroom, turning off all the lights in the apartment as they passed them. Melody hung her black robe up on a door hook, and Mike discarded his boxer briefs in the laundry hamper. Crawling into their king-sized bed, Melody snuggled up into her favorite position in the world: curled up in the crook of Mike’s arm, her head on his chest.

“Want me to wake you up again tomorrow?” she asked sweetly.

“Sure,” he said, smiling. “6:30 work for you?”

“Sounds wonderful,” she said with a contented sigh.

Mike reached over to switch off the lights, curling up with the girl of his dreams in his arms. Minutes later, they were sound asleep.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

610 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Il compagno di un demone Parte 1: Il mio inizio

NOTA: NON c'è sesso in QUESTA PARTE della storia. Prometto che nei capitoli a venire ci sarà un sacco di sesso caldo e lussurioso. Questa è solo l'introduzione. Ero semplicemente seduto sul divano, a guardare un documentario su The Dark Ages. Era interessante. Quindi vedi praticamente il mondo intero andare all'inferno. All'improvviso, il mio telefono stava facendo rumore. Era il mio ragazzo. Beh, era una specie di mio ragazzo. Non ci eravamo mai incontrati nella vita reale. Ci siamo conosciuti tramite un sito web di amici di penna. E da allora avevamo sviluppato una vera relazione. Ha vissuto in Gran Bretagna...

1.5K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

927 I più visti

Likes 1

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

625 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.7K I più visti

Likes 0

Signor Malcom

Lo so disse Samantha al telefono mentre entrava in casa della signora Parker. Samantha è una badante di ventiquattro anni per un uomo di sessanta anni di nome Daniel, che vive con la sua unica figlia all'interno della sua casa con due camere da letto. Ora Daniel può ancora camminare e parlare, ma ha iniziato a perdere la memoria da quando sua moglie è morta tre anni all'età di cinquantasette anni a causa di un tumore al cervello. Il signor Malcolm non era più stato lo stesso da quando era morta. Quindi, Malcolm, la figlia paga a Samantha dieci dollari l'ora...

1.5K I più visti

Likes 0

Desideri Proibiti - Parte 3

Susan Ramsey percorse il corridoio accanto a una fila di aule della scuola dove frequentava la seconda media. Indossava una gonna corta e un top attillato che a malapena rispettava il codice di abbigliamento della scuola. Bionda e con gli occhi azzurri, era ben sviluppata per una dodicenne, con un seno vivace e in erba e un culo carino che stava appena imparando a usare a suo vantaggio con i ragazzi. Non sapeva molto di sesso, ma sapeva una cosa per certo: praticamente ogni uomo che incontrava, giovane o vecchio, aveva un desiderio irrefrenabile di entrare nelle sue mutandine. Tecnicamente ancora...

1.4K I più visti

Likes 0

La prima scopata di Julia

Questa è la mia prima storia, quindi per favore dimmi cosa ne pensi! Julia era una matricola di quindici anni. Era poco più di 5'2 e aveva una figura ad eliminazione diretta. Era una di quelle ragazze piccole e formose. Aveva tette 32C e una vita minuscola che svaniva in un culo perfettamente rotondo. Aveva un viso spigoloso con labbra carnose e una pelle color avorio cremoso. Lunghi capelli castani le scendevano lungo la schiena. Ma la sua caratteristica più sorprendente erano i suoi occhi. Erano grandi, intelligenti e di un blu brillante, seminascosti sotto un ventaglio di ciglia scure. Ben...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.