CALCUTTA 1888

833Report
CALCUTTA 1888

CALCUTTA.


L'India è un paese bellissimo. Lo era di più quando la Compagnia delle Indie Orientali governava la sua costa su tutti e tre i lati. Allora ero un ragazzino, forse dieci o giù di lì. Calcutta era una città vivace ed era importante per il commercio.
ora Calcutta è famigerata per i potenti monsoni. piove quasi ogni giorno a mezzogiorno.
è stato un piovoso pomeriggio umido a Calcutta dove inizia la nostra storia.
a causa delle piogge stavo dedicando gran parte del mio tempo a guardare fuori dalla finestra.
piccole gocce di pioggia suonavano una musica insolita sul pendio di latta sopra di me. Ricordo di aver raccolto quelle gocce sui miei piccoli palmi.
per strada i babus dell'ufficio avevano affollato il chiosco del tè con bicchieri fumanti di tè acquoso. il venditore ambulante aveva trovato conforto sotto l'albero di gulmohur, con mio grande divertimento era tutto bagnato.
da qualche parte in lontananza potevo vedere minuscole figure di monelli che ribollivano nudi nell'acqua piovana.
e da quell'estremità della strada vedevo arrivare maya.
maya era la nostra cameriera, e non era affatto bella. beh, era tutta piena comunque, e aveva fianchi enormi che erano drappeggiati in un sari verde (un capo di abbigliamento indiano). Potevo vedere il suo stomaco traballante circondato da una folla di goccioline che serpeggiavano giù dopo aver inzuppato il suo ampio seno. il suo ondeggiare disinvolto, incurante dei babus affamati e delle loro bocche spalancate era un'indicazione che maya era abituata a essere banchettata per le strade. beh per me maya era premuroso
custode che si è preso cura di me. Non c'è da stupirsi che l'amassi così tanto.
Ho continuato a guardare le strade e la gente quando è suonato il campanello.
maya si precipitò dentro maledicendo le piogge, suo marito, i babus, i monelli e tutto quello che le veniva in mente.
Corsi verso di lei e lei mi tenne tra le sue braccia e mi baciò.
"baba hai giocato sotto la pioggia ... non va bene" mi ha rimproverato.
"ma maya non sono bagnato" mi sono difeso.
"oy tu devi essere baba... guarda i tuoi capelli e le tue braccia".
ok ora ti asciughi baba………………..
Maya mi ha portato addosso l'asciugamano come una tempesta di grandine sul vetro di una finestra.
Ha strofinato e strofinato finché non sono diventato rosso sulle orecchie e sulle braccia. Quando ebbe finito e le braccia le dolevano, rimase sui fianchi a guardarmi dall'alto in basso come una nuvola scura pronta a riversarsi. "Baba ti dico che ti cambi i vestiti adesso".
“Beh no….io” balbettai.
Sono stata presa per un braccio e trascinata nella stanza attigua, poi Maya mi ha tolto camicia e pantaloni come aveva sempre fatto.
mi ha strofinato la testa, le mani e poi le gambe. Ero scontroso come al solito finché non si è trovata a strofinare il mio piccolo ding dong!. ahh che mi sentivo così bene che fui sopraffatto dalla mia timida erezione che si alzò in piedi come un piccolo cavaliere pronto a combattere i potenti serpenti.
Maya ha riso della mia faccia rossa e ha dato uno sguardo acuto al mio ghiacciolo.
Ridacchiò così tanto da ferire il mio ego poco cotto. Ah, è stato imbarazzante.
la stanza era buia e il possente sudario dei cieli brontolanti aveva cominciato a diluviarsi ancora di più. dopo essermi vestita mi fu chiesto di andarmene perché anche maya aveva cominciato a sentire il bisogno di rimanere asciutta. In fretta, ho lasciato la stanza con la voglia di mangiare qualcosa. Comunque volevo dire a Maya che avevo bisogno di roshgullas (gnocchi di formaggio versati nello zucchero). E tè caldo.
Spostai lentamente la porta e trovai la schiena di Maya voltata verso di me.
La sua schiena era nuda e rifletteva minuscoli fotoni nei miei piccoli occhi.
maya si chinò per scartare il suo sari dalla vita e lentamente riuscì a raschiarlo in modo che la sua linea di natiche cominciasse a mostrare…….
mentre si toglieva la stoffa verde, una nuova voragine più profonda delle sue natiche nere e scure fu scoperta. quell'unico abisso oscuro dove i suoi due enormi pezzi di barboni si scontrarono. quella linea sottile in cui potevo infilare il mio piccolo ding dong!
Non avevo mai visto il sedere nudo di una donna. per me maya aveva risvegliato un desiderio e una curiosità che sapevo non esistere in me.
Quella notte non riuscii a dormire. le immagini di lei mi perseguitavano. La vedevo seduta nuda su uno sgabello di legno mentre faceva il bagno. aveva il sapone tra le mani e stava strofinando il sapone liscio sui suoi luccicanti depositi di grasso dei seni. l'acqua si riversava su tutto il suo corpo nudo.
Allora sapevo che c'era sicuramente qualcosa che non andava in me.
i giorni passavano e anche i monsoni. Mi sono affezionato a Maya. Mi piaceva quando Maya era in giro. Mentre Maya non sapeva che avevo segretamente iniziato a piacermi.
un pomeriggio caldo mentre tutti erano lontani da casa tranne maya a cui era stato chiesto di stare con me, decidemmo di uscire e sederci sotto l'albero di gulmohur. Il fiore rosso e l'ombra fresca erano rilassanti. maya e io ci siamo seduti sul pezzo di terra erboso circondato da siepi di fiori estivi e piante sempreverdi. Maya appoggiò i gomiti in grembo e il mento sui palmi delle mani. Questo la fece inclinare un po' verso terra, esponendo il suo seno arrotondato che stava spingendo a scoppiare dal suo choli stretto.
maya catturò il mio sguardo e tornò castamente alla sua posizione eretta.
dopo qualche minuto di imbarazzante silenzio iniziò maya..
"baba stai lontano dai bambini basantis"
"perché" ho chiesto.
“beh baba basanti non è una brava donna. viene da tua madre tutti i giorni a mezzogiorno.
"e allora"
"oh baba non lo sai..." la sua voce si trasformò in sussurri.
"lei apre il tuo mamas salwar e si lecca i capelli"
"maya perché lo fa?"
“baba non lo so e anche io mi chiedo perché”
"dimmi di più maya"
"Ieri a mezzogiorno, quando il sahib è uscito in città... è entrata lentamente... e poi, baba, è entrata nella stanza della signora."
"allora come mai l'hai visto maya"
"oh baba, sono salito sul grande sgabello per sbirciare sopra il raushandan (ventilatore)."

Il vento cominciò a far ondeggiare le foglie del gulmohur e le nostre voci si zittirono.
“ooohh baba ho visto basanti aprire il salwar (abbassato con elastico o spago come cintura).
l'ha abbassato sul pavimento e tua madre si è chinata sul pavimento.
"No maya ur bugia" ho detto.
“zitto ora, basanti allargava le natiche della signora e annusava come uno scoiattolo, non lo so ma a me sembrava matta. alla tua mamma sembrava piacere. poi tua mamma ha fatto lo stesso con lei e dopo si è infilata un dito nel culo”
la mia bocca era asciutta ora.
“entrambi si sono annusati a vicenda le dita e sembrava che gli piacesse.
dopo di che entrambi si sono spogliati e hanno giocato a vicenda banche lattiginose "
“cosa sono le banche lattee maya………….?”
"ah ah ha un baba vuoi davvero vederli?"
"NO …." balbettai. posando lo sguardo sulle farfalle.
"baba hai visto le tette di una donna"
preso alla sprovvista dalla domanda di Maya, fissai i miei occhi a terra.
"Oh andiamo baba" mi ha persuaso Maya.
"Maya dovremmo solo andare a casa" il bambino in me era terrorizzato.
"baba ti viene un'erezione quando ti racconto la mia storia"
“Maya…………” Allora ero davvero tremante.
Maya afferrò lo spazio tra le mie gambe e strinse quello che pensava di avere in mano.
Mi sono dimenato dal piacere.
“baba'ha sussurrato
"Sei eretto!"
A quel punto non avevo alcun controllo su di me.
Maya ha fatto scivolare la sua mano forte dai lati dei miei pantaloni corti e ha iniziato a cercare il mio ding dong.
mi ha messo a disagio e ho iniziato ad agitarmi.
Quando ebbe una comoda presa sulla mia erezione, la accarezzò con calma.
Continuavo a fissare il terreno, incapace di guardare Maya negli occhi.
"Ok baba, sembra che ti piaccia" mi ha preso in giro.
"Ok baba qui dammi la mano" e lei mi ha tenuto la mano
ha portato la mia mano sotto il suo sari.
all'inizio sembrava che la mia mano stesse navigando in un oceano infinito della sua morbida stoffa setosa.
strati dopo strati di stoffa sono passati finché non ha iniziato a scaldarsi e la mia mano ha iniziato a sentire l'assottigliamento della stoffa.
finalmente la mia mano sentì qualcosa che non aveva mai toccato prima.
il dorso del mio palmo poggiava su un tessuto cutaneo caldo e morbido di cui potevo solo immaginare la forma fisica.
c'era abbondanza di capelli morbidi e tutto era umido.
mi sembrava di aver toccato inconsapevolmente l'occhio di un pollo!
maya guidò ancora di più la mia mano finché non si posò sul morbido tumulo setoso di carne che trasudava un fluido appiccicoso.
maya mi ha esortato ad allargare la mia ragnatela ed esplorare.
si appoggiò al sostegno delle sue forti mani mentre cominciava a scivolare a terra.
Feci fluttuare le mie dita sulla sua carne mentre maya si contorceva dal piacere. i nostri respiri erano pesanti e profondi.
il sole splendeva luminoso sopra di noi e Maya continuava ad ansimare e ad alzare in aria il suo pesante seno.
"oh baba vieni con me" ordinò.
ci siamo alzati e ci siamo ripuliti. Maya mi ha spazzato via l'erba dal sedere senza spolverarsi. senza un briciolo di paura ci condusse alla stalla dove erano alloggiate le nostre mucche da latte. la baracca aveva una porta di legno, un quarto della quale non c'era più. E anche la restante parte era crivellata di buchi e piccole crepe.
chiuse la porta e la sprangò con il chiavistello arrugginito.
Non ho mai detto niente.
c'era la paura di essere scoperti. Il mali (Gardner) di solito veniva a dormire nel capannone a mezzogiorno. Ma oggi non si vedeva da nessuna parte.
"baba vuoi vedere la mia vagina" la sua voce era appena udibile.
sollevò lentamente il suo saari dalle caviglie come un asciugamano da bagno e se lo appuntò sotto il mento. i raggi di sole come lance che filtravano dalla porta del capanno le cadevano sulle cosce.
l'area illuminata si è aperta per me per vedere quali doni stava offrendo Maya.
indicò il tumulo carnoso mentre teneva il sari sotto il mento.
"Vedere"
Ho toccato dove ha indicato. I peli pubici erano appiccicati alla sua carne e sembravano un campo di grano calpestato.
Come un aratro le mie dita impastarono la sua pelle morbida. Le mie agili dita tastarono dolcemente la seta pubica. Mi affascinava come una donna potesse crescere i capelli in quella regione. Mi chiedevo se avesse minuscoli peli neri sui capezzoli e sul buco del culo.
Lascio che le mie dita tornino dalla loro avventura al loro padrone.
“Che babà! Maya” disse disgustata.
"Qui lascia che ti mostri il gusto della tanpura (zucca)".
Maya sciolse il nodo del suo sari e questo cadde a terra.
Si voltò lentamente rivelando la schiena verso di me e si chinò leggermente.
Ed ecco... stavo guardando le natiche più grandi che avevo visto in una donna.
le sue mani forti le aprirono le natiche per rivelare una vagina a forma di noce. Tuttavia c'era quel minuscolo foro, delle dimensioni di una grossa gomma da masticare che dormiva sopra quella noce della sua vagina. Quello spazio dall'aspetto sinistro era buio al di là del riconoscimento. Riuscivo a distinguere una minuscola crescita di peli, radi ma attraenti.
“baba sentimi lì” era una richiesta che mi squarciava la coscienza. Alzai il dito medio appena sopra quel minuscolo buco del sedere e mi preparai a sentire cosa si prospettava per il mio saccheggio. "Stop" era un comando.
“Che Maya. ?” ho sussurrato
baba per favore sputa su quel dito. Ci ho sputato sopra con entusiasmo.
Beh, allora la strada era più facile... Sono atterrato lentamente sulla superficie del foro con un pattino morbido e silenzioso.
Poi con un leggero colpo il mio dito invase con facilità la prima resistenza offerta dal suo buco.
Il tunnel era caldo e mi sono avvicinato ulteriormente fino a quando un debole gemito è sfuggito alle labbra della mia tremante Maya che teneva ancora con forza le natiche tra le mani.
Maya iniziò a spingere le sue natiche ansimanti sul mio dito. Questo era più di quanto potessi sopportare e ho allungato il dito in profondità dentro di lei. maya strillò e appoggiò le mani e le ginocchia a terra. "Oh baba cosa mi hai fatto"
Inorridito ho allontanato il dito mentre Maya giaceva sul pavimento visibilmente in profonda agonia.
"Mi dispiace Maya?" Avevo paura.
Maya giaceva come una mucca che ha appena partorito un vitello.
Da dove mi trovavo, le natiche nude di Maya baciavano il pavimento erboso del fienile mentre lei riposava con la schiena rivolta verso di me. il seno completamente coperto. "baba siediti accanto a me"
Mi sono seduto accanto a lei. “baba ti annusi le dita. Ora!.
L'ho fatto e mi è sembrato il mio sedere puzzolente quando ho provato ad annusarlo di notte nel mio letto, solo che qui era molto più forte. Poi Maya ne ha sentito l'odore e ha annusato parecchie volte prima di ingurgitare via lo sciroppo che mi era rimasto attaccato al dito.
"baba togliti i pantaloni" stava chiedendo Maya ora.
Mi sono tolto i pantaloni e lei ha tenuto il mio piccolo pene tra le mani.
Non posso dire se l'istinto mi ha sopraffatto, ma mi sono sdraiato dietro Maya travolgendola.
le mie braccia inghirlandarono la sua vita. Il mio piccolo ding dong ha poi bloccato le sue enormi natiche scure.
mi è sembrato un po 'divertente perché non potevo competere con il potente Maya. Tuttavia, come ho detto, il mio istinto mi ha spinto a mayasarse. Ho trovato quel luogo di riposo per il mio dingdong. Ho seguito il percorso che le mie dita avevano fatto e ho iniziato a spingere dentro.
Maya giaceva sconfitta senza gemere né emettere alcun suono. ma si stava divertendo. le sue mani palmate a terra preparandosi per le mie spinte sempre crescenti. la spinta si fece più forte e sentii una forte forza esplodere dentro di me. Quella che sembrava una voglia di pisciare si trasformò in un'eruzione incontrollabile. La mia piccola mente innocente mi ha fatto credere di aver pisciato nel lato maggio e sono rimasto lì cercando di risucchiare il fluido che avevo vomitato.
Timidamente tirai via il mio bastoncino di vergogna da dietro Maya lasciando dietro di sé una scia di liquido appiccicoso bianco. “Santo Dio” pensai
"Cosa ho fatto a Maya?"
Maya si alzò e si asciugò lo sperma dal suo sari e mi chiese di pulirle il culo.
Entrambi poi ci affrettammo fuori dalla stalla.
FINE.
NOTA. non è finita tra me e Maya e abbiamo avuto molti altri appuntamenti.
Ho capito cos'era Cumming. Maya e io abbiamo condiviso molti pomeriggi clandestini da allora in poi.

Storie simili

Brandi e Jessica finale di Halloween

Brandi è la mia escort, la pago per fare sesso con me. C'è molto di più però, lei è come la mia ragazza. Da quando ho iniziato a usarla si è limitata a un altro cliente, ne vedeva circa cinque. Onestamente potrei sposarla e salvarla da quella vita. Facciamo molto di più che semplicemente fare sesso. La porto ad appuntamenti, al cinema, in vacanza, resta a dormire e molto altro ancora. È una delle donne più belle che abbia mai visto. Non è troppo alta, circa 5'6. I suoi occhi sono così blu che penseresti che brillerebbero al buio. Ha denti...

612 I più visti

Likes 0

I sogni diventano realtà_(0)

Stavo facendo le valigie per prepararmi a dormire a casa del mio amico. Il suo nome era Lyall. Era un ragazzo della mia classe. Avevamo entrambi 14 anni. La cosa è; Ero innamorato di lui dalla prima media. Ho capito molto presto di essere gay, anche se l'ho nascosto bene. Non ha aiutato molto il fatto che fosse estremamente caldo e molto ansioso di mostrarlo. Spesso si toglieva la maglietta quando giocavamo o indossava pantaloncini che rivelavano le gambe e le cosce. Se anche lui fosse gay o meno, non lo sapevo. Commentava sempre le ragazze sexy e aveva avuto delle...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduzione estiva parte 1

Seduzione estiva parte 1 Era l'estate del 1986 e avevo appena terminato il mio livello O presso il college internazionale inglese di Marbella, in Spagna. La mia famiglia si era trasferita lì 2 anni prima. La maggior parte delle persone a scuola erano amiche e si conoscevano indipendentemente dall'età o dalla classe in cui appartenevano, quindi ovviamente ero amichevole con le amiche delle mie sorelle più giovani, la maggior parte delle quali avevano 14 anni e desideravo l'attenzione dei ragazzi più grandi. Le vacanze scolastiche erano appena iniziate e l'amica di mia sorella, Alesha, stava organizzando una festa in piscina a...

627 I più visti

Likes 0

Cassie e sua madre_(1)

Jo-27 anni Tracie-30 anni Cassie-9 anni Tutto è iniziato il giorno in cui ho incontrato Tracie. Tracie ha lavorato presso la banca locale dove ho fatto tutte le mie operazioni bancarie. Bene, Tracie e io abbiamo iniziato a parlare e in poco tempo abbiamo iniziato a frequentarci. Dopo alcuni mesi Tracie e sua figlia, Cassie, si sono trasferite da me. Tutto stava andando alla perfezione, la vita non poteva andare meglio, avevo una sorpresa. Era l'estate del 98 e Tracey dovette portare suo padre in ospedale. Cassie è rimasta con me, il che non era insolito che ci fossero state molte...

1.6K I più visti

Likes 0

Piccolo Jazz

Mi chiamo Patrick, ho 21 anni e lavoro in un negozio al dettaglio di materiale elettrico, nel magazzino. Di solito consiste in lunghe giornate difficili in cui si devono ricevere molte scorte pesanti, come frigoriferi e lavatrici, dovendo anche dare ai clienti le loro scorte. Diventa piuttosto stancante, specialmente durante i mesi estivi quando fa caldo. Il magazzino ha un secondo livello, dove solitamente teniamo le unità esterne per i condizionatori. Essendo fuori dalla visuale della telecamera e accessibile solo a coloro che possono guidare il commissionatore (un tipo di carrello elevatore), quello che io e i miei compagni di lavoro...

891 I più visti

Likes 0

Il sostituto di mamma

Solo nei miei sogni potevo concepire ciò che sta accadendo. Devo stare sognando, questo non può essere reale, vero? Mi sveglio dal sogno di fare sesso con mia moglie. Un sogno che ora realizzo, perché mia moglie era morta due anni fa. Il sogno è di mia moglie più giovane di vent'anni, ma io ho l'età che ho adesso. Sono ancora intontito dal sonno, ma il sogno sembra continuare nella mia mente, poiché provo un intenso piacere all'inguine. Faccio scorrere la mano sotto le coperte volendo accarezzare il mio cazzo. Aspetta, il mio cazzo è duro e qualcosa si sta muovendo...

930 I più visti

Likes 1

Una serata fuori - Parte 4

Parte 4 Usciamo dal club e risaliamo il vicolo fino alla strada principale. Fermo un taxi nero di passaggio e saliamo sul sedile. Do all'autista il nome di una strada che non conoscete e partiamo. Mi lanci uno sguardo interrogativo, ma io sorrido in cambio, la mia mano si posa sul tuo ginocchio, poi scivola dolcemente su e giù per la tua coscia, ogni colpo si avventura un po' più in alto. Decidi di rilassarti sul sedile e goderti il ​​viaggio. La miscela del vino che hai bevuto e il leggero accarezzamento della tua coscia ti fanno sentire rilassato. Sei riportato...

690 I più visti

Likes 0

Pane e burro

Nota dell'autore; Questa storia è una storia d'amore, e il sesso si verifica verso la fine. Ad alcuni potrebbe non piacere per la sua mancanza di luridezza vicaria dall'inizio alla fine. La poesia che John condivide con Rachel; Autumn appartiene a Emily Elizabeth Dickenson, (10 dicembre 1830 - 15 maggio 1886). Era una poetessa americana. L'ho scelta perché è la mia poesia preferita dell'autunno e il mio periodo dell'anno preferito. Pane e burro Beagle9690 Settembre 2019 Ha servito ventisette anni nei Marines, ritirandosi come colonnello a quarantacinque. I Marines hanno temprato John duro e resistente come il ferro forgiato. Era rispettosamente...

1.8K I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

1.8K I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.7K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.