Magia selvaggia Cap. 16-18

832Report
Magia selvaggia Cap. 16-18

Il mio cazzo emetteva suoni soffocanti mentre la colpivo da dietro, il suo corpo premuto contro lo specchio a parete, mentre lei succhiava due delle mie dita per soffocare i gemiti. Le sue mutandine sfregavano il lato della mia asta, quindi usai la mano libera per scostarle. Mi ha morso leggermente il dito mentre la sua figa bagnava il mio cazzo nel suo secondo orgasmo.

Avevamo lasciato Jessi e Lucy in un caldo, incestuoso mucchio di lesbiche, e il nostro tacito accordo di concentrarci su di loro era saltato. Abbiamo passeggiato per alcuni isolati e abbiamo trovato una di quelle boutique di moda da angoscia adolescenziale, pareti rivestite di corsetti di piume e magliette ironiche, e la musica si è alzata. Abbiamo curiosato un po', poi ci siamo infilati nello spogliatoio e abbiamo chiuso a chiave la porta.

Annie è stata subito su di me. "Oh, scopami. È stato così eccitante, ora devo avere il cazzo di mio fratello maggiore dentro di me. Scopa la figa della tua sorellina, sai che lo vuoi." Mi ha baciato la bocca e il viso mentre le sue mani lavoravano per liberare il mio cazzo confinato.

Quando si liberò, si voltò e si trovò di fronte all'unica parete solida di quel camerino, uno specchio a grandezza naturale montato sulla parete di fondo in mattoni, in piedi su un piccolo sgabello. Sollevò la gonna e inarcò la schiena, mostrando le mutandine a pois che le coprivano il culetto da adolescente. Il cavallo era già fradicio e potevo vedere la sua figa attraverso il tessuto sottile.

Li tirò di lato, presentandomi la sua fica sbavante. "Sono pronto. Scopami, per favore."

Con poca esitazione, sono scivolato nelle dolci pieghe della sua figa senza alcuna resistenza. Immediatamente ha inondato la mia asta con il suo orgasmo represso. Ha iniziato a gridare e io le ho infilato le dita in bocca per calmarla. Le sue gambe tremanti fecero cadere lo sgabello su cui era stata appollaiata, lasciando i suoi piedi penzolanti mentre era inchiodata allo specchio dal mio corpo.

*toc toc* "Va tutto bene là dentro?" L'addetto ha chiesto oltre la musica. Era sembrata carina, nel suo modo punk, quando eravamo entrati per la prima volta.

"Uhm, no. Voglio dire, sì. Sono solo, uh, inciampato nella mia cintura." risposi, scivolando più a fondo nel corpo bollente di Annie.

"Va bene, signore. Ha bisogno della mia assistenza?"

Mi sono avvicinato all'orecchio di Annie mentre la scopavo più forte contro lo specchio. "Davvero? Ho bisogno di assistenza con questa figa calda e succosa? Questo cazzo ha bisogno di aiuto per riempirti le viscere di sperma caldo?" Annie rabbrividì mentre le sussurravo. Ero certo che lo squelch del suo secondo orgasmo fosse udibile attraverso la porta, mentre Annie emetteva un solido gemito basso attorno alle mie dita.

Annie si rilassò e io mi tirai fuori da lei. Con i piedi per terra, le sue gambe tremavano ed è caduta fino in fondo. Ha tirato il mio cazzo in bocca e mi ha leccato i suoi succhi.

"No, signora. Ho tutto sotto controllo." alla fine ho risposto. Annie mi ha succhiato in profondità nella sua gola, la sua lingua cercando di mungere il mio sperma dal mio cazzo.

"Va bene, suona il campanello se cambi idea." Pensavo di poter percepire la delusione nella sua voce mentre si allontanava.

Annie era tutt'altro che delusa, comunque. Potevo sentirla attirare il mio orgasmo in superficie. Sembrava posseduta da un focus, usava la sua bocca per fottermi come solo una sorellina pazza di sesso poteva fare.

Le mie ginocchia quasi cedettero mentre liberavo il mio sperma in gola. Bevve quello che poteva, lasciando che il resto le gocciolasse sul viso. Sedeva con uno sguardo di soddisfazione e di assoluto sfinimento. Mi è piaciuto darle quel livello di felicità.

Pochi minuti dopo eravamo vestiti e alla cassa. L'inserviente indossava una targhetta con il nome "Jaz", ei suoi capelli multicolori risaltavano sulla sua carnagione olivastra. Annie sembrava infatuata quando Jaz chiamò le magliette, la biancheria intima perizoma e vari altri accessori che aveva scelto.

Mentre facevo scorrere la mia carta per pagare, Jaz ha detto: "Allora, il mio turno è finito tra circa tre ore, se uno di voi è disponibile a fare qualcosa. O entrambi. Siete entrambi carini".

Ho guardato Annie, e lei poteva solo annuire in soggezione. Ho risposto per entrambi. "Penso che siamo entrambi disponibili. Ci vediamo al teatro dall'altra parte della strada?"

"Suona bene. E dolcezza," fece scorrere il dito sulla guancia di Annie. "Ti sei perso un po' dello sperma di tuo fratello qui. Non preoccuparti, ce l'ho." Si infilò il dito in bocca e lo leccò per pulirlo. "Mmm, tutto meglio.

--------------------------

Dopo aver lasciato il negozio, Annie uscì dal suo stordimento. Era animata ed entusiasta del nostro appuntamento.

"Whoa, rallenta. Sono tre ore di distanza. Cosa possiamo fare per ammazzare tre ore? L'ufficio di papà è libero dall'altra parte della città."

Annie balzò in piedi: "L'azienda di mamma è solo a circa tre isolati da quella parte. Se ci sbrighiamo potremmo raggiungerla per pranzo. Gareggia con te!"

Annie era fuori come un coniglio. Ho dato la caccia e ho avuto difficoltà a prenderla. Avevo le gambe più lunghe, ma lei era molto più leggera e in grado di evitare le persone più facilmente. Feci del mio meglio per starle alle calcagna, finché non apparve la piazza che ospitava lo studio legale della mamma.

Ho avuto il vantaggio su un terreno aperto e pianeggiante e sono corso oltre Annie, attraverso la porta aperta e nell'atrio. Mi voltai, le mani in aria piene di trionfo, solo per vedere Annie che si lanciava in aria direttamente dentro di me e mi trascinava a terra.

Mi sdraiai sulla schiena, le braccia e le gambe divaricate, con mia sorella a cavalcioni sul mio busto. "Io vinco." Ha dichiarato.

"Cosa come?" ho sputato.

"Paola?"

"Sembra certamente che abbia vinto da questo punto di vista." È arrivata la secca risposta dell'addetto alla reception. "Se vuoi contestarlo, posso consigliarti un buon avvocato." Mi ha sempre ricordato la receptionist dei vecchi film di Ghostbusters.

Mi sono districato e mi sono alzato. "In effetti, potrei. Mia madre è disponibile?"

"Lo è. Prendo le ordinazioni per il pranzo, e dato che si tratta di un potenziale cliente, ci limiteremo a pagare le tue spese d'affari." Fece un occhiolino esagerato mentre passava il taccuino e la penna. Ho scritto il mio ordine e l'ho passato ad Annie.

L'abbiamo ringraziata e siamo tornati nell'ufficio della mamma. La sua porta era aperta e abbiamo sentito delle risate. Quando siamo entrati, abbiamo visto la mamma sul divano che rideva con il suo assistente, Jorge. Il nome creava confusione, perché lo pronunciava in inglese George, lo scriveva in spagnolo Jorge, e il ragazzo era dell'Asia meridionale. Doveva esserci una storia lì.

La mamma ci ha visto e si è emozionata. "E i miei figli sono venuti a festeggiare con noi! Questa giornata continua a migliorare!"

Jorge balzò in piedi e portò altre due sedie. Ha preso una sedia e Annie è caduta tra le braccia della mamma. Mi sono seduto sulla sedia rimanente e ho chiesto: "Cosa stiamo festeggiando esattamente?"

"Solo che Jorge qui è riuscito a garantire il finanziamento della fondazione per cinque anni interi. Saremo in grado di aiutare così tante persone grazie a lui".

Jorge sembrava a disagio. "Te l'ho detto, hehe, è stato lavorare tutti insieme. Ho appena fatto una telefonata. Se la proposta non fosse stata fantastica, allora non avrebbero mai accettato di farlo." Ha cercato di spiegare il suo coinvolgimento, ma la mamma non ne voleva sapere.

"Una telefonata, al suo compagno di stanza del college che lavora come assistente di un senatore, che è a capo di una commissione, e sembra essere molto solidale con la nostra causa. Una telefonata molto importante." La mamma ha abbracciato forte Annie mentre lodava il suo assistente amministrativo.

Mentre ci raccontavano i dettagli, Paula arrivò e consegnò i pranzi da un carrello e se ne andò. Attraverso un boccone di sandwich, la mamma ha chiesto: "Allora perché sei passato davvero? Non che mi dispiaccia".

"Ho un appuntamento!" sbottò Annie. "Oppure, abbiamo un appuntamento, voglio dire. La, uh, la stessa persona, immagino. Pensava che fossimo entrambi carini e ci ha chiesto di uscire..." Fece una pausa per chiedere, "È strano?"

La mamma rise. "Tesoro, cosa ti abbiamo insegnato? Finché tutti sono aperti e onesti, e nessuno si fa male, allora va bene. Se lei è interessata a entrambi, e tu ricambi il tuo interesse, allora fallo. A proposito di essendo onesto, sa di te e...» Fece una pausa e i suoi occhi saettarono verso di me.

Annie ha avuto uno sguardo di malizia e ha risposto: "Sì. Ci ha praticamente colti sul fatto".

La mamma sussultò. "Oh cielo. Cosa hai combinato oggi?"

Annie e la mamma si sono rannicchiate e Annie ha raccontato la storia della sua mattinata in un sussurro. Jorge e io abbiamo pranzato in un silenzio imbarazzato mentre le signore parlavano. L'ho aiutato a pulire mentre la mamma ansimava e Annie ridacchiava.

Le ragazze sembravano diventare piuttosto intense, guardandosi negli occhi e mordendosi le labbra, e per quanto mi piacerebbe guardarle, dovevo ricordarlo ad Annie. "Ehi, il nostro appuntamento è tra due ore e dobbiamo ancora pulire e prendere dei vestiti."

"Sciocchezze! Non c'è bisogno di tornare a casa per quello. Abbiamo una palestra per il personale e una doccia qui. Jorge può prendere la mia carta e prenderti un bel vestito che piacerà al tuo appuntamento. Annie ne ha un sacco qui in queste borse, Sono sicuro che possiamo trovare una soluzione per lei". Ha sussurrato istruzioni all'orecchio di Jorge prima di portarci in una palestra nel seminterrato.

------------------------

L'acqua calda era fantastica sulla mia pelle, mentre lavavo via lo sporco del mattino. Ho pensato alla figa di Annie, adatta solo a me. Poi ho pensato a Jessi ea come ha rotto la sua ciliegia in un disperato bisogno del mio sperma.

Poi Lucy, che geme come una puttana mentre si fa scopare da sua figlia, ed Elise che si fa martellare da suo fratello.

Ho accarezzato il mio cazzo mentre immaginavo come sarebbe stato Jaz disteso in attesa del mio sperma. Scommetto che lo farebbe...

"Hehe, attento! È scivoloso!" Sono stato interrotto dal mio sogno ad occhi aperti da voci. "So che è scivoloso! Questo è il punto."

Sciacquai silenziosamente il sapone dal mio corpo e mi diressi verso la doccia delle donne. Ho sbirciato e ho visto mamma e Annie nel vapore che si alternavano. Annie ha insaponato le ampie tette della mamma e la mamma ha lavato i seni più piccoli ma rigonfi di Annie.

La mano di Annie si abbassò sempre più finché le sue dita non trovarono la presa della mamma. "Mmmm, tesoro. La mamma ha bisogno di una bella ripulita laggiù?" chiese mentre guardava sua figlia.

"Oh, credo di sì, mamma. Le mie dita sono tutte appiccicose. Anche le mie sono sporche. Ci ho giocato tutto il giorno. Vuoi lavare le mie?"

"Unh, sì. Proprio lì, piccola. Stai pulendo la mamma così bene. Oh fuuuuu..."

"Mmmm, mamma, sei proprio gustosa. E ci hai lasciato un po' della crema di papà per me? Che meraviglia."

"Ung, uhn. Mmm, come fai a sapere che è la crema di tuo padre che stai leccando?"

"Lo stesso, uhn, nello stesso modo in cui sai, oh Dio, sai che è la crema di tuo figlio che stai leccando."

"Oh, cielo. Non sapevo che mia figlia fosse così, uhn, così libera di spirito. O che a mio marito piacessero così giovani."

"Mamma, stai zitta e fottimi!" chiese Annie. Il parlare cessò e il gemito riprese.

Mi sono avvicinato di soppiatto per avere una visuale migliore nel vapore e li ho trovati in piena posizione 69, Annie sopra la mamma con la faccia sepolta in profondità nella fica della mamma. Annie era rumorosa ed energica, ma la mamma era abile ed esperta. Sapeva esattamente dove toccare e leccare per eccitare sua figlia.

Ho accarezzato la mia asta mentre guardavo questa scena. Devo essermi avvicinato troppo, perché la mamma mi ha visto. Mi ha fatto l'occhiolino.

"Quindi hai usato la tua dolce fighetta tutto il giorno, eh? Hai prestato attenzione a questo piccolo bocciolo di rosa?" Leccò il buco del culo di Annie e si irrigidì sorpresa. "Lo prendo come un no."

"No, non ho mai..." Si interruppe. "Non farebbe male?"

"Oh, può." La mamma si è bagnata il dito con la figa di Annie e ha iniziato a lavorarla nel suo ano stretto. "Ma con il tocco giusto, può essere molto carino." Annie si rilassò lentamente, permettendo al dito della mamma di penetrare più a fondo.

"Sì, con un tocco gentile, saresti sorpreso." Fece scivolare un altro dito nel primo. Annie grugnì, ma presto si rilassò di più, permettendo alla mamma di allungare di più il suo buco del culo vergine. Mi fece cenno di avvicinarmi.

"Con il tocco giusto, potresti essere sorpreso di quanto possa essere bello." Ha preso il mio cazzo nella sua mano libera e mi ha guidato nel culo di sua figlia. Annie si è limitata a gemere mentre mi guardava, poi ha iniziato a rilassarsi di più per permettermi di approfondire. Le mie ginocchia erano su entrambi i lati della testa della mamma, e potevo sentirla fare a turno tra il clitoride di Annie e le mie palle.

Mi sono mosso lentamente, cercando di non ferirla. Ogni volta che pensavo che avesse raggiunto il suo limite, si prendeva un momento e poi mi respingeva di più. Quando finalmente i miei fianchi incontrarono le sue guance, iniziò a dondolarsi. Potevo sentire il suo corpo rilassarsi a poco a poco, fino a scivolare dolcemente sul mio cazzo.

"Uhn. Scopami. Scopami il culo con quel cazzo fantastico. Scopami. Afferra i miei fianchi e fammi urlare."

Per non deludere, le ho afferrato saldamente i fianchi, mi sono ritirato quasi per tutta la mia lunghezza e l'ho spinta con forza dentro di lei.

"Aaaaayyeeeeeaaaaeeeeeaaa!" Lei gridò.

"Oh mio Dio, mi dispiace così tanto. Io-"

"Di più. Scopami più forte!"

Su sua richiesta, ho interrotto ogni cautela e ho iniziato a stantuffarle nel buco del culo. La mamma ha gridato cose incoraggianti tra bocconi di fica e palle.

La doccia nel seminterrato riecheggiava delle sue urla, mentre spingevo sempre più a fondo nelle sue viscere. La mamma guardava mentre contaminavo sua figlia e sembrava godersi ogni secondo.

Sono ricaduto sui talloni e ho trascinato Annie con me. Ha subito iniziato a rimbalzare sulle mie ginocchia, mentre la mamma si girava per guardarsi e toccarsi. Ho preso le tette di Annie mentre lei si scagliava contro il mio palo.

"Sì, piccola. Vieni sul cazzo di tuo fratello. Sentilo dentro di te."

"Lo voglio, mamma. Lo voglio. Voglio che mi riempia il culo di sperma. Digli che deve farlo, mamma."

"L'hai sentita, tesoro. Vuole che tu la riempia. Annie, tesoro, quando vuoi che venga?"

"N-ora, mamma. Voglio il suo sperma ora."

L'ho tirata forte contro di me e ho rilasciato un torrente di sperma in profondità nelle sue viscere. I miei fianchi scattavano dentro di lei ancora e ancora, riempiendola del mio seme finché non si riversò intorno al mio cazzo.

Il mio cazzo è gradualmente scivolato dal suo culo e la mamma è strisciata su mani e ginocchia. Ha leccato lo sperma versato dal mio cazzo e dal tenero buco del culo di Annie mentre noi potevamo solo ansimare per respirare.

Quando ha finito di occuparsi dei nostri bisogni, la mamma si è alzata e ci ha aiutato ad alzarci in piedi. Le gambe di Annie erano instabili, proprio come un cerbiatto appena nato che cammina per la prima volta. L'abbiamo supportata e siamo andati nella zona spogliatoio, dove abbiamo trovato gli abiti preparati da Jorge.

Erano entrambi una specie di stile punk rock che si abbinava meglio allo stile di Jaz rispetto alla mia t-shirt e ai miei jeans originali che avevo indossato. Non mi sarei certo lamentato dell'abbigliamento di Annie. Indossava una maglietta trasparente e un minuscolo reggiseno nero, con una gonna super corta e stivali neri alti fino alla coscia.

"Allora, come sembro?" chiese Annie mentre posava.

"Abbastanza buono da mangiare." Risuonò una vocina nella nebbia della doccia. Mi voltai per vedere un po' di blu prima di perderlo.

La mamma ci ha accompagnato di sopra. "Stai benissimo, tesoro. Farai tardi. Vai al tuo appuntamento e stasera voglio tutti i dettagli.

"Lo faremo, mamma." Ho chiamato mentre ci dirigevamo verso Jaz.

Storie simili

Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15

Kishimoto è un uomo e proprietario della serie Naruto. Ora per favore LEGGI . . . . . . Ecco l'inizio della parte 2 Scritto da Dragon of the Underworld Revisionato da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come l'ho sognato Parte 2 Capitolo 15 Cinque anni dopo È stato un bel pomeriggio che sembrava che si stesse rapidamente trasformando in un acquazzone; tuttavia alle tre figure nella foresta non importava. Una figura si nascondeva in qualche boscaglia cercando di non essere rilevata mentre spiava silenziosamente le altre due figure, cercava di non muoversi o fare rumore. Non c'era modo che si lasciasse prendere. Una...

1.1K I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

1K I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

465 I più visti

Likes 0

Prendersi cura dei bisogni

Yana ha 26 anni da Shanghai in Cina, non si è mai sposata seguendo la cultura cinese, le ragazze cinesi non trascorrono del tempo da sole con un uomo. Quando si tratta di sesso, le donne cinesi sono tradizionalmente timide e passive. Yana ha detto John, mi prenderò cura dei tuoi bisogni. Allora perché sei così riluttante quando ti bacio e accarezzo il tuo giovane seno sodo? Lei rispose: John, quando ho detto che mi prenderò cura dei tuoi bisogni, intendevo che mi occuperò dei lavori in casa, in modo che tu possa vivere comodamente. Non i miei bisogni sessuali. Ho...

390 I più visti

Likes 0

Giorni universitari cap. 06

Considerai brevemente di non tornare nella vasca idromassaggio. Mi sentivo un po' stanco anch'io e ho pensato che questa potesse essere l'occasione perfetta per dormire nel mio letto e riposarmi davvero per tutta la notte per la prima volta in quasi una settimana. Ma era il compleanno di Jen, e lei mi aveva chiesto direttamente di tornare fuori dopo aver messo a letto Collette. Alla fine, non potevo semplicemente sparire dopo che lei mi aveva chiesto di tornare, non nel giorno del suo compleanno. Così scesi le scale e mi diressi verso la porta a vetri che dava sul cortile. Il...

309 I più visti

Likes 0

Senza Dio e senza fede 2: capitolo 3

In un bosco oscuro e dimenticato, i goblin si precipitarono attraverso i cancelli distrutti del castello. Vix lasciò che tutti attaccassero davanti a lui. Doveva assicurarsi che nessun goblin codardo rimanesse indietro per lasciare che gli altri facessero il duro lavoro di combattere. Vix però si preoccupava poco. I goblin avevano aspettato un mese per prendere d'assalto l'ultima roccaforte dei signori dei goblin. Finito di pattugliare l'esterno del castello, Vix oltrepassò i cancelli, scavalcando il corpo di un goblin che aveva incontrato un pugnale alla gola. Sebbene i signori dei goblin chiamassero quel posto un castello, in realtà era solo un...

293 I più visti

Likes 0

Un fine settimana da ricordare Parte 3 (Conclusione)

Parte 3: La casa di Brooke. Ho visto Brooke che si rimetteva i vestiti. Si è rimessa il reggiseno, dovendo stringere leggermente le tette insieme per farle entrare. Poi si è girata e si è chinata per raccogliere la maglietta, e ho avuto una visione completa del suo culo. Riuscivo persino a vedere il suo ano e pensavo a quanto sarebbe stato bello infilarci dentro il mio cazzo. Poi ha tirato la sua maglietta attillata sopra la testa, ma non me ne sono accorto, continuando a guardarle il culo. Poi si chinò di nuovo. Questa volta non ho potuto resistere, e...

1.6K I più visti

Likes 0

Il lottatore parte 1

Il lottatore prima parte Questa storia parla di un ragazzo timido e di un amico di famiglia che lo ha aiutato a superare le sue ferite e la sua timidezza per raggiungere la vetta. È un po' una lunga storia. Mi sono lasciato trasportare questa volta. Anche in questo caso sto usando una buona dose di correttore ortografico sicuro per la mia dislessia, ma consigli e commenti sono molto graditi. Fatemi sapere se siete arrivati ​​alla fine ragazzi per favore. The Silent Assassin era il suo ring name e non era un caso vero nome Adam, era un prodotto dello sviluppo...

1.2K I più visti

Likes 0

Lonely Julie Capitolo 12 Ultimo capitolo

Capitolo 12 Lonely Julie Ultimo capitolo Quando i ragazzi di 11 anni Mandy e Timmy si erano diretti verso la spiaggia, Julie e Sally sono andati con i ragazzi di 14 anni Terry e Hank, che era il fratello di Mandy. Le ragazze si sono sfilate le magliette e i pantaloncini e hanno detto ai ragazzi di togliersi i pantaloncini mentre tutti giravano nudi per la cabina. Terry e Hank avevano entrambi un pene duro prima che i pantaloncini si togliessero – stare con due bellissime donne di 29 anni ed essere nudi era semplicemente un sogno per loro – soprattutto...

1.3K I più visti

Likes 0

La guerra del 2020 pt. 2_(2)

Cap. 5 Consegnato Jack si mosse lungo il limite del bosco, scavalcando in silenzio rocce e radici dissotterrate. Ha appena passato ore a fare trekking nei boschi, mappando l'ampio Complesso. Aveva una così grande quantità di fitta silvicoltura all'interno dei suoi confini, era quasi una responsabilità. Jack poteva rimanere nascosto abbastanza facilmente mentre si avvicinava abbastanza da ascoltare certe conversazioni. La notte precedente aveva dormito fuori dalla cabina di CG Barberi, aspettando pazientemente che Morgan apparisse. Invece di lei, ha visto quel pazzo che se ne andava con una rabbia esplosiva. Jack poteva sentirlo urlare nel momento in cui uscì dalla...

893 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.