L'animale domestico del guardiano

554Report
L'animale domestico del guardiano

Blair Do`Und era la prima figlia della Casata Do`Und e Alta Sacerdotessa della Dea Nocturna ed era molto orgogliosa della sua natura crudele e sadica. Fu questa stessa natura a portare la sua figura snella vestita con le lunghe vesti nere di una sacerdotessa nella sala delle convocazioni. I suoi piccoli piedi d'ebano erano nudi e silenziosi sulla pietra mentre la seta nera tagliata su entrambi i fianchi svolazzava dolcemente tra le sue cosce sode. Non era alta appena cinque piedi e tre pollici, ma ogni centimetro del suo corpo era pieno di muscoli ben tonificati. Aveva lunghi capelli neri come la pece che le ricadevano in un'onda scura lungo la schiena per danzare sulle sue cosce sottili. I suoi seni alti e sodi, ampi sulla sua struttura, erano infilati in un braciere come sopra i globi arrotondati ricoperti di un morbido metallo argentato raffigurante la vedova nera della sua casa. Portava sistemata attorno ai suoi piccoli fianchi ondeggianti una sottile cintura d'argento che faceva penzolare una frusta su un fianco e un paio di pugnali con manico d'avorio sull'altro fianco.

Non avrebbe avuto bisogno delle sue armi per questa evocazione perché quella sera stava evocando un demone Yochlol per eseguire i suoi ordini. Come un'Alta Sacerdotessa con la benedizione della Dea, i demoni non avrebbero osato disobbedire al suo comando. Aprì lentamente la porta entrando con leggerezza nella stanza di pietra nera e accese un'unica candela dando l'unica luce di cui i suoi occhi sensibili avrebbero avuto bisogno. Una volta dentro la stanza chiuse la porta dietro di sé impedendole di interromperla lasciò che i suoi profondi occhi cremisi scrutassero il cerchio inciso nel pavimento e sorrise soddisfatta non avendo dubbi che fosse perfetto. Lentamente i suoi passi leggeri la portarono più in profondità nella stanza ed entrò nel cerchio accovacciandosi per ispezionare il braciere che sarebbe stato usato per l'evocazione mentre recitava un piccolo incantesimo per accenderlo si alzò in piedi e si avvicinò rapidamente all'altare con un sorrisetto malvagio sul volto.

Mentre prendeva la pergamena dell'incantesimo non aveva idea che sua sorella minore non solo avesse piantato una leggera imperfezione nel cerchio, ma avesse anche cambiato l'incantesimo quel tanto che bastava per evocare qualcosa oltre a un'ancella della loro dea. Posò lentamente le candele sull'altare e poi si voltò verso il cerchio tenendo il rotolo aperto tra le mani, i suoi occhi lo percorsero senza notare il leggero cambiamento. Sollevò un'anca sottile lasciando che la sottile stoffa nera delle sue coperture da sacerdotessa scivolasse contro la sua coscia ben tonica. Sollevò il rotolo davanti a sé lasciando che il tenue bagliore delle candele cadesse sulla pagina e sulle parole che avrebbe letto. Mentre la luce giocava sulle parole arcaiche, iniziò il canto dolcemente e lentamente attirando il potere per lanciare l'evocazione. La sua voce morbida e melodica si alzò in cadenza mentre pronunciava le parole lasciando lentamente che l'incantesimo prendesse vita mentre tesseva la magia intorno a sé per evocare l'ancella della Dea. La sua voce morbida e melodica si alzò in cadenza mentre il potere dell'evocazione si elevava intorno a lei facendo danzare i suoi lunghi capelli neri su una brezza invisibile.

Quando l'incantesimo raggiunse la sua cuspide, il braciere posto al centro del cerchio prese vita aprendo la porta ai nove inferni per consentire all'evocato di entrare nel piano primordiale. Era persa nel potere dell'incantesimo e non si accorse quando su una gamba pelosa nera posò il piede sul pavimento di pietra né notò la bestia a tre teste che emerse. Fu solo quando l'incantesimo raggiunse la fine e la sua voce si spense nel silenzio che si rese conto che ciò che era entrato nel cerchio non era un'ancella ma il Guardiano delle Porte dell'Inferno, Cerberus.

Quando i suoi profondi occhi cremisi si bevvero alla vista della bestia, ringhiò frustrata lanciando l'incantesimo sul tavolo dietro di lei. Stava al centro del cerchio di protezione, un grosso mezzo uomo mezzo cane coperto da una fine pelle nera che luccicava dolcemente alla luce del fuoco dietro di lui. Tutte e tre le teste erano dirette verso di lei quasi come se cercassero di fissarla. Sul viso e sul petto sembravano esserci strani segni come tatuaggi blu e anelli su entrambi i capezzoli. Indossava su ogni braccio quello che sembrava essere una specie di bracciale con catene che penzolavano da ciascuno. C'erano anche catene che sembravano attraversargli il petto da ogni braccio e colletto. Questo non era ciò che l'evocazione avrebbe dovuto portarle e lei non era dell'umore giusto per uno scontro di volontà con l'uomo cane a tre teste. La sua voce si abbassò in un tono basso e mortale che gocciolava ghiaccio e veleno quando parlò inarcando un sopracciglio verso il demone mentre si voltava verso l'altare.

"Non sei stato convocato qui maschio, non ho bisogno di te. Torna nel tuo regno prima che ti bandisca di nuovo in esso. Non ho alcun desiderio di sprecare il mio tempo cercando di domare un cucciolo."

Cerberus era stato sorpreso di sentire lo strattone dell'evocazione e non riusciva a capire quale mortale sarebbe stato così sciocco da evocare il Guardiano dei Cancelli. Un sorriso si diffuse su tutti e tre con la museruola mentre seguiva l'attrazione nel regno primordiale. Mentre varcava la porta che era stata creata per lui, ringhiò in attesa del sapore della carne mortale. Provò un momento di shock quando vide l'elfo dalla pelle scura in piedi fuori dal cerchio e sorrise maliziosamente mentre beveva alla vista della femmina. Non appena vide la femmina scura, sapeva che l'avrebbe avuta per farne la sua compagna. Poteva sentire dentro di sé che aveva bisogno di questa donna e lei non gli sarebbe sfuggita in un modo o nell'altro questa sacerdotessa drow sarebbe stata sua. Le sue parole gli portarono un ringhio sulle labbra, avrebbe insegnato a questa puttana una lezione che non avrebbe mai dimenticato per una tale mancanza di rispetto.

Non era un semplice demone e il cerchio l'avrebbe protetta se non fosse stato per una piccola imperfezione che permetteva al suo potere di abbatterlo con un tocco. Si diresse verso la femmina mentre lei gli voltava le spalle e i suoi passi rimasero silenziosi finché non fu abbastanza vicino da afferrarla. Sapeva che avrebbe dovuto tenerla in silenzio per impedirle di lanciare i suoi incantesimi da strega contro di lui finché non l'avesse avuta nel suo regno. Non le diede la possibilità di reagire quando afferrò saldamente i suoi riccioli neri e setosi e la fece girare per affrontarlo con un movimento rapido. Non poteva correre il rischio che lei parlasse finché non l'avesse messa al collare così le sue labbra scesero rapidamente e baciò bruscamente il piccolo drow mentre una mano artigliata recuperava il colletto bianco con la gemma nera incastonata al centro.

Blair non prestò più attenzione al demone mentre ringhiava sommessamente facendo scorrere i suoi profondi occhi cremisi sulla pergamena dell'incantesimo dove giaceva sul pavimento, le sfere scure si restringevano leggermente. Non aveva idea di cosa fosse andato storto con l'incantesimo o di come avesse finito per evocare qualcosa di diverso da ciò per cui era stato progettato. Allungò una mano con un sospiro esasperato si scostò indietro i lunghi riccioli neri appoggiando l'altra mano contro l'altare. Sentì lo schiocco degli artigli contro la pietra troppo tardi e sentì la sua presa aggrovigliarsi saldamente tra i suoi capelli. Sentì l'altra sua mano artigliata afferrarla e farla girare velocemente non ebbe nemmeno il tempo di ringhiare prima che la sua bocca scendesse schiacciando le sue labbra contro le sue. Il bacio la fece tacere selvaggiamente mentre lui premeva il proprio corpo contro il suo, i suoi seni sodi gli sfioravano il petto facendole correre un brivido lungo la schiena. Le sue delicate mani d'ebano si posarono sul suo petto, i suoi artigli affondarono in lui mentre cercava di spingerlo via. Non era in grado di spezzare la sua presa, la sua lingua lunga e ruvida che si spingeva oltre le sue labbra per divorarle la bocca. Sentì che lui si allungava intorno a lei e la stringeva al suo petto mentre lei lottava nella sua presa mentre la sua mente scorreva tra le opzioni a sua disposizione. Si spostò contro di lui spingendo le sue piccole mani contro il suo petto mentre cercava di sottrarsi al bacio solo per sentire la sua presa sui suoi capelli che si stringeva.

Cerberus sapeva che doveva agire in fretta se voleva mantenerla impotente. Se la strinse forte al petto godendosi la sensazione di quei sodi globi d'ebano che lo sfioravano mentre la sua mano le scivolava lungo la schiena. In mano teneva un collare di cuoio bianco con una gemma nera incastonata davanti. Sapeva che questo collare avrebbe legato il suo potere alla sua volontà lasciandola impotente finché non avesse deciso di restituirle il potere. Sarebbe in grado di privarla della sua volontà e del suo potere se lo desiderasse e le impedirebbe anche di essere capace di fargli del male. Con un movimento rapido le portò il collare al collo, forzandolo rapidamente intorno al collo mentre le sue labbra schiacciavano le sue e le divoravano la bocca. Sorrise mentre la pelle scivolava intorno alla sua gola sottile e stringeva la presa sui suoi riccioli neri. Con un ringhio improvviso interruppe il bacio tirandole selvaggiamente indietro la testa mentre le metteva addosso il collare bloccandolo rapidamente al suo posto. Un bagliore oscuro e malvagio nei suoi occhi allungò la mano che l'aveva messa al collare e le afferrò saldamente la gola, la gemma che le toglieva il potere mentre la sollevava dai suoi piedi. Ringhiò di gioia mentre le dava una scossa prima di sbatterla di nuovo sull'altare con tutte le sue forze. L'altare tremò e si spezzò sotto la forza mentre lui la inchiodava su di esso arrampicandosi lentamente su di lei con malvagi sorrisi di gioia che mostravano su tutte e tre le sue labbra ringhiando contro di lei mentre schiacciava il suo cazzo contro di lei.

Gli occhi di Blair si strinsero mentre si divincolava nella sua presa sapendo che avrebbe dovuto agire in fretta per bandire questo sciocco maschio. Sentì la sua presa stringersi intorno a lei, qualcosa che le scivolava sulla schiena e cercò di allontanare dal suo bacio un lieve ringhio che veniva inghiottito dalle sue labbra. Si mosse troppo in fretta perché lei reagisse quando le fece scivolare la striscia di pelle intorno alla gola stringendo dolorosamente la presa tra i suoi capelli e lei ringhiò torcendosi contro di lui. Quando lui le tirò indietro la testa interrompendo il bacio, lei urlò frustrata sentendo il collare che le si chiudeva intorno alla gola sottile e allungò le mani per liberarselo dal collo. Non aveva nemmeno raggiunto la sua gola quando la sua mano artigliata le avvolse la gola stringendola forte. I suoi occhi si spalancarono per il ringhio sul suo viso mentre lui la sollevava facilmente dai suoi piedi tenendola per la gola lei ringhiò ferocemente al luccichio malvagio nei suoi occhi. Il suo respiro la lasciò in un breve rantolo mentre lui la scuoteva leggermente prima di sollevarla in aria e sbatterla sull'altare della sua dea. Sentendolo scricchiolare sotto di lei, cercò di respirare mentre il vento le usciva dai polmoni. La tenne bloccata senza darle l'opportunità di muoversi prima di arrampicarsi su di lei. Lo sentì stringere il suo cazzo contro di lei e sapeva che solo un sottile filo di seta separava il suo sesso da lui. Lottò leggermente contro l'altare urlando di indignazione mentre lottava contro la sua presa su di lei, il suo peso che la inchiodava alla pietra. Lei si contorse sotto di lui mentre le sue parole le scorrevano addosso come pioggia.

"Drow Bitch High Priestess to Nocturna è ora di pagare per avermi convocato è ora di farti mia troia è ora di spezzarti e prenderti. Sarai mia alla fine e verrai ad adorarmi e chiamarmi Maestro prima che tutto sia detto e fatto"

Cerberus ringhiava ogni parola alla cagna sotto di lui, trascinando una mano artigliata lungo il suo corpo lasciando morbide linee rosse sulla sua pelle. Con un ringhio afferrò la seta di ragno del suo abito da sacerdotessa e gliela strappò dal corpo esponendo la morbida carne color ebano ai suoi occhi prima di scostare il proprio perizoma. Tre malvagi cazzi demoniaci presero vita tra le sue potenti cosce, ciascuno nero come la notte, denso e lungo, ciascuno gocciolante di sperma pre. Avrebbe preso questa cagna per il suo animale domestico, pensò mentre le afferrava i polsi inchiodandoli con forza contro l'altare incrinato. Allungò l'altra mano mentre lei si contorceva e si dibatteva gridando della sua dea, mentre metteva due grosse teste contro le sue seriche pieghe d'ebano e sistemava la terza contro il suo culo stretto. Si leccò lentamente i baffi con una testa abbassata per trascinare la lingua sul suo viso mentre dava un affondo potente con i suoi fianchi spingendo i tre cazzi nella sua tenuta. Doveva ammettere che gli piaceva lo spirito del suo animale domestico mentre lei inarcava la schiena contro di lui urlando e lottando nella sua presa mentre combatteva il dolore del suo cazzo. Con una risata malvagia affondò il cazzo più a fondo dentro di lei allungandole la fica stretta intorno a due delle grosse lunghezze e costringendo il suo culo stretto ad accettarne uno. Cominciò a spingersi selvaggiamente dentro di lei non permettendo al suo corpo di adattarsi alle sue dimensioni, lacerandola senza pietà mentre lei urlava per lui. Cominciò a tessere il portale per l'inferno intorno a loro mentre contaminava questo drow come la puttana che sarebbe diventata contaminando l'altare della sua dea demone mentre scopava l'alta sacerdotessa sulla pietra rotta.

Blair sentì gli artigli della bestia scavare nella sua solida carne color ebano mentre si chinava su di lei ringhiando ogni parola mentre afferrava le sue vesti. Lei inarcò la schiena con un urlo, le sue piccole mani gli affondarono nel petto mentre lui le strappava la stoffa dal corpo lasciandola nuda e lottando contro di lui. Quando tirò da parte il perizoma esponendo i tre cazzi perfidamente grandi, lei spalancò gli occhi e il respiro le si fermò in gola. Non c'era modo che la Dea lo permettesse, pensò, ma mentre lui le afferrava i polsi costringendoli a scendere sulla pietra sopra la sua testa, iniziò ad avere i suoi dubbi. Lottò più forte cercando di allontanarlo a calci, ma lui le tenne le gambe bloccate su entrambi i lati mentre si allungava tra le sue gambe. Poi sentì le grosse teste che premevano contro di lei, due che cercavano di separare la sua fica di seta e una che premeva sull'anello stretto del suo culo. Con un arco della schiena cercò di liberarsi disperata ora per sfuggirgli, raggiunse nel suo spirito il potere di bandirlo e scoprì che era sparito. Questa scoperta le strappò un urlo di paura dalle labbra mentre lui si spingeva contro di lei costringendo i tre cazzi nei suoi buchi stretti. Sentì la sua fica allungarsi e strapparsi mentre i due cazzi si facevano strada nelle sue profondità mentre lei le infilzava il culo stretto. Ansimava dolcemente lottando contro il dolore che pulsava dai suoi buchi stretti mentre inarcava la schiena urlando mentre girava la testa di lato. La sua risata malvagia echeggiava nelle sue orecchie mentre la scopava duramente forzando brutalmente le aste nelle sue strette profondità, iniziò a sentire la magia che si alzava mentre lottava nella sua presa. I suoi occhi si spalancavano ad ogni spinta che lacerava selvaggiamente il suo corpo mentre la nebbia turbinava lentamente intorno a loro, aprendo il portale per trascinarla all'inferno.

Cerberus ululò mentre il portale si apriva intorno a loro spingendosi forte e in profondità nel suo nuovo animale domestico, reclamandola per sé. Il collare avrebbe tenuto sotto controllo la puttana finché non avesse imparato qual era il suo posto. Il sorriso malvagio si allargò mentre lentamente il portale si apriva e li depositava nell'inferno e accanto alle fosse di riproduzione. Cominciò a scoparla senza pietà immergendo i grossi cazzi più in profondità ad ogni spinta mentre ringhiava di piacere. Le sue urla attirarono l'attenzione dei diavoli della fossa mentre lentamente i nodi alla base dei suoi cazzi si gonfiavano. Con una spinta selvaggia seppellì tutti e tre i cazzi nella sua nuova cagna i nodi che li legavano insieme mentre il suo caldo seme demoniaco ribolliva nella sua fica stretta e nel culo sodo lasciandola segnata come il suo giocattolo.

Storie simili

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.6K I più visti

Likes 0

Garry

Mentre Garry camminava lungo la strada principale guardando in ogni vetrina si imbatté in un avviso nel negozio 7 undici, fermandosi iniziò a leggere l'avviso, wow pensò che il bordo gratuito offerto per aiutare nel corso di cucina della scuola privata era così perfetto come ha iniziato a comporre il numero di cellulare che era indicato nell'avviso. È sembrato passato un'eternità prima che il telefono facesse clic e una voce rispondesse Ciao, sono Mary, posso aiutarti a parlare con una voce femminile. Per un breve secondo Garry era nervoso quando alla fine sbottò Ciao, mi chiamo Garry e ti sto chiamando...

1.9K I più visti

Likes 0

Capitolo 2 Rivelazioni

Capitolo 2 Rivelazioni Squall attraversò stancamente il Garden, diretto al Training Center per allenarsi. Sperava che lo avrebbe aiutato a svegliarlo, inoltre aveva solo bisogno di uscire dal suo ufficio. Si era quasi addormentato alla sua scrivania, non qualcosa che un comandante dovrebbe fare. Sono solo sogni, alla fine se ne andranno. si rassicurò mentre passava davanti ad alcuni cadetti che lo salutavano mentre passava. Salutò a malincuore a sua volta, desiderando che potessero dimenticare che era il loro Comandante per una volta. Comandante Leonhart, per favore venga subito nel mio ufficio, sentì la voce di Cid echeggiare in tutto l'edificio...

1.5K I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

1.6K I più visti

Likes 0

La moglie di Harvey e i suoi amici

Harvey stava filmando sua moglie, che aveva appena avuto il viso ricoperto di sperma dal cazzo di 11 pollici del suo Master Max. Per ripulirlo, ora Max stava pisciando su tutta la faccia di Ginger. La rossa di 58 anni ha trovato questo rilassante e non fuori dalla norma. Max era un uomo di 20 anni che era la sua costante Maledom, si erano incontrati 1 anno prima in un club di scambisti e ora Max viveva nella Master Suite a casa loro. Ginger avrebbe fatto soldi per il suo padrone andando in webcam, lui si era sistemato nella tana. La...

1.6K I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

1.5K I più visti

Likes 0

Festa del 4 luglio

NOTA: per coloro che non vivono in America ho aggiunto un grafico di conversione della storia alla fine. +++++ Festa del 4 luglio Mia moglie ed io abbiamo deciso di organizzare una festa in famiglia Il 4 luglio nella nostra fattoria. Abbiamo diverse centinaia di acri di terra e possiamo fare qualsiasi cosa vogliamo. Era stato pianificato con diversi mesi di anticipo in modo da avere tutto il tempo per preparare un campo negli ultimi quaranta per tenere la festa. Poiché il quarto era di mercoledì quest'anno, abbiamo invitato tutti quelli che conoscevamo a trascorrere l'intera settimana e anche entrambi i...

1.5K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.7K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.5K I più visti

Likes 0

Ha sempre e solo avuto il cazzo del suo ex marito. (Parte 1)

La vacanza in Grecia è stata un affare dell'ultimo minuto che non poteva davvero permettersi di perdere. L'agenzia di viaggi aveva davvero colpito l'oro con questo. Sentiva di aver bisogno di andarsene, dopo la sua partenza dal lavoro in un negozio di abiti da sposa. Aveva impiegato tutte le ore che poteva nel suo tempo lì, eppure si sentiva come se non fosse apprezzata, quindi quando venne il giorno in cui la signora Flynn la chiamò nel piccolo ufficio angusto per lasciarla andare, non arrivò come una sorpresa. Tess era lì solo da pochi giorni, ma il tempo trascorso in piscina...

1.4K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.