Nuovi inizi - Parte 2 Cap 1

31Report
Nuovi inizi - Parte 2 Cap 1

«Fuoco tutt'intorno! Sto bruciando!'

“Lisa? Dove sei? Bela? Per favore! Rispondetemi!"

'Non posso restare qui - morirò qui!

'Così caldo!'

Tabatha strillò mentre si svegliava, sedendosi dritta sul suo letto malato. Anche gli oltre venti pazienti che condividevano l'angusto reparto sobbalzarono, molti gridando e lamentandosi del proprio dolore e della propria infelicità.

In un istante, Tanya fu accanto a lei. “Va tutto bene, piccola – starai bene! Prometto!"

"Mamma?" Tabatha sussultò. "Cosa è successo? Siete tutti bruciati.

"Va tutto bene, tesoro", ripeté Tanya con ansia. "Andrà tutto bene!"

“Mamma… Tanya…” Tabatha sbatté le palpebre e sollevò le mani per tenere ferma la testa mentre un'improvvisa ondata di vertigini la travolgeva.

Un istante dopo, ritirò le mani per poterle guardare. Ha davvero visto quello che pensava di aver visto? "Sono tutto bruciato..."

Man mano che la sua mente si svegliava di più, iniziò a ricordare. "Oh, Dio... Sono tutti morti!"

"Tesoro", disse Tanya, la sua voce che implorava calma, "non è stata colpa tua. Non avresti potuto salvarli. Lisa ha cercato di teletrasportare un missile ed è esploso nella sua zona di viaggio. Nessuno poteva raggiungerla per tirarla indietro…”

"No! Mamma, è tutto sbagliato...» insistette Tabatha. “Posso proteggermi e tornare indietro! Posso ancora salvarla…”

Cadde all'indietro quando fu sopraffatta da un'altra ondata di vertigini.

"Salvali... tutti..." mormorò, poi svenne di nuovo.

«È gravemente disidratata», disse il dottor Frank, avvicinandosi al letto di Tabatha, «proprio come te, mamma.

"Qui. Bevi questo! disse mentre infilava una tazza di latta nelle dita quasi intorpidite di Tanya. "Ti aiuterà a rigenerarti."

L'insistenza di suo figlio fu tale che Tanya si portò automaticamente la tazza alle labbra e ne bevve un sorso. Quasi soffocata, riuscì a inghiottire il fluido viscoso mentre le scorreva pesantemente sulla lingua, insistendo affinché non si separasse mentre le scivolava in un lungo grumo scivoloso lungo la gola.

“Accidenti! Gack! Dio!" Tanya sussultò. "Che diavolo era quello?"

"Albume d'uovo crudo", sorrise suo figlio. "Bene, eh?"

"Cazzo!" Tanya tossì in risposta.

«Andiamo, adesso», insistette il dottor Frank. «Torna nel tuo letto, mamma. Katie starà bene. Ora lascia che le faccia una nuova flebo, ok?"

«Frankie, per favore», implorò Tanya, «guariscila, in fretta! Ho paura che non riusciremo a salvare Béla e Lisa. E anche tua sorella è laggiù...»

Tanya smise di parlare mentre sveniva, quasi svenendo nel suo letto.

"Stendersi!" Il dottor Frank ha insistito. “Sei ancora debole per le ustioni! Abbiamo tutto il tempo che ci serve. Nessuno andrà da nessuna parte finché non avremo tutti indietro, lo prometto!

“Jake…” sussurrò Tabatha nel sonno. "Mio caro…"

Frank Junior si chiese se Tabatha stesse solo avendo un incubo o se stesse davvero sognando di scendere nel cratere radioattivo dove si trovava Solar City solo sedici ore prima.

Quello che era successo era più che orribile. Più della metà della popolazione si trovava ancora all'interno della montagna quando le bombe hanno colpito. Alicia, Jake Pestova e Jake Hedron erano stati tutti laggiù al ground zero, insieme a Béla e Lisa. Solo la necessità dei suoi servizi professionali lo faceva andare avanti, ora, aiutando a tenere a bada il proprio dolore occupandosi di altre persone ferite che erano state abbastanza fortunate da trasportare prima che quell'esplosione finale vaporizzasse la cima della montagna e la facesse crollare sopra a tutti gli altri. .

Mentre allungava la mano per cambiare la flebo vuota borsa, tutto luccicava. Il dottor Frank ha perso l'equilibrio ed è quasi caduto mentre veniva spostato nella sua nuova posizione mentre l'ondata di realtà si diffondeva. Tabatha divenne Béla, tagliata male e con le ali ancora formate. La sua pelle era gravemente ustionata e mancavano semplicemente metà dei suoi capelli, insieme alla maggior parte della pelle del viso e della metà anteriore del corpo. Jake, suo marito, era in piedi ansioso accanto a lei dall'altra parte del letto, supplicando ansiosamente con gli occhi il dottor Frank di fare qualcosa per aiutarla. Tanya non si vedeva da nessuna parte.

«Sta monitorando tutto dal ponte», si rese conto il dottor Frank. «Perché pensavo che la mamma fosse in infermeria?»

Il dottor Frank scosse la testa per schiarirsi le idee, poi tornò al lavoro.

«Starà bene, Jake», promise il dottor Frank. «È viva e semplicemente priva di sensi. Si sta rigenerando abbastanza bene. Il motivo per cui la sua pelle sembra screziata in quel modo è perché nuova pelle sta crescendo sotto le ustioni da radiazioni. Vedere?"

Ha usato un piccolo paio di pinzette per sollevare una crosta libera dalla spalla ustionata di Béla, mostrando a Jake una carne fresca, nuova e rosa. Jake tirò un sospiro di sollievo e sbatté le palpebre.

«Grazie, dottore», sussurrò con gratitudine.

Non poteva chiedere. Il dottor Frank non saprebbe la risposta. E Tabatha stava ancora saltando avanti e indietro dalla nave alla superficie, salvando le persone dall'interno del loro rifugio di montagna; poche persone ogni viaggio. Anche la Focal Press in superficie era ancora in funzione, protetta dalle esplosioni nucleari dallo scudo temporale di Tabatha, saldamente in posizione sopra la città sotterranea.

“Queste sono le ultime vittime ustionate,” ansimò Tabatha dietro di loro.

Jake si voltò e fissò speranzoso il gruppetto che Tabatha aveva recuperato dall'esterno della sua città protetta dal tempo. Lisa non era tra loro.

Jake e Tabatha si guardarono l'un l'altro per alcuni secondi, poi Tabatha scosse lentamente la testa: "No".

"Mi dispiace", ansimò, esausta, affamata e a malapena in grado di stare in piedi.

Le lacrime le inondarono gli occhi e le rigarono il viso, eguagliando quelle di Jake.

"C'è troppa energia nella zona di viaggio di Lisa - non sono riuscito a tornare indietro abbastanza in tempo per trovarla", sentì Jake nella sua mente, dal momento che Tabatha era troppo esausta per parlare ancora ad alta voce.

Jake sapeva che Tabatha aveva fatto del suo meglio. Un solo istante dopo l'esplosione del missile, aveva schermato il tempo e si era teletrasportata direttamente al centro dell'esplosione. Il suo scudo temporale l'aveva protetta, ma semplicemente non poteva spingere abbastanza forte da tornare indietro nel tempo a prima...

Ma è riuscita a fare una presa miracolosa, strappando Béla a pochi passi dallo schiantarsi al suolo a duecento chilometri orari e teletrasportandola in infermeria. Poi è tornata a Solar City e ha schermato l'intero posto come meglio poteva, quasi come se sapesse che stavano arrivando altre bombe.

Quindi, abbracciando disperatamente suo marito al petto, si teletrasportò di nuovo al sicuro sulla Fenice, portando con sé entrambi i Jake. Alicia è stata lasciata indietro per coordinare il carico costante della Focal Press e trasportata con l'ultimo carico di passeggeri.

~~~~~

L'insegna sopra il portello diceva "Mess Hall". Tanya fece una smorfia mentre guardava dentro. Almeno duecento persone erano ammassate lì dentro. Alcuni stavano effettivamente dormendo, essendosi legati alla gamba di un tavolo in modo da non volare via a gravità zero.

Si voltò e si diresse verso Ingegneria, sperando di trovare uno spazio vuoto dove potersi rilassare e dormire qualche ora. È stata improvvisamente colpita da una trasmissione di pura sensazione sessuale.

'Ci si sente come Lisa!'

C'era sicuramente un'immagine di Lisa associata a quell'orgasmo. La sensazione era stata emanata dall'altro lato della paratia che stava scalando.

"È viva?" sperò Tanya, con lacrime di gioia che le salivano agli occhi a quella prospettiva.

Tanya ha cercato invano un portello nello scompartimento dove Lisa stava ovviamente facendo sesso. Evidentemente si accedeva a quella serie di stanze prefabbricate dal passaggio successivo.

"C'è un modo più semplice per farlo..." pensò Tanya, e semplicemente si teletrasportò nella stanza dall'altra parte del muro.

Rientrare nell'universo fisico dall'altra parte del muro era un vero problema. Lo scompartimento era pieno di corpi nudi: almeno sei ragazze arrapate galleggiavano nello scompartimento letto di 6 piedi x 8 piedi x 8 pollici. Tanya ha trovato un punto vicino alla parte inferiore di una parete dove una branda è stata ripiegata nella stanza ed è saltata dentro.

«Ciao, ragazza», gridò qualcuno da qualche parte nella massa fluttuante di carne femminile ondeggiante. “Benvenuti alla veglia! Trova una parte del corpo e inizia a leccare…”

"Niente ragazzi?" Tanya si è lamentata.

"Niente stanza!" qualcuno ha urlato di rimando.

Un bel viso e un bel paio di seni nudi apparvero davanti a Tanya. "Ciao dolcezza! Qual è il tuo piacere? Sopra o sotto?"

"Ehm, in alto?" Tanya fece congetture, non sapendo cosa dire.

La ragazza allungò la mano, trascinò Tanya nella giostra di corpi fluttuanti e aprì la sua camicetta, esponendo i bei seni sodi di Tanya. La ragazza iniziò a leccare e baciare con evidente piacere.

"Oh, che bello", disse Tanya all'orecchio della ragazza.

«Questa è una veglia funebre?» si chiese Tanya, un po' sorpresa.

Ha iniziato a baciare i capelli della ragazza e il lato della sua testa, poi la ragazza ha alzato la testa e ha iniziato a baciare Tanya in cambio. In un attimo, si stavano toccando la lingua e giocando con i capezzoli l'uno dell'altro. Quando i loro corpi iniziarono ad allinearsi, Tanya sentì qualcuno che le tirava i pantaloni oltre le ginocchia. Da un'altra angolazione, qualcuno ha continuato a tirarli verso il basso e completamente fuori dai suoi piedi. Non aveva idea di dove fossero finiti i suoi vestiti o le sue scarpe.

Tanya sentì qualcosa strisciarle delicatamente lungo le cosce e guardò in basso. Erano capelli, che fluttuavano in caduta libera. La ragazza con cui stava pomiciando aveva un'altra ragazza tra le gambe. Ora li riconosceva. Entrambi lavoravano nell'officina meccanica a Solar City. I capelli della seconda ragazza fluttuavano liberi e sfioravano le cosce sensibili di Tanya.

Notando un'altra figa proprio accanto a quella che stava succhiando, la ragazza si tirò un po' più in là e iniziò a strofinare tra le gambe di Tanya con una mano. Poi è tornata a leccare la figa della ragazza che stava baciando Tanya.

"Sto arrivando!" qualcuno gridò.

Un istante dopo, un piccolo brivido di eccitazione sensuale percorse l'intero gruppo. Tanya si rese improvvisamente conto che queste ragazze erano la piccola cricca di Lisa e che Lisa aveva insegnato a tutte loro come collegarsi mentalmente tra loro in modo che potessero sperimentare gli orgasmi reciproci.

"Ecco perché pensavo che Lisa fosse qui", realizzò tristemente Tanya. "Questo è il suo collegamento mentale distintivo..."

L'orgasmo della prima ragazza ha avviato una reazione a catena di orgasmi in tutto il gruppo. Le ragazze iniziarono a gridare ea rabbrividire quando l'ondata di sensualità trasmessa li attraversò. Tanya sentì la ragazza che stava abbracciando e baciando irrigidirsi per un momento e gemere nella bocca di Tanya. La mano che massaggiava la figa di Tanya sembrò perdersi, per poi tornare un attimo dopo, muovendosi meno energicamente di prima.

"Erano le sei", sospirò la ragazza che era arrivata per prima. "Uno da ciascuno di noi per tutti qui..."

La ragazza che Tanya stava baciando si interruppe per un momento. “Non contava, la carne fresca non arrivava. Non era collegata. Siamo ancora alle cinque…”

'Dio! Parlano persino come Lisa...'

Tanya improvvisamente scoprì di essere al centro dell'attenzione. Una mezza dozzina di ragazze nude, tutte irradianti vari livelli di lussuria mista a una profonda, bramosa tristezza, la circondarono e iniziarono a leccarla e ad accarezzarla, dappertutto. Tanya ha avuto l'idea che queste ragazze lo facessero spesso - ogni volta che ne avevano la possibilità, ma questa era la prima volta che la piccola cricca di Lisa suonava insieme senza Lisa. Erano determinati a onorarla nel miglior modo possibile, ognuno pienamente consapevole che Lisa avrebbe sputato loro addosso per aver pianto per lei.

C'era una ragazza su ogni seno e due mani che giocavano tra le gambe di Tanya. Un'altra ragazza si avvicinò da dietro e si avvolse con delicatezza le braccia sulle spalle. La ragazza iniziò a baciare e leccare delicatamente il collo e le spalle di Tanya da dietro, facendola rabbrividire dalla testa ai piedi.

Le mani tra le gambe di Tanya si fermarono e una lingua calda e umida leccò l'ano fino alla clitoride. Un'altra ragazza ha iniziato a leccare la parte posteriore della gamba di Tanya.

"Oh Dio!" gridò Tanya, cercando di raggiungere tutte le altre ragazze che la circondavano per guidare quella meravigliosa lingua contro il suo clitoride e bloccare le gambe intorno alla testa della ragazza in modo che non scappasse.

«Ci ​​siamo quasi», annunciò qualcuno da sotto il suo corpo fluttuante e tremante.

"Ecco, usa questo", disse qualcun altro.

Un oggetto caldo, duro, ma scivoloso è stato infilato nella figa bagnata e ben parlata di Tanya.

"O si!" Tanya mormorò quando qualcuno l'accese e cominciò a vibrare.

Ormai Tanya aveva una ragazza su ogni gamba, che si limitava a massaggiarle le cosce lisce. La ragazza aggrappata alla sua schiena era ancora lì, ridacchiando tra sé e facendo impazzire Tanya con i suoi dolci baci e leccate sul collo e sulle spalle nude. Una ragazza stava succhiando il clitoride di Tanya e lei (o qualcun altro) stava massaggiando quel vibratore dentro e fuori, girandolo e agitando davvero le sue viscere.

"O si! Più forte!" Tanya gridò, desiderando che quel vibratore le venisse piantato tutto dentro.

Le ragazze, non sapendo con chi parlava, aumentarono tutte i loro sforzi amorosi per farla venire. Tanya guaì mentre entrambe le sue tette venivano risucchiate in bocche avide che iniziarono a masticare i suoi capezzoli sensibili. Allo stesso tempo, Tanya ha sentito il suo clitoride essere afferrato da una dentatura non così gentile. La ragazza sulla schiena le morse il collo.

Sotto tutto questo assalto sensuale, a Tanya è bastato solo un dito delicato infilato nel culo per far esplodere il suo orgasmo in tutto il gruppo.

“Aaaiiiiiieeee!” Tanya urlò, perdendo il controllo del suo corpo iperstimolato.

Tremava violentemente mentre sensazioni meravigliose le inondavano il corpo mentre tutte le ragazze ridevano e la incoraggiavano mentre la tenevano stretta.

"Sei!" applaudirono tutti all'unisono, abbracciandola e baciandola. Alcune delle ragazze piangevano apertamente, anche se sembrava che stessero festeggiando.

Sembrarono rendersi conto che Tanya aveva chiuso per un po' e la lasciarono andare con una leggera spinta verso il soffitto (il muro con la luce). Non c'erano appigli, quindi Tanya fluttuava libera, godendosi il modo in cui si sentiva mentre scendeva dolcemente dal suo stato sensuale.

La porta dello scompartimento si aprì. “Ah! Eccoti!" disse Frank, un po' troppo allegramente.

Tanya si voltò, girando la testa per vedere chi c'era. "Ciao ragazzi!"

Tabatha e Frank galleggiavano davanti al portello d'ingresso del piccolo scompartimento. Erano entrambi a testa in giù.

Tanya allungò una mano verso Frank ma il movimento improvviso la fece ruotare. Aveva sperato che l'avrebbe tirata giù, ma ora stava girando dalla parte sbagliata. Un'altra ragazza l'ha afferrata per una gamba e l'ha tirata giù.

"Grazie", disse Tanya dopo aver afferrato la maniglia accanto al portello.

"Ciao! Ci vediamo! È stato divertente!" le ragazze chiamarono tutte Tanya.

La camicetta e i pantaloni di Tanya apparvero e fluttuarono verso di lei. Tanya si tirò attraverso il portello e Tabatha l'aiutò a vestirsi.

Prima che Frank potesse chiudere il portello dietro la sua sexy e matura moglie, le ragazze si stavano chiudendo l'una sull'altra, tornando all'unica cosa che potevano fare per onorare la loro sorella scomparsa.

"Cosa diavolo era quello?" chiese Frank, sorridendo alla moglie sensualmente aromatica mentre finiva di vestirsi.

"Lisa si è svegliata", rispose Tanya, sospirando. "Quello è il suo club per ragazze, immagino."

"Non avevo idea che avesse delle groupie", ha detto Tabatha.

"Nemmeno io", rispose Tanya. “Mi è capitato di notarli quando sono passato. Pensavo che Lisa fosse lì dentro.

“Beh, tesoro,” rifletté Tabatha, con aria triste. “Forse in un certo senso lo era. Li ho sentiti anch'io.

Tanya, Frank e Tabatha si trascinarono lungo il passaggio verso l'ingegneria: quello era il posto più ovvio (e il più spazioso) per una riunione di gruppo. Jake Hedron era lì con sua madre e sua sorella, Alicia e Jackie, in attesa.

"Va bene, banda", Jake Hedron ha aperto informalmente la riunione. “Questo è il nostro terzo giorno in orbita e ho notato che la maggior parte dei Normali sta diventando un po' pazza. Come sai, non abbiamo ancora caricato abbastanza cibo e acqua per portarci dove vogliamo andare perché non avevamo programmato di evacuare così presto. Tabatha e Alicia hanno cercato altre provviste per noi, quindi passerò l'incontro a Tabatha.

"Grazie, tesoro", disse Tabatha, rilasciando una maniglia a muro e spingendosi verso l'estremità anteriore della stanza.

Arrivata a destinazione, Tabatha si voltò ordinatamente e fermò il suo avanzamento, atterrando in piedi contro il muro più lontano, le sue manovre aggraziate a gravità zero molto invidiate da almeno metà delle persone nella stanza.

“Sarà più facile se usassi solo immagini mentali”, ha detto Tabatha, “poiché ci vorrebbe uno sforzo eccessivo per usare un puntatore e una mappa murale che richiede la gravità per rimanere lì.

“Nonostante quello che ha detto il Presidente sulla nostra mancanza di rifornimenti, ne abbiamo abbastanza per molti altri giorni. Che tu ci creda o no, abbiamo solo bisogno di una scorta di cibo per un mese. Questa nave può andare quasi ovunque nel sistema solare in un mese. Potremmo impiegare un po' di più se iniziassimo da Nettuno e cercassimo di arrivare a Plutone, perché in questo momento si trovano ai lati opposti del sole. Ci vorrebbero sei settimane con un'accelerazione costante di mezza gravità.

Ci sono stati alcuni "wow" e altre risate.

"Va bene, lasciami spiegare", Tabatha sorrise al gruppo. “Se acceleriamo a metà gravità per una settimana, viaggeremo a circa due milioni di km/h. Sono oltre cinquanta milioni di chilometri al giorno. Se spegniamo il motore dopo una settimana, potremmo percorrere il resto della strada fino a Giove in una decina di giorni.

“Ma non abbiamo bisogno di spegnere il motore. Accelererebbe per mille anni se glielo permettessimo, purché ci sia un campo magnetico in cui operare. Il campo magnetico del sole si estende per almeno cinquanta miliardi di chilometri verso l'esterno in ogni direzione. Giove è ben all'interno del campo magnetico del sole.

"Cosa succede se usciamo dal campo magnetico del sole?" Jake, il marito di Béla, gridò mentre entrava nella sezione Ingegneria. "Potremmo fermarci o voltarci?"

Tutti alzarono lo sguardo al suono della sua voce.

"Bela!" Tabatha gridò vedendola dietro suo marito. "Sei sveglio!"

Béla cercò di sorridere. Sembrava più o meno normale, ma qualcosa era decisamente diverso. Sembrava... più vecchia, e i suoi occhi sembravano spenti. Seguì Jake nella stanza e trovò un appiglio, senza parlare con nessuno.

Tabatha sorrise, ma sembrava esitante. “Quindi, la domanda sul pavimento è: ‘Cosa succede se lasciamo il campo magnetico del sole?’ Beh, spero che non accada, Jake. Quello che abbiamo è un motore a propulsione "magnetica". Funzionerà solo entro i confini di un campo magnetico. Se viaggi oltre il sistema solare, andrai alla deriva finché non entrerai in un altro campo magnetico.

"Vuoi dire, come un'altra stella?" chiese Alicia.

“Sì,” rispose Tabatha, “o qualcos'altro. Ci sono altri campi magnetici là fuori che non sono pianeti o stelle».

"Veramente?" chiese Béla, sorprendendo tutti con il suo apparente interesse. "Che tipo di roba c'è là fuori?"

“Uh,” Tabatha aggrottò le sopracciglia, cercando di pensare. "Vediamo…"

«Posso aiutarti», gridò Jackie. “Ci sono anche masse oscure disseminate tra le stelle. Possono essere rilevati solo dal calore che irradiano o dalle loro emissioni di raggi X. Il più vicino, in realtà, dista solo due anni luce.»

"Quanto è lontano in miglia?" chiese Jake.

Jackie ha risposto: "Sono circa venti trilioni di chilometri, o circa undici trilioni di miglia".

"Veramente?" chiese Frank. "Quanto veloce può andare questa nave?"

“Ah, ah,” replicò Tabatha, guardando Frank. “Posso vedere dove pensi di andare con questo, e quello sarebbe un suicidio. Questa nave non può andare interstellare!

"Sì", disse Frank, fingendo di essere d'accordo, "ma... quanto veloce potrebbe andare?"

"Va bene, ci sto", rispose Tabatha. "Qualcuno conosce la risposta?"

“Posso chiedere al Pretore,” si offrì Alicia, poi avendo già la sua risposta, continuò. "Okay, dice che: se ti avvicini a Plutone, ti giri e acceleri a tutta velocità, potresti raggiungere i sessantacinque milioni di chilometri all'ora in diciotto giorni, il che include un avvicinamento di dieci milioni di miglia intorno al sole per un...

"Che cosa?" … Il Pretore stava parlando di nuovo nella sua mente.

“Una ciotola iper? …

"Oh ok. Una sorta di effetto fionda che sfrutta la gravità del sole...

"Che cosa? …

"Oh, dice di dirti che è il sedici e mezzo percento della velocità della luce."

Tutti risero nel sentire tutta questa roba quasi scientifica fuoriuscire dalla bella bocca di Alicia. Era brava in politica, ma le cose scientifiche spesso la lasciavano sconcertata.

“Grazie, Alicia,” sorrise Tabatha, cercando di non ridere. "Allora, qualcuno sa cosa significa?"

Jackie ha parlato di nuovo. “Ci vorrebbero poco più di sei anni per viaggiare un anno luce alla massima velocità. Ma alzarsi al massimo è così... problematico... non vorrei mai provarlo.

«Prima di tutto», spiegò Jackie, «l'eliosfera è piuttosto debole rispetto a Plutone e non è costante. Questa nave potrebbe essere in grado di accelerare a, forse, mezzo G? Quindi, all'avvicinamento più vicino al sole, accelererebbe a trenta, forse quaranta G, schiacciando chiunque e qualsiasi cosa al suo interno. Semplicemente non è fattibile.

"Va bene, allora", replicò Tabatha, reprimendo uno sbadiglio, "Capito a tutti?"

"Mi ha perso su quella cosa dell'elicottero", disse Frank, decisamente annoiato ora che i suoi pensieri sul viaggio verso le stelle erano così completamente schiacciati.

"Eliosfera", lo corresse Jackie. "Significa il campo magnetico del sole."

"Perché non l'hai detto, allora?" Frank si lamentò. "Non ho avuto problemi a capire Alicia..."

"Okay, torniamo al motivo di questo incontro", gridò Tabatha. "Ci sono tre depositi principali che non sono stati distrutti quando..."

Tabatha esitò per un momento, rendendosi conto che Lisa poteva essere accusata postuma di aver bombardato chiunque fosse riuscito a trovare con i missili che la Confederazione aveva lanciato contro il rifugio di montagna del gruppo. In otto minuti, aveva spazzato via da sola metà della popolazione rimanente dell'intero continente nordamericano. Ma aveva definitivamente distrutto la capacità della Confederazione di fare la guerra prima che la prendessero.

"Dobbiamo dividerci in tre squadre, una per ogni deposito", ha continuato Tabatha. “Prendi tutto quello che puoi. Potrebbe causare difficoltà a coloro che ci lasciamo alle spalle, ma la vita su questo pianeta è comunque condannata e abbiamo bisogno di quei rifornimenti per sopravvivere.

"Posso andare con la mamma?" chiese Alicia.

"No", rispose Tabatha. “Ci siamo solo tu, io, Tanya e Jackie, adesso. E Béla, naturalmente... Se sei all'altezza, Béla?»

«Posso svolgere i miei doveri», mormorò piano Béla, anche se i suoi occhi dicevano diversamente.

“Va bene allora,” disse Tabatha, “Alicia e Jackie, il vostro obiettivo è Macon. C'è una pianta di Campbell's Soup, lì. Béla, stai per fare irruzione in un magazzino in Florida. Io vado con Tanya.

Tabatha chiuse gli occhi e immaginò i bersagli degli altri membri di Femme. Pochi istanti dopo, l'incontro iniziò a sciogliersi e le persone stavano cercando di superare il portello in caduta libera.

“Ragazzi,” gridò Tabatha, attirando ancora una volta la loro attenzione. «I ragazzi vanno ad aspettare alla Focal Press e tengono la piattaforma libera dalle forniture in arrivo. Ragazze, teletrasportate le vostre spedizioni sulla piattaforma ogni volta che è libero. In questo modo, possiamo tenere traccia di ciò che sta arrivando e dove metterlo.

"Allora, ragazzo, dove stiamo andando?" chiese Tanya mentre galleggiava accanto alla sua Femme preferita.

Tabatha la guardò. Sembrava ancora stanca per tutto quel teletrasporto di tre giorni prima. «Prima di tutto, andiamo a Solar City e lì recuperiamo la Focal Press. Non lascerò indietro la tecnologia Praetor in modo che quei serpenti possano usarla per trasportare truppe nel Nuovo Eden, e ci vorranno entrambi per teletrasportarla. Poi andremo ad Albuquerque”.

"Cosa c'è ad Albuquerque?" chiese Tanya. «Quella non è una città confederata.»

"No, ma lì c'è un deposito di rifornimenti, un rifugio di montagna simile al nostro", spiegò Tabatha. «Ed è completamente deserto.»

"Come l'hai trovato?" chiese Tanya, camminando insieme a Tabatha.

“Ho usato il trucco di Lisa di creare un'immagine di qualunque cosa tu voglia trovare, e poi provare ad abbinare qualcosa nell'universo fisico con esso. In questo caso cercavo grosse scatole di generi alimentari: lattine, pacchi, frutta secca e verdura”.

"Va bene, facci strada", rispose Tanya, mettendo la mano sul braccio di Tabatha.

Entrambe le ragazze sono scomparse dal corridoio.

Storie simili

La giovane Amy combatte i suoi desideri.

Durante il fine settimana, Amy ha pensato che Max l'avesse scopata. Sì, era sicura nella sua mente che fosse quello che era successo venerdì pomeriggio. Max l'aveva scopata. Non era colpa sua. Ma lei continuava a pensarci e a pensarci, ei pensieri continuavano a farle sentire una sensazione di formicolio sessuale nei suoi lombi che le fece scivolare la mano tra le cosce per strofinarsi. Adesso era lunedì pomeriggio e la scuola era finita. Era stato difficile tenere la mano tra le cosce durante le lezioni, ma in qualche modo ci era riuscita. Ora tornando a casa, poteva sentire l'umidità delle...

717 I più visti

Likes 0

Kumiko - Parte 2: Svegliarsi_(0)

Ancora una volta, questa è la parte 2 del repost! ____________________________________________ Introduzione: Parte 2 della serie Kumiko. La parte 3 è già in fase di scrittura! Più corto dell'ultimo ma la parte 3 sta arrivando. Come sempre, vota e lascia commenti. -------------------------------------------------- -------------------------------------------------- --------------- Si svegliò con un brivido, notando l'oscurità nella stanza. I suoi occhi si adattarono rapidamente alla luce e vide un fuoco che stava per spegnersi. Non ricordava che ci fosse un caminetto nella sua camera da letto e poi notò il leggero peso tra le sue braccia. Era Kumiko, nuda come lui, profondamente addormentata con uno sguardo...

140 I più visti

Likes 0

Sharon è di proprietà pt 2 , dopo il ballo_(2)

Sharon si stava masturbando Billy mentre parlava con Cindy sul cellulare, era il giorno dopo il ballo di fine anno ed erano le 15. Sharon e Billy avevano passato quasi tutto il tempo a letto. Aveva anche suo padre, George portava loro la colazione a letto mentre lei continuava a dare la testa a Billy. La scorsa notte Billy era tornato a casa super eccitato perché era stato masturbato solo da Cindy nella limousine, nient'altro. Quindi, essendo la brava troia del sesso, Sharon stava aspettando nel letto di Billy indossando il suo reggiseno rosa e slip preferiti. Ha mormorato un rapido...

173 I più visti

Likes 0

Studente schiavo_(0)

Mi chiamo John Smith. Ho 32 anni, capelli castani, alto circa 5 piedi e 8 pollici e ho un cazzo di 15 pollici. Insegno matematica al decimo anno. Amo il mio lavoro per via di tutti gli adolescenti sexy che vedo. Ce n'è una in particolare di nome Katie che si veste sempre come una troia. Camicie attillate senza reggiseni e minigonne. Lei ha 16 anni. Venerdì, dopo un esame di matematica, l'ultima lezione della giornata, si è avvicinata a me dopo che tutti gli studenti erano usciti. Indossava una canotta bianca e una minigonna piuttosto corta. Sig. Smith, ho bisogno...

720 I più visti

Likes 0

L'autostoppista Capitolo 15 - Casa dolce casa

Erano appena passate le 23 quando siamo entrati nel mio garage, ho preso la borsa con le cose che avevo portato e l'ho fatta entrare. Ho detto ad Alexa di accendere le luci del bar quando siamo entrati e May Ann ha detto: Gesù Tony, questo è bellissimo .” Mettiti a casa mentre metto via tutto. Vagò per le scale, andò nella veranda e accese la luce esterna in modo da poter vedere il grande cortile, il ponte e la piscina. Poi tornò dentro, guardò alcune foto e salì al piano di sopra. L'ho trovata seduta sul bordo del mio letto...

683 I più visti

Likes 0

Jake, Robby e una sorpresa

Scriverò di più se ti piace. Inviami un'e-mail con commenti/suggerimenti: [email protected] Jake Greenman è seduto nella sua lezione di teoria musicale, annoiato a morte e giocherellando con una chitarra per cercare di compensare l'ansiosa diffusione di giovani ormoni in tutto il suo corpo tonico e caldo. I suoi capelli castani, lisci e magri nella carnagione, gli sfiorano leggermente la fronte e ricadono sul cuoio capelluto, e deve voltarli indietro periodicamente. Il suo modo di suonare la chitarra è un po' sporadico, le sue dita lisce e bianche accarezzano la tastiera e scivolano altezzosamente su e giù per la chitarra sub-par. È...

705 I più visti

Likes 0

Il mio viaggio in California

Ero su un aereo, viaggiavo lentamente sopra il mondo e tutto ciò a cui riuscivo a pensare era la ragazza che dovevo incontrare dall'altra parte Mentre pensavo a tutti i messaggi e le chiamate che avevamo, ho sentito il mio cazzo diventare duro Mentre sistemavo lentamente il mio uccello in modo da essere meno visibile nei miei pantaloni, il capitano è salito sull'altoparlante annunciando la nostra discesa Quando siamo atterrati, ho visto quanto fosse bella la California. Quando finalmente sono sceso dall'aereo, sono andato svelto al ritiro bagagli Mentre aspettavo che i miei bagagli scendessero dallo scivolo, pensai di sentire dei...

516 I più visti

Likes 0

Sfiato

Avevamo circa 15 e 14 anni, sarebbe stata molto sotto di me quando abbiamo ottenuto l'ordine al punto che alcuni avrebbero pensato che ci frequentavamo non lo vedevo diverso fino a quando non sarebbe stata sotto di me in modi che mi avrebbero reso duro e la sua conoscenza e non si muoveva se lo capite tutti ma come stavo dicendo lei si sarebbe seduta sulle mie ginocchia e lo avrebbe riempito alzarsi e non si sarebbe mossa a volte si sarebbe messa a proprio agio noi avremmo dormito nello stesso letto e io avrei dormito su un fianco e lei...

202 I più visti

Likes 0

Adottato 2

Adottato parte 2 Patty si rifiutò di scopare di nuovo il figlio adottivo quel giorno, tutte le volte che lui l'ha infastidita per un'altra possibilità di far scivolare il suo cazzo apparentemente sempre duro dentro di lei figa. Rifiutarlo non è stato facile. Ha passato la maggior parte della serata a scopare con le dita, chiusa nella sua stanza e sfregandosi febbrilmente la sua figa bagnata, tutto a pensieri di gioia che aveva provato con l'enorme cazzo del figlio adottivo. La mattina dopo, Walter si presentò al tavolo della colazione completamente nudo, con un'enorme palpitante erezione che stava già perdendo sperma...

741 I più visti

Likes 0

IL NOSTRO BUON TEMPO

Siamo appena tornati a casa dalla nostra serata fuori. Mio marito James ha aperto la porta ed è andato in cucina a prendere qualcosa da bere mentre do il benvenuto ai nostri nuovi amici a casa nostra. Avevamo incontrato Stacy e Brandon al bar ed eravamo diventati amici in pochissimo tempo. Stacy era una bella donna di circa un metro e ottanta con bei capelli rossi fino a lei, ma era una ragazza molto magra. Brandon era un ragazzo dall'aspetto molto in forma, alto, capelli castani e una bella corporatura per se stesso. James è uscito dalla cucina, aveva tirato fuori...

686 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.