Mia sorella è la mia schiava #2

75Report
Mia sorella è la mia schiava #2

Era un pomeriggio di luglio, mancavano circa tre mesi al mio diciassettesimo compleanno. Mi stavo allenando a basket uno contro uno con mia sorella Debbie, che a settembre avrebbe compiuto sedici anni. Debbie andrà in decima elementare, mentre io andrò in undicesima nella nostra scuola. Debbie è nella squadra di basket e le stavo mostrando un paio di mosse. Questo doveva dribblare fino all'avversario, quindi ruotare, abbassando una spalla, e poi dribblare intorno a lui, usando la spalla per bloccarlo lontano dalla palla. Debbie ha dribblato, ha fatto la mossa, mi ha aggirato e ha fatto il suo lay-up. Ho preso la palla e l'abbiamo fatto di nuovo. "Ora, abbassa la spalla in basso", dissi, mentre dribblavo. Non ho sparato, le ho solo lanciato la palla. Lo ha fatto di nuovo, e lo ha fatto bene, tirando a canestro. «Basta così», dissi. Ho preso una bottiglia d'acqua e ho bevuto qualcosa in fretta. Ho notato che la parte superiore era allentata, ma non l'ho detto a Deb.

Si avvicinò e disse: "Penso che questa mossa mi aiuterà quest'anno. Non riesco a vedere molte ragazze in grado di difenderlo". Sollevò la bottiglia dell'acqua e, prima che potessi dire qualcosa, la parte superiore si staccò e le inzuppò il davanti della maglietta. L'acqua rendeva trasparente la maglietta, e le tette che avevo notato rimbalzare mentre giocavamo, ora le vedevo abbastanza chiaramente. Avevo immaginato che non avesse il reggiseno mentre stavamo giocando, e la vista lo confermò. Ricordo di aver pensato: "Gonfi". Mi aspettavo che Deb si voltasse, invece ha preso l'altra bottiglia d'acqua ed è rimasta lì a bere, lasciandomi controllare il suo petto. Penso che l'abbia persino spinto fuori un po', mentre inclinava la testa all'indietro per bere. Ho appena avuto un'ottima occhiata. Le sue tette non erano eccessivamente grandi, ma sporgevano bene e, come ho detto, avevano quei bei capezzoli gonfi. È passato un po' di tempo, quando ha detto "Hai finito di fissare?" Arrossii un po' e distolsi subito lo sguardo. Deb ha appena riso leggermente.

In casa, ho fatto la doccia mentre Deb ci preparava i panini. Aveva quasi finito di mangiare quando sono arrivato in cucina. Si diresse verso la doccia, io mangiai il mio pranzo e andai sul divano del soggiorno, immaginando di guardare un po' della partita. Poco dopo entrò Deb. Indossava un paio di pantaloncini larghi e un top all'americana. Invece di sedersi su una delle poltrone, è scivolata sull'estremità del divano, facendomi alzare le gambe. Rimase in silenzio per un po', poi mettendomi una mano sul ginocchio, chiese "Allora, ti è piaciuto guardarmi?" Mi ha decisamente colto alla sprovvista con quello. L'ho guardata e ho visto che era seria. Annuii, perché era più facile che dire qualcosa. Mi guardò dolcemente e disse: "Non stavo cercando di metterti in imbarazzo. Volevo solo mostrarti, mostrarti che voglio essere più aperta. So che non suona bene, ma quello che sto cercando di dire è , voglio poterti parlare. Di tutto." L'ho guardata, non avevo idea da dove venisse. Debbie e io siamo sempre stati vicini. Mio padre è morto quando avevo cinque anni. C'era stato un incidente nello stabilimento dove lavorava. La mamma non si era mai risposata e, sebbene i soldi non fossero pochi per i primi anni, alla fine vivere con un reddito fisso mentre i costi aumentavano, la fece andare a lavorare. Lavoravo part-time da quando avevo quattordici anni e Debbie aveva appena trovato lavoro in pizzeria.

Immagino che la mia mancanza di una risposta abbia incoraggiato Deb a spiegare di più, mentre continuava a parlare. "Voglio poter parlare di sesso con te. Posso parlarti di tutto il resto. La mamma ci prova, ma il suo punto di vista è solo un po' antiquato."

Ho annuito e ho detto: "Ti aiuterò se posso, solo che non sono sicuro del nostro terreno qui".

Ha appena dato al mio ginocchio un colpo scherzoso e ha detto: "Sto solo cercando qualcuno con cui parlare". Poi mi guardò e fece un sorriso dolce e sexy e aggiunse: "per adesso, comunque". Ho scrollato le spalle. Non so se l'ha preso come un accordo, ma all'improvviso ha chiesto: "Hai fatto sesso con una o più ragazze, giusto?" Ho appena alzato gli occhi al cielo e ho annuito lentamente. "Ragazza o ragazze?" Lei chiese.

Ancora una volta ero riluttante a rispondere, poi alla fine dissi: "Ragazze".

Lei sorrise e disse: "Lo pensavo. Qualcuno che conosco?"

Ho guardato il pavimento, non lei, e ho detto: "Cosa ti fa pensare che te lo dirò?".

Mi ha schiaffeggiato il ginocchio e ha detto "Ascolta, ho detto che ho bisogno di qualcuno con cui parlare, non ho detto che volevo strapparti i denti".

Abbiamo sentito l'auto della mamma che entrava nel vialetto e ho detto una preghiera silenziosa. Avevo bisogno di un po' di tempo per pensare. Deb deve avermi letto nel pensiero, visto che ha detto: "Pensaci, non ho davvero un amico intimo e voglio parlare. Judy è una buona amica, ma non ho una migliore amica in quanto tale. Voglio solo tu essere il mio migliore amico in questo, come lo sei stato per tutto il resto."

Ho annuito e ho detto: "Ci penserò". Mamma aveva con sé nostra zia Marie. Mia madre aveva trentasei anni. Mi ha avuto quando aveva diciannove anni. Sapevo che zia Marie aveva un paio d'anni di meno. Era la sorella di mio padre. Era venuta spesso in giro, da quando papà è morto, e sapevo che nel corso degli anni a volte aveva aiutato con i soldi. Dopo ho guardato la partita e dopo cena ho dovuto accompagnare Debbie a casa di una sua amica, dove avrebbe passato la notte.

Una volta in macchina, Debbie disse rapidamente: "Allora, ci hai pensato?"

"Alcuni," dissi. "Ma non abbastanza."

"Allora, con chi l'hai fatto?" lei chiese.

L'ho guardata e ho detto: "Ho detto, voglio pensarci ancora un po', e non so se te lo dirò o no".

Ha appena abbassato lo sguardo e ha detto: "O.K. Pensaci. Ma nel frattempo, mi aspetto che Judy voglia giocare stasera. So che vuole fare sesso con me. Cosa devo fare?"

Sono quasi arrivato sul marciapiede. Mi sono fermato e ho detto: "Cosa?"

Debbie sorrise dolcemente e disse: "Mi hai sentito, so che Judy vuole farlo con me".

Ho scosso la testa e ho detto: "Allora, cosa ne pensi?"

Ha risposto subito e ha detto: "Non credo di essere pronta per quel genere di cose serie".

Le dissi: "Dillo a Judy, allora. Dille che non sei pronto. Se è tua amica, dovrebbe capire".

Deb annuì e disse: "Non c'è tempo ora, ma ti dirò tutto. Spero che tu faccia lo stesso". Mi sono ritirato nel traffico e presto siamo stati da Judy.

Quando siamo arrivati, ho detto: "Se ti senti a disagio, chiama. Posso sempre venire a prenderti".

Ha sorriso e ha detto: "Oh, penso di potercela fare. Potrei anche giocare un po', è solo che non voglio fare tutto". Stava ridendo mentre scendeva dall'auto. Ho appena scosso la testa. Tornando a casa, un pensiero mi colpì all'improvviso. Mamma. Improvvisamente avevo dieci anni e andavo in bagno durante la notte. Ho sentito un rumore e ho guardato giù per le scale. Ho visto la mamma in ginocchio che sollevava il vestito di zia Marie. Non so perché mi sia venuto in mente, ma è successo. Mentre tornavo a casa, la mia mente correva. Il tempo in cui ho aspettato che zia Marie finisse in bagno, così potevo usarlo, solo per scoprire mezz'ora dopo che lei non era lì. Dov'era? Improvvisamente piccoli frammenti avevano un senso. Mamma e zia Marie, in tutti questi anni. Non mi sono sentito male per questo, semmai ero felice per loro. Quando sono tornato a casa, la mamma stava guardando la TV con mia zia. Ho sorriso a me stesso.

La mamma mi ha detto: "Tua zia passerà la notte, può usare la stanza di Debbie". Annuii mentre sorridevo interiormente. Era successo molte volte in passato. Ho passato la notte a guardare la TV nella mia stanza ea pensare. Erano circa le undici e mi sono lavato, pensando di andare a letto. Scesi e quando arrivai in Soggiorno, zia Marie si alzò e andò a lavarsi.

Mi sono avvicinato e ho dato un piccolo bacio alla mamma, e ho detto dolcemente: "Mamma, non deve dormire nella stanza di Deb. Lo so, e sono d'accordo con tutto". Se mai ho avuto dei dubbi, sono stati dissipati dallo sguardo sul volto di mia madre. Sicuramente l'ha lasciata senza parole. Sono andato di sopra. Ho dormito bene. Ricordo un piccolo sogno su due belle donne sulla trentina che facevano una piccola festa in una camera da letto.

Mi sono svegliato la mattina dopo e sono andato a lavorare. Presi la macchina e, dato che dovevo lavorare solo fino all'una del pomeriggio, andai a prendere Debbie quando uscii dal lavoro. La mamma e mia zia stavano andando a fare shopping (mercatino delle pulci domenica), quindi ho detto a Deb: "Pagherò per gli hamburger, ti interessa?"

"Certo," disse. Andammo al drive-through, poi parcheggiammo e mangiammo. Una volta a casa, ho fatto la doccia e poi il divano. Stavo per guardare la partita e magari fare un pisolino. Ho fatto una partita quella sera. Debbie entrò presto e venne subito. Scivolò sul divano, guardandomi dall'alto in basso. "Allora," disse. "Ci siamo o cosa?"

L'ho guardata e ho detto: "Immagino che ci siamo, ma posso fermarmi quando voglio".

Sembrò pensarci un po', poi disse "O.K., ma non tirarti indietro. Se smetti, deve essere per una buona ragione. E un'altra cosa, a meno che uno di noi non dica diversamente, tutto ciò che condividiamo è solo tra io e te. Non lo diciamo a nessuno.

"Buona idea," dissi.

Lei sorrise e disse: "Allora, chi hai scopato?"

L'ho appena guardata e ho detto: "Non credo di essere pronto per buttarmi in quello".

Si fermò di colpo e disse: "Oh". Poi aggiunse: "Suppongo che mi farai andare per prima".

Ho risposto: "Vuoi andare prima?"

Non ha davvero risposto, ha solo detto: "Lo farò". Detto questo, disse: "Lasciami sdraiare con te". Ero un po' dubbioso su questo, ma lei mi spinse un po' indietro e si sdraiò rapidamente accanto a me. Mi dava le spalle e si rannicchiò vicino. Poi si allungò e, prendendomi il braccio, se lo strinse intorno, premendo la mia mano sul suo ventre. Lei si guardò indietro e disse: "Comodo?"

Ho detto: "Immagino".

Lei ridacchiò e disse: "Voglio sentirmi vicino quando condividiamo cose. Sarà più facile". Penso che come prova, abbia lasciato andare la mia mano e io ho tenuto il braccio intorno a lei. "Allora," disse. "Da dove cominciare. Sai che sono uscito con Billy un po' di volte. Ne abbiamo sculacciate alcune, e lui mi ha palpato. Gliel'ho lasciato fare. Glielo ho anche lasciato sotto la camicetta e sotto la gonna, ma non dentro il mio reggiseno o le mie mutandine. L'ho massaggiato, ma solo attraverso i suoi jeans. È stato bello che mi palpasse, ma non ero pronta per altro." Sono rimasto in silenzio, quindi ha continuato. "Mi è piaciuto quello che stavamo facendo, e sì, mi ha eccitato, ma non mi piace così. Voglio farlo con qualcuno che è speciale per me. Billy non è speciale. Voglio dire, lo siamo amici, ma non lo amo o cose del genere. Non intendo dire che devo prima amare qualcuno, ma voglio almeno preoccuparmi molto di più di quanto non faccia per lui. L'ho appena tenuta e l'ho lasciata vagare. "È lo stesso con Judy. So che vuole entrare in qualcosa di pesante. Intendo il sesso orale tra di loro e tutto il resto. Penso che abbia anche un vibratore, semplicemente non sono pronto per quello. Poi penso se mai dovessi farlo con un'altra ragazza, allora dovrebbe essere un'amica migliore. Farei qualcosa del genere solo se fossi la sua migliore amica. Allora è solo un forse. Non ho detto niente "Allora, cosa ne pensi?" Ha chiesto, poi ha ridacchiato e ha detto "Non ti sto annoiando, vero?"

Ho riso leggermente e ho detto: "No, non mi stai annoiando. E penso che tu stia gestendo tutto molto bene in questo momento".

Poi ha chiesto: "Quando hai scopato quelle ragazze, le amavi, come loro, cosa provavi per loro?"

Il momento della verità era arrivato. Ho subito detto "Prima che risponda, tu e Judy avete fatto qualcosa ieri sera?"

Debbie ridacchiò e disse: "Sporco ragazzo". Poi ridacchiò di nuovo e disse "Abbiamo finito per giocare l'uno con l'altra. Le ho lasciato sentire le mie tette e strofinare la mia fica. Ma non le avrei permesso di mettere le sue labbra su di me. Non le avrei nemmeno permesso di baciarmi, ma sì, ci siamo fatti venire l'un l'altro con le dita. Però non le avrei permesso di mettermi le dita dentro. Ma quando è venuta, voleva che le mettessi le dita dentro, così l'ho fatto." Ridacchiò di nuovo e disse: "Quindi è quello che vuoi sentire, avevo le dita nella sua figa bagnata".

Ho riso anch'io e ho detto: "Ti stai divertendo, vero?"

Lei ridacchiò e disse: "Sì, lo sono, voglio solo che tu ti senta a tuo agio con questo".

Ho ceduto e ho detto: "Comodo, come dovrei sentirmi a mio agio?"

Lei ridacchiò e disse: "Allora, hai intenzione di rispondere alle mie domande?"

Ho alzato le spalle e ho detto: "Vai avanti". Lei si dimenò e si girò, e mi cinse la vita con un braccio. Il mio braccio era ancora attorno a lei. Stava intenzionalmente tenendo i suoi fianchi lontani dai miei. Piegò il collo e appoggiò la testa sul mio petto, guardando in basso e non me.

"Sooooo." Fece un respiro profondo mentre lo diceva, poi inspirò, altrettanto profondamente. "Quante ragazze hai avuto?" lei chiese.

«Non conto, ma cinque o sei», dissi.

"Wow", fu la sua risposta. Poi ha chiesto "Conosco qualcuno di loro?"

"Sì, ne conosci alcuni," dissi. Quasi rabbrividì contro di me.

Poi sussurrò: "Per ora, dimmi solo un nome che conosco". Ho esitato e lei mi ha incitato con un "Per favore".

«Sherry Barron», dissi.

"Cazzo," disse.

"Che cosa?" Ho chiesto. "Avrei potuto immaginarlo," mi disse. Poi ridacchiò e disse: "Salverò il resto, quindi dimmi, hai amato qualcuna di queste ragazze?"

"No", dissi, "ma comunque mi piacevano e mi piacciono tutti. Li considero tutti amici. Ce ne sono solo un paio che non conoscevo molto bene e non li ho seguiti ."

"Una notte sola?" lei chiese.

"Sì, uno era, non un'avventura di una notte, solo a una festa. L'avevo appena incontrata quella notte", le dissi.

Fece una pausa e disse: "Forse faresti meglio a spiegarmelo".

Feci un respiro profondo e dissi: "È stato dopo una partita di pallone, sai, durante l'estate gioco per lo stabilimento. Alcuni di quei ragazzi hanno vent'anni. Comunque, un fine settimana c'è stata una grande festa e sono andato . Per farla breve, una delle amiche dei ragazzi aveva portato sua sorella. Era sola, quindi siamo usciti alla festa. C'erano bevute e anche un po' di droga." Ha iniziato a girarsi qui, ma io l'ho tenuta in braccio e ho detto: "Non mi drogo, ma alcuni lo facevano. C'era anche un sacco di alcol. Ho bevuto una birra, ma di regola non bevo. Comunque, lei era più grande, probabilmente diciannove anni o giù di lì. Era single e io ero lì single, quindi abbiamo ballato. Stava facendo dell'erba, ma non mi ha infastidito. Mi sono fermato e ho sentito Debbie trattenere il respiro in attesa. Ho aspettato ancora un po'.

Debbie mi ha dato una gomitata. "Continua."

Ho detto: "Stavo aspettando che tu respirassi".

Lei rise piano e disse: "Vai avanti".

"Quindi, la festa stava diventando un po' selvaggia. La gente si stava sbaciucchiando e c'era molta emozione. Cindy, questo era il suo nome, e io ballavo molto. Nei balli lenti, lei si avvolgeva intorno a me ." Sono andato avanti con la mia storia. Feci un respiro e dissi: "Ho notato alcune coppie che scivolavano di sopra, e altre si stavano palpando all'aperto. Cindy mi ha portato di sopra, non ha detto niente, solo su per le scale, e in un camera da letto vuota. Così l'abbiamo fatto. Voglio dire, era gentile, e lo voleva, e vedere tutto il contatto e la sensazione che c'erano, mi ha sicuramente messo dell'umore giusto. Debbie ha fatto un paio di respiri profondi, quindi ho detto: "Se hai difficoltà a respirare, possiamo fermarci". Stavo ridendo piano quando ho detto tutto.

Debbie si limitò a ridere e disse: "Adesso vai avanti, non preoccuparti per me".

Ho riso di nuovo e ho detto: "L'hai chiesto tu". Sono andato avanti con la mia storia. "Sapevo che Cindy aveva decisamente raggiunto l'orgasmo durante, sai, mentre lo facevamo. Ma una volta tornati al piano di sotto, era come se non ne avesse avuto abbastanza. Penso che siano le droghe e l'alcol. Si era appena rimessa la gonna e la sua canottiera. Niente biancheria intima. Comunque, presto stava ballando con un'altra ragazza, e si stavano palpando a vicenda. L'altra ragazza aveva la mano sotto la gonna di Cindy, e sapevo che era nuda lì sotto. divano, quando un paio di ragazzi hanno litigato nell'altra stanza. Ho guardato di nuovo Cindy, e lei e quest'altra ragazza stavano appena iniziando quello che sembrava un sessantanove, quando Tommy Carson mi ha afferrato. Ero andato con Tommy e la sua ragazza. Tommy voleva andarsene prima che scoppiassero altri litigi, quindi ce ne siamo andati, prima che potessi dare un'occhiata alle due ragazze che lo stavano facendo.

Debbie, ora respirava più velocemente del normale. "Wow, è stato meglio di quanto mi aspettassi", ha detto. All'improvviso è rotolata giù dal divano e guardandomi, con le guance arrossate, ha detto: "Ho bisogno di un drink. Vuoi una Pepsi?" Ho annuito. È scomparsa, ed è tornata presto e mi ha dato una Pepsi, e ha messo la sua sul tavolino. "Serve una perdita", disse. È stata via circa cinque minuti. Quando è tornata. evidentemente si era lavata la faccia. Bevve un sorso e si sedette di fronte a me su una delle poltrone. Anche adesso era ancora un po' arrossata. Fece un sorriso buffo e disse: "Quella storia era bollente".

All'improvviso mi è venuto in mente. Mi sono schiaffeggiato la fronte con la mano e ho detto: "Tu!" Lei arrossì e sapevo di averla beccata. "Hai giocato con te stesso," dissi, un po' più forte del normale. Arrossì di nuovo e annuì. Il discorso aveva fatto eccitare anche me, e avevo un'erezione che non voleva smettere. Sinceramente, quello che ha fatto è quello che volevo fare. Ero un po' schiacciato sul divano, cercando di nascondere la mia erezione.

"Il nostro parlare, mi sono così eccitato, ero così bagnato." Stava cercando di scusarsi e spiegare allo stesso tempo. Poi si fermò e disse: "Cristo, sono stupida". Stava guardando il punto in cui i miei fianchi erano premuti contro il divano. "Mi dispiace," disse. L'ho solo guardata. Il suo volto era ancora un po' arrossato. Poi ha sussurrato così piano che riuscivo a malapena a distinguerla. "Se vuoi, ti aiuto."
"Che cosa?!" esclamai.

I suoi occhi erano fumosi e sussurrò un po' più forte e più chiaro. "Voglio vederlo." Ho appena chiuso gli occhi e scosso la testa. Poi ha detto: "Non ne ho mai visto uno. Ho sentito quello di Billy, ma era attraverso i suoi jeans. Non era nemmeno molto grande". Avevo solo un paio di pantaloncini larghi. Mi girai lentamente sulla schiena e lasciai che il mio cazzo duro tendesse i miei pantaloncini. "Oh, cielo," sussurrò. Feci per alzarmi, ma lei si alzò rapidamente e mi venne incontro, avvolgendomi le braccia intorno. "Per favore, voglio vederlo. L'ho causato io, lascia che ti aiuti. Non dobbiamo fare molto." La sua voce era persuasiva. La mia decisione stava scivolando, ero così eccitato. Mi ha spinto molto gentilmente verso il divano, ma non mi ha permesso di sedermi. Ha raggiunto per i miei pantaloncini. La mia mente ha gridato: "Fermala", ma il mio cazzo duro ha urlato di rimando, non so cosa abbia urlato, ma il mio cazzo ha vinto. Debbie mi ha abbassato i pantaloncini e, mentre lo faceva, il mio cazzo è rimbalzato. Fece una risatina nervosa. Il mio cazzo era dritto in aria. Debbie non ha staccato gli occhi dal mio cazzo. Molto lentamente allungò la mano e molto lentamente e delicatamente afferrò il mio cazzo. Quando lo toccò, gemetti, ma non abbastanza forte da soffocare il suo gemito. Mi ha accarezzato lentamente il cazzo. Mi ha guardato, il viso arrossato, e ha sussurrato: "È così grande, è così caldo, è così liscio, è così duro, è bellissimo".

Mi stava accarezzando un po' più velocemente. Sussurrò con voce bassa e sexy: "Vieni per me. Voglio vedere anche quello". Sapevo che l'avrebbe visto presto. La sua mano era fresca quando mi ha toccato per la prima volta, ma ora la sua piccola mano che mi strattonava era calda al tatto. Ho guardato mentre la sua mano mi teneva, mi accarezzava e poi mi strattonava più velocemente. Deb¬bie indossa anelli su tutte le dita e il pollice sulla mano destra, e li ho notati tutti mentre mi masturbava il cazzo duro.

"Deb, sono così vicino." Mi stavo trattenendo e volevo avvertirla. Non credo davvero che sapesse cosa fare. Quindi se l'è puntata al petto e mi ha strattonato forte e veloce. Sono venuto velocemente, sparando sperma su tutta la sua maglietta. Ha appena sorriso mentre venivo e mi ha puntato dritto sulle sue tette. La sua maglietta era fradicia, e lei la guardò, poi mi guardò. I suoi occhi brillavano luminosi.

Lei sorrise e disse: "Fantastico". Continuò ad accarezzarmi dolcemente il cazzo, mentre lentamente cominciava ad ammorbidirsi. Un po' di sperma le colò sulla mano. Aveva sperma su un paio di quegli anelli dall'aspetto pulito. Era affascinata mentre il mio cazzo si appassiva lentamente nella sua mano. Mi guardò di nuovo e disse: "È così bello, voglio tenerlo per un po' e sentirlo anche crescere". Ho abbassato la mano e l'ho tirata su a me. L'ho abbracciata stretta.

Sapevo allora che avrebbe realizzato quel desiderio.


La settimana successiva passò in fretta. La mamma sembrava felice, ma era da un po' che non vedevo zia Marie. Debbie era impegnata con un campo di basket, quindi non l'ho nemmeno vista molto. La settimana successiva fu più o meno la stessa. Debbie stava lavorando in un campo di basket ora, istruendo i giocatori più giovani. Stava ancora lavorando in pizzeria, quindi non aveva molto tempo. La settimana del mio compleanno, mia madre mi ha detto: "Dal momento che il tuo compleanno è venerdì, se vuoi una festicciola, per me va bene".

Ho solo annuito e ho detto: "In realtà, non voglio davvero una festa, non mi sono mai sentito davvero a mio agio con le persone che mi fanno storie. Immagino solo una bella cena, forse una torta, se hai tempo, e forse solo noi quattro".

La mamma ha annuito e ha detto: "Posso scendere presto, e fare una torta, e... e..." Mi ha guardato e ha detto: "Quattro?"

"Vorrei che mia zia venisse," dissi sorridendo.

La mamma sorrise e disse: "Glielo chiederò".

Anch'io ho sorriso e ho detto: "Posso chiamarla 'papà', solo una volta?"

La bocca della mamma si spalancò e mi guardò. Fece per dire qualcosa e poi si fermò. Alla fine disse: "Per ora chiamala zia Marie. Mi senti?"

Ho detto: "Sì, mamma".

Quella sera mamma e Debbie stavano guardando la TV. Tornai a casa dalla partita e mi sdraiai sul divano. La mamma era sulla sua sedia preferita e Debbie era appoggiata allo schienale di uno dei ragazzi pigri. La mamma ha parlato e ha detto: "L'ho chiesto a Marie, e lei ha detto che ce l'avrebbe fatta. Ti ringrazia per aver pensato a lei".

Debbie ha detto: "È ora che smetta di nascondersi".

La mamma la guardò e disse: "Basta così. Diamole solo un po' di tempo".
Debbie sorrise dolcemente e disse: "Volevo solo dire che mi è mancata".
«Anche io» dissi. Questo sembrò calmare tutti.

Più tardi la mamma è andata in cucina e Debbie mi ha guardato. Lei fece l'occhiolino e disse: "Non ti ho visto molto ultimamente". Ho solo scrollato le spalle. Così ha detto: "Mi manchi?"

Ho annuito e ho detto: "Sì, mi è mancato vederti". Mentre lo dicevo, sollevò una gamba. La sua gonna era abbastanza corta che quando ha sollevato la gamba, ha sollevato l'intera gonna, e ho avuto una bella foto di castoro del suo cavallo nudo. "Ti è mancato vedermi?" chiese con voce dolce e stuzzicante.

Ho appena guardato il suo inguine e ho detto: "Sì, molto".

Lei ridacchiò e disse: "Vuoi vedermi di più?"

L'ho guardata di nuovo e ho sussurrato "Sei cattiva".

Lei sorrise e disse: "Lo adoro, però". All'improvviso abbassò la gamba e si lisciò la gonna. La mamma riapparve presto.

Quando sono andato a letto, Debbie mi ha seguito al piano di sopra. Lei sussurrò. "Se avessi una gonna, ti darei una sbirciatina." Mi sono fermato in cima alle scale e lei mi ha urtato. Si è premuta contro di me. Sussurrò "Voglio che tu mi mangi di nuovo. Ne ho bisogno, ci ho pensato, e so che ho aspettato troppo a lungo per farlo di nuovo." Tornai a guardarla da sopra la spalla. È rimasta premuta contro la mia schiena. Sussurrò "Domattina. Ho il giorno libero, e so che lo hai anche tu. Una volta che la mamma è andata a lavorare, ne voglio un po'." Poi mi ha dato una piccola spinta e ha detto: "Dai, muoviti". Ho riso di lei. Ho fatto dei bei sogni quella notte.

La mattina era luminosa e soleggiata. Ero sveglio prima che la mamma se ne andasse. Disse: "Se vai in spiaggia, ricordati che vado via presto. Marie arriva verso le cinque, quindi la cena sarà proprio allora."

"Suona bene," dissi.

«E ascolta», disse. "Ricorda e ricorda a Debbie di comportarsi normalmente con Marie." Ho solo annuito. La mamma se n'è andata, quindi sono andato a fare la doccia. Ero di nuovo al piano di sotto a fare colazione quando sentii il rumore della doccia. Avevo finito di mangiare e mi stavo rilassando quando è apparsa Debbie.

Si era agghindata un po'. Si era messa del rossetto e si era truccata un po' il viso. Aveva i capelli raccolti sulla testa, indossava una gonna corta e solo un top all'americana. Il suo ventre piatto era scoperto ed era a piedi nudi. Ha appena detto: "Buon compleanno".

Ho sorriso e ho detto: "Grazie". Si è fatta un paio di toast e ha preso un bicchiere di succo. Sorrise e spostò lo sgabello della cucina vicino al bancone. Ero ancora seduto al tavolo e lei si è assicurata che lo sgabello fosse posizionato in modo che quando si è seduta sopra fosse di fronte a me. Diede un morso al toast e aprì le gambe. Lo sgabello l'aveva all'altezza dei miei occhi e, mentre apriva le gambe, si assicurò che il suo sedere fosse proprio sul bordo dello sgabello. Aveva le mutandine, ma erano bianche e molto sottili. Potevo distinguere le curve del suo tumulo e persino rilevare la fessura della sua fica.

Ha preso un grosso morso e ha detto mentre masticava: "Ho fame, e tu?" L'ho solo guardata. Stava guardando il mio viso, la sua bocca sorrideva e anche i suoi occhi sorridevano. Ha preso un altro morso e ha detto "Allora, il gatto ti ha preso la lingua?"

Le ho sorriso e poi ho detto solo "No". Non ho detto altro, ero più interessato a quello che stava dicendo.

Ha preso un morso, poi ha seguito quello con un drink. Sorrise dolcemente e disse "Se un gatto non ha la tua lingua, conosco una fica che la vuole".

Ho sorriso e ho detto: "Quella figa lo vuole davvero tanto?"

Lei mi guardò e sorrise ampiamente. Poi ha abbassato un po' la voce e ha detto: "Sì, la figa lo vuole davvero, davvero tanto".

Adesso aveva le gambe aperte e io ho detto: "Sembra che abbia bisogno di una bella leccata".
Ha inghiottito il suo secondo pezzo di pane tostato e ha detto: "Oh, lo fa, lo fa". Il suo brindisi era sparito, e lei ne bevve un sorso abbondante e se lo frustò in bocca, poi lo deglutì. Finì il suo drink, poi scivolò lentamente giù dallo sgabello, lasciando che la gonna si tirasse su fino alla vita. Si è semplicemente appoggiata allo sgabello, mostrando il sedere e ha chiesto: "La tua stanza o la mia?"
"Quello che preferisci," dissi.

Ha appena preso la mia mano e poi mi ha portato su per le scale. Lei non ha detto una parola. La sua gonna era tornata a posto. Mi ha condotto nella mia camera da letto. Ha lasciato la mia mano, si è voltata e ha chiesto: "Nuda?"

Ho detto: "Va bene".

Lasciò cadere la gonna, si abbassò le mutandine e ne uscì, poi si tolse il top all'americana. Stava davanti a me nuda. I suoi capezzoli gonfi erano duri e mi indicavano. Sorrise e disse: "Sbrigati" e fece cenno ai miei pantaloncini. L'ho guardata e lei ha detto: "Anche tu". Non ho detto niente, mi sono solo tolto la maglietta e poi mi sono abbassato i pantaloncini. Il mio cazzo, che era duro, si alzò sull'attenti, sporgendosi con orgoglio. Debbie lo fissò e disse: "Per tutto questo tempo ti ho mostrato, mi è mancato vedere il tuo cazzo". Mi prese la mano e mi tirò verso di sé, ma si fece da parte e mi spinse dolcemente sul letto. Rimasi sdraiato lì, con le gambe penzolanti dall'estremità del letto. Si avvicinò al letto e salì, chiedendo: "Pronto?"

"Pronto", dissi. Si avvicinò, sollevò una gamba e si mise a cavalcioni sulla mia testa. Era a faccia in giù e lentamente, molto lentamente ha abbassato la fica sul mio viso. Mentre la sua fica si avvicinava alla mia bocca, potevo vedere il suo succo, ricoprire le sue labbra di una sottile rugiada. Poco prima che si abbassasse completamente, apparve una goccia, poi iniziò lentamente a penzolare dalle labbra della sua fica. L'ho afferrata per i fianchi e l'ho tenuta lì. Lentamente la goccia si abbassò. Ho tenuto le labbra chiuse e ho lasciato che la goccia cadesse sulle mie labbra. Era caldo al tatto e la sua dolcezza mi fece leccare le labbra. Una, due volte mi leccai le labbra, assaporandola su di me. Poi l'ho tirata giù lentamente e le ho leccato tutta la fessura.

Debbie gemette sonoramente, e poi mi sorprese. Si è sdraiata su di me e dicendo: "Buon compleanno", ha succhiato la testa del mio cazzo nella sua bocca calda e bagnata. Mentre mi prendeva in bocca, mi ha dimenato la fica sul viso. Ho rafforzato la mia presa per tenerla ferma, e ho divorato la sua figa calda e bagnata. Ho succhiato le labbra della sua fica nella mia bocca, poi le ho rilasciate e ho infilato la mia lingua nel suo buco della figa il più profondamente possibile. L'ho ripetuto un paio di volte. Succhiale le labbra, poi lecca il suo buco. La sentivo che cercava di sgroppare, ma tenne la sua fica contro di me, mantenendo i suoi fianchi fermi. Nel frattempo, Debbie mi stava succhiando come una professionista. Per qualcuno che succhiava un cazzo per la prima volta, stava benissimo. Era una ventosa bagnata, dato che sbavava molto mentre succhiava. Stava anche gemendo molto intorno al mio cazzo mentre le succhiavo la dolce fica. Mentre era sopra di me, la sua dolce figa stava praticamente gocciolando nella mia bocca. Stava cercando di abbracciarmi la faccia, ma l'ho tenuta ferma. L'ho sollevata lentamente un po' e ho lasciato che la mia lingua scivolasse nella sua fessura. Mi sono avvicinato al suo clitoride e lei ha cercato di premere i fianchi in modo che potessi entrare in contatto con esso. L'ho lasciata muovere e lei ha spinto la sua clitoride sulla mia lingua. Non appena la mia lingua è entrata in contatto con il suo clitoride, lei ha gemito forte, poi è sembrato che stesse cercando di ingoiare il mio cazzo.

Le leccai la clitoride con il piatto della lingua, premendo forte su di essa. I suoi fianchi si piegarono tra le mie mani e mi succhiò più forte e più velocemente. Sapevo che era vicina, ma lo ero anch'io. Volevo avvertirla, quindi l'ho spinta su e ho detto "Deb, è meglio che ti fermi. Sono vicino". Ha appena spinto indietro i fianchi e ha costretto la sua clitoride a tornare sulla mia lingua. L'ho leccata forte e veloce, poi all'improvviso ho aperto la bocca e ho cercato di succhiare la sua piccola biglia nella mia bocca, e l'ho leccata forte. Giuro che ha ringhiato e poi è venuta. I suoi fianchi tremavano tra le mie mani e mi sprizzava su tutto il viso. I suoi fianchi stavano contorcendo la sua fica sulla mia bocca, e alla fine l'ho tenuta ferma, e sono andato dietro al suo buco della figa. Il suo buco era inzuppato della sua crema e io l'ho succhiato per ottenere tutto quello che potevo. Ho appena avuto un boccone, quando ho sentito il mio venire iniziare. È salito sul mio albero. Cercai di tirarmi indietro, ma il letto mi fermò e la sua bocca che succhiava mi seguì. Ho sentito il primo scatto, poi un altro e un altro ancora. Debbie mi stava succhiando come se non ne avesse mai abbastanza. Non ho sentito alcun bavaglio, quindi ho pensato che stesse deglutendo. Sembrava che lo fosse, mentre il mio cazzo sembrava essere stato ingoiato. Ho finito di venire, e lei deve aver sentito la fine, perché si è arresa, e si è semplicemente allattata sulla punta del mio cazzo. Mentre lo faceva, le stavo allattando il buco della fica. Ho succhiato tutto il suo succo e mi tiravo delicatamente prima un labbro della fica poi l'altro nella mia bocca. Le ho baciato dolcemente la fica, mentre scendeva lentamente dal suo climax. Alla fine si è rilassata e si è sdraiata su di me.

Il mio cazzo le è scivolato fuori dalla bocca e lei l'ha appena strofinato con il muso mentre si sdraiava su di me. Rimase lì per un po', poi lentamente, rotolò via da me. Una volta che se ne fu andata, si voltò rapidamente e si sdraiò accanto a me. La baciai dolcemente sulla bocca con le mie labbra bagnate di succo. Lei gemette e mi baciò di nuovo. Non ha nemmeno interrotto il bacio, ha solo mollato un po', ma le nostre labbra si sono ancora toccate e lei è riuscita a sussurrare: "L'ho adorato". Mi passò la lingua sulle labbra, poi sussurrò: "L'ho fatto bene?"

L'ho baciata, poi ho detto: "Sei stata perfetta".

Si staccò e mi guardò. Stava quasi ridendo mentre diceva: "Sapevo che il tuo compleanno stava arrivando. Ho deciso che volevo farti un pompino. Mi sono persino esercitata con le banane". Mi guardò e i suoi occhi danzavano di gioia. Poi ha detto: "Si è rivelato essere un regalo tanto per me quanto lo era per te". L'ho tirata giù e l'ho abbracciata forte. Mi ha appoggiato la testa sul petto. Mi ha baciato leggermente il petto e ha detto: "Mi è piaciuto molto farti". L'ho stretta forte. Poi ha detto: "Come hai detto che mi avresti mangiato in qualsiasi momento, ti faccio un pompino ogni volta che vuoi". L'ho appena tenuta. Non passò molto tempo prima che si muovesse. Lei sussurrò: "Solo a pensarci, mi fa davvero eccitare. Vuoi farmi di nuovo?" I did not even answer, I just moved around, and positioned her on her back. I opened her legs wide, and went back after her cunt with my mouth. As I started licking, I thought to myself, 'You are going to beg me to stop.' I pushed her legs up to her chest, expo¬sing her whole crotch to me, and I went to work. She was still wet, and I cleaned this up first, then licked her from her little asshole to her swollen clit. She was soon bucking on my mouth. I lightly chewed on her cunt-lips, and tongued her pussy-hole, lapping up her sweet cunt-juice as it leaked from her. I knew she was horny, so I did not wait too long, until I hit her clit.

On the first contact, she moaned and starting cumming. Her ass lifted, and she tried to straighten her legs. I just pushed them back to her tits, and feasted on her upraised cunt. Again she juiced heavily as she came. Once she was down, I just nuzzled her cunt, and kissed it softly. She just moaned. I gradually let her legs down some. I moved down some, and tickled her with my tongue on the sensitive spot between her pussy and her asshole. It was not long when I felt her begin to move a bit, and I went back to her cunt-hole. I tongued her, and got more juice from her. Slowly I moved back to her clit. I sucked her little marble and licked it all over. She was beginning to buck, and I knew she would cum again. She reached down and entwined her hands in my hair, and pressed my head close to her. She was pushing my face to her cunt. She gasped "I'm going to cum again. Oh, fuck, close, close, oh, cumming, cumming!" Again her cunt juiced all over my face. As she came, I went down to her pussy-hole and gently fucked her with my tongue. She just held my head tightly, and moaned as I tongue-fucked her through her cum. I continued to nuzzle her down there, and was about ready to start again, when she pushed me away. "No more," she said.

I got up, and looking down at her I smiled and said, "Had enough for now?"

She smiled and whispered, "For now."

"We hitting the beach?" Ho chiesto.

She nodded and said, "After I rest a bit." Rest? She slept for an hour and a half.

That afternoon on the beach, she had another nap. It was getting close to three in the afternoon when she woke up. "Did I wear you out this morning?" Ho chiesto.

She just smiled and said, "I'm just resting up. But when I close my eyes and remember, I just want to keep my eyes closed."

I laughed softly and said, "Sometimes, I want to do that, and see just how many times you can cum."

She smiled and said. "O.K., but not today."

She was quiet, then said, "I guess you know, I came three times this morning. I never came more than once before." I laughed and said "Maybe I should just call you my cum bunny with the honey pot."

She laughed and said, "Yes, I want to be your cum bunny." Today, as the other day, she waited until I was gathering things up. She was still laying down, and she just opened her legs and pulled her bikini crotch to one side. "Does it look well licked? It sure feels like it." She giggled as she said it. She quickly covered up.

The End

Storie simili

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

799 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

806 I più visti

Likes 0

La moglie di Harvey e i suoi amici

Harvey stava filmando sua moglie, che aveva appena avuto il viso ricoperto di sperma dal cazzo di 11 pollici del suo Master Max. Per ripulirlo, ora Max stava pisciando su tutta la faccia di Ginger. La rossa di 58 anni ha trovato questo rilassante e non fuori dalla norma. Max era un uomo di 20 anni che era la sua costante Maledom, si erano incontrati 1 anno prima in un club di scambisti e ora Max viveva nella Master Suite a casa loro. Ginger avrebbe fatto soldi per il suo padrone andando in webcam, lui si era sistemato nella tana. La...

771 I più visti

Likes 0

Tenero amore II

Introduzione: Per comprendere e apprezzare appieno questa storia, leggere la Parte I di Tender Love. Mi dispiace che ci sia voluto così tanto tempo per la parte 2, mio ​​padre è morto e io ero distratto. La giovane donna latina giaceva sopra la mia forma nuda con il mio cazzo duro come una roccia ancora incastrato tra le labbra della sua figa, come se fossi un dildo umano per il suo piacere. Potevo sentire i suoi caldi succhi d'amore che cominciavano a raffreddarsi mentre gocciolava dai lati delle mie cosce. Si è riposata dal potente climax che aveva appena sperimentato strofinando...

743 I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

698 I più visti

Likes 0

Allenare mia figlia 1

Tutto è iniziato un giorno in cui ero ubriaco e incapace di fare nulla da solo. Prima di iniziare, ti fornirò alcune informazioni di base su di me e mia figlia. Avevo 37 anni in ottima forma e un uomo molto bello. Capelli castani e occhi color nocciola. Mi sono rasato regolarmente in modo che il mio corpo fosse sempre liscio. Mia figlia quando è iniziata questa era una giovane e vivace bambina di otto anni che era molto carina e si stava sviluppando prima di tutte le altre ragazze della sua età. Adora e ama totalmente suo padre con ogni...

747 I più visti

Likes 0

Parte 5_(1)

Accendi la fotocamera: Toni è seduta sul bordo del letto con Joe e io in piedi su ogni lato di lei si sta accarezzando un cazzo in ogni mano, a turno succhiandoli e leccandoli a turno, inizia a prendersela davvero mentre fa la gola profonda gemendo e conati di vomito mentre va avanti ci tira su sul letto per i nostri cazzi e ci mettiamo in posizione. Joe si è sdraiato sulla schiena e Toni a cavallo di lui ha guidato il suo grosso casco nella sua figa bagnata, l'ho guardata un po' per poterla vedere una crema bianca densa scivola...

669 I più visti

Likes 0

Sì signore, farò quello che vuole Parte 3 che ho dovuto guardare

Capitolo 4 ; La festa privata di Colin. Ho inventato un milione di scuse con il mio ragazzo negli ultimi tre giorni, e dopo aver avuto paura che fosse in ospedale ho provato a chiamare per spiegare. Non ha risposto. Fanculo. Ho lasciato un messaggio di merda e mi sono precipitato verso l'ingresso inquietante del Trump International. Ho fatto in modo di non essere in ritardo per non volere un altro duro culo dal mio capo. Il mio culo era ancora dolorante. Ogni volta che ci pensavo la mia faccia arrossiva e sentivo caldo dappertutto. Hotel ridicolo. Le camere erano come...

661 I più visti

Likes 0

Il risveglio sessuale di Jennifer - Ch5 - Prendere il sole

1 suggerimento Jennifer, ti ricordi che ho menzionato un bel posto appartato dove possiamo andare a prendere il sole in pace? 'Sì.' Vorresti andarci domani? 'Oh si.' È un po' fuori dai sentieri battuti, quindi che ne dici di noleggiare un paio di biciclette per arrivarci? Ok, ma non ci renderà un po' accaldati e sudati quando arriviamo? «Oh, sì, decisamente, ma questo è il punto. Ne varrà la pena, vedrai.' 2 Prepararsi Cosa dovrei indossare? si chiese Jennifer, guardando attraverso il suo guardaroba e sistemandosi su un crop top scollato con una minigonna avvolgente. Decise che avrebbe indossato anche il...

595 I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

548 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.