Bruciare

625Report
Bruciare

Bruciare

Afferrò la bottiglia tra le mani mentre ne beveva un sorso dopo l'altro. Cercando di soffocare tutto il dolore che vedeva ogni volta che chiudeva gli occhi. La citazione che sua madre le diceva continuava a ripetersi nella sua mente. "Andrà tutto bene", odiava quella citazione poiché niente andava mai "bene" nel suo mondo. Mentre sorseggiava l'ultima goccia della bottiglia, il suo corpo si alleggerì e cadde sul letto in un sonno ubriaco..........
Ali si svegliò il giorno dopo con un mal di testa lancinante e il desiderio di nascondersi nel profondo dell'oscurità. Lasciò la sua stanza per entrare in soggiorno, dove scoprì sua madre con le mutandine fino alle caviglie e un sorriso soddisfatto sul viso.
Ali esalò "Non di nuovo" mentre copriva sua madre con una coperta.
"Ciao" disse una voce profonda e roca facendola trasalire. Ali si voltò per vedere Jim, uno dei fidanzati di sua madre. Rimase lì senza maglietta lasciando che la sua pancia sporgesse all'aperto.
Disgustoso pensò tra sé mentre lo ignorava per tornare nella sua stanza. Ma Jim l'ha afferrata per un braccio e l'ha tirata con forza sufficiente a farla cadere a terra.
"farai meglio a rispondermi quando ti dico qualcosa ragazza!"
"Vaffanculo" Ali si raccolse e cercò di correre da lei, ma Jim si avventò su di lei cercando di trattenerla come aveva fatto con sua madre.
"Stupida puttana, immagino di doverti disciplinare come ho avuto a che fare con quella puttana" fece un cenno con la testa verso sua madre che era ancora addormentata.
Ali non sarebbe diventata come sua madre, lottò e si lamentò contro di lui con una ferocia mortale. Le prese la mano sinistra e gliela forzò sopra la testa mentre si slacciava i pantaloni.
"Fermare!" urlò a squarciagola sperando che sua madre l'aiutasse. No. Non poteva fare affidamento su di lei, doveva farlo da sola. Con tutta la forza che poteva nelle sue unghie, gli artigliava gli occhi facendo del suo meglio per strapparglieli dalle orbite.
"Puttana" grugnì mentre le sue mani si portavano al viso, vedendo la sua opportunità lei gli diede un ginocchio all'inguine e lo spinse via. Ali senza voltarsi indietro corse fuori dalla porta principale e continuò a correre per quelle che sembravano ore. Non aspettò di fermarsi, temendo che lui la trovasse. L'unica cosa che le importava era allontanarsi il più possibile.
Quando finalmente raggiunse la stazione degli autobus, la sua mente era frenetica e incerta su cosa fare. Infilò la mano nella tasca posteriore dove teneva il portafoglio, ma era vuoto.
"merda" dove sarebbe andata? Dove poteva andare? Tutte queste domande le sono venute in mente. Nel momento in cui Ali aveva voglia di perderlo, trovò il muro più vicino e lo colpì più forte che poteva. Non le importava del dolore che sentiva mentre il suo pugno colpiva il muro più e più volte. Voleva solo una via di fuga, una via d'uscita da questo mondo.
Calmandosi, appoggiò la testa al muro e chiuse semplicemente gli occhi.
"Ehi" si voltò lentamente aspettandosi il peggio "Ali" aprì gli occhi per vedere il suo amico Mark. Ali ha provato a fare affidamento su ciò che le è successo ma non è riuscita a pronunciare una sola parola. Lui la strinse con un braccio "Non ti preoccupare, andrà tutto bene"..
Ora che ci ha pensato, forse non ha semplicemente odiato quella citazione...


Parte 2

Ali e Mark hanno parlato fino a quando non hanno annunciato l'arrivo del suo autobus, ma prima di andarsene le ha fatto scivolare abbastanza soldi per trovare un "posto sicuro". "Arrivederci e grazie" disse voltandosi.

"Ali, ringraziami vivendo" Si voltò e si allontanò aprendo la porta del terminal.

Non lo guardò andarsene, non poteva adesso. Non poteva mostrargli le lacrime che scorrevano liberamente lungo le sue guance pallide. Ali prese una boccata d'aria, per trovare il coraggio di andare avanti. Asciugandosi le lacrime, si avvicinò al cassiere.

"Posso aiutarti cara?" la sua voce era dolce e i suoi occhi pieni di preoccupazione.

"um..Sì, mi piacerebbe andarmene da qui" Ali tenne la testa alta con un sorriso di plastica mentre guardava la donna negli occhi.

"Dove vorresti andare?"

"Io..non so uscire di qui per favore" Riusciva a malapena a mantenere la facciata. I suoi occhi hanno iniziato a gonfiarsi e la sua voce ha iniziato a incrinarsi...

Il cassiere guardò Ali prima di digitare qualcosa nel computer accanto a lei. Ali si strofinò gli occhi con la manica cercando di nasconderlo alla gentile donna. Il forte rumore dello strascico la riportò al mondo esterno.

"Here Dear" ha consegnato ad Ali un biglietto dell'autobus "Gate 12, alle 15:00"

"Grazie" Ali prese il biglietto dell'autobus prima di lasciare al cassiere un sorriso che non poteva nemmeno sembrare vicino al vero.

I suoi piedi non si fermavano, voleva solo ritirarsi dalla gentilezza della donna. Si è seduta sulla sedia più lontana dal cassiere e ha iniziato a litigare dentro di sé. È troppo! Tutto è semplicemente troppo! Non vedi che sta soffrendo? Non vedi che ha bisogno di aiuto? Ma non sa come chiederlo.

Per favore qualcuno mi aiuti

Nessuno mi sta guardando

Ali si sbagliava, si sbagliava di grosso... Il resto del suo cuore sprofondò nell'abisso mentre... Jim entrava nella stanza.

No..No..No…Nooooo! Si infilò il biglietto in tasca e corse più forte che poteva nel bagno delle donne. Aprendo la porta, trovò una stalla e sbatté la porta bloccandola con dita tremanti. Si sedette sul sedile del water con la testa sulle ginocchia che dondolava avanti e indietro. Per favore, non lasciarlo...

Il grosso corpo corpulento di Jim sfonda la porta con una forza tale da far tremare le bancarelle. "So che sei qui Ali"

Controllò il primo box, vuoto. Controllò sotto e non riuscì a vedere i suoi piedi. "Vieni fuori Ali, voglio solo parlare tesoro". Spinse la seconda porta aperta, era vuota lei poteva sentirlo imprecare sottovoce.

"Stai mettendo alla prova la mia pazienza piccola puttana!!" Ruggì

Non riusciva a smettere di tremare, la sua mente era sparita, il suo cuore era freddo e batteva forte.

Spinse la terza porta aperta, di nuovo vuota. "Vieni fuori ora! Giuro che ti farà male" Si strofinò la posizione accovacciata con un piacere malato.

Il tempo era scaduto, quando raggiunse la quarta porta aperta non si sarebbe mossa. Trovò la fessura sul lato della porta e sussurrò "Ti ho trovato tesoro" con un sorriso malizioso...

Storie simili

Vita da college

Vita da college Il mio primo anno di college, sono andato via. A circa un'ora e mezza di auto da casa. Abbastanza lontano perché i miei genitori non venissero a darmi fastidio tutto il tempo, ma abbastanza vicino da poter tornare a casa ogni volta che volevo. Frequentavo le lezioni di base come fanno tutte le matricole. Conoscevo solo una persona prima di andare al college. Rob era il mio migliore amico al liceo e facevamo quasi tutto insieme. Entrambi siamo andati allo stesso college per insegnare. Abbiamo pensato che sarebbe stato facile entrare e divertente scherzare con i bambini a...

524 I più visti

Likes 0

Nuovo coinquilino 5

Sono passate un paio di settimane dall'incidente e i miei lividi sono quasi scomparsi e le mie costole non mi fanno più male, quindi posso tornare al club minx e ricominciare a lavorare. Non vedevo davvero l'ora di lavorare di nuovo, ma i ragazzi l'hanno preso per diventare le mie nuove guardie del corpo e seguirmi ovunque. Davvero Paul, stai controllando se il mio cibo era avvelenato dico alzando gli occhi al cielo per il suo tentativo fallito di salvarmi la vita. Mi preparai una nuova ciotola di cereali e vagai per l'appartamento pensando a qualcosa da fare. Nate entrò in...

470 I più visti

Likes 0

Il voto segreto della cheerleader - #9

Il voto segreto della cheerleader - #9 Zane rifletté sugli eventi accaduti la sera prima. Bella si era finalmente arresa a lui. Aveva pensato che sarebbe stata in grado di fare sesso con lui e ottenere tutto ciò che voleva. Invece, si era arresa a lui totalmente. Ancora più importante, si era arresa a lui registrando tutto, quindi ora era essenzialmente la sua schiava. Il suo animale domestico. Il suo giocattolo, con cui giocare come voleva. Come risultato di quella resa, divenne anche proprietà del resto della squadra. Zane l'aveva portata dagli anziani per convincerli tutti a votare per lei come...

385 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

305 I più visti

Likes 0

Uno scherzo del destino

Uno scherzo del destino È divertente come, in un istante, l’intera programmazione possa essere spostata. Date le giuste circostanze, tutto ciò in cui hai sempre creduto, tutto ciò per cui hai combattuto, temuto e a cui hai resistito può essere distorto e trasformato nella cosa che desideri di più. Questo è stato il caso di Taja Crawford, che ha intrapreso un viaggio spaventoso che l’avrebbe lasciata senza fiato, soddisfatta in modi che non sapeva esistessero e desiderando molto di più. Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente, quando Taja è arrivata a casa tardi una sera dopo aver fatto la spesa...

277 I più visti

Likes 0

La storia di pesche e piselli dolci, parte 5

Neiladri Sinha Jr. :- Erano le 16 quando mi svegliai. La mia Bella Addormentata era così carina che non volevo svegliarlo. Inoltre, avevo dei preparativi da fare e Peaches stava dormendo per sempre. L'ho sollevato delicatamente dal petto e l'ho adagiato su un deewan. Il mantra della mia vita è stato uno: vivi la tua giovane vita al massimo e mi sarei preparato per questo. Ho preso il portafoglio e le chiavi della macchina per andare a fare la spesa per stasera, ma poi mi sono fermata sulla mia strada. L'ombra apparsa nella corsia dell'ospedale. Non potevo lasciare Peaches da sola...

192 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.4K I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

1.3K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.6K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.