Predator Series: The Beginning: Capitolo 2

664Report
Predator Series: The Beginning: Capitolo 2

CAPITOLO 2: La paura si stabilisce aka: paura a morte

La realtà sull'ego inizia a prendere piede. Le stacco la testa dal mio pene e la guardo mentre la sua bocca rimane aperta, spalancata, con la saliva e un po' di sperma dal mio pene mentre estraggo. È morta. Oh cazzo, l'ho uccisa, è soffocata sul mio cazzo. Cosa farò, penso tra me e me mentre vado in una frenesia frenetica. L'ho presa in braccio, l'ho caricata in macchina. Merda, non posso lasciarla e non posso prendere entrambe le macchine. Capito. Parcheggerò la macchina nel parcheggio abbandonato vicino a noi.

Salto in macchina e la guido nel parcheggio abbandonato. Nessuno si preoccuperà della mia macchina, è una Toyota di merda. È una Toyota tercel modello 93, blu, blu ruggine. Sospiro ancora una volta lasciando la mia macchina, il mio bambino, il mio giro da magnaccia del ghetto. Rido dentro realizzando quanto sono bianco per aver detto una cosa del genere.

Mi giro e guardo la sua macchina, mentre lo faccio un sorriso mi attraversa il viso. È una jag, un bellissimo giaguaro verde scuro. Mentre cammino verso la sua macchina, la prendo davvero dentro. Non sono un appassionato di auto, ma posso dire che questa è un'auto nuova di zecca, mentre mi avvicino e riesco effettivamente a capire di cosa si tratta, mi rendo conto che è una Jaguar XKR , modello 2010 a quello. Mentre guardo a bocca aperta la macchina, faccio cenno di salire in macchina, e mentre apro la portiera mi rendo conto di come questa macchina sia entrata in mio possesso. Ho spostato questo cadavere, intendo donna, sul sedile del passeggero. I suoi capelli sono un disastro così come il suo viso, dannazione, devo ripulirla, per ogni evenienza. Cerco nella sua macchina qualcosa con cui pulirsi la faccia. Non è una dannata cosa. Iniziando a rendersi conto che questa potrebbe essere una di quelle auto di vendita che vedi che i rappresentanti di vendita vanno in giro per "provare". Cerco le chiavi, beato me, già nell'accensione. Metto in moto la macchina, che risponde con un bel rombo. Devo amare il motore V8. Standard, la fortuna sta brillando sulla mia strada oggi. Tolgo il freno e lo metto in folle, gli do un po' di gas e guardo i giri salire a circa 3500 e inserisco la prima marcia mentre le gomme posteriori si illuminano Lancio un urlo soddisfacente mentre brucio la gomma dalle gomme e trasferiscili sul marciapiede e poi fai una svolta a destra scorrevole e parcheggia. Mancavano meno di cento piedi alla mia macchina, ma volevo testare l'auto e vedere cosa aveva. Perchè no? Non avrà bisogno della macchina dove si trova.


Salto fuori dalla Jaguar con riluttanza, vado in macchina, prendo le mie cose e alcuni tovaglioli di McDonald's dal sedile del passeggero anteriore dove avevo mangiato il giorno prima. Torna nella jag e procedi a pulirle la faccia. Guardandola di nuovo mentre le pulisco il viso, mi colpisce ancora come un'attrice di cui sapevo chi o quale film. Finisco di pulirle la faccia, poi mi ricordo, dal film "Serenity". Ecco a chi assomiglia, la donna meccanica di "Serenity".

Comincio a cercare un documento d'identità o una specie di borsa. Niente sui sedili anteriori o sulla consolle, niente sul pianale del passeggero. Non avrei mai pensato che fosse nel pianale posteriore del passeggero. Guardo nella sua borsa per vedere se riesco a trovare un documento d'identità o qualcosa del genere. Quello che trovo mi fa sorridere. Raggiungo la sua borsa e ne esco con circa 800 in venti. Lo conto, sì, 800 dollari americani. La mia fortuna continua a migliorare di momento in momento.

La realtà ancora una volta sta prendendo piede, maledetta realtà. Cosa devo fare con lei. Posso semplicemente scaricare lei e la macchina da qualche parte. No, non posso farlo, mi viene in mente CSI, io che le scarico il mio sperma in gola, nello stomaco e nella sua bocca, per non parlare del fatto che possono scoprire di che vernice è la mia macchina dal trasferimento di vernice. Accidenti a me e alla mia mente troppo attiva. L'ospedale. No, non posso abbandonare una ragazza morta, il test per stupro che fanno indicherà me, per non parlare della parte morta e delle domande su come è nata, morta. Sta iniziando a prendermi una triste consapevolezza, sono bloccato con una ragazza morta nella sua macchina. Fanculo. Accendo la macchina e parto. Solo un posto, il mio posto. Può almeno portarmi in un posto sicuro dove posso pensare.

Dopo aver passato circa dieci minuti ad adattare questa donna sul sedile anteriore in modo che sembrasse svenuta piuttosto che nelle sue condizioni attuali, sono corso verso casa mia. Devono essere passati circa dieci minuti prima che mi accorgessi che la sua gonna le era salita sulle gambe a causa di tutti gli "stop and go" che ho fatto con la macchina. Ho notato che indossava delle mutandine sexy. Da quello che potevo dire erano di un viola chiaro e semitrasparenti. Ho visto che erano semitrasparenti a causa della striscia da corsa che aveva. Sembrerà brutto, ma ho pensato che non si sarebbe lamentata tanto presto, quindi ho deciso di divertirmi un po'. Presi la mia mano e la spostai su e giù per le sue cosce, sentendo le sue gambe lisce e setose che doveva tenere depilate perché non riuscivo a sentire un solo pelo su di esse. Che mi piaceva nelle mie donne, pulite, rasate o depilate. Ho spostato la mano sul suo inguine e le ho strofinato la vagina attraverso le mutandine. Volevo assaggiarla a questo punto. Quasi perdendo il controllo della macchina un paio di volte sono riuscito a scostare le sue mutandine e infilarci un dito, supponendo che lo sapessi, ma lei era bagnata fradicia da prima mentre le mie due dita si muovevano dentro di lei con facilità per quanto riguarda la lubrificazione. Per quanto riguarda il semplice scivolamento, non molto. Era stretta, quasi vergine. Feci scivolare le dita sempre più avanti, finché non potei andare oltre. Ho mosso le dita avanti e indietro con un movimento a forbice, proprio in quel momento sento un gemito uscire dalla sua bocca.

Faccio deviare la macchina fino al ciglio della strada. Rimasi seduto lì, immobile, e gli occhi rivolti in avanti non volendo vedere se fosse viva o stesse iniziando a svegliarsi. Mentre le macchine suonano il clacson e passano davanti a quello che ho interrotto mentre mi muovevo verso la spalla, non volevo muovermi. Devono essere passati almeno cinque minuti di niente prima che trovassi il coraggio di guardarla. Voglio dire, se fossi una donna, appena violata fino al punto di svenire e poi svegliata sul sedile del passeggero della tua auto con la mano di un uomo tutta dentro di te, qualcuno che non hai mai incontrato prima di un giorno nella tua vita, e ti sta guidando a dio sa dove, cosa penseresti? Dopo cinque minuti senza urla, senza colpi, senza pianti, senza suppliche, senza niente di niente, guardo oltre e vedo che è ancora stordita. Tiro un sospiro di sollievo sapendo che non sarò accusato di stupro e omicidio, solo stupro, rapimento e un sacco di altre cose che la mia mente mi stava dicendo. Mentre recuperavo il mio compositore e proseguivo verso la mia dimora, mi sono detto di non toccarla finché non fossi al sicuro nel tuo garage.

Mi fermo a casa mia e premo il pulsante della porta del garage che ho preso prima dalla macchina. In precedenza l'avevo dimenticato quando un amico mi è venuto a prendere, quindi non dimenticherò mai quel ragazzaccio. Rendono la vita molto più facile. Entro nel garage e guardo la porta che si chiude lentamente. Mi siedo lì e guardo la porta che si chiude a metà aspettandosi di vedere i poliziotti precipitarsi nel mio vialetto, le sirene che ruggiscono e i megafoni a tutto volume. Non c'era niente. Questo è stato troppo facile tranne che per quell'episodio sulla strada in cui si è lamentata e si è svegliata. Se l'avesse fatto prima che la mettessi in macchina e me ne andassi da dove l'avevo violentata oralmente. Avrei potuto semplicemente lasciarla. Lei non è più saggia. seduto in macchina a fissarla, aspettando che facesse qualcosa realizzando proprio ora dopo averla guardata per circa cinque minuti avrei potuto controllare se respirava. Sono un tale idiota che mi sono rimproverato. Forse me lo sono meritato. Forse questo è un sogno? Forse quando si sveglierà mi perdonerà e non chiamerà la polizia? No, non credo, non dopo quello che le avevo fatto. Il che mi fa venire in mente un pensiero, forse l'ho pianificato quando l'ho vista? Forse volevo questo? Non lo so, e al momento la mia mente mi sta dicendo che devo fare qualcosa prima che si svegli e cominci a urlare, piangere e picchiare come prevedo nella mia testa.

Scendo dall'auto e frugo in garage, afferrando una corda di nylon e degli stracci. Mi sono assicurato che lo straccio non fosse usato per nessuna sostanza chimica che potesse agitarla. Mi sono assicurato che tutto ciò che ho usato fosse pulito o non utilizzato. Ho aperto la portiera del passeggero e le ho messo lo straccio in bocca e ho usato un secondo straccio per legarle intorno alla testa e tenere fermo il primo straccio. Poi ho usato un coltello che ho trovato sul mio banco da lavoro per tagliare la corda in pezzi più maneggevoli. Le legai così le braccia dietro la schiena e le caviglie e le legai anche le ginocchia per facilitarmi le cose. Poi l'ho presa in braccio mentre gemeva solo quando si muoveva troppo, e ho cercato di mantenere tutti i movimenti lenti e al minimo.

Quando l'ho presa in braccio, l'ho portata in casa tra le mie braccia, un po' come un malato demente il giorno del matrimonio. Sono andato nel mio soggiorno. Se si fosse svegliata, non volevo che si svegliasse nella mia camera da letto. L'ho fatta sedere sulla mia sedia reclinabile Mi sono assicurato che fosse a suo agio e mi sono assicurato che le corde fossero tese, ma non troppo strette per lasciare segni. Sono andato al mio divano e mi sono seduto. Grosso errore. Mi sono addormentato.

Mi sono svegliato quando ho sentito un tonfo. Ho aperto gli occhi e ho capito che dopotutto non era un brutto sogno. Eccola sdraiata sul pavimento, che cercava di muoversi come un verme. Meno male che le ho legato insieme le ginocchia altrimenti poteva alzarsi e saltare via. Questo mi ha anche fornito un po' più di tempo per alzarmi e farla sedere sulla sedia. Mentre lo facevo dolcemente e con calma andai a parlare a bassa voce.

"Per favore, non aver paura. Non volevo farti del male. Beh, non volevo farti del male. Ti ho fatto del male?" sono riuscito a sbottare,

Ho notato che stava tremando e aveva un cervo alla luce dei fari che guardava con gli occhi spalancati e concentrati su di me. Ho cercato di spiegare la mia situazione come se lei fosse svenuta e io l'avessi messa in macchina perché pensavo al peggio. Il viaggio fin qui è stato proprio questo, ho tralasciato la parte delle diteggiature e dei gemiti e ho riassunto il resto. I suoi occhi si illuminarono e non sembrò neanche lontanamente spaventata.

"Se ti tolgo il bavaglio, prometti di non urlare, o gridare o qualcosa del genere? Voglio porre fine a questa situazione il prima possibile, ma ho bisogno del tuo aiuto. Puoi farlo per me?" ho supplicato,

Ha annuito di sì in segno di approvazione, e io le ho tolto il bavaglio, e lei non ha urlato o gridato o qualsiasi altra cosa che temevo. Quello che ha fatto, o meglio quello che ha detto, è stato dieci volte peggio.

"Spero che tu abbia avuto una bella vita perché una volta che sarò libero chiamerò la polizia e ti manderanno in prigione per molto, molto tempo." se l'è cavata con voce rauca dall'aggressione di prima,

"Senti, mi dispiace ma non volevo che succedesse niente di tutto questo, volevo solo un po' di testa e poi qualcosa è venuto su di me, qualcosa di animalesco, primordiale, un bisogno che non avevo mai provato prima" dissi,

"Ragione di più che i poliziotti dovrebbero buttarti in galera." rotolato via dalla sua lingua,

"Per favore, non c'è bisogno di coinvolgere la polizia..." dissi prima che intervenisse,

"Non è quello che ho detto prima che tu mi violentassi?" lei disse,

"STUPRATO? mi hai dato la testa." Ho detto,

"Come faccio a sapere che non hai già fatto a modo tuo con me? Ne sono stato fuori, e per quanto ne so hai usato gli altri miei buchi per il tuo divertimento." ha abbaiato,

"Non proveresti almeno un qualche tipo di sentimento se l'avessi fatto?" ci sono riuscito,

"Come fai a sapere cosa provo e cosa non sento? Non importa, i poliziotti mi crederanno, e dal sapore che ho in bocca, è tutto ciò di cui hanno bisogno."

Mi aveva lì, e per quanto fossi spaventato credevo a ogni sua parola. Poi ho iniziato a pensare più intensamente. È legata, e in casa mia, e non può davvero fare niente se non glielo permetto. Devo pensare e agire velocemente. Vediamo, modi per lei di contattare il mondo esterno. Linee fisse, telefoni cellulari e conversazioni fisiche. Va bene, se mi occupo di questi posso prolungare la mia permanenza in galera o peggio. Mi alzo bruscamente dalla sedia e vado a ogni telefono di casa mia e tiro fuori i cavi del telefono assicurandomi di afferrare entrambi i cavi se ce n'era uno che collegava il ricevitore alla base e li getto sul tavolo della cucina. Poi torno alla macchina dove avevo lasciato la sua borsa e ho afferrato il tutto, poi l'ho messo sul tavolo. Metto anche il mio cellulare sul tavolo nel caso lei cerchi di togliermelo di dosso.

Raccolgo tutti gli oggetti dal tavolo, vado in camera da letto e trovo la mia cassaforte antincendio che tengo nascosta nell'armadio sotto il pavimento. Ho rimosso un po' di moquette e ho scolpito via il cemento per il mio focolare nel caso qualcuno avesse provato ad accartocciarlo. Non è troppo grande, abbastanza grande per quello che mi serve. Sono stato in grado di inserire tutto nella cassaforte antincendio, ma la borsa è da sola. Mentre frugavo nella sua borsa e mettevo le sue cose nella mia cassaforte antincendio, sono riuscito a capire meglio chi fosse veramente. Esaminando i normali articoli femminili, alcuni assorbenti interni, trucco, elastici per capelli e cose del genere, mi sono imbattuto nella sua carta d'identità, ha 27 anni, non male, solo due anni più di me. Cinque piedi e cinque pollici di altezza e bene la carta d'identità dice 118 libbre, ma questo deve essere nella sua tazza perché non sembra affatto più di 110. Finalmente alcune buone informazioni, il suo nome, Lorie Meyer. Lorie è un nome così carino. Avevo ed ex chiamato Lorie. L'aver frugato in tutta la sua borsa e non aver trovato nessuna foto era rassicurante, strano, ma rassicurante. Gettando tutto nella cassetta di sicurezza e rimettendo tutto com'era, prendo la sua borsa e la getto nell'armadio, mi alzo e vado in soggiorno.

Entro nella stanza sul davanti per trovare un posto vuoto e una stanza vuota. Accidenti, dove si è dimenato quel verme, mi chiedo. Guardo in cucina, niente. Spostati nell'atrio che conduce alla porta, eccola. Mi muovo per prenderla in braccio e lei inizia a dimenarsi.

"Ora, ora, non c'è bisogno di tutto questo." Gliel'ho detto,

Riesce a ululare mentre comincio a farle il solletico. Ho delle sorelle e se c'è qualcosa che impedirebbe loro di dimenarsi come vogliono è solleticarle e farle dimenare come voglio io. proprio come previsto, irrigidisce il corpo e poi si rannicchia in posizione fetale. La prendo per la vita, la lancio sopra la spalla e le tengo le caviglie in modo che non possa prendermi a calci e dimenarsi.

"Se prendi a calci potresti cadere e farti male seriamente."

la informai mentre la riportavo in soggiorno e la rimettevo a sedere. Mi sono seduto sulla sedia e ho cercato di essere civile e di avere una bella conversazione civile.

"Senti Lorie, non intendevo portarti qui e per di più, non intendevo farti svenire. Quello che è fatto è fatto, e ora dobbiamo capire come risolvere questa situazione in cui, uno non lo so Non vedo poliziotti, e due, sei tornato dove devi essere". dissi guardando un sorrisetto apparire sul suo viso,

"Non abbiamo bisogno di capire niente, per quel che mi importa tu puoi marcire all'inferno. Non appena sarò libero, la prima cosa che farò sarà andare dalla polizia. In secondo luogo, sarò lì quando sceglieranno ti alzi e ti schiaffeggi le manette intorno ai polsi." disse con un sorriso malvagio,

Storie simili

Vita da college

Vita da college Il mio primo anno di college, sono andato via. A circa un'ora e mezza di auto da casa. Abbastanza lontano perché i miei genitori non venissero a darmi fastidio tutto il tempo, ma abbastanza vicino da poter tornare a casa ogni volta che volevo. Frequentavo le lezioni di base come fanno tutte le matricole. Conoscevo solo una persona prima di andare al college. Rob era il mio migliore amico al liceo e facevamo quasi tutto insieme. Entrambi siamo andati allo stesso college per insegnare. Abbiamo pensato che sarebbe stato facile entrare e divertente scherzare con i bambini a...

524 I più visti

Likes 0

Nuovo coinquilino 5

Sono passate un paio di settimane dall'incidente e i miei lividi sono quasi scomparsi e le mie costole non mi fanno più male, quindi posso tornare al club minx e ricominciare a lavorare. Non vedevo davvero l'ora di lavorare di nuovo, ma i ragazzi l'hanno preso per diventare le mie nuove guardie del corpo e seguirmi ovunque. Davvero Paul, stai controllando se il mio cibo era avvelenato dico alzando gli occhi al cielo per il suo tentativo fallito di salvarmi la vita. Mi preparai una nuova ciotola di cereali e vagai per l'appartamento pensando a qualcosa da fare. Nate entrò in...

470 I più visti

Likes 0

Il voto segreto della cheerleader - #9

Il voto segreto della cheerleader - #9 Zane rifletté sugli eventi accaduti la sera prima. Bella si era finalmente arresa a lui. Aveva pensato che sarebbe stata in grado di fare sesso con lui e ottenere tutto ciò che voleva. Invece, si era arresa a lui totalmente. Ancora più importante, si era arresa a lui registrando tutto, quindi ora era essenzialmente la sua schiava. Il suo animale domestico. Il suo giocattolo, con cui giocare come voleva. Come risultato di quella resa, divenne anche proprietà del resto della squadra. Zane l'aveva portata dagli anziani per convincerli tutti a votare per lei come...

385 I più visti

Likes 0

La mente di Marissa

Marissa ha sempre ottenuto ciò che voleva, in tutto. Scuola, casa, ragazzi, i ragazzi di Melissa... qualunque cosa tu dica, probabilmente ce l'aveva. Le ragazze erano gemelle. Marissa però è nata diversamente. Aveva il potere di controllare le menti e Melissa non lo sapeva. La mamma della ragazza non lo sapeva. Solo Marissa lo sapeva. E ora, dato che entrambe le ragazze erano all'ultimo anno del liceo, Melissa aveva qualcosa che Marissa aveva SEMPRE desiderato, il capitano della squadra di football come suo ragazzo, con tutti gli altri ragazzi che sbavavano dietro di lei. Questa era l'ultima settimana di scuola e...

305 I più visti

Likes 0

La storia di pesche e piselli dolci, parte 5

Neiladri Sinha Jr. :- Erano le 16 quando mi svegliai. La mia Bella Addormentata era così carina che non volevo svegliarlo. Inoltre, avevo dei preparativi da fare e Peaches stava dormendo per sempre. L'ho sollevato delicatamente dal petto e l'ho adagiato su un deewan. Il mantra della mia vita è stato uno: vivi la tua giovane vita al massimo e mi sarei preparato per questo. Ho preso il portafoglio e le chiavi della macchina per andare a fare la spesa per stasera, ma poi mi sono fermata sulla mia strada. L'ombra apparsa nella corsia dell'ospedale. Non potevo lasciare Peaches da sola...

192 I più visti

Likes 0

Mutandine [Capitolo 1]

Questa storia è stata originariamente scritta da scotsmitch2001 per me e ho preso la sua idea di base e l'ho modificata e ampliata in questa storia qui. --------------------------------------------------- --------------------------------------------------- ---------------- le mutandine Capitolo 1: Delimma di Nick (Nick si avventura nella stanza di Jaclyn) Nick si sdraiò sul letto e sospirò. Quando Monica ha detto che avrebbe avuto solo 10 minuti per rinfrescarsi, sapeva che sarebbe stato più lungo. Gli aveva chiesto di venire a prenderla in modo che potessero uscire a pranzo. Certo, non era ancora pronta, doveva rinfrescarsi. Si guardò intorno nella stanza, deliziato da quanto fosse femminile. Da...

1.4K I più visti

Likes 0

Demogirl

La ragazza della dimostrazione Avevo 17 anni, vivevo in un monolocale a Londra. Non è stato così avventuroso: la banca per cui lavoravo ha trovato il monolocale e ha pagato il mio deposito in anticipo. Era un buon stile di vita se eri pronto a sopportare l'alloggio e ad apprezzare la posizione. Vivevo a Bayswater, lavoravo nel West End e giocavo a rugby a RIchmond per il London Welsh ogni fine settimana. Quel sabato particolare io e il mio amico stavamo andando da Richmond a un pub in Grays Inn Road per qualche pinta. Era uno di quei pub intorno al...

1.3K I più visti

Likes 0

La ragazza con il tatuaggio del lupo_(0)

Mi feci rapidamente strada tra la folla di altri studenti mentre mi dirigevo verso il mio armadietto. Questa è stata una delle quattro volte che ho potuto fare nel mio armadietto prima della lezione successiva e non vedevo l'ora di liberarmi del carico di libri che stavo facendo i bagagli nei corridoi. All'improvviso ora è apparsa la folla del mio amico Jeremy, proprio quando ho iniziato a lavorare la serratura a combinazione del mio armadietto. Jeremy ed io eravamo amici dalla quarta elementare. Ci siamo allontanati l'uno dall'altro per un po' alle medie quando Jeremy si è unito alla squadra di...

1.6K I più visti

Likes 0

La ragazza del maestro

Raggiunge il cielo, i polsi abbracciati nella presa di stretti vincoli mentre sta in piedi, i piedi divaricati, ancorata al pavimento da vincoli simili. Intorno al suo collo giace la fascia tesa di un bavaglio che le interrompe la voce e un'altra fascia che tiene una benda sugli occhi dei suoi bellissimi occhi morbidi. È legata a 4 anelli, due avvitati nel pavimento, affondati nelle pesanti assi, mentre l'altra coppia è saldamente avvitata alle pesanti travi del tetto del soffitto. La luce tremolante delle candele la circonda e la dolce aria della notte estiva aleggia sulla sua nudità. Rabbrividisce in attesa...

1.4K I più visti

Likes 0

Parte 25: Calore corporeo

Episodio II Delle avventure di John e Holly Parte 25: Calore corporeo Sabato mattina ci siamo svegliati e abbiamo scoperto che il caldo era morto. Nessun caldo a novembre significa che fa molto freddo nel nostro appartamento. Stephanie e Sandy non volevano restare, così andarono a casa di un'amica. Non possono essere qui fino a lunedì disse Holly, alzandosi dal telefono e sedendosi accanto a me sul divano. Entrambi indossavamo la tuta. Potremmo approfittare del freddo dissi. Come mi ha chiesto Holly. Calore corporeo ho detto. Pochi minuti dopo eravamo entrambi nudi, con un'enorme coperta avvolta intorno a entrambi, i nostri...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.