Puttana bianca nella piantagione di schiavi pt 1

497Report
Puttana bianca nella piantagione di schiavi pt 1

Puttana bianca nella piantagione di schiavi pt 1

Jessica era in un'età difficile, una bambina con il corpo sbocciante di una donna, una dea/bambina dagli occhi azzurri, dalla pelle chiara, dai capelli biondi in parte latino in parte caucasica, viveva con sua madre nella piantagione Carlos Menendez dove la famiglia di James aveva coltivato cotone per tre generazioni.

James ha provato di tutto per accontentare Jessica ma era inutile, credeva che lei lo odiasse, non era colpa sua se il padre di Jessica era morto o se sua madre aveva sposato suo padre.
La madre di James era morta quando lui aveva sedici anni quando la sua carrozza si ribaltò, lasciando lui e la sua sorellina Cassie, battezzata Katherine, e poi suo padre sposò la madre di Maria Jessica, rimasta vedova di recente, solo per farsi tagliare la gola da alcuni negri che aveva trovato a rubare rum. .

Così a ventiquattro anni James aveva tutto il peso di essere capofamiglia, proprietario di una piantagione e padrone di schiavi sulle spalle, e oggi Jessica aveva deciso di tormentare James accompagnandolo nei suoi giri della piantagione, cavalcando accanto a lui. lui sul suo stallone grigio mentre il sorvegliante negro lo seguiva sul suo asino e i suoi due giovani corridori negri a torso nudo e scalzi correvano dietro pronti a inviare messaggi se necessario.

Cavalcarono finché non arrivarono alla piscina ai margini del villaggio degli schiavi dove suo padre aveva costruito capanne spaziose con tetti di ferro per i lavoratori.

Si fermò quando vide alcuni giovani schiavi che nuotavano. Erano tutti nudi, i bambini si stavano solo divertendo.

Ha frenato il suo cavallo, "Faresti meglio a distogliere lo sguardo", ha riso mentre faceva cenno a Jessica di avvicinarsi.

"Beh, ho già visto tutto", disse petulante. "Comunque due dei ragazzi sembrano abbastanza grandi per lavorare", suggerì.

James sembrava, avevano ciuffi di peli pubici e i loro cazzi erano piuttosto ben sviluppati. "Ehi, perché voi negri non lavorate!" gridò Jessica.

James acconsentì: "Ragazzi, perché non lavorate?" chiese.

"Non siamo schiavi", ha insistito il più grande, "siamo solo bambini".

"Non sono bambini", ridacchiò Jessica, "Quello è appeso come un asino!"

“Jessica, per favore!” sbottò James indignato, “Abbi un po' di decoro, Jessica,” disse piano James, “Lascia che decidano loro quando saranno uomini.”

"Come quando iniziano a scopare?" lei disse.

“Quando iniziano a scopare.” James acconsentì.

"Allora perché decidono quando iniziare a fare sesso e io devo essere vergine fino a quando non mi sposerò?" chiese Jessica.

"Non sei uno schiavo", disse James.

"Quindi hanno più libertà di me?" ha schernito.

"No, ma è diverso", spiegò James.

"Quindi possono fare immersioni magre quando vogliono e io non so nemmeno nuotare?" sbottò Jessica.

“Sì, è così,” convenne James.

"Beh, non è giusto, voglio fare una nuotata!" dichiarò Jessica.

"E mi aspetto che vogliano dormire su un materasso di piume e andare a cavallo, ma non è così che stanno le cose", ha sottolineato.

"Non vedo perché posso andare a nuotare", insistette Jessica.

"Perché una ragazza bianca che nuota li ecciterebbe e forse saresti stuprata", spiegò James.

"È pazzesco, semplicemente non vuoi che mi diverta, voglio andare a nuotare, voglio mettermi a nudo come i negri e andare a nuotare come uno schiavo perché per come la vedo io sono più liberi di me!" Jessica inveì con rabbia.

"Perché," concordò James, "non ignorarmi semplicemente e fai solo quello che vuoi."

"Va bene, allora vado a fare il bagno magro", ha detto provocatoriamente.

"Certo", concordò James, "se vuoi comportarti come un negro, vai avanti."

"Lo farò", lo schernì Jessica.

"Nessun problema", concordò James, "Finché capisci che se ti comporti come uno schiavo negro verrai trattato come uno schiavo negro."

"Certo, giusto." sbottò Jessica e scese da cavallo.

James si è seduto a guardare, "Vai avanti se è quello che vuoi."

Jessica allentò il guanto sinistro e se lo sfilò dalla mano, poi si tolse il guanto destro rivelando la sua mano bianca come l'alabastro.

"Molto impressionante", sospirò James mentre Jessica si toglieva l'ampia gonna color crema a fiori, "Fai quello che vuoi", disse mentre prendeva il cavallo di Jessica per le redini per impedirgli di allontanarsi.

Jessica si tolse la giacca color crema e fissò James, schernendolo.

Lui ricambiò lo sguardo impassibile e scosse la testa.

Jessica si slacciò le calze dalle fettucce e le fece scivolare giù per le gambe fino ai suoi stivaletti neri che si slacciò faticosamente in attesa che James si facesse avanti e la fermasse.

I bambini negri guardavano dalla piscina, il sorvegliante fissava, i corridori fissavano e Jessica aspettò che James scendesse da cavallo e la trascinasse via, ma lui si limitò a fissarla con aria esasperata.

Jessica voleva solo far reagire James, ma ora pensava davvero di fare una nuotata, forse poteva strofinarsi contro uno dei ragazzi negri in forma, sentire la sua liscia pelle d'ebano contro la sua, sua madre non avrebbe mai perdonato James se avesse baciato un negro e il pensiero la divertiva molto.

James si limitò a guardarla in silenzio mentre si toglieva gli stivali e le calze e poi si dirigeva verso la pozza d'acqua con sottovesti, canottiera e corsetti e, naturalmente, il suo cappello a tesa larga, "Nuoterò", minacciò e la scosse. testa facendo cadere i suoi lunghi capelli biondi sulle spalle.

“Va bene,” acconsentì James e si rivolse a un messaggero, “Chiama lo sceriffo Logan, raggiungici al cancello sud il prima possibile,” suggerì vedendo arrivare guai.

Jessica è scesa dalla riva ed è entrata in acqua, le è arrivata in ginocchio.

"Lo farò", disse, mentre si toglieva la canottiera e la lasciava cadere nell'acqua, "Ehi tu!" disse ai ragazzi negri che guardavano: "Aiutami a slacciarmi il corsetto", disse mentre gettava il suo cappello a tesa larga sul lato della piscina.

James si limitò a guardare, i ragazzi si guardarono l'un l'altro e poi James, James si limitò a scrollare le spalle, quindi si avvicinarono a Jessica e iniziarono a slacciarle i lacci, lunghi lacci ad anello sul retro del corsetto finché non riuscì a infilarselo sopra la testa .

"Mi spoglierò", disse mentre stava lì a petto nudo.

"Certo, conosci il patto", le ricordò James, "Se vuoi comportarti come uno schiavo negro, allora va bene."

"Vedi", disse mentre l'acqua le raggiungeva la vita e si toglieva la sottogonna, "Nuda!"

"Certo", convenne, "capisco".

Si allontanò ulteriormente dalla riva in acque più profonde, "Nuoterò", insistette.

James sospirò: "Fai quello che diavolo vuoi", disse.

Fece un passo avanti e all'improvviso non c'era fondo allo stagno, "Aiuto!" ansimò mentre scivolava sott'acqua, ma in un turbinio di carne nera due ragazzi negri la afferrarono e la trascinarono nell'acqua bassa.

"Aiuto!" ripeté.

"Stai bene", suggerì James.

"Scendere!" Jessica pianse mentre la mano del negro si avvicinava furtiva al suo pube coperto di peluria dorata.

"Toglimeli di dosso!" Jessica pianse teatralmente.

Il ragazzo guardò James negli occhi mentre spingeva con fermezza il dito contro la stretta fica vergine di Jessica.

James poteva vedere l'immagine distorta attraverso l'acqua mentre l'altro negro afferrava Jessica da dietro e iniziava a giocare con le sue tette.

"Nooo," ansimò Jessica ma qualcosa dentro di lei stava ribollendo, sciogliendosi, trasudando e all'improvviso i suoi muscoli si rilassarono involontariamente e il dito era dentro di lei che esplorava, lacerando, "Noooo", ansimò di nuovo.

Il secondo negro dietro di lei ora puntava il suo piccolo ma duro cazzo sulla sua fica ormai fradicia e mentre il suo amico lo guidava tra le labbra morbide della sua figa, spinse i fianchi per forzarlo dentro di lei, "Noooo", gemette ma dopo un breve lampo di dolore le sensazioni erano squisite e lei era in paradiso.

Il mondo si fermò tranne il battito del suo cuore e il battito del suo cuore e il sole e il secondo negro che ora le stava succhiando il seno sinistro mentre l'altro giocherellava con il suo capezzolo destro.

La sua clitoride riempì tutta la sua mente di piaceri insoliti mentre il ragazzo negro la scopava e poi improvvisamente un getto di piscio d'amore spense i suoi fuochi.

"Tu, Zanu, raccogli quegli stracci", disse James al corridore, "Thomas, legali, sono abbastanza grandi per lavorare", disse al sorvegliante.

"I ragazzi, signor James?" chiese imbarazzato.

"E la ragazza, sembra che voglia essere trattata come una schiava." Rispose Giacomo.

"Sei sicuro, signor James?" chiese il sorvegliante.

"No, ma non c'è altro modo per controllarla", ha riso, "legate le mani e legatele insieme, mettetele semplicemente la sottogonna e lasciate che i ragazzi si mettano i pantaloni".

I ragazzi sembravano davvero imbarazzati, "Abbastanza grandi per fare sesso abbastanza grandi per lavorare", disse James, "Ora Thomas ti prenderà in giro, quindi niente scherzi".

"Non puoi farlo!" Jessica si lamentò ma Zanu raccolse i vestiti di Jessica mentre Thomas trascinava i ragazzi fuori dalla piscina e gli legava i polsi dietro di loro.

I ragazzi stavano gocciolando e sorridendo, "Forse siamo cresciuti", concordarono e risero.

Jessica rimase in acqua, imbarazzata ora che teneva l'acqua sopra la vita.

“Zanu, portala fuori di lì,” ordinò James.

"Con un bastone Maestro?" chiese imbarazzato.

"Frusta a bastone, diavolo puoi usare una sbarra di ferro se riesci a trovarne una!" Giacomo rise.

"Non abbiamo mai usato nessun bastoncino su nessun bianco prima d'ora", disse Zanu, "Sei sicuro che vada tutto bene, Maestro?"

"Portala fuori di lì e falla legare", insistette James, "perché c'è il primo schiavo bianco di Carlos Menendez."

"Lo scherzo è finito", disse Jessica, "Vestiti per favore".

"Indossa la sottogonna così possiamo vedere le tue tette", disse James, "Fino a quando non ti procuriamo un grembiule così possiamo vedere il marchio del tuo culo".

"Non oseresti!" sbottò, ma Zanu la fece appoggiare contro la sponda e Thomas le afferrò le braccia e presto le legò saldamente i polsi.

Il cancello sud era a poche centinaia di metri dal villaggio degli schiavi, Thomas mise una corda attorno al collo dei ragazzi e intorno a quello di Jessica in modo che fossero tutti in fila e li condusse verso il cancello seguito da Zanu che guidava il cavallo di Jessica e James li seguì.

Il cancello sud aveva un grande arco e un corpo di guardia, filo spinato più alto di un uomo circondava la piantagione e il cancello sud era l'unico modo per entrare e uscire a tempo pieno, quindi c'era un corpo di guardia dove viveva il sorvegliante su un lato e un cortile di lavoro per il fabbro dall'altro.

Thomas ha portato Jessica e i negri all'interno del corpo di guardia. Ha suscitato molto scalpore: "Lordy mi ha colpito ma hanno preso uno schiavo bianco e assomiglia moltissimo alla signorina Jessica!"
Muriel, disse la donna di Thomas alla sua amica Lucy-May.

"Oh Signore, quella è la signorina Jessica, il maestro James deve aver ribaltato il coperchio!" Lucia May ha risposto.

Lo sceriffo Albert Logan arrivò nel suo carro bianco trainato da quattro cavalli bianchi abbinati circa un'ora dopo l'arrivo di James.

Jessica aveva provato a respingere i ragazzi ma un quarto d'ora prima dell'arrivo dello sceriffo Barny era riuscito a farla salire sulla schiena e le aveva infilato il cazzo nella figa mentre il suo amico Zach l'aveva tenuta ferma, quindi entrambi i ragazzi l'avevano scopata .

Lo sceriffo Logan non era divertito: "Cosa c'è questa volta, signor Braithwaite?" chiese sarcastico.

“Un paio di schiavi per nominare Sceriffo, due negri e una puttana bianca,” lo informò James.

"Schiavi bianchi, non abbiamo schiavi bianchi", esclamò Logan.

"Beh, ho letto la schiavitù e la legge sulla proprietà a Princetown", gli ricordò James, "e non c'è un solo riferimento al colore o alla razza o cose del genere."

"COSÌ?" chiese Logan.

"Sto dando a questi giovani una scelta", ha spiegato James, "possono prendere il mio collare di ferro ed essere accuditi o correre il rischio nel grande mondo".

Thomas andò a prendere Zach e Barny e Jessica lo seguirono a distanza di corda.

"Zacharius e Barabus e Jessica Cavendish - Braithwaite", James li presentò allo sceriffo Logan.

"Mi hanno violentata!" esclamò Jessica quando vide lo sceriffo.

"Ora aspetta!" Logan esclamò: "Cosa diavolo è questo?"

"È appena fuori di testa", ha risposto James, "Guarda, è la mia pupilla, quindi il reato di stupro è contro di me, non contro di lei e se questi ragazzi giocano a palla, allora va tutto bene."

"Giusto", chiese Logan, "Come mai?"

“Sono i miei schiavi se mi accettano come padrone, allora va bene, la regola è che non ci sono stupri a Carlos Menendez, qualsiasi schiavo può fare sesso con qualsiasi altro schiavo e basta. Ovviamente se non mi accettano come padrone allora hanno violentato Jessica, e questo è un reato di impiccagione.

I ragazzi si guardarono l'un l'altro: "Vuoi la libertà?" chiese Logan.

"No signore, abbiamo pensato e ci piace stare qui bene", hanno risposto nervosamente.

"Allora dai loro un supervisore del collare e portali dal fabbro", disse Logan con fermezza.

Thomas slegò le corde e condusse via i ragazzi.

Si rivolse a Jessica, "E tu?" chiese.

James parlò severamente: "Vuoi correre il rischio a piedi nudi e a torso nudo nel grande mondo?" chiese, “Forse potresti arrivare al bordello prima di essere stuprato e ucciso, forse mangiato da un coccodrillo, o forse no. Altrimenti puoi prendere il mio collare, essere nutrito, sessuato, accudito, protetto, che ne dici?

"Questo è andato abbastanza lontano!" Jessica protestò: "Prendi mamma!"

"Non osare parlarmi così, puttana!" James sbottò: "Ti ho dato tutte le possibilità, ma dovevi essere una puttana, ora hai perso la verginità, diavolo probabilmente sei sulla buona strada per far uscire un meticcio e averti morto non fare appello così come il tuo guardiano, ti ordino di metterti il ​​collare.

"Non puoi!" Jessica ha pianto.

"Certo che può, vuoi che sia rinchiusa per prostituzione senza licenza?" chiese Logan.

"No, ma è meglio che tu le dia comunque una licenza," rispose James pensieroso.

Hanno dovuto trascinare Jessica alla bottega del fabbro, Brian Borru, un grande irlandese bianco e muscoloso, brandiva una grossa mazza e ha appiattito il rivetto rovente attraverso il colletto del ragazzo, mentre si rannicchiava completamente scioccato.

"NO! Per favore!" Jessica supplicò ma non appena il ragazzo ebbe finito, la tirarono dentro.

"Per favore, non mettermi il collare in quel modo", supplicò Jessica, "farò qualsiasi cosa".

"Questa è l'idea generale", rise James, "Ed è per questo che le puttane hanno il collare e hanno anche anelli al polso e alla caviglia."

"NO!" supplicò.

«Brian non ha ancora ucciso nessuno, signorina», la rassicurò Thomas, «ha mutilato un po', ma.»

"Va bene", sospirò James, "Attento, brucerà facilmente", consigliò James, "Molta acqua".

Jessica svenne mentre la deponevano accanto all'incudine. Non sentì mai il calore del rivetto incandescente del sibilo della mazza che le passava nell'orecchio, né la sensazione dei ferri della gamba e del polso mentre venivano rivettati a loro volta, ma alla fine era fatta.

Lo sceriffo Logan controllava i ferri, a volte gli schiavi rendevano i fori dei rivetti troppo grandi e i rivetti si staccavano, ma questo era un buon lavoro, quindi ha firmato il registro, "Solo il marchio". Ha aggiunto.

I ragazzi si guardarono l'un l'altro: "Non ho detto?" James ha chiesto: "Fronte penso", ha aggiunto.

"Non c'è modo!" protestarono ma ora avevano il collare e Brian saldò abilmente la nuova data al marchio e la riscaldò fino a farla diventare rosso ciliegia.

"Ora stai fermo o ti brucio un buco nel cervello!" Brian avvertì mentre portavano i ragazzi al focolare, spinse il tizzone nel fuoco e quando fu rosso ciliegia lo tirò fuori e lo toccò leggermente contro la fronte di Zach, urlò mentre la sua carne bruciava e prontamente svenne: "Caldo dannazione io ha fatto girare i sei nel modo sbagliato ", ha giurato Brian," e il prossimo "

Poi fu il turno di Barny, di nuovo il tizzone rovente, di nuovo lo sfrigolio e l'odore di carne bruciata, ma Barny si limitò a urlare.

Poi è stato il turno di Jessica, "Capo della fronte?" chiese Brian.

James ci pensò un po'. "No, sul suo culo dove la gente può vederlo."

Hanno tenuto ferma Jessica mentre lo facevano, la carne del suo culo sfrigolava e bruciava, ma il marchio era solo marrone caldo per non distruggere la sua morbida pelle bianca, ma è comunque svenuta.

"Bene, ci vediamo domani brava gente", dichiarò James, "Mandala al villaggio quando avrai finito, sono sicuro che troverai un modo in cui ti potrà divertire."

James si chiedeva cosa fare con Jessica ora che era una schiava, se fosse tenuta nella casa principale come una puttana domestica e fottuta da visitatori, amici e lui stesso, come è successo a molte giovani schiave attraenti e/o ben fatte, o avrebbe dovuto raccoglie il cotone, o viene tenuta incatenata come una puttana di villaggio che beve piscio per gli schiavi in ​​visita da usare come discarica di sperma.

Gli piaceva piuttosto l'ultima idea.

Continua.

Storie simili

L'Harem di Rogue Libro 1, Capitolo 2: Il divertimento birichino di Catgirl

L'Harem del Ladro Libro uno: Le donne sensuali di Rogue Parte seconda: il divertimento birichino di Catgirl Di mypenname3000 Diritto d'autore 2017 Capitolo quattro: Desideri realizzati Sven Falk – Colline di Despeir, Principato di Kivoneth, Terre della Contea di Zeutch Non ero mai stato più sbalordito in vita mia mentre guardavo le labbra della figa di mia sorella spalancate dalle dita birichine di Zanyia. Quel tunnel rosa e scintillante, che si fletteva e si contraeva mentre mia sorella si dimenava sotto la lamia, mi fece cenno. Per tanti anni avevo sognato di scivolare nel suo tunnel, lottando contro il desiderio tabù...

201 I più visti

Likes 0

L'umiliazione ipnotica di Subby Hubby

È furioso quando scopre che sua moglie scopa con un perfetto sconosciuto in casa loro, ma poi lei cambia idea al riguardo. Letteralmente. ******** Sono tornato a casa dopo il lavoro e li ho trovati che scopavano sul pavimento del soggiorno. Mia moglie e un ragazzo che non conoscevo. Era in cima. Ricordo i suoi talloni e le dita dei piedi sospesi in aria mentre il suo sedere si fletteva e lui la pompava. Che CAZZO, ho detto. Il ragazzo si guardò alle spalle e mi sorrise. Poi vide la mia espressione e il suo sorriso se ne andò. Mia moglie...

193 I più visti

Likes 0

Six-Mile High Club capitolo 8

Six-Mile High Club capitolo 8 Poiché si stava facendo tardi e dovevano essere a casa di Tomiko per cena, si vestirono e lasciarono la scuola. Guidava in modo molto simile al tassista che aveva portato Miyoko e Michael dall'aeroporto all'hotel. All'improvviso Tomiko si fermò in un parcheggio, spense il motore e scese dall'auto come se fosse in una gara di Stock Car, e dovette fare un pit-stop, con solo la dichiarazione, Aspetta qui. Torno subito. Ha attraversato il parcheggio ed è entrata in un drugstore. Tre minuti dopo lei tornò con un piccolo pacchetto e ripartirono. Cosa c'era di così importante...

222 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

289 I più visti

Likes 0

Fine settimana alternati: Parte 2

Jason era seduto sul divano a guardare la TV quando la porta d'ingresso si aprì. Mandy passeggiava con un aspetto più che un po' strano. I suoi vestiti, che erano ovviamente nuovi di zecca e un po' succinti, erano bagnati di rugiada. Naturalmente, non sapeva che fosse rugiada e pensava semplicemente che fosse passata attraverso un irrigatore o qualcosa del genere. Cosa ti è successo? chiese. Il suo tono rivelava che non gli importava davvero. A quanto pare ho lasciato la macchina di papà in movimento, ha risposto. Non aveva idea di quanto tempo prima lui l'avesse abbandonata sul prato davanti...

357 I più visti

Likes 0

Jimmy, il ragazzo della porta accanto

Gah, il college è ridicolo! Sono così pronto a smettere. Taylor Green aprì la porta della sua stanza del dormitorio e la sbatté drammaticamente. Max, il suo compagno di stanza alzò lo sguardo dal libro che stava leggendo per fissarla. Amico, lo dici sempre ogni settimana. Taylor sbuffò e si passò le dita tra i capelli neri lunghi fino alle spalle. Sì, ma questa volta sono serio. Oggi è venerdì, ma ho 3 compiti da consegnare tutti nello stesso giorno della prossima settimana, un test da portare a casa e altri 3 quiz. Giuro che questo carico di lavoro mi ucciderà!...

295 I più visti

Likes 0

Per un

Per un Forse dovrei spiegare. Si tratta di un resoconto di vita reale, aggiornato e coinvolgente, che coinvolge persone reali che, per molte ragioni, sarebbero vulnerabili sia nella loro vita professionale che personale se troppi dettagli fossero resi pubblici. Sono sicuro che tu, il lettore, perdonerai la mancanza di nomi o dettagli accurati sulla posizione. Chi mi conosce bene probabilmente riconoscerà alcuni aspetti e magari farà due più due. Dovrò occuparmi di questo, se e quando arriverà il momento. La mia reputazione, sebbene importante per me, è un po’ meno importante da considerare rispetto a quanto lo sia la “A” per...

166 I più visti

Likes 0

Sedotto, trasformato e dominato

Ho 27 anni e fino ad ora ho condotto una vita onesta. Sono considerato di bell'aspetto e ho avuto ragazze bellissime per tutta la mia vita. La mia carriera, la salute e la vita sociale sono state molto buone. Si potrebbe dire che sto vivendo una vita perfetta. Sono magro, 30 di vita, 44 di petto - mi alleno molto, ho un pene di 7 di taglio. Ho una vita molto appagante sotto tutti gli aspetti tranne uno. Fin dalla tenera età ho avuto un'immaginazione molto attiva e voglia di essere sedotta da un ragazzo, ma non ho mai avuto un'esperienza...

201 I più visti

Likes 0

Il viaggio in spiaggia_(3)

Il viaggio in spiaggia Non ho mai pensato a me stesso come uno spettatore. Non direi che sono brutta, ma non ho mai pensato che le ragazze parlassero di me e non fossi molto ricercata. Ero più un amico. Uscivo sempre con le ragazze, ma non pensavo che nessuna di loro fosse interessata a me. Ho 15 anni, circa 5'11, 150 libbre e niente di veramente speciale. Occhi castani, capelli castani, quasi del tutto nella media. Ero abbastanza in forma, grazie al fatto che giocavo a calcio, e avevo molto successo a scuola. Ero andato fino alla terza media senza una...

1.3K I più visti

Likes 0

Fare da mentore a Brandon Capitolo 12

MENTRE BRANDON Di Bob Capitolo 12: Fantasie finalmente realizzate Mentre scivolavo in un sonno profondo non potevo fare a meno di pensare a ciò di cui io e Bran avevamo parlato. Sapevo di avere più esperienza di Brandon nel campo del sesso, dato che ero la sua prima esperienza sessuale. Potrei anche dire che era piuttosto incuriosito da un'esperienza sessuale multipla. Credevo anche che sarebbe stato molto divertente, ma non volevo spingere troppo perché non volevo perdere l'amore della mia vita. Stavo per addormentarmi quando ho sentito un rumore accanto al letto. Abbiamo davvero dimenticato di chiudere a chiave la porta...

793 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.