Il migliore amico di un fratello

604Report
Il migliore amico di un fratello

Il migliore amico di un fratello
Di DRMillennium:
Dichiarazione di non responsabilità su taglio/incesto NC-17:


Non ho creato e non possiedo alcun personaggio multimediale facilmente riconoscibile. Non ho alcun accordo, legale o di altro tipo, con i creatori o i proprietari. Questo è puramente per divertimento: non ho fatto, non cerco e non accetterò alcun profitto per questo. Questa storia non intende in alcun modo riflettere sulle vite o sugli stili di vita degli attori/attrici che originariamente interpretavano i personaggi. Non ho altro che affetto affettuoso e rispetto per loro, per avermi dato così tanto divertimento, e nessuna mancanza di rispetto è intesa in nulla qui.

A questo punto, Virgil e John, dopo aver stabilito la loro relazione, hanno allestito una seconda casa per lavorare e giocare nel loro frutteto di campagna appena fuori Bengtsfors, in Svezia, sono tutti accoglienti e ordinati, finché John non scopre che Virgil ha invitato un 'ospite ' per restare. Quindi gente, preparatevi per il fattore 'Hmmph'...”


"Il caffè è pronto, siediti", disse John mentre Virgil entrava dall'esterno. «Certo, non appena mi lavo le mani. Torno subito; vai avanti, bevi se vuoi,” rispose Virgil notando che John non gli aveva risposto, ma si era limitato ad annuire. Aveva il naso sepolto in quella che a Virgil sembrava essere una stampata via internet di alcuni articoli del quotidiano principale di Stoccolma.

“Ah! Questo sarà un grande giorno! esclamò Virgil dopo essere tornato al loro angolo colazione, sistemandosi per versare la sua prima tazza della giornata. "Lo dici sempre... dopo che hai fatto una 'piccola visita' con lui", disse seccamente John, continuando a leggere. “Beh, è ​​solo vero; Non posso farci niente se dà un po' di entusiasmo alla mia giornata", sospirò Virgil prima di berne un sorso. "È una sensazione felice, quasi vertiginosa", ha seguito il suo pensiero dopo aver deglutito. "Dillo..." John lottò duramente per reprimere uno sbadiglio, rendendosi conto dai sospiri e dalle esclamazioni di Virgil che lo ignorava.

"... e oh, quando è con la signora Olson e finalmente mi vede, riesce a malapena a controllarlo!" Virgilio scoppiò in una calda risata. “Sì V… ho gli occhi… i cani sono così; in effetti, quello ha bisogno di fare un po' di più i compiti di obbedienza”, John sospirò e alla fine smise di leggere. Ci volle quasi tutta la sua abilità diplomatica e il suo tatto per non alzare gli occhi al cielo quando vide come quelli di Virgil brillavano di gioia.

"Obbedienza? Beh, va in classe e la signora Olson dice che è molto bravo, il più intelligente lì dentro. Per quanto riguarda il resto... è semplicemente amorevole, amichevole e felice. Gli manchi anche tu, lo sai. La signora Olson dice che tutto ciò che deve fare è menzionare il tuo nome e lui si eccita! “Hmmm, non mi chiedo; ogni volta che lo vedo, praticamente cerca di montare la mia gamba, anche la tua, quando siamo insieme. Ora che ci penso proprio ora, è quasi maleducato ", John tagliò la voce con freddezza mentre tornava alla sua lettura.

"Awww, beh... è solo giovane... ancora un bambino per certi versi e per altri no, così caldo e tenero!" Virgilio emise di nuovo un sospiro celestiale. “Prende il nome dal Sole, anche la tua merce in commercio; è un nome inglese e non svedese: "Sunny". La signora Olson adora esercitarsi con l'inglese.

"Beh, solo mera curiosità, intendiamoci, ma mi stai dicendo che 'esso', 'lui', ehm... Sunny cioè, risponde all'inglese non solo allo svedese?" John azzardò una domanda. “Oh, è davvero intelligente, risponde a entrambi. Accidenti, non c'è da stupirsi se lo amo così tanto! Fino alla 'T' è proprio come te, John! Virgil si voltò e si diresse verso la cucina per controllare i muffin che aveva messo in precedenza, canticchiando una melodia mentre lo faceva.

“Oh, perché certo…” John iniziò la sua frase poi si fermò bruscamente quando si rese conto, dopo che Virgil aveva lasciato la stanza, proprio esattamente quello che aveva detto. Successivamente, non perse tempo e si precipitò in cucina dove trovò suo fratello con i guanti da forno, che prendeva la teglia di muffin che aveva appena finito di cuocere nel forno.

“Io... io ti ricordo... di un cane? È questo che mi stai dicendo? John si drizzò in tutta la sua statura alta; le sue mani erano sui fianchi e i suoi occhi lampeggiavano di indignazione e incredulità. "Cosa ti infastidisce? Parla di alcune persone che sono irritabili prima di colazione ”, Virgil ha sistemato i muffin su un piatto grande, aprendoli a ventaglio per raffreddarli, oltre ad annusare i muffin ai mirtilli con soddisfazione.

“Virgil... per favore esci dal paradiso dei muffin per un minuto- PARLAMI! Ti rendi conto di quello che hai appena detto?" “Sì, ho detto che Sunny, dolce, amorevole, bella, intelligente Sunny è proprio come te, quindi qual è il problema? È vero!" La voce di Virgil era piena di desiderio malinconico e i suoi occhi e il suo viso brillavano di quel magico sguardo d'amore che John conosceva così bene, tuttavia, questa volta, più vedeva suo fratello minore brillare e tubare, più alimentava il suo carattere.

"Qual è il problema... dice," John fece un'alzata di spalle gallica. "Qual è l'accordo? L'hai detto di nuovo, te lo ricordo, che in effetti sono un cane... un cane? Bene, l'ultima volta che ho guardato, non indossavo una pelliccia permanente, né possedevo una coda lunga e folta. In effetti, quello che possiedo ", John ha proceduto a indicare il suo didietro," non scodinzola! Gli occhi azzurri di John lampeggiarono di un fuoco furioso, cosa piuttosto insolita per lui.

“Hmmph, un cane! Ho la 'bellezza e l'intelligenza' e... e" farfugliò cercando di trovare le parole e si stava arrabbiando di più per non riuscire a trovarle. "Sai, in alcuni paesi, ad esempio in Polonia, dire una cosa del genere sarebbe considerato un insulto... parole di combattimento!" “Bene,” ribatté Virgil, “nel caso non l'avessi notato, siamo in Svezia…non in Polonia,” continuò calmo, tirando fuori dall'armadietto una ciotola che avrebbe usato per iniziare a preparare alcune uova per strapazzare.

"Sì, lo so e so anche che non sono polacco, nel caso me lo ricordassi!" John ha continuato a scattare. “Ma non è questo il punto, il punto è che non apprezzo il paragone, neanche un po'. Ad esempio, abbaio? “Ebbene”, rispose Virgil, decidendo di sedersi invece di portare a termine il suo compito, “comunichiamo tutti a modo nostro; lui ha la sua strada e tu hai la tua…” disse le parole con calma.

"Beh, nemmeno io ho le pulci!" John si alzò ancora; era mezzo imbronciato, cercando di pensare a possibili contrasti che avrebbero rafforzato la sua argomentazione. «Be', nemmeno lui. Sunny ottiene la migliore medicina di prevenzione per questo ", ha detto Virgil. “Va bene, va bene...” rispose John. “Bene, proviamo questi per la taglia. Ti ho mai lasciato una “spiacevole” sorpresa in mezzo al tuo prezioso orto? O "innaffiato" dovremmo dire i tuoi alberi da frutto o i tuoi cespugli di rose per quella materia? John decise di sedersi all'estremità opposta del tavolo della cucina, usando le mani, gesticolando appassionatamente per sottolineare i suoi punti.

«No, non l'hai fatto. Ma nemmeno Sunny. Ogni volta che viene qui, la signora Olson e io lo portiamo sempre dall'altra parte della strada da casa nostra a quella "terra libera", penso che la chiamino. Ci avvisa sempre in anticipo così abbiamo tutto il tempo per portarlo laggiù in modo che possa fare i suoi affari - è molto premuroso in questo modo...” Virgil stava per completare la sua frase dicendo “proprio come te, ma ha pensato che fosse meglio, dato che la faccia di John aveva letteralmente un "non osare!" come messaggio di avvertimento praticamente scritto dappertutto.

“Accidenti John, per essere così piegato fuori forma … non capisco. Ami gli animali, soprattutto i cani; ami Sunny, so che lo ami...» «Sì, Virgil, è tutto vero, ma... tu, proprio non lo capisci, vero?» John sospirò; questo stava diventando faticoso. Odiava litigare, odiava litigare con chiunque, Virgil in particolare; tali esplosioni emotive erano insolite per lui, andavano contro il suo carattere: non gli piaceva il disturbo all'equilibrio interiore e all'armonia che causavano, cose che cercava di mantenere.

“Beh, devi pensarci; prova a vedere le cose dal mio punto di vista. Vabbè, ora è solo astratto, forse un po' più tardi...” John cercò di finire e successivamente si calmò.

"Beh, ehm... in realtà, non è così... uh... 'astratto' come dici", Virgil pronunciò la frase con attenzione. "Cosa intendi?" John rispose incuriosito, ma ugualmente con un crescente motivo di preoccupazione, quando vide uno sguardo sul volto di Virgilio, simile a quello di un bambino che sta per confessare qualcosa. “Beh… tanto vale che ti arrabbi tutto in una volta – avremo un ospite, per due settimane – Sunny verrà qui. Sarò dog sitter. Verrà qui... domani in effetti.


“COSAAAA? Dog sitter? DOMANI? Quando hai deciso su questo... QUANDO?" John praticamente balzò dalla sedia; i suoi occhi erano pieni di incredulità. "Onestamente, non è stato qualche minuto fa, come la tua reazione sta cercando di implicare", si alzò anche Virgil, in segno di rispetto per il suo amato fratello, ma la sua voce e il suo comportamento erano ancora calmi e fermi. “Ieri sera era tardi; non eri disponibile Eri a una conferenza; bene, tornando da uno da Stoccolma.

“Non potevi chiamarmi vero? Come se non avessi un cellulare con me, giusto? Sei andato avanti e hai preso questa decisione... senza consultarmi, è così? Non ci credo... NON CI CREDO! Di tutte le volte... che tu cerchi di imitare, no, di comportarti proprio come Scott, quando fa il suo "fratello maggiore è al comando...". Perché adesso, perché adesso? John non solo si stava arrabbiando di minuto in minuto, ma questo lo stava anche scioccando oltre a ferire i suoi sentimenti; Virgil non si era mai comportato così con lui prima.

“Non sono riuscito a contattarti John; Mi dispiace davvero, non c'era tempo. Il bisogno era urgente e dovevo prendere una decisione, quindi ne ho presa una. Il signor Olson mi ha telefonato; lui e la signora Olson hanno ricevuto una chiamata d'emergenza: devono lasciare il paese... degli affari da sbrigare a San Paolo, in Brasile. Non poteva aspettare e Sunny aveva bisogno di cure mentre erano via. So che sei arrabbiato... ma... c'era bisogno di me.

Non potevo vedere la spesa di mettere Sunny in un canile e... sono così impersonali inoltre, Sunny è un cane da compagnia... ha bisogno di compagnia umana e... io... beh... l'idea che fosse rinchiuso in qualche gabbia quando sapevo bene beh, sarebbe stato al sicuro ea suo agio qui... non potevo... non mi andava bene. Così mi sono offerto volontario. Era anche la cosa del buon vicinato da fare: sono i nostri vicini, anche bravi e beh... quando si tratta di questo... non vedo l'ora di prendermi cura di lui... lo amo", Virgil incrociò le braccia con calma sul petto; i suoi piedi erano piantati divaricati in una posizione che John sapeva significava che sebbene il suo tono fosse di scuse, Virgil aveva preso la sua decisione e non l'avrebbe cambiata.


“Conosco quello sguardo; non devi dirmelo due volte... la prossima cosa che so, mi dirai che questa è quasi come una missione di 'Salvataggio internazionale': Virgil salva Sunny dall'essere tenuta prigioniera in un canile gestito da Hood! La voce di John era sarcastica, pungente; agitò la mano in aria, maledicendo dentro di sé il fatto di sapere che questa parte, vedere un bisogno e agire di conseguenza senza esitazione, faceva parte del carattere di Virgil come uomo, una parte che John sapeva di amare teneramente.

“Bene, cosa mangerà? Non rimprovererò al nostro "ospite" il buon cibo e l'acqua di sorgente... non lo farei mai... ma scommetto che questo cane è un lavoro che richiede molta manutenzione", ha detto John. "Ha un buon mix di cibo, ne prenderò un po 'oggi e per quanto riguarda" manutenzione elevata ", beh, quando sei nel tuo 'Mr. In modalità Inventore, mi sembra di trovarmi a cuocere un sacco di muffin di crusca, biscotti di farina d'avena, pagnotte di pane ai 9 cereali, oltre a conservare varie focacce, miscele di frutta, frutta e formaggi in un ampio brodo ", Virgil ha agitato le mani a il suo robot da cucina e la macchina del pane. "Non lo disapprovo e non mi dispiace nemmeno", concluse.

"Grazie per non aver aggiunto che 'siamo così simili' hmmph!" John storse il naso sbuffando. "So che era implicito... 'alta manutenzione' davvero", John si fermò per un momento; non voleva più dare a Virgilio spunti su cui poter fare paragoni.

"Va bene", disse John; “Dove andrà” quando dovrà essere rilasciato? Non i tuoi giardini, ne sono sicuro! "Non c'è problema. Gli sto sorvegliando un'area, poco distante dalla casa. Sarà facile per lui; c'è un vecchio ceppo d'albero lì. Stavo per farlo sradicare, ma ora tornerà utile. Inoltre, avrò lì anche il mio rastrello e la pala di scorta, oltre a una carriola. Comprerò un po' di terra fresca oggi così posso scavare e seppellire adeguatamente i suoi affari", rispose con calma Virgil.

"Quel ceppo d'albero... molto utile davvero e il resto... quanto sei premuroso... e sarai responsabile di portarlo 'fuori' ovviamente?" La voce di John era ancora tagliente.

"Certo, mi prenderò la responsabilità, posso farcela", la voce di Virgil era ancora ferma e calma. "Ok bene. Bene, e i tappeti, i nostri tappeti persiani? Che mi dici di eventuali, ehm... incidenti?" Giovanni ha risposto. “Pagherò per qualsiasi pulizia, anche i persiani; potrebbe essere costoso ma beh, gli 'incidenti' possono succedere ", ha detto Virgil mentre John taceva pensieroso, notando che queste cose si applicavano anche alle persone, quindi decise di lasciar perdere, non volendo augurarsi altri problemi a se stesso .

"Beh, è ​​solo per due settimane, John..." disse John mentre finalmente rompeva il silenzio di stallo dopo pochi minuti, sospirando mentre si sedeva. "Domani... e... hmmm la prossima settimana..." disse piano. “ Quasi dimenticavo... te ne sei dimenticato! Sai cosa sarebbe stata la prossima settimana, vero? John fece trasalire Virgilio balzando di nuovo in piedi in un misto di angoscia e rabbia.

“Non è l'anniversario del nostro stare insieme; Non lo dimenticherò mai, quindi?" Virgil rispose con voce interrogativa. “No, non è quello. Doveva essere il mio turno, la mia settimana... amico oh, amico; ora sarà tutto rovinato! Tutto ciò dovrà essere rimandato... demolito e non vedevo l'ora di farlo, per tutto il viaggio di ritorno da Stoccolma era nella mia mente! vedendo lo sguardo ancora perplesso di Virgil, gli occhi azzurri di John si accesero di nuovo nel doverglielo ricordare.


“Prima di lasciare Stoccolma, ho telefonato a DHL e ho scoperto che il mio completo da letto, le lenzuola, le federe ei miei soffici asciugamani erano arrivati. Stavo per decorare la nostra zona bagno e il nostro letto! Io, finalmente, dopo tutto questo tempo... finalmente ho avuto il coraggio di comprare qualcosa che desideravo da anni: lenzuola, piumino, federe e asciugamani... in rosa rosa, il mio colore preferito! Solo tu e Kyrano sapete che è il mio colore preferito, lo è da secoli!

Non potevo averli prima. Ho scelto a mano questo set, un floreale color rosa con rose sopra e bordi in oro antico per rifinire i lati, anche alcuni soffici asciugamani color rosa, diversi set completi! Li ho comprati dagli Stati Uniti, un negozio specializzato... e le lenzuola... sono a 1000 fili, 100% cotone egiziano! Ho risparmiato e pagato una piccola fortuna per loro! Desideravo un posto dove metterli, per averli! Non potevo farlo su Thunderbird 5, o nella mia stanza a casa, o nella mia stanza del mio osservatorio sull'isola, non volevo essere criticato o preso in giro... e Trondheim, no, la casa è sistemata lì, tutta decorata giusto.

Quindi, ho sentito quando abbiamo costruito questo posto... il nostro posto, la nostra casa lontano da casa qui... tutto privato, tutto accogliente, che potevo farlo qui- hai capito; solo tu lo sapresti! Non ho nemmeno detto a Kyrano che avevo comprato tutto questo qui e ora, dopo aver aspettato così tanto... devo aspettare ancora... perché se pensi che avrò un'impronta di zampa mettiti su quel prezioso piumino, una zanna entra nei miei soffici asciugamani rosa: faresti meglio a PENSARE ANCORA!


"Lascio la cucina, ti lascio rinfrescare, John", Virgil scosse la testa; sapeva che era sconvolgente, ma era solo per due settimane e sarebbero rimasti qui per un bel po', ma John non aveva le idee chiare a questo punto, quindi non aveva senso ragionare con lui.

"Calmati, dice: prima, una 'compagnia' inaspettata, poi, non riesco nemmeno a godermi la mia biancheria da letto o i miei asciugamani... e poi, oh, dimenticavo... sono proprio come Sunny..." John stava borbottando tra sé, ancora fumante. “Non è il primo, non il pezzo di 'ospite inatteso'; non è il primo fastidio...” la sua voce divenne un tono tranquillo che era udibile.

“Forse potrei affrontare la 'cosa dell'ospite' e ritardare l'uso della mia biancheria da letto ma... l'altro... NO SIR! Te lo chiederò... da quando Virgil, onestamente, da QUANDO HO MAI ASSOMIGLIATO, figuriamoci a comportarmi come un cane? disse John irritato, puntando un dito accusatore.

Gli occhi di Virgilio si spalancarono; non aveva mai visto John arrabbiarsi così tanto o comportarsi in modo così indignato. Non aveva paura, ma era comunque sconcertante vedere la sua amata in uno stato così focoso. Tuttavia, all'improvviso, gli occhi di John si spalancarono mentre guardava il viso sorpreso di Virgil; sembrava che il suo viso riflettesse su qualcosa, cercando di far rivivere un ricordo quasi dimenticato. Le parole di John erano appena echeggiate nelle orecchie di John quando all'improvviso ci fu un lampo di memoria e lui sbatté le palpebre per quello che gli era venuto in mente.

In reazione, la colorazione di John è cambiata dal rosso al pallido apparentemente in un istante, sorprendendo il povero Virgilio, poi è diventato di nuovo rosso; i suoi occhi avevano un'espressione di imbarazzo in essi, uno che con suo crescente imbarazzo, vide che Virgil stava cominciando a riconoscere. Come John gli aveva spesso detto così tante volte nel loro passato appassionato, Virgil era innocente in tanti, molti modi, ma non era ingenuo. Lo sguardo di Virgil cambiò in quell'istante da stupefatta perplessità, a una consapevolezza, venuta con essa, un eroico tentativo di sopprimere il divertimento.

"OH NO!" John rispose mentre uno sguardo appariva sul suo viso. “AH! Beh… non ci avrei mai pensato… ma ora, visto che me ne hai parlato… ricordo, in effetti…” La voce di Virgil era tenera e imbarazzata, ma anche canzonatoria; era per lui una via d'uscita, un modo necessario per spezzare la tensione e la rabbia che dominavano la stanza.


"VIRGILIO!" John gemette e ora era rosso in volto per il chiaro imbarazzo, ma cosa poteva dire? Era andato a capofitto in quello; l'unica via d'uscita fu quella che decise rapidamente di prendere: lasciò la cucina e non si voltò indietro. Virgil sentì sbattere la porta del loro salotto: sussultò come se fosse stato colpito; John si era *ricordato* va bene e sì, era vero nel segno- ci era entrato subito con la sua battuta data di cattivo umore e ora, avrebbe dovuto mangiare con ironia le sue parole così come affrontare i ricordi che hanno evocato.


Per alcuni istanti, John iniziò a picchiettare leggermente la testa contro i pannelli di legno del muro, rimproverandosi ulteriormente che era unito alla vergogna e al senso di colpa che si stava accumulando per essersi trovato in una situazione del genere. "Non aiuterà le cose, sbattendo anche leggermente in questo modo", mormorò piano, poi, successivamente, si sedette su una comoda poltrona, grato che nessuno potesse vedere la sua faccia diventare ancora più cremisi anche se quel piccolo criptico una sua frase aveva fatto scattare ancora più ricordi.

Con gli occhi della mente, è tornato a più di un anno e mezzo fa, a Houston. Era arrivato lì dopo aver svolto sei settimane di servizio su Thunderbird 5. Era lì perché gli era stato chiesto di venire alla NASA per alcuni incontri e conferenze obbligatorie a fine settembre, per due settimane, proprio quando le stagioni avevano cominciato a cambiare da dall'estate all'autunno. Nonostante il cambio di stagione, il clima era ancora caldo e Scott, che si vantava di essere un "esperto" di come vestirsi in modo appropriato per i climi caldi, si era offerto volontario per mettere insieme il suo guardaroba per il viaggio.

Inoltre, è stato colui che ha portato John direttamente da casa a Houston; infatti, era semplicemente John che si trasferiva da Thunderbird 3 direttamente a Thunderbird 1. Ciò gli permise di arrivare a Houston un paio di giorni prima del previsto, permettendogli di riposare e di adattarsi al ritorno sulla Terra.

Sfortunatamente, però, significava anche che anche durante lo scambio di mestieri a casa, non vedeva Virgilio, figuriamoci parlargli o viceversa. Virgil aveva saggiamente deciso di tenersi occupato e di mantenere il suo solito 'profilo basso', non volendo destare alcun sospetto dato che ormai lui e John erano intimi e lo erano stati per quasi due anni, mantenendolo con successo segreto al resto del gruppo famiglia.

John non si preoccupava dei suoi vestiti; Scott conosceva i gusti del fratello minore e sceglieva i suoi vestiti con grande cura, poiché sapeva che, sebbene a Houston, John generalmente passasse da un ambiente climatizzato all'altro, a un certo punto doveva comunque uscire e che i ristoranti e i locali che John preferiva frequentare richiedeva ancora giacca e cravatta; inoltre, a John piaceva indossare un cappello Panama. Questo perché, sebbene a molti visitatori del Texas piacesse diventare "occidentali" quando visitavano, John non era uno di loro.

Certamente, occasionalmente gli piacevano le bistecche alla griglia, i barbecue e la cucina messicana, ma preferiva mangiare nei ristoranti più esclusivi che offrivano cucina francese, italiana o giapponese e questi richiedevano un abbigliamento semi-formale.

Quindi, fu una sera, intorno alle 20:00 o alle 8, in termini più familiari, che lo scoprì in un ristorante italiano particolarmente amato. I pasti in questo posto erano impeccabili e memorabili; tuttavia, questo particolare pasto si sarebbe rivelato più memorabile del solito a causa di alcuni altri ospiti che si trovavano seduti a un tavolo proprio accanto a lui.

John ricordava di essersi ben sistemato al suo tavolo, gustando a pieno il suo pollo al marsala, mentre i due signori che sedevano accanto a lui, che dalle loro uniformi erano ufficiali della Marina tedesca, non solo si stavano godendo i propri pasti, ma si stavano anche concedendo se stessi con del vino, diventando un po' brilli nel processo; così, hanno iniziato a passare dall'inglese al tedesco nella loro conversazione.

Nella loro allegria e nella fiducia che nessuno lì li avrebbe capiti, hanno rivelato quanto fosse divertente essere a Houston, lontano dalle preoccupazioni e dalle responsabilità della loro nave. Naturalmente, non avevano idea che John parlasse correntemente il tedesco e, sebbene non intendesse origliare, non poté fare a meno di ascoltare la conversazione dei due uomini, che avevano qualche anno più di John stesso.

Nel bel mezzo della loro conversazione, John venne a sapere che i due ufficiali erano amanti da molto tempo e si erano divertiti ad ammirare alcune delle viste di Houston mentre erano in licenza. In borghese, due sere prima erano andati a ballare e andare in discoteca, solo per poi, il giorno dopo, scegliere di soggiornare in un hotel molto carino, non solo per riprendersi dalla festa, ma anche per accumulare energia sufficiente per un notte di "divertimento" nella loro stanza più tardi.

Quindi, gli uomini hanno parlato in uno scambio molto rapido - solo la fluidità della lingua di John è aumentata altrettanto rapidamente durante le loro battute, dove gli innamorati hanno riso ad alta voce mentre inserivano in inglese la parola *bang* nella loro conversazione. L'uno diceva all'altro quanto fosse bello poter "rifarlo" ancora una volta alla maniera dei cani, mentre l'altro ufficiale notava con un luccichio malizioso negli occhi, come ancora una volta si divertisse a ricevere fine - la sua amata non mancava mai di sbatterlo così vigorosamente che si sentiva come se il suo stesso cervello stesse per letteralmente cadere fuori dalla sua testa - un'affermazione che fece scoppiare gli amanti in uno scroscio di quello che sembrava agli altri clienti intorno a loro come un sano suono di tipica risata maschile.

John ricordò che quando lo sentì, fu grato che il suo addestramento alla NASA, per non parlare, prima di tutto, dello stesso International Rescue, gli avesse permesso di non mostrare la sua reazione ai due uomini, anche se si rendeva conto che il loro piccolo amante la chat lo aveva colpito. Fu solo più tardi, dopo essere tornato nei suoi alloggi, che John, solo nella sua stanza, permise a quelle parole di riverberare nel suo stesso corpo - ora, un'immagine di se stesso e del suo amato, Virgil, mentre faceva proprio quello era impressa in modo indelebile nel suo mente.

Si sarebbe rivelata un'immagine fortemente erotica; una fantasia che doveva solo realizzare e che faceva nascere il suo stesso desiderio di stare con il suo amante, che era già forte, anche molto più forte. Fu l'inizio di notti inquiete per lui dopo lunghi incontri, briefing e conferenze. Solo la sua determinazione, prudenza e professionalità hanno contribuito a tenere a bada le immagini durante il giorno.

Tuttavia, John ha imparato rapidamente che doveva togliere il lato lussurioso che lo consumava prendendosi cura dei suoi "problemi" masturbandosi sotto la doccia, o rischiare di continuare a girarsi e rigirarsi nel letto, su questa immagine di se stesso e Virgil che fanno questo, successivamente, sporcando le sue lenzuola con le sue copiose spese, cosa che semplicemente non desiderava fare.

Pertanto, ha preso la prima linea d'azione, dandosi piacere sotto la doccia, anche se con un panno per il viso stretto tra i denti per attutire considerevolmente le sue grida di liberazione: lo scherno di Scott in passato gli aveva insegnato la lezione fin troppo dolorosamente bene .
Questa si è rivelata una soluzione carina, ma alla fine temporanea; ha aiutato, almeno lo ha fatto fino a quando Scott non è venuto a prenderlo dopo che il suo periodo alla NASA era finito e stava finalmente tornando a casa per riposarsi e rilassarsi. Lì, a casa, sapeva cosa avrebbe dovuto affrontare: sarebbe stato obbligato ancora una volta a trascorrere prima un po' di tempo di qualità con suo padre e gli altri. Virgil, come sempre tristemente, avrebbe dovuto aspettare.

Ci era già passato diverse volte prima, tuttavia, questa volta, a differenza di altre volte, sarebbe stato più difficile del solito perché il suo stesso amore e il bisogno di stare con la sua amata erano nuovamente aggravati dalla lussuria repressa, che a sua volta, era guidato da questa posizione erotica e sessuale, un'immagine che era quasi ossessivamente 'bloccata-nella-sua-testa' Così, questi demoni gemelli del desiderio lo avevano raggiunto per tutta la vendita e minacciavano di superare il suo normale senso di cautela.

Oh, com'erano stati difficili quei primi due giorni e mezzo; John continuava a ricordare come erano stati presi da suo padre, sua nonna e quasi tutti gli altri, tranne il povero Virgil: non c'era stato tempo per lui. Ci voleva un tale sforzo in quei momenti per proteggere ciò che avevano e, a questo punto, erano così in sintonia l'uno con l'altro da poter sentire il tormento interiore che l '"altro", l'amato, ha attraversato. Inoltre, potevano quasi assaporare il doloroso bisogno sensuale/emotivo dell'altro l'uno per l'altro. Tuttavia, entrambi dovettero negare dolorosamente se stessi: non potevano rischiare, non con John che era al centro di così tante attenzioni, né di giorno né di notte.

Quindi, misericordiosamente, i due hanno avuto una pausa. A metà del terzo giorno, John ricordò come suo padre, in ossequio al clima, che era molto caldo, così come il fatto che Brains, che aveva scambiato con Gordon per compiti su Thunderbird 5, permettendo così a tutti e cinque i fratelli il insolita possibilità di essere tutti a casa nello stesso momento, ha deciso di pianificare ed eseguire un barbecue improvvisato e una festa in piscina.

Fece erigere una grande tenda da sole su una parte del ponte sole, che avrebbe impedito al sole cocente di splendere direttamente su di loro. In quella zona ombreggiata sono stati allestiti il ​​grill, i tavoli e le sdraio. Jeff era contento che la fortuna stesse sorridendo alla sua famiglia: i suoi figli erano tutti qui con lui, vivi e integri. Inoltre, per una volta, anche il mondo sembrava in grado di badare a se stesso, poiché i servizi di International Rescue non erano richiesti, quindi dichiarò una specie di vacanza, desiderando che i suoi figli, insieme al resto della famiglia, avessero divertiti e rilassati per un po'.

Fu nel tardo pomeriggio che trovarono la loro occasione. Era così perfetto; le carni e le verdure stavano grigliate mentre i loro fratelli, Tin-Tin e Fermat sguazzavano in piscina. Jeff ha deciso di concedersi qualche bicchierino di una delle sue tequila preferite con i cacciatori di birra, mentre ascoltava la musica dei Mariachi, qualcosa che il loro padre apprezzava di tanto in tanto quando era di umore festoso. Kyrano ciondolava su una poltrona, rilassandosi mentre la nonna, dopo aver saggiamente indossato le sue cuffie con cancellazione del rumore, dormiva beatamente nel comfort dell'aria condizionata nella sua stanza. La musica era a tutto volume: sembrava quasi filtrare dalle finestre della casa, tanto meglio, pensarono i due, per camuffare i suoni deliziosi che sarebbero arrivati.

Contando sull'aiuto delle divinità dell'amore, come avevano fatto così spesso in passato, Virgil e John se ne andarono di nascosto a intervalli separati, lontano dai festeggiamenti, facendo finalmente della stanza di Virgil il loro luogo di appuntamento senza che nessuno se ne rendesse conto.

Virgil aveva appena chiuso e assicurato la porta dietro di sé quando John gli sussurrò finalmente all'orecchio con il fiato sospeso, il suo desiderio quasi incontrollabile di "farlo" in quel modo, "alla pecorina", cioè solo una volta e si sarebbe anche concesso lui essendo anche lui a chinarsi in avanti. Virgil acconsentì, poiché la sua mente ora era piena di curiosità per provare questo, qualcosa che loro due non avevano mai fatto prima. Inoltre, il suo stesso corpo rispecchiava quello di John: soffriva letteralmente per il bisogno sessuale di lui; Ora John è a otto settimane e due giorni e mezzo di distanza come il suo amante avrebbe potuto benissimo essere stato otto mesi, così grande era il suo bisogno.

Per quanto riguarda John, era così eccitato, così *consumato* dalla lussuria che si sentiva costretto, fino a quel momento, a deviare i suoi pensieri quando era con gli altri, in ogni modo, apparentemente per tempi senza fine, in per impedire che il proprio sesso si faccia conoscere agli altri in modo piuttosto sgarbato attraverso il suo abbigliamento. Adesso era, e loro erano, liberi di sbizzarrirsi.

Doveva essere una "sveltina", qualcosa a cui raramente si concedevano perché entrambi avevano bisogno e godevano delle aperture preliminari e romantiche che di solito si impegnavano all'inizio delle loro unioni. Tuttavia, questa volta, i due sentivano di non avere tempo per questo, così come il fatto che la lussuria e il bisogno l'uno dell'altro li aveva sopraffatti e consumati entrambi, facendo sì che nessuno dei due si sentisse incline a scambiarsi una parola di adorazione. amore, né un abbraccio o un bacio. Solo la loro reciproca certezza nella loro costante cura e amore reciproco, che era stata stabilita e stabilita da tempo, ha impedito ai fratelli di pensare che questo sarebbe stato un mero atto di sfruttamento sessuale.

Anche se i loro bisogni, desideri e le richieste del mondo esterno intorno a loro li imploravano di agire in fretta, a entrambi fu piacevolmente ricordato che loro due, nella loro qualità di amanti, non erano velocisti nel gioco, ma piuttosto, erano giovani uomini virili e potenti, con la resistenza per percorrere tutta la lunga distanza nella corsa all'estasi.

John recalled how it was, with both of them nude and Virgil leaning face forward over the back of a sturdy, large, arm chair, with a pillow beneath him to rest his head as well as catch all towels on the back of the chair as well as one at his feet. After that, John could not think nearly anymore, at least not in words. With his beloved’s broad, strong, muscular back before him, the skin, now the color of toffee mixed with cream by a gentle kiss of the sun, John could only appreciate the fact that he needed no lubricant lotion this time- the sweat of their bodies and his own member, which was nigh glistening with its natural lubricant, made such a preparation unnecessary.

As his ample length slithered nicely into his beloved’s familiar, tight warmth, both brothers emitted groans of relief; now, the two of them felt at ‘home’ at last and John simply chose not to waste any more time. As he took his supple hands on a sensual journey, massaging Virgil’s prominent, muscular shoulders and upper arms, he was also adjusting himself behind Virgil, like a marksman lining up his target.

Then, he proceeded to move, in and out slowly, just at the first, few passes, but soon, he found his place and rhythm and the rest was just blissfully mechanical. John thought no longer, but rather, let his body completely take over- it was pumping, pounding, thrusting, grinding and drilling into Virgil’s with a precision akin to a finely tuned and oiled machine that he was wont to invent and design.

He was learning as he was doing; quickly on, he moved his hands from his beloved’s back to his hips, gripping them, albeit not too tightly. He steadied his lover’s legs while firmly planting his own, finding the perfect position for them both, each thrust growing ever more powerful, ever deeper, in a rhythmic fashion.

John’s head was swirling- the sensations, the feelings, the sheer power was simply unbelievable for him. He closed his eyes reluctantly; Virgil’s buttocks, so firm, yet so deliciously curved, were all that he ever imagined them to be; once again, in that small corner of his mind that could think, it told him how no one else, absolutely no one could make him feel this way. Virgil, as the object of his desire, made it impossible, let alone undesirable to want anyone else- this was the love, sexual fulfillment and true companionship others could only dream of; what he had, he knew was truly his and would be for a lifetime.

As he continued to keep his eyes closed, his mind simply became lost in the tempest of the sheer sensation- he was drowning. Only once in a while he could hear what sounded like cries in the distance. The words: “OH YES, OH YES! OH GOD…OH GOD…JOHN!” rang hoarsely from Virgil’s throat. They grew louder until they suddenly became muffled, for Virgil, for sheer safety’s sake, buried his face in his pillow as he began to scream in the paroxysm of pleasure/pain that his beloved’s virility always took him.

As the sounds of the Mariachi, the brass horns, the strums of the guitars, the Italian sounding accordion and virile masculine singers made the festive music that pleased the partygoers outside, so too, did the lovers make their *own* music, with the sounds of their voices, ranging from short, repetitive phrases to guttural sounds of pleasure, while John moved, enslaved to his own sense of rhythm.

It was getting harder to hold onto Virgil, so great were both of their exertions that the sweat simply ran in rivers off of their bodies. Then suddenly, almost like a cruel taunt, John simply stopped and withdrew, much to Virgil’s soon and sudden disappointment one, that culminated quickly in his near desperate pleas for John not leave him like this- all wanting for more. John’s words to his beloved were simple consisted of two: “I won’t,” which he uttered in his seductive cadence, for he had ideas of his own, ‘other’ ideas that he intended to use, hoping to up the erotic ante.

With great care, he moved forward until he could bend up near the nape of Virgil’s neck, then, he gently began to lick it, his plump, questing tongue licked across the nape, then down the length of the spine, until he reached the small of his beloved’s back, delighting in the quivering that it produced in Virgil. However, John’s journey was far from done; he took his tongue in charge as he made a hard, right turn with it, cresting Virgil’s hipbone, only to then turn back inward in order to lick down the plump, ever tempting right buttock, right down to the middle of the back of his right thigh.

Not soon after, John knelt down to position himself while he gently moved those strong, muscular thighs just in front of him apart, smiling as Virgil involuntarily flexed and tightened this area in anticipation of something unknown, but felt would doubtless be delightful.

With his place set, John put his face between those thighs; his tongue now was a hair breadths away from his lover’s swollen, sweat laden sac that was threatening to move upward in preparation for the release. John decided not to waste time teasing; he proceeded to glide the tip of his tongue onto the sac, not forgetting any part, delighting as Virgil’s scream into the pillow was primal-John could tell that this new, little, sensual trick up his sleeve was proving to be a pleasant one. “Mmmm?” John made the sound, with his mouth firmly planted on them, causing the sexually inflamed globes to vibrate deliciously, driving his lover to come up for air as an “Nnnnngh,” and “Please….John….” came unbidden from his throat, begging for mercy.

John simply continued licking in various directions, enjoying the taste of his beloved’s sweat and the feel of those warm spheres against his tongue and mouth, while his nose delighted in their musky aroma, the kind that only sexuality could produce.

“AHHGNH!...it’s so…it’s so…good…I’m so close, John....so close! Hurry please, hurry…I don’t know… it’s been so long…too long…! Just do me…again…too…please? I...I can’t wait… not too much….!” Virgil’s voice proved what a tender yet torturous state that he was in.

John complied happily, rising back to his feet; he stood upright again to place his rod back deep inside of his beloved- resuming his smooth and clean machine-like precision pumping and pounding movements once more. However, twenty-one more was all that he could manage to make, for on the beginning of the twenty-second thrust, Virgil’s shivering and shaking caused Virgil to simply explode and cry out as his body gushed forth jettisons of semen, like white hot magma, drenching the towel on the back of the chair as well as the one on the floor as his member sputtered and sprayed like a run away roman candle.

At the same time, those same orgasmic spasms caused a vibration from deep within Virgil, making waves of pleasure that went like almost an electric conduit from the tip of John’s manhood, all the way to the base- forcing him in delight to own up to and scream out his own climax, calling out his brother’s name to the heavens as he unloaded his heated seed deep into his lover’s very vitals. The two were as one once more in their passion and loss of even a sense of ‘selves,’ for their minds were in ecstasy, oblivious to all else- the deities of love were still with them fortunately, for they were neither seen nor heard. Also, if anyone had come into the room, the two brothers would have been caught and helpless- so into the orgasmic maelstrom were their minds and bodies.

John could not recall, nor could Virgil either, as he blushingly confided to him later that night, how many minutes it took for each of them to come down from the heights they had both reached. Like drunken sailors, both of them slipped gently onto the carpet, Virgil being grateful that he had settled onto the towel underneath him- it was handy as it proved to catch the still warm excess of seed that was dribbling from his vitals as well as spurting from his own man root. John, for his part, was equally sprawled out, but not dribbling; his intensity and need had caused him to shoot his full load deep into the inner recesses of the man that he loved- there would be nothing left for him to give… at least for a while.

Therefore, perspiration laden, satiated for the present and mother-naked, the brother/lovers sought two nearly impossible goals- to savor the ecstasies as well as to come down from them as soon as possible, so as to avoid being missed by the others any longer than necessary.

Virgil was the first to get his legs back- he half walked, half crawled, staggering from the sheer pleasure, towards a cabinet; there, he grabbed a large bath towel and gave it to John, who was uncharacteristically glowing- his eyes were burning brightly with both satisfaction and triumph; he did not feel shy this time.

John was now beginning to be able to think coherently again- he used the towel to remove the excess sweat off of his legs, arms, face and chest, watching his love nod with approval and relief- this would prevent any inopportune questions from being asked while John went to his room, naturally to take, as Virgil himself was going to take, a thorough shower and shampoo, which would keep the others from knowing about the exertions the two of them had just engaged in.


As John finished putting his boxers and walking shorts on, zipping up his fly neatly, he was so nicely slender, that he could do this still sitting down, Virgil went over to him to kiss quickly his lips and his brow, the brow he loved so much when it always, after they made love, was graced with his white blond locks settled on it smoothly, perspiration settling them there. To his beloved, it made John look as if he was wearing a prince’s crown, an image that Virgil told him that he kept close to his heart, for loving John always reminded him of joining with a benevolent, loving deity.


John was buttoning his shirt and putting on his sandals when in finally, a quiet voice, the words: “tonight, at midnight then?” came from Virgil, while his beloved said: “my room-sooner than midnight…if we can…” in response. John was regulating his face now, going back to the shy, quiet, peaceful look that was also another face of his, a true face, to be sure, but his beloved had delighted in seeing those heavenly blue eyes dark and glowing with triumph. Then, all of a sudden, for a moment, they both smiled at one another in that all too familiar way, the way that showed the vitality of the Tracy men.

One at a time, they returned to the party; in reality, they really hadn’t even been missed. When Virgil was about to settle down on a deck chair, Kyrano and Jeff announced that everything was ready to eat. The usual barbeque and steaks flowed in abundance, along with grilled vegetables and fish, but in addition, Kyrano had added some other delights- chicken basted in an Indonesian peanut sauce, along with broiled prawns drenched in lemon and butter, which he knew that John loved in particular.

Alan laughed about the food being ‘practically inhaled,’ so much of it seemed to disappear, along with the wine, beer or other liquors of ones choosing. The festive mood continued long after sundown. Jeff was in his cups, blissfully relaxed as Gordon began to strum his guitar, playing some old fashioned folk songs, then their father began to nod off; only his mother, upon seeing this happen twice near 2145, made the call- it was time for everyone to retire, as she could see yawns and stretches around the tables and chairs.

Therefore, the deities of love were still with them, John recalled, as an early retiring of the entire household, after everything was tidied up and put away, allowed his beloved to come to his room undetected. For the barest of an instant, before Virgil came to him, John pondered whether or not they were the only two so involved- he had not seen any *real* weariness in any of his other brothers’ eyes or in Fermat’s. His intuition gave vent to the thought that maybe… but then his mind terminated that thought, could anything be that easy, that coincidental? He truly thought not.

The night went well. After assuring themselves that they would ‘just let things happen,’ because their exertions earlier may have well rendered them both too spent to ‘play,’ and besides, sex alone was not what their relationship was about, they both found to their delight that they could comfortably engage in lovemaking. In those precious hours, they took their time, indulging in all of the romantic and gentle overtures and actions that they both felt were so vital to their intimacies.

Fortune stayed with them also, for not only could they frolic and nurture during the entire night, but also, Virgil got that longed for chance to fall asleep in John’s loving arms, in addition to obtaining a true, full rest. He went at 1100 back to his own room, the next morning, as undetected as when he left there.

John blushed as he remembered how deep in the night, Virgil had marveled at their prior intensity. He had joked lovingly that now he knew what it must feel like to be on the receiving end of the Mole, one of his own machines from Thunderbird 2.

He could see John, in response, turn pink while he lowered his eyes shyly. Also, he covered his face, partially for ‘play,’ partially for real, with his pillow. It would take, as usual, Virgil, with his soft words, to coax John back, as part of their little love game, out of his self-conscious shyness with loving assurances not to be ‘so embarrassed’ by his passion. That was a vital part of their intimacy, their love talk, that they enjoyed, loved and needed. So engrossed and pleasing did this trip down an erotic memory lane hold for John that at first, he did not hear the knocking at the sitting room door.

“John, please let me in now,” Virgil’s voice was calm and solemn, quite different than earlier. “It’s not locked. Come on in,” Virgil heard John reply, grateful that he too, seemed to be calmer than before. As he opened up the door, he could see John standing by one of the large windows that gave a lovely view of the lands just past their orchard. He looked so noble, so elegant, even during this awkward moment; his arms and legs were crossed casually as he peered out- his face made such a classical profile in addition. Virgil’s artistic mind made a mental note of that stance and his clothing- he was dressed in tan slacks, ones that were comfortable in or outside of the house and he wore an off-white shirt with a bright red sweater that buttoned down the front, although now, he had it unbuttoned.

I got him into those bright colors up here, but he looks so good, in anything…or nothing at all; he thought, as also, he knew that as soon as he could, he was going to go to his studio to do another sketch and realized that his pad was filling up. Hmmm, another one for my binder, he mused, as his countenance held a determined look again.

“ I…I was so needful that time. I can’t really blame you, at least you tried not to laugh- I really put my foot into my mouth this time,” John unfolded his arms and legs in a gesture, his cheeks were tinged with pink. “You were not any more needful than I was… and I wasn’t suppressing a laugh at you, John… it was just that the tension was so thick… it broke the stress for me a bit. I’d never laugh at you,” Virgil’s voice had a gentle yet serious tone in it. He stepped out of the sitting room for a minute, when he returned, he was carrying a small tray.

“ I know… you’ve never laughed at me V, I did not mean it like that; but honestly, I did walk right into that one…” John stopped his sentence as a questioning look formed on his face. “Yes…it’s sherry, with two appropriate glasses,” Virgil replied. “Sherry? At… well, it’s only just 10 am,” John took a quick glance as the antique grandmother clock began to chime while at the same time, he walked over to the table. “Well…” as Virgil began to pour, “just try to think of it this way- it’s the proper time for sherry somewhere in the world. Otherwise, just view it as being taken for ‘medicinal purposes’.” “‘Medicinal,’eh?” John said as he eyed the fine glass, then he noted by its slight chill and the coloring of the sherry, that this was the very special, extra sweet sherry of the Pedro Ximeñez grape, the kind that they both preferred.

“It’s a truce, a part of one, I hope,” Virgil’s eyes looked hopeful. “I see… so…while you, then, try to think about my…er ‘views’ about Sunny and I, I then, try to deal with his ‘unexpected stay over’ and the consequences of it, as it pertains to my plans- sounds fair enough. Agreed?” John’s tone was so smoothly diplomatic- another thing that Virgil treasured in him. “I agree,” Virgil smiled as they toasted each other and sipped on the delicious beverage.

***** TO BE CONTINUED……******

Storie simili

...

203 I più visti

Likes 0

Pantaloni del pigiama a pois

Ciao! Questa è la mia prima storia, spero vi piaccia e apprezzo sinceramente qualsiasi feedback, commento, domanda, opinione, richiesta, ecc... la mia unica umile richiesta è che lo facciate con rispetto. Posso continuare questa storia se alla gente piace. Grazie per aver letto, divertiti! _____________________________________________________________________________________ Il suo appartamento odorava di ammorbidente, incenso Om Nagchampa e cannabis dolce. Le porte del balcone erano tutte aperte e il calore della sua ansia filtrava costantemente nel freddo tropicale della notte di gennaio. Indossava meno del solito, questa era la prima volta che vedeva le sue gambe lunghe e tornite. I suoi occhi percorsero la...

1K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

957 I più visti

Likes 0

Un mio bramoso desiderio per Thomas

No, Thomas è figo. Jake è solo carino. Sai, come il ragazzo della porta accanto, niente di speciale. Dissi a Heather mentre camminavamo verso lo spogliatoio. Abbiamo camminato davanti al campo da basket, e lì era il ragazzo più fantastico che conoscessi. Era alto circa 1,50 cm, capelli castani, occhi verdi che potrebbero far scattare una ragazza e un sorriso meraviglioso. Lo salutai e lui ricambiò. Tutti a scuola dicevano che gli piacevo ma io lo negavo, anche se sapevo Vero, siamo migliori amici da sempre. Io e Heather abbiamo parlato un po' prima di andare negli spogliatoi. Sulla via del...

849 I più visti

Likes 0

L'amore di lucas 2_(1)

Così mi sono messo in ginocchio e ho preso il cazzo di Jason in bocca e l'ho succhiato. Era così bello che non volevo che finisse mai, ma circa 15 minuti dopo Jason mi riempì la bocca con il suo sperma e disse Posso succhiarti? Così mi rialzai in piedi e dissi No, non puoi e sono uscito dalla sua stanza e da casa sua e sono tornato a casa mia. Quando sono arrivato ho ricevuto una chiamata da Jason. quando ho risposto ha detto Che cazzo? Jason ti ho già spiegato che non posso amare le persone quindi affrontalo e...

834 I più visti

Likes 0

Giada Parte 1 - Il bordo dell'acqua

Tutto quello a cui riuscivo a pensare era quanto faceva caldo oggi e quanto faceva freddo ieri; i forti venti che avevano spinto la mia borsa Walmart attraverso il parcheggio mentre i miei amici ridacchiavano al mio inseguimento si erano trasformati in raggi intensi che colpivano il mio corpo da sedicenne. Sarò onesto, era un corpo che la maggior parte dei miei amici, anche quelli più grandi, invidiavano ed era in parte a causa del mio corpo che le ragazze più grandi uscivano comunque con me. Il mio viso innocente e i lunghi capelli biondi si abbinavano al mio petto da...

540 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

459 I più visti

Likes 0

Lussuria nello spazio S1E4: Derivium ritrovato

Maurine era emozionata. Aveva scoperto che non solo la nave aveva già scansionato il Derivium di cui avevano bisogno per alimentare i motori, ma c'era anche un'unità di estrazione modulare dispiegabile (MDE) nella stiva. Tutto quello che doveva fare era cercare nei registri i dati di scansione e sarebbe stata a posto. Si sentiva un po' in colpa per il fatto che il compito dei ragazzi e di Judy fosse così difficile. ********************** Wow, Don. È così difficile. Judy pompò le mani lungo la sua asta prima di infilargli la testa in bocca e farla roteare attorno con la lingua. Cazzo...

505 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

457 I più visti

Likes 0

Il giocattolo del sesso dell'ermafrodita - Capitolo 1

Era mezzanotte e non avevo ancora trovato la preda per la notte. Ringhiai mentre le mie lunghe unghie rosso sangue affondavano nel volante del minivan nero su cui sedevo al momento, mentre la frustrazione ribolliva dentro di me implorando solo di essere rilasciata su qualche innocente spettatore. Proprio mentre stavo per abbandonare la mia caccia, un lampo di biondo mi ha ostruito la vista, facendomi girare la testa di lato per vedere una bellezza bionda con una struttura un po' minuta e tette generose che camminava da sola, guardando il suo telefono con lei auricolari. Potevo quasi ridere e scuotere la...

489 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.