Il sostituto di mamma

930Report
Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine.

Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo laggiù. Sto ancora sognando? Metto a fuoco i miei occhi nella luce lunare che entra dalla finestra e noto la coperta che si muove su e giù. Tiro via la coperta e il bel viso di mia moglie Eve torna verso di me. I penetranti occhi azzurri fissano la mia anima, il suo viso felice mentre la sua bocca scivola su e giù per il mio cazzo.

"Eva, sei tu?" Chiedo.

Lei sorride solo con gli occhi mentre continua a succhiare il mio cazzo duro. Eve adorava fare la fellatio su di me e amava anche il gusto del mio sperma. Chiudo gli occhi e mi godo la sensazione. Temo che mi sveglierò troppo presto e rovinerò questa incredibile esperienza. Sembra così reale, non voglio che finisca mai.

Sento che smette di succhiarmi e guardo in basso per vederla strisciare sul mio corpo. Si siede in posizione verticale e prende il mio cazzo e lo mette al suo ingresso morbido e bagnato. Guardo mentre sono inghiottito dal calore penetrante della sua dolce figa. Aspetta, la sua figa è nuda; Eve non si è mai rasata la figa. Aveva sempre avuto un sottile tappeto di peli pubici biondo sporco.

"Eve, ti sei rasata, tesoro?" Chiedo.

Continua a cavalcarmi senza rispondere mentre guardo il suo corpo. Le sue tette sono più prominenti di quanto ricordassi e sta spingendo forte e veloce. Eve era sempre gentile e lenta.

Il suo orgasmo raggiunge il picco mentre continua e il mio segue subito dopo. Finalmente mi rendo conto che sono sveglio, e non è mia moglie, ma il suo sosia, il suo mini-me.

"Rachele?"

"Si papà." Lei risponde.

"Rachel, piccola, cosa stai facendo?" Chiedo.

"Ci sto facendo sentire bene stupidi", risponde.

“Tesoro, ti amo così tanto, ma non dovresti farlo. Sono il tuo papà, piccola, e i papà non dovrebbero mentire con i loro bambini ", dico.

“Papà, non sono più un bambino. Ho ventidue anni, la stessa età che aveva la mamma quando hai dormito con lei per la prima volta. Voglio stare con te così, e la mamma ha detto che per me andava bene stare con te.

“Tesoro, tua mamma ti amava più della vita, proprio come me. Entrambi volevamo che trovassi un uomo meraviglioso che ti mostrasse tutte le gioie che la vita può offrire.

“Papà, vieni con me”.

Rachel mi prende per mano e mi tira fuori dal letto. Entrambi siamo ancora nudi e non posso fare a meno di ammirare la bellezza di mia figlia. Da quando aveva sedici anni fino alla morte di mia moglie, la gente aveva commentato sia quanto fosse bella sia quanto somigliasse a sua madre. Mi trascina in soggiorno e mi fa sedere sul divano.

Esito, realizzando che siamo entrambi nudi, ma con riluttanza mi siedo. Rachel carica un disco nel lettore e accende la TV. Torna sul divano con il telecomando in mano e si siede accanto a me.

“Ora papà, sarà difficile. Il disco che ho appena inserito è la mamma prima che morisse. Mamma e io l'abbiamo fatto per te, ma lei mi ha detto di non suonarlo finché non avessi pensato che fossi pronto. Va bene piangere papà, sono sicuro che piangerò, ma la mamma voleva dirti qualcosa dopo che hai avuto il tempo di guarire. Va bene toccarmi e stringermi perché voglio che tu lo faccia, e voglio stringerti mentre lo guardiamo insieme.

Le lacrime mi rigano già il viso mentre penso di rivedere Eve. Rachel spinge il gioco, poi mi abbraccia e la mia cara dolce Eve appare sullo schermo, nuda.

“Ciao, John, ciao, piccola. Immagino di essere stato via per un anno o più, ma sappi che ti amerò per sempre e il mio spirito è seduto accanto a te.

John, tesoro, eri l'amore della mia vita, vorrei solo che la vita ci avesse dato più tempo. Ma so che il mio mini-me è seduto accanto a te ed è ora pronto a prendere il mio posto. Lo dico in ogni senso delle parole, John.

Tesoro, so che non l'hai mai guardata se non con gli occhi adoranti di un padre. Ma, John, Rachel ti ha amato più di un padre da quando ha raggiunto la pubertà. Ho pensato che ne sarebbe cresciuta. L'ho anche fatta parlare con uno psicologo per un po', ma il cuore vuole quello che vuole il cuore. Il cuore di Rachel voleva qualcosa che pensavo non avremmo mai potuto darle.

Poi, mi è stato diagnosticato un cancro e un giorno mi sono reso conto che non avevo dato alla luce mia figlia, avevo dato alla luce la mia sostituta. La mia consolazione è che ho avuto modo di vederla crescere fino a diventare una brava giovane donna. Una donna che sarei orgoglioso di avere al mio posto. Guardala seduta accanto a te, John, è una versione più sana e più bella di me. Voglio dire, basta guardare i suoi seni spettacolari, ho sempre sognato di avere un seno della sua taglia.

Immagino che stamattina ti sei svegliato con lei mentre ti faceva un pompino incredibile, o forse anche cavalcando il tuo bel cazzo. Sarà uno shock, tesoro, ma non è la prima volta. Rachel ti ha dato la sua verginità quando aveva sedici anni, subito dopo che mi è stata diagnosticata. Tesoro, mi dispiace che ci siamo approfittati di te, ma sapevo che non avresti mai fatto niente con lei finché avessi ripreso fiato. Hai il sonno così pesante, ho pensato di poterle insegnare quello che aveva bisogno di sapere. Ti prego di capire, amore mio.

Tesoro, so che legalmente non potrà mai essere tua moglie, ma voglio che tu sposi nostra figlia. Voglio che tu le dia la stessa vita che hai dato a me. Ha il mio fidanzamento e la mia fede nuziale, ma le ho detto di non indossarla mai a meno che non te la infili al dito. Hai la mia benedizione se il tuo cuore lo desidera.

John, ti esorto a darle lo stesso amore e la stessa devozione che hai dato a me. Ho visto il suo cuore, ed è devoto solo a te. Se la rifiuti come tua amante, rimarrà comunque vicina come tua figlia, ma non credo che sarà mai completa senza di te.

Oh, e comunque, tesoro, conosci la replica del dildo che ho fatto con il tuo bel cazzo? Era per Rachele. Ora tesoro mio, se ce l'hai nel cuore, voglio che tu le dia lo stesso bacio appassionato che hai sempre dato a me. Sarà il suo primo. Poi voglio che tu faccia l'amore con lei proprio lì sullo stesso divano su cui io e te abbiamo fatto l'amore mille volte.

Addio, amore mio, Addio, mia dolce ragazza, prometto di vegliare su entrambi.

Ci sediamo entrambi lì, tenendoci l'un l'altro mentre le lacrime si placano. Sento che Rachel mi guarda, quindi abbasso lo sguardo e fisso i suoi accattivanti occhi azzurri per un momento prima di premere le mie labbra sulle sue. Spingo la mia lingua nella sua bocca calda, le nostre lingue si incontrano e danzano appassionatamente intorno alle nostre bocche.

Mi sdraio sul divano e tiro Rachel sopra di me mentre vado. Mentre Rachel è completamente sopra di me, preme il suo tumulo caldo sulla mia virilità. La passione nel nostro bacio si intensifica mentre lei macina il suo sesso umido contro di me.

Alla fine si allontana dal nostro bacio. “Oh papà, lo desideravo da così tanto tempo. Voglio che tu faccia l'amore con me. Fammi sentire una vera donna”.

“Okay, piccola, mi è sempre piaciuto dare piacere a tua madre prima. Voglio che ti siedi sul mio petto per darti un orgasmo con la mia lingua.

Rachel si siede sul mio petto e io mi avvicino alla bocca il suo sexy manicotto nudo. Tiro fuori la lingua e le spacco le labbra. Posso ancora assaggiare il mio sperma mentre mi immergo nella sua dolce apertura. L'odore del suo sesso permea i miei sensi e il suo dolce nettare si combina con il mio sperma che mi gocciola in bocca.

Rachel ora sta cavalcando la mia bocca e la mia lingua mentre la porto rapidamente all'orgasmo. Eve era sempre stata un'amante di talento, ma era per lo più tranquilla durante il sesso. Rachel, tuttavia, è stata molto esplicita e direttiva mentre mi abbracciava la faccia.

“Sì, papà, sì, proprio lì, oh sì papà, fottimi con la tua lingua. Sì, oh dio papà, sì, succhiami il clitoride papà, oh dio, oh dio, papà, sto venendo.

Rachel viene in modo spettacolare, inzuppandomi la faccia nel suo nettare. Urla, geme e usa un linguaggio che farebbe arrossire un marinaio. Ho continuato a leccare e pulire i suoi dolci succhi mentre scende dall'orgasmo più intenso a cui abbia mai assistito. Evito la sua clitoride, ma quando premo la mia bocca sulla sua apertura, si chiude e ha un altro orgasmo.

Ho continuato a leccarla finché non mi ha detto di smetterla, non ce la fa più. Si rotola su e giù sul pavimento.

"Tocca a me, papà."

Rachel si inginocchia tra le mie gambe e comincia a farmi un pompino. Lei è meravigliosa nel fare fellatio. Come Eve, Rachel non ha il riflesso del vomito e può facilmente prendermi in gola. Ha anche una lingua lunga e appuntita che usa con grande efficacia.

La sua lingua gira intorno alla mia testa, solleticando la parte inferiore sensibile prima di immergermi nella sua gola. Poi con il mio cazzo seppellito nella sua gola, la sua lingua si allungava per leccarmi le palle. Lo sguardo nei suoi occhi era da qualche parte tra amore e lussuria mentre mi porta al mio secondo orgasmo del mattino.

"Ti è piaciuto, papà?"

“Sì, piccola, è stato fantastico. Non riesco a credere a quanto sei bravo a fare la fellatio.

“Mamma mi ha insegnato bene. Te l'ho fatto spesso prima che la mamma morisse. Ci hai quasi beccati un paio di volte. Ti ho sempre dato la testa sotto le coperte e la mamma ti guardava nel caso ti svegliassi. Se ti svegliassi, prenderebbe rapidamente il mio posto. Poi, quando si è ammalata, ha iniziato a farti spegnere le luci in modo che potessi prendere il suo posto.

“Tesoro, perché una bellissima giovane donna come te dovrebbe voler restare bloccata con un uomo di quarantacinque anni? Hai tutta la vita davanti a te, e la mia vita è a metà. Ti sei appena laureato, hai iniziato il tuo primo lavoro. Il mondo è ai tuoi piedi”.

“Papà, ho provato a uscire con ragazzi e ragazze, ma non è successo niente. Finisco sempre per paragonarli al mio primo amore, e non sono mai all'altezza. Voglio dire, c'erano una coppia con cui pensavo di poter stare, ma il mio cuore mi diceva sempre: 'Il tuo primo e unico amore ti sta aspettando a casa'".

“Tesoro, non è una questione d'amore. Nessuno ti amerà mai più di me, ma la gente qui intorno sa che sei mia figlia. Portare avanti una relazione incestuosa può avere conseguenze disastrose”.

“Ci ho pensato molto. Papà, io e te siamo entrambi ingegneri e so di non avere ancora alcuna vera esperienza, ma tu sì. Voglio aprire un'attività tutta mia con i soldi che mamma mi ha lasciato. In realtà ho fatto molte ricerche e c'è una vecchia azienda in vendita a un paio di centinaia di miglia da qui. Il proprietario vuole andare in pensione ed è disposto a vendere a un ingegnere esperto”.

"Tesoro, lavoro nella stessa azienda da vent'anni."

"Conosco papà, ma pensa a cosa potremmo fare insieme... come... marito e moglie".

"Fammi pensare, piccola."

Vado a lavorare pensando molto alla mia vita. Mi sono davvero sentito pronto a rientrare nella vita. Rachel ha reso la mia vita più confortevole, ma il pensiero dell'incesto mi preoccupa. Alla luce del giorno, non potrei amare Rachel come mia moglie? Se sono onesto con me stesso, ci sono state più di un paio di volte in cui l'avevo guardata come una donna, soprattutto da quando Eve è morta. Dio, è stato bello stamattina.

Niente potrebbe prepararmi per il mio ritorno a casa questa sera, però. Rachel mi viene incontro alla porta come faceva anche sua madre.

"Bentornata a casa, tesoro", dice. Mi dà un appassionato bacio alla francese, poi si volta e va in cucina. Indossa un grembiule, solo un grembiule con tutto il sedere scoperto. Arriva a metà strada verso la cucina, si ferma e si guarda alle spalle.

"La cena sarà pronta tra poco", dice, "e il dessert", scuote il sedere, "seguirà dopo". Fa l'occhiolino e va in cucina.

"Porca miseria, adesso sono nei guai", penso.

Rachel mi chiama a cena qualche minuto dopo, dopo che mi sono lavato. Non ho potuto fare a meno di notare che alcuni dei suoi prodotti per il bagno erano ora nel bagno principale. Vado in sala da pranzo e c'è solo un posto coperto.

Rachel entra completamente nuda e mi prepara la cena. Poi si siede sulle mie ginocchia, sorride e inizia a darmi da mangiare quello che ha preparato.

"Non mi renderai le cose facili, vero?" Chiedo. "E che senso ha chiamarmi tesoro adesso?"

"Perché, tesoro, non proverei mai a farti fare qualcosa che non volevi fare", risponde.

«Tua madre lo diceva sempre prima di convincermi a fare qualcosa che non volevo fare. Diceva anche: "Gli uomini buoni a volte hanno bisogno di una spinta nella giusta direzione per fare ciò che devono fare".

"La mamma l'ha detto, vero?" dice Rachel.

"E mi chiami tesoro?"

“Beh, papà, ho pensato che se iniziamo a vivere come marito e moglie, non va bene per me chiamarti papà in pubblico. Quindi devo iniziare a chiamarti in un altro modo. La mamma ti ha chiamato, tesoro, tesoro e caro, quindi ho pensato di usare anche quelli.

“Baby, sai che ti amo più di ogni altra cosa al mondo. Non credo che ce l'avrei fatta senza di te dopo la morte di tua madre. Voglio che tu sia felice, non solo oggi, non solo domani, ma per il resto della tua vita. È solo che non vedo perché vorresti un vecchio come me quando potresti avere qualsiasi ragazzo che desideri?"

“Papà, ho frequentato ragazzi della mia età un paio di volte, e anche se erano ragazzi di bell'aspetto, intelligenti e simpatici, non mi sentivo attratto da loro. Guardo i bei ragazzi della tua età e mi sento tutto stordito dentro. Se mi rifiuti, sarei triste e probabilmente troverei qualcuno un giorno, ma chiunque sia quella persona, avrebbe più o meno la tua età. So che c'è un tabù sul tipo di relazione che ti sto chiedendo, ma lo voglio. Sono disposto a fare tutto il necessario per realizzarlo; se mi avrai.

Per una risposta, fisso amorevolmente i suoi bellissimi occhi azzurri per un momento, poi allungo la mano e avvicino il suo viso al mio. La bacio con una passione che fino a quel momento era stata riservata alla mia defunta moglie. Rachel risponde sciogliendosi tra le mie braccia e ricambiando il mio bacio con uguale entusiasmo.

Ci baciamo per diversi minuti prima che io provi a interrompere il bacio, ma Rachel non ce la fa. Sembra raddoppiare i suoi sforzi e la sua passione. Mentre il nostro bacio continua, si sposta da seduta sulle mie ginocchia a cavalcioni sulle mie ginocchia. Poi porta la mia mano sinistra sul suo sedere e la mia mano destra sul suo seno.

Continuiamo a baciarci mentre esploro e accarezzo il suo giovane corpo stretto. Rachel ha il viso e l'altezza e la forma complessive di sua madre, ma le somiglianze si fermano qui. Rachel ha tette più grandi e un sedere più pieno. I capezzoli di Eve erano come grandi uvette, mentre Rachel è più vicina a una dimensione dell'uva piena.

Per un secondo sembra strano che io paragoni mia moglie e mia figlia in questo modo, ma il pensiero svanisce velocemente quando Rachel inizia a macinare il suo sesso contro il mio. Comincio a incontrare le sue spinte e spingo il suo bacino contro il mio quando finalmente interrompe il bacio.

“Oh, papà, lo desideravo da così tanto tempo, non posso esprimere quanto sono felice in questo momento. Ti amo tanto."

Rachel mi stringe in un abbraccio stretto e mi sussurra all'orecchio. "Portami a letto e fai l'amore con me, papà."

Mi alzo e lei mi avvolge le gambe intorno alla vita. Le dita della mia mano destra scivolano tra le sue cosce e toccano le pieghe calde e umide della sua figa. Rachel geme nel mio orecchio mentre le mie dita scorrono avanti e indietro. Arrivo al mio letto, la metto giù e quasi ci cado sopra, perché non mi libera dalla sua presa.

Rotolo di lato e lei viene con me e finisce in cima. Mentre mi guarda, c'è un fuoco nei suoi occhi che non avevo mai visto. Indosso una camicia abbottonata; non si preoccupò dei bottoni e si limitò ad afferrare il colletto e lo strappò, facendo volare i bottoni in ogni direzione.

Mi sentivo impotente mentre continuava a toccarmi i pantaloni. Mi slaccia la cintura, abbassa la cerniera e inizia a togliermi pantaloni e boxer. Me li mette in ginocchio prima di rendersi conto che indosso le scarpe; slip-on per fortuna. Una scarpa volò a destra e una a sinistra, e i miei pantaloni e i miei boxer la seguirono rapidamente.

Lei prende velocemente il mio cazzo già duro in mano, accarezzandolo, guardandolo con lussuria negli occhi mentre si lecca le labbra. Si china e lecca la punta prima che io la prenda sotto le ascelle e la tiri su. La faccio rotolare fino in fondo, poi la bacio forte sulla bocca per un momento.

«No, piccola» dico. "Questa notte riguarda te e ti do il mio amore."

Mi sposto verso i suoi seni sodi, baciando l'areola in cerchi attorno al suo grande capezzolo duro. Succhio il suo capezzolo sinistro nella mia bocca mentre ruoto il destro tra le mie dita. Rachel geme leggermente e spinge la mia faccia contro il suo seno. Passo diversi minuti a succhiare entrambi i capezzoli finché non sono duri come la roccia. Prendo ogni capezzolo tra il pollice e l'indice e continuo a ruotarli e massaggiarli mentre mi faccio strada lungo il suo corpo.

Bacio intorno al suo tumulo liscio e pulito, e poi sento una zaffata del suo aroma. Il suo odore è molto più potente di quanto immaginassi e mi ha fatto ubriacare di lussuria. Non posso più aspettare e devo assaggiarla. Il suo nettare è denso e appiccicoso come il miele, e ha un sapore dolce con solo un pizzico di acidità. Faccio scorrere la mia lingua per tutta la lunghezza della sua fessura, e si apre come una rosa che si apre al sole.

Rachel grida: "Oh dio, papà, cosa hai fatto?"

Faccio scorrere la lingua su e giù, poi mi immergo nella sua apertura. Non avevo mai visto una donna bagnarsi così presto. Succhio e lingua alla sua apertura per un momento, e lei mi riempie la bocca con il suo nettare. Lecco di nuovo e colpisco il suo clitoride un paio di volte prima di succhiarlo nella mia bocca. Il mio succhiare l'ha portata oltre il limite e ha l'orgasmo più potente a cui abbia mai assistito. Si dimena e si dimena, e mi blocca le gambe sulla testa.

"Oh cazzo papà, oh mio dio, cazzo, cazzo, oh FUUUUCK."

Il suo nettare è così denso e mi ha inzuppato così tanto il viso. Pensavo di essere stato dimagrito con l'ectoplasma. 'Chi chiamerai?'

Le ci vogliono diversi minuti per scendere dalle travi prima che finalmente parli.

"Oh mio Dio, papà... quello... quello è stato INCREDIBILE!"

"Tesoro, non te l'ha mai fatto nessuno prima?"

“No, papà, nessuno tranne te mi ha mai toccato laggiù. Oh, a parte Billy, una volta ha provato a toccarmi, ma faceva più male, quindi l'ho fatto smettere. Ho fatto seghe a un paio di ragazzi e ho fatto un pompino a Jack, ma come ti ho detto, non mi sembrava giusto.

"Quindi non hai mai fatto esperimenti con una ragazza?" Ho chiesto.

“Sì, papà, ho giocato con una ragazza al college. Ci siamo baciati e toccati, ma niente di più. È stato divertente, ma non mi sento attratto dalle ragazze.

“Tesoro, amare le ragazze non è niente di cui vergognarsi. Odio rompere la tua immagine di lei, ma tua madre ha fatto sesso con alcune donne al college.

"Sì, lo so, me l'ha detto, ma non sono mai stato interessato a fare sesso con una donna."

"Va bene, piccola, non voglio che tu pensi che sia sbagliato."

"Va bene, papà, posso avere la tua cosa adesso?"

Le bacio la clitoride e la colpisco con la lingua, il che la fa emettere un piccolo guaito. Poi mi muovo sul suo corpo e posiziono il mio cazzo, e spingo in avanti. Rachel è così liscia e bagnata che mi sono infilata senza sforzo. Emette un gemito lungo e lento mentre mi spingo dentro di lei.

Comincio colpi lunghi e lenti, e Rachel sembra godersi il ritmo. Mentre continuo a pompare, mi chino e le succhio entrambi i capezzoli. Avvolge le gambe intorno alla mia vita e mi incoraggia a muovermi più velocemente. Passo qualche minuto a spingerla forte, poi le chiedo se vuole provare una posizione diversa. Ci scambiamo di posto con lei che mi cavalca come cowgirl. La vista della mia bellissima figlia di ventidue anni che cavalca il mio cazzo sta facendo il trucco.

"Baby, fammi sapere quando ti avvicini, così papà può venire con te."

"Va bene, papà, non molto di più."

Rachel mi cavalca ancora un po' finché non inizia a pomparmi forte e veloce. "Sono vicino, papà!"

"Baby, sto per venire!"

"Sì, papà, sì, vieni con me, oh sì, papà, sto venendo, oh dio, sì!"

Esplodo in mia figlia mentre il suo orgasmo la colpisce.

“Oh dio papà, è così bello, sento il tuo sperma caldo dentro di me. Mi sento così completo, oh sì.

Lei cade in avanti sul mio petto, ansimando come se avesse appena corso una maratona. Ci sdraiamo l'uno nelle braccia dell'altro, riprendendoci. È vero; Anch'io ho sentito un vuoto che ora non c'è più. Ancora una volta mi sento di nuovo completo. Mi stupisce, ma il messaggio di mia moglie mi dà una sensazione di pace interiore per quello che ho appena fatto.

"Allora piccola, ho notato che hai spostato alcune delle tue cose qui."

Rachel alzò la testa e sorrise: "Hehe, sì, tesoro, ho pensato che avrei potuto desiderare alcune cose essenziali nella nostra camera da letto."

“Quindi ora è tornato da tesoro? Eri così sicuro che avrei detto di sì a te e alla proposta di tua madre?

“Sì, è tesoro, tesoro o caro. A meno che non abbiamo una compagnia che ci conosce o stiamo facendo sesso. Mi piace chiamarti papà quando facciamo sesso. E, la mamma mi ha detto che se avessi fatto tutto bene, e aspettato che tu fossi pronto, ti piegheresti come un abito da quattro soldi.

“Beh, nessuno mi conosceva meglio di tua madre, e nessuno mi conosce meglio di te. Stai attento con il tesoro e il miele, non vorrai sbagliare quando lo usi.

"Dai, papà, andiamo a farci una doccia e prepariamoci per andare a letto."

*

Durante la settimana successiva, studio il prospetto aziendale che mia figlia mi ha dato. Odiavo lasciare la mia attuale azienda e la casa che io e mia moglie avevamo costruito insieme. Affinché una vita con mia figlia abbia successo, però, dobbiamo allontanarci dalle persone che ci conoscono.

Siamo andati a trovare il titolare dell'azienda. Il broker ci ha detto che è un vecchio bastardo burbero che ha rifiutato ogni potenziale acquirente che ha inviato. Rachel e io avevamo provato quello che avremmo detto e ho pensato che il nostro incontro fosse andato bene. Il proprietario è sulla sessantina e lui e sua moglie avevano avviato l'attività quarant'anni fa ed erano pronti per andare in pensione. È preoccupato per i suoi attuali quindici dipendenti e vuole assicurarsi che chiunque acquisterà l'attività sia presente a lungo termine. Gli assicuriamo che siamo una coppia sposata che acquisterà l'azienda per mettere radici. È particolarmente colpito dal fatto che entrambi siamo ingegneri, ma che io abbia anche una laurea in economia.

Riceviamo la chiamata dal broker circa una settimana dopo che il proprietario ci apprezza e vuole che gestiamo la sua attività. The Broker non scende nei dettagli, ma incontreremo il proprietario e sua moglie domenica a cena.

Incontriamo Betty e Robert al Kalabash Club in quella che presto sarebbe diventata la nostra nuova città.

"Robert, è così bello rivederti", dico mentre ci stringiamo la mano.

«Sì, è un piacere rivedere te e Rachel. Questa è mia moglie Betty, per favore siediti.

Con un tono strascicato molto meridionale, Betty disse: “Papà ed io siamo così contenti che tu possa unirti a noi. Papà ha avuto una bella sensazione dopo averti conosciuto la scorsa settimana. Gli lascerò spiegare i dettagli, ma non vediamo l'ora di lavorare con te".

Betty che chiama papà Robert mi fa venire i brividi. Ma ci sediamo e beviamo qualcosa mentre ascoltiamo la loro proposta. Io e Rachel entreremo in azienda come nuovi amministratori delegati. In cambio del pagamento delle commissioni del broker, riceveremo il venti percento della società. Betty e Robert rimarranno per due anni per facilitare la transizione, ma si prenderanno tre mesi di ferie ogni anno per viaggiare. Alla fine dei due anni, ci darebbero semplicemente tutto tranne il trentacinque per cento. Il venti percento dell'azienda è di proprietà dei dipendenti e Betty e Robert manterranno il quindici percento. Quando sia Betty che Robert moriranno, il loro quindici percento andrà sul conto dei dipendenti.

Rachel e io ci allontaniamo per considerare la loro offerta più generosa. È davvero un'offerta incredibile, in pratica ci stavano dando l'attività in cambio del pagamento del broker. Rachel ha fatto solo una domanda, quale sarebbe il nostro stipendio durante la transizione? Quindi torniamo indietro e ci sediamo per discutere questa domanda finale.

“Ci piace molto quello che ci stai offrendo, è un'offerta fantastica. Dobbiamo solo sapere quanto hai intenzione di pagarci, dato che avremo bisogno di soldi per vivere?" chiede Rachel.

“Papà ed io siamo orgogliosi di essere onesti con i nostri dipendenti. Di solito assumiamo nuovi ingegneri o nuovi dipendenti appena usciti dal college. Se diciamo, assumessimo qualcuno con tre anni di esperienza lavorativa, lo pagheremmo come qualsiasi altro dipendente triennale. Ogni lavoro ha una paga base, poi un aumento specifico per ogni anno di servizio. Poi ogni due anni facciamo un aggiustamento del costo della vita. Quindi, John, riceverai la stessa paga di Robert, e Rachel, riceverai una paga base da ingegneri elettrici. Come ti sembra?" chiede Betty.

“Suona molto bene, Betty. Io e John accettiamo la tua generosa offerta», dice Rachel.

“Fantastico, ora che è fuori mano, sono affamato. Signori, vorreste ordinare qualcosa per noi mentre andiamo a incipriarci il naso?" chiede Betty.

Betty si alza e tende la mano a Rachel, e si dirigono verso la toilette.



[Narrazione di Rachel]

Entro nella stanza della signora con Betty che fa strada, e restiamo davanti allo specchio a chiacchierare della zona finché Betty non diventa seria.

"Allora, Sugar, che fine ha fatto tua madre?"

Sono un po' sorpreso dalla domanda, ma rispondo: "È morta poco più di due anni fa di cancro".

“Oh, mi dispiace tanto, cara. Non volevo aprire una ferita", afferma Betty.

“Ora mi va bene. Ho guardato e curato la mamma per quattro anni, quindi immagino che mi abbia preparato un po', ma sono guarita», rispondo.

“Sì, sono sicuro che per te è comunque dura. John ha già superato la sua morte? Betty continua a sistemarsi il trucco allo specchio prima di affermare: “Immagino che a volte sia ancora addolorato per sua moglie. Robert ha impiegato quattro o cinque anni per superare la morte di sua moglie... mia madre.

Rimango lì con il cuore che mi batte fuori dal petto mentre Betty parla. Betty si gira e mi guarda con un sorrisetto malizioso, poi mi prende le mani tra le sue.

“Cosa, pensi che non sapessimo che John è tuo padre. Zucchero, abbiamo cercato per anni una coppia che fosse come noi. Mia madre è morta quando ero giovane, ma la sua morte è stata un incidente d'auto. Quindi non ho avuto il tempo di prepararmi come hai fatto tu, ma papà mi ha dedicato tutta la sua attenzione mentre crescevo. Mi portò in spiaggia per il mio diciassettesimo compleanno, dovevamo avere una suite di due stanze. Invece, era un letto king size e un divano. Non mi lasciava dormire sul divano e io non lo lasciavo dormire sul divano. Quindi abbiamo fatto l'unica cosa logica, abbiamo condiviso il letto. Mi sono svegliato la mattina con la mano appoggiata sul suo cazzo durissimo che spuntava dai pantaloncini. Ho iniziato a giocarci, poi ho deciso che volevo succhiarlo. Papà si è svegliato confuso, ma l'ho convinto a fare l'amore con me. Da allora viviamo come marito e moglie, ormai quarant'anni.»

Rimango lì sbalordito ancora per un momento prima di poter parlare, "Ma... come hai fatto a capirci?"

“Papà dice che hai gli occhi, la bocca e le orecchie di John. Quindi ha fatto delle ricerche su di te dopo che te ne sei andato. Ha trovato una foto nel tuo giornale universitario di quando ti sei laureato, con la didascalia "La figlia segue le orme di suo padre per diventare ingegnere".

“Io... non so cosa dire. Lo stavamo facendo in modo che la gente non lo sapesse; Dovrò parlare con mio padre e assicurarmi che voglia ancora farlo. Con te che lo sai e tutto il resto.

“Zucchero, prima di prendere qualsiasi decisione avventata, sappi questo. Quasi tutti i nostri dipendenti e i loro coniugi sono strettamente imparentati. Abbiamo cugini di primo grado, zia e nipote, fratello e sorella, due sorelle, un transgender e qualche altro strano accoppiamento. Cerchiamo quelli che sono spesso evitati dal resto del mondo. Tutti conoscono e accettano papà e me come marito e moglie che sono anche padre e figlia. Non ti usciremo se non lo desideri, ma ti incoraggerei anche io. I tuoi nuovi dipendenti si sentiranno a loro agio se lo fai e saranno la tua nuova famiglia e i tuoi nuovi amici da cui non dovrai nasconderti.

“Questo è... travolgente. Avevamo intenzione di nasconderlo a tutti», rispondo.

"Zucchero, se accetti questo accordo, non avrai bisogno di nasconderti", dice Betty. “E dolcezza, solo perché tu lo sappia, papà sta avendo la stessa conversazione con John. Abbiamo pensato che sarebbe stato meno stridente se ognuno di noi ti avesse parlato individualmente.

"Immagino che sarebbe davvero bello non doversi nascondere da tutti", dico.

Betty e io finiamo e torniamo al tavolo. Papà è seduto con un cervo alla luce dei fari. Non risponde quando lo chiamo, quindi giro intorno al tavolo e gli pianto un bacio appassionato sulle labbra. È venuto anche lui e risponde ricambiando il bacio con la stessa passione. Interruppi il bacio e parlai abbastanza forte perché Betty e Robert sentissero;

"Va tutto bene tesoro, siamo a casa."

Storie simili

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

614 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

1.8K I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.7K I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

1.4K I più visti

Likes 0

Non ho scelta

Non ho scelta Di EFon (Questa è una lunga storia e ha qualche costruzione, ma credo che ne valga la pena per impostare davvero la trama.) Cosa farò adesso? Sono bloccato in una situazione senza vittorie e lo stress mi sta uccidendo. Non ho mai voluto una vita complicata, ma ho un tempo che mi piaccia o no. La cosa strana è che mentre so che è sbagliato, non posso fare a meno di amarlo comunque. Ora ho passato dei momenti selvaggi al college, ma mentre ero ancora giovane, mi sono innamorato e ho sposato la mia fidanzata del college Rachel...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.